Procedura : 2016/2238(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0191/2017

Testi presentati :

A8-0191/2017

Discussioni :

PV 03/07/2017 - 24
CRE 03/07/2017 - 24

Votazioni :

PV 04/07/2017 - 6.15
CRE 04/07/2017 - 6.15
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2017)0289

RELAZIONE     
PDF 456kWORD 57k
17.5.2017
PE 594.042v03-00 A8-0191/2017

sulle imprese di sicurezza private

(2016/2238(INI))

Commissione per gli affari esteri

Relatore: Hilde Vautmans

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 PARERE DI MINORANZA
 INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulle imprese di sicurezza private

(2016/2238(INI))

Il Parlamento europeo,

–  visto il documento di Montreux sui pertinenti obblighi giuridici internazionali e sulle buone prassi per gli Stati concernenti le operazioni condotte dalle imprese militari e di sicurezza private in situazioni di conflitto armato,

–  viste le risoluzioni 15/26, 22/33, 28/7 e 30/6 del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani,

  visto il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull'utilizzo di mercenari come mezzo per violare i diritti umani e ostacolo all'esercizio del diritto all'autodeterminazione dei popoli, che è stato istituito nel luglio 2005,

–  viste le relazioni del gruppo di lavoro intergovernativo aperto incaricato di esaminare la possibilità di elaborare un quadro normativo internazionale in materia di regolamentazione, controllo e supervisione delle attività delle imprese militari e di sicurezza private,

–  visti gli orientamenti delle Nazioni Unite sul ricorso a servizi di sicurezza armati delle imprese di sicurezza private, recentemente estesi ai servizi di sicurezza non armati,

–  visto il codice di condotta delle Nazioni Unite per i pubblici ufficiali incaricati dell'applicazione della legge,

–  visto il progetto di una possibile convenzione sulle imprese militari e di sicurezza private, da sottoporre all'esame e alle iniziative del Consiglio per i diritti umani,

–  visto il Codice di condotta internazionale per le imprese di sicurezza private (ICoC), stabilito dall'Associazione del codice di condotta internazionale, che è un meccanismo di autoregolamentazione del settore le cui norme sono volontarie,

–  visto il codice di condotta dell'Associazione per le operazioni di stabilità internazionale, che è un meccanismo di autoregolamentazione del settore,

–  visto il Codice di condotta ed etico per il settore della sicurezza privata della Confederazione dei servizi di sicurezza europei e di UNI Europa,

–  visto il sistema di gestione ISO 18788 per le operazioni di sicurezza privata, che stabilisce parametri per la gestione delle imprese di sicurezza private,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 13 giugno 2002 relativa alla cooperazione tra le autorità nazionali degli Stati membri competenti in materia di sicurezza privata,

–  vista la direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE(1),

–  vista la direttiva 2009/81/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa al coordinamento delle procedure per l'aggiudicazione di taluni appalti di lavori, di forniture e di servizi nei settori della difesa e della sicurezza da parte delle amministrazioni aggiudicatrici/degli enti aggiudicatori, e recante modifica delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE(2),

–  visti il concetto UE di sostegno logistico per le operazioni militari dirette dall'UE e il concetto UE di sostegno ai contraenti per le operazioni militari dirette dall'UE,

–  viste le raccomandazioni nell'ambito del progetto Priv-War riguardanti l'azione normativa dell'UE nel settore delle imprese militari e di sicurezza private e dei loro servizi,

–  viste la sua risoluzione dell'8 ottobre 2013 sulla corruzione nei settori pubblico e privato: l'impatto sui diritti umani nei paesi terzi(3) e la sua risoluzione del 6 febbraio 2013 sulla responsabilità sociale delle imprese: promuovere gli interessi della società e un cammino verso una ripresa sostenibile e inclusiva(4),

–  visti i numerosi e vari rischi, sfide e minacce all'interno e all'esterno dell'Unione europea,

  visti gli orientamenti provvisori dell'Organizzazione marittima internazionale (OMI) del maggio 2012 sul personale di sicurezza armato a bordo delle navi,

–  visto l'articolo 52 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per gli affari esteri (A8-0191/2017),

A.  considerando che la sicurezza e la difesa sono beni pubblici gestiti dalle autorità pubbliche sulla base dei criteri di efficienza, efficacia, responsabilità e dello Stato di diritto, che non dipendono solamente dalla fornitura di risorse finanziarie adeguate ma anche dalle conoscenze; che in alcuni ambiti le autorità pubbliche possono non disporre delle necessarie capacità e competenze;

B.  considerando che sicurezza e difesa dovrebbero essere assicurate principalmente dalle autorità pubbliche;

C.  considerando che dai sondaggi Eurobarometro emerge che i cittadini dell'UE desiderano un'UE più attiva nel settore della sicurezza e della difesa;

D.  considerando che nel 2013 in Europa oltre 1,5 milioni di contraenti privati nel settore della sicurezza erano impiegati in circa 40 000 imprese di sicurezza private; che i dati sono in continua crescita; che nello stesso anno il fatturato di tali imprese ammontava a circa 35 miliardi di EUR; che a livello globale l'industria della sicurezza privata è stata valutata in 200 miliardi di USD nel 2016 e conta circa 100 000 imprese di sicurezza private e 3,5 milioni di dipendenti;

E.  considerando che, negli ultimi decenni, le imprese di sicurezza private (termine che, ai fini della presente risoluzione, include anche le imprese militari private) sono sempre più spesso impiegate dai governi come pure dalle agenzie militari e civili nazionali, sia per la fornitura interna di servizi che per il sostegno alle missioni all'estero;

F.  considerando che la gamma di servizi forniti dalle imprese di sicurezza private è molto ampia e spazia dai servizi logistici all'effettivo sostegno nei combattimenti, alla fornitura di tecnologia militare e alla partecipazione alla ricostruzione postbellica; che le imprese di sicurezza private forniscono anche servizi fondamentali all'interno degli Stati membri, quali la gestione delle carceri e la fornitura di ronde di controllo presso le infrastrutture; che le imprese di sicurezza private sono state impiegate nelle missioni sia civili che militari della politica di sicurezza e di difesa comune (PSDC) per la protezione delle delegazioni dell'UE, la costruzione di campi base, la formazione, i trasporti aerei e per sostenere le attività di aiuto umanitario;

G.  considerando che, all'interno dell'UE, le prassi degli Stati membri per quanto riguarda l'impiego delle imprese di sicurezza private, le procedure per l'aggiudicazione degli appalti alle stesse e la qualità dei sistemi normativi variano notevolmente e che molti di essi ricorrono alle imprese di sicurezza private per sostenere i propri contingenti nelle operazioni multilaterali;

H.  considerando che l'esternalizzazione delle attività militari, in precedenza parte integrante delle attività delle forze armate, ha luogo, tra l'altro, per fornire servizi in modo più efficace sotto il profilo dei costi, ma anche per compensare la carenza di capacità in seno alle forze armate, il cui effettivo è sempre più ridotto, nel quadro di un crescente numero di missioni multilaterali all'estero e per compensare i tagli di bilancio che sono il risultato di una mancanza di volontà da parte dei responsabili politici di impegnare risorse adeguate; che ciò dovrebbe costituire un'eccezione; che è necessario ovviare alle carenze; che le imprese di sicurezza private sono anche in grado di fornire capacità di cui le forze armate nazionali sono del tutto sprovviste, spesso con breve preavviso e in modo complementare; che le imprese di sicurezza private sono state altresì impiegate per motivi di opportunità politica al fine di evitare limitazioni nell'uso delle truppe, in particolare per superare l'eventuale mancanza di sostegno pubblico nei confronti dell'impegno delle forze armate; che l'utilizzo di imprese di sicurezza private come strumento di politica estera deve essere sottoposto a un efficace controllo parlamentare;

I.  considerando che le imprese di sicurezza private sono state accusate di essere coinvolte in una serie di violazioni dei diritti umani ed eventi che hanno causato la perdita di vite umane; che tali episodi variano nel tempo e tra i paesi e che talvolta rappresentano gravi violazioni del diritto internazionale umanitario, ivi compresi i crimini di guerra; che in alcuni di questi casi sono stati avviati procedimenti giudiziari; che tutto ciò, unitamente alla loro mancanza di trasparenza, ha avuto ripercussioni sugli sforzi profusi dalla comunità internazionale nei paesi in questione e ha portato alla luce notevoli carenze nelle strutture di responsabilità a causa, tra l'altro, della creazione di numerosi livelli di filiali e subappalti in vari paesi, soprattutto a livello locale, aspetto che ha portato, in alcuni casi, all'incapacità di garantire la sicurezza di base della popolazione civile nei paesi ospitanti;

J.  considerando che l'UE e i suoi Stati membri dovrebbero mirare a evitare in futuro tali situazioni e astenersi dall'esternalizzare operazioni militari che prevedono l'utilizzo della forza e delle armi, la partecipazione alle ostilità o altri impegni nei combattimenti o nelle zone di combattimento, al di là dell'autodifesa; che le operazioni e le attività esternalizzate alle imprese di sicurezza private nelle zone di conflitto dovrebbero essere limitate a un sostegno logistico e alla protezione degli impianti, senza l'effettiva presenza di imprese di sicurezza private nelle zone in cui sono in corso attività di combattimento; che l'impiego delle imprese di sicurezza private non può in alcun caso essere sostitutivo del personale delle forze armate nazionali; che, nell'applicazione delle politiche di difesa, la massima priorità deve essere garantire alle forze armate degli Stati membri risorse, strumenti, addestramento, conoscenze e mezzi sufficienti per espletare i loro compiti in modo completo;

K.  considerando che, affinché gli Stati beneficino dei vantaggi offerti dalle imprese di sicurezza private, e al fine di garantire che esse possano essere considerate responsabili, si dovrebbe istituire a livello internazionale un quadro giuridico con meccanismi normativi e di monitoraggio vincolanti per regolamentarne l'impiego e fornire un controllo sufficiente sulle loro attività; che le imprese di sicurezza private sono parte di un settore la cui natura è altamente transnazionale e che è strettamente correlato ad attori governativi e intergovernativi e che pertanto richiede un approccio globale in termini di regolamentazione; che l'attuale quadro normativo in tale settore è dato da un insieme di disposizioni incoerenti, con differenze enormi nei vari Stati membri; che le legislazioni nazionali e le norme di autoregolamentazione disomogenee adottate da alcune imprese di sicurezza private rappresentano un deterrente debole per la prevenzione di abusi, data la mancanza di sanzioni, e possono esercitare un impatto significativo sul modo di operare delle imprese di sicurezza private negli interventi multilaterali e nelle regioni in conflitto;

L.  considerando che mancano definizioni concordate delle imprese di sicurezza private, delle imprese militari private e dei loro servizi; che, come suggerito dalla definizione inclusa nel progetto di convenzione elaborato dal gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sui mercenari, un'impresa di sicurezza privata può essere definita come un'entità societaria che fornisce, a titolo oneroso, servizi militari e/o di sicurezza da parte di persone fisiche e/o giuridiche; che i servizi militari in tale contesto possono essere definiti come servizi specializzati legati ad azioni militari tra cui la pianificazione strategica, l'intelligence, le indagini, la ricognizione terrestre, navale o aerea, le operazioni di volo di qualsiasi tipo, con o senza equipaggio, la sorveglianza e l'intelligence satellitari, qualsiasi forma di trasferimento di conoscenze attraverso applicazioni militari, sostegno materiale e tecnico alle forze armate e altre attività associate; che i servizi di sicurezza possono essere definiti come sorveglianza o protezione armata di edifici, impianti, proprietà e persone, qualsiasi forma di trasferimento di conoscenze attraverso applicazioni di sicurezza e polizia, sviluppo e attuazione di misure di sicurezza delle informazioni e altre attività associate;

M.  considerando che il documento di Montreux è il primo importante documento che definisce in che modo il diritto internazionale si applichi alle imprese di sicurezza private; che l'ICoC definisce le norme del settore e si sta confermando in misura sempre maggiore quale strumento volto ad assicurare norme comuni di base in un settore globale; che l'Associazione del Codice di condotta internazionale per le imprese di sicurezza private (ICoCA) ha come obiettivo la promozione, la gestione e la supervisione dell'attuazione dell'ICoC, oltre che incentivare la fornitura di servizi di sicurezza in modo responsabile e nel rispetto dei diritti dell'uomo e del diritto nazionale e internazionale; che l'adesione all'ICoCA avviene su base volontaria e a pagamento, e che le elevate tariffe di adesione non sono accessibili a tutte le imprese di sicurezza private;

N.  considerando che l'attività di regolamentazione delle imprese di sicurezza private è portata avanti nell'ambito di numerosi consessi internazionali, compresi il forum sul documento di Montreux, in cui l'UE è stata nominata nel gruppo degli amici della presidenza, il gruppo di lavoro intergovernativo aperto incaricato di esaminare la possibilità di elaborare un quadro normativo internazionale in materia di regolamentazione, controllo e supervisione delle attività delle imprese militari e di sicurezza private, e l'Associazione del codice di condotta internazionale;

O.  considerando che l'UE e 23 Stati membri hanno aderito al documento di Montreux e che l'UE è membro del gruppo di lavoro sull'associazione del codice di condotta internazionale; che l'UE contribuisce, nel contesto del Consiglio per i diritti umani, al possibile sviluppo di un quadro normativo internazionale; che l'UE svolge un ruolo fondamentale nella promozione del controllo nazionale e regionale della fornitura e dell'esportazione di vari servizi militari e di sicurezza;

P.  considerando che l'Unione europea non dispone di un proprio quadro normativo, nonostante le numerose imprese di sicurezza private di provenienza europea e/o che intervengono nell'ambito delle missioni e delle operazioni di PSDC o delle delegazioni dell'UE; che i quadri normativi vigenti sono quasi interamente fondati sul modello americano, applicato in occasione del conflitto in Iraq, e a vantaggio delle imprese militari impegnate nelle missioni di combattimento; che questi parametri non corrispondono né al modello, né alle missioni delle imprese di sicurezza private europee;

Q.  considerando che è di importanza essenziale accordare priorità alla definizione di norme chiare per l'interazione, la cooperazione e l'assistenza tra autorità di contrasto e imprese di sicurezza private;

R.  considerando che le imprese di sicurezza private svolgono un ruolo di maggiore importanza nella lotta contro la pirateria e nel miglioramento della sicurezza marittima, nelle missioni che coinvolgono unità cinofile, nella ciberdifesa, nella ricerca e sviluppo di strumenti di sicurezza, nelle missioni di sorveglianza mista e nella formazione in cooperazione con le autorità pubbliche, nonché sotto la loro supervisione; che l'utilizzo delle imprese di sicurezza private ha dato origine a sfide specifiche per il settore marittimo e ha provocato numerosi episodi che hanno portato alla perdita di vite umane e a conflitti diplomatici;

L'impiego di imprese di sicurezza private nel sostegno alle forze militari all'estero

1.  osserva che le imprese di sicurezza private svolgono un ruolo complementare importante nel sostenere le agenzie militari e civili statali, colmando le carenze di capacità dovute alla crescente richiesta di spiegamento di forze all'estero e fornendo altresì occasionalmente capacità di intervento, se le circostanze lo consentono; sottolinea che, in casi eccezionali, i servizi delle imprese di sicurezza private colmano le carenze di capacità esistenti che, tuttavia, gli Stati membri dovrebbero prima cercare di colmare con le forze armate o di polizia nazionali; sottolinea che le imprese di sicurezza private vengono utilizzate come strumento di attuazione della politica estera di tali paesi;

2.  sottolinea la necessità che le imprese di sicurezza private che operano nei paesi ospitanti, in particolare in quelli che si differenziano significativamente in termini di cultura e religione, siano attente alle tradizioni e alle abitudini locali, al fine di non mettere a repentaglio l'efficacia della loro missione e alienare la popolazione locale;

3.  osserva che, rispetto alle truppe nazionali, le imprese di sicurezza private, in particolare quelle stabilite nei paesi ospitanti, possono fornire preziose conoscenze locali e, spesso, consentire un notevole risparmio di costi, ma che occorre tuttavia assicurare che non sia compromessa la qualità; sottolinea, tuttavia, che l'utilizzo di servizi forniti da imprese di sicurezza private locali in paesi fragili e in regioni vulnerabili alle crisi può avere ripercussioni negative per gli obiettivi di politica estera dell'UE qualora tale utilizzo rafforzi taluni attori armati locali che potrebbero assumere un ruolo nel conflitto. osserva l'importanza di operare una netta separazione giuridica tra il funzionamento delle imprese di sicurezza private e degli attori privati che sono direttamente coinvolti in operazioni militari;

4.  sottolinea che non si dovrebbero esternalizzare alle imprese di sicurezza private attività che comportano l'uso della forza e/o la partecipazione diretta alle ostilità, ad eccezione dell'autodifesa. sottolinea che, in materia di sicurezza e difesa dell'UE, dovrebbe essere prioritario il rafforzamento delle forze armate nazionali, delle quali le imprese di sicurezza private dovrebbero costituire solo un'integrazione senza alcuna autorità sulle decisioni strategiche; sottolinea che la partecipazione delle imprese di sicurezza private alle operazioni militari deve essere giustificata, con obiettivi da raggiungere chiaramente definiti, verificabili tramite indicatori concreti, una voce di bilancio esaustiva, nonché una data di inizio e di fine specifica, e deve essere disciplinata da un rigoroso codice etico; rileva che l'operato delle forze armate e di sicurezza all'estero rappresenta un valore fondamentale per il mantenimento della pace e la prevenzione dei conflitti, nonché per la ricostruzione sociale e la successiva pacificazione nazionale;

5.  sottolinea che il principio di efficacia in termini di costi legato all'impiego delle imprese di sicurezza private offre vantaggi soprattutto a breve termine, in particolare se non si tiene conto di una serie di variabili socioeconomiche e, pertanto, non dovrebbe divenire il criterio principale quando si affrontano le questioni di sicurezza; ricorda che i meccanismi di responsabilità e supervisione sono fondamentali al fine di garantire che la legittimità e i vantaggi potenziali delle imprese di sicurezza private vengano conseguiti appieno;

6.  sottolinea l'importanza del controllo parlamentare sull'utilizzo delle imprese di sicurezza private da parte degli Stati membri;

Utilizzo delle imprese di sicurezza private da parte dell'UE

7.  rileva che l'UE ricorre a imprese di sicurezza private all'estero per proteggere le proprie delegazioni e il proprio personale e per sostenere le missioni civili e militari di PSDC; osserva che il loro utilizzo contribuisce pertanto direttamente alla reputazione dell'UE e alla percezione che ne hanno le parti terze, e ciò rende tali imprese un aspetto importante della presenza locale dell'UE e influisce sul livello di fiducia in essa; chiede alla Commissione e al Consiglio di indicare in quali ambiti, quando e per quali motivi siano state impiegate imprese di sicurezza private a sostegno delle missioni dell'UE; ritiene che non sarebbe illogico che nelle gare di appalto riguardanti la sicurezza delle sue delegazioni l'Unione europea favorisse il ricorso a imprese di sicurezza private con sede in Europa, soggette alla normativa e alla tassazione dell'Unione europea;

8.  sottolinea tuttavia che, in particolare negli ambienti a rischio di conflitto, l'impiego di un'impresa di sicurezza privata per lo svolgimento di talune mansioni può avere effetti secondari negativi per l'UE, in particolare per la sua legittimità, mettendola accidentalmente in collegamento con attori armati nella zona di conflitto, con ripercussioni negative in caso di azioni armate, o rischiando di compromettere gli sforzi in termini di disarmo, smobilitazione e reinserimento (DDR) o di riforma del settore della sicurezza (SSR) attraverso l'involontario rafforzamento degli attori locali; rileva in particolare i rischi posti dal subappalto incontrollato, ad esempio alle imprese di sicurezza private locali;

9.  richiama l'attenzione sui vari gravi problemi giuridici e politici associati alla prassi corrente della concessione in subappalto nel campo dei servizi militari e di sicurezza, con particolare riferimento ai servizi forniti da subappaltatori locali in paesi terzi; ritiene che gli Stati membri, il SEAE e la Commissione dovrebbero accordarsi per seguire l'esempio della NATO e stipulare contratti soltanto con imprese di sicurezza private stabilite negli Stati membri dell'UE;

10.  raccomanda pertanto che la Commissione proponga orientamenti comuni per l'aggiudicazione di appalti alle imprese di sicurezza private per l'assunzione, l'utilizzo e la gestione dei contraenti nel settore militare e della sicurezza, in cui siano indicati chiaramente i requisiti necessari affinché tali imprese possano ottenere un appalto dell'UE, allo scopo di sostituire l'attuale moltitudine di approcci; esorta la Commissione e il SEAE ad avvalersi degli stessi orientamenti per l'assunzione, l'utilizzo e la gestione dei contraenti nel settore militare e della sicurezza in tutte le azioni, missioni e operazioni esterne, per le delegazioni UE in tutti i paesi e regioni e per tutti i servizi di un elenco comune delle attrezzature militari dell'Unione europea rivisto; osserva che tali orientamenti dovrebbero basarsi sulle migliori prassi internazionali per quanto riguarda la condotta e la gestione delle imprese di sicurezza private, in particolare il documento di Montreux e l'ICoC, e tenere conto della necessità di prestare particolare attenzione in sede di selezione delle imprese di sicurezza private in un complesso contesto post-crisi; esorta la Commissione e il SEAE a ricorrere esclusivamente ai prestatori di servizi con certificazione ICoC, così come viene già fatto dalle Nazioni Unite, per le quali l'ICoC è un requisito; richiama l'attenzione sull'approccio adottato dalle autorità degli Stati Uniti che comprende norme e requisiti dettagliati per ciascun contratto e invita l'UE a seguire tale esempio; sottolinea che i contratti con le imprese di sicurezza private dovrebbero includere, tra l'altro, clausole in materia di possesso di licenze e autorizzazioni, registri del personale e del patrimonio, formazione, acquisizione e uso legali delle armi e organizzazione interna;

11.  chiede che un supervisore dell'UE alla sicurezza di un'impresa di sicurezza dell'UE sia presente presso i siti finanziati dall'UE e presso le delegazioni dell'UE, con il compito di garantire la qualità dei servizi di sicurezza forniti, controllare e formare il personale di sicurezza assunto localmente, stabilire e mantenere buoni rapporti con le forze di sicurezza locali, fornire valutazioni dei rischi ed essere il primo punto di contatto in materia di sicurezza per la delegazione;

12.  raccomanda alla Commissione di elaborare un elenco aperto di contraenti che ottemperano alle norme dell'UE su questioni quali l'assenza di precedenti penali, una capacità economica e finanziaria, il possesso di licenze e autorizzazioni e l'esecuzione di controlli del personale; osserva che le norme in materia di imprese di sicurezza private variano notevolmente all'interno dell'Unione europea e ritiene che gli Stati membri dovrebbero ambire a raggiungere norme simili; ritiene che questo elenco dovrebbe essere aggiornato ad intervalli non superiori a 2 anni;

13.  sottolinea che, qualora l'UE si affidi a imprese di sicurezza private in paesi terzi con cui ha concluso un accordo sullo status delle forze (SOFA), tale accordo deve sempre includere le imprese di sicurezza private impiegate e indicare nello specifico che le imprese saranno ritenute responsabili secondo il diritto dell'UE;

14.  sottolinea che il concetto dell'UE di sostegno ai contraenti dovrebbe essere rafforzato e reso vincolante per gli Stati membri e le istituzioni dell'Unione; ritiene, in particolare, che dovrebbe specificare norme più rigorose da includere nei contratti, ad esempio sulla base delle norme USA, e che dovrebbe altresì richiedere che nelle regioni in conflitto non si impieghino imprese di sicurezza private locali o che a queste non si assegnino subappalti; sottolinea che le imprese di sicurezza private internazionali dovrebbero avere la possibilità di assumere personale locale, ma soltanto singolarmente e direttamente, al fine di garantire un controllo efficace e di evitare la creazione di settori locali di sicurezza nelle regioni di conflitto;

Regolamentazione delle imprese di sicurezza private

15.  raccomanda alla Commissione di elaborare un Libro verde con l'obiettivo di coinvolgere tutti i soggetti interessati del settore della sicurezza pubblico e privato in un'ampia consultazione e discussione in merito ai processi, per individuare con maggiore efficacia le opportunità di collaborazione diretta e stabilire una serie di norme di ingaggio di base e buone prassi; raccomanda l'elaborazione di norme di qualità dell'UE specifiche per settore; raccomanda pertanto che la definizione di imprese di sicurezza private sia chiarita prima di introdurre una normativa efficace che ne disciplini le attività, dal momento che la mancanza di una simile definizione può creare lacune legislative;

16.  ritiene che, come primo passo, l'UE dovrebbe definire i pertinenti servizi militari e di sicurezza in maniera precisa; esorta il Consiglio, a tale proposito, ad aggiungere senza indugio i servizi militari e di sicurezza prestati dalle imprese di sicurezza private all'elenco comune delle attrezzature militari dell'Unione europea;

17.  esorta la Commissione a elaborare un modello normativo europeo efficace, il quale:

–  contribuisca ad armonizzare le differenze sul piano giuridico tra gli Stati membri mediante una direttiva;

–  rivaluti, e quindi ridefinisca, le attuali strategie di collaborazione pubblico-privato;

–  effettui un rilevamento delle imprese aventi un uso finale singolo o multiplo;

–  contestualizzi la natura e il ruolo precisi delle imprese militari e di sicurezza private;

–  fissi norme di livello elevato per i prestatori di servizi di sicurezza privati all'interno dell'UE o che operano all'estero, compresi livelli adeguati di controlli di sicurezza del personale e una retribuzione equa;

–  garantisca la segnalazione delle irregolarità e illegalità da parte delle imprese di sicurezza private e permetta di chiamarle a rispondere delle violazioni, comprese le violazioni dei diritti umani, nel corso delle loro attività all'estero;

–  integrino una specifica prospettiva marittima, tenendo conto del ruolo guida dell'Organizzazione marittima internazionale (OMI);

18.  osserva che i nuovi quadri normativi globali, come il documento di Montreux, l'ICoC e altre iniziative normative nel quadro delle Nazioni Unite, costituiscono un chiaro passo avanti rispetto alla mancanza di regolamentazioni di rilievo prevalente solo un decennio fa;

19.  elogia inoltre gli sforzi profusi da numerosi Stati membri dell'UE, seguendo le buone prassi delineate nel documento di Montreux, volti a introdurre una regolamentazione nazionale efficace delle imprese di sicurezza private;

20.  osserva tuttavia che la valutazione delle prestazioni delle imprese di sicurezza private è ostacolata dalla mancanza di un'elaborazione coerente delle relazioni relative al loro impiego da parte delle istituzioni dell'UE e dei governi degli Stati membri; incoraggia gli Stati membri e le istituzioni dell'UE a fornire tali informazioni con maggiore coerenza e in maniera trasparente per consentire un'adeguata valutazione dell'impiego delle imprese di sicurezza private da parte delle rispettive autorità di bilancio e di revisori indipendenti; raccomanda che i parlamenti e le ONG vengano attivamente coinvolti nei necessari processi di valutazione, fondamentali per la regolamentazione e la supervisione di questo settore;

21.  raccomanda alla Commissione e al Consiglio di istituire un quadro giuridico che richieda alla legislazione nazionale di controllare l'esportazione di servizi militari e di sicurezza e di riferire nella relazione annuale UE sull'esportazione degli armamenti in merito alle licenze di esportazione di servizi militari e di sicurezza concesse dagli Stati membri, al fine di migliorare la trasparenza e la responsabilità pubbliche;

22.  sottolinea che la natura transnazionale delle imprese di sicurezza private e, in particolare, le loro attività in regioni del mondo colpite da crisi talvolta comportano vuoti giurisdizionali, in particolare dove la struttura giuridica locale è debole, a causa dei quali potrebbe essere difficile chiamare le imprese o i loro dipendenti a rispondere delle loro azioni; osserva che la regolamentazione nazionale delle imprese di sicurezza private spesso non ha applicazione extraterritoriale; sottolinea che le imprese di sicurezza private devono essere sempre soggette al diritto e ad efficaci controlli da parte sia dello Stato ospitante che di quello contraente, rileva che vi è frequentemente un vuoto giuridico nell'ambito delle controversie o degli incidenti che possono verificarsi nelle aree ad alto rischio coinvolgendo le imprese di sicurezza private e gli agenti dell'UE; raccomanda pertanto la definizione di norme uniformi e chiare destinate alle istituzioni europee che impiegano le imprese di sicurezza private per la protezione del personale dell'Unione europea, che attribuiscano responsabilità chiare al fine di impedire lacune nella protezione e l'impunità e tengano conto del quadro giuridico dello Stato ospitante; esorta altresì il SEAE, la Commissione e gli Stati membri a stipulare contratti soltanto con imprese di sicurezza private stabilite nell'UE unitamente all'obbligo di fornire i servizi direttamente senza ricorrere a subappaltatori locali in paesi terzi spesso fragili;

23.  esorta pertanto l'UE e i sui Stati membri a servirsi del loro status in seno al forum sul documento di Montreux per insistere sulla necessità di revisioni periodiche dello stato di attuazione delle raccomandazioni in merito alle buone prassi contenute nel documento di Montreux da parte dei suoi partecipanti; esorta gli Stati membri che non vi abbiano ancora provveduto ad aderire quanto prima al documento di Montreux; incoraggia gli Stati membri a impegnarsi a condividere le migliori prassi;

24.  chiede all'UE e ai suoi Stati membri di esercitare pressioni a favore di uno strumento internazionale giuridicamente vincolante che vada oltre il documento di Montreux, disciplinando le attività delle imprese di sicurezza private e creando condizioni di parità per garantire che gli Stati ospitanti dispongano dell'autorità per disciplinare le imprese di sicurezza private e che gli Stati contraenti siano in grado di utilizzare il loro potere per proteggere i diritti umani e impedire la corruzione; sottolinea che tale quadro deve includere sanzioni dissuasive per le violazioni, l'assunzione di responsabilità da parte di chi le commette e l'accesso efficace al ricorso per le vittime, oltre a un sistema di licenze e monitoraggio che richieda a tutte le imprese di sicurezza private di sottoporsi ad audit indipendenti e al loro personale di partecipare alla formazione obbligatoria in materia di diritti umani;

25.  esorta il VP/AR, gli Stati membri, il SEAE e la Commissione a sostenere con decisione l'istituzione di una convenzione internazionale che miri a stabilire un regime giuridico internazionale per disciplinare i servizi interessati forniti dalle imprese di sicurezza private;

26.  loda gli sforzi dell'Organizzazione marittima internazionale (OMI) nel fornire orientamenti per l'utilizzo di squadre di sicurezza armate private; incoraggia la Commissione e gli Stati membri a continuare a collaborare con l'OMI per giungere a un'applicazione globale di tali orientamenti;

27.  sottolinea che le decisioni in materia di appalti pubblici costituiscono uno dei modi più efficaci di influenzare le imprese di sicurezza private; evidenzia pertanto l'importanza di subordinare l'aggiudicazione degli appalti alle imprese di sicurezza private all'adozione di migliori prassi, come la trasparenza, e alla loro adesione all'ICoC, che alcuni Stati membri hanno già attuato; osserva tuttavia che è necessario rafforzare il meccanismo di controllo della conformità dell'ICoC e assicurarne la piena indipendenza per renderlo un credibile incentivo alla conformità; osserva che i soli Stati membri ad aver sottoscritto l'ICoC sono la Svezia e il Regno Unito e ritiene che l'UE dovrebbe adoperarsi per garantire che altri Stati membri sottoscrivano tale codice di condotta quale primo passo;

28.  osserva che le imprese di sicurezza private dovrebbero disporre di un'assicurazione di responsabilità civile, che renderebbe il mercato del settore della sicurezza più stabile e affidabile, con l'ingresso di imprese di sicurezza private piccole e medie;

29.  sottolinea che l'aggiudicazione degli appalti alle imprese di sicurezza private dovrebbe tener conto dell'esperienza di tali imprese e della durata del loro operato in ambienti ostili ed essere sottoposta a valutazione sulla base di tali elementi anziché consistere nell'avvicendamento di appalti analoghi;

30.  richiama l'attenzione sul fatto che le imprese di sicurezza private, oltre che offrire servizi di sicurezza, conducono anche attività di intelligence che, date le potenziali implicazioni, richiedono una regolamentazione e un controllo efficienti;

31.  rileva la notevole influenza che l'UE e gli Stati membri hanno sull'industria della sicurezza globale, dovuta al fatto che molti attori importanti hanno la loro sede nell'UE; pone pertanto un'enfasi particolare sull'imminente revisione dell'elenco comune delle attrezzature militari in quanto opportunità per includere alcuni servizi forniti dalle imprese di sicurezza private, che le renderebbe soggette alle normative relative alle esportazioni e applicherebbe norme di base alle loro attività all'estero;

°

°  °

32.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio europeo, al Consiglio, alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza nonché ai parlamenti nazionali degli Stati membri.

(1)

GU L 94 del 28.3.2014, pag. 65.

(2)

GU L 216 del 20.8.2009, pag. 76.

(3)

GU C 181 del 19.5.2016, pag. 2.

(4)

GU C 24 del 22.1.2016, pag. 33.


PARERE DI MINORANZA

sulle imprese di sicurezza private (2016/2238(INI))

Commissione per gli affari esteri, relatore: Hilde Vautmans

Parere di minoranza presentato da Javier Couso Permuy (GUE/NGL)

La relazione prende in esame le imprese di sicurezza private, tra cui anche quelle militari private, e la loro utilità per l'UE e gli Stati membri a livello di sicurezza e difesa e intende agevolare il ricorso ad esse.

Al momento, le imprese di sicurezza private forniscono sia sostegno logistico nella lotta sul campo che un contributo alla ricostruzione successiva ai conflitti. Esse sono state inoltre impiegate nell'ambito delle missioni civili e militari della PSDC.

Siamo tuttavia contrari alla relazione in quanto:

–  respingiamo il ricorso a tali imprese di sicurezza private nell'ambito della sicurezza e della difesa degli Stati, dal momento che la questione non deve essere lasciata nelle mani di interessi privati che impiegano mercenari militari;

–  la difesa dei singoli Stati membri è di competenza di ogni Stato sovrano;

–  ci opponiamo all'uso del denaro pubblico per finanziare tali imprese private, dato che ciò, nella pratica, si traduce in un subappalto di mercenari affinché combattano nelle guerre, il che contribuisce all'insicurezza e all'instabilità globali;

–  respingiamo formalmente la privatizzazione della sicurezza e della difesa e qualsiasi altra forma di privatizzazione della guerra;

–  il ricorso alle imprese di sicurezza private consente di fornire sostegno a missioni militari impopolari agli occhi dei cittadini, senza compromettere l'invio di contingenti, che richiede l'approvazione del Parlamento, e con un dibattito pubblico scarso (i mercenari caduti in guerra non sono considerati vittime militari).

Alla luce di ciò proponiamo:

–  che si ponga termine alla privatizzazione della sicurezza e della difesa;

–  che sia fatto divieto alle imprese di sicurezza private di partecipare alla ricostruzione successiva ai conflitti;

–  che la difesa e la sicurezza siano gestite da professionisti, ossia le forze armate, che sono gli unici attori a poter utilizzare legittimamente la forza;

–  che il settore sia regolamento nel rispetto della Convenzione internazionale delle Nazioni Unite contro il reclutamento, l'utilizzazione, il finanziamento e l'istruzione di mercenari;

–  che sia proibito all'UE di subappaltare a imprese private le attività militari o quelle finalizzate a garantire la sicurezza delle delegazioni e missioni dell'Unione;

–  che si ponga fine all'impunità attualmente esistente tra i mercenari per le violazioni dei diritti umani.


INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

2.5.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

50

6

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Francisco Assis, Petras Auštrevičius, Amjad Bashir, Goffredo Maria Bettini, Mario Borghezio, Victor Boştinaru, James Carver, Fabio Massimo Castaldo, Lorenzo Cesa, Javier Couso Permuy, Arnaud Danjean, Georgios Epitideios, Knut Fleckenstein, Eugen Freund, Iveta Grigule, Sandra Kalniete, Tunne Kelam, Janusz Korwin-Mikke, Eduard Kukan, Ilhan Kyuchyuk, Arne Lietz, Barbara Lochbihler, Andrejs Mamikins, Ramona Nicole Mănescu, Tamás Meszerics, Francisco José Millán Mon, Javier Nart, Pier Antonio Panzeri, Demetris Papadakis, Alojz Peterle, Julia Pitera, Cristian Dan Preda, Jordi Solé, Jaromír Štětina, Dubravka Šuica, László Tőkés, Ivo Vajgl, Johannes Cornelis van Baalen, Anders Primdahl Vistisen, Boris Zala

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Laima Liucija Andrikienė, Neena Gill, Andrzej Grzyb, Antonio López-Istúriz White, David Martin, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Marietje Schaake, Ernest Urtasun, Paavo Väyrynen

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Birgit Collin-Langen, Jonás Fernández, Eider Gardiazabal Rubial, Karoline Graswander-Hainz, Andrey Novakov, Virginie Rozière, Josef Weidenholzer


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

50

+

ALDE

Petras Auštrevičius, Iveta Grigule, Ilhan Kyuchyuk, Javier Nart, Marietje Schaake, Ivo Vajgl, Paavo Väyrynen, Johannes Cornelis van Baalen

EFDD

Fabio Massimo Castaldo

PPE

Laima Liucija Andrikienė, Lorenzo Cesa, Birgit Collin-Langen, Arnaud Danjean, Andrzej Grzyb, Sandra Kalniete, Tunne Kelam, Eduard Kukan, Antonio López-Istúriz White, Francisco José Millán Mon, Ramona Nicole Mănescu, Andrey Novakov, Alojz Peterle, Julia Pitera, Cristian Dan Preda, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, László Tőkés, Jaromír Štětina, Dubravka Šuica

S&D

Francisco Assis, Goffredo Maria Bettini, Victor Boştinaru, Jonás Fernández, Knut Fleckenstein, Eugen Freund, Eider Gardiazabal Rubial, Neena Gill, Karoline Graswander-Hainz, Arne Lietz, Andrejs Mamikins, David Martin, Pier Antonio Panzeri, Demetris Papadakis, Virginie Rozière, Josef Weidenholzer, Boris Zala

VERTS/ALE

Barbara Lochbihler, Tamás Meszerics, Jordi Solé, Ernest Urtasun

6

-

ECR

Amjad Bashir, Anders Primdahl Vistisen

EFDD

James Carver

GUE/NGL

Javier Couso Permuy

NI

Georgios Epitideios, Janusz Korwin-Mikke

1

0

ENF

Mario Borghezio

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Avviso legale