Home

 
Ultime novità
 
ITRE latest news

The next Committee Meeting will be held on Wednesday, 5 November 2014 (9.00 - 12.30 & 15.00 - 18.30) and Thursday, 6 November 2014 (9.00 - 12.30 & 15.00 - 18.30) in JAN 2Q2. The draft agenda is available here.
 
If you wish to subscribe, send us an email with "Newsletter" as subject
 
- Work in Progress: 28.10.2014 (updated regularly)
 
- Recent Publications:
 
- Upcoming Publications:
Study on 'Horizon 2020: Key Enabling Technologies (KETs), Booster for European Leadership in the Manufacturing Sector'
Study on 'How can European industry contribute to growth and foster European competitiveness?'
 
 

 
Per ulteriori informazioni
 
 
In primo piano
 
Presentations of Bio-based Industries joint undertaking and study on KET

On the 6 of November, the ITRE committee will hold presentations by European Commission and the BBI, explaining the way from Horizon 2020 to the JTIs, as one of the possible PPPs foreseen in the basic act, taking as an example, the new Bio-based Industries joint undertaking. The Bio-Based Industries Joint Undertaking (BBI) is a €3.7 billion Public-Private Partnership (PPP) between the EU and the Bio-based Industries Consortium (BIC). The EU contribution (Horizon 2020) is expected to be €975 million, while the Bio-based Industries Consortium will contribute €2730 million.
 
Furthermore, there will be a presentation of the study on Key Enabling Technologies (KETs) that are crucial for the competitiveness and renewal of European manufacturing. It examines the nature of KETs, and the drivers and barriers to their deployment, including an assessment of the current KETs situation in the EU in a global perspective. A broad overview of European policies and financing instruments precedes an in depth assessment of the role of KETs in Horizon 2020. The analysis continues with a look at their contribution to growth, impact on employment and skills requirements.

   
Hearing on EU energy security strategy

The ITRE Committee will organise a hearing on 5 November on "EU energy security strategy under the conditions of the internal energy market". The hearing will focus on issues relating to the European Energy Security Strategy that was released in May by the Commission in response to the political crisis in Ukraine and the overall importance of energy security.

   
Presentation of ACER Market Monitoring Report

On 5 November, Mr Alberto Pototschnig, the ACER Agency's Director and Lord Mogg, Chair of the Board of Regulators will present to the ITRE Committee the latest edition of the Market Monitoring report. In addition, they will give an overview of other ongoing activities of the Agency and discuss issues of current interest with ITRE Members.

   
 
Presentazione e competenze
 
Commissione competente per:
1. la politica industriale dell'Unione e le misure correlate, e l'applicazione delle nuove tecnologie, comprese le misure relative alle piccole e medie imprese;
2. la politica dell'Unione nel campo della ricerca e dell'innovazione, compresi la scienza e la tecnologia come pure la diffusione e lo sfruttamento dei risultati della ricerca;
3. la politica spaziale europea;
4. le attività del Centro comune di ricerca, il Consiglio europeo della ricerca, l'Istituto europeo di innovazione e tecnologia e l'Istituto dei materiali e delle misure di riferimento, nonché JET, ITER e gli altri progetti nello stesso settore;
5. le misure dell'Unione riguardanti la politica energetica in generale e nel quadro della creazione e del funzionamento del mercato interno dell'energia, in particolare le misure concernenti:
a) la sicurezza dell'approvvigionamento energetico nell'Unione,
b) la promozione dell'efficienza energetica e del risparmio energetico nonché lo sviluppo di energie nuove e rinnovabili,
c) la promozione dell'interconnessione delle reti energetiche e dell'efficienza energetica compresi la creazione e lo sviluppo di reti transeuropee nel settore delle infrastrutture dell'energia;
6. il trattato Euratom e l'Agenzia di approvvigionamento dell'Euratom; la sicurezza nucleare, lo smantellamento degli impianti e lo smaltimento dei residui nel settore nucleare;
7. la società dell'informazione, la tecnologia dell'informazione e le reti e i servizi di comunicazione, compresi le tecnologie e gli aspetti relativi alla sicurezza e la creazione e lo sviluppo di reti transeuropee nel settore delle infrastrutture delle telecomunicazioni come pure le attività dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA).
 
Prossime trasmissioni
 
Biblioteca multimediale
 
Parole di benvenuto
 
 

Considerando che la reindustrializzazione costituisce il nostro obiettivo globale, la commissione ITRE dovrà concentrarsi su quattro ambiti prioritari.
 
In primo luogo dobbiamo far sì che il quadro giuridico ed economico dell'UE permetta al comparto industriale europeo di divenire più innovativo. A tale fine sarà necessario adattare e mobilitare i programmi dell'UE in materia di R&S e istruzione per rispondere in modo efficace alle esigenze reali dell'industria.
 
In secondo luogo, le politiche dell'UE devono promuovere la nascita e la crescita delle piccole e medie industrie europee. Contribuire a rafforzare le PMI non è solo una questione di finanziamenti, ma anche di accessibilità dei programmi di ricerca, di sistemi di formazione per lo sviluppo di competenze o di legislazione tributaria.
 
Il nostro terzo ambito prioritario è la costruzione di un vero mercato digitale europeo e riguarda i vantaggi di scala offerti da un mercato europeo in termini di riduzione dei costi e impulso alla capacità innovativa delle imprese europee. Sia la commissione ITRE che il Parlamento in generale possono presentare un bilancio estremamente positivo al riguardo – e con la nuova normativa andremo ancora oltre.
 
Infine, anche se forse si tratta del punto più importante, la piena valorizzazione delle potenzialità della politica energetica comune dell'UE sarà per noi una priorità centrale. Solo attraverso la sicurezza energetica possiamo rendere competitiva la nostra economia sul mercato mondiale ed evitare il declino economico.
 
Il nostro obiettivo è far sì che l'economia europea ritrovi la strada della crescita, e farlo in modo sostenibile. Vogliamo che l'Europa diventi un posto migliore in cui vivere.