Procedura : 2017/0247(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0358/2017

Testi presentati :

A8-0358/2017

Discussioni :

Votazioni :

PV 30/11/2017 - 8.9

Testi approvati :

P8_TA(2017)0460

RELAZIONE     ***I
PDF 358kWORD 55k
17.11.2017
PE 612.379v02-00 A8-0358/2017

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (UE) n. 1303/2013 per quanto riguarda le modifiche alle risorse per la coesione economica, sociale e territoriale e alle risorse per l'obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione e per l'obiettivo della Cooperazione territoriale europea

(COM(2017)0565 – C8-0342/2017 – 2017/0247(COD))

Commissione per lo sviluppo regionale

Relatore: Iskra Mihaylova

(Procedura semplificata – articolo 50, paragrafo 1, del regolamento)

ERRATA/ADDENDA
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 ALLEGATO: LETTERA DELLA COMMISSIONE PER I BILANCI
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (UE) n. 1303/2013 per quanto riguarda le modifiche alle risorse per la coesione economica, sociale e territoriale e alle risorse per l'obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione e per l'obiettivo della Cooperazione territoriale europea

(COM(2017)0565 – C8-0342/2017 – 2017/0247(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2017)0565),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 2, e l'articolo 177 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C8-0342/2017),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  previa consultazione del Comitato economico e sociale europeo,

–  previa consultazione del Comitato delle regioni,

–  vista la lettera della commissione per i bilanci,

–  visto l'articolo 59 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per lo sviluppo regionale (A8-0358/2017),

1.  adotta la sua posizione in prima lettura facendo propria la proposta della Commissione;

2.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora la sostituisca, la modifichi sostanzialmente o intenda modificarla sostanzialmente;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.


MOTIVAZIONE

La proposta legislativa implica una serie di modifiche tecniche al regolamento recante disposizioni comuni (RDC - regolamento (UE) n. 1303/2013), al fine di tenere in conto i più recenti dati statistici disponibili e di allineare i dati di tale regolamento con l'esito delle varie decisioni finanziarie che sono già state adottate.

In primo luogo, il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020 (QFP - regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013) prevede, all'articolo 7, un adeguamento delle dotazioni per la politica di coesione tra il 2016 e il 2017. Ciò è confermato dall'articolo 92, paragrafo 3, dell'RDC. La procedura prevede l'adeguamento della dotazione totale per ciascuno Stato membro in cui il PIL nazionale è cambiato di oltre il 5 %. Ciò riguarda 16 Stati membri. Inoltre, i dati devono essere adeguati anche per rispecchiare il fatto che di recente Cipro può beneficiare del Fondo di coesione. L'aumento complessivo per i fondi della politica di coesione è limitato a 4 miliardi di euro dall'articolo 7, paragrafo 5, del QFP, sebbene il calcolo stesso avrebbe condotto a un aumento più consistente. Con la decisione di esecuzione (UE) 2016/1941 della Commissione sono già state modificate le ripartizioni annuali per Stato membro.

In secondo luogo, le cifre indicate nell'RDC devono rispecchiare gli storni di stanziamenti nell'ambito dei diversi obiettivi della politica di coesione. In condizioni normali non è possibile trasferire stanziamenti tra l'obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione" e l'obiettivo "Cooperazione territoriale europea". Tuttavia, l'articolo 94 del regolamento RDC consente alla Commissione di autorizzare tali trasferimenti, se sono soddisfatte determinate condizioni. La Commissione ha autorizzato tale trasferimento in merito alla Danimarca nella decisione di esecuzione (UE) 2016/1941, il che ha comportato una modifica degli importi complessivi assegnati a ciascun obiettivo che dovrebbe essere riflesso nell'RDC.

In terzo luogo, la modifica del 2017 del QFP (regolamento (UE, Euratom) 2017/1123) ha cambiato le norme sui margini disponibili al di sotto dei massimali per gli stanziamenti d'impegno del QFP (margine globale del QFP), consentendo che tali fondi siano utilizzati, tra l'altro, per una proroga dell'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile (YEI) per il periodo 2017-2020. Il Parlamento europeo ha approvato tale modifica nel contesto della revisione del QFP. Ciò ha richiesto a sua volta una modifica dei dati relativi alla YEI nel quadro dell'RDC. L'aumento di 1,2 miliardi di EUR per l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile va accolto con favore, in considerazione dell'elevato tasso di disoccupazione giovanile in molte parti d'Europa, anche se è opportuno notare che è comunque possibile migliorare l'Iniziativa (si veda, in particolare, la relazione speciale della Corte dei conti n. 5/2017).

In quarto luogo, a norma dell'articolo 19, paragrafo 1, del QFP, nel 2015 è stata adottata una decisione (regolamento (UE, Euratom) 2015/623) per ridistribuire i fondi inutilizzati del programma di coesione per il 2014 (il primo anno dell'attuale periodo) negli anni successivi. Il Parlamento europeo aveva approvato all'epoca tale decisione. La presente proposta modifica i dati all'interno dell'RDC al fine di rispecchiare tale ridistribuzione.

Il relatore osserva che la proposta in esame comporta una serie di modifiche tecniche ai dati contenuti nell'RDC al fine di rispecchiare le varie decisioni già adottate per aggiornare o adeguare il finanziamento dei programmi di coesione. Tali modifiche sono il risultato di calcoli puramente tecnici che la Commissione deve effettuare ai sensi delle disposizioni dell'RDC o dei cambiamenti al QFP che il Parlamento aveva già approvato. Il Parlamento può pertanto approvare tali modifiche senza emendamenti. In considerazione dell'urgenza di portare avanti l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, il relatore propone che la commissione ricorra alla procedura semplificata.

Tuttavia, il Parlamento constata che, per una serie di ragioni, la Commissione ha elaborato la presente proposta in una fase molto tardiva. Esso è consapevole del fatto che hanno avuto luogo contatti preliminari con il Consiglio al fine di consentire una rapida adozione, ma deplora che non siano state adottate iniziative analoghe per inviare al Parlamento una notifica preventiva in merito a questa proposta urgente. La Commissione ha messo a dura prova la buona volontà del Parlamento a tale riguardo, dato che non sussiste alcuna ragione evidente per cui non sia stato possibile notificare un preavviso a entrambi i colegislatori in merito a questa procedura. La Commissione è invitata a fornire a entrambi i colegislatori pari considerazione in futuro.

La commissione per lo sviluppo regionale ha tenuto una riunione straordinaria il 13 novembre per discutere la proposta con il Commissario competente Corina Creţu. In risposta alle critiche dei deputati circa la tempistica della proposta, il Commissario ha osservato che l'ultima delle decisioni relative a tale adeguamento è stata adottata dal Consiglio nel mese di giugno 2017, inoltre si scusa con i deputati per il ritardo nella presentazione della proposta, che è da ricondurre alla complessità amministrativa di cui è inevitabilmente oggetto qualsiasi modifica all'RDC. Dopo un ampio dibattito in cui è stata sottolineata l'importanza di mantenere il finanziamento destinato all'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, la commissione ha approvato la proposta applicando l'articolo 50, paragrafo 1, del regolamento.


ALLEGATO: LETTERA DELLA COMMISSIONE PER I BILANCI

Lettera in data 9 novembre 2017 di Jean Arthuis, presidente della commissione per i bilanci, a Iskra Mihaylova, presidente della commissione per lo sviluppo regionale

Oggetto: Relazione sulla modifica tecnica del regolamento (UE) n. 1303/2013

Signor presidente,

la commissione REGI sta elaborando al momento la sua relazione sulla modifica tecnica concernente il regolamento (UE) n. 1303/2013 per quanto riguarda le modifiche alle risorse per la coesione economica, sociale e territoriale e alle risorse per l'obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione e per l'obiettivo della Cooperazione territoriale europea (2017/0247(COD)).

A nome della commissione per i bilanci vorrei sottoporre alla Sua attenzione le seguenti osservazioni in merito al fascicolo in esame.

La commissione per i bilanci accoglie positivamente l'adeguamento tecnico delle dotazioni per la politica di coesione, il che comporta un loro aumento di 4 miliardi di EUR (a prezzi 2011). Tuttavia ha espresso apertamente e in maniera costante la pressante necessità di portare l'attuazione dei programmi per il periodo 2014-2020 a pieno regime, al fine di garantire la loro tempestiva gestione nel corso dell'attuale periodo del QFP ed evitare la ricostruzione di un arretrato di pagamenti all'inizio del quadro post-2020.

Consapevole della pressante necessità di contrastare la disoccupazione giovanile, la commissione per i bilanci ha inoltre costantemente e ripetutamente cercato di aumentare il finanziamento relativo all'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile. L'aumento di 1,2 miliardi di EUR a prezzi correnti per la dotazione specifica concernente l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, che è stato approvato a livello politico nell'ambito della revisione intermedia del quadro finanziario pluriennale (QFP) e che deve essere integrato entro il 2020 da almeno 1,2 miliardi di EUR di investimenti mirati del FSE, è sempre stato considerato insufficiente dalla nostra commissione e dal Parlamento.

La nostra commissione osserva, tuttavia, che questo accordo politico deve essere trasposto nel regolamento recante disposizioni comuni al fine di fornire una solida base per l'aggiornamento dei corrispondenti programmi operativi degli Stati membri.

La commissione per i bilanci invita pertanto la commissione per lo sviluppo regionale, competente per il merito, ad approvare la proposta di modifica del regolamento (UE) n. 1303/2013.

Nell'ambito della procedura di bilancio annuale, la nostra commissione farà tutto il possibile per far sì che le necessità di finanziamento dell'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile siano dotate dei necessari stanziamenti.

Cordiali saluti

Jean Arthuis


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Modifiche alle risorse per la coesione economica, sociale e territoriale e alle risorse per l’obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione e per l’obiettivo della Cooperazione territoriale europea

Riferimenti

COM(2017)0565 – C8-0342/2017 – 2017/0247(COD)

Presentazione della proposta al PE

5.10.2017

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

REGI

23.10.2017

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

BUDG

23.10.2017

EMPL

23.10.2017

CULT

23.10.2017

 

Pareri non espressi

       Decisione

BUDG

8.11.2017

EMPL

14.11.2017

CULT

9.11.2017

 

Relatori

       Nomina

Iskra Mihaylova

26.10.2017

 

 

 

Procedura semplificata - decisione

13.11.2017

Approvazione

13.11.2017

 

 

 

Deposito

17.11.2017

Avviso legale