Procedura : 2017/2017(BUD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0154/2017

Testi presentati :

A8-0154/2017

Discussioni :

Votazioni :

PV 05/04/2017 - 9.15

Testi approvati :

P8_TA(2017)0117

RELAZIONE     
PDF 634kWORD 58k
3.4.2017
PE 599.595v02-00 A8-0154/2017

sulla proposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla mobilitazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea per fornire assistenza al Regno Unito, a Cipro e al Portogallo

(COM(2017)0045 – C8-0022/2017 – 2017/2017(BUD))

Commissione per i bilanci

Relatore: José Manuel Fernandes

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 ALLEGATO: DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO
 MOTIVAZIONE
 ALLEGATO – LETTERA DELLA COMISSIONE PER LO SVILUPPO REGIONALE
 INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla mobilitazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea per fornire assistenza al Regno Unito, a Cipro e al Portogallo

(COM(2017)0045 – C8-0022/2017 – 2017/2017(BUD))

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2017)0045 – C8-0022/2017),

–  visto il regolamento (CE) n. 2012/2002 del Consiglio, dell'11 novembre 2002, che istituisce il Fondo di solidarietà dell'Unione europea(1),

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio, del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020(2), in particolare l'articolo 10,

–  visto l'accordo interistituzionale, del 2 dicembre 2013, tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria(3), in particolare il punto 11,

–  vista la lettera della commissione per lo sviluppo regionale,

–  vista la relazione della commissione per i bilanci (A8-0154/2017),

1.  plaude alla decisione come segno di solidarietà dell'Unione nei confronti dei cittadini e delle regioni dell'Unione colpiti dalle catastrofi naturali;

2.  approva la decisione allegata alla presente risoluzione;

3.  incarica il suo Presidente di firmare tale decisione congiuntamente al Presidente del Consiglio e di provvedere alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;

4.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione, compreso l'allegato, al Consiglio e alla Commissione.

(1)

GU L 311 del 14.11.2002, pag. 3.

(2)

GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884.

(3)

GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.


ALLEGATO: DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

relativa alla mobilitazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea per fornire assistenza al Regno Unito, a Cipro e al Portogallo

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 2012/2002 del Consiglio, dell'11 novembre 2002, che istituisce il Fondo di solidarietà dell'Unione europea(1), in particolare l'articolo 4, paragrafo 3,

visto l'accordo interistituzionale, del 2 dicembre 2013, tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria(2), in particolare il punto 11,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)  Il Fondo di solidarietà dell'Unione europea (il "Fondo") è destinato a consentire all'Unione di rispondere in modo rapido, efficiente e flessibile alle situazioni di emergenza e a dimostrare solidarietà con la popolazione delle regioni colpite da catastrofi naturali.

(2)  Per il Fondo è fissato un massimale annuo pari a 500 000 000 EUR (a prezzi 2011), come stabilito all'articolo 10 del regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio(3).

(3)  Il 26 febbraio 2016 il Regno Unito ha presentato una domanda di mobilitazione del Fondo a seguito delle inondazioni abbattutesi su 11 regioni(4) durante il periodo da dicembre 2015 a gennaio 2016. Nella loro richiesta, le autorità del Regno Unito hanno sottolineato che la valutazione dei danni era incompleta e che i dati pertinenti erano provvisori. La domanda definitiva è stata completata il 22 settembre 2016.

(4)  Il 5 settembre 2016 Cipro ha presentato una domanda di mobilitazione del Fondo relativa alle conseguenze della grave siccità iniziata nell'ottobre 2015 e dei violenti incendi del 18 e 19 giugno 2016.

(5)  Il 21 settembre 2016 il Portogallo ha presentato una domanda di mobilitazione del Fondo a causa dei furiosi incendi che hanno colpito l'isola di Madera tra l'8 e il 13 agosto 2016.

(6)  Le domande del Regno Unito, di Cipro e del Portogallo sono conformi alle condizioni per l'erogazione di un contributo finanziario del Fondo, come stabilito dall'articolo 4 del regolamento (CE) n. 2012/2002.

(7)  È opportuno pertanto procedere alla mobilitazione del Fondo per fornire un contributo finanziario al Regno Unito, a Cipro e al Portogallo.

(8)  Al fine di ridurre al minimo i tempi di mobilitazione del Fondo, la presente decisione dovrebbe applicarsi a decorrere dalla data dell'adozione,

HANNO ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Nel quadro del bilancio generale dell'Unione per l'esercizio 2017, il Fondo di solidarietà dell'Unione europea è mobilitato in stanziamenti di impegno e di pagamento nel modo seguente:

a) un importo di 60 301 050 EUR è erogato al Regno Unito;

b) un importo di 7 298 760 EUR è erogato a Cipro;

c) un importo di 3 925 000 EUR è erogato al Portogallo.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Essa si applica a decorrere dal [data dell'adozione]**.

(5)Fatto a [Bruxelles],

Per il Parlamento europeo  Per il Consiglio

Il presidente  Il presidente

(1)

  GU L 311 del 14.11.2002, pag. 3.

(2)

  GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.

(3)

  Regolamento del Consiglio (UE, Euratom) n. 1311/2013 del 2 dicembre 2013 che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020 (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884).

(4)

  UKC2-Northumberland, UKD1-Cumbria, UKD3-Greater Manchester, UKD4-Lancashire, UKE2-Yorkshire settentrionale, UKE4-Yorkshire occidentale, UKL1- Galles occidentale e Valleys, UKM2-Scozia orientale, UKM3-Scozia sud-occidentale, UKM5-Scozia nord-orientale e UKN0-Irlanda del Nord.

(5)

** Data da inserire a cura del Parlamento prima della pubblicazione nella GU.


MOTIVAZIONE

La Commissione propone di mobilitare il Fondo di solidarietà dell'Unione europea (FSUE) per fornire assistenza finanziaria in relazione alle inondazioni abbattutesi sul Regno Unito, alla siccità e agli incendi verificatisi a Cipro e agli incendi avvenuti in Portogallo.

Regno Unito - Inondazioni del 2016

Nei mesi di dicembre 2015 e di gennaio 2016, 11 regioni del Regno Unito(1) sono state colpite da pesanti piogge e da forti venti, che hanno provocato inondazioni e danni alle infrastrutture. Tali inondazioni hanno provocato la distruzione di infrastrutture pubbliche e private, di abitazioni private e danni al settore agricolo.

Nella loro domanda, ricevuta dalla Commissione il 26 febbraio 2016 ma completata solo il 22 settembre 2016, le autorità del Regno Unito hanno stimato a 2 412,042 milioni di EUR il totale dei danni diretti causati dalla catastrofe naturale. Dal momento che detto importo rappresenta il 5,77 % della media ponderata del PIL delle regioni colpite dalla catastrofe (41 784 milioni di EUR sulla base dei dati del 2014) ed è superiore alla soglia dell'1,5 % del PIL regionale, l'evento è qualificato come "catastrofe naturale regionale" ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 3, del regolamento FSUE.

Il costo delle operazioni essenziali di emergenza ammissibili, quali definite all'articolo 3 del regolamento, è stato stimato dalle autorità del Regno Unito a 408,232 milioni di EUR, di cui più di 338 milioni di EUR riguardanti il settore dei trasporti e più di 32 milioni di EUR riguardanti la messa in sicurezza delle infrastrutture di prevenzione.

Le regioni colpite rientrano nella categoria delle "regioni meno sviluppate", "regioni in transizione" e "regioni più sviluppate" previste dai Fondi strutturali e d'investimento europei (2014-2020). Le autorità del Regno Unito hanno dichiarato che la dotazione del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale viene utilizzata per sostenere la ripresa degli agricoltori, previa presentazione di una domanda.

Il Regno Unito non ha richiesto il pagamento di un anticipo.

Come già avvenuto in passato, la Commissione propone di applicare il tasso del 2,5 % dell'importo totale dei danni diretti, dal momento che è inferiore alla soglia per "catastrofe grave" del Regno Unito. L'importo totale dell'aiuto proposto è quindi di 60 301 050 EUR.

Cipro - Siccità e incendi del 2016

Da ottobre 2015 a giugno 2016 a Cipro si sono registrate precipitazioni molto scarse insieme a temperature elevatissime; la siccità che ne è conseguita ha causato importanti perdite di raccolti, incendi boschivi e di vegetazione e una carenza di acqua. Due incendi violenti nel giugno 2016 hanno distrutto un'area di oltre 2 600 ettari di foreste demaniali.

Nella loro domanda, ricevuta dalla Commissione il 5 settembre 2016, le autorità cipriote hanno stimato a 180,803 milioni di EUR il totale dei danni diretti causati dalla catastrofe naturale. Dal momento che detto importo rappresenta l'1,78 % dell'RNL di Cipro ed è superiore alla soglia dello 0,6 % dell'RNL (ovvero 100,412 milioni di EUR), l'evento è qualificato come "catastrofe grave" ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 2, del regolamento FSUE.

Il costo delle operazioni essenziali di emergenza ammissibili, quali definite all'articolo 3 del regolamento, è stato stimato dalle autorità cipriote a 49 milioni di EUR, di cui più di 46,082 milioni di EUR riguardanti i costi di intervento dei servizi di emergenza contro i violenti incendi e 2,484 milioni di EUR riguardanti il ripristino immediato delle zone naturali colpite al fine di evitare gli effetti immediati legati all'erosione del suolo.

La regione colpita rientra nella categoria delle "regioni più sviluppate" previste dai Fondi strutturali e d'investimento europei (2014-2020). Le autorità cipriote non hanno comunicato alla Commissione l'intenzione di riassegnare i finanziamenti dei programmi dei fondi SIE a misure di recupero.

Cipro ha richiesto il pagamento di un anticipo, concesso dalla Commissione il 17 novembre 2016, per un importo di 729 876 EUR interamente versato.

Come già avvenuto in passato, la Commissione propone di applicare il tasso del 2,5 % dell'importo totale dei danni diretti fino alla soglia di "catastrofe grave" di Cipro e del 6 % per la parte del totale dei danni diretti superiore alla soglia. L'importo totale dell'aiuto proposto è quindi di 7 298 760 EUR.

Portogallo - Incendi del 2016 a Madera

Tra l'8 e il 13 agosto 2016, sull'isola portoghese di Madera si sono verificati dei violenti incendi di vasta entità che hanno interessato un'area di 6 000 ettari e hanno provocato la distruzione di infrastrutture pubbliche essenziali, edifici pubblici, abitazioni private, imprese nonché danni al settore agricolo.

Nella loro domanda, ricevuta dalla Commissione il 21 settembre 2016, le autorità portoghesi hanno stimato a 157 milioni di EUR il totale dei danni diretti causati dalla catastrofe naturale. Dal momento che detto importo rappresenta il 3,84 % del PIL regionale dell'isola di Madera (PT30 - Região Autónoma da Madeira) ed è pertanto superiore alla soglia dell'1 %, l'evento è qualificato come "catastrofe naturale regionale" ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 3, del regolamento FSUE.

Il costo delle operazioni essenziali di emergenza ammissibili, quali definite all'articolo 3 del regolamento, è stato stimato dalle autorità portoghesi a 7,347 milioni di EUR, di cui oltre 1,816 milioni di EUR riguardanti i costi relativi agli alloggi provvisori e 1,756 milioni di EUR riguardanti le misure di ripulitura.

La regione colpita rientra nella categoria delle "regioni meno sviluppate" previste dai Fondi strutturali e d'investimento europei (2014-2020). Le autorità portoghesi hanno comunicato alla Commissione l'intenzione di riassegnare i finanziamenti dei programmi dei fondi SIE a misure di recupero.

Il Portogallo ha richiesto il pagamento di un anticipo, concesso dalla Commissione il 9 novembre 2016, per un importo di 392 500 EUR interamente versato.

Come già avvenuto in passato, la Commissione propone di applicare il tasso del 2,5 % dell'importo totale dei danni diretti, dal momento che è inferiore alla soglia per "catastrofe grave" del Portogallo. L'importo totale dell'aiuto proposto è quindi di 3 925 000 EUR.

Conclusione

La mobilitazione proposta richiede una modifica del bilancio 2017 e un progetto di bilancio rettificativo (n. 1/2017), al fine di rafforzare l'articolo 13 06 01 "Assistere gli Stati membri colpiti da catastrofi naturali gravi aventi serie ripercussioni sulle condizioni di vita, sull'ambiente o sull'economia" di un importo pari a 71 524 810 EUR in stanziamenti sia di impegno che di pagamento.

Si tratta della prima decisione di mobilitazione del 2017 e l'importo totale dell'aiuto proposto rispetta il massimale annuo del 2017 per il Fondo di solidarietà dell'UE quale fissato dal regolamento che stabilisce il QFP, ossia 563 081 210 EUR (vale a dire 500 milioni di EUR a prezzi 2011). Poiché la dotazione del 2016 di 552 040 402 EUR non è stata spesa ed è stata riportata di un anno al 2017, il restante importo inutilizzato del FSUE che può essere mobilitato è attualmente pari a 1 115 121 612 EUR.

Il relatore raccomanda la rapida approvazione della decisione presentata dalla Commissione e allegata alla presente relazione, in segno di solidarietà con le regioni colpite.

(1)

  UKC2-Northumberland, UKD1-Cumbria, UKD3-Greater Manchester, UKD4-Lancashire, UKE2-Yorkshire settentrionale, UKE4-Yorkshire occidentale, UKL1- Galles occidentale e Valleys, UKM2-Scozia orientale, UKM3-Scozia sud-occidentale, UKM5-Scozia nord-orientale e UKN0-Irlanda del Nord.


ALLEGATO – LETTERA DELLA COMISSIONE PER LO SVILUPPO REGIONALE

Egregio on. Arthuis,

la Commissione europea ha trasmesso al Parlamento europeo la proposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla mobilizzazione del Fondo di solidarietà dell'UE (COM(2017)0045), sulla base delle domande di mobilizzazione del Fondo presentate da Regno Unito, Cipro e Portogallo in relazione alle inondazioni abbattutesi sul Regno Unito, alla siccità e agli incendi verificatisi a Cipro e agli incendi avvenuti a Madeira, in Portogallo, nel 2016.

La Commissione propone di mobilitare il Fondo di solidarietà dell'Unione europea, stimando i danni causati dalle catastrofi nel modo seguente:

Catastrofe

Danni diretti totali

 

 

 

 

(in milioni di EUR)

Soglia per catastrofi regionali applicata

 

 

 

(in milioni di EUR)

Soglia per catastrofi gravi applicata

 

 

 

(in milioni di EUR)

2,5% dei danni diretti totali fino alla soglia per catastrofi gravi

 

 

(in EUR)

6% dei danni diretti totali al di sopra della soglia per catastrofi gravi

 

 

(in EUR)

Importo totale dell'aiuto proposto

 

 

 

(in EUR)

Regno Unito — Inondazioni del 2016 (catastrofe regionale)

2 412,042

 

626,764

 

 

n.p.

60 301 050

 

-

60 301 050

Cipro — Siccità e incendi del 2016 (catastrofe grave)

180,803

n.p.

 

101,412

2 535 300

 

4 763 460

7 298 760

Portogallo — Incendi a Madeira del 2016 (catastrofe regionale)

157,000

40,850

 

n.p.

3 925 000

-

3 925 000

 

TOTALE

 

71 524 810

La Commissione propone inoltre il progetto di bilancio rettificativo (PBR) n. 1 per il 2017 (COM(2017)0046 final) al fine di coprire la summenzionata proposta di mobilizzazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea, operando un rafforzamento dell'articolo 13 06 01 (Fondo di solidarietà dell'UE per gli Stati membri) di 71 524 810 EUR in stanziamenti di impegno e di pagamento.

I coordinatori della commissione hanno valutato le proposte e mi hanno chiesto di scriverLe per riferirLe che la maggioranza della commissione da me presieduta non solleva obiezioni alla mobilizzazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea per l'assegnazione dell'importo summenzionato proposto dalla Commissione ed è favorevole al corrispondente PBR n. 1/2017 proposto dalla Commissione.

Distinti saluti.

Iskra MIHAYLOVA


INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

3.4.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

35

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Jean Arthuis, Lefteris Christoforou, Gérard Deprez, Manuel dos Santos, José Manuel Fernandes, Eider Gardiazabal Rubial, Jens Geier, Ingeborg Gräßle, Iris Hoffmann, Bernd Kölmel, Zbigniew Kuźmiuk, Clare Moody, Siegfried Mureşan, Victor Negrescu, Liadh Ní Riada, Jan Olbrycht, Younous Omarjee, Pina Picierno, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Jordi Solé, Eleftherios Synadinos, Indrek Tarand, Isabelle Thomas, Monika Vana, Daniele Viotti, Marco Zanni, Stanisław Żółtek

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Nicola Caputo, Ivana Maletić, Andrey Novakov, Marco Valli, Tomáš Zdechovský

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Othmar Karas, Bernd Lucke


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

35

+

ALDE

Nedzhmi Ali, Jean Arthuis, Gérard Deprez

ECR

Bernd Kölmel, Zbigniew Kuźmiuk, Bernd Lucke

EFDD

Marco Valli

ENF

Marco Zanni

GUE/NGL

Liadh Ní Riada, Younous Omarjee

NI

Eleftherios Synadinos

PPE

Lefteris Christoforou, José Manuel Fernandes, Ingeborg Gräßle, Othmar Karas, Ivana Maletić, Siegfried Mureşan, Andrey Novakov, Jan Olbrycht, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Tomáš Zdechovský

S&D

Nicola Caputo, Eider Gardiazabal Rubial, Jens Geier, Iris Hoffmann, Clare Moody, Victor Negrescu, Pina Picierno, Isabelle Thomas, Daniele Viotti, Manuel dos Santos

Verts/ALE

Jordi Solé, Indrek Tarand, Monika Vana

1

-

ENF

Stanisław Żółtek

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Avviso legale