Procedura : 2015/2115(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0012/2016

Testi presentati :

A8-0012/2016

Discussioni :

PV 01/02/2016 - 9
CRE 01/02/2016 - 9

Votazioni :

PV 25/02/2016 - 7.12
CRE 25/02/2016 - 7.12
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0063

RELAZIONE     
PDF 275kWORD 84k
28.1.2016
PE 565.149v02-00 A8-0012/2016

sulla relazione annuale della Banca centrale europea per il 2014

(2015/2115(INI))

Commissione per i problemi economici e monetari

Relatore: Notis Marias

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla relazione annuale della Banca centrale europea per il 2014

(2015/2115(INI))

Il Parlamento europeo,

–  vista la relazione annuale della Banca centrale europea (BCE) per il 2014,

–  visto l'articolo 284, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la sentenza della Corte di giustizia, del 16 giugno 2015, nella causa C-62/14,

–  visto lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, in particolare l'articolo 15,

–  visto l'articolo 132, paragrafo 1, del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per i problemi economici e monetari (A8-0012/2016),

A.  considerando che, secondo le ultime previsioni autunnali della Commissione, la ripresa economica nella zona euro dovrebbe aumentare, con una crescita del PIL reale dell'1,4 % nel 2015, dell'1,7 % nel 2016 e dell'1,8 % nel 2017; che le basi della crescita sono fragili; che un forte impegno politico per l'attuazione di riforme strutturali sostenibili e socialmente equilibrate è fondamentale per rafforzare la crescita economica;

B.  considerando che, secondo le stesse previsioni, il tasso di disoccupazione nella zona euro dovrebbe registrare una lenta riduzione, passando dall'11,6% alla fine del 2014 al 10,5% alla fine del 2016; che esistono importanti differenze tra i tassi di disoccupazione dei diversi Stati membri, i quali oscillano tra il 6,4% della Germania e il 26,6% della Grecia; che la disoccupazione registra livelli allarmanti in molti Stati membri e colpisce in particolare i giovani e i disoccupati di lunga data;

C.  considerando che, sempre secondo le medesime previsioni, le prospettive di bilancio nella zona euro dovrebbero registrare un miglioramento, dato che si prevede una diminuzione del deficit pubblico (dal 2,4% nel 2014 all'1,7 % nel 2016) e del debito pubblico (dal 94% alla fine del 2014 al 92,5% alla fine del 2016);

D.  considerando che i bassi prezzi dell'energia, pur avendo un impatto negativo sulle previsioni di inflazione, potrebbero potenzialmente favorire la ripresa economica;

E.  considerando che questi processi sono sostenuti in primo luogo dai consumi privati, dalle esportazioni e da fattori esterni, quali i bassi prezzi dell'energia, in particolare del greggio, mentre gli investimenti pubblici e privati nella zona euro segnano solo una graduale ripresa e permangono a livelli considerevolmente inferiori rispetto a quelli registrati prima dell'inizio della crisi e la quota relativa di investimenti in rapporto al PIL continua a diminuire costantemente da diversi decenni;

F.  considerando che, secondo le proiezioni della BCE dello scorso settembre, il tasso medio di inflazione nella zona euro, dopo essere rimasto in prossimità dello zero nella prima metà del 2015, dovrebbe aumentare, passando dall'1,1% nel 2016 all'1,7% nel 2017;

G.  considerando che l'articolo 127, paragrafo 2, del TFUE prevede che il Sistema europeo di banche centrali debba "promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento";

H.  considerando che nel 2014 la BCE ha abbassato i propri tassi di rifinanziamento principali al limite inferiore effettivo e ha ridotto il tasso sulle operazioni di deposito a -0,20%; che i bassi tassi reali non si sono veramente tradotti in un aumento del credito alle famiglie o alle imprese, in particolare le PMI, e ciò ha contribuito a indurre la BCE a intraprendere la strada delle misure non convenzionali di politica monetaria;

I.  considerando che la Banca centrale europea non ha sempre tenuto debitamente conto del principio di proporzionalità nel quadro della sua attività di vigilanza;

J.  considerando che le PMI costituiscono il pilastro dell'economia europea e che il sistema bancario è fondamentale per garantire la loro competitività e crescita; che agevolare il flusso dei prestiti alle microimprese, piccole e medie imprese è fondamentale, poiché esse rappresentano il 99% di tutte le imprese, sono responsabili dell'80% dei posti di lavoro nell'Unione e svolgono quindi un ruolo essenziale nel generare crescita economica, creare occupazione e ridurre le disparità sociali; che i volumi dei prestiti bancari aumentano lentamente;

K.  considerando che nel 2014 la BCE ha messo in atto una serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine e di programmi di acquisto di attività finanziarie selezionate del settore privato, allo scopo di sostenere i prestiti all'economia reale;

L.  considerando che il 22 gennaio 2015 la BCE ha avviato un programma ampliato di acquisto di attività per un totale di 1100 miliardi di EUR che dovrebbe essere operativo fino a settembre 2016 e, in ogni caso, fino a quando non sarà riscontrato un aggiustamento duraturo nell'evoluzione dell'inflazione;

M.  considerando che la BCE si è assunta notevoli rischi di bilancio con il programma di acquisto di titoli;

N.  considerando che il meccanismo di vigilanza unico (SSM), primo pilastro dell'Unione bancaria, è divenuto pienamente operativo il 4 novembre 2014 con il trasferimento alla BCE della vigilanza diretta delle 122 maggiori banche della zona euro; che, parallelamente, tali banche importanti sono state sottoposte a una valutazione globale, comprendente una verifica della qualità degli attivi e una prova di stress, ultimata il 26 ottobre 2014; che il meccanismo di risoluzione unico (SRM), secondo pilastro dell'Unione bancaria, è entrato in vigore all'inizio del 2015, mentre il terzo pilastro, il regime unico di garanzia dei depositi, non è stato ancora istituito;

1.  ricorda che sarà necessario rafforzare la ripresa modesta e geograficamente non uniforme prevista per i prossimi anni nella zona euro, come pure incrementare la crescita economica potenziale, al fine di ridurre gli elevati tassi di disoccupazione registrati in numerosi Stati membri della zona euro e ridurre l'onere del debito; evidenzia che molti Stati membri si trovano a dover affrontare sfide macroeconomiche analoghe; sottolinea la necessità di migliorare le condizioni per gli investimenti sia pubblici che privati finalizzati a rilanciare la crescita e la creazione di posti di lavoro, e chiede maggiori sforzi per garantire il finanziamento dell'economia reale; ritiene che gli Stati membri debbano compiere passi concreti per dare attuazione a riforme strutturali sostenibili e socialmente equilibrate;

2.  deplora il divario esistente, seppur in graduale attenuazione, fra i tassi di finanziamento concessi alle PMI e quelli concessi alle imprese di maggiori dimensioni, fra i tassi d'interesse applicati ai prestiti di modesta e maggiore entità e fra le condizioni di credito per le PMI presenti in diversi paesi della zona euro, ma riconosce i limiti della politica monetaria in tal senso; prende atto, al riguardo, del ruolo delle casse di risparmio, delle banche cooperative e popolari e sottolinea la necessità che il quadro normativo contempli i loro principi operativi e rispetti la loro missione specifica, e che le autorità di vigilanza siano consapevoli di tali aspetti e ne tengano conto nelle pratiche e negli approcci adottati;

3.  sottolinea che, nonostante le azioni intraprese dalla BCE per mantenere condizioni di finanziamento favorevoli, gli investimenti pubblici e privati nella zona euro continuano a essere considerevolmente inferiori rispetto ai livelli precedenti l'attuale crisi; accoglie con favore, al riguardo, la creazione del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), nonché l'intenzione della Commissione di creare una vera e propria Unione dei mercati dei capitali che dovrebbe diversificare le fonti di finanziamento nell'economia dell'UE, favorire gli investimenti transfrontalieri e migliorare l'accesso al credito per le imprese, in particolare le PMI;

4.  osserva che, in risposta a un contesto complesso caratterizzato dalla crisi del debito sovrano, dal calo dell'inflazione, dalla contrazione del credito e da una crescita economica lenta, con tassi di interesse prossimi al limite inferiore dello zero, la BCE si è avvalsa di strumenti di politica monetaria non convenzionali;

5.  prende atto dell'impatto positivo, ma modesto, del programma di acquisto di attività sulle dinamiche della moneta e del credito, dal momento che i prestiti alle imprese, seppur ancora deboli, hanno tratto beneficio da un graduale allentamento delle norme creditizie, le condizioni per nuovi prestiti hanno continuato ad allentarsi, le richieste respinte sono diminuite, la domanda di credito è aumentata e si è registrata una graduale ripresa degli investimenti privati nei primi tre trimestri del 2015, anche se persistono notevoli differenze tra le economie della zona euro; osserva inoltre che, dall'avvio del suddetto programma, le attese di inflazione a medio termine hanno iniziato ad aumentare, convergendo gradualmente verso l'obiettivo del 2%, mentre i rischi di una trappola deflazionistica sono probabilmente diminuiti; chiede alla BCE di applicare, ove possibile, il programma di acquisto di attività a tutti gli Stati membri senza discriminazioni e nel rispetto delle norme che è tenuta a osservare;

6.  si attende che la BCE contribuisca alle politiche economiche generali dell'Unione e al raggiungimento dei relativi obiettivi, conformemente all'articolo 282 del TFUE, a condizione che il suo compito principale concernente la stabilità dei prezzi non sia messo in pericolo;

7.  sottolinea che il contributo della BCE comprende sforzi intesi a incrementare i prestiti a tasso ridotto a beneficio dell'economia reale e a favorire la ripresa economica a livello di occupazione, crescita e stabilità;

8.  esprime preoccupazione per le possibili conseguenze e gli effetti a lungo termine non intenzionali degli strumenti di politica monetaria non convenzionali della BCE; è consapevole che l'uscita da tali misure sarà una questione complessa che dovrà essere pianificata con attenzione al fine di evitare indesiderate distorsioni del mercato, in particolare per quanto riguarda la gestione adeguata, prudente e tempestiva dell'uscita; chiede alla BCE di monitorare con attenzione i rischi connessi ai propri programmi di acquisto; ribadisce che la politica monetaria non può risolvere i problemi economici e di bilancio esistenti in molti Stati membri e non può sostituirsi alle necessarie riforme strutturali sostenibili e socialmente equilibrate, al risanamento di bilancio e agli investimenti mirati;

9.  è prudente riguardo ai potenziali rischi per la stabilità finanziaria provocati dal persistere di bassi tassi di interesse in determinati Stati membri, che potrebbero avere conseguenze negative sulle assicurazioni sulla vita e sui piani previdenziali; riconosce che i tassi d'interesse a lungo termine rappresentano un riflesso delle condizioni macroeconomiche sottostanti e delle scelte di politica monetaria;

10.  invita la Commissione a presentare proposte atte a migliorare la vigilanza macroprudenziale e gli strumenti programmatici disponibili per la mitigazione dei rischi nel sistema bancario ombra, alla luce del monito contenuto nella relazione annuale della BCE, secondo cui, vista la costante espansione negli ultimi dieci anni dell'intermediazione creditizia non bancaria (fino a un volume di attività pari a 22 000 miliardi di EUR), sono necessarie ulteriori iniziative per monitorare e valutare le vulnerabilità nel settore bancario ombra in espansione;

11.  accoglie con favore l'impegno solenne che la Banca centrale europea si è assunta nell'agosto 2012 di compiere tutti gli sforzi necessari per difendere l'euro;

12.  giunge alla conclusione che il programma di acquisto di titoli di debito pubblici e privati sui mercati secondari potrebbe essere più efficace;

13.  sottolinea le preoccupazioni espresse nella sentenza della Corte di giustizia dell'UE, del 16 giugno 2015, nella causa C-62/14, la quale afferma che, quando acquista titoli di Stato su mercati secondari, la BCE può essere esposta a un rischio considerevole di perdite e al rischio di dover subire un taglio del debito; osserva che la stessa sentenza chiarisce come ciò non alteri la conclusione secondo cui la BCE può acquistare titoli di Stato sui mercati secondari e che tale acquisto non viola il divieto di finanziamento monetario degli Stati membri;

14.  sottolinea che gli elevati e divergenti livelli di indebitamento pubblico e privato in alcuni Stati membri, in aggiunta alle debolezze strutturali tuttora irrisolte del settore bancario, costituiscono un ostacolo alla corretta trasmissione della politica monetaria e che la politica monetaria non convenzionale attuata dalla BCE non è da sola in grado di cambiare questa situazione;

15.  esorta gli Stati membri della zona euro soggetti a un programma di aggiustamento macroeconomico ad agire a norma dell'articolo 7, paragrafo 9, del regolamento n. 472/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, onde procedere a un audit completo delle proprie finanze pubbliche, al fine, tra l'altro, di analizzare le cause che hanno condotto alla formazione di livelli eccessivi di debito e di riscontrare ogni possibile irregolarità; sottolinea che lo scopo di tale audit dovrebbe essere quello di migliorare la comprensione degli errori del passato e non di avviare un processo di ristrutturazione del debito ad hoc, che potrebbe innescare nuovamente una crisi del debito in alcuni Stati membri;

16.  evidenzia che le norme dell'attuale quadro di governance economica dovrebbero essere opportunamente rispettate e applicate, senza operare alcuna differenza tra Stati membri di grandi e piccole dimensioni; ribadisce che rispettare l'obiettivo a medio termine di posizioni di bilancio vicine all'equilibrio o in attivo, in termini corretti per il ciclo economico e al netto di misure una tantum e temporanee, permetterà agli Stati membri di affrontare le normali fluttuazioni cicliche, mantenendo il disavanzo pubblico entro il valore di riferimento del 3% del PIL; ritiene opportuno applicare tutti gli strumenti esistenti nell'ambito del patto di stabilità e crescita rafforzato, al fine di sostenere al meglio la stabilità e la crescita;

17.  ribadisce il suo impegno a rispettare l'indipendenza della BCE nella conduzione della politica monetaria, come stabilito dai trattati; reputa che l'indipendenza delle banche centrali sia essenziale per il conseguimento dell'obiettivo di mantenere la stabilità dei prezzi; sottolinea che tutti i governi e le autorità pubbliche nazionali dovrebbero quindi astenersi dal chiedere alla BCE di intraprendere azioni specifiche;

18.  ricorda che l'articolo 127 del TFUE stabilisce che, fatto salvo l'obiettivo principale del mantenimento della stabilità dei prezzi, la BCE sostiene le politiche economiche generali nell'Unione, come specificato ulteriormente all'articolo 282 del TFUE;

19.  richiama l'attenzione sull'articolo 123 del TFUE, sull'articolo 21 dello statuto del Sistema europeo di banche centrali e sull'articolo 7 del regolamento (CE) n. 3603/1993 del Consiglio, del 13 dicembre 1993, che vietano l'acquisto diretto da parte delle banche centrali nazionali o della BCE di titoli di debito emessi dall'UE o da autorità o enti pubblici nazionali; ricorda, tuttavia, che tali acquisti sono consentiti sui mercati secondari;

20.  valuta positivamente il tentativo della BCE di rilanciare l'inflazione al di sotto del 2%, ma vicino a questa soglia, in quanto ciò può contribuire al successo di altre politiche dell'UE e rafforzare la competitività, la crescita economica e l'occupazione in Europa, se effettuato congiuntamente a investimenti mirati, riforme strutturali ambiziose e socialmente equilibrate e al risanamento di bilancio;

21.  accoglie con favore il passo in avanti compiuto dalla BCE con la pubblicazione dei processi verbali sintetici delle sue riunioni e attende con interesse l'annuncio di provvedimenti aggiuntivi per migliorare la trasparenza dei suoi canali di comunicazione; ritiene che sia ancora possibile conseguire ulteriori miglioramenti, soprattutto nell'ambito del meccanismo di vigilanza unico;

22.  giudica con favore la tendenza, ora generalizzata, delle principali banche centrali a spiegare pubblicamente le decisioni monetarie subito dopo averle adottate, pratica che è stata promossa dalla BCE; si compiace in particolare della pubblicazione di procedure più chiare e trasparenti di assistenza di liquidità di emergenza a favore di istituti finanziari solvibili (soprattutto banche nazionali) che si trovano ad affrontare temporanei problemi di liquidità;

23.  rammenta la sua richiesta affinché la relazione annuale della BCE fornisca un riscontro alle osservazioni formulate nella relazione annuale del Parlamento; ritiene che sarebbe utile se, assieme alla valutazione delle condizioni monetarie e finanziarie, la BCE potesse fornire, nella dichiarazione a seguito della riunione mensile del suo consiglio direttivo, la propria valutazione dell'entità dei margini di potenziale produttivo nella zona euro;

24.  ricorda che il dialogo monetario trimestrale è importante per garantire la trasparenza della politica monetaria nei confronti del Parlamento e del pubblico in generale; accoglie con favore la pratica secondo cui i rappresentanti della BCE forniscono risposte puntuali e dettagliate alle domande dei deputati al Parlamento europeo; valuta altresì positivamente la pratica della BCE di fornire informazioni aggiuntive per iscritto, qualora le risposte fornite durante la discussione non si rivelino pienamente soddisfacenti e/o complete;

25.  sottolinea che il ruolo di vigilanza della BCE e la sua funzione di politica monetaria devono essere chiaramente distinti e che l'abbinamento delle due funzioni non dovrebbe dare luogo a conflitti di interesse per la BCE; rammenta in proposito il principio guida secondo cui lo strumento utilizzato per l'elaborazione delle politiche, siano esse monetarie o di vigilanza, dovrebbe essere scelto in funzione dell'obiettivo perseguito e della tematica da affrontare; sottolinea la necessità dell'assunzione di responsabilità democratica in vista delle nuove funzioni conferite alla BCE in materia di vigilanza, nonché del suo ruolo di consulenza per i programmi della Troika e della Quadriga;

26.  pone l'accento sull'importanza dell'indipendenza organizzativa del Comitato europeo per il rischio sistemico e invita la BCE a valutare in che modo rafforzarla;

27.  invita la BCE a rielaborare totalmente la proposta di creare una completa banca dati analitica dei crediti (Analytical Credit Dataset, Anacredit), tenendo conto in particolare del principio di proporzionalità, e a definire, nel far ciò, valori limite adeguati, onde contenere al massimo gli oneri amministrativi, soprattutto per gli istituti finanziari più piccoli;

28.  giudica con favore la disponibilità espressa da Mario Draghi, in occasione del dialogo monetario del 23 settembre 2015, a informare il Parlamento in merito alle posizioni assunte dalla BCE in seno a organizzazioni quali il Consiglio per la stabilità finanziaria o il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria;

29.   rammenta che il ruolo della BCE comprende la tutela della stabilità finanziaria e quindi la necessità di garantire sufficiente liquidità per evitare corse pubbliche agli sportelli di banche solventi connesse alla rete dell'Eurosistema;

30.  ricorda che il ruolo della BCE nella Troika e ora nella Quadriga è stato codificato nel "two-pack" (articolo 7 del regolamento n. 472/2013); prende atto della sentenza della Corte di giustizia, del 16 giugno 2015, nella causa C-62/14, e invita la BCE a tenerne conto nelle sue azioni; esorta la Banca centrale europea a riesaminare e, se necessario, a rafforzare la sua indipendenza dalle decisioni politiche;

31.  chiede una valutazione approfondita del modus operandi della Troika e della partecipazione della BCE alla Troika e alla Quadriga, allo scopo di chiarire l'entità delle responsabilità e garantire una maggiore assunzione di responsabilità democratica in fase di adozione e attuazione dei programmi di salvataggio;

32.  rammenta la relazione del Parlamento, del 28 febbraio 2014, sull'indagine sul ruolo e le attività della Troika, nella quale si chiede al Parlamento successivo di proseguire i lavori della relazione in questione, elaborarne ulteriormente i risultati principali e approfondire l'esame della questione;

33.  invita gli Stati membri, il Consiglio e la BCE a compiere ogni sforzo per garantire l'equilibrio di genere all'interno degli organi decisionali della BCE e a prestare maggiore attenzione a tale aspetto durante il rinnovo dei membri di tali organi, in particolare del consiglio direttivo e del comitato esecutivo;

34.  osserva che il 24 novembre 2015 la Commissione ha proposto un sistema di garanzia dei depositi per i depositi bancari nell'intera zona euro;

35.  accoglie con favore il progetto dell'Unione dei mercati dei capitali e il suo potenziale nel riequilibrare i canali di finanziamento, non attraverso la diminuzione o il mantenimento al livello attuale delle fonti di finanziamento, ma mediante il loro aumento e la loro diversificazione, contribuendo così a ridurre la dipendenza eccessiva delle economie della zona euro dal sistema bancario e creando un ammortizzatore essenziale per l'Unione monetaria; avverte, tuttavia, che l'Unione dei mercati dei capitali non dovrebbe scoraggiare un sistema bancario basato sul rapporto con il cliente e orientato all'economia reale, dal momento che esso rappresenta la forma di finanziamento più consona per le piccole imprese;

36.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione e alla Banca centrale europea.

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

25.1.2016

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

38

13

6

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Gerolf Annemans, Burkhard Balz, Pervenche Berès, Fabio De Masi, Markus Ferber, Jonás Fernández, Elisa Ferreira, Ildikó Gáll-Pelcz, Sven Giegold, Neena Gill, Roberto Gualtieri, Brian Hayes, Gunnar Hökmark, Danuta Maria Hübner, Petr Ježek, Eva Kaili, Othmar Karas, Rina Ronja Kari, Georgios Kyrtsos, Werner Langen, Olle Ludvigsson, Ivana Maletić, Notis Marias, Fulvio Martusciello, Costas Mavrides, Bernard Monot, Luděk Niedermayer, Stanisław Ożóg, Dariusz Rosati, Pirkko Ruohonen-Lerner, Molly Scott Cato, Kay Swinburne, Paul Tang, Ramon Tremosa i Balcells, Ernest Urtasun, Marco Valli, Tom Vandenkendelaere, Cora van Nieuwenhuizen, Miguel Viegas, Jakob von Weizsäcker, Pablo Zalba Bidegain, Marco Zanni, Sotirios Zarianopoulos

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Enrique Calvet Chambon, Nessa Childers, Bas Eickhout, Ramón Jáuregui Atondo, Paloma López Bermejo, Thomas Mann, Eva Paunova, Tibor Szanyi, Nils Torvalds, Beatrix von Storch

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Pascal Arimont, Mark Demesmaeker, Theresa Griffin, Marc Tarabella

Avviso legale