Procedura : 2012/0179(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0369/2016

Testi presentati :

A8-0369/2016

Discussioni :

PV 12/12/2016 - 14
CRE 12/12/2016 - 14

Votazioni :

PV 13/12/2016 - 5.2
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0483

RACCOMANDAZIONE PER LA SECONDA LETTURA     ***II
PDF 356kWORD 54k
6.12.2016
PE 592.447v02-00 A8-0369/2016

relativa alla posizione del Consiglio in prima lettura in vista dell'adozione del regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce condizioni specifiche per la pesca degli stock di acque profonde nell'Atlantico nord-orientale e disposizioni relative alla pesca nelle acque internazionali dell'Atlantico nord-orientale e che abroga il regolamento (CE) n. 2347/2002 del Consiglio

(11625/1/2016 – C8-0427/2016 – 2012/0179(COD))

Commissione per la pesca

Relatore: Isabelle Thomas

EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla posizione del Consiglio in prima lettura in vista dell'adozione del regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce condizioni specifiche per la pesca degli stock di acque profonde nell'Atlantico nord-orientale e disposizioni relative alla pesca nelle acque internazionali dell'Atlantico nord-orientale e che abroga il regolamento (CE) n. 2347/2002 del Consiglio

(11625/1/2016 – C8-0427/2016 – 2012/0179(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: seconda lettura)

Il Parlamento europeo,

–  vista la posizione del Consiglio in prima lettura (11625/1/2016 – C8-0427/2016),

–  visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 13 febbraio 2013(1),

–  visto il parere della Commissione (COM(2016)0667),

–  vista la sua posizione in prima lettura(2) sulla proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2012)0371),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 7, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto l'articolo 76 del suo regolamento,

–  vista la raccomandazione per la seconda lettura della commissione per la pesca (A8-0369/2016),

1.  approva la posizione del Consiglio in prima lettura;

2.  constata che l'atto è adottato in conformità della posizione del Consiglio;

3.  incarica il suo Presidente di firmare l'atto congiuntamente al Presidente del Consiglio, a norma dell'articolo 297, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea;

4.  incarica il suo Segretario generale di firmare l'atto, previa verifica che tutte le procedure siano state debitamente espletate, e di procedere, d'intesa con il Segretario generale del Consiglio, a pubblicarlo nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;

5.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

(1)

GU C 133 del 9.5.2013, pag. 41.

(2)

Testi approvati del 10.12.2013, P7_TA(2013)0539.


MOTIVAZIONE

A seguito dell'adozione della posizione del Parlamento in prima lettura in Plenaria, il 10 dicembre 2013 il Consiglio ha effettuato una lettura approfondita della proposta tra il gennaio 2014 e il novembre 2014, data in cui sono iniziati i negoziati con la Presidenza lussemburghese per pervenire a un accordo in seconda lettura.

Dopo il trilogo del 17 novembre 2015 e i triloghi seguenti del 26 aprile, 25 maggio e 14 e 30 giugno 2016 con Presidenza dei Paesi Bassi, il 30 giugno 2016 i gruppi negoziali del Parlamento e del Consiglio sono pervenuti a un accordo sul fascicolo.

Il 12 luglio 2016 il testo dell'accordo è stato presentato alla commissione per la pesca per un voto di approvazione ed è stato approvato a larghissima maggioranza. Sulla base dell'approvazione in commissione per la pesca, il presidente della commissione ha deciso, nella sua lettera al presidente del Coreper, di raccomandare alla Plenaria di approvare la posizione del Consiglio in prima lettura senza modifiche. Dopo la verifica giuridico-linguistica, il 18 ottobre 2016 il Consiglio ha adottato la sua posizione in prima lettura a conferma dell'accordo.

Poiché la posizione del Consiglio in prima lettura è conforme all'accordo raggiunto nelle consultazioni a tre, il relatore raccomanda alla commissione di approvarla senza ulteriori modifiche. Il relatore desidera sottolineare, in particolare, i seguenti elementi del compromesso.

– L'Unione europea congelerà l'impronta di pesca definendo la zona in cui saranno autorizzate le attività di pesca in acque profonde. Tale zona comprende quella in cui la pesca mirata è stata effettuata tra il 2009 e il 2011 nelle acque europee dell'Atlantico nord-occidentale. Tale limite geografico si applicherà alle navi che pescano in modo mirato le specie profonde, ovvero quelle per cui le catture di dette specie rappresentano più dell'8 % del totale delle catture in almeno un'uscita di pesca nel corso dell'anno.

– Il Parlamento ha ottenuto che siano introdotte sanzioni specifiche per le navi che violano il regolamento sulla pesca in acque profonde e che per diverse norme di controllo fossero escluse deroghe.

– I negoziatori del Parlamento e del Consiglio hanno convenuto di fissare un limite batimetrico di 800 metri. Detta nuova disposizione ha lo scopo di proteggere meglio gli ecosistemi marini vulnerabili dei fondali marini.

– In modo analogo, i colegislatori hanno convenuto che oltre i 400 metri e in caso di catture in ecosistemi vulnerabili i pescherecci attivi di pesca profonda dovranno cessare le attività e allontanarsi di almeno 5 miglia nautiche dalla zona di cattura dell'ecosistema.

– Il Parlamento ha introdotto nuove norme più rigorose in materia di trasparenza, comprendendovi obblighi di fornire dati pubblici sulle navi europee che pescano in modo mirato specie in acque profonde e di registrare tutte le catture (pesci ed ecosistemi vulnerabili). Gli Stati membri saranno a loro volta tenuti a fornire dati sulla localizzazione degli ecosistemi vulnerabili (studi di impatto) e la Commissione europea valuterà tali dati ogni anno e adatterà di conseguenza la zone di pesca autorizzata (utilizzando atti di esecuzione).

– Per assicurare la raccolta di dati scientifici gli osservatori scientifici dovranno essere presenti nel 20 % delle navi.


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Condizioni specifiche per la pesca degli stock di acque profonde nell’Atlantico nord-orientale e disposizioni relative alla pesca nelle acque internazionali dell’Atlantico nord-orientale e abrogazione del regolamento (CE) n. 2347/2002

Riferimenti

11625/1/2016 – C8-0427/2016 – 2012/0179(COD)

Prima lettura del PE – Numero P

10.12.2013                     T7-0539/2013

Proposta della Commissione

COM(2012)0371 - C7-0196/2012

Annuncio in Aula del ricevimento della posizione del Consiglio in prima lettura

27.10.2016

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

PECH

27.10.2016

 

 

 

Relatori

       Nomina

Isabelle Thomas

22.7.2014

 

 

 

Relatori sostituiti

Isabelle Thomas

 

 

 

Esame in commissione

10.11.2016

 

 

 

Approvazione

5.12.2016

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

22

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Marco Affronte, Clara Eugenia Aguilera García, Renata Briano, Richard Corbett, Linnéa Engström, Carlos Iturgaiz, António Marinho e Pinto, Gabriel Mato, Ulrike Rodust, Remo Sernagiotto, Isabelle Thomas, Ruža Tomašić, Peter van Dalen, Jarosław Wałęsa

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Izaskun Bilbao Barandica, José Blanco López, Ole Christensen, Ian Duncan, Anja Hazekamp, Maria Heubuch, Mike Hookem, Verónica Lope Fontagné, Francisco José Millán Mon, Maria Lidia Senra Rodríguez

Deposito

6.12.2016

Avviso legale