Home

 
Ultime novità
 
Next meeting of the Committee on Budgets

The next BUDG Committee meeting will take place on Tuesday, 7 October from 10:00 to 12:30 in room A1G-3 (Altiero Spinelli), Brussels.

   
 
In primo piano
 
Hearing of Vice-President-designate of the Commission, Ms Kristalina Georgieva

The Committee on Budgets, together with the Committees on Budgetary Control (CONT) and on Legal Affairs (JURI), will hold a joint hearing of the Vice-President-designate for Budget and Human Resources, Ms Kristalina Georgieva, as part of the procedure for the election of the new Commission. The hearing is scheduled to take place on Thursday, 2 October from 13.30 to 16.30. It will be broadcast live on the internet here.

   
 
Ultimi comunicati stampa
Elenco completo  
BUDG 30-09-2014 - 11:11  

Extra funds should be added to the EU’s 2015 budget for growth and jobs policies, education, including the EU's Erasmus+ student mobility programme, and EU humanitarian and support work in war-stricken zones, said the Budgets Committee in votes on Monday and Tuesday. It also recommended that the European Parliament as a whole should reverse cuts sought by the Council of Ministers in planned and actual expenses.

BUDG 11-09-2014 - 10:11  

Redundant workers in the building industry in two Dutch regions, at a Greek bakery, and at a steel producer in Romania would receive European Globalisation Adjustment Fund aid to help them find new jobs under plans approved by the Parliament's Budgets Committee on Thursday. The aid still has to be approved by Parliament as a whole and the Council of Ministers.

BUDG 11-09-2014 - 10:07  

Redundant workers in wood product manufacturing in Castilla y León and in the food and beverage services industry in Aragón could get a total of €1.66 million in European Globalisation Adjustment Fund (EGF) aid to help them find new jobs under plans approved by the Parliament's Budgets Committee on Thursday. The aid still has to be approved by Parliament as a whole and the Council of Ministers.

Presentazione e competenze
 
Commissione competente per:
 
1. il quadro finanziario pluriennale delle entrate e delle spese dell'Unione europea ed il sistema delle risorse proprie dell'Unione europea;
2. le prerogative di bilancio del Parlamento, vale a dire il bilancio dell'Unione europea nonché la negoziazione e l'applicazione degli accordi interistituzionali in materia;
3. lo stato di previsione del Parlamento, in conformità della procedura definita nel regolamento;
4. il bilancio degli organismi decentrati;
5. le attività finanziarie della Banca europea per gli investimenti che non sono parte della governance economica europea;
6. l'iscrizione in bilancio del Fondo europeo di sviluppo, fatte salve le attribuzioni della commissione competente per l'accordo di partenariato ACP-UE;
7. le incidenze finanziarie e la compatibilità con il quadro finanziario pluriennale di tutti gli atti dell'Unione, fatte salve le attribuzioni delle commissioni interessate;
8. il monitoraggio e la valutazione dell'esecuzione del bilancio in corso, nonostante l'articolo 95, paragrafo 1 del regolamento, gli storni di stanziamenti, le procedure relative agli organigrammi, gli stanziamenti amministrativi e i pareri su progetti in materia di immobili aventi incidenze finanziarie significative;
9. il regolamento finanziario, escluse le questioni concernenti l'esecuzione, la gestione e il controllo del bilancio.
 
Trasmissione odierna
 
Nessuna trasmissione prevista  
Biblioteca multimediale
 
Messaggio di benvenuto
 
 

Benvenuti sulla pagina web della commissione per i bilanci del Parlamento europeo, uno dei due rami dell'autorità di bilancio dell'Unione. Con i suoi 41 membri titolari e altrettanti supplenti, la commissione per i bilanci discute, esamina, modifica e approva, insieme al Consiglio dei ministri, il bilancio dell'Unione.
 
Negli Stati membri dell'Unione europea, ancor prima di svolgere il ruolo di legislatori, i parlamenti furono istituiti per autorizzare le imposte. L'Unione europea, dal canto suo, non dispone ancora di facoltà impositiva, che resta una prerogativa degli Stati membri in attesa che l'Unione disponga di risorse proprie. Essa dispone però di un bilancio, con cui concretizza le sue politiche e garantisce il corretto funzionamento delle sue istituzioni.
 
Intendo consacrare tutta la mia energia, la mia esperienza e le mie convinzioni affinché il bilancio dell'Unione sia uno strumento credibile a favore della crescita e dell'occupazione. A tal fine, mi adopererò per garantire che la revisione intermedia del Quadro finanziario pluriennale rappresenti una vera e propria occasione di rinegoziazione con il Consiglio. Ci attendono anche altri importanti appuntamenti, quali il bilancio della zona euro, la creazione di un autentico sistema di risorse proprie o l'annoso problema degli importi da liquidare (RAL). La commissione per i bilanci intende svolgere pienamente il proprio ruolo al fine di rilanciare l'Europa e ridarle un senso.
 
Buona consultazione.
 
Jean Arthuis