Home

 
Ultime novità
 
Latest news

 
The next AFCO committee meeting will take place on Monday 6 October 2014, from 3 pm to 6.30 pm.
 

 
Per ulteriori informazioni
 
 
In primo piano
 
Institutional perspectives

On Monday 6 October, AFCO will organise an exchange of views with Janis Emmanouilidis (Director of studies at the "European Policy Center"), Prof.  Dr Jaap W. de Zwaan (Secretary General of the "Trans European Policy Studies Association") and Mr Philippe de Schoutheete (former Belgium Permanent Representative, member of "Egmont Institute") on the institutional perspectives for the European Union.

   
Friends of the Presidency Group on Improving the functioning of the EU

On 6 October, the Italian State Secretary for European affairs, Mr Sandro Gozi, will come to AFCO for an exchange of views on the programme for the "Friends of the Presidency" Group on "Improving the functioning of the EU", created by the informal Council meeting in Milan on 28 and 29 August. The reflexions of this group aim to prepare institutional changes in the EU. Mr Gozi will report on the first meeting of the Group which dealt with "horizontal issues and the role of national parliaments".

   
 
Ultimi comunicati stampa
Elenco completo  
AFET DEVE INTA ECON JURI CULT AFCO LIBE FEMM ENVI EMPL IMCO ITRE REGI TRAN PECH AGRI 25-09-2014 - 10:53  

Le priorità della Presidenza italiana del Consiglio sono state illustrate alle varie commissioni parlamentari dai ministri italiani in una serie di riunioni tenutesi a luglio e a settembre.

Attribuzioni delle commissioni parlamentari permanenti
 
Commissione competente per:
 
1. gli aspetti istituzionali del processo d'integrazione europea, in particolare la preparazione, l'avvio e lo svolgimento delle procedure di revisione dei trattati, ordinaria e semplificata;
2. l'applicazione dei trattati e la valutazione del loro funzionamento;
3. le conseguenze istituzionali dei negoziati per l'allargamento dell'Unione europea o per il recesso dall'Unione;
4. le relazioni interistituzionali, compreso l'esame, sulla base dell'articolo 140, paragrafo 2, del regolamento, degli accordi interistituzionali ai fini della loro approvazione da parte del Parlamento;
5. la procedura elettorale uniforme;
6. i partiti politici e le fondazioni politiche a livello europeo, fatte salve le competenze dell'Ufficio di presidenza;
7. la constatazione dell'esistenza di una violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei principi comuni agli Stati membri;
8. l'interpretazione e l'applicazione del regolamento e le proposte di modifica del medesimo.
 
 
Trasmissione odierna
 
Nessuna trasmissione prevista  
Biblioteca multimediale
 
Parole di benvenuto
 
 

Benvenuti nel sito web della commissione per gli affari costituzionali
 
La legislatura 2014-2019 si occuperà in particolare degli aspetti istituzionali destinati a determinare il futuro dell'Unione europea. Proseguiremo nell'analisi dell'attuazione delle innovazioni introdotte dal trattato di Lisbona e utilizzeremo tale analisi come base per i futuri sviluppi. Anche la valutazione delle misure adottate a seguito della crisi del 2008 servirà da orientamento per considerare la necessità di una nuova riforma del trattato. Tale riforma avrebbe un duplice obiettivo: da un lato, integrare le disposizioni del trattato intergovernativo sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance nell'unione economica e monetaria all'interno del quadro giuridico dell'UE, il che può richiedere modifiche del trattato; dall'altro, conferire legittimità democratica alla governance economica della zona euro. Una sfida che si delinea all'orizzonte è quella di assicurare che una più profonda integrazione della zona euro non metta a repentaglio l'integrità dell'UE.
 
Per ripristinare la fiducia dei cittadini nel progetto europeo occorre prestare maggiore attenzione ai problemi dei cittadini. La commissione AFCO provvederà ad assicurare il corretto funzionamento dell'Iniziativa dei cittadini europei, una formula inaugurata durante la scorsa legislatura per favorire la partecipazione dei cittadini al processo decisionale. Nella nostra agenda figureranno inoltre la procedura elettorale, l'attuazione del nuovo statuto dei partiti politici europei e la cooperazione con i parlamenti nazionali. Il nostro obiettivo è stimolare il dibattito sul futuro dell'Unione europea.
 
Danuta Hübner, presidente