skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il programma radiofonico Europhonica IT si aggiudica il Premio Carlo Magno della gioventù 2019

(de gauche à droite): Canan Yasar (Muslims against Anti-Semitism); Yannika Rönnqvist (Ta citoyenneté européenne); Sarah Penge, (EUrophonica IT) 
(de gauche à droite): Canan Yasar (Muslims against Anti-Semitism); Yannika Rönnqvist (Ta citoyenneté européenne); Sarah Penge, (EUrophonica IT) 

Nel corso di una cerimonia festosa svoltasi il 28 maggio nel municipio di Aquisgrana, il programma radiofonico italiano Europhonica IT è stato selezionato tra 285 progetti come vincitore dell'edizione di quest'anno del Premio Carlo Magno della gioventù. Nel suo discorso elogiativo il Vicepresidente del Parlamento europeo Rainer Wieland ha dichiarato che Europhonica offre un esempio perfetto di come avvicinare le istituzioni dell'Unione europea ai cittadini, sia aiutandoli a capire il suo funzionamento sia migliorando le condizioni per la loro partecipazione civica.

Il premio, assegnato congiuntamente dal Parlamento europeo e dalla Fondazione internazionale Carlo Magno, è aperto alle iniziative di giovani di età compresa tra i 16 e i 30 anni impegnati in progetti che contribuiscono a promuovere la comprensione tra cittadini di diversi paesi europei. Dal 2008 ad oggi hanno concorso per il Premio più di 3000 progetti.

Dal 27 al 30 maggio ventotto rappresentanti di progetti nazionali sono stati invitati ad Aquisgrana, dove sono stati loro conferiti un diploma e una medaglia. Il 30 maggio hanno assistito alla cerimonia di premiazione del Premio Internazionale Carlo Magno di Aquisgrana, che è stato assegnato ad António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite, cui è stato reso omaggio in quanto insigne sostenitore del modello europeo di società.