Le delegazioni

Le delegazioni del Parlamento europeo intrattengono rapporti e scambi di informazioni con i diversi parlamenti dei paesi terzi. Il Parlamento europeo, grazie alle sue delegazioni, contribuisce a rappresentare l'Unione europea all'estero e a promuovere nei paesi terzi i valori su cui essa è fondata – ovvero i principi di libertà e di democrazia, il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, e lo Stato di diritto.

Attualmente vi sono 44 delegazioni. Il numero di membri di ciascuna delegazione varia da 12 a più di 70 (per le assemblee parlamentari).

Si possono distinguere svariate categorie di delegazioni:

  • le delegazioni alle commissioni parlamentari miste;
  • le delegazioni alle commissioni di cooperazione parlamentare;
  • le altre delegazioni interparlamentari;
  • le delegazioni alle assemblee parlamentari multilaterali.

I presidenti delle delegazioni coordinano i loro lavori in seno alla Conferenza dei presidenti di delegazione.

Gli incontri interparlamentari hanno luogo, una o due volte l'anno, alternativamente in uno dei luoghi di lavoro del Parlamento europeo e in un luogo stabilito dal parlamento omologo nel paese terzo interessato.

Commissioni parlamentari miste

Le commissioni parlamentari miste sono costituite con i parlamenti di Stati associati all'Unione o di Stati con i quali sono stati avviati negoziati in vista della loro adesione all'UE.

Durante le loro riunioni, i membri delle due delegazioni (quella del Parlamento europeo e quella del parlamento del paese terzo interessato) si informano reciprocamente in merito alle rispettive priorità e all'attuazione degli accordi di associazione.

Le commissioni parlamentari miste possono formulare raccomandazioni destinate al parlamento del paese candidato all'adesione all'Unione europea nonché al Parlamento europeo. Esse seguono lo svolgimento del processo di adesione.

Le competenze delle commissioni parlamentari miste sono definite dal Parlamento e dagli accordi conclusi con i paesi terzi interessati.

Le commissioni parlamentari miste sono disciplinate dalle norme procedurali previste dal relativo accordo. Esse si fondano sulla parità fra la delegazione del Parlamento europeo e quella del parlamento omologo. Le commissioni parlamentari miste si riuniscono in generale due volte l'anno.

Commissioni di cooperazione parlamentare

Le commissioni di cooperazione parlamentare sono istituite conformemente a un accordo di cooperazione concluso tra l'Unione europea e il paese terzo interessato.

Le commissioni di cooperazione parlamentare collaborano con gli Stati interessati dalla politica europea di vicinato e con gli Stati che hanno sottoscritto un accordo di partenariato strategico con l'UE.

Il numero di membri varia da una commissione all'altra. Ogni commissione è formata da un numero uguale di deputati al Parlamento europeo e di deputati del paese terzo interessato.

Altre delegazioni interparlamentari

Le altre delegazioni interparlamentari hanno la funzione di intrattenere e promuovere le relazioni con i parlamenti dei paesi extraeuropei non candidati all'adesione.

Esse svolgono le loro attività in cooperazione con la commissione per gli affari esteri, la commissione per lo sviluppo e la commissione per il commercio internazionale. Su proposta della Conferenza dei presidenti, il Parlamento stabilisce il numero dei loro membri.

I membri di queste delegazioni sono eletti per la durata della legislatura. La commissione per gli affari esteri assicura il coordinamento dei lavori delle commissioni parlamentari miste e delle commissioni di cooperazione parlamentare nonché delle delegazioni interparlamentari e delle delegazioni ad hoc, così come delle missioni di osservazione elettorale che rientrano nella sua sfera di competenza.

Delegazioni alle assemblee parlamentari multilaterali

Le assemblee parlamentari paritetiche sono cinque:

  • l'Assemblea parlamentare paritetica Africa, Caraibi, Pacifico-Unione europea (ACP-UE);
  • l'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo (AP-UpM);
  • l'Assemblea parlamentare euro-latinoamericana (EUROLAT);
  • l'Assemblea parlamentare EURONEST.
  • Delegazione per le relazioni con l'Assemblea parlamentare della NATO
Assemblea parlamentare paritetica Africa, Caraibi, Pacifico-Unione europea (ACP-UE)

Questa assemblea multilaterale, in cui siedono insieme i rappresentanti dei vari paesi, mira a creare un forum parlamentare per la cooperazione dell'Unione europea con i paesi ACP.

Tale partenariato è basato sull'accordo di Cotonou (accordo di partenariato ACP-UE).

L'assemblea si prefigge i seguenti obiettivi:

  • instaurare una stretta cooperazione tra i paesi ACP e l'UE;
  • migliorare i livelli di vita e di sviluppo economico dei paesi ACP;
  • promuovere i diritti umani e la democrazia.

Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo

L'Assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo è formata da 120 deputati che rappresentano i paesi europei e da altrettanti deputati dei 10 paesi partner del bacino del Mediterraneo. Detta assemblea ha la funzione di sollevare questioni di interesse comune, di ordine politico, economico o culturale, e di discutere dei modi per rafforzare il partenariato euro-mediterraneo.

Essa ha un ruolo consultivo per quanto riguarda l'insieme delle materie concernenti il partenariato euro-mediterraneo.


Assemblea parlamentare euro-latinoamericana (EUROLAT)

L'Assemblea parlamentare euro-latinoamericana è formata da 120 membri.

In quanto istituzione parlamentare del partenariato strategico biregionale tra l'UE e l'America Latina e i Caraibi, l'Assemblea Eurolat costituisce un forum di discussione, di controllo e di verifica parlamentare che copre tre grandi settori di intervento:

  • le questioni concernenti la democrazia, la politica estera, il buon governo, l'integrazione, la pace e i diritti umani;
  • gli affari economici, finanziari e commerciali;
  • gli affari sociali, gli scambi umani, l'ambiente, l'istruzione e la cultura.

Essa è disciplinata da norme paritetiche.


Assemblea parlamentare EURONEST

La delegazione del Parlamento europeo all'Assemblea parlamentare Euronest è stata costituita all'inizio della settima legislatura (fine settembre 2009). L'Assemblea incarna la dimensione parlamentare del Partenariato orientale. Tale politica lanciata dall'Unione europea mira ad avvicinare i paesi confinanti ad Est dell'Unione e ad appoggiare i loro sforzi di riforma politica, economica e sociale. Questi obiettivi richiedono, in particolare, nuovi accordi di associazione, la creazione di zone di libero scambio nonché la messa a disposizione di risorse finanziarie.

L'Assemblea Euronest è formata da 60 deputati al Parlamento europeo e da 10 parlamentari nazionali di ciascuno dei "partner orientali": Armenia, Azerbaigian, Georgia, Moldova e Ucraina.

Per ragioni politiche, la partecipazione della Bielorussia è temporaneamente sospesa. L'intenzione dei parlamentari è di accogliere i loro colleghi bielorussi non appena le condizioni politiche lo consentiranno, ovvero in seguito all'organizzazione di elezioni libere e democratiche.

L'Assemblea Euronest è un'istituzione dedicata al dialogo parlamentare multilaterale in numerosi ambiti di interesse comune, come la stabilità, la democrazia, il ravvicinamento giuridico e normativo, il commercio, l'energia, i contatti tra i popoli e così via.


Delegazione per le relazioni con l'Assemblea parlamentare della NATO

L'Assemblea parlamentare della NATO è l'organizzazione interparlamentare dei legislatori dai paesi membri dell'Alleanza atlantica, così come di 13 membri associati, tra cui il Parlamento europeo.

L'obiettivo principale dell'Assemblea è agevolare la sensibilizzazione parlamentare e promuovere la comprensione reciproca, tra i parlamentari, delle principali sfide in materia di sicurezza cui devono far fronte il partenariato transatlantico e le politiche della NATO.

L'Assemblea organizza circa quaranta eventi all'anno. Le due principali riunioni dell'Assemblea sono la sessione primaverile e la sessione annuale, a ciascuna delle quali possono partecipare fino a dieci membri della DNAT.


Conferenza dei presidenti di delegazione

La Conferenza dei presidenti di delegazione, organo politico del Parlamento europeo, esamina periodicamente tutte le questioni concernenti il corretto funzionamento delle delegazioni interparlamentari e delle delegazioni alle commissioni parlamentari miste.

Conferenza dei presidenti di delegazione, composizione

La Conferenza dei presidenti di delegazione è composta dai presidenti di tutte le delegazioni interparlamentari permanenti; essa elegge un presidente.

Conferenza dei presidenti di delegazione, attribuzioni

La Conferenza dei presidenti di delegazione può presentare alla Conferenza dei presidenti proposte in merito ai lavori delle delegazioni.
La Conferenza dei presidenti di delegazione elabora un progetto di calendario annuale degli incontri interparlamentari e delle riunioni delle commissioni parlamentari miste.
L'Ufficio di presidenza e la Conferenza dei presidenti possono delegare alcune mansioni alla Conferenza dei presidenti di delegazione.