Procedura : 2015/2178(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0098/2016

Testi presentati :

A8-0098/2016

Discussioni :

PV 27/04/2016 - 17
CRE 27/04/2016 - 17

Votazioni :

PV 28/04/2016 - 4.43
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0179

RELAZIONE     
PDF 267kWORD 81k
7.4.2016
PE 569.757v02-00 A8-0098/2016

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia dell'Unione per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2014

(2015/2178(DEC))

Commissione per il controllo dei bilanci

Relatore: Derek Vaughan

 1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO


1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia dell'Unione per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2014

(2015/2178(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2014,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2014, corredata delle risposte dell'Agenzia(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti(2) nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2014, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2016 sullo scarico da dare all'Agenzia sull'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2014 (05584/2016 – C8-0076/2016),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE) n. 526/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo all'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) e che abroga il regolamento (CE) n. 460/2004(4), in particolare l'articolo 21,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(5),

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(6), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato V del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per il controllo dei bilanci (A8-0098/2016),

1.  concede il discarico al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia per l'esercizio 2014;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

2. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla chiusura dei conti dell'Agenzia dell'Unione per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2014

(2015/2178(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2014,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2014, corredata delle risposte dell'Agenzia(7),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti(8) nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2014, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2016 sullo scarico da dare all'Agenzia sull'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2014 (05584/2016 – C8-0076/2016),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(9), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE) n. 526/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo all'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) e che abroga il regolamento (CE) n. 460/2004(10), in particolare l'articolo 21,

–  visto il regolamento (CE, Euratom) n. 2343/2002 della Commissione, del 19 novembre 2002, che reca regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 185 del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee(11),

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(12), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato V del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per il controllo dei bilanci (A8-0098/2016),

1.  constata che i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione si presentano quali figuranti in allegato alla relazione della Corte dei conti;

2.  approva la chiusura dei conti dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2014;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

3. PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia dell'Unione per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2014

(2015/2178(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2014,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato V del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per il controllo dei bilanci (A8-0098/2016),

A.  considerando che, secondo i suoi stati finanziari, il bilancio definitivo dell'Agenzia dell'Unione per la sicurezza delle reti e dell'informazione (in appresso "l'Agenzia") per l'esercizio 2014 ammontava a 9 708 297 EUR, importo che rappresenta un aumento dello 0,39% rispetto al 2013;

B.  considerando che il contributo dell'Unione al bilancio dell'Agenzia per il 2013 ammontava a 8 820 666 EUR, pari a un incremento dello 0,05% rispetto al 2013;

C.  considerando che la Corte dei conti (in appresso "la Corte"), nella sua relazione sui conti annuali dell'Agenzia dell'Unione per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2014 (in appresso "la relazione della Corte"), ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all'affidabilità dei conti annuali dell'Agenzia, nonché alla legittimità e alla regolarità delle operazioni alla base di tali conti;

Gestione finanziaria e di bilancio

1.  osserva che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi durante l'esercizio 2014 hanno portato ad un elevato tasso di esecuzione del bilancio pari al 100%, e che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato dell'85,61%;

Impegni e riporti

2.  osserva, dalla relazione della Corte, che sono stati complessivamente riportati al 2015 stanziamenti impegnati per 1 332 421 EUR, pari al 15% degli stanziamenti totali; rileva che per il titolo II (spese amministrative) i riporti di stanziamenti sono ammontati a EUR 612 981 (49%), registrando una riduzione del 10% rispetto all'esercizio precedente; riconosce che tali riporti si spiegano con investimenti in infrastrutture informatiche per i due uffici dell'Agenzia ordinate, come previsto, a fine anno;

3.  rileva che gli stanziamenti riportati dall'esercizio 2013 ammontano 717 927 EUR; rileva che EUR 49 460 (6,89%) dei riporti del 2013 sono stati annullati;

Storni

4.  rileva con soddisfazione che, stando alla relazione annuale dell'Agenzia e alle risultanze dell'audit della Corte, nel 2013 il livello e il carattere degli storni sono rimasti entro i limiti delle regole finanziarie;

Procedure di appalto e di assunzione

5.  rileva, dalla relazione annuale di attività dell'Agenzia che, alla fine del 2014, il personale statutario era composto da 62 persone; osserva, inoltre che, nel corso del 2014, tre persone hanno lasciato l'Agenzia, sono stati pubblicati dieci annunci di posto vacante e sono state assunte sette persone;

6.  osserva che l'Agenzia ha difficoltà ad attirare e a conservare personale adeguatamente qualificato per sostenere le sue attività, principalmente a causa del fatto di avere la propria sede a Creta, dove l'istruzione internazionale è un fattore problematico; riconosce che l'Agenzia ha concluso un accordo di livello di servizio con ciascuna delle scuole private frequentate dai figli del personale del suo ufficio di Atene, a causa dell'assenza di scuole europee in loco; rileva, inoltre, che un nuovo mandato e un nuovo accordo di servizio è stato concluso tra la Commissione e l'Agenzia al fine di dettagliare il finanziamento delle scuole europee frequentate dai figli del personale dell'Agenzia;

7.  osserva che, secondo la relazione annuale di attività dell'Agenzia, l'Agenzia ha eseguito un esercizio di valutazione dei posti di lavoro impiegando la metodologia comune adottata per le agenzie;per la prima volta nel 2014; osserva inoltre che, stando a tale valutazione, il 68% del personale dell'Agenzia si trovava nella categoria mansioni operative, il 22% del personale si trovava nella categoria supporto amministrativo e coordinamento e il 10% del personale era impiegato in relazione a mansioni neutre;

Audit interno

8.  prende atto del fatto che, all'inizio del 2014, l'Agenzia aveva 25 raccomandazioni in sospeso di precedenti relazioni del servizio di audit interno della Commissione (SAI); riconosce che 24 raccomandazioni sono state concluse nel corso del 2014, come confermato dal SAI nella sua visita in loco presso l'Agenzia nel mese di novembre 2014; osserva che una restante raccomandazione in sospeso è stata conclusa nel 2015, dopo la messa in opera dello strumento per i flussi di lavoro elettronici;

Altre osservazioni

9.  riconosce che l'Agenzia ha adottato politiche interne al fine di migliorare la redditività e la compatibilità ambientale delle sue strutture; osserva che un importante passo avanti verso la realizzazione di queste due esigenze è stata l'adozione di una piattaforma "paperless" prevista per il flusso di lavoro e la conservazione dei documenti interni; rileva con soddisfazione che l'Agenzia ha praticamente eliminato tutti i flussi di lavoro basati su carta, compresi le operazioni finanziarie e i fascicoli e i documenti relativi alle risorse umane, e li ha sostituiti con documenti e flussi di lavoro elettronici nel tentativo di realizzare un ambiente di ufficio senza carta; riconosce che questo strumento è stato introdotto con successo nel mese di gennaio 2015;

10.  afferma che le relazioni annuali delle istituzioni e delle agenzie dell'Unione potrebbero svolgere un ruolo importante nella conformità in materia di trasparenza, responsabilità e integrità; invita le istituzioni e le agenzie dell'Unione a includere un capitolo standard su tali componenti nelle relazioni annuali;

11.  riconosce, come follow-up dal discarico 2013 dell'Agenzia, che secondo il contratto di locazione concluso tra le autorità greche, l'Agenzia e il proprietario, l'affitto per gli uffici di Atene viene pagato dalle autorità greche; esprime preoccupazione per il costante ritardo nel pagamento del canone di locazione, che è continuato nel 2014 e nel 2015, e che costituisce un danno alla reputazione e rischi significativi in termini finanziari e di continuità dell'attività dell'Agenzia; osserva con preoccupazione che, nel 2015, il pagamento della rata per i primi sei mesi dell'anno è stato effettuato il 27 agosto 2015, e solo dopo che all'Agenzia è stata notificata l'intenzione del proprietario dell'ufficio di Atene di avviare un contenzioso; esorta la Commissione, l'Agenzia e le autorità greche a trovare una soluzione a questo problema in modo da ridurre i rischi cui l'Agenzia è esposta in modo significativo;

°

°  °

12.  rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del [xx xxxx 2016](13) [sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie].

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

4.4.2016

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

15

4

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Louis Aliot, Inés Ayala Sender, Dennis de Jong, Martina Dlabajová, Ingeborg Gräßle, Verónica Lope Fontagné, Monica Macovei, Dan Nica, Gilles Pargneaux, Georgi Pirinski, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Bart Staes, Marco Valli, Derek Vaughan, Anders Primdahl Vistisen, Tomáš Zdechovský

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Marian-Jean Marinescu

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Bodil Valero

(1)

GU C 409 del 9.12.2015, pag. 223.

(2)

GU C 409 del 9.12.2015, pag. 223.

(3)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(4)

GU L 165 del 18.6.2013, pag. 41.

(5)

GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.

(6)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(7)

GU C 409 del 9.12.2015, pag. 223.

(8)

GU C 409 del 9.12.2015, pag. 223.

(9)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(10)

GU L 165 del 18.6.2013, pag. 41.

(11)

GU L 357 del 31.12.2002, pag. 72.

(12)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(13)

Testi approvati di tale data, P[8_TA(-PROV)(2016)0000].

Avviso legale