Procedura : 2016/2171(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0118/2017

Testi presentati :

A8-0118/2017

Discussioni :

PV 26/04/2017 - 19
CRE 26/04/2017 - 19

Votazioni :

PV 27/04/2017 - 5.47

Testi approvati :

P8_TA(2017)0178

RELAZIONE     
PDF 292kWORD 58k
30.3.2017
PE 593.874v02-00 A8-0118/2017

sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2015

(2016/2171(DEC))

Commissione per il controllo dei bilanci

Relatore: Inés Ayala Sender

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2015

(2016/2171(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2015,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2015, corredata delle risposte della Fondazione(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(2), presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2015 a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 21 febbraio 2017 sullo scarico da dare alla Fondazione sull'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2015 (05873/2017 – C8-0057/2017),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (CE) n. 1339/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che istituisce una Fondazione europea per la formazione professionale(4), in particolare l'articolo 17,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(5), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A8-0118/2017),

1.  concede il discarico al direttore della Fondazione europea per la formazione per l'esecuzione del bilancio della Fondazione per l'esercizio 2015;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante al direttore della Fondazione europea per la formazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

2. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla chiusura dei conti della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2015

(2016/2171(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2015,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2015, corredata della risposta della Fondazione(6),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(7), presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2015 a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 21 febbraio 2017 sullo scarico da dare alla Fondazione sull'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2015 (05873/2017 – C8-0057/2017),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(8), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (CE) n. 1339/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che istituisce una Fondazione europea per la formazione professionale(9), in particolare l'articolo 17,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(10), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A8-0118/2017),

1.  approva la chiusura dei conti della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2015;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore della Fondazione europea per la formazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

3. PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2015

(2016/2171(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2015,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A8-0118/2017),

A.  considerando che, secondo i suoi stati finanziari, il bilancio definitivo della Fondazione europea per la formazione (la "Fondazione") per l'esercizio 2015 ammontava a 20 153 042 EUR, importo che rappresenta una diminuzione dello 0,02 % rispetto al 2014; che l'intera dotazione di bilancio della Fondazione proviene dal bilancio dell'Unione;

B.  considerando che la Corte dei conti (la "Corte"), nella sua relazione sui conti annuali della Fondazione per l'esercizio 2014 (la "relazione della Corte"), ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali della Fondazione sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari;

C.  considerando che, nel contesto della procedura di discarico, l'autorità di discarico sottolinea la particolare importanza di un ulteriore rafforzamento della legittimità democratica delle istituzioni dell'Unione, ottenibile migliorando la trasparenza e la responsabilità e attuando il concetto di programmazione di bilancio basato sui risultati e sulla buona governance delle risorse umane;

Seguito dato al discarico del 2014

1.  apprende con preoccupazione dalla relazione della Corte che l'osservazione secondo cui la Fondazione deteneva 7,5 milioni di EUR su conti aperti presso una singola banca avente un basso rating del credito, formulata nella relazione della Corte per il 2013 e indicata come "in corso" nella relazione della Corte per il 2014 risulta tuttora "in corso"; prende comunque atto che i fondi detenuti presso tale banca sono scesi a 1,8 milioni di EUR nel 2015; rileva inoltre che, a causa di particolari questioni bancarie, la Fondazione è obbligata a lavorare con una banca italiana;

2.  apprende dalla relazione della Corte che è stata intrapresa un'azione correttiva riguardo ad un'osservazione contenuta nella relazione della Corte per il 2014 e che l'azione in questione risulta ora "completata";

Gestione finanziaria e di bilancio

3.  osserva che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi durante l'esercizio 2014 hanno portato ad un elevato tasso di esecuzione del bilancio pari al 99,89 %, il che significa che gli impegni sono stati tempestivamente eseguiti, e che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato elevato, attestandosi al 96,04 %;

Impegni e riporti

4.  osserva che i riporti complessivi della Fondazione per i titoli I e II sono scesi al 3,3 % rispetto al 6,4 % nel 2014; rileva che gli stanziamenti riportati ammontavano a 180 398 EUR (1,4 %) per il titolo I (spese per il personale); prende atto altresì che per il titolo II (spese amministrative) i riporti di stanziamenti ammontavano a 316 442 EUR (16,1 %), registrando una notevole riduzione del 20,1 %, rispetto all'esercizio precedente; osserva che i riporti per il titolo III (spese operative) sono aumentati del 4 % giungendo al 36,4 %, principalmente a causa di un aumento delle attività previste nel secondo semestre del 2015 e per gli effetti di un trasferimento di fondi al titolo III nel dicembre 2015, effettuato al fine di massimizzare il sostegno della Fondazione alle attività operative;

5.  nota che i riporti possono essere spesso motivati, in tutto o in parte, dal carattere pluriennale dei programmi operativi delle agenzie e non sono necessariamente indicativi di carenze nella pianificazione e nell'esecuzione di bilancio, né contrastano sempre con il principio dell'annualità del bilancio, soprattutto se sono pianificati in anticipo dalla Fondazione e comunicati alla Corte;

Storni

6.  osserva che la Fondazione ha effettuato nove storni di bilancio nel 2015, uno in più rispetto al 2014, sempre in conformità con le raccomandazioni formulate dalla Corte; prende atto che l'aumento degli stanziamenti di pagamento trasferiti è collegato alla ristrutturazione di bilancio intrapresa nel 2015, ed è stato necessario per finanziare le attività dell'esercizio precedente, in cui si è avuta la soppressione di alcune linee di bilancio; riconosce inoltre che il livello e la natura degli storni del 2014 sono rimasti entro i limiti delle regole finanziarie della Fondazione;

Prevenzione e gestione dei conflitti d'interesse e trasparenza

7.  rileva che la Fondazione non ha raccolto né pubblicato le dichiarazioni sui conflitti di interessi di tutti i membri del consiglio di direzione; osserva che non esiste un meccanismo che imponga ai membri di presentare queste dichiarazioni; osserva che anche alcune delle dichiarazioni e alcuni dei CV disponibili sul sito della Fondazione sono accessibili solamente tramite password; invita la Fondazione ad adottare linee guida rigorose per una politica coerente in materia di prevenzione e gestione dei conflitti di interessi per i membri del consiglio di amministrazione e ad adottare e attuare una politica chiara sui conflitti di interesse, secondo la tabella di marcia relativa al seguito da dare all'approccio comune sulle agenzie decentrate dell'UE; invita la Fondazione a pubblicare tutti questi documenti in conformità con dette linee guida, per permettere al pubblico di avere la necessaria visione d'insieme dell'alta dirigenza; si compiace del fatto che tutte le dichiarazioni sui conflitti di interessi del personale interessato della Fondazione siano pervenute;

8.  apprende dalla Fondazione che era in programma per la fine del 2016 una presentazione destinata a sensibilizzare tutto il personale sulla frode e sui conflitti di interessi; rileva inoltre che i membri del comitato di selezione sottoscrivono una dichiarazione sui conflitti di interessi quando ricevono l'elenco dei candidati; constata che tutti i nuovi membri del personale partecipano ad una presentazione in materia di deontologia e integrità che verte anche sui conflitti di interessi e la frode;

Audit interno

9.  rileva che, conformemente al piano di audit, il servizio di audit interno della Commissione (SAI) non ha effettuato alcun audit nel 2015; osserva che, a fine 2015, per la Fondazione vi era una raccomandazione di audit in sospeso riguardante la "nomina formale dei comitati di selezione per l'aggiudicazione degli appalti"; riconosce che il SAI ha riclassificato questa raccomandazione da "molto importante" a "importante" a settembre 2015, e che la raccomandazione sarà formalmente chiusa grazie a verifiche in loco da parte del SAI nella prossima visita alla Fondazione;

10.  apprende che la Fondazione ha richiesto tre audit ex post mediante contratti quadro interistituzionali della Commissione per gli audit; osserva, inoltre, che i risultati degli audit sono stati globalmente positivi nonostante il fatto che gli audit dell'esecuzione e del sistema e l'audit delle pratiche dell'ETF nell'applicazione del suo quadro di gestione delle prestazioni e del suo piano di miglioramento hanno evidenziato degli aspetti che possono essere migliorati; apprende dalla Fondazione che essa ha immediatamente posto in essere azioni volte a ridurre i problemi identificati;

Altre osservazioni

11.  riconosce e valuta positivamente il costante contributo della Fondazione alla modernizzazione dei sistemi d'istruzione e formazione e al rafforzamento del capitale umano dei paesi partner, incluso il sostegno fornito al dialogo dell'Unione in materia di migrazione e ai partenariati per la mobilità con i paesi del vicinato; prende atto dell'inventario della Fondazione relativo alle misure di sostegno ai migranti considerate dalla prospettiva dell'occupazione e delle competenze (MISMES), nonché delle sue raccomandazioni in materia di competenze e migrazione; valuta positivamente la collaborazione tra la Fondazione e i paesi partner al fine di analizzare il fenomeno dei "NEET" (giovani che non lavorano e non partecipano ad alcun ciclo di istruzione o formazione);

12.  prende atto che la riorganizzazione interna della Fondazione è entrata in vigore il 1° gennaio 2015 e auspica che la nuova organizzazione interna permetta alla Fondazione di conseguire risultati migliori;

13.  loda la Fondazione per l'elevato tasso di completamento degli obiettivi contenuti nel suo programma di lavoro, pari al 96 %;

14.  si compiace vivamente del pieno rispetto, da parte della Fondazione, dello statuto dei funzionari dell'Unione europea del 2004;

15.  prende atto degli sforzi della Fondazione volti a garantire la sicurezza dei suoi attivi e auspica che tale processo si concluda tra breve;

°

°  °

16.  rinvia per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del [xx xxxx 2017](11) [sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie].)

31.1.2017

PARERE della commissione per l'occupazione e gli affari sociali

destinato alla commissione per il controllo dei bilanci

sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2015

(2016/2171(DEC))

Relatore per parere: Marian Harkin

SUGGERIMENTI

La commissione per l'occupazione e gli affari sociali invita la commissione per il controllo dei bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  esprime soddisfazione per il fatto che la Corte dei conti abbia dichiarato legittime e regolari le operazioni su cui sono basati i conti annuali della Fondazione per l'esercizio 2015 e che la posizione finanziaria della Fondazione al 31 dicembre 2015 sia rappresentata in modo corretto;

2.  riconosce e valuta positivamente il costante contributo della Fondazione alla modernizzazione dei sistemi d'istruzione e formazione e al rafforzamento del capitale umano dei paesi partner, incluso il sostegno fornito al dialogo dell'Unione in materia di migrazione e ai partenariati per la mobilità con i paesi del vicinato; prende atto dell'inventario della Fondazione relativo alle misure di sostegno ai migranti considerate dalla prospettiva dell'occupazione e delle competenze, nonché delle sue raccomandazioni in materia di competenze e migrazione; valuta positivamente la collaborazione tra la Fondazione e i paesi partner al fine di analizzare il fenomeno dei NEET (giovani che non lavorano e non partecipano ad alcun ciclo di istruzione o formazione);

3.  prende atto che la riorganizzazione interna della Fondazione è entrata in vigore il 1° gennaio 2015 e auspica che la nuova organizzazione interna permetta alla Fondazione di conseguire risultati migliori;

4.  loda la Fondazione per l'elevato tasso di completamento degli obiettivi contenuti nel suo programma di lavoro, pari al 96 %;

5.  si compiace vivamente del pieno rispetto, da parte della Fondazione, dello statuto dei funzionari dell'Unione europea del 2004;

6.  prende atto degli sforzi della Fondazione volti a garantire la sicurezza dei suoi attivi e auspica che tale processo si concluda tra breve;

7.  constata l'elevato livello di stanziamenti impegnati per il titolo II (36,2 %) riportati all'esercizio 2015, dovuto principalmente al programma di acquisti effettuati alla fine del 2014;

8.  prende atto che nel 2015 la Fondazione stava ancora lavorando a misure correttive in risposta alle osservazioni formulate dalla Corte dei conti europea e dal Parlamento europeo, secondo cui, alla fine del 2013, la Fondazione deteneva 7,5 milioni di EUR su conti aperti presso un'unica banca avente un basso rating del credito (F3, BBB).

ESITO DELLA VOTAZIONE FINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

25.1.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

46

3

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Laura Agea, Brando Benifei, Vilija Blinkevičiūtė, Enrique Calvet Chambon, Ole Christensen, Martina Dlabajová, Lampros Fountoulis, Arne Gericke, Marian Harkin, Czesław Hoc, Agnes Jongerius, Rina Ronja Kari, Jan Keller, Agnieszka Kozłowska-Rajewicz, Jean Lambert, Jérôme Lavrilleux, Patrick Le Hyaric, Jeroen Lenaers, Verónica Lope Fontagné, Javi López, Thomas Mann, Dominique Martin, Joëlle Mélin, Elisabeth Morin-Chartier, João Pimenta Lopes, Georgi Pirinski, Terry Reintke, Sofia Ribeiro, Robert Rochefort, Claude Rolin, Anne Sander, Sven Schulze, Siôn Simon, Jutta Steinruck, Romana Tomc, Yana Toom, Ulrike Trebesius, Marita Ulvskog, Renate Weber, Jana Žitňanská

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Georges Bach, Heinz K. Becker, Lynn Boylan, Dieter-Lebrecht Koch, Paloma López Bermejo, Edouard Martin, Evelyn Regner, Csaba Sógor, Helga Stevens, Flavio Zanonato

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Marco Valli

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

22.3.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

23

4

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Inés Ayala Sender, Dennis de Jong, Tamás Deutsch, Martina Dlabajová, Luke Ming Flanagan, Cătălin Sorin Ivan, Bogusław Liberadzki, Monica Macovei, Notis Marias, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Bart Staes, Hannu Takkula, Derek Vaughan, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Richard Ashworth, Gerben-Jan Gerbrandy, Benedek Jávor, Karin Kadenbach, Julia Pitera, Patricija Šulin

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Raymond Finch, Jens Geier, Susanne Melior, Piernicola Pedicini, Janusz Zemke

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

23

+

ALDE

ECR

GUE/NGL

PPE

S&D

VERTS/ALE

Martina Dlabajová, Gerben-Jan Gerbrandy, Hannu Takkula

Monica Macovei

Luke Ming Flanagan, Dennis de Jong

Tamás Deutsch, Julia Pitera, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Joachim Zeller, Patricija Šulin

Inés Ayala Sender, Jens Geier, Cătălin Sorin Ivan, Karin Kadenbach, Bogusław Liberadzki, Susanne Melior, Derek Vaughan, Janusz Zemke

Benedek Jávor, Bart Staes

4

-

ECR

EFDD

Richard Ashworth, Notis Marias

Raymond Finch, Piernicola Pedicini

0

0

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

(1)

GU C 449 dell'1.12.2016, pag. 168.

(2)

GU C 449 dell'1.12.2016, pag. 168.

(3)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(4)

GU L 354 del 31.12.2008, pag. 82.

(5)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(6)

GU C 449 dell'1.12.2016, pag. 168.

(7)

GU C 449 dell'1.12.2016, pag. 168.

(8)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(9)

GU L 354 del 31.12.2008, pag. 82.

(10)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(11)

Testi approvati di tale data, P[8_TA-PROV(2017)0000].

Avviso legale