Procedura : 2015/0802(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0066/2015

Testi presentati :

A8-0066/2015

Discussioni :

Votazioni :

PV 15/04/2015 - 16.2
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2015)0091

RELAZIONE     *
PDF 155kWORD 235k
26.3.2015
PE 549.111v02-00 A8-0066/2015

sul progetto di decisione del Consiglio che istituisce un comitato per la protezione sociale e che abroga la decisione 2004/689/CE

(05126/2015 – C8‑0025/2015 – 2015/0802(CNS))

Commissione per l'occupazione e gli affari sociali

Relatore: Marita Ulvskog

EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 PROCEDURA

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul progetto di decisione del Consiglio che istituisce un comitato per la protezione sociale e che abroga la decisione 2004/689/CE

(05126/2015 – C8‑0025/2015 – 2015/0802(CNS))

(Procedura legislativa speciale – consultazione)

Il Parlamento europeo,

–       visto il progetto del Consiglio (05126/2015),

–       visto l'articolo 160 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma del quale è stato consultato dal Consiglio (C8-0025/2015),

–       visto l'articolo 59 del suo regolamento,

–       vista la relazione della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

(A8-0066/2015),

1.      approva il progetto del Consiglio quale emendato;

2.      invita il Consiglio ad informarlo qualora intenda discostarsi dal testo approvato dal Parlamento;

3.      chiede al Consiglio di consultarlo nuovamente qualora intenda modificare sostanzialmente il testo approvato dal Parlamento;

4.      incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

Emendamento  1

Proposta di decisione

Considerando 3

Testo del Consiglio

Emendamento

(3) Nelle conclusioni del 17 dicembre 1999 sul rafforzamento della cooperazione per modernizzare e migliorare la protezione sociale2, il Consiglio ha appoggiato la proposta della Commissione di definire un meccanismo per rafforzare la cooperazione, mediante l'intervento di un gruppo di funzionari di alto livello, volto all'attuazione di tale azione. Il Consiglio ha sottolineato che questo tipo di cooperazione dovrebbe abbracciare tutte le forme di protezione sociale e, se necessario, aiutare gli Stati membri a migliorare e a rafforzare i rispettivi sistemi di protezione sociale secondo le loro priorità nazionali. Ha ricordato inoltre la competenza degli Stati membri per l'organizzazione e il finanziamento della protezione sociale ed ha approvato i quattro obiettivi generali individuati dalla Commissione nel contesto della sfida globale relativa alla modernizzazione dei sistemi di protezione sociale, vale a dire: rendere il lavoro proficuo offrendo un reddito sicuro, garantire la sicurezza e la sostenibilità dei regimi pensionistici, promuovere l'integrazione sociale e garantire un'assistenza sanitaria di elevata qualità e sostenibile; ha sottolineato altresì che la parità tra donne e uomini deve costituire una dominante in tutte le attività volte a realizzare i quattro obiettivi. Il Consiglio infine ha riconosciuto che gli aspetti riguardanti il finanziamento sono comuni a tutti gli obiettivi.

(3) Nelle conclusioni del 17 dicembre 1999 sul rafforzamento della cooperazione per modernizzare e migliorare la protezione sociale2, il Consiglio ha appoggiato la proposta della Commissione di definire un meccanismo per rafforzare la cooperazione, mediante l'intervento di un gruppo di funzionari di alto livello, volto all'attuazione di tale azione. Il Consiglio ha sottolineato che questo tipo di cooperazione dovrebbe abbracciare tutte le forme di protezione sociale e, se necessario, aiutare gli Stati membri a migliorare e a rafforzare i rispettivi sistemi di protezione sociale secondo le loro priorità nazionali. Ha ricordato inoltre la competenza degli Stati membri per l'organizzazione e il finanziamento della protezione sociale ed ha approvato i quattro obiettivi generali individuati dalla Commissione nel contesto della sfida globale relativa alla modernizzazione dei sistemi di protezione sociale, vale a dire: rendere il lavoro proficuo offrendo un reddito sicuro, garantire la sicurezza e la sostenibilità dei regimi pensionistici, promuovere l'integrazione sociale e garantire a tutti un'assistenza sanitaria di elevata qualità e sostenibile; ha sottolineato altresì che la parità tra donne e uomini deve costituire una dominante in tutte le attività volte a realizzare i quattro obiettivi. Il Consiglio infine ha riconosciuto che gli aspetti riguardanti il finanziamento sono comuni a tutti gli obiettivi.

__________________

__________________

2 GU C 8 del 12.1.2000, pag. 7.

2 GU C 8 del 12.1.2000, pag. 7.

Emendamento  2

Proposta di decisione

Considerando 7

Testo del Consiglio

Emendamento

(7) Nelle conclusioni del giugno 2013 il Consiglio europeo ha affermato che la dimensione sociale dell'UEM dovrebbe essere rafforzata. Innanzitutto è importante monitorare meglio e prendere in considerazione la situazione sociale e del mercato del lavoro in seno all'UEM, in particolare utilizzando gli opportuni indicatori sociali e dell'occupazione nel quadro del semestre europeo. È altresì importante assicurare un migliore coordinamento delle politiche occupazionali e sociali pur rispettando pienamente le competenze nazionali.

(7) Nelle conclusioni del giugno 2013 il Consiglio europeo ha affermato che la dimensione sociale dell'UEM dovrebbe essere rafforzata. Innanzitutto è importante monitorare meglio e prendere in considerazione la situazione sociale e del mercato del lavoro in seno all'UEM, in particolare utilizzando gli opportuni indicatori sociali e dell'occupazione nel quadro del semestre europeo. È altresì importante assicurare un migliore coordinamento delle politiche occupazionali e socioeconomiche pur rispettando pienamente le competenze nazionali.


PROCEDURA

Titolo

Decisione che istituisce il comitato per la protezione sociale e che abroga la decisione 2004/689/CE

Riferimenti

05126/2015 – C8-0025/2015 – 2015/0802(CNS)

Consultazione del PE

30.1.2015

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

EMPL

9.2.2015

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

BUDG

9.2.2015

ECON

9.2.2015

FEMM

9.2.2015

 

Pareri non espressi

       Decisione

BUDG

11.2.2015

ECON

10.3.2015

FEMM

18.3.2015

 

Relatori

       Nomina

Marita Ulvskog

22.1.2015

 

 

 

Approvazione

24.3.2015

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

46

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Laura Agea, Guillaume Balas, Tiziana Beghin, Brando Benifei, Vilija Blinkevičiūtė, Enrique Calvet Chambon, David Casa, Ole Christensen, Lampros Fountoulis, Elena Gentile, Arne Gericke, Marian Harkin, Danuta Jazłowiecka, Agnes Jongerius, Jan Keller, Agnieszka Kozłowska-Rajewicz, Jean Lambert, Jérôme Lavrilleux, Jeroen Lenaers, Javi López, Thomas Mann, Dominique Martin, Anthea McIntyre, Elisabeth Morin-Chartier, Emilian Pavel, Terry Reintke, Sofia Ribeiro, Claude Rolin, Anne Sander, Sven Schulze, Siôn Simon, Jutta Steinruck, Romana Tomc, Yana Toom, Ulrike Trebesius, Marita Ulvskog, Renate Weber, Tatjana Ždanoka, Inês Cristina Zuber

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Georges Bach, Amjad Bashir, Deirdre Clune, Miapetra Kumpula-Natri, António Marinho e Pinto, Joachim Schuster, Csaba Sógor, Ivo Vajgl

Deposito

26.3.2015

Avviso legale