Procedura : 2016/0383(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0257/2017

Testi presentati :

A8-0257/2017

Discussioni :

PV 13/09/2017 - 22
CRE 13/09/2017 - 22

Votazioni :

PV 14/09/2017 - 8.6
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2017)0352

RACCOMANDAZIONE     ***
PDF 389kWORD 58k
14.7.2017
PE 604.625v02-00 A8-0257/2017

concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici

(05530/2017 – C8-0144/2017 – 2016/0383(NLE))

Commissione per il commercio internazionale

Relatore: Inmaculada Rodríguez-Piñero Fernández

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 BREVE MOTIVAZIONE
 PARERE della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici

(05530/2017 – C8-0144/2017 – 2016/0383(NLE))

(Approvazione)

Il Parlamento europeo,

–  visto il progetto di decisione del Consiglio (05530/2017),

–  visto il progetto di accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici (05551/2017),

–  vista la richiesta di approvazione presentata dal Consiglio a norma degli articoli 207, paragrafo 4, secondo comma, lettera a), punto v), e dell'articolo 218, paragrafi 6 e 7, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (C8-0144/2017),

–  visti l'articolo 99, paragrafi 1 e 4, e l'articolo 108, paragrafo 7, del suo regolamento,

–  visti la raccomandazione della commissione per il commercio internazionale e il parere della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (A8-0257/2017),

1.  dà la sua approvazione alla conclusione dell'accordo;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e della Repubblica del Cile.


BREVE MOTIVAZIONE

Il 6 marzo 2017, il Consiglio ha adottato una decisione sulla firma di un accordo tra l'UE e il Cile sul commercio di prodotti biologici. L'accordo è stato firmato il 27 aprile 2017 a Bruxelles ed è stato ufficialmente trasmesso al Parlamento per la sua approvazione il 3 maggio 2017. La commissione per il commercio internazionale (INTA) ha scambiato opinioni con i servizi competenti della Commissione nella sua riunione del 3 giugno 2017 e ha presentato questo progetto di relazione in seno all’INTA il 20 giugno 2017.

Il suddetto accordo intende promuovere il commercio di prodotti biologici, contribuendo allo sviluppo e all'espansione del settore biologico nell'Unione e nella Repubblica del Cile e raggiungendo un elevato livello di rispetto per i principi in materia di produzione biologica, di garanzia dei sistemi di controllo e di integrità dei prodotti biologici.

Mediante l'accordo, il Cile riconoscerà come equivalenti tutti i prodotti biologici dell'UE inclusi nel campo di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007, vale a dire prodotti vegetali non trasformati, animali vivi o prodotti animali non trasformati (compreso il miele), prodotti dell'acquacoltura e alghe marine, prodotti agricoli trasformati destinati a un uso alimentare (compreso il vino), prodotti agricoli trasformati destinati a essere utilizzati come alimenti animali, materiale di moltiplicazione vegetativa e sementi per la coltivazione. Al contempo l'Unione riconoscerà come equivalenti i seguenti prodotti provenienti dal Cile: prodotti vegetali non trasformati, miele, prodotti agricoli trasformati destinati a un uso alimentare (compreso il vino), materiale di moltiplicazione vegetativa e sementi per la coltivazione.

L'accordo prevede l'istituzione di un comitato misto sui prodotti biologici, composto da rappresentanti dell'Unione e rappresentanti del governo del Cile, che terrà consultazioni periodiche almeno una volta all'anno, con l'obiettivo, segnatamente, di garantire la corretta applicazione dell'accordo, di esaminare qualsiasi richiesta di una Parte di aggiornare o estendere a nuovi prodotti l'elenco dei prodotti e di facilitare lo scambio di informazioni e la cooperazione.

La proposta della Commissione comprende altresì, come solida garanzia, la possibilità di sospendere unilateralmente il riconoscimento dell'equivalenza, se una parte ritiene che le leggi, i regolamenti o le procedure e le prassi amministrative dell'altra parte non soddisfino più i requisiti di equivalenza.

Tenuto conto degli obiettivi indicati dalla proposta della Commissione e dal progetto di decisione del Consiglio, che l'INTA sostiene, e tenuto conto del parere adottato dalla commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (AGRI), e i negoziati interistituzionali relativi al nuovo regolamento sulla produzione e l'etichettatura biologica, il relatore propone di approvare la conclusione dell'accordo.

Il relatore INTA chiede, tuttavia: 1) informazioni periodiche, tempestive e dettagliate al Parlamento durante la fase di attuazione, equivalenti a quelle fornite al Consiglio, in particolare per quanto riguarda le attività del comitato misto, per consentire un dibattito politico e un'azione debitamente informati; 2) una valutazione iniziale dell'impatto dell'accordo due anni dopo la sua entrata in vigore, prevedendo adeguate informazioni al Parlamento e ad altri attori pubblici e privati per consentire un dibattito basato su fatti e misure appropriate prima della scadenza dei 3 anni iniziali di applicazione e, successivamente, ogni 3 anni; 3) l'elaborazione di linee guida con informazioni pratiche e aggiornate, rivolte ai produttori, agli esportatori, agli importatori e ai consumatori, al fine di massimizzare i potenziali benefici economici introdotti dall'accordo e di consentire ai consumatori una scelta informata.

Alla luce di queste considerazioni, il relatore INTA ribadisce il suo appoggio all'accordo, ma rammenta la necessità che il Parlamento sia pienamente e approfonditamente informato per tutto il ciclo di vita degli accordi internazionali, compresi i negoziati e le fasi di attuazione.

Gli accordi internazionali relativi alla politica commerciale comune dell'UE sono soggetti all'approvazione del Parlamento; per questo motivo, il relatore si rammarica per la mancanza di informazioni tempestive da parte di altre istituzioni durante i negoziati del presente accordo ed auspica che il Consiglio e la Commissione riescano a risolvere la situazione e a informare adeguatamente il Parlamento circa la sua attuazione una volta entrato in vigore, anche per quanto riguarda tutte le decisioni che potrebbero essere adottate in relazione agli articoli 4 e 5 della decisione del Consiglio. Le aspettative sulla necessità di informare la società civile e i parlamenti riguardano tutte le parti degli accordi.


PARERE della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (20.6.2017)

destinato alla commissione per il commercio internazionale

sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici

(05530/2017 – C8-0144/2017 – 2016/0383(NLE))

Relatore per parere: Clara Eugenia Aguilera García

BREVE MOTIVAZIONE

Il 16 giugno 2014 il Consiglio ha autorizzato la Commissione a negoziare accordi tra l'Unione europea e paesi terzi sul commercio di prodotti biologici. L'accordo UE-Cile prevede il reciproco riconoscimento dell'equivalenza delle rispettive norme sulla produzione biologica e dei sistemi di controllo per taluni prodotti.

Il Cile riconoscerà come equivalenti tutti i prodotti biologici dell'Unione inclusi nell'ambito di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007, ossia: prodotti vegetali non trasformati, animali vivi o prodotti animali non trasformati (compreso il miele), prodotti dell'acquacoltura e alghe marine, prodotti agricoli trasformati destinati a un uso alimentare (compreso il vino), prodotti agricoli trasformati destinati a essere utilizzati come alimenti animali, materiale di moltiplicazione vegetativa e sementi per la coltivazione.

Al contempo l'Unione riconoscerà come equivalenti i seguenti prodotti provenienti dal Cile: prodotti vegetali non trasformati, miele, prodotti agricoli trasformati destinati a un uso alimentare (compreso il vino), materiale di moltiplicazione vegetativa e sementi per la coltivazione.

Il relatore è favorevole al testo negoziato, con le due puntualizzazioni seguenti:

–   tenendo conto del fatto che il regolamento (CE) n. 834/2007 è in fase di revisione, una volta ultimata la revisione occorrerà apportare i necessari adeguamenti per assicurare la conformità dell'accordo in esame con la nuova legislazione dell'UE sulla produzione biologica e la relativa etichettatura;

–   dopo due anni dall'entrata in vigore dell'accordo, la Commissione è tenuta a presentare al Parlamento europeo e al Consiglio una valutazione d'impatto dell'applicazione dell'accordo, intesa a verificare il livello del commercio tra UE e Cile di prodotti agro-alimentari ottenuti con tecniche di produzione biologiche nonché il livello di rispetto dei principi di non discriminazione e di reciprocità.

******

La commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale invita la commissione per il commercio internazionale, competente per il merito, a raccomandare l'approvazione del progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici.

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Titolo

Accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici

Riferimenti

05530/2017 – C8-0144/2017 – COM(2016)07712016/0383(NLE)

Commissione competente per il merito

 

INTA

 

 

 

 

Parere espresso da

       Annuncio in Aula

AGRI

15.5.2017

Relatore per parere

       Nomina

Clara Eugenia Aguilera García

8.3.2017

Approvazione

20.6.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

29

3

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

John Stuart Agnew, Clara Eugenia Aguilera García, Eric Andrieu, Richard Ashworth, José Bové, Daniel Buda, Nicola Caputo, Viorica Dăncilă, Michel Dantin, Paolo De Castro, Jean-Paul Denanot, Albert Deß, Diane Dodds, Jørn Dohrmann, Herbert Dorfmann, Norbert Erdős, Luke Ming Flanagan, Martin Häusling, Jan Huitema, Peter Jahr, Zbigniew Kuźmiuk, Mairead McGuinness, Ulrike Müller, James Nicholson, Marijana Petir, Jens Rohde, Czesław Adam Siekierski, Tibor Szanyi, Marco Zullo

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Paul Brannen, Jens Gieseke, Karin Kadenbach, Norbert Lins, Gabriel Mato

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

29

+

PPE

Daniel Buda, Michel Dantin, Albert Deß, Herbert Dorfmann, Norbert Erdős, Jens Gieseke, Peter Jahr, Norbert Lins, Mairead McGuinness, Marijana Petir, Czesław Adam Siekierski

S&D

Clara Eugenia Aguilera García, Eric Andrieu, Paul Brannen, Nicola Caputo, Viorica Dăncilă, Paolo De Castro, Jean-Paul Denanot, Karin Kadenbach, Tibor Szanyi

ECR

Richard Ashworth, Jørn Dohrmann, Zbigniew Kuźmiuk, James Nicholson

ALDE

Jan Huitema, Ulrike Müller, Jens Rohde

EFDD

Marco Zullo

NI

Diane Dodds

3

-

GUE/NGL

Luke Ming Flanagan

Verts/ALE

José Bové, Martin Häusling

1

0

EFDD

John Stuart Agnew

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Accordo tra l’Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici

Riferimenti

05530/2017 – C8-0144/2017 – COM(2016)07712016/0383(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

2.5.2017

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

INTA

15.5.2017

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

AFET

15.5.2017

AGRI

15.5.2017

 

 

Pareri non espressi

       Decisione

AFET

30.1.2017

 

 

 

Relatori

       Nomina

Inmaculada Rodríguez-Piñero Fernández

23.1.2017

 

 

 

Esame in commissione

3.5.2017

20.6.2017

 

 

Approvazione

11.7.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

29

7

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

William (The Earl of) Dartmouth, Maria Arena, Tiziana Beghin, David Campbell Bannerman, Daniel Caspary, Salvatore Cicu, Santiago Fisas Ayxelà, Eleonora Forenza, Karoline Graswander-Hainz, Heidi Hautala, Yannick Jadot, Jude Kirton-Darling, Bernd Lange, David Martin, Emma McClarkin, Anne-Marie Mineur, Sorin Moisă, Franz Obermayr, Artis Pabriks, Franck Proust, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Inmaculada Rodríguez-Piñero Fernández, Tokia Saïfi, Marietje Schaake, Helmut Scholz, Joachim Schuster, Joachim Starbatty, Adam Szejnfeld, Hannu Takkula, Iuliu Winkler

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Dita Charanzová, Edouard Ferrand, Agnes Jongerius, Sajjad Karim, Gabriel Mato, Georg Mayer, Fernando Ruas, Jarosław Wałęsa

Deposito

14.7.2017


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

29

+

ALDE

Dita Charanzová, Marietje Schaake, Hannu Takkula

ECR

David Campbell Bannerman, Sajjad Karim, Emma McClarkin, Joachim Starbatty

EFDD

William (The Earl of) Dartmouth

PPE

Daniel Caspary, Salvatore Cicu, Santiago Fisas Ayxelà, Gabriel Mato, Artis Pabriks, Franck Proust, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Fernando Ruas, Tokia Saïfi, Adam Szejnfeld, Jarosław Wałęsa, Iuliu Winkler

S&D

Maria Arena, Karoline Graswander-Hainz, Agnes Jongerius, Jude Kirton-Darling, Bernd Lange, David Martin, Sorin Moisă, Inmaculada Rodríguez-Piñero Fernández, Joachim Schuster

7

-

ENF

Edouard Ferrand, Georg Mayer, Franz Obermayr

GUE/NGL

Eleonora Forenza, Anne-Marie Mineur, Helmut Scholz

VERTS/ALE

Heidi Hautala

2

0

EFDD

Tiziana Beghin

VERTS/ALE

Yannick Jadot

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Avviso legale