Bilancio: come il Parlamento europeo utilizza al meglio la sua quota annuale 

Il Parlamento è in grado di finanziare le attività dei suoi 751 deputati in 24 lingue diverse grazie al suo bilancio annuale. Esso rappresenta un quinto della spesa amministrativa totale di tutte le istituzioni dell'Unione e corrisponde appena all'1,2 % del bilancio generale dell'UE. La maggior parte dei fondi dell'UE è investita direttamente negli Stati membri.

Bilancio del Parlamento europeo per il 2018

Bilancio dell'Unione europea

Il bilancio comprende:
  • 94% : Bilancio operativo dell'Unione europea ( Finanziamento delle politiche a livello di Unione )
  • 6% : Bilancio amministrativo delle istituzioni europee ( Di cui 1/5 per il Parlamento europeo )

Bilancio del Parlamento europeo

Il bilancio del Parlamento rappresenta l' 1,2% del bilancio generale dell'UE

  • Attività politiche:

    • Deputati : 22%
    • Attività di gruppi/partiti/fondazioni politici : 6%
  • Costi di funzionamento:

    • Informatica : 7%
    • Edifici : 14%
    • Amministrazione : 3%
  • Personale:

    • Agenti contrattuali e servizi linguistici : 7%
    • Spese per il personale : 34%
    • Altre spese legate al personale : 3%
  • Comm:

    • Comunicazioni : 5%
Tali rubriche sono utilizzate nella relazione del Segretario generale all'Ufficio di presidenza del Parlamento sul progetto preliminare di stato di previsione. Dato l'arrotondamento degli importi, le percentuali indicate ammontano a 101%.

Come si decide il bilancio

La procedura di bilancio del Parlamento inizia di norma nel mese di febbraio. Il Segretario generale presenta una proposta che definisce le priorità e le risorse per l'anno successivo. Su questa base, l'Ufficio di presidenza, composto dal Presidente e da 14 vicepresidenti, approva il progetto preliminare di stato di previsione e lo sottopone alla commissione per i bilanci .

Un membro della commissione – il relatore per il bilancio – è incaricato di redigere una relazione che illustri le priorità di lavoro del Parlamento e proponga gli importi che occorre destinarvi. La relazione è votata in primo luogo dalla commissione per i bilanci e, successivamente, da tutti i deputati riuniti in seduta plenaria, di norma nel mese di maggio. Lo stato di previsione è integrato nel progetto di bilancio dell'UE per l'anno successivo, che è modificato e quindi adottato dai deputati al più tardi nella plenaria di dicembre.