Procedura : 2016/0379(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0042/2018

Testi presentati :

A8-0042/2018

Discussioni :

PV 25/03/2019 - 16
CRE 25/03/2019 - 16

Votazioni :

PV 26/03/2019 - 7.7
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2019)0227

RELAZIONE     ***I
PDF 1443kWORD 260k
27.2.2018
PE 597.757v02-00 A8-0042/2018

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

(COM(2016)0861 – C8-0492/2016 – 2016/0379(COD))

Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

Relatore: Krišjānis Kariņš

(Rifusione – articolo 104 del regolamento)

EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 ALLEGATO: LETTERA DELLA COMMISSIONE GIURIDICA
 PARERE DI MINORANZA
 PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

(COM(2016)0861 – C8-0492/2016 – 2016/0379(COD))

(Procedura legislativa ordinaria – rifusione)

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2016)0861),

–  visti l'articolo 294, paragrafo 2, e l'articolo 194, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C8-0492/2016),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visti i pareri motivati inviati dalla Camera dei deputati ceca, dal Bundestag tedesco, dal Bundesrat tedesco, dal Parlamento spagnolo, dal Senato francese, dal Parlamento ungherese, dal Consiglio federale austriaco, dalla Dieta polacca, dal Senato polacco, dalla Camera dei deputati rumena e dal Senato rumeno nel quadro del protocollo n. 2 sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità, in cui si dichiara la mancata conformità del progetto di atto legislativo al principio di sussidiarietà,

–  visto l'accordo interistituzionale del 28 novembre 2001 ai fini di un ricorso più strutturato alla tecnica della rifusione degli atti normativi(1),

–  visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 31 maggio 2017(2),

–  visto il parere del Comitato delle regioni del 13 luglio 2017(3),

–  visti gli articoli 104 e 59 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0042/2018),

A.  considerando che, secondo il gruppo consultivo dei servizi giuridici del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, la proposta della Commissione non contiene modifiche sostanziali se non quelle espressamente indicate come tali e che, per quanto concerne la codificazione delle disposizioni immutate degli atti precedenti e di tali modifiche, la proposta si limita ad una mera codificazione degli atti esistenti, senza modifiche sostanziali;

1.  adotta la posizione in prima lettura figurante in appresso, tenendo conto delle raccomandazioni del gruppo consultivo dei servizi giuridici del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione;

2.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora la sostituisca, la modifichi sostanzialmente o intenda modificarla sostanzialmente;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

Emendamento    1

Proposta di regolamento

Considerando 5

Testo della Commissione

Emendamento

(5)  In passato i clienti dell'energia elettrica erano soltanto passivi, spesso l'acquistavano a tariffe regolamentate che non avevano alcuna relazione diretta con il mercato. In futuro i clienti dovranno essere in grado di partecipare pienamente al mercato su un piano di parità con gli altri partecipanti. Per integrare quote crescenti di energie rinnovabili il futuro sistema elettrico dovrebbe avvalersi di tutte le fonti di flessibilità a disposizione, in particolare la gestione della domanda e lo stoccaggio. Al fine di ottenere un efficace decarbonizzazione al minor costo, deve promuovere l'efficienza energetica.

(5)  In passato i clienti dell'energia elettrica erano soltanto passivi, spesso l'acquistavano a tariffe regolamentate che non avevano alcuna relazione diretta con il mercato. In futuro i clienti dovranno essere in grado di partecipare pienamente al mercato su un piano di parità con gli altri partecipanti e poter gestire il proprio consumo energetico. Per integrare quote crescenti di energie rinnovabili il futuro sistema elettrico dovrebbe avvalersi di tutte le fonti di flessibilità a disposizione, in particolare soluzioni sul versante della domanda e dello stoccaggio, nonché della digitalizzazione attraverso l'integrazione di tecnologie innovative nel sistema elettrico. Al fine di ottenere un'efficace decarbonizzazione al minor costo, deve promuovere l'efficienza energetica. La realizzazione del mercato interno dell'energia attraverso l'integrazione efficace delle energie rinnovabili può stimolare gli investimenti a lungo termine e contribuire a conseguire gli obiettivi dell'Unione dell'energia e il quadro 2030 per il clima e l'energia.

Emendamento    2

Proposta di regolamento

Considerando 10

Testo della Commissione

Emendamento

(10)  I mercati a breve termine miglioreranno la liquidità e la concorrenza in quanto consentiranno a più risorse, soprattutto quelle più flessibili, di partecipare a pieno titolo al mercato. Prezzi che riflettano efficacemente la scarsità stimoleranno gli operatori del mercato a rendersi disponibili quando il mercato ne ha davvero bisogno e farà sì che possano recuperare i costi sul mercato all'ingrosso. È pertanto fondamentale provvedere, nella misura del possibile, all'eliminazione dei massimali amministrativi e impliciti dei prezzi per consentire ai prezzi di un'offerta scarsa di aumentare fino al valore del carico perso. Quando saranno pienamente integrati nella struttura del mercato, i mercati a breve termine e la formazione dei prezzi che rifletta la scarsità contribuiranno all'eliminazione di altre misure, quali i meccanismi di regolazione della capacità, al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento. Peraltro prezzi del mercato all'ingrosso basati sulla scarsità e senza massimali non dovrebbero mettere a rischio l'affidabilità e stabilità dei prezzi per i consumatori finali, in particolare le famiglie e le piccole e medie imprese.

(10)  I mercati a breve termine miglioreranno la liquidità e la concorrenza in quanto consentiranno a più risorse, soprattutto quelle più flessibili, di partecipare a pieno titolo al mercato. Prezzi che riflettano efficacemente la scarsità stimoleranno gli operatori del mercato a reagire ai segnali del mercato e rendersi disponibili quando il mercato ne ha davvero bisogno e farà sì che possano recuperare i costi sul mercato all'ingrosso. È pertanto fondamentale provvedere all'eliminazione dei massimali amministrativi e impliciti dei prezzi per consentire una formazione dei prezzi che rifletta la scarsità. Quando saranno pienamente integrati nella struttura del mercato, i mercati a breve termine e la formazione dei prezzi che rifletta la scarsità contribuiranno all'eliminazione di altre misure distorsive del mercato, quali i meccanismi di regolazione della capacità, al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento. Peraltro prezzi del mercato all'ingrosso basati sulla scarsità e senza massimali non dovrebbero mettere a rischio l'affidabilità e stabilità dei prezzi per i consumatori finali, in particolare le famiglie, le PMI e i consumatori industriali.

Emendamento    3

Proposta di regolamento

Considerando 12

Testo della Commissione

Emendamento

(12)  Presupposto per una concorrenza effettiva nel mercato interno dell'energia elettrica sono corrispettivi per l'uso della rete trasparenti e non discriminatori, incluse le interconnessioni nel sistema di trasmissione. La capacità disponibile di queste linee dovrebbe essere stabilita entro il limite massimo consentito dalle norme di sicurezza per la gestione della rete.

(12)  Presupposto per una concorrenza effettiva nel mercato interno dell'energia elettrica sono corrispettivi per l'uso della rete trasparenti, adeguati e non discriminatori, incluse le interconnessioni nel sistema di trasmissione. La capacità disponibile di queste linee dovrebbe essere stabilita entro il limite massimo consentito dalle norme di sicurezza per la gestione della rete.

Emendamento    4

Proposta di regolamento

Considerando 26

Testo della Commissione

Emendamento

(26)  L'ENTSO-E dovrebbe svolgere a livello unionale una valutazione solida dell'adeguatezza delle risorse a medio-lungo termine, per fornire una base obiettiva in materia. La questione dell'adeguatezza delle risorse, che si affronta con i meccanismi di regolazione della capacità, dovrebbe basarsi sulla valutazione dell'UE.

(26)  L'ENTSO-E dovrebbe applicare a livello unionale una metodologia solida per la valutazione dell'adeguatezza delle risorse a lungo termine, per fornire una base obiettiva in materia a livello dell'Unione, regionale e degli Stati membri, nonché a livello delle zone di offerta. La questione dell'adeguatezza delle risorse, che si affronta con i meccanismi di regolazione della capacità, dovrebbe basarsi sulla valutazione dell'UE. I meccanismi di regolazione della capacità dovrebbero essere introdotti solo se la valutazione dell'adeguatezza delle risorse a livello dell'Unione svolta dall'ENTSO-E ha individuato problematiche connesse all'adeguatezza, o se la Commissione ha preso una decisione positiva riguardo al piano di attuazione.

Emendamento    5

Proposta di regolamento

Considerando 27

Testo della Commissione

Emendamento

(27)  La valutazione dell'adeguatezza delle risorse a medio-lungo termine (da 1 a 10 anni) di cui al presente regolamento ha scopo diverso rispetto alle prospettive stagionali (a sei mesi) di cui all'articolo 9 [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862]. Le valutazioni a medio-lungo termine servono soprattutto per valutare la necessità di meccanismi di regolazione della capacità, mentre le prospettive stagionali servono per segnalare i possibili rischi nell'arco di sei mesi che potrebbero causare un deterioramento significativo dello stato dell'offerta di energia elettrica. Anche i centri operativi regionali effettuano valutazioni di adeguatezza a livello regionale secondo la normativa europea sulla gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica; si tratta di valutazioni condotte su un arco temporale molto breve (giornaliero a settimanale) e usate nel contesto della gestione del sistema.

(27)  La metodologia per la valutazione dell'adeguatezza delle risorse a lungo termine (da 1 a 10 anni) di cui al presente regolamento ha scopo diverso rispetto alle prospettive stagionali (a sei mesi) di cui all'articolo 9 [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862]. Le valutazioni a medio-lungo termine servono soprattutto per individuare problematiche di adeguatezza, mentre le prospettive stagionali servono per segnalare i possibili rischi a breve termine nell'arco di sei mesi che potrebbero causare un deterioramento significativo dello stato dell'offerta di energia elettrica. Anche i centri di coordinamento regionali effettuano valutazioni di adeguatezza a livello regionale secondo la normativa europea sulla gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica; si tratta di valutazioni condotte su un arco temporale molto breve (giornaliero a settimanale) e usate nel contesto della gestione del sistema.

Emendamento    6

Proposta di regolamento

Considerando 28 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(28 bis)  Gli Stati membri dovrebbero introdurre meccanismi di regolazione delle capacità solo quale misura di ultima istanza, laddove risulti impossibile far fronte alle problematiche connesse all'adeguatezza eliminando le distorsioni del mercato esistenti. Prima di introdurre un meccanismo di regolazione delle capacità operante all'interno del mercato dell'energia elettrica e, quindi, con effetti distorsivi del mercato, gli Stati membri dovrebbero valutare se le riserve strategiche siano sufficienti ad affrontare le relative problematiche di adeguatezza. Le riserve strategiche sono meno distorsive, dal momento che operano esclusivamente al di fuori del mercato e solo nei rari casi in cui i mercati non siano più in grado di raggiungere l'equilibrio. Le riserve strategiche possono evitare ripercussioni finanziarie per gli operatori del mercato che non sono in grado di fare fronte alle loro responsabilità in materia di bilanciamento e che dovrebbero di conseguenza sostenere costi significativi.

Emendamento    7

Proposta di regolamento

Considerando 31

Testo della Commissione

Emendamento

(31)  Si dovrebbero stabilire norme dettagliate per facilitare la partecipazione transfrontaliera a meccanismi di regolazione della capacità diversi dalle riserve. I gestori dei sistemi di trasmissione oltrefrontiera dovrebbero agevolare i produttori interessati che desiderano partecipare a meccanismi di regolazione della capacità in altri Stati membri; dovrebbero pertanto calcolare fino a quale capacità sarebbe possibile la partecipazione transfrontaliera, consentirla e verificare le disponibilità. Le autorità nazionali di regolamentazione dovrebbero far rispettare le norme transfrontaliere negli Stati membri.

(31)  Nel presente regolamento si dovrebbero stabilire norme dettagliate per facilitare la partecipazione transfrontaliera a meccanismi di regolazione della capacità diversi dalle riserve strategiche. I gestori dei sistemi di trasmissione oltrefrontiera dovrebbero agevolare la partecipazione di produttori interessati ai meccanismi di regolazione della capacità in altri Stati membri; dovrebbero pertanto calcolare fino a quale capacità sarebbe possibile la partecipazione transfrontaliera, consentirla e verificare le disponibilità. Le autorità nazionali di regolamentazione dovrebbero far rispettare le norme transfrontaliere negli Stati membri.

Emendamento    8

Proposta di regolamento

Considerando 35

Testo della Commissione

Emendamento

I centri operativi regionali dovrebbero entrare in gioco laddove il loro aspetto regionale apporta un valore aggiunto rispetto alle funzioni svolte a livello nazionale. I centri operativi regionali dovrebbero coprire i compiti svolti dai coordinatori regionali della sicurezza e altri compiti di gestione del sistema, gestione del mercato e preparazione ai rischi. I centri operativi regionali non dovrebbero occuparsi della gestione in tempo reale del sistema dell'energia elettrica.

(35)  I centri di coordinamento regionali dovrebbero entrare in gioco laddove il loro aspetto regionale apporta un valore aggiunto rispetto alle funzioni svolte a livello nazionale. Tali centri dovrebbero coprire i compiti svolti dai coordinatori regionali della sicurezza e altri compiti di importanza regionale. I centri di coordinamento regionali non dovrebbero occuparsi della gestione in tempo reale del sistema dell'energia elettrica.

Emendamento    9

Proposta di regolamento

Considerando 35 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(35 bis)  Nell'esercizio delle loro funzioni, i centri di coordinamento regionali contribuiscono al conseguimento degli obiettivi per il 2030 e il 2050 indicati nel quadro delle politiche per il clima e l'energia.

Emendamento    10

Proposta di regolamento

Articolo 1 – comma 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  gettare le basi per conseguire gli obiettivi dell'Unione europea dell'energia in modo efficiente, in particolare il quadro 2030 delle politiche per l'energia e il clima30, grazie a segnali di mercato che indichino più flessibilità, decarbonizzazione, innovazione;

(a)  gettare le basi per conseguire gli obiettivi dell'Unione europea dell'energia in modo efficiente, in particolare il quadro 2030 delle politiche per l'energia e il clima30, grazie a segnali di mercato che indichino più flessibilità, efficienza, decarbonizzazione, innovazione, nonché una percentuale più elevata di fonti energetiche rinnovabili.

__________________

__________________

30 COM/2014/015 final.

30 COM/2014/015 final.

Emendamento    11

Proposta di regolamento

Articolo 1 – comma 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  definire i principi fondamentali di mercati dell'energia elettrica efficienti e integrati, che consentano un accesso non discriminatorio a tutti i fornitori di risorse e ai clienti dell'energia elettrica, responsabilizzino i consumatori, permettano la gestione della domanda e l'efficienza energetica, agevolino l'aggregazione della domanda distribuita e dell'offerta, e contribuiscano alla decarbonizzazione dell'economia, mediante l'integrazione del mercato e la remunerazione a prezzi di mercato dell'energia elettrica generata da fonti rinnovabili;

(b)  definire i principi fondamentali di mercati transfrontalieri dell'energia elettrica efficienti, integrati e liquidi, che consentano un accesso non discriminatorio a tutti i fornitori di risorse e ai clienti dell'energia elettrica, responsabilizzino i consumatori, permettano la competitività all'interno del mercato globale, la gestione della domanda, lo stoccaggio di energia e l'efficienza energetica, agevolino l'aggregazione della domanda distribuita e dell'offerta e contribuiscano alla decarbonizzazione dell'economia mediante l'integrazione del mercato e del settore e la remunerazione a prezzi di mercato dell'energia elettrica generata da fonti rinnovabili;

Emendamento    12

Proposta di regolamento

Articolo 1 – comma 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

(d)  facilitare lo sviluppo di un mercato all'ingrosso efficiente e trasparente con una sicurezza di approvvigionamento dell'energia elettrica di livello elevato. Esso prevede dei meccanismi per l'armonizzazione di tali norme per gli scambi transfrontalieri di energia elettrica.

(d)  facilitare lo sviluppo di un mercato all'ingrosso efficiente, liquido e trasparente che contribuisca a un elevato livello di sicurezza dell'approvvigionamento dell'energia elettrica. Esso prevede dei meccanismi per l'armonizzazione di tali norme per gli scambi transfrontalieri di energia elettrica.

Emendamento    13

Proposta di regolamento

Articolo 2 – paragrafo 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  "congestione", una situazione in cui non possono essere soddisfatte tutte le richieste di compravendita dei partecipanti al mercato tra due zone di offerta in quanto inciderebbero in modo significativo sugli elementi della rete che non riescono a contenere fisicamente i flussi;

(c)  "congestione", una situazione in cui non possono essere soddisfatte tutte le richieste di compravendita dei partecipanti al mercato in quanto inciderebbero in modo significativo sugli elementi della rete che non riescono a contenere fisicamente i flussi;

Motivazione

Secondo l'interpretazione della definizione iniziale, la congestione potrebbe esistere solo tra due zone di offerta che non riflettono le condizioni reali del sistema di trasmissione, ma vanno comunque considerate (un esempio tipico sarebbe il caso della Germania, con congestioni interne all'interno di una zona di offerta). La definizione dovrebbe essere inoltre allineata alle definizioni utilizzate nei codici di rete e negli orientamenti.

Emendamento    14

Proposta di regolamento

Articolo 2 – paragrafo 2 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

(d)  "congestione strutturale", congestione nel sistema di trasmissione che è prevedibile, geograficamente stabile e si ripete frequentemente in presenza di condizioni normali del sistema energetico;

(d)  "congestione strutturale", congestione nel sistema di trasmissione che è prevedibile, geograficamente stabile e che si ripete frequentemente in presenza di condizioni normali del sistema energetico;

Emendamento    15

Proposta di regolamento

Articolo 2 – paragrafo 2 – lettera t

Testo della Commissione

Emendamento

(t)  "meccanismo di regolazione della capacità", misura amministrativa intesa ad assicurare il conseguimento del livello auspicato di sicurezza dell'approvvigionamento, grazie alla remunerazione delle risorse in base alla disponibilità, escluse le misure relative ai servizi ausiliari;

(t)  "meccanismo di regolazione della capacità", misure amministrative temporanee adottate dagli Stati membri per colmare il previsto divario di adeguatezza delle risorse per la fornitura di energia elettrica al fine soddisfare la domanda di energia elettrica offrendo pagamenti supplementari ai fornitori di capacità che operano nel mercato dell'energia elettrica, in aggiunta al reddito ottenuto con la vendita di energia elettrica sul mercato in cambio della disponibilità della capacità esistente o dell'investimento in nuova capacità per garantire il necessario livello di sicurezza dell'approvvigionamento;

Emendamento    16

Proposta di regolamento

Articolo 2 – paragrafo 2 – lettera u

Testo della Commissione

Emendamento

(u)  "riserva strategica", meccanismo di regolazione della capacità in cui le risorse sono dispacciate solo se i mercati del giorno prima e infragiornaliero non hanno raggiunto l'equilibrio, i gestori dei sistemi di trasmissione hanno esaurito le rispettive risorse di bilanciamento per stabilire un equilibrio tra domanda e offerta, e gli sbilanciamenti sul mercato durante i periodi in cui le riserve sono dispacciate sono compensati al valore del carico perso;

(u)  "riserva strategica", meccanismo di regolazione della capacità in cui le risorse sono conservate al di fuori del mercato dell'energia elettrica e sono dispacciate solo se i mercati del giorno prima e infragiornaliero non hanno raggiunto l'equilibrio, i gestori dei sistemi di trasmissione hanno esaurito le rispettive risorse di bilanciamento per stabilire un equilibrio tra domanda e offerta, e gli sbilanciamenti sul mercato durante i periodi in cui le riserve sono dispacciate sono compensati almeno ai limiti tecnici di prezzo o al valore del carico perso;

Emendamento    17

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Gli Stati membri, le autorità nazionali di regolamentazione, i gestori dei sistemi di trasmissione, i gestori dei sistemi di distribuzione e i gestori dei mercati provvedono a che i mercati dell'energia elettrica siano gestiti secondo i seguenti principi:

1.  Gli Stati membri, le autorità nazionali di regolamentazione, i gestori dei sistemi di trasmissione, i gestori dei sistemi di distribuzione, i gestori dei mercati e i terzi cui sono state delegate o attribuite responsabilità, provvedono a che i mercati dell'energia elettrica siano gestiti secondo i seguenti principi:

Emendamento    18

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  si evitano le azioni intese ad impedire la formazione dei prezzi in base alla domanda e all'offerta, a disincentivare lo sviluppo di una generazione più flessibile, a bassa produzione di carbonio o a disincentivare la flessibilità della domanda;

(b)  si evitano le azioni intese ad impedire la formazione dei prezzi in base alla domanda e all'offerta;

Emendamento    19

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera b bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(b bis)  si promuove lo sviluppo di una generazione più flessibile, di una generazione sostenibile a bassa produzione di carbonio e di una maggiore flessibilità della domanda;

Emendamento    20

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  i clienti devono poter fruire delle opportunità del mercato e della maggiore concorrenza sui mercati al dettaglio;

(c)  i clienti devono poter fruire delle opportunità del mercato e della maggiore concorrenza sui mercati al dettaglio ed avere la facoltà di agire come partecipanti nel mercato dell'energia e nella transizione energetica;

Emendamento    21

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera e

Testo della Commissione

Emendamento

(e)  le regole sul mercato sostengono la decarbonizzazione dell'economia consentendo l'integrazione dell'energia elettrica da fonti rinnovabili e fornendo incentivi all'efficienza energetica;

(e)  le regole sul mercato sostengono la decarbonizzazione del sistema elettrico e, quindi, dell'economia consentendo l'integrazione dell'energia elettrica da fonti rinnovabili - compreso lo stoccaggio di energia - e fornendo incentivi all'efficienza energetica;

Emendamento    22

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera f

Testo della Commissione

Emendamento

(f)  le regole sul mercato offrono adeguati incentivi d'investimento per la generazione, lo stoccaggio, l'efficienza energetica e la gestione della domanda in modo da soddisfare il fabbisogno del mercato e provvedendo così alla sicurezza dell'approvvigionamento;

(f)  le regole sul mercato incoraggiano la libera formazione dei prezzi onde offrire adeguati incentivi d'investimento per la generazione, in particolare investimenti a lungo termine per un sistema elettrico decarbonizzato e sostenibile, lo stoccaggio, l'efficienza energetica e la gestione della domanda e al fine di agevolare una concorrenza leale, provvedendo così alla sicurezza dell'approvvigionamento;

Emendamento    23

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera g

Testo della Commissione

Emendamento

(g)  si evitano gli ostacoli ai flussi transfrontalieri di energia elettrica e alle transazioni transfrontaliere sui mercati dell'energia elettrica e dei relativi mercati dei servizi;

(g)  si eliminano gli ostacoli ai flussi transfrontalieri di energia elettrica e alle transazioni transfrontaliere sui mercati dell'energia elettrica e dei relativi mercati dei servizi;

Emendamento    24

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera h

Testo della Commissione

Emendamento

(h)  le regole sul mercato prevedono la cooperazione regionale laddove è efficace;

(h)  le regole sul mercato prevedono una forte cooperazione regionale laddove è efficace;

Emendamento    25

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera j bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(j bis)  i gestori della produzione di energia elettrica assumono pienamente la responsabilità finanziaria e giuridica dei loro impianti;

Emendamento    26

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera k

Testo della Commissione

Emendamento

(k)  le regole sul mercato consentono la realizzazione di progressi nella ricerca e sviluppo da sfruttare a favore della società;

(k)  le regole sul mercato consentono la realizzazione di progressi nella ricerca e sviluppo in materia di fonti energetiche, tecnologie o sistemi sostenibili, sicuri e a basse emissioni di carbonio, da sfruttare a favore della società;

Emendamento    27

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera l

Testo della Commissione

Emendamento

(l)  le regole sul mercato consentono il dispacciamento efficiente dei mezzi di generazione e della gestione della domanda;

(l)  le regole sul mercato consentono il dispacciamento efficiente dei mezzi di generazione, dello stoccaggio e della gestione della domanda;

Emendamento    28

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera m

Testo della Commissione

Emendamento

(m)  le regole sul mercato consentono l'accesso e l'uscita delle imprese di generazione e di approvvigionamento di energia elettrica in base alle valutazioni di sostenibilità economica e finanziaria delle rispettive operazioni;

(m)  le regole sul mercato consentono l'accesso e l'uscita delle imprese di generazione, di stoccaggio energetico e di approvvigionamento di energia elettrica in base alle valutazioni di sostenibilità economica e finanziaria delle rispettive operazioni, la concorrenza effettiva e la formazione dei prezzi;

Emendamento    29

Proposta di regolamento

Articolo 3 – paragrafo 1 – lettera n

Testo della Commissione

Emendamento

(n)  le possibilità di copertura a lungo termine, che consentono ai partecipanti al mercato di tutelarsi contro i rischi di volatilità dei prezzi e di eliminare l'incertezza sui rendimenti attesi degli investimenti, sono negoziabili in Borsa in modo trasparente nel rispetto delle norme del trattato sulla concorrenza.

(n)  le possibilità di copertura a lungo termine, che consentono ai partecipanti al mercato di tutelarsi contro i rischi di volatilità dei prezzi e di attenuare l'incertezza sui rendimenti attesi degli investimenti, sono negoziabili in Borsa in modo trasparente nel rispetto delle norme del trattato sulla concorrenza, mentre i prodotti attualmente offerti in Borsa dovrebbero essere ulteriormente ampliati e promossi a livello dell'Unione; le modifiche normative tengono conto degli effetti sui mercati e i prodotti a termine, sia a breve che a lungo termine.

Emendamento    30

Proposta di regolamento

Articolo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 3 bis

 

Transizione equa

 

La Commissione sostiene gli Stati membri che predispongono una strategia nazionale per la progressiva riduzione della capacità installata di estrazione e produzione basata sul carbone e altri combustibili fossili solidi, attraverso tutti i mezzi disponibili, tra cui un sostegno finanziario mirato volto a rendere possibile una "transizione equa" nelle regioni interessate da cambiamenti strutturali. La Commissione assiste gli Stati membri nel far fronte all'impatto della transizione verso l'energia pulita sul piano sociale, delle competenze e dell'industria.

 

La Commissione opera in stretto partenariato con gli attori delle regioni carbonifere e ad alta intensità di carbonio, fornisce orientamenti, in particolare in merito all'accesso ai fondi e ai programmi disponibili e all'utilizzo degli stessi, e incoraggia lo scambio di buon prassi, ivi incluse le discussioni sulle tabelle di marcia industriali e le esigenze di riqualificazione.

Emendamento    31

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  Qualora uno Stato membro decida di prevedere una deroga a norma dell'articolo 4, paragrafo 2, deve garantire che un'altra parte adempia alle responsabilità finanziarie degli squilibri.

Emendamento    32

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Tutti i partecipanti al mercato hanno accesso al mercato del bilanciamento, a titolo individuale o per aggregazione. Le norme e i prodotti del mercato del bilanciamento rispettano l'esigenza di tener conto dell'aumento delle quote di generazione variabile, dell'aumento della reattività della domanda e delle nuove tecnologie.

1.  Tutti i partecipanti al mercato, tra cui quelli che forniscono energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili variabili e servizi di gestione e stoccaggio sul fronte della domanda, hanno pieno accesso al mercato del bilanciamento, a titolo individuale o per aggregazione. Le norme e i prodotti del mercato del bilanciamento rispettano l'esigenza di tener conto dell'aumento delle quote di generazione variabile, dell'aumento della reattività della domanda e delle nuove tecnologie.

Emendamento    33

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I mercati del bilanciamento sono organizzati in modo da assicurare l'assenza di discriminazione tra partecipanti al mercato, tenendo conto delle diverse capacità tecniche di generazione da fonti rinnovabili variabili e della gestione e stoccaggio sul versante della domanda.

2.  I mercati del bilanciamento sono organizzati in modo da assicurare l'assenza di discriminazione tra partecipanti al mercato. Tutta la produzione, compresi l'energia proveniente da fonti rinnovabili variabili, la gestione e lo stoccaggio sul versante della domanda, deve poter partecipare su un piede di parità ai mercati di bilanciamento, tenendo conto delle diverse capacità tecniche.

Emendamento    34

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  L'energia di bilanciamento è appaltata separatamente dalla capacità di bilanciamento. Le procedure di aggiudicazione d'appalto sono trasparenti nel rispetto della riservatezza.

3.  L'energia di bilanciamento è appaltata separatamente dalla capacità di bilanciamento. Il prezzo dell'energia di bilanciamento non è predeterminato in un contratto di bilanciamento, salvo laddove si applichi una deroga a norma dell'articolo 16, paragrafo 6, del regolamento (UE) 2017/21951bis della Commissione. Le procedure di aggiudicazione d'appalto sono trasparenti nel rispetto della riservatezza.

 

_______________

 

1 bis Regolamento (UE) 2017/2195 della Commissione, del 23 novembre 2017, che stabilisce orientamenti in materia di bilanciamento del sistema elettrico (GU L 312 del 28.11.2017, pag. 6).

Emendamento    35

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  Per la compensazione dell'energia di bilanciamento si ricorre al prezzo marginale. I partecipanti al mercato sono autorizzati a presentare offerte nell'orizzonte temporale più vicino possibile al tempo reale, e almeno dopo l'orario di chiusura del mercato infragiornaliero interzonale determinato conformemente all'articolo 59 del regolamento (UE) 2015/1222 della Commissione34.

5.  La compensazione dell'energia di bilanciamento si basa sul prezzo marginale. Nei mercati di bilanciamento, i partecipanti al mercato sono autorizzati a presentare offerte nell'orizzonte temporale più vicino possibile al tempo reale e gli orari di chiusura del mercato dell'energia di bilanciamento non precedono l'orario di chiusura del mercato infragiornaliero interzonale determinato conformemente all'articolo 59 del regolamento (UE) 2015/122234 della Commissione.

__________________

__________________

34 Regolamento (UE) 2015/1222 della Commissione, del 24 luglio 2015, che stabilisce orientamenti in materia di allocazione della capacità e di gestione della congestione (GU L 197 del 25.7.2015, pag. 24).

34 Regolamento (UE) 2015/1222 della Commissione, del 24 luglio 2015, che stabilisce orientamenti in materia di allocazione della capacità e di gestione della congestione (GU L 197 del 25.7.2015, pag. 24).

Emendamento    36

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  Il dimensionamento della capacità di riserva è eseguito a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 7. I centri operativi regionali sostengono i gestori dei sistemi di trasmissione nel determinare il quantitativo di capacità di bilanciamento che è necessario acquisire conformemente all'allegato I, punto 8.

7.  Il dimensionamento della capacità di riserva è eseguito a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 7. I centri di coordinamento regionali sostengono i gestori dei sistemi di trasmissione nel determinare il quantitativo di capacità di bilanciamento che è necessario acquisire conformemente all'allegato I, punto 8.

Emendamento    37

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 8

Testo della Commissione

Emendamento

8.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento è agevolato a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 8. L'approvvigionamento è basato su un mercato primario e organizzato in modo da non creare discriminazioni tra i partecipanti al mercato nel processo di preselezione a livello individuale o per aggregazione.

8.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento è effettuato dai gestori dei sistemi di trasmissione. L'approvvigionamento è basato su un mercato primario e organizzato in modo da non creare discriminazioni tra i partecipanti al mercato nel processo di preselezione a livello individuale o per aggregazione, fatti salvi i vincoli tecnici inerenti alla gestione delle reti. La prenotazione di capacità interzonale per lo scambio di capacità di bilanciamento è limitata al 5 % della capacità disponibile per lo scambio di energia del pertinente anno di calendario precedente tra le rispettive zone di offerta.

Emendamento    38

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 9

Testo della Commissione

Emendamento

9.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento al rialzo e al ribasso è effettuato separatamente. L'aggiudicazione avviene non più di un giorno prima della fornitura delle capacità di bilanciamento e il periodo di aggiudicazione dura al massimo un giorno.

9.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento al rialzo e al ribasso è effettuato separatamente. L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento avviene non più di un giorno prima della fornitura delle capacità di bilanciamento e il periodo di aggiudicazione dura al massimo un giorno.

Emendamento    39

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 10

Testo della Commissione

Emendamento

10.  I gestori dei sistemi di trasmissione pubblicano informazioni in tempo quasi reale sullo stato di bilanciamento attuale delle rispettive zone di controllo, sul prezzo di sbilanciamento e sul prezzo dell'energia di bilanciamento.

10.  I gestori dei sistemi di trasmissione o le terze parti cui tali responsabilità sono state delegate dal gestore del sistema di trasmissione, dallo Stato membro o dall'autorità di regolamentazione pertinente pubblicano informazioni in tempo quasi reale sullo stato di bilanciamento attuale delle rispettive zone di controllo, sul prezzo stimato di sbilanciamento e sul prezzo stimato dell'energia di bilanciamento.

Emendamento    40

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 10 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

10 bis.  Gli Stati membri riferiscono in merito al funzionamento e alla trasparenza dei mercati di bilanciamento nonché all'accesso a questi ultimi da parte dei piccoli fornitori in particolare, specie ai fini dell'articolo 4, mediante la procedura di segnalazione sul mercato interno dell'energia di cui all'articolo 21 del regolamento .../... [Governance dell'Unione dell'energia].

Emendamento    41

Proposta di regolamento

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  sono organizzati in modo non discriminatorio;

(a)  sono non discriminatori;

Emendamento    42

Proposta di regolamento

Articolo 6 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori dei mercati sono liberi di sviluppare prodotti e opportunità commerciali che rispondono alla domanda e alle esigenze dei partecipanti al mercato e ne assicurano la possibilità di accesso, individualmente o per aggregazione. Essi rispettano l'esigenza di tener conto dell'aumento delle quote di generazione variabile, dell'aumento della reattività della domanda e delle nuove tecnologie.

3.  I gestori dei mercati sono liberi di sviluppare prodotti e opportunità commerciali che rispondono alla domanda e alle esigenze dei partecipanti al mercato e ne assicurano la possibilità di accesso, individualmente o per aggregazione. Essi rispettano l'esigenza di tener conto dell'aumento delle quote di generazione variabile e dello stoccaggio di energia, dell'aumento della reattività della domanda e delle nuove tecnologie.

Emendamento    43

Proposta di regolamento

Articolo 7 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I gestori dei mercati consentono ai partecipanti al mercato di effettuare scambi di energia quanto più possibile in tempo reale, e almeno entro l'orario di chiusura del mercato infragiornaliero interzonale, stabilito a norma dell'articolo 59 del regolamento (UE) 2015/1222.

1.  I gestori dei mercati consentono ai partecipanti al mercato di effettuare scambi di energia quanto più possibile in tempo reale, e almeno fino a 15 minuti prima del tempo reale in tutte le zone di offerta.

Emendamento    44

Proposta di regolamento

Articolo 7 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I gestori dei mercati offrono ai partecipanti al mercato la possibilità di negoziare l'energia ad intervalli di tempo brevi almeno quanto il periodo di compensazione degli sbilanciamenti sia nel mercato del giorno prima che in quello infragiornaliero.

2.  I gestori dei mercati offrono ai partecipanti al mercato la possibilità di negoziare l'energia nei mercati nazionali e transfrontalieri ad intervalli di tempo brevi almeno quanto il periodo di compensazione degli sbilanciamenti sia nel mercato del giorno prima che in quello infragiornaliero.

Emendamento    45

Proposta di regolamento

Articolo 7 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori dei mercati offrono alla compravendita sui mercati del giorno prima e infragiornaliero prodotti di dimensioni sufficientemente ridotte, con offerte minime fino a 1 megawatt o inferiori, per permettere la partecipazione effettiva, sul versante della gestione della domanda, dello stoccaggio di energia e delle fonti rinnovabili su piccola scala.

3.  I gestori dei mercati offrono alla compravendita sui mercati del giorno prima e infragiornaliero prodotti di dimensioni sufficientemente ridotte, con offerte minime fino a 500 kilowatt, per permettere la partecipazione effettiva, sul versante della gestione della domanda, dello stoccaggio di energia e delle fonti rinnovabili su piccola scala, anche direttamente da parte dei clienti.

Emendamento    46

Proposta di regolamento

Articolo 7 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Entro il 1º gennaio 2025 il periodo di compensazione degli sbilanciamenti è pari a 15 minuti in tutte le zone di controllo.

4.  Entro il 1º gennaio 2021 il periodo di compensazione degli sbilanciamenti è pari a 15 minuti in tutte le zone di controllo.

Emendamento    47

Proposta di regolamento

Articolo 8 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Nel rispetto delle regole dei trattati sulla concorrenza, i gestori dei mercati sono liberi di sviluppare prodotti di copertura a termine anche sul lungo periodo, in modo da offrire ai partecipanti al mercato, in particolare i proprietari di impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili, adeguate opportunità di copertura dei rischi finanziari di fluttuazione dei prezzi. Gli Stati membri non limitano le suddette attività di copertura agli scambi all'interno di uno Stato membro o di una zona di offerta.

3.  Nel rispetto delle regole dei trattati sulla concorrenza, i gestori dei mercati sono liberi di sviluppare prodotti di copertura a termine anche sul lungo periodo, in modo da offrire ai partecipanti al mercato, in particolare i proprietari di impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili, adeguate opportunità di copertura dei rischi finanziari di fluttuazione dei prezzi. Gli Stati membri favoriscono la liquidità di tali prodotti, in particolare i prodotti già sviluppati basati sugli scambi, e ne consentono lo scambio tra le zone di offerta.

Emendamento    48

Proposta di regolamento

Articolo 9 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite massimo se non quello corrispondente al valore del carico perso fissato conformemente all'articolo 10. Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite minimo se non quello corrispondente al valore di - 2 000 EUR o inferiore e, se lo si raggiunge o si stima sarà raggiunto, un valore più basso è fissato per il giorno successivo. La presente disposizione si applica, tra l'altro, alle offerte e compensazioni in tutti gli orizzonti temporali e include i prezzi dell'energia di bilanciamento e i prezzi di sbilanciamento.

1.  Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite massimo un limite minimo. La presente disposizione si applica, tra l'altro, alle offerte e compensazioni in tutti gli orizzonti temporali e include i prezzi dell'energia di bilanciamento e i prezzi di sbilanciamento.

Emendamento    49

Proposta di regolamento

Articolo 9 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  In deroga al paragrafo 1, fino al [OP: due anni dopo l'entrata in vigore] i gestori dei mercati possono applicare limiti sui prezzi di bilanciamento massimi per gli orizzonti temporali del giorno prima e infragiornaliero a norma degli articoli 41 e 54 del regolamento (UE) 2015/1222. I limiti che sono o si stima saranno raggiunti sono rialzati per il giorno successivo.

2.  In deroga al paragrafo 1, i gestori dei mercati possono applicare limiti tecnici sui limiti di offerta massimi e minimi per gli orizzonti temporali del giorno prima e infragiornaliero a norma degli articoli 41 e 54 del regolamento (UE) 2015/1222 e per gli orizzonti temporali di bilanciamento in conformità del regolamento (UE) 2017/2195. I limiti tecnici che sono o si stima saranno raggiunti sono adeguati automaticamente. I limiti dei prezzi tecnici sono sufficientemente elevati da non limitare inutilmente gli scambi e sono armonizzati per l'area del mercato comune. I valori iniziali sono ripristinati una volta terminata la situazione di scarsità.

Emendamento    50

Proposta di regolamento

Articolo 10 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Entro [OP: un anno dopo l'entrata in vigore] gli Stati membri stabiliscono un'unica stima del valore del carico perso (VoLL) sul loro territorio, espresso in EUR/MWh. La stima è trasmessa alla Commissione e resa pubblica. Gli Stati membri che hanno più zone di offerta nel loro territorio possono stabilire diversi valori del carico perso per zona. Nello stabilire il valore del carico perso, gli Stati membri applicano il metodo di cui all'articolo 19, paragrafo 5.

1.  Entro [OP: un anno dopo l'entrata in vigore] gli Stati membri stabiliscono un'unica stima del valore del carico perso (VoLL) sul loro territorio, espresso in EUR/MWh. La stima è trasmessa alla Commissione e resa pubblica. In caso di zone di offerta transfrontaliere, gli Stati membri stabiliscono una stima comune del valore del carico perso. Gli Stati membri che hanno più zone di offerta nel loro territorio possono stabilire diversi valori del carico perso per zona. Nello stabilire il valore del carico perso, gli Stati membri applicano il metodo di cui all'articolo 19, paragrafo 5.

Emendamento    51

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o di cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione di energia elettrica inferiore a 500 kW; o

(a)  impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o di cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione di energia elettrica inferiore a 500 kW;

Emendamento    52

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 2 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  progetti dimostrativi per tecnologie innovative.

(b)  gli impianti di produzione che sono progetti dimostrativi per tecnologie innovative;

 

gli Stati membri possono applicare limiti più elevati alle comunità energetiche locali, come stabilito nella direttiva (UE) ... [rifusione della direttiva 2009/72/CE quale proposta nel COM(2016) 864/2].

Emendamento    53

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.   Se in uno Stato membro la capacità totale degli impianti di generazione soggetti al dispacciamento prioritario a norma del paragrafo 2 è superiore al 15% della capacità di generazione installata totale, il paragrafo 2, lettera a), si applica solo agli impianti supplementari che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione inferiore a 250 kW.

3.   Uno Stato membro il quale, al momento dell'entrata in vigore del presente regolamento, non conceda il dispacciamento prioritario agli impianti di produzione, può chiedere di essere esentato dalle disposizioni di cui al paragrafo 2 se può dimostrare alla Commissione che sono soddisfatte tutte le condizioni seguenti:

 

(a) il dispacciamento prioritario non esiste per gli impianti diversi da quelli di cui al paragrafo 2;

 

(b) i mercati liquidi infragiornalieri, i mercati all'ingrosso e i mercati di bilanciamento sono pienamente accessibili a tutti gli operatori del mercato, in conformità con le disposizioni del presente regolamento;

 

(c) le norme in materia di limitazione e di gestione della congestione sono trasparenti per tutti i soggetti partecipanti al mercato e sono conformi alle disposizioni del presente regolamento;

 

(d) il suo obiettivo in materia di energia rinnovabile per il 2030 è sufficiente per raggiungere collettivamente l'obiettivo generale vincolante dell'Unione per la quota di energia da fonti rinnovabili a norma dell'articolo 3, paragrafo 2, della [direttiva 2009/28/CE, proposta COM(2016) 767], e si prevede che lo Stato membra raggiunga il proprio obiettivo.

 

La Commissione approva o respinge una domanda di esenzione entro sei mesi dalla data di ricezione della domanda stessa. Tutte le esenzioni accordate evitano modifiche retroattive per gli impianti che già beneficiano di un dispacciamento prioritario, fatti salvi eventuali accordi su base volontaria tra uno Stato membro e un impianto.

Dal 1º gennaio 2026 il paragrafo 2, lettera a), si applica solo agli impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione inferiore a 250 kW o, se la soglia di cui alla prima frase è raggiunta, inferiore a 125 kW.

Dal 1º gennaio 2026 il paragrafo 2, lettera a), si applica solo agli impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione inferiore a 250 kW.

Emendamento    54

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Gli impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento commissionati prima del [OP: entrata in vigore] e, una volta commissionati, sono soggetti al dispacciamento prioritario a norma dell'articolo 15, paragrafo 5, della direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio o all'articolo 16, paragrafo 2, della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio35 restano soggetti al dispacciamento prioritario. Il dispacciamento prioritario non si applica più dalla data in cui l'impianto di generazione è oggetto di modifiche significative, ossia almeno quando è necessario un nuovo contratto di connessione o quando si incrementa la capacità di generazione.

4.  Fatto salvo il paragrafo 3 del presente articolo, gli impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento commissionati prima del [OP: entrata in vigore] e, una volta commissionati, sono soggetti al dispacciamento prioritario a norma dell'articolo 15, paragrafo 5, della direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio o all'articolo 16, paragrafo 2, della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio35 restano soggetti al dispacciamento prioritario. Il dispacciamento prioritario non si applica più dalla data in cui l'impianto di generazione è oggetto di modifiche significative, ossia almeno quando è necessario un nuovo contratto di connessione o quando si incrementa la capacità di generazione.

__________________

__________________

35 Direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 16).

35 Direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 16).

Emendamento    55

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Le risorse ridotte o ridispacciate sono selezionate tra gli impianti di generazione o di consumo che trasmettono offerte di riduzione o ridispacciamento, mediante meccanismi di mercato e sono finanziariamente compensate. Si ricorre alla riduzione e al ridispacciamento della generazione o al ridispacciamento della gestione della domanda non basati sul mercato solo in mancanza di alternative di mercato, o se tutte le risorse disponibili basate sul mercato sono state sfruttate oppure se il numero degli impianti di generazione o di consumo disponibili nella zona è troppo basso per assicurare una concorrenza effettiva. La fornitura di risorse di mercato è aperta a tutte le tecnologie di generazione, stoccaggio e gestione della domanda, anche agli operatori ubicati in altri Stati membri, salvo laddove non sia tecnicamente realizzabile.

2.  Le risorse ridotte o ridispacciate sono selezionate tra gli impianti di generazione, di stoccaggio e/o di gestione della domanda che trasmettono offerte di riduzione o ridispacciamento, mediante meccanismi di mercato e sono finanziariamente compensate. Si ricorre alla riduzione e al ridispacciamento della generazione o al ridispacciamento dello stoccaggio dell'energia e/o della gestione della domanda non basati sul mercato solo per motivi di sicurezza operativa e in mancanza di alternative di mercato, o se tutte le risorse disponibili basate sul mercato sono state sfruttate oppure se il numero degli impianti di generazione, di stoccaggio di energia o di consumo disponibili nella zona nella quale sono situati gli impianti di generazione, di stoccaggio di energia o di consumo atti a fornire il servizio è troppo basso per assicurare una concorrenza effettiva. La fornitura di risorse di mercato è aperta a tutte le tecnologie di generazione, stoccaggio e gestione della domanda, anche agli operatori ubicati in altri Stati membri, salvo laddove non sia tecnicamente realizzabile.

Emendamento    56

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori responsabili dei sistemi riferiscono almeno una volta all'anno all'autorità di regolamentazione competente in merito alla riduzione o al ridispacciamento a scendere degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento e alle misure adottate per diminuire la necessità di tale riduzione o ridispacciamento a scendere in futuro. La riduzione o il ridispacciamento degli impianti di generazione che utilizzano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento sono oggetto di compensazione a norma del paragrafo 6.

3.  I gestori responsabili dei sistemi riferiscono almeno una volta all'anno all'autorità di regolamentazione competente, informando anche l'Agenzia, in merito a quanto segue:

 

(a) al livello di sviluppo e di efficacia dei meccanismi di riduzione o di ridispacciamento basati sul mercato per gli impianti di generazione e di consumo;

 

(b) alle ragioni, ai volumi in MWh e ai tipi di fonte di produzione soggetti alla riduzione o al ridispacciamento a scendere;

 

(c) alle misure adottate per diminuire la necessità di riduzione o di ridispacciamento a scendere degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento in futuro, compresi investimenti nella digitalizzazione dell'infrastruttura di rete e nei servizi che aumentano la flessibilità;

 

(d) alle richieste e alle disposizioni contrattuali con le unità di generazione affinché funzionino a un determinato livello di alimentazione di energia elettrica, la cui necessità è giustificata dai gestori dei sistemi, specificando in quale misura tali servizi non possano essere forniti da altre unità.

 

L'autorità di regolamentazione competente pubblica i dati di cui alle lettere da a) a d) unitamente alle raccomandazioni di miglioramento, se necessario.

 

La riduzione o il ridispacciamento degli impianti di generazione che utilizzano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento sono oggetto di compensazione a norma del paragrafo 6.

Emendamento    57

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 4 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  assicurano la capacità delle reti di trasmettere e distribuire l'energia elettrica da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento con il minimo possibile di riduzione o ridispacciamento; ciò non impedisce di tener conto nella pianificazione della rete di una riduzione/ridispacciamento in misura limitata laddove ne sia dimostrata la maggiore efficienza economica e non superi il 5% della capacità installata da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento nella zona;

(a)  assicurano la capacità delle reti di trasmettere e distribuire l'energia elettrica da fonti rinnovabili, stoccaggio di energia, gestione della domanda o da cogenerazione ad alto rendimento con il minimo possibile di riduzione o ridispacciamento; ciò non impedisce di tener conto nella pianificazione della rete di una riduzione/ridispacciamento in misura limitata laddove se ne possa dimostrare in modo trasparente la maggiore efficienza economica e non superi il 5% della capacità installata da fonti rinnovabili, stoccaggio di energia, gestione della domanda o da cogenerazione ad alto rendimento nella zona;

Emendamento    58

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 4 – lettera b bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(b bis)  assicurano che le loro reti siano sufficientemente flessibili in modo tale da poterle gestire.

Emendamento    59

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 5 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  gli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili sono soggetti al ridispacciamento a scendere/alla riduzione solo in mancanza di alternative o se queste comportano costi sproporzionati o rischi per la sicurezza della rete;

(a)  gli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili sono soggetti al ridispacciamento a scendere/alla riduzione solo in mancanza di alternative o se queste comportano costi notevolmente sproporzionati o rischi significativi per la sicurezza della rete;

Emendamento    60

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 5 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  gli impianti di generazione che impiegano la cogenerazione ad alto rendimento sono soggetti al ridispacciamento a scendere/alla riduzione solo se, a parte il ridispacciamento a scendere/la riduzione degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili, non vi sono alternative o se queste comportano costi sproporzionati o rischi per la sicurezza della rete;

(b)  l'energia elettrica generata nell'ambito di un processo di cogenerazione ad alto rendimento sono soggetti al ridispacciamento a scendere/alla riduzione solo se, a parte il ridispacciamento a scendere/la riduzione degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili, non vi sono alternative o se queste comportano costi sproporzionati o rischi per la sicurezza della rete;

Emendamento    61

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 6 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

6.  Quando la riduzione/il ridispacciamento non sono basati sul mercato, sono oggetto di compensazione finanziaria da parte del gestore di sistema che chiede la riduzione/il ridispacciamento al titolare della generazione ridotta o ridispacciata o all'impianto di consumo. La compensazione finanziaria è almeno equivalente al valore più alto dei seguenti elementi:

6.  Quando la riduzione/il ridispacciamento non sono basati sul mercato, sono oggetto di compensazione finanziaria da parte del gestore di sistema che chiede la riduzione/il ridispacciamento al titolare della generazione ridotta o ridispacciata o all'impianto di stoccaggio dell'energia o di consumo. La compensazione finanziaria è almeno equivalente al valore più alto dei seguenti elementi:

Emendamento    62

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 6 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  il 90% delle entrate nette derivanti dalla vendita dell'energia elettrica sul mercato del giorno prima che l'impianto di generazione o di consumo avrebbe creato senza la richiesta di riduzione/ridispacciamento. Se agli impianti di generazione o consumo è concesso un sostegno finanziario in base al volume di energia elettrica generata o consumata, la perdita di sostegno finanziario è considerata parte delle entrate nette.

(b)  le entrate nette derivanti dalla vendita dell'energia elettrica sul mercato del giorno prima che l'impianto di generazione o di consumo avrebbe creato senza la richiesta di ridispacciamento, compresa la perdita di sostegno finanziario se agli impianti di generazione o consumo è concesso un sostegno finanziario in base al volume di energia elettrica generata o consumata.

Emendamento    63

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I confini tra le zone di offerta sono tracciati in base alle congestioni strutturali a lungo termine nella rete di trasmissione e le zone di offerta non contengono tali congestioni. Le zone di offerta nell'Unione sono configurate in modo da ottimizzare l'efficienza economica e le opportunità commerciali transfrontaliere preservando nel contempo la sicurezza dell'approvvigionamento.

1.  Le zone di offerta nell'Unione sono configurate in modo da garantire la liquidità dei mercati del giorno prima e infragiornalieri e in tal modo ottimizzare l'efficienza economica e le opportunità commerciali transfrontaliere preservando nel contempo la sicurezza dell'approvvigionamento. I confini tra le zone di offerta sono tracciati in base alle congestioni strutturali a lungo termine nella rete di trasmissione e le zone di offerta non contengono tali congestioni, salvo il caso in cui non abbiano nessun impatto sulle zone di offerta vicine o il loro impatto sia attenuato da misure correttive.

Emendamento    64

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Ogni zona di offerta dovrebbe essere equivalente a una zona di prezzo di sbilanciamento.

2.  Ogni zona di offerta dovrebbe essere equivalente a una zona di prezzo di sbilanciamento, tranne nel caso in cui una zona di prezzo di sbilanciamento possa costituire una parte della zona di offerta.

Emendamento    65

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Ai fini della definizione ottimale delle zone di offerta in territori geografici strettamente interconnessi, si procede ad un riesame delle suddette. Il riesame comprende un'analisi coordinata della configurazione delle zone di offerta cui partecipano i portatori d'interesse di tutti gli Stati membri interessati, secondo la procedura di cui agli articoli da 32 a 34 del regolamento (UE) 2015/1222. L'Agenzia approva e può chiedere di apportare modifiche alla metodologia e alle ipotesi impiegate nel processo di riesame delle zone di offerta e nelle configurazioni alternative della zona di offerta considerata.

3.  Ai fini della definizione ottimale delle zone di offerta in territori geografici strettamente interconnessi, si procede ad un riesame delle suddette. Il riesame comprende un'analisi coordinata della configurazione delle zone di offerta cui partecipano i portatori d'interesse di tutti gli Stati membri interessati, secondo la procedura di cui agli articoli da 32 a 34 del regolamento (UE) 2015/1222. Le attuali zone di offerta sono valutate sulla base della loro capacità di creare un contesto di mercato affidabile, garantire una sufficiente flessibilità in termini di generazione e capacità di carico, essenziale per evitare le strozzature nella rete, equilibrare la domanda e l'offerta di energia elettrica e garantire la sicurezza a lungo termine degli investimenti e della rete. L'Agenzia approva e può chiedere di apportare modifiche alla metodologia e alle ipotesi impiegate nel processo di riesame delle zone di offerta e nelle configurazioni alternative della zona di offerta considerata. La metodologia tiene debitamente conto dei progetti di sviluppo infrastrutturale che si prevede saranno realizzati nei prossimi 5 anni.

Emendamento    66

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione che partecipano al riesame delle zone di offerta presentano alla Commissione una proposta sull'eventualità di mantenere o modificarne la configurazione. In base alla proposta la Commissione adotta la decisione di mantenere o modificare la configurazione delle zone di offerta al più tardi [al massimo 6 mesi dopo l'entrata in vigore del presente regolamento, la data specifica sarà inserita dall'OP] o entro sei mesi dalla conclusione della configurazione delle zone di offerta avviata a norma dell'articolo 32, paragrafo 1, lettere a), b) o c) del regolamento (UE) 2015/1222, se la data è posteriore.

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione che partecipano al riesame delle zone di offerta presentano agli Stati membri interessati una proposta sull'eventualità di mantenere o modificarne la configurazione. Gli Stati membri interessati sono quelli che partecipano al riesame a norma dell'articolo 32, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2015/1222 e quelli situati nelle stesse regioni di calcolo della capacità a norma del regolamento (UE) 2015/1222. In base alla proposta, entro sei mesi gli Stati membri interessati decidono all'unanimità se mantenere o modificare la configurazione delle zone di offerta. Altri Stati membri, le parti contraenti della Comunità dell'energia o altri paesi terzi che condividono la stessa area sincrona con qualunque Stato membro possono presentare osservazioni. La decisione è motivata, in conformità della legislazione dell'Unione in materia, e tiene conto di eventuali osservazioni degli altri Stati membri, delle parti contraenti della Comunità dell'energia e di altri paesi terzi che condividono la stessa area sincrona con qualunque Stato membro, nonché degli impegni assunti dagli Stati membri interessati per far fronte alla congestione esistente. Gli Stati membri interessati notificano alla Commissione e all'Agenzia la loro decisione e gli eventuali accordi transfrontalieri conclusi da loro, dalle autorità nazionali di regolamentazione o dai gestori dei sistemi di trasmissione al fine di raggiungere il consenso. Gli accordi conclusi dagli Stati membri interessati non si discostano dai processi di calcolo coordinato della capacità di cui all'articolo 14 del presente regolamento né dalle pertinenti disposizioni del regolamento (UE) 2015/1222.

Emendamento    67

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 4 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

4 bis.  Se gli Stati membri interessati non riescono a pervenire a una decisione unanime entro il termine di cui al paragrafo 4 o qualora si rendano conto che non sono stati rispettati gli impegni su cui si fondava una precedente decisione unanime, essi ne informano immediatamente la Commissione.

 

La Commissione avvia una procedura di conciliazione e svolge un ruolo di mediatore tra gli Stati membri interessati. Nell'ambito della procedura di conciliazione, entro sei mesi dal suo avvio, gli Stati membri interessati decidono all'unanimità se mantenere o modificare la configurazione delle zone di offerta.

 

Qualora gli Stati membri interessati non riescano ad adottare una decisione unanime nell'ambito della procedura di conciliazione, lo Stato membri in cui si è verificata la congestione strutturale interna può scegliere se modificare la sua zona di offerta o istituire una tabella di marcia contenente misure concrete su come superare a tempo debito le congestioni sul suo territorio nazionale. Tale Stato membro notifica immediatamente la sua decisione alla Commissione.

 

Per gli Stati membri che decidono di modificare le zone di offerta, la Commissione adotta una decisione entro sei mesi da tale notifica, dopo una valutazione approfondita di tutte le questioni in gioco unitamente a una valutazione di tutte le soluzioni disponibili.

Emendamento    68

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  La decisione di cui al paragrafo 4 si basa sul risultato del riesame delle zone di offerta e sulla proposta di mantenimento o modifica presentata dai gestori dei sistemi di trasmissione. La decisione è motivata, in particolare per quanto riguarda eventuali scostamenti dal risultato del riesame delle zone di offerta.

5.  Qualora lo Stato membro interessato decida di istituire una tabella di marcia dettagliata che fissi traguardi concreti riguardo ai modi per risolvere i problemi di congestione, esso presenta tale tabella di marcia alla Commissione e agli altri Stati membri interessati entro sei mesi dalla decisione della Commissione. Durante l'attuazione della tabella di marcia lo Stato membro interessato riferisce periodicamente alla Commissione in merito ai progressi compiuti.

 

Indipendentemente dai progressi concreti della tabella di marcia, lo Stato membro che sta attuando una tabella di marcia assicura che le capacità commerciali transfrontaliere aumentino ogni anno fino a raggiungere il livello di riferimento almeno del 75 %, calcolato in conformità dell'articolo 14 paragrafo 7, che dovrà essere raggiunto entro la fine del 2025. L'aumento annuo è conseguito mediante una traiettoria lineare.

 

Il punto di inizio di tale traiettoria è dato dal valore più elevato tra la capacità assegnata a tale frontiera nell'anno precedente l'adozione della tabella di marcia e la media degli ultimi tre anni prima dell'adozione della tabella di marcia.

 

Si ritiene che gli Stati membri rispettino le disposizioni dell'articolo 14, paragrafo 7, se la capacità messa a disposizione per gli scambi interzonali è pari almeno ai valori della traiettoria lineare.

Emendamento    69

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 5 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

5 bis.  I gestori del sistema di trasmissione interessati e le autorità nazionali di regolamentazione valutano annualmente se la capacità transfrontaliera disponibile abbia raggiunto la traiettoria lineare o, alla fine del 2025, il livello minimo indicato all'articolo 14, paragrafo 7.

Emendamento    70

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 5 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

5 ter.  Per gli Stati membri in relazione ai quali la valutazione di cui al paragrafo 5 bis abbia dimostrato che il gestore del sistema di trasmissione non ha rispettato la traiettoria lineare o, alla fine del 2025, il livello indicato all'articolo 14, paragrafo 7, la Commissione può raccomandare misure supplementari e, come misura di ultima istanza, decidere se mantenere o modificare la configurazione delle zone di offerta all'interno di tali Stati membri e tra di essi.

Emendamento    71

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  Se sono avviati riesami ulteriori delle zone di offerta a norma dell'articolo 32, paragrafo 1, lettera a), b) o c), del regolamento (UE) 2015/1222, la Commissione può adottare una decisione entro sei mesi dalla conclusione di tale riesame.

soppresso

Emendamento    72

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  La Commissione consulta i portatori d'interesse in merito alle decisioni che prende a norma del presente articolo prima di adottarle.

7.  Gli Stati membri e la Commissione consultano i portatori d'interesse prima di adottare una decisione a norma del presente articolo.

Emendamento    73

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 8

Testo della Commissione

Emendamento

8.  La decisione della Commissione specifica la data di applicazione delle modifiche. La data di applicazione coniuga l'esigenza di rapidità con considerazioni pratiche, tra cui la contrattazione a termine dell'energia elettrica. Nell'ambito della decisione la Commissione può definire opportune disposizioni transitorie.

8.  La decisione adottata a norma del presente articolo specifica la data di applicazione delle modifiche. La data di applicazione coniuga l'esigenza di rapidità con considerazioni pratiche, tra cui la contrattazione a termine dell'energia elettrica. Nell'ambito della decisione è possibile definire opportune disposizioni transitorie.

Emendamento    74

Proposta di regolamento

Articolo 13 – paragrafo 8 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

8 bis.  Se sono avviati riesami ulteriori delle zone di offerta a norma dell'articolo 32, paragrafo 1, lettere a), b) o c), del regolamento (UE) 2015/1222, si applicano i paragrafi da 4 a 8 del presente articolo.

Emendamento    75

Proposta di regolamento

Articolo 14 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  La capacità massima delle interconnessioni e/o delle reti di trasmissione riguardanti i flussi transfrontalieri è posta a disposizione dei soggetti partecipanti al mercato compatibilmente con le norme di sicurezza per il funzionamento della rete. Per sfruttare al massimo le capacità disponibili si ricorre agli scambi compensativi e al ridispacciamento, anche transfrontaliero, salvo se ne è dimostrata l'inefficienza economica a livello unionale.

3.  La capacità massima delle interconnessioni e/o delle reti di trasmissione riguardanti i flussi transfrontalieri è posta a disposizione dei soggetti partecipanti al mercato compatibilmente con le norme di sicurezza per il funzionamento della rete. Per sfruttare al massimo le capacità disponibili si ricorre agli scambi compensativi e al ridispacciamento, anche transfrontaliero, salvo se ne è dimostrata l'inefficienza economica a livello unionale.

 

Nel ripartire i costi delle azioni correttive tra i gestori dei sistemi di trasmissione, i regolatori analizzano in quale misura i flussi non programmati che escono da una zona di offerta o vi rientrano contribuiscano alla congestione osservata tra due zone di offerta e ripartiscono i costi degli scambi compensativi e del ridispacciamento in modo proporzionato rispetto a tale contributo.

Emendamento    76

Proposta di regolamento

Articolo 14 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  I gestori dei sistemi di trasmissione non limitano il volume della capacità di interconnessione che deve essere messa a disposizione di altri partecipanti per risolvere un problema di congestione sorto all'interno della loro zona di controllo o come strumento di gestione dei flussi sul confine tra due zone di controllo osservati anche in assenza di transazioni, ossia flussi su zone di controllo dovuti all'origine e alla destinazione all'interno di una stessa zona di controllo.

7.  I gestori dei sistemi di trasmissione non limitano il volume della capacità di interconnessione che deve essere messa a disposizione di altri partecipanti per risolvere un problema di congestione sorto all'interno della loro zona di controllo o come strumento di gestione dei flussi sul confine tra due zone di controllo osservati anche in assenza di transazioni, ossia flussi su zone di controllo dovuti all'origine e alla destinazione all'interno di una stessa zona di controllo.

 

Fatto salvo l'articolo 13, paragrafo 5, quarto comma, si considera che il presente paragrafo sia osservato se i livelli minimi seguenti di capacità disponibile per gli scambi interzonali, calcolata a norma degli orientamenti in materia di assegnazione di capacità e di gestione delle congestioni adottati sulla base dell'articolo 18 del regolamento (CE) n. 714/2009, tenuto conto degli eventi imprevisti, sono raggiunti:

 

i)   per i confini in cui è utilizzato un approccio fondato sulla capacità di trasmissione netta coordinata, se almeno il 75 % della capacità di trasmissione netta a norma degli orientamenti in materia di assegnazione di capacità e di gestione delle congestioni è messo a disposizione per gli scambi interzonali;

 

ii)   per i confini in cui è utilizzato un approccio basato sui flussi, se sugli elementi critici della rete interzonali e interni considerati nel calcolo basato sui flussi almeno il 75 % della capacità termica ottenuta dopo la riduzione della quantità necessaria per assicurare il principio N-1 a norma degli orientamenti in materia di assegnazione di capacità e di gestione delle congestioni è utilizzato ai fini dell'assegnazione di capacità.

Emendamento    77

Proposta di regolamento

Articolo 16 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Corrispettivi di accesso alle reti

Corrispettivi di accesso alle reti, utilizzo delle reti e potenziamento

Emendamento    78

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I corrispettivi applicati dai gestori della rete per l'accesso alla rete , compresi i corrispettivi per la connessione alla rete, per l'utilizzo della rete e, ove applicabile, per il potenziamento della rete, sono trasparenti, tengono conto della necessità di garantire la sicurezza della rete e la sua flessibilità e danno riscontro ai costi effettivi sostenuti, purché questi corrispondano a quelli di un gestore di rete efficiente e comparabile dal punto di vista strutturale, e siano stati applicati in modo non discriminatorio. In particolare, essi sono applicati in modo da non operare discriminazioni, positive o negative, tra la produzione connessa a livello di distribuzione e la produzione connessa a livello di trasmissione. Essi non sono discriminatori nei confronti dello stoccaggio dell'energia e non costituiscono un disincentivo alla partecipazione alla gestione della domanda. Fatto salvo il paragrafo 3, tali corrispettivi non sono calcolati in funzione della distanza.

1.  I corrispettivi applicati dai gestori della rete per l'accesso alla rete , compresi i corrispettivi per la connessione alla rete, per l'utilizzo della rete e, ove applicabile, per il potenziamento della rete, sono equi, correlati ai costi, trasparenti, tengono conto della necessità di garantire la sicurezza della rete e la sua flessibilità e danno riscontro ai costi effettivi sostenuti, purché questi corrispondano a quelli di un gestore di rete efficiente e comparabile dal punto di vista strutturale, e siano stati applicati in modo non discriminatorio. Le tariffe di rete non includono costi non correlati a sostegno di altri obiettivi politici, quali tasse o contributi, in quanto ciò creerebbe distorsioni con riferimento alle decisioni in materia di produzione, consumo e investimenti. In particolare, i corrispettivi sostengono in modo neutrale l'efficienza globale del sistema nel lungo termine tramite i segnali di prezzo ai consumatori e ai produttori e, nella misura del possibile, sono applicati in modo da non operare discriminazioni, positive o negative, tra la produzione connessa a livello di distribuzione e la produzione connessa a livello di trasmissione. Essi non sono discriminatori nei confronti dello stoccaggio dell'energia e dell'aggregazione e non costituiscono un disincentivo all'autoproduzione, all'autoconsumo e alla partecipazione alla gestione della domanda. Fatto salvo il paragrafo 3, tali corrispettivi non sono calcolati in funzione della distanza.

Emendamento    79

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Le tariffe accordano incentivi adeguati ai gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione, sia a breve che a lungo termine, per migliorare l'efficienza (compresa l'efficienza energetica), promuovere l'integrazione del mercato e la sicurezza dell'approvvigionamento e sostenere gli investimenti e le attività di ricerca correlate.

2.  Le tariffe accordano incentivi adeguati ai gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione, sia a breve che a lungo termine, per migliorare l'efficienza (compresa l'efficienza energetica), promuovere l'integrazione del mercato e la sicurezza dell'approvvigionamento, come pure la competitività globale, e sostenere investimenti efficaci, in particolare nella digitalizzazione, nei servizi flessibili e nelle interconnessioni, e le attività di ricerca correlate. Le tariffe non costituiscono un disincentivo allo stoccaggio dell'energia, alla gestione della domanda o all'autoproduzione.

Emendamento    80

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  Le tariffe di distribuzione rispecchiano i costi di utilizzo della rete di distribuzione da parte degli utenti del sistema, che comprendono i clienti attivi, e possono essere differenziate sulla base dei profili di consumo o di generazione di tali utenti. Nei casi in cui gli Stati membri hanno introdotto sistemi di misurazione intelligenti, le autorità di regolamentazione possono introdurre tariffe di rete orarie, che riflettano l'utilizzo della rete, in modo trasparente e prevedibile per il consumatore.

7.  Le tariffe di trasmissione e distribuzione sono correlate ai costi tenendo in considerazione i costi di investimento, il valore aggiunto della generazione distribuita, la flessibilità, la digitalizzazione, la gestione della domanda, lo stoccaggio e l'utilizzo della rete di trasmissione e di distribuzione da parte degli utenti del sistema, che comprendono i clienti attivi, possono contenere elementi legati alla capacità di connessione alla rete e possono essere differenziate sulla base dei profili di consumo o di generazione di tali utenti. Nei casi in cui gli Stati membri hanno introdotto sistemi di misurazione intelligenti, le autorità di regolamentazione competenti introducono tariffe di rete orarie, che riflettano l'utilizzo della rete, in modo trasparente, prevedibile ed efficiente sotto il profilo dei costi per il consumatore. Gli Stati membri assicurano che le tariffe non siano discriminatorie.

Emendamento    81

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 8

Testo della Commissione

Emendamento

8.  Le autorità di regolamentazione forniscono incentivi ai gestori dei sistemi di distribuzione perché possano procurarsi i servizi per la gestione e lo sviluppo delle loro reti e integrare soluzioni innovative nei sistemi di distribuzione. A tal fine, le autorità di regolamentazione considerano ammissibili tutti i costi pertinenti e li includono nelle tariffe di distribuzione; esse introducono inoltre obiettivi di prestazione allo scopo di incentivare i gestori dei sistemi di distribuzione ad aumentare l'efficienza delle rispettive reti, compresa l'efficienza energetica.

8.  Le autorità di regolamentazione forniscono incentivi ai gestori dei sistemi di distribuzione per la gestione e lo sviluppo più efficienti delle loro reti e per l'integrazione di soluzioni innovative nei sistemi di distribuzione, anche mediante la fornitura di servizi. A tal fine, le autorità di regolamentazione considerano ammissibili tutti i costi pertinenti e li includono nelle tariffe di distribuzione; esse introducono inoltre obiettivi di prestazione allo scopo di incentivare i gestori dei sistemi di distribuzione ad aumentare l'efficienza delle rispettive reti, compresa l'efficienza energetica, la flessibilità e la digitalizzazione delle reti di distribuzione, anche con l'introduzione di reti intelligenti e sistemi di misurazione intelligenti.

Emendamento    82

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 9 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

9.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: inserire la data specifica – tre mesi dopo l'entrata in vigore] l'Agenzia rivolge alle autorità di regolamentazione una raccomandazione sulla convergenza progressiva delle metodologie di tariffazione per la trasmissione e la distribuzione. Tale raccomandazione riguarda almeno:

9.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: inserire la data specifica – tre mesi dopo l'entrata in vigore] l'Agenzia valuta la fattibilità della convergenza delle metodologie di tariffazione per la trasmissione e la distribuzione. Lo studio di fattibilità riguarda almeno:

Emendamento    83

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 9 – lettera g

Testo della Commissione

Emendamento

(g)  i gruppi di utenti della rete soggetti a tariffe, comprese le esenzioni tariffarie.

(g)  i gruppi di utenti della rete soggetti a tariffe secondo le caratteristiche e le forme di consumo, comprese le esenzioni tariffarie.

Emendamento    84

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 9 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

9 bis.  Le autorità di regolamentazione adottano un insieme di indicatori per misurare le prestazioni dei gestori dei sistemi di trasmissione e distribuzione, che devono includere almeno tutti i seguenti elementi:

 

(a) il volume dell'energia ridotta in MWh, disaggregato per tipo di fonte di generazione;

 

(b) la percentuale di lunghezza delle linee gestite mediante la tecnologia Dynamic Line Rating;

 

(c) la percentuale di sottostazioni monitorate e controllate a distanza in tempo reale;

 

(d) la percentuale di lunghezza delle linee gestite mediante la tecnologia Dynamic Line Rating;

 

(e) le perdite nelle reti ad alta, media e bassa tensione;

 

(f) la frequenza e la durata delle interruzioni di energia sulla rete.

 

Entro [due anni dall'entrata in vigore del presente regolamento] e successivamente ogni due anni, le autorità di regolamentazione pubblicano una relazione sulle prestazioni dei gestori dei sistemi di trasmissione e distribuzione, insieme a raccomandazioni di miglioramento, se necessario.

Emendamento    85

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I proventi derivanti dall'allocazione della capacità di interconnessione sono utilizzati per i seguenti scopi:

2.  I proventi derivanti dall'allocazione della capacità di interconnessione sono utilizzati per i seguenti scopi:

(a)  per garantire l'effettiva disponibilità della capacità assegnata;

(a)  per garantire l'effettiva disponibilità della capacità assegnata; o

(b)  per mantenere o aumentare le capacità di interconnessione attraverso investimenti nella rete, in particolare nei nuovi interconnettori.

(b)  per mantenere o aumentare le capacità di interconnessione attraverso l'ottimizzazione dell'uso degli interconnettori esistenti mediante azioni correttive coordinate e scambi compensativi o investimenti nella rete, fino al valore-obiettivo della capacità di trasmissione ai confini transfrontalieri.

Se non possono essere utilizzati efficientemente ai fini di cui alle lettere a) o b) del primo comma, i proventi sono collocati su una linea contabile interna distinta per un uso futuro a questi fini.

Qualora siano conseguiti gli obiettivi di cui alle lettere a) e b) del primo comma, i proventi residui possono essere utilizzati come rendita di cui le autorità nazionali di regolamentazione tengono conto in fase di approvazione della metodologia per calcolare e/o stabilire le tariffe di rete.

Emendamento    86

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  L'utilizzo dei proventi conformemente al paragrafo 2, lettere a) e b), avviene secondo una metodologia proposta dall'Agenzia e approvata dalla Commissione. La proposta dell'Agenzia è trasmessa alla Commissione entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: 12 mesi dopo l'entrata in vigore] e approvata entro sei mesi.

3.  L'utilizzo dei proventi conformemente al paragrafo 2 avviene secondo una metodologia proposta dall'Agenzia e approvata dalla Commissione. La proposta dell'Agenzia è trasmessa alla Commissione entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: 12 mesi dopo l'entrata in vigore] e approvata entro sei mesi.

L'Agenzia può aggiornare la metodologia di propria iniziativa o su richiesta della Commissione, la quale approva la metodologia aggiornata entro sei mesi dalla sua presentazione.

L'Agenzia può aggiornare la metodologia di propria iniziativa o su richiesta della Commissione, la quale approva la metodologia aggiornata entro sei mesi dalla sua presentazione.

Prima della trasmissione alla Commissione, l'Agenzia effettua una consultazione sulla metodologia a norma dell'articolo 15 [rifusione del regolamento (CE) n. 713/2009, proposta da COM(2016) 863/2].

Prima della trasmissione alla Commissione, l'Agenzia effettua una consultazione sulla metodologia a norma dell'articolo 15 [rifusione del regolamento (CE) n. 713/2009, proposta da COM(2016) 863/2].

La metodologia descrive dettagliatamente almeno le condizioni alle quali i proventi possono essere utilizzati ai fini del paragrafo 2, lettere a) e b), nonché a quali condizioni e per quanto tempo possono essere collocati su una linea contabile interna distinta per un uso futuro a questi fini.

La metodologia descrive dettagliatamente almeno le condizioni alle quali i proventi possono essere utilizzati ai fini del paragrafo 2, nonché a quali condizioni e per quanto tempo possono essere collocati su una linea contabile interna distinta per un uso futuro a questi fini.

Emendamento    87

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione stabiliscono chiaramente in anticipo in che modo sarà utilizzata l'eventuale rendita di congestione e riferiscono in merito all'utilizzo effettivo di tale rendita. Ogni anno, entro il 31 luglio, le autorità nazionali di regolamentazione pubblicano una relazione che indica l'importo dei proventi relativi al periodo di 12 mesi che termina il 30 giugno dello stesso anno e il modo in cui tali proventi sono stati utilizzati, compresi i progetti specifici per i quali la rendita è stata utilizzata e la rendita collocata su una linea contabile distinta, insieme alla verifica della conformità di tale utilizzo al presente regolamento e alla metodologia elaborata a norma del paragrafo 3.

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione stabiliscono chiaramente in anticipo in che modo sarà utilizzata l'eventuale rendita di congestione e riferiscono in merito all'utilizzo effettivo di tale rendita. Ogni anno, entro il 31 luglio, le autorità nazionali di regolamentazione pubblicano una relazione che indica l'importo dei proventi relativi al periodo di 12 mesi che termina il 30 giugno dello stesso anno e il modo in cui tali proventi sono stati utilizzati, compresi i progetti specifici per i quali la rendita è stata utilizzata e la rendita collocata su una linea contabile distinta, o l'importo che è stato utilizzato in sede di calcolo delle tariffe di rete, insieme alla verifica della conformità di tale utilizzo al presente regolamento. Qualora parte dei proventi derivanti dalla congestione siano utilizzati in sede di calcolo delle tariffe di rete, la relazione può prevedere il soddisfacimento, da parte dei gestori dei sistemi di trasmissione, dei criteri relativi all'impegno e al bilancio a norma del paragrafo 2.

Emendamento    88

Proposta di regolamento

Capo IV – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Adeguatezza delle risorse

Adeguatezza delle risorse e meccanismi di regolazione delle capacità

Emendamento    89

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Gli Stati membri vigilano sull'adeguatezza delle risorse nel loro territorio sulla base della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui all'articolo 19.

1.  Gli Stati membri vigilano sull'adeguatezza delle risorse nel loro territorio sulla base della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui all'articolo 19 e pubblicano una relazione sui risultati dell'attività di vigilanza.

Emendamento    90

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Se dalla valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse emerge un motivo di preoccupazione su questo aspetto, gli Stati membri individuano le eventuali distorsioni normative che hanno dato adito o contribuito a dar adito alla preoccupazione.

2.  Se dalla valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse emerge un motivo di preoccupazione su questo aspetto, gli Stati membri individuano le eventuali distorsioni normative e/o le carenze del mercato che hanno dato adito o contribuito a dar adito alla preoccupazione.

Emendamento    91

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Gli Stati membri pubblicano un calendario per l'adozione delle misure volte ad eliminare le distorsioni normative individuate. Nel far fronte alle preoccupazioni concernenti l'adeguatezza delle risorse, gli Stati membri in particolare considerano la rimozione delle distorsioni normative, l'applicazione di prezzi che riflettono la scarsità, lo sviluppo dell'interconnessione, lo stoccaggio dell'energia, le misure sul versante della domanda e l'efficienza energetica.

3.  Gli Stati membri per i quali sono individuati problemi di adeguatezza pubblicano un piano di attuazione corredato di un calendario per l'adozione delle misure volte a eliminare le distorsioni normative e/o le carenze del mercato individuate. Nel far fronte alle preoccupazioni concernenti l'adeguatezza delle risorse, gli Stati membri si conformano ai principi di cui all'articolo 3 e, in particolare:

 

(a) eliminano le distorsioni normative;

 

(b) eliminano i massimali tariffari;

 

(c) introducono una funzione amministrativa concernente una tariffazione che rifletta le carenze per il bilanciamento dell'energia;

 

(d) aumentano la capacità di interconnessione e la capacità della rete interna;

 

(e) consentono l'autoproduzione, lo stoccaggio dell'energia, le misure sul versante della domanda e l'efficienza energetica eliminando gli ostacoli normativi;

 

(f) assicurano l'acquisizione efficiente sotto il profilo dei costi e orientata al mercato di servizi di bilanciamento e ausiliari;

 

(g) eliminano i prezzi regolamentati conformemente all'articolo 5 della direttiva (UE) ... [rifusione della direttiva 2009/72/CE quale proposta nel COM(2016) 864/2].

Emendamento    92

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  Gli Stati membri sottopongono il piano di attuazione al riesame della Commissione.

Emendamento    93

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 ter.  Entro due mesi dal ricevimento del piano di attuazione, la Commissione può stabilire se le misure siano sufficienti per eliminare le distorsioni normative e/o le carenze del mercato e può chiedere agli Stati membri di modificare di conseguenza il piano di attuazione.

Emendamento    94

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 quater.  Gli Stati membri vigilano sull'applicazione del piano di attuazione e pubblicano i risultati in una relazione annuale.

Emendamento    95

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3 quinquies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 quinquies.  Gli Stati membri presentano all'Agenzia, affinché formuli un parere, una relazione concernente la loro vigilanza sull'applicazione del piano di attuazione.

Emendamento    96

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3 sexies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 sexies.  L'Agenzia presenta il proprio parere di cui al paragrafo 3 quinquies alla Commissione, la quale decide se il livello di attuazione delle riforme sia sufficiente.

Emendamento    97

Proposta di regolamento

Articolo 18 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 18 bis

 

Principi generali per i meccanismi di regolazione della capacità

 

1.  Per rispondere alle preoccupazioni che permangono dopo l'applicazione delle misure di cui all'articolo 18, paragrafo 3, gli Stati membri possono, in ultima istanza e fatte salve le disposizioni del presente articolo e le norme dell'Unione in materia di aiuti di Stato, introdurre meccanismi di regolazione della capacità.

 

2.  Prima di introdurre meccanismi di regolazione della capacità a norma del paragrafo 1, gli Stati membri effettuano uno studio approfondito dei loro possibili effetti sugli Stati membri limitrofi, consultandosi almeno con gli Stati membri confinanti ai cui sistemi elettrici sono connessi e con i portatori di interessi di tali Stati membri.

 

3.  Gli Stati membri valutano se un meccanismo di regolazione della capacità in forma di riserva strategica possa risolvere i problemi di adeguatezza. In caso di risposta negativa, gli Stati membri possono attuare un diverso tipo di meccanismo di regolazione della capacità. I parametri che determinano il quantitativo di capacità che s'intende ottenere nel meccanismo di regolazione della capacità sono approvati dall'autorità nazionale di regolamentazione.

 

4.  Gli Stati membri non introducono meccanismi di regolazione della capacità laddove si applichino uno o entrambi dei seguenti casi: (a) la valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse non abbia individuato un motivo di preoccupazione concernente l'adeguatezza delle risorse; (b) il piano di attuazione dettagliato di cui all'articolo 18, paragrafo 3, non abbia ricevuto una risposta positiva dalla Commissione a norma dell'articolo 18, paragrafo 3 ter.

 

5.  Se già applica un meccanismo di regolazione della capacità, lo Stato membro rivede tale meccanismo e fa in modo che non siano conclusi nuovi contratti in virtù di tale meccanismo laddove si applichino uno o entrambi dei seguenti casi:

 

(a) la valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse non abbia individuato un motivo di preoccupazione concernente l'adeguatezza delle risorse;

 

(b) il piano di attuazione dettagliato di cui all'articolo 18, paragrafo 3, non abbia ricevuto una risposta positiva dalla Commissione a norma dell'articolo 18, paragrafo 3 ter.

 

6.  I meccanismi di regolazione della capacità sono temporanei. Sono approvati dalla Commissione per un periodo non superiore ai cinque anni. Tali meccanismi sono progressivamente eliminati o la quantità di capacità impegnata è ridotta in base al piano di attuazione di cui all'articolo 18, paragrafo 3. Gli Stati membri proseguono l'applicazione del piano di attuazione dopo l'introduzione del meccanismo di regolazione della capacità.

 

7.  La capacità di generazione per la quale è stata avviata la produzione commerciale dopo il [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: data di entrata in vigore del presente regolamento] è ammessa a partecipare al meccanismo di regolazione della capacità solo se le relative emissioni sono inferiori a 550 gr di CO2/kWh. Con l'eccezione delle riserve strategiche, le capacità di generazione con emissioni pari o superiori a 550 gr di CO2/kWh non sono impegnate nei meccanismi di regolazione della capacità dopo [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: 5 anni dopo l'entrata in vigore del presente regolamento].

Emendamento    98

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse copre l'adeguatezza generale del sistema a fronte della domanda di energia elettrica esistente e prevista per un periodo di dieci anni dalla data di detta valutazione, su base annua.

1.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse determina le problematiche collegate all'adeguatezza valutando l'adeguatezza generale del sistema a fronte della domanda di energia elettrica esistente e prevista nell'Unione, negli Stati membri pertinenti della regione, per ciascuno Stato membro e per ciascuna zona di offerta, ove opportuno, per un periodo di dieci anni dalla data di detta valutazione, su base annua.

Emendamento    99

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse viene effettuata dall'ENTSO-E.

Emendamento    100

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori dei sistemi di trasmissione forniscono all'ENTSO-E i dati di cui ha bisogno per effettuare ogni anno la valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse. L'ENTSO-E effettua la valutazione ogni anno.

3.  I gestori dei sistemi di trasmissione forniscono all'ENTSO-E i dati necessari. I gestori dei sistemi di trasmissione hanno il diritto di chiedere ai produttori e ad altri partecipanti al mercato dati pertinenti che non contengano informazioni commerciali sensibili e che non siano già stati raccolti dal pertinente DSO.

Emendamento    101

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 4 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

4.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse è basata su una metodologia volta ad assicurare che la valutazione:

4.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse è basata su una metodologia trasparente volta ad assicurare che la valutazione:

Emendamento    102

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 4 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  sia basata su scenari adeguati di proiezione della domanda e dell'offerta comprensivi di una valutazione economica della probabilità del ritiro, della creazione di nuovi mezzi di generazione e di misure finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica e degli adeguati aspetti sensibili concernenti i prezzi all'ingrosso e l'evoluzione dei prezzi del carbonio;

(b)  sia basata su scenari adeguati di proiezione della domanda e dell'offerta comprensivi di una valutazione economica della probabilità del ritiro, della messa fuori servizio, della creazione di nuovi mezzi di generazione e di misure finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica e di interconnessione elettrica e degli adeguati aspetti sensibili concernenti i prezzi all'ingrosso e l'evoluzione dei prezzi del carbonio;

Emendamento    103

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 4 – lettera b bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(b bis)  contenga uno scenario più sfavorevole che riflette l'eccezionalità e le diverse probabilità di eventi rari cui una riserva strategica è intesa a far fronte; il divario dell'adeguatezza della generazione in tale scenario più sfavorevole giustifica soltanto una riserva strategica con una dimensione non superiore al 5 % del carico di punta del rispettivo Stato membro;

Emendamento    104

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 4 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  tenga debitamente conto del contributo di tutte le risorse, comprese la generazione esistente e futura, lo stoccaggio dell'energia, la gestione della domanda e le possibilità di importazione ed esportazione, nonché del loro contributo alla gestione flessibile del sistema;

(c)  tenga debitamente conto del contributo di tutte le risorse, comprese la generazione esistente e futura, lo stoccaggio dell'energia, l'integrazione settoriale, la gestione della domanda e le possibilità di importazione ed esportazione, nonché del loro contributo alla gestione flessibile del sistema;

Emendamento    105

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 4 – lettera i bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(i bis)  rispetti il reale sviluppo della rete.

Emendamento    106

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 5 – comma 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

La metodologia si basa su un criterio trasparente, oggettivo e verificabile.

Emendamento    107

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  Le proposte di cui ai paragrafi 2 e 5 e i risultati della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui al paragrafo 3 sono soggetti a consultazione preliminare e approvazione dell'Agenzia secondo la procedura di cui all'articolo 22.

6.  Le proposte di cui ai paragrafi 2 e 5 del presente articolo, gli scenari e le ipotesi sui cui si basano, e i risultati della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui al paragrafo 3 del presente articolo sono soggetti a consultazione preliminare e approvazione dell'Agenzia secondo la procedura di cui all'articolo 22.

Emendamento    108

Proposta di regolamento

Articolo 20 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Nell'applicare i meccanismi di regolazione della capacità, gli Stati membri prevedono un parametro di affidabilità che indica il livello desiderato di sicurezza dell'approvvigionamento in modo trasparente.

1.  Nell'applicare i meccanismi di regolazione della capacità, gli Stati membri prevedono un parametro di affidabilità. Tale parametro indica il necessario livello di sicurezza dell'approvvigionamento degli Stati membri in modo trasparente. In caso di zone di offerta transfrontaliere, tali parametri di affidabilità sono stabiliti congiuntamente dalle autorità competenti.

Emendamento    109

Proposta di regolamento

Articolo 20 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I parametri che determinano il quantitativo di capacità che s'intende ottenere nel meccanismo di regolazione della capacità sono approvati dall'autorità nazionale di regolamentazione.

soppresso

Emendamento    110

Proposta di regolamento

Articolo 21 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  I fornitori di capacità possono partecipare a più meccanismi per lo stesso periodo di consegna. Essi sono soggetti a pagamenti per indisponibilità in caso di indisponibilità, e sono altresì soggetti a due o più pagamenti per indisponibilità in caso di concomitante scarsità in due o più zone di offerta in cui il fornitore di capacità è contrattualmente impegnato.

5.  I fornitori di capacità possono partecipare a più meccanismi per lo stesso periodo di consegna. Essi sono soggetti a pagamenti per indisponibilità in caso di indisponibilità, e sono altresì soggetti a due o più pagamenti per indisponibilità in caso di concomitante scarsità in due o più zone di offerta in cui il fornitore di capacità è contrattualmente impegnato. I fornitori di capacità sono in grado di partecipare con non più della propria capacità massima disponibile.

Emendamento    111

Proposta di regolamento

Articolo 21 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  I centri operativi regionali istituiti a norma dell'articolo 32 calcolano ogni anno la capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera, tenendo conto della disponibilità di interconnessione prevista e della pressione cui potrebbero essere sottoposti il sistema in cui il meccanismo è applicato e quello in cui si trova la capacità estera. È necessario un calcolo per ogni confine tra zone di offerta.

6.  I centri di coordinamento regionali istituiti a norma dell'articolo 32 calcolano ogni anno la capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera, tenendo conto della disponibilità di interconnessione prevista e della pressione cui potrebbero essere sottoposti il sistema in cui il meccanismo è applicato e quello in cui si trova la capacità estera. È necessario un calcolo per ogni confine tra zone di offerta.

Emendamento    112

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Per rispondere alle preoccupazioni che permangono dopo l'applicazione delle misure di cui all'articolo 18, paragrafo 3, gli Stati membri possono introdurre meccanismi di regolazione della capacità, fatte salve le disposizioni del presente articolo e le norme dell'Unione in materia di aiuti di stato.

1.  Gli eventuali meccanismi di regolazione della capacità:

 

(a) non creano inutili distorsioni del mercato e non limitano il commercio transfrontaliero;

 

(b) non si spingono oltre quanto necessario per affrontare i timori dell'adeguatezza;

 

(c) selezionano i fornitori di capacità tramite un processo trasparente, non discriminatorio e basato sul mercato;

 

(d) sono tecnologicamente neutrali;

 

(e) offrono incentivi ai fornitori di capacità affinché si rendano disponibili in periodi in cui sono previste sollecitazioni del sistema;

 

(f) garantiscono che la remunerazione sia stabilita mediante un processo basato su criteri di mercato;

 

(g) stabiliscono le condizioni tecniche necessarie per la partecipazione dei fornitori di capacità prima della procedura di selezione;

 

(h) sono aperti alla partecipazione di tutte le risorse, compresi lo stoccaggio e la gestione sul versante della domanda in grado di fornire le prestazioni tecniche richieste;

 

(i) applicano sanzioni adeguate ai fornitori di capacità qualora non si rendano disponibili in caso di sollecitazione del sistema;

 

(j) assicurano che i contratti di capacità per gli impianti esistenti siano remunerati per una durata massima di 1 anno.

Emendamento    113

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Gli Stati membri che desiderano attuare un meccanismo di regolazione della capacità si consultano sul meccanismo proposto almeno con gli Stati membri confinanti ai cui sistemi elettrici sono connessi.

2.  I meccanismi di regolazione della capacità sotto forma di riserve strategiche:

 

(a) sono tenuti fuori dal mercato;

 

(b) sono dispacciati solo se i mercati del giorno prima e infragiornalieri non hanno raggiunto l'equilibrio e i gestori dei sistemi di trasmissione hanno esaurito le rispettive risorse di bilanciamento per stabilire un equilibrio tra domanda e offerta;

 

(c) assicurano che nei periodi in cui le riserve strategiche sono dispacciate, gli sbilanciamenti siano compensati al valore più elevato fra il limite del prezzo tecnico applicato dagli operatori del mercato a norma dell'articolo 9 e il valore del carico perso;

 

(d) sono soggetti a limiti di emissione massimi di 200kg/CO2/kW per la produzione di energia elettrica all'anno. L'energia elettrica prodotta o la riduzione del carico conseguita attraverso risorse della riserva strategica non sono vendute attraverso i mercati all'ingrosso di energia elettrica.

Emendamento    114

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I meccanismi di regolazione della capacità non danno luogo a inutili distorsioni del mercato e non limitano il commercio transfrontaliero. La quantità di capacità impegnata nel meccanismo non è superiore a quanto necessario per affrontare il motivo di preoccupazione.

3.  Oltre ai requisiti di cui al paragrafo 1, i meccanismi di regolazione della capacità diversi dalle riserve strategiche:

 

(a) sono impostati in modo tale da garantire che il prezzo corrisposto per la disponibilità tenda automaticamente allo zero se si prevede che il livello di capacità fornita sia adeguato al livello di capacità richiesto;

 

(b) remunerano le risorse partecipanti solo per la loro disponibilità e garantiscono che la remunerazione non incida sulle decisioni del fornitore di capacità quando si tratta di stabilire se generare o meno;

 

(c) assicurano che gli obblighi di capacità siano trasferibili tra fornitori di capacità ammissibili.

Emendamento    115

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  La capacità di generazione per la quale è stata presa una decisione d'investimento finale dopo il [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore] è ammessa a partecipare al meccanismo di regolazione della capacità solo se le relative emissioni sono inferiori a 550 gr di CO2/kWh. Le capacità di generazione con emissioni pari o superiori a 550 gr di CO2/kWh non sono impegnate nei meccanismi di regolazione della capacità cinque anni dopo l'entrata in vigore del presente regolamento.

soppresso

Emendamento    116

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  Se la valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse non individua un motivo di preoccupazione concernente l'adeguatezza delle risorse, gli Stati membri non applicano meccanismi di regolazione della capacità.

soppresso

Emendamento    117

Proposta di regolamento

Articolo 24 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

Gli Stati membri che al [per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore del presente regolamento] applicano meccanismi di regolazione della capacità li adattano per conformarsi agli articoli 18, 21 e 23 del presente regolamento.

Gli Stati membri che al [per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore del presente regolamento] applicano meccanismi di regolazione della capacità li adattano per conformarsi agli articoli 18, 18 bis, 21 e 23 del presente regolamento.

Emendamento    118

Proposta di regolamento

Articolo 27 – paragrafo 1 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  preparare e adottare proposte relative alla valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse a norma dell'articolo 19, paragrafi 2, 3 e 5, e relative alle specifiche tecniche per la partecipazione transfrontaliera ai meccanismi di regolazione della capacità a norma dell'articolo 21, paragrafo 10;

(c)  preparare e adottare proposte relative alla valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse a norma dell'articolo 19, paragrafo 1 bis, e relative alle specifiche tecniche per la partecipazione transfrontaliera ai meccanismi di regolazione della capacità a norma dell'articolo 21, paragrafo 10;

Emendamento    119

Proposta di regolamento

Articolo 27 – paragrafo 1 – lettera h bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(h bis)  standardizzare, in cooperazione con l'EU DSO, i formati e i protocolli di dati pertinenti per agevolare lo scambio transfrontaliero di dati;

Emendamento    120

Proposta di regolamento

Articolo 27 – paragrafo 1 – lettera j bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(j bis)  promuovere la digitalizzazione dei sistemi di trasmissione per garantire, tra l'altro, un'efficiente acquisizione e utilizzo di dati in tempo reale e sottostazioni intelligenti;

Emendamento    121

Proposta di regolamento

Articolo 27 – paragrafo 1 – lettera b ter (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(j ter)  promuovere la gestione dei dati, la sicurezza informatica e la protezione dei dati in collaborazione con le autorità competenti e le entità regolamentate;

Emendamento    122

Proposta di regolamento

Articolo 27 – paragrafo 1 – lettera b quater (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(j quater)  sviluppare la gestione attiva della domanda in cooperazione con i DSO.

Emendamento    123

Proposta di regolamento

Articolo 27 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  L'ENTSO-E riferisce all'Agenzia in merito alle carenze individuate per quanto riguarda l'istituzione e le prestazioni dei centri operativi regionali.

2.  L'ENTSO-E riferisce all'Agenzia in merito alle carenze individuate per quanto riguarda l'istituzione e le prestazioni dei centri di coordinamento regionali.

Emendamento    124

Proposta di regolamento

Articolo 28 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  In occasione dell'elaborazione delle proposte con riferimento ai compiti di cui all'articolo 27, paragrafo 1, l'ENTSO-E conduce un ampio processo di consultazione, in una fase iniziale e in modo aperto e trasparente, coinvolgendo tutte le parti interessate e, in particolare, le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate secondo le norme procedurali di cui all'articolo 26. Alla consultazione partecipano anche le autorità nazionali di regolamentazione e altre autorità nazionali, le imprese di erogazione e di generazione, gli utenti del sistema compresi i clienti, i gestori dei sistemi di distribuzione, comprese le pertinenti associazioni settoriali, gli organismi tecnici e le piattaforme di parti interessate. La consultazione si prefigge di enucleare le opinioni e le proposte di tutte le parti competenti nel corso del processo decisionale.

1.  In occasione dell'elaborazione delle proposte con riferimento ai compiti di cui all'articolo 27, paragrafo 1, l'ENTSO-E conduce un ampio processo di consultazione, in una fase iniziale, strutturato per consentire di accogliere le osservazioni delle parti interessate prima dell'adozione finale, in modo aperto e trasparente, coinvolgendo tutte le parti interessate e, in particolare, le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate secondo le norme procedurali di cui all'articolo 26. Alla consultazione partecipano anche le autorità nazionali di regolamentazione e altre autorità nazionali, le imprese di erogazione e di generazione, gli utenti del sistema compresi i clienti e i loro rappresentanti, i gestori dei sistemi di distribuzione, comprese le pertinenti associazioni settoriali, gli organismi tecnici e le piattaforme di parti interessate. La consultazione si prefigge di enucleare le opinioni e le proposte di tutte le parti competenti nel corso del processo decisionale.

Motivazione

L'emendamento è necessario per consentire l'adempimento degli obblighi di cui al paragrafo 3 del presente articolo.

Emendamento    125

Proposta di regolamento

Articolo 31 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Ai fini del conseguimento degli obiettivi di cui ai paragrafi 1 e 2 del presente articolo, l'area geografica di competenza di ciascuna struttura di cooperazione regionale può essere definita dalla Commissione, tenendo conto delle strutture di cooperazione regionali esistenti. Ciascuno Stato membro può promuovere la cooperazione in più aree geografiche. Alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all'articolo 63 per quanto riguarda l'area geografica coperta da ciascuna struttura di cooperazione regionale. A tal fine la Commissione consulta l'Agenzia e l'ENTSO-E.

3.  Ai fini del conseguimento degli obiettivi di cui ai paragrafi 1 e 2 del presente articolo, l'area geografica di competenza di ciascuna struttura di cooperazione regionale può essere definita dalla Commissione, tenendo conto delle strutture di cooperazione regionali esistenti. Ciascuno Stato membro può promuovere la cooperazione in più aree geografiche. Alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all'articolo 63 per quanto riguarda l'area geografica coperta da ciascuna struttura di cooperazione regionale. A tal fine la Commissione consulta le autorità di regolamentazione, l'Agenzia e l'ENTSO-E.

Emendamento    126

Proposta di regolamento

Articolo 32 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dall'entrata in vigore], tutti i gestori dei sistemi di trasmissione istituiscono centri operativi regionali in conformità ai criteri stabiliti nel presente capo. I centri operativi regionali sono istituiti nel territorio di uno degli Stati membri della regione in cui svolgeranno i loro compiti.

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dall'entrata in vigore], i centri di coordinamento regionali sostituiscono, coprendone le funzioni, in aggiunta agli altri compiti di cui all'articolo 34 del presente regolamento, i coordinatori regionali della sicurezza istituiti a norma del regolamento... [regolamento della Commissione che stabilisce orientamenti in materia di gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica]in conformità ai criteri stabiliti nel presente capo.

 

Se una regione non è coperta da un coordinatore regionale della sicurezza esistente o previsto, i gestori dei sistemi di trasmissione di tale regione istituiscono un centro di coordinamento regionale.

 

Tutti i gestori dei sistemi di trasmissione aderiscono ad un unico centro di coordinamento regionale.

 

Tutti i gestori dei sistemi di trasmissione di una regione di gestione del sistema sottopongono all'esame delle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema una proposta per l'istituzione di centri di coordinamento regionali in conformità ai criteri stabiliti nel presente capo.

 

Le autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema esaminano e approvano la proposta, in conformità con le procedure stabilite a norma dell'articolo 8 del regolamento (UE) ... [rifusione del regolamento (CE) n. 713/2009 proposto con il COM(2016) 863].

 

Le proposte di cui al quarto comma includono le seguenti informazioni:

 

(a) lo Stato membro in cui il centro di coordinamento regionale sarà situato;

 

(b) le modalità organizzative, finanziarie e operative necessarie ad assicurare la gestione efficiente, sicura e affidabile del sistema di trasmissione interconnesso;

 

(c) un piano di attuazione per l'entrata in funzione dei centri di coordinamento regionali;

 

(d) gli statuti e i regolamenti interni dei centri di coordinamento regionali;

 

(e) una descrizione dei processi cooperativi a norma dell'articolo 35;

 

(f) una descrizione delle disposizioni concernenti la responsabilità dei centri di coordinamento regionali in conformità dell'articolo 44.

Emendamento    127

Proposta di regolamento

Articolo 32 – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.  I centri di coordinamento regionali entrano in funzione entro il [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dall'entrata in vigore].

Emendamento    128

Proposta di regolamento

Articolo 32 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  Nell'esercizio delle loro funzioni ai sensi del diritto dell'Unione, i centri di coordinamento regionali operano in maniera indipendente rispetto agli interessi nazionali individuali o agli interessi dei gestori dei sistemi di distribuzione.

Emendamento    129

Proposta di regolamento

Articolo 32 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I centri operativi regionali integrano il ruolo dei gestori dei sistemi di trasmissione svolgendo funzioni di rilevanza regionale. Essi stabiliscono modalità operative tali da assicurare la gestione efficiente, sicura e affidabile del sistema di trasmissione interconnesso.

3.  I centri di coordinamento regionali integrano il ruolo dei gestori dei sistemi di trasmissione svolgendo funzioni di rilevanza regionale. I gestori dei sistemi di trasmissione sono responsabili della gestione dei flussi di energia elettrica e della sicurezza, affidabilità ed efficienza del sistema dell'energia elettrica, conformemente all'articolo 40 della direttiva (UE) [rifusione della direttiva 2009/72/CE, proposta COM(2016) 864/2].

Emendamento    130

Proposta di regolamento

Articolo 33 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Ambito geografico dei centri operativi regionali

Ambito geografico dei centri di coordinamento regionali

Emendamento    131

Proposta di regolamento

Articolo 33 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: sei mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento] l'ENTSO-E presenta all'Agenzia una proposta che definisce le regioni di gestione del sistema coperte dai centri operativi regionali, tenendo conto dei coordinatori regionali della sicurezza esistenti, in base ai seguenti criteri:

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: sei mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento] l'ENTSO-E presenta all'Agenzia una proposta che definisce le regioni di gestione del sistema coperte dai centri di coordinamento regionali, tenendo conto dei coordinatori regionali della sicurezza esistenti, in base ai seguenti criteri:

Emendamento    132

Proposta di regolamento

Articolo 34 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Compiti dei centri operativi regionali

Compiti dei centri di coordinamento regionali

Emendamento    133

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali svolgono nella regione di gestione del sistema in cui sono stabiliti almeno le seguenti funzioni, descritte più dettagliatamente nell'allegato I:

1.  I centri di coordinamento regionali svolgono nella regione di gestione del sistema in cui sono stabiliti almeno le seguenti funzioni, descritte più dettagliatamente nell'allegato I:

(a)  calcolo coordinato della capacità;

(a)  calcolo coordinato della capacità, conformemente alle metodologie elaborate a norma degli articoli 21, 26, 29 e 30 del regolamento (UE) 2015/1222;

(b)  analisi coordinata della sicurezza;

(b)  analisi coordinata della sicurezza, conformemente alle metodologie elaborate a norma degli articoli 75 e 76 del regolamento (UE) 2017/14851a della Commissione;

(c)  creazione di modelli di sistema comuni;

(c)  creazione di modelli di sistema comuni, conformemente alle metodologie e alle procedure sviluppate a norma degli articoli 67, 70 e 79 del regolamento del regolamento (UE) 2017/1485 della Commissione;

(d)  valutazione della coerenza dei piani di difesa e dei piani di ripristino dei gestori dei sistemi di trasmissione;

(d)  valutazione della coerenza dei piani di difesa e dei piani di ripristino dei gestori dei sistemi di trasmissione, conformemente alla procedura stabilita all'articolo 6 del regolamento (UE) 2017/1485b della Commissione;

(e)  coordinamento e ottimizzazione del ripristino regionale;

(e)  coordinamento e ottimizzazione del ripristino regionale;

(f)  analisi e rendicontazione successive alla gestione e successive ai disturbi;

(f)  analisi e rendicontazione successive alla gestione e successive ai disturbi;

(g)  dimensionamento regionale della capacità di riserva;

(g)  dimensionamento regionale della capacità di riserva;

(h)  agevolazione dell'approvvigionamento regionale della capacità di bilanciamento;

(h)  calcolo della capacità regionale di bilanciamento;

(i)  previsioni regionali di adeguatezza dei sistemi ad una settimana e fino all'orizzonte temporale infragiornaliero e preparazione di azioni di riduzione dei rischi;

(i)  previsioni regionali di adeguatezza dei sistemi ad una settimana e fino all'orizzonte temporale infragiornaliero e preparazione di azioni di riduzione dei rischi, conformemente alla metodologia di cui all'articolo 8 del regolamento (UE) ... [regolamento sulla preparazione ai rischi proposto da COM(2016) 862] e alle procedure di cui all'articolo 81 del regolamento (UE) 2017/1485 della Commissione [regolamento della Commissione che stabilisce orientamenti in materia di gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica];

(j)  coordinamento della pianificazione delle indisponibilità;

(j)  coordinamento della pianificazione delle indisponibilità, conformemente alle procedure stabilite all'articolo 80 del regolamento (UE) 2017/1485 della Commissione;

(k)  ottimizzazione dei meccanismi di compensazione tra i gestori dei sistemi di trasmissione;

(k)  ottimizzazione dei meccanismi di compensazione tra i gestori dei sistemi di trasmissione;

(l)  formazione e certificazione;

(l)  formazione e certificazione;

(m)  identificazione degli scenari di crisi regionale conformemente all'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862], qualora l'ENTSO-E deleghi tale compito;

 

(n)  preparazione e svolgimento di simulazioni delle crisi annuali in cooperazione con le autorità competenti a norma dell'articolo 12, paragrafo 3, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

(n)  preparazione e svolgimento di simulazioni delle crisi annuali in cooperazione con le autorità competenti a norma dell'articolo 12, paragrafo 3, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

(o)  compiti relativi all'identificazione degli scenari di crisi regionali se e nella misura in cui sono delegati ai centri operativi regionali a norma dell'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

(o)  compiti relativi all'identificazione degli scenari di crisi regionali se e nella misura in cui sono delegati ai centri di coordinamento regionali a norma dell'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

(p)  compiti relativi all'identificazione delle prospettive stagionali sull'adeguatezza se e nella misura in cui sono delegati ai centri operativi regionali a norma dell'articolo 9, paragrafo 2, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

(p)  compiti relativi all'identificazione delle prospettive stagionali sull'adeguatezza se e nella misura in cui sono delegati ai centri di coordinamento regionali a norma dell'articolo 9, paragrafo 2, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

(q)  calcolo della capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera ai meccanismi di regolazione della capacità a norma dell'articolo 21, paragrafo 6.

(q)  calcolo della capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera ai meccanismi di regolazione della capacità a norma dell'articolo 21, paragrafo 6;

 

(q bis)  compiti relativi al sostegno dei gestori dei sistemi di trasmissione nell'individuazione delle esigenze di nuove capacità, di potenziamento della capacità esistente o delle loro alternative, che devono essere presentate ai gruppi regionali istituiti a norma del regolamento (UE) n. 347/2013 ed essere incluse nel piano decennale di sviluppo della rete di cui all'articolo 51 della direttiva (UE) ... [rifusione della direttiva 2009/72/CE come da proposta COM(2016) 864/2].

 

_______________

 

1a Regolamento (UE) 2017/1485 della Commissione, del 2 agosto 2017, che stabilisce orientamenti in materia di gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica (GU L 220 del 25.8.2017, pag. 1).

 

1b Regolamento (UE) 2017/2196 della Commissione, del 24 novembre 2017, che istituisce un codice di rete in materia di emergenza e ripristino dell'energia elettrica (GU L 312 del 28.11.2017, pag. 54).

Emendamento    134

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  La Commissione può prevedere che i centri operativi regionali svolgano ulteriori funzioni, che non comportino poteri decisionali, a norma del capo VII.

2.  La Commissione può prevedere che i centri di coordinamento regionali svolgano ulteriori funzioni, che non comportino poteri decisionali, a norma del capo VII.

Emendamento    135

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori dei sistemi di trasmissione forniscono al rispettivo centro operativo regionale le informazioni necessarie allo svolgimento delle sue funzioni.

3.  I gestori dei sistemi di trasmissione forniscono al rispettivo centro di coordinamento regionale le informazioni necessarie allo svolgimento delle sue funzioni.

Emendamento    136

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I centri operativi regionali forniscono ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema tutte le informazioni necessarie per attuare le decisioni e le raccomandazioni proposte dai centri operativi regionali.

4.  I centri di coordinamento regionali forniscono ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema tutte le informazioni necessarie per garantire la stabilità del sistema e la sicurezza dell'approvvigionamento.

 

Per le funzioni di cui al presente articolo e non già contemplate dagli orientamenti pertinenti, l'ENTSO-E elabora una proposta conformemente alla procedura di cui all'articolo 22. I centri di coordinamento regionali svolgono tali funzioni sulla base di una proposta approvata dall'Agenzia.

Emendamento    137

Proposta di regolamento

Articolo 35

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 35

Articolo 35

Cooperazione con i centri operativi regionali

Cooperazione con i centri di coordinamento regionali e tra di essi

1.  L'attività quotidiana dei centri operativi regionali è gestita tramite un processo decisionale di tipo cooperativo. Tale processo decisionale di tipo cooperativo si basa su:

L'attività quotidiana dei centri di coordinamento regionali è gestita tramite un processo decisionale di tipo cooperativo tra i gestori dei sistemi di trasmissione della regione, comprese, se del caso, le modalità di coordinamento tra i centri di coordinamento regionali. Tale processo di tipo cooperativo si basa su:

(a)  accordi operativi per la gestione degli aspetti relativi alla pianificazione e alla gestione correlati alle funzioni, conformemente all'articolo 36;

(a)  accordi operativi per la gestione degli aspetti relativi alla pianificazione e alla gestione correlati alle funzioni, conformemente all'articolo 36;

(b)  una procedura per la consultazione dei gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema, organizzata dai centri operativi regionali nell'esercizio delle loro funzioni e dei loro compiti in conformità dell'articolo 37;

(b)  una procedura per la consultazione, in maniera efficiente e inclusiva, dei gestori dei sistemi di trasmissione e dei pertinenti portatori di interesse della regione di gestione del sistema in conformità dell'articolo 37;

(c)  una procedura per l'adozione di decisioni e raccomandazioni conformemente all'articolo 38;

(c)  una procedura per l'adozione e la revisione di decisioni e raccomandazioni conformemente all'articolo 38 che assicuri parità di trattamento tra i membri del centro operativo regionale;

(d)  una procedura per la revisione delle decisioni e delle raccomandazioni adottate dai centri operativi regionali conformemente all'articolo 39.

 

Emendamento    138

Proposta di regolamento

Articolo 36 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali elaborano modalità di lavoro per gestire gli aspetti di pianificazione e gestione correlati alle funzioni da svolgere, tenendo conto, in particolare, delle specificità e delle esigenze di tali funzioni, come specificato nell'allegato I.

1.  I centri di coordinamento regionali elaborano modalità di lavoro efficienti, inclusive, trasparenti e che agevolano il consenso, per gestire gli aspetti di pianificazione e gestione correlati alle funzioni da svolgere, tenendo conto, in particolare, delle specificità e delle esigenze di tali funzioni, come specificato nell'allegato I.

Emendamento    139

Proposta di regolamento

Articolo 36 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I centri operativi regionali assicurano che le modalità di lavoro prevedano norme per la notifica alle parti interessate.

2.  I centri di coordinamento regionali assicurano che le modalità di lavoro prevedano norme per la notifica alle parti interessate.

Emendamento    140

Proposta di regolamento

Articolo 37 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

I centri operativi regionali elaborano una procedura per organizzare, nell'esercizio quotidiano delle loro funzioni operative e dei loro compiti, l'adeguata e regolare consultazione dei gestori dei sistemi di trasmissione e delle parti interessate. Al fine di garantire che siano trattati gli aspetti normativi, quando necessario si coinvolgono le autorità di regolamentazione.

I centri di coordinamento regionali elaborano una procedura per organizzare, nell'esercizio quotidiano delle loro funzioni e dei loro compiti, l'adeguata e regolare consultazione dei gestori dei sistemi di trasmissione e delle parti interessate. Al fine di garantire che siano trattati gli aspetti normativi, quando necessario si coinvolgono le autorità di regolamentazione.

Emendamento    141

Proposta di regolamento

Articolo 37 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 37 bis

 

Trasparenza

 

1.  I centri di coordinamento regionali organizzano una procedura per il coinvolgimento delle parti interessate e incontri regolari con le parti interessate per discutere degli aspetti relativi alla gestione efficiente, sicura e affidabile dei sistemi interconnessi, nonché per individuare eventuali lacune e proporre miglioramenti;

 

2.  L'ENTSO-E e i centri operativi regionali agiscono con la massima trasparenza nei confronti delle parti interessate e del pubblico. Tutta la documentazione pertinente è pubblicata sul sito web del rispettivo centro di coordinamento regionale. Il presente paragrafo si applica alle proposte, alle motivazioni e alle decisioni adottate a norma degli articoli 32 e 33, dell'articolo 35, lettera a), nonché dell'articolo 38 del presente regolamento.

Emendamento    142

Proposta di regolamento

Articolo 38 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Adozione di decisioni e raccomandazioni

Adozione e revisioni di decisioni e raccomandazioni

Emendamento    143

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali elaborano una procedura per l'adozione di decisioni e raccomandazioni.

1.  I gestori dei sistemi di trasmissione di ogni centro di coordinamento regionale elaborano procedure per l'adozione e la revisione di decisioni e raccomandazioni che assicurino una rappresentanza geograficamente equilibrata e la parità di trattamento tra i membri del centro di coordinamento regionale.

Emendamento    144

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I centri operativi regionali adottano decisioni vincolanti indirizzate ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere a), b), g) e q). I gestori dei sistemi di trasmissione attuano le decisioni vincolanti emesse dai centri operativi regionali, tranne nei casi in cui tali decisioni avrebbero ripercussioni negative sulla sicurezza del sistema.

2.  I centri di coordinamento regionali adottano decisioni vincolanti indirizzate ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere a) e b). I gestori dei sistemi di trasmissione attuano le decisioni vincolanti emesse dai centri di coordinamento regionali, tranne nei casi in cui l'attuazione della decisione comporti una violazione dei limiti di sicurezza operativa definiti da ciascun gestore del sistema di trasmissione a norma dell'articolo 25 del regolamento (UE) 2017/1485 della Commissione.

Emendamento    145

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I centri operativi regionali adottano le raccomandazioni rivolte ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere da c) a f) e da h) a p).

3.  I centri di coordinamento regionali adottano le raccomandazioni rivolte ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, non menzionate nel paragrafo 2 del presente articolo.

Emendamento    146

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  Qualora un gestore dei sistemi di trasmissione decida di discostarsi dalle decisioni o raccomandazioni formulate dal centro di coordinamento regionale, esso fornisce una spiegazione dettagliata e senza indugio al centro di coordinamento regionale e agli altri gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

Emendamento    147

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 3 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 ter.  La revisione è avviata su richiesta di uno o più gestori di sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema. In seguito alla revisione della decisione o della raccomandazione, i centri operativi regionali confermano o modificano la misura.

Emendamento    148

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 3 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 quater.  Se la misura oggetto di revisione è una decisione vincolante ai sensi dell'articolo 38, paragrafo 2, del presente regolamento, la richiesta di revisione non sospende la decisione, salvo nei casi in cui l'attuazione della decisione comporti una violazione dei limiti di sicurezza operativa definiti da ciascun gestore del sistema di trasmissione ai sensi dell'articolo 25 degli orientamenti relativi alla gestione del sistema.

Emendamento    149

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Le autorità di regolamentazione di una regione di gestione del sistema possono decidere congiuntamente di concedere poteri decisionali vincolanti al centro operativo regionale per una o più funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere da c) a f) e da h) a l).

4.  Le autorità di regolamentazione di una regione di gestione del sistema possono decidere congiuntamente di concedere poteri decisionali vincolanti al centro di coordinamento regionale per una o più funzioni elencate all'articolo 34, paragrafo 1, e che non sono indicate al paragrafo 2 del presente articolo.

Emendamento    150

Proposta di regolamento

Articolo 39

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 39

soppresso

Revisione di decisioni e raccomandazioni

 

1.  I centri operativi regionali elaborano una procedura per la revisione di decisioni e raccomandazioni.

 

2.  La procedura è avviata su richiesta di uno o più gestori di sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema. In seguito alla revisione della decisione o della raccomandazione, i centri operativi regionali confermano o modificano la misura.

 

3.  Se la misura oggetto di revisione è una decisione vincolante ai sensi dell'articolo 38, paragrafo 2, la richiesta di revisione non sospende la decisione, salvo nei casi in cui la sicurezza del sistema è destinata a subire ripercussioni negative.

 

4.  Se la misura oggetto di revisione è una raccomandazione ai sensi dell'articolo 38, paragrafo 3, e, in seguito alla sua revisione, un gestore di sistema di trasmissione decide di discostarsene, esso fornisce una motivazione dettagliata al centro operativo regionale e agli altri gestori di sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

 

Emendamento    151

Proposta di regolamento

Articolo 40 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Consiglio di amministrazione dei centri operativi regionali

Consiglio di amministrazione dei centri di coordinamento regionali

Emendamento    152

Proposta di regolamento

Articolo 40 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Ai fini dell'adozione di misure relative alla governance e del monitoraggio delle proprie prestazioni, i centri operativi regionali istituiscono un consiglio di amministrazione.

1.  Ai fini dell'adozione di misure relative alla governance e del monitoraggio delle proprie prestazioni, i centri di coordinamento regionali istituiscono un consiglio di amministrazione.

Emendamento    153

Proposta di regolamento

Articolo 40 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Il consiglio di amministrazione è costituito da membri che rappresentano i gestori dei sistemi di trasmissione e da osservatori che rappresentano le autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema. I rappresentanti delle autorità di regolamentazione non hanno diritto di voto.

2.  Il consiglio di amministrazione è costituito da membri che rappresentano tutti i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema. La composizione del consiglio di amministrazione è geograficamente equilibrata.

Emendamento    154

Proposta di regolamento

Articolo 40 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Il consiglio di amministrazione ha il compito di:

3.  Il consiglio di amministrazione ha il compito di:

(a)  elaborare e approvare gli statuti e i regolamenti interni del centro operativo regionale;

(a)  elaborare e approvare gli statuti e i regolamenti interni del centro di coordinamento regionale;

(b)  decidere e attuare la struttura organizzativa;

(b)  attuare la struttura organizzativa;

(c)  preparare e approvare il bilancio annuale;

(c)  preparare e approvare il bilancio annuale;

(d)  elaborare e approvare i processi decisionali cooperativi in conformità dell'articolo 35.

(d)  elaborare e approvare i processi decisionali cooperativi in conformità dell'articolo 35.

Emendamento    155

Proposta di regolamento

Articolo 40 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Le competenze del consiglio di amministrazione non comprendono quelle connesse alle attività quotidiane dei centri operativi regionali e all'esercizio delle loro funzioni.

4.  Le competenze del consiglio di amministrazione non comprendono le decisioni connesse all'esercizio delle funzioni dei centri di coordinamento regionali.

Emendamento    156

Proposta di regolamento

Articolo 41 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali organizzano e gestiscono la loro struttura in modo da assicurare lo svolgimento in sicurezza delle loro funzioni. La struttura organizzativa specifica:

1.  I gestori dei sistemi di trasmissione di una regione di gestione del sistema predispongono la struttura organizzativa dei centri di coordinamento regionali. La struttura organizzativa specifica:

Emendamento    157

Proposta di regolamento

Articolo 41 – paragrafo 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  i poteri, i compiti e le responsabilità del personale direttivo;

(a)  i poteri, i compiti e le responsabilità del personale;

Emendamento    158

Proposta di regolamento

Articolo 41 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I centri operativi regionali possono creare uffici regionali per affrontare le specificità locali o centri operativi di ausiliari per l'esercizio efficiente e affidabile delle loro funzioni.

2.  I centri di coordinamento regionali possono creare uffici regionali per affrontare le specificità locali o centri di coordinamento ausiliari per l'esercizio efficiente e affidabile delle loro funzioni, qualora ciò risulti strettamente necessario.

Emendamento    159

Proposta di regolamento

Articolo 42

Testo della Commissione

Emendamento

I centri operativi regionali dispongono di tutte le risorse umane, tecniche, materiali e finanziarie necessarie per assolvere gli obblighi derivanti dal presente regolamento e per svolgere le loro funzioni.

I centri di coordinamento regionali dispongono di tutte le risorse umane, tecniche, materiali e finanziarie necessarie per assolvere gli obblighi derivanti dal presente regolamento e per svolgere le loro funzioni in modo indipendente e imparziale. Le risorse umane, tecniche, materiali e finanziarie dei centri di coordinamento regionali non superano lo stretto necessario per l'esercizio delle loro funzioni; sono nel contempo garantite una rappresentanza geograficamente equilibrata e un trattamento equo dei membri di tali centri.

Emendamento    160

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali stabiliscono un processo per monitorare almeno:

1.  I centri di coordinamento regionali stabiliscono un processo per monitorare costantemente almeno:

(a)  le prestazioni operative;

(a)  le prestazioni operative;

(b)  le decisioni e le raccomandazioni emesse e i risultati conseguiti;

(b)  le decisioni e le raccomandazioni emesse, in particolare quelle dalle quali i gestori dei sistemi di trasmissione si sono discostati, e i risultati conseguiti;

(c)  l'efficacia e l'efficienza di ognuna delle funzioni di cui sono responsabili.

(c)  l'efficacia e l'efficienza di ognuna delle funzioni di cui sono responsabili.

Emendamento    161

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Almeno una volta l'anno i centri operativi regionali presentano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema i dati risultanti dal loro monitoraggio costante.

soppresso

Emendamento    162

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I centri operativi regionali stabiliscono i costi in modo trasparente e li comunicano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema.

3.  I centri di coordinamento regionali stabiliscono i costi in modo trasparente e li comunicano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema.

Emendamento    163

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I centri operativi regionali presentano una relazione annuale sulle rispettive prestazioni all'ENTSO-E, all'Agenzia, alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema e al gruppo di coordinamento per l'energia elettrica istituito a norma dell'articolo 1 della decisione 2012/C 353/02 della Commissione37.

4.  I centri di coordinamento regionali presentano all'ENTSO-E, all'Agenzia, alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema e al gruppo di coordinamento per l'energia elettrica istituito a norma dell'articolo 1 della decisione 2012/C 353/02 della Commissione37 una relazione annuale contenente i dati pertinenti del monitoraggio in conformità del paragrafo 1 e informazioni sulle loro prestazioni.

__________________

__________________

37 Decisione della Commissione, del 15 novembre 2012, che istituisce il gruppo di coordinamento per l'energia elettrica (GU C 353 del 17.11.2012, pag. 2).

37 Decisione della Commissione, del 15 novembre 2012, che istituisce il gruppo di coordinamento per l'energia elettrica (GU C 353 del 17.11.2012, pag. 2).

Emendamento    164

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  I centri operativi regionali segnalano le carenze individuate nel processo di monitoraggio di cui al paragrafo 1 all'ENTSO-E, alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema, all'Agenzia e alle autorità competenti degli Stati membri responsabili della prevenzione e della gestione delle situazioni di crisi.

5.  I centri di coordinamento regionali segnalano le carenze individuate nel processo di monitoraggio di cui al paragrafo 1 all'ENTSO-E, alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema, all'Agenzia e alle autorità competenti degli Stati membri responsabili della prevenzione e della gestione delle situazioni di crisi.

Emendamento    165

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 5 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

5 bis.  Senza pregiudicare il principio della riservatezza e la necessità di proteggere le informazioni sensibili sotto il profilo commerciale e della sicurezza, i centri di coordinamento regionali rendono pubbliche le relazioni di cui ai paragrafi 4 e 5.

Emendamento    166

Proposta di regolamento

Articolo 44

Testo della Commissione

Emendamento

I centri operativi regionali intraprendono le azioni necessarie per coprire la responsabilità associata all'esecuzione dei loro compiti, in particolare quando adottano decisioni vincolanti sui gestori dei sistemi di trasmissione. Il metodo utilizzato per assicurare la copertura tiene conto dello status giuridico del centro operativo regionale e del livello di copertura assicurativa commerciale disponibile.

La proposta concernente l'istituzione di centri di coordinamento regionali conformemente all'articolo 32 include disposizioni volte a coprire la responsabilità associata all'esecuzione dei compiti di tali centri. Il metodo utilizzato per assicurare la copertura tiene conto dello status giuridico del centro di coordinamento regionale e del livello di copertura assicurativa commerciale disponibile.

Emendamento    167

Proposta di regolamento

Articolo 47 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione pubblicano dati pertinenti sulle previsioni aggregate e sulla domanda effettiva, sulla disponibilità e sull'utilizzo effettivo dei mezzi di generazione e di carico, sulla disponibilità e l'utilizzo delle reti e delle interconnessioni nonché sul bilanciamento e la capacità di riserva. Per quanto riguarda la disponibilità e l'utilizzo effettivo delle unità di generazione e di carico di piccole dimensioni, possono essere usati dati stimati aggregati.

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione pubblicano dati pertinenti sulle previsioni aggregate e sulla domanda effettiva, sulla disponibilità e sull'utilizzo effettivo dei mezzi di generazione e di carico, sulla disponibilità e l'utilizzo delle reti e delle interconnessioni, sul bilanciamento e la capacità di riserva, nonché sulla flessibilità disponibile. Per quanto riguarda la disponibilità e l'utilizzo effettivo delle unità di generazione e di carico di piccole dimensioni, possono essere usati dati stimati aggregati.

Motivazione

L'emendamento è indissolubilmente legato ad altri emendamenti concernenti disposizioni che sono oggetto di modifiche nella proposta della Commissione.

Emendamento    168

Proposta di regolamento

Articolo 49

Testo della Commissione

Emendamento

I gestori dei sistemi di distribuzione che non facciano parte di un'impresa a integrazione verticale o le cui attività non siano separate (unbundled) secondo le disposizioni dell'articolo 35 [rifusione della direttiva 2009/72/CE, proposta da COM(2016) 864/2], cooperano a livello unionale attraverso un ente europeo dei gestori dei sistemi di distribuzione ("EU DSO") allo scopo di promuovere sia il completamento e il funzionamento del mercato interno dell'energia elettrica sia una gestione ottimale e coordinata dei sistemi di distribuzione e trasmissione. I gestori dei sistemi di distribuzione che desiderano partecipare all'EU DSO ne devono diventare membri iscritti.

I gestori dei sistemi di distribuzione cooperano a livello unionale attraverso un ente europeo dei gestori dei sistemi di distribuzione ("EU DSO") allo scopo di promuovere sia il completamento e il funzionamento del mercato interno dell'energia elettrica sia una gestione ottimale e coordinata dei sistemi di distribuzione e trasmissione. I gestori dei sistemi di distribuzione che desiderano partecipare all'EU DSO hanno il diritto di divenirne membri iscritti.

 

I membri iscritti possono partecipare all'EU DSO direttamente o essere rappresentati da un'associazione nazionale designata dallo Stato membro o da un'associazione a livello unionale.

 

Nell'esercizio delle sue funzioni ai sensi del diritto dell'Unione, l'EU DSO opera in piena indipendenza rispetto a interessi nazionali individuali o agli interessi nazionali dei gestori dei sistemi di distribuzione.

Emendamento    169

Proposta di regolamento

Articolo 50 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dopo l'entrata in vigore], i gestori dei sistemi di distribuzione, con il sostegno amministrativo dell'Agenzia, presentano alla Commissione e all'Agenzia un progetto di statuto, un elenco degli iscritti e un progetto di regolamento interno che comprende le norme per la consultazione dell'ENTSO-E e delle altre parti interessate, nonché le norme per il finanziamento dell'EU DSO.

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dopo l'entrata in vigore], i gestori dei sistemi di distribuzione, con il sostegno amministrativo dell'Agenzia, presentano alla Commissione e all'Agenzia un progetto di statuto, un elenco dei gestori dei sistemi di distribuzione partecipanti e degli organismi designati a rappresentare i gestori dei sistemi di distribuzione e un progetto di regolamento interno che comprende le norme per la consultazione dell'ENTSO-E e delle altre parti interessate, la procedura decisionale nonché le norme per il finanziamento dell'EU DSO.

 

Il progetto di regolamento interno dell'EU DSO garantisce la rappresentanza equilibrata di tutti i gestori dei sistemi di distribuzione partecipanti, a prescindere dalle loro dimensioni, anche per quanto riguarda il processo decisionale.

Emendamento    170

Proposta di regolamento

Articolo 50 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Entro due mesi dal ricevimento, l'Agenzia, dopo aver consultato formalmente le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate, in particolare gli utenti dei sistemi di distribuzione, trasmette alla Commissione un parere sul progetto di statuto, sull'elenco degli iscritti e sul progetto di regolamento interno.

2.  Entro due mesi dal ricevimento, l'Agenzia, dopo aver consultato formalmente le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate, in particolare gli utenti dei sistemi di distribuzione e le associazioni per la protezione dei consumatori, trasmette alla Commissione un parere sul progetto di statuto, sull'elenco degli iscritti e sul progetto di regolamento interno, tenendo conto segnatamente delle norme concernenti l'indipendenza dell'EU DSO, la prevenzione dei conflitti di interesse e la necessità di garantire una rappresentanza geograficamente equilibrata e un trattamento equo dei suoi membri.

Emendamento    171

Proposta di regolamento

Articolo 50 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Entro tre mesi dal ricevimento del parere dell'Agenzia, la Commissione formula il suo parere sul progetto di statuto, sull'elenco dei membri e sul progetto di regolamento interno tenendo conto del parere dell'Agenzia di cui al paragrafo 2.

3.  Entro tre mesi dal ricevimento del parere dell'Agenzia, la Commissione formula il suo parere sul progetto di statuto, sull'elenco dei membri e sul progetto di regolamento interno, incluse le norme concernenti la consultazione dell'ENTSO-E e delle altre parti interessate, la procedura decisionale nonché le disposizioni finanziarie, tenendo conto del parere dell'Agenzia di cui al paragrafo 2.

Emendamento    172

Proposta di regolamento

Articolo 50 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  I costi relativi alle attività dell'EU DSO sono a carico dei gestori dei sistemi di distribuzione che ne sono membri iscritti e vengono presi in considerazione ai fini del calcolo delle tariffe. Le autorità di regolamentazione approvano i costi solo se ragionevoli e proporzionati.

6.  I costi relativi alle attività dell'EU DSO sono a carico dei gestori dei sistemi di distribuzione che ne sono membri iscritti, sono ritenuti costi ammissibili e vengono presi in considerazione dall'autorità di regolamentazione fini del calcolo delle tariffe. Le autorità di regolamentazione approvano i costi solo se ragionevoli e proporzionati.

Emendamento    173

Proposta di regolamento

Articolo 50 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 50 bis

 

Principali norme e procedure dell'EU DSO per l'energia elettrica

 

1.  Lo statuto dell'EU DSO, adottato in conformità dell'articolo 50, salvaguarda i seguenti principi:

 

(a)  la partecipazione ai lavori dell'EU DSO è limitata ai membri iscritti, con possibilità di delega tra i membri;

 

(b)  le decisioni strategiche riguardanti le attività dell'EU DSO e gli orientamenti per il consiglio direttivo sono adottati dall'assemblea generale;

 

(c)  le decisioni dell'assemblea generale sono adottate in conformità delle seguenti norme: – deve essere raggiunto il 65% dei voti attribuiti ai membri dell'assemblea generale, – ciascun membro dispone di un numero di voti proporzionale al rispettivo numero di clienti, e – il risultato finale è appoggiato da almeno il 55 % dei membri dell'assemblea generale;

 

(d)  le decisioni dell'assemblea generale sono bloccate in conformità delle seguenti norme: – deve essere raggiunto il 35 % dei voti attribuiti ai membri dell'assemblea generale, – ciascun membro dispone di un numero di voti proporzionale al rispettivo numero di clienti, e – il risultato finale è appoggiato da almeno il 25% dei membri dell'assemblea generale;

 

(e)  il consiglio direttivo è eletto dall'assemblea generale con un mandato di quattro anni al massimo;

 

(f)  il consiglio direttivo nomina il presidente e tre vicepresidenti tra i suoi membri;

 

(g)  la cooperazione tra i gestori dei sistemi di distribuzione e i gestori dei sistemi di trasmissione a norma degli articoli 52 e 53 è gestita dal consiglio direttivo;

 

(h)  le decisioni del consiglio direttivo sono adottate a maggioranza semplice di 15 voti;

 

(i)  sulla base di una proposta del consiglio direttivo, l'assemblea generale nomina tra i suoi membri il segretario generale conferendogli un mandato di quattro anni, rinnovabile una volta;

 

(j)  sulla base di una proposta del consiglio direttivo, l'assemblea generale nomina i gruppi di esperti; ciascun gruppo non può avere più di 30 membri, con la possibilità di un terzo di membri esterni. Inoltre, è istituito un gruppo di esperti "per paese", composto esattamente da un rappresentante dei gestori dei sistemi di distribuzione per Stato membro.

 

2.  Le procedure adottate dall'EU DSO garantiscono il trattamento equo e adeguato dei suoi membri e riflettono la diversità della struttura geografica ed economica dei suoi membri. In particolare, le procedure prevedono che:

 

(a)  il consiglio direttivo sia composto dal presidente e da 27 rappresentanti dei membri, dei quali: - [ ] 9 sono rappresentanti dei membri aventi più di un milione di utenti della rete; - [ ] 9 sono rappresentanti dei membri aventi più di 100 000 e meno di un milione di utenti della rete; e - [ ] 9 sono rappresentanti dei membri aventi meno di 100 000 utenti della rete; i rappresentanti delle associazioni esistenti di gestori dei sistemi di distribuzione possono partecipare alle riunioni del consiglio direttivo in qualità di osservatori;

 

(b)  il consiglio direttivo non possa essere composto da più di tre rappresentanti di membri che hanno sede nello stesso Stato membro o che appartengono allo stesso gruppo industriale;

 

(c)  i vicepresidenti del consiglio direttivo siano nominati tra i rappresentanti dei membri di ciascuna delle categorie di cui al precedente punto a);

 

(e)  i rappresentanti di membri con sede in uno stesso Stato membro o appartenenti allo stesso gruppo industriale non possano costituire la maggioranza dei partecipanti al gruppo di esperti;

 

(f)  il consiglio direttivo istituisca un gruppo consultivo strategico che fornisce il proprio parere al consiglio direttivo e ai gruppi di esperti ed è composto da rappresentanti delle associazioni europee dei gestori dei sistemi di distribuzione e rappresentanti degli Stati membri che non sono rappresentati nel consiglio direttivo.

Emendamento    174

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  L'EU DSO svolge i seguenti compiti:

1.  L'EU DSO svolge i seguenti compiti:

(a)  gestione e pianificazione coordinata delle reti di trasmissione e di distribuzione;

(a)  promozione di una gestione e pianificazione coordinata delle reti di trasmissione e di distribuzione;

(b)  integrazione delle fonti energetiche rinnovabili, della generazione distribuita e di altre risorse incorporate nella rete di distribuzione, quali lo stoccaggio dell'energia;

(b)  miglioramento e massimizzazione dell'integrazione delle fonti energetiche rinnovabili e della generazione distribuita e promozione di altre risorse incorporate nella rete di distribuzione, quali lo stoccaggio dell'energia, e dell'integrazione settoriale;

(c)  sviluppo della gestione della domanda;

(c)  agevolazione dello sviluppo della gestione della domanda;

(d)  digitalizzazione delle reti di distribuzione, compresa la diffusione di reti intelligenti e sistemi di misurazione intelligenti;

(d)  miglioramento della digitalizzazione delle reti di distribuzione, compresa la diffusione di reti intelligenti e sistemi di misurazione intelligenti;

(e)  gestione dei dati, sicurezza informatica e protezione dei dati;

(e)  garanzia di un accesso non discriminatorio e neutro ai dati, indipendentemente dal modello di gestione dei dati, nonché promozione della standardizzazione, dello scambio transfrontaliero dei dati, in particolare con l'ENTSO-E, ove opportuno per agevolare lo scambio dei dati, la sicurezza informatica e la protezione dei dati;

(f)  partecipazione all'elaborazione di codici di rete a norma dell'articolo 55.

(f)  partecipazione all'elaborazione di codici di rete a norma dell'articolo 55.

Emendamento    175

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  coopera con l'ENTSO-E per il monitoraggio dell'attuazione dei codici di rete e degli orientamenti pertinenti per la gestione e la pianificazione delle reti di distribuzione e la gestione coordinata delle reti di trasmissione e di distribuzione e che sono adottati a norma del presente regolamento;

(a)  coopera efficacemente con l'ENTSO-E, l'Agenzia e le autorità nazionali di regolamentazione per facilitare il monitoraggio da parte dell'Agenzia, e se del caso da parte delle autorità nazionali di regolamentazione, dell'attuazione dei codici di rete e degli orientamenti pertinenti per la gestione e la pianificazione delle reti di distribuzione e la gestione coordinata delle reti di trasmissione e di distribuzione e che sono adottati a norma del presente regolamento;

Emendamento    176

Proposta di regolamento

Articolo 52 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  In occasione dell'elaborazione di possibili codici di rete a norma dell'articolo 55, l'EU DSO conduce un ampio processo di consultazione, in una fase iniziale e in modo aperto e trasparente, coinvolgendo tutte le parti interessate e, in particolare, le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate, secondo le procedure del regolamento interno di cui all'articolo 50. Alla consultazione partecipano anche le autorità nazionali di regolamentazione e altre autorità nazionali, le imprese di erogazione e di generazione, gli utenti del sistema compresi i clienti, i gestori dei sistemi di distribuzione, comprese le pertinenti associazioni settoriali, gli organismi tecnici e le piattaforme di parti interessate. La consultazione si prefigge di enucleare le opinioni e le proposte di tutte le parti competenti nel corso del processo decisionale.

1.  Nel partecipare all'elaborazione di nuovi codici di rete a norma dell'articolo 55, l'EU DSO conduce un ampio processo di consultazione, in una fase iniziale e in modo aperto e trasparente, coinvolgendo tutte le parti interessate e, in particolare, le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate, secondo le procedure del regolamento interno di cui all'articolo 50. Alla consultazione partecipano anche le autorità nazionali di regolamentazione e altre autorità nazionali, le imprese di erogazione e di generazione, gli utenti del sistema compresi i clienti, i gestori dei sistemi di distribuzione, comprese le pertinenti associazioni settoriali, gli organismi tecnici e le piattaforme di parti interessate. La consultazione si prefigge di enucleare le opinioni e le proposte di tutte le parti competenti nel corso del processo decisionale.

Emendamento    177

Proposta di regolamento

Articolo 53 – paragrafo -1 (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

-1.  L'ENTSO-E e l'EU DSO elaborano un meccanismo formale per agevolare la cooperazione tra i gestori dei sistemi di distribuzione e i gestori dei sistemi di trasmissione.

Emendamento    178

Proposta di regolamento

Articolo 53 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I gestori dei sistemi di distribuzione cooperano con i gestori dei sistemi di trasmissione per pianificare e gestire le rispettive reti. In particolare, al fine di assicurare uno sviluppo e una gestione delle reti efficienti sotto il profilo dei costi, sicuri e affidabili, i gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione scambiano tutte le informazioni e i dati necessari riguardo alle prestazioni dei mezzi di generazione e della gestione della domanda, alla gestione quotidiana delle reti e alla pianificazione a lungo termine degli investimenti nelle reti.

1.  I gestori dei sistemi di distribuzione e i gestori dei sistemi di trasmissione cooperano per pianificare e gestire le rispettive reti. In particolare, al fine di assicurare uno sviluppo e una gestione efficienti sotto il profilo dei costi e una gestione delle reti sicura e affidabile, i gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione scambiano tutte le informazioni e i dati necessari riguardo alle prestazioni dei mezzi di generazione e della gestione della domanda, alla gestione quotidiana delle reti e alla pianificazione a lungo termine degli investimenti nelle reti.

Emendamento    179

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 1 – lettera k

Testo della Commissione

Emendamento

(k)  norme riguardanti le strutture tariffarie di trasmissione e distribuzione armonizzate e i corrispettivi per la connessione, compresi i segnali differenziati per località e i meccanismi di compensazione tra gestori dei sistemi di trasmissione;

soppresso

Emendamento    180

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 1 – lettera p

Testo della Commissione

Emendamento

(p)  norme pertinenti i centri operativi regionali.

soppresso

Emendamento    181

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Previa consultazione dell'Agenzia, dell'ENTSO-E e delle altre parti interessate, la Commissione stabilisce ogni tre anni, un elenco di priorità in cui sono individuati i settori di cui al paragrafo 1 da includere nell'elaborazione dei codici di rete. Se l'oggetto del codice di rete è direttamente collegato alla gestione dei sistemi di distribuzione ed è invece meno rilevante in rapporto ai sistemi di trasmissione, la Commissione può richiedere all'EU DSO invece che all'ENTSO-E di riunire un comitato di redazione che presenti una proposta di codice di rete all'Agenzia.

2.  Previa consultazione dell'Agenzia, dell'ENTSO-E, dell'EU DSO per l'energia elettrica e delle altre parti interessate, la Commissione stabilisce ogni tre anni un elenco di priorità in cui sono individuati i settori di cui al paragrafo 1 da includere nell'elaborazione dei codici di rete. Se l'oggetto del codice di rete è direttamente collegato alla gestione dei sistemi di distribuzione ed è invece meno rilevante in rapporto ai sistemi di trasmissione, la Commissione può richiedere all'EU DSO invece che all'ENTSO-E di riunire un comitato di redazione che presenti una proposta di codice di rete all'Agenzia.

Emendamento    182

Proposta di regolamento

Articolo 56 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Progetti di modifica di qualsiasi codice di rete adottato ai sensi dell'articolo 55 possono essere proposti all'Agenzia da persone che potrebbero avere un interesse al codice di rete in questione, compresi l'ENTSO-E, l'EU DSO, i gestori dei sistemi di trasmissione, gli utenti del sistema ed i consumatori. L'Agenzia può anch'essa proporre modifiche di sua iniziativa.

2.  Progetti di modifica di qualsiasi codice di rete adottato ai sensi dell'articolo 55 possono essere proposti all'Agenzia da persone che potrebbero avere un interesse al codice di rete in questione, compresi l'ENTSO-E, l'EU DSO, i gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione, gli utenti del sistema ed i consumatori. L'Agenzia può anch'essa proporre modifiche di sua iniziativa.

Emendamento    183

Proposta di regolamento

Articolo 56 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 56 bis

 

Entro il 31 dicembre 2022 la Commissione valuta gli atti di esecuzione esistenti che contengono codici di rete e orientamenti al fine di determinare quali elementi potrebbero essere utilmente inseriti in atti legislativi dell'Unione concernenti il mercato interno dell'energia elettrica. La Commissione trasmette al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione dettagliata sulla sua valutazione. Tale relazione è corredata, se del caso, di proposte legislative che danno seguito alla valutazione della Commissione.

Emendamento    184

Proposta di regolamento

Articolo 57 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  Nell'adottare o nel modificare gli orientamenti, la Commissione consulta l'Agenzia, l'ENTSO-E e, qualora pertinente, le altre parti interessate.

7.  Nell'adottare o nel modificare gli orientamenti, la Commissione consulta l'Agenzia, l'ENTSO-E, l'EU DSO e, qualora pertinente, le altre parti interessate.

Emendamento    185

Proposta di regolamento

Articolo 64 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 64 bis

 

Revisione

 

Entro il 1° giugno 2025, la Commissione esamina l'attuazione del presente regolamento e presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione in proposito, corredata, se del caso, di una proposta legislativa.

Emendamento    186

Proposta di regolamento

Allegato I

Testo della Commissione

Emendamento

Allegato I

Allegato I

FUNZIONI DEI CENTRI OPERATIVI REGIONALI

FUNZIONI DEI CENTRI DI COORDINAMENTO REGIONALI

1.  Calcolo coordinato della capacità

1.  Calcolo coordinato della capacità

1.1.  I centri operativi regionali eseguono il calcolo coordinato delle capacità interzonali.

1.1.  I centri di coordinamento regionali eseguono il calcolo coordinato delle capacità interzonali.

1.2.  Il calcolo coordinato della capacità è effettuato in tempo utile per ciascun orizzonte temporale del mercato e con la frequenza necessaria nell'orizzonte temporale infragiornaliero.

1.2.  Il calcolo coordinato della capacità è effettuato in tempo utile per ciascun orizzonte temporale del mercato e con la frequenza necessaria nell'orizzonte temporale infragiornaliero.

1.3.  Il calcolo coordinato della capacità è effettuato sulla base di un modello di sistema comune conformemente al punto 2 e utilizzando un'apposita metodologia sviluppata dai gestori dei sistemi di trasmissione della pertinente regione di gestione del sistema.

1.3.  Il calcolo coordinato della capacità è effettuato sulla base di un modello di sistema comune conformemente al punto 2 e utilizzando un'apposita metodologia sviluppata dai gestori dei sistemi di trasmissione della pertinente regione di gestione del sistema.

1.4.  Il calcolo coordinato della capacità assicura una gestione efficiente della congestione secondo i principi di gestione della congestione stabiliti nel presente regolamento.

1.4.  Il calcolo coordinato della capacità assicura una gestione efficiente della congestione secondo i principi di gestione della congestione stabiliti nel presente regolamento.

2.  Analisi coordinata della sicurezza

2.  Analisi coordinata della sicurezza

2.1.  I centri operativi regionali effettuano l'analisi coordinata della sicurezza al fine di garantire la gestione in sicurezza del sistema.

2.1.  I centri di coordinamento regionali effettuano l'analisi coordinata della sicurezza al fine di garantire la gestione in sicurezza del sistema.

2.2.  L'analisi della sicurezza è effettuata per tutti gli orizzonti temporali della pianificazione operativa utilizzando i modelli di sistema comuni.

2.2.  L'analisi della sicurezza è effettuata per tutti gli orizzonti temporali della pianificazione operativa utilizzando i modelli di sistema comuni.

2.3.  I centri operativi regionali condividono i risultati dell'analisi coordinata della sicurezza almeno con i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

2.3.  I centri di coordinamento regionali condividono i risultati dell'analisi coordinata della sicurezza almeno con i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

2.4.  Qualora, in seguito all'analisi coordinata della sicurezza, individuino una possibile violazione, i centri operativi regionali preparano contromisure volte a massimizzare l'efficienza economica.

2.4.  Qualora, in seguito all'analisi coordinata della sicurezza, individuino una possibile violazione, i centri di coordinamento regionali preparano contromisure volte a massimizzare l'efficienza economica.

 

2.4 bis.  L'analisi coordinata della sicurezza è effettuata sulla base di un modello di sistema comune conformemente al punto 2 e utilizzando una metodologia per la predisposizione di misure correttive coordinate sviluppata dai gestori dei sistemi di trasmissione della pertinente regione di gestione del sistema.

3.  Creazione di modelli di sistema comuni.

3.  Creazione di modelli di sistema comuni.

3.1.  I centri operativi regionali predispongono processi efficienti per la creazione di un modello di sistema comune per ciascun orizzonte temporale della pianificazione operativa.

3.1.  I centri di coordinamento regionali predispongono processi efficienti per la creazione di un modello di sistema comune per ciascun orizzonte temporale della pianificazione operativa.

3.2.  I gestori dei sistemi di trasmissione designano un centro operativo regionale incaricato di creare il modello di sistema comune per tutte le regioni.

3.2.  I gestori dei sistemi di trasmissione designano un centro di coordinamento regionale incaricato di creare il modello di sistema comune per tutte le regioni.

3.3.  I modelli di sistema comuni comprendono dati pertinenti per pianificare l'attività operativa e calcolare la capacità in modo efficiente in tutti gli orizzonti temporali della pianificazione operativa.

3.3.  I modelli di sistema comuni comprendono dati pertinenti per pianificare l'attività operativa e calcolare la capacità in modo efficiente in tutti gli orizzonti temporali della pianificazione operativa.

3.4.  I modelli di sistema comuni sono messi a disposizione di tutti i centri operativi regionali, dei gestori dei sistemi di trasmissione, dell'ENTSO-E e dell'Agenzia, su richiesta della stessa.

3.4.  I modelli di sistema comuni sono messi a disposizione di tutti i centri di coordinamento regionali, dei gestori dei sistemi di trasmissione, dell'ENTSO-E e dell'Agenzia, su richiesta della stessa.

4.  Valutazione della coerenza dei piani di difesa e dei piani di ripristino dei gestori dei sistemi di trasmissione

4.  Valutazione della coerenza dei piani di difesa e dei piani di ripristino dei gestori dei sistemi di trasmissione

4.1.  Tutti i gestori dei sistemi di trasmissione concordano una soglia oltre la quale l'impatto delle azioni di uno o più gestori di sistemi di trasmissione nello stato di emergenza, di blackout o di ripristino è considerato significativo per altri gestori di sistemi di trasmissione interconnessi in modo sincrono o asincrono.

4.1.  Tutti i gestori dei sistemi di trasmissione concordano una soglia oltre la quale l'impatto delle azioni di uno o più gestori di sistemi di trasmissione nello stato di emergenza, di blackout o di ripristino è considerato significativo per altri gestori di sistemi di trasmissione interconnessi in modo sincrono o asincrono.

4.2.  Utilizzando la soglia definita a norma del punto 4.1, il centro operativo regionale fornisce sostegno ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema per quanto riguarda la valutazione della compatibilità dei rispettivi piani di difesa e piani di ripristino.

4.2.  Utilizzando la soglia definita a norma del punto 4.1, il centro di coordinamento regionale fornisce sostegno ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema per quanto riguarda la valutazione della compatibilità dei rispettivi piani di difesa e piani di ripristino.

4.3.  Nel fornire sostegno ai gestori dei sistemi di trasmissione, il centro operativo regionale:

4.3.  Nel fornire sostegno ai gestori dei sistemi di trasmissione, il centro di coordinamento regionale:

(a)  individua le potenziali incompatibilità;

(a)  individua le potenziali incompatibilità;

(b)  propone azioni di attenuazione.

(b)  propone azioni di attenuazione.

4.4.  I gestori dei sistemi di trasmissione tengono conto delle azioni di attenuazione proposte.

4.4.  I gestori dei sistemi di trasmissione tengono conto delle azioni di attenuazione proposte.

5.  Coordinamento e ottimizzazione del ripristino regionale

5.  Coordinamento e ottimizzazione del ripristino regionale

5.1.  I centri operativi regionali sono dotati di sistemi di supervisione e acquisizione dati quasi in tempo reale con l'osservabilità definita applicando la soglia stabilita conformemente al punto 4.1.

 

5.2.  Ciascun centro operativo regionale pertinente fornisce assistenza ai responsabili della gestione della frequenza e ai responsabili della gestione della risincronizzazione designati al fine di migliorare l'efficienza e l'efficacia del ripristino del sistema. I gestori dei sistemi di trasmissione sono autorizzati a chiedere assistenza ai centri operativi regionali se il loro sistema si trova nello stato di blackout o di ripristino.

5.1.  Ciascun centro di coordinamento regionale pertinente fornisce assistenza ai responsabili della gestione della frequenza e ai responsabili della gestione della risincronizzazione designati al fine di migliorare l'efficienza e l'efficacia del ripristino del sistema. I gestori dei sistemi di trasmissione sono autorizzati a chiedere assistenza ai centri di coordinamento regionali se il loro sistema si trova nello stato di blackout o di ripristino.

6.  Analisi e rendicontazione successive alla gestione e successive ai disturbi

6.  Analisi e rendicontazione successive alla gestione e successive ai disturbi

6.1.  I centri operativi regionali indagano sugli eventuali incidenti al di sopra della soglia stabilita conformemente al punto 4.1 e preparano una relazione al riguardo. Qualora lo richiedano, le autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema e l'Agenzia possono essere coinvolte nell'indagine. La relazione contiene raccomandazioni volte a prevenire incidenti analoghi.

6.1.  I centri di coordinamento regionali indagano sugli eventuali incidenti al di sopra della soglia stabilita conformemente al punto 4.1 e preparano una relazione al riguardo. Qualora lo richiedano, le autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema e l'Agenzia possono essere coinvolte nell'indagine. La relazione contiene raccomandazioni volte a prevenire incidenti analoghi.

6.2.  La relazione è messa a disposizione di tutti i gestori dei sistemi di trasmissione, delle autorità di regolamentazione, della Commissione e dell'Agenzia. L'Agenzia può rivolgere raccomandazioni volte a prevenire incidenti analoghi.

6.2.  La relazione è messa a disposizione di tutti i gestori dei sistemi di trasmissione, delle autorità di regolamentazione, della Commissione e dell'Agenzia. L'Agenzia può rivolgere raccomandazioni volte a prevenire incidenti analoghi.

7.  Dimensionamento regionale della capacità di riserva

7.  Dimensionamento regionale della capacità di riserva

7.1.  I centri operativi regionali determinano i requisiti della capacità di riserva per la regione di gestione del sistema. La determinazione dei requisiti della capacità di riserva:

7.1.  I centri di coordinamento regionali determinano i requisiti della capacità di riserva per la regione di gestione del sistema. La determinazione dei requisiti della capacità di riserva:

(a)  persegue l'obiettivo generale di mantenere la sicurezza operativa nel modo più efficiente sotto il profilo dei costi;

(a)  persegue l'obiettivo generale di mantenere la sicurezza operativa nel modo più efficiente sotto il profilo dei costi;

(b)  è effettuata nell'orizzonte temporale del giorno prima e/o infragiornaliero;

(b)  è effettuata nell'orizzonte temporale del giorno prima e/o infragiornaliero;

(c)  determina il quantitativo complessivo di capacità di riserva necessaria per la regione di gestione del sistema;

(c)  determina il quantitativo complessivo di capacità di riserva necessaria per la regione di gestione del sistema;

(d)  definisce i requisiti minimi per ciascun tipo di capacità di riserva;

(d)  definisce i requisiti minimi per ciascun tipo di capacità di riserva;

(e)  tiene conto delle eventuali sostituzioni tra diversi tipi di capacità di riserva al fine di ridurre al minimo i costi dell'approvvigionamento;

(e)  tiene conto delle eventuali sostituzioni tra diversi tipi di capacità di riserva al fine di ridurre al minimo i costi dell'approvvigionamento;

(f)  stabilisce i requisiti utili per la distribuzione geografica della capacità di riserva necessaria, se del caso.

(f)  stabilisce i requisiti utili per la distribuzione geografica della capacità di riserva necessaria, se del caso.

8.  Agevolazione dell'approvvigionamento regionale della capacità di bilanciamento

8.  Agevolazione dell'approvvigionamento regionale della capacità di bilanciamento

8.1.  I centri operativi regionali assistono i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema nella determinazione del quantitativo di capacità di bilanciamento di cui approvvigionarsi. La determinazione del quantitativo di capacità di bilanciamento:

8.1.  I centri di coordinamento regionali assistono i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema nella determinazione del quantitativo di capacità di bilanciamento di cui approvvigionarsi. La determinazione del quantitativo di capacità di bilanciamento:

(a)  è effettuata nell'orizzonte temporale del giorno prima e/o infragiornaliero;

(a)  è effettuata nell'orizzonte temporale del giorno prima e/o infragiornaliero;

(b)  tiene conto delle eventuali sostituzioni tra diversi tipi di capacità di riserva al fine di ridurre al minimo i costi dell'approvvigionamento;

(b)  tiene conto delle eventuali sostituzioni tra diversi tipi di capacità di riserva al fine di ridurre al minimo i costi dell'approvvigionamento;

(c)  tiene conto dei volumi di capacità di riserva necessaria che si prevede vengano forniti tramite offerte di energia di bilanciamento, che non sono presentate sulla base di un contratto per la capacità di bilanciamento.

(c)  tiene conto dei volumi di capacità di riserva necessaria che si prevede vengano forniti tramite offerte di energia di bilanciamento, che non sono presentate sulla base di un contratto per la capacità di bilanciamento;

 

(c bis)  tiene conto delle eventuali sostituzioni tra diversi tipi di capacità di riserva al fine di ridurre al minimo i costi dell'approvvigionamento.

8.2.  I centri operativi regionali assistono i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema nell'approvvigionamento del quantitativo necessario di capacità di bilanciamento determinato conformemente al punto 8.1. L'approvvigionamento della capacità di bilanciamento:

 

(a)  è effettuata nell'orizzonte temporale del giorno prima e/o infragiornaliero;

 

(b)  tiene conto delle eventuali sostituzioni tra diversi tipi di capacità di riserva al fine di ridurre al minimo i costi dell'approvvigionamento.

 

9.  Previsioni regionali dell'adeguatezza dei sistemi e preparazione di azioni di riduzione dei rischi

9.  Previsioni regionali dell'adeguatezza dei sistemi e preparazione di azioni di riduzione dei rischi

9.1.  I centri operativi regionali eseguono valutazioni dell'adeguatezza regionale su orizzonti temporali che vanno da quello settimanale a quello infragiornaliero.

9.1.  I centri di coordinamento regionali eseguono valutazioni dell'adeguatezza regionale su orizzonti temporali che vanno da quello settimanale a quello infragiornaliero.

9.2.  I centri operativi regionali basano le proprie valutazioni dell'adeguatezza sulle informazioni fornite dai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema al fine di individuare le situazioni in cui si prevede una carenza di adeguatezza in una qualsiasi delle aree di controllo o a livello regionale. I centri operativi regionali tengono conto degli eventuali scambi interzonali e dei limiti di sicurezza operativa in tutti gli orizzonti temporali della pianificazione operativa.

9.2.  I centri di coordinamento regionali basano le proprie valutazioni dell'adeguatezza sulle informazioni fornite dai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema al fine di individuare le situazioni in cui si prevede una carenza di adeguatezza in una qualsiasi delle aree di controllo o a livello regionale. I centri di coordinamento regionali tengono conto degli eventuali scambi interzonali e dei limiti di sicurezza operativa in tutti gli orizzonti temporali della pianificazione operativa.

9.3.   Nell'eseguire la valutazione dell'adeguatezza della generazione regionale, ciascun centro operativo regionale si coordina con gli altri centri operativi regionali al fine di:

9.3.   Nell'eseguire la valutazione dell'adeguatezza della generazione regionale, ciascun centro di coordinamento regionale si coordina con gli altri centri di coordinamento regionali al fine di:

(a)  verificare le ipotesi e le previsioni sottese;

(a)  verificare le ipotesi e le previsioni sottese;

(b)  individuare le eventuali situazioni di inadeguatezza a livello transregionale.

(b)  individuare le eventuali situazioni di inadeguatezza a livello transregionale.

9.4.  Ciascun centro operativo regionale presenta ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema e agli altri centri operativi regionali i risultati della valutazione dell'adeguatezza della generazione regionale, insieme alle azioni che propone per ridurre i rischi di inadeguatezza.

9.4.  Ciascun centro di coordinamento regionale presenta ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema e agli altri centri di coordinamento regionali i risultati della valutazione dell'adeguatezza della generazione regionale, insieme alle azioni che propone per ridurre i rischi di inadeguatezza.

10.  Coordinamento regionale delle indisponibilità

10.  Coordinamento regionale delle indisponibilità

10.1.  I centri operativi regionali eseguono il coordinamento delle indisponibilità al fine di monitorare lo stato di disponibilità degli asset rilevanti e coordinare i rispettivi piani di disponibilità allo scopo di garantire la sicurezza operativa del sistema di trasmissione, massimizzando allo stesso tempo la capacità degli interconnettori e/o dei sistemi di trasmissione che incidono sui flussi interzonali.

10.1.  I centri di coordinamento regionali eseguono il coordinamento delle indisponibilità al fine di monitorare lo stato di disponibilità degli asset rilevanti e coordinare i rispettivi piani di disponibilità allo scopo di garantire la sicurezza operativa del sistema di trasmissione, massimizzando allo stesso tempo la capacità degli interconnettori e/o dei sistemi di trasmissione che incidono sui flussi interzonali.

10.2.  Ciascun centro operativo regionale tiene un elenco unico degli elementi di rete rilevanti, dei gruppi di generazione e degli impianti di consumo della regione di gestione del sistema e lo rende disponibile sulla piattaforma dati di pianificazione operativa di ENTSO-E.

10.2.  Ciascun centro di coordinamento regionale tiene un elenco unico degli elementi di rete rilevanti, dei gruppi di generazione e degli impianti di consumo della regione di gestione del sistema e lo rende disponibile sulla piattaforma dati di pianificazione operativa di ENTSO-E.

10.3.  Ciascun centro operativo regionale svolge le seguenti attività relative al coordinamento delle indisponibilità nella regione di gestione del sistema:

10.3.  Ciascun centro di coordinamento regionale svolge le seguenti attività relative al coordinamento delle indisponibilità nella regione di gestione del sistema:

(a)  valuta la compatibilità della pianificazione delle indisponibilità avvalendosi dei piani di disponibilità sull'orizzonte annuale di tutti i gestori dei sistemi di trasmissione;

(a)  valuta la compatibilità della pianificazione delle indisponibilità avvalendosi dei piani di disponibilità sull'orizzonte annuale di tutti i gestori dei sistemi di trasmissione;

(b)  fornisce ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema un elenco delle incompatibilità di pianificazione individuate e propone loro delle soluzioni per risolverle.

(b)  fornisce ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema un elenco delle incompatibilità di pianificazione individuate e propone loro delle soluzioni per risolverle.

11.  Ottimizzazione dei meccanismi di compensazione tra gestori dei sistemi di trasmissione

11.  Ottimizzazione dei meccanismi di compensazione tra gestori dei sistemi di trasmissione

11.1.   I centri operativi regionali assistono i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema nell'amministrazione dei flussi finanziari relativi a transazioni che coinvolgono più di due gestori, come ad esempio i costi di ridispacciamento, le rendite di congestione, gli scostamenti non intenzionali o i costi per l'approvvigionamento delle riserve.

11.1.  I centri di coordinamento regionali assistono i gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema nell'amministrazione dei flussi finanziari relativi a transazioni che coinvolgono più di due gestori, come ad esempio i costi di ridispacciamento, le rendite di congestione, gli scostamenti non intenzionali o i costi per l'approvvigionamento delle riserve.

12.  Formazione e certificazione

12.  Formazione e certificazione

12.1.  I centri operativi regionali preparano e svolgono programmi di formazione e certificazione incentrati sulla gestione del sistema regionale e rivolti al personale che lavora nelle sale di pianificazione e controllo dei gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

12.1.  I centri di coordinamento regionali preparano e svolgono programmi di formazione e certificazione incentrati sulla gestione del sistema regionale e rivolti al personale che lavora nelle sale di pianificazione e controllo dei gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

12.2.  I programmi di formazione vertono su tutti i componenti pertinenti della gestione del sistema, compresi gli scenari di crisi regionale.

12.2.  I programmi di formazione vertono su tutti i componenti pertinenti della gestione del sistema, compresi gli scenari di crisi regionale.

13.  Individuazione delle situazioni di crisi regionale e preparazione di scenari di attenuazione dei rischi attraverso l'esame dei piani di preparazione ai rischi elaborati dagli Stati membri

13.  Individuazione delle situazioni di crisi regionale e preparazione di scenari di attenuazione dei rischi attraverso l'esame dei piani di preparazione ai rischi elaborati dagli Stati membri

13.1.  Qualora l'ENTO-E deleghi questa funzione, i centri operativi regionali individuano gli scenari di crisi regionale conformemente ai criteri di cui all'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862].

13.1.  Qualora l'ENTO-E deleghi questa funzione, i centri di coordinamento regionali individuano gli scenari di crisi regionale conformemente ai criteri di cui all'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862].

13.2.   I centri operativi regionali preparano ed effettuano la simulazione delle crisi annuali in collaborazione con le autorità competenti, a norma dell'articolo 12, paragrafo 3, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862].

13.2.  I centri di coordinamento regionali preparano ed effettuano la simulazione delle crisi annuali in collaborazione con le autorità competenti, a norma dell'articolo 12, paragrafo 3, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862].

 

13 bis.  Individuazione delle esigenze di nuove capacità e di potenziamento della capacità esistente o loro alternative.

 

13 bis.1.  I centri di coordinamento regionali sostengono i gestori dei sistemi di trasmissione nell'individuazione delle esigenze di nuove capacità, di potenziamento della capacità esistente o delle loro alternative, che devono essere presentate ai gruppi regionali istituiti a norma del regolamento (UE) n. 347/2013 ed essere incluse nel piano decennale di sviluppo della rete di cui all'articolo 51 della [rifusione della direttiva 2009/72/CE come da proposta COM(2016) 864/2].

(1)

GU C 77 del 28.3.2002, pag. 1.

(2)

GU C 288 del 31.8.2017, pag. 91.

(3)

GU C 342 del 12.10.2017, pag. 79.


MOTIVAZIONE

I. Introduzione

Per anni, i sistemi dell'energia elettrica in Europa sono stati dominati dai monopoli nazionali che controllavano l'intero sistema, dalla produzione alla fornitura al consumatore finale, passando per la distribuzione. Benché tale sistema "dall'alto verso il basso" fosse funzionale alla fornitura di energia elettrica, non consentiva alcuna concorrenza, il che non è vantaggioso per i consumatori. Dal 1996 i mercati dell'energia elettrica si sono gradualmente aperti al fine di promuovere la concorrenza e favorire la riduzione dei prezzi. Le ultime modifiche sostanziali al diritto dell'UE sono state apportate dal terzo pacchetto Energia nel 2009.

Da allora si è verificata una rivoluzione nella produzione dell'energia, la quale, grazie ai progressi nell'ambito delle energie rinnovabili e di altre tecnologie, si è evoluta da un sistema centralizzato a raggiera verso un sistema molto più decentrato. Ancora una volta la legislazione deve essere adeguata per abbracciare la nuova realtà.

Le energie rinnovabili (spesso ottenute dal vento o dal sole) hanno introdotto un ampio grado di intermittenza nel sistema, che si è dovuto adattare per diventare più flessibile, pur garantendo nel contempo la sicurezza dell'approvvigionamento ai consumatori. Gli obiettivi in materia di clima hanno promosso diverse sovvenzioni e regimi di sostegno, che, combinati con una cooperazione transfrontaliera incompleta tra gli Stati membri dell'Unione, si sono tradotti in una sovraccapacità di generazione a livello dell'UE. In molti Stati membri, i prezzi regolamentati, unitamente ai regimi di sostegno disgiunti, stanno inviando segnali sbagliati agli investimenti.

Per affrontare tali sfide e promuovere la decarbonizzazione, il relatore ha adottato un approccio che mette il mercato al primo posto, il che significa creare una reale parità di condizioni per tutti i partecipanti al mercato. Ciò implica l'abbandono delle sovvenzioni che creano distorsioni del mercato, siano esse a favore dei combustibili fossili, dell'energia nucleare o delle fonti energetiche rinnovabili. Regole eque significano una concorrenza equa nel mercato. Un mercato dell'energia elettrica equo comporterà sia il conseguimento degli obiettivi in materia di clima sia prezzi più bassi e competitivi per i consumatori, garantendo nel contempo la sicurezza dell'approvvigionamento senza investimenti eccessivi.

II. La relazione

II.1. Il mercato al primo posto

Un principio fondamentale di qualsiasi mercato è la libera mobilità dei prezzi. Pertanto, la soppressione dei tetti massimi sui prezzi costituisce un elemento essenziale e dovrebbe verificarsi quanto prima.

I meccanismi di regolazione della capacità sono sovvenzioni che hanno poco o nessun senso quando vi è sovraccapacità nell'Unione. Il relatore ritiene che debbano essere applicati solo in ultima istanza. Innanzitutto, la valutazione dell'adeguatezza europea dovrebbe stabilire che esistono preoccupazioni in merito all'adeguatezza stessa. Quindi gli Stati membri dovrebbero affrontare gli ostacoli esistenti che determinano tali preoccupazioni attraverso impegni concreti, soggetti a riesame da parte della Commissione. Laddove un aspetto che desta preoccupazione in merito all'adeguatezza possa essere affrontato solo in un arco di tempo prolungato, sarebbe consentito un meccanismo di regolazione della capacità, soggetto a talune condizioni e alle norme dell'UE in materia di aiuti di Stato. Detti meccanismi, ove possibile, dovrebbero essere transnazionali.

La parità di condizioni per tutti è l'elemento chiave per garantire che i prezzi si basino sulla concorrenza. L'attuale sostegno ad alcuni produttori sotto forma di dispacciamento prioritario e deroga alla responsabilità del bilanciamento crea una distorsione della concorrenza. Il relatore ritiene che, affinché il mercato funzioni, ciascuno debba essere finanziariamente responsabile degli squilibri che apporta al sistema. Tale approccio fornisce il giusto incentivo a mantenere il sistema in equilibrio e garantisce l'opportuno livello di sicurezza dell'approvvigionamento, riducendo la necessità di meccanismi di regolazione della capacità.

II.2. Le zone di offerta

Zone di offerta più ampie forniscono maggiore liquidità, ma meno incentivi agli investimenti nella rete. Il relatore condivide l'opinione che le zone di offerta dovrebbero rimanere stabili nel corso del tempo ed essere il più ampie possibile, tenendo conto della congestione sistemica. Suggerisce di adottare l'approccio del bastone e della carota. Innanzitutto, dopo il riesame delle zone di offerta, gli Stati membri interessati dovrebbero trovare un accordo unanime sulla struttura delle stesse e assumersi impegni concreti ove necessario. Qualora non fosse possibile giungere a un accordo, la Commissione dovrebbe intervenire per trovare una soluzione al disaccordo.

II.3. La cooperazione regionale

Nel mercato dell'energia elettrica, quanto avviene in uno Stato membro ne influenza altri nella stessa regione e oltre. Per garantire la sicurezza del sistema ed evitare blackout è fondamentale una maggiore cooperazione regionale dei gestori dei sistemi di trasmissione. Il relatore rileva il grande beneficio apportato dai coordinatori regionali della sicurezza già operativi nel garantire la sicurezza del sistema. Man mano che i mercati dell'energia elettrica divengono sempre più interconnessi, il successivo passo logico è rafforzare tale cooperazione assegnando maggiori compiti e funzioni a livello regionale. Tuttavia, la responsabilità ultima della sicurezza del sistema deve comunque appartenere ai gestori dei sistemi di trasmissione.

II.4. Il consumatore

Oggi la tecnologia consente a nuovi attori di divenire attivi sul mercato dell'energia elettrica. Pertanto l'assetto del mercato deve consentire e agevolare l'inclusione di quanti possono e vogliono parteciparvi, che ciò avvenga attraverso l'autoproduzione, lo stoccaggio e la gestione della domanda. L'eliminazione degli ostacoli del mercato implica un maggior numero di attori sul mercato stesso e una maggiore scelta per i consumatori. Il relatore suggerisce inoltre modifiche alla proposta, al fine di garantire che il consumatore possa prendere decisioni ben informate e passare da un fornitore all'altro in breve tempo.


ALLEGATO: LETTERA DELLA COMMISSIONE GIURIDICA

D(2017)31012

Jerzy Buzek

Presidente della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

PHS 08B046

Bruxelles

Oggetto:  Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

  (COM(2016)0861 – C8 0492/2016 – 2016/0379(COD))

Signor presidente,

la commissione giuridica ha esaminato la proposta in oggetto, a norma dell'articolo 104 ("Rifusione") del regolamento del Parlamento.

Il paragrafo 3 di detto articolo recita:

"Se la commissione competente per le questioni giuridiche stabilisce che la proposta non contiene modifiche sostanziali diverse da quelle espressamente indicate come tali, ne informa la commissione competente per il merito.

In tal caso, fatte salve le condizioni di cui agli articoli 169 e 170, sono ricevibili in seno alla commissione competente per il merito soltanto gli emendamenti che riguardano le parti della proposta che contengono modifiche.

Gli emendamenti alle parti della proposta rimaste immutate possono tuttavia essere accettati, a titolo eccezionale e caso per caso, dal presidente della commissione competente per il merito qualora giudichi che ciò sia necessario per ragioni imprescindibili di coerenza del testo o di connessione inscindibile con altri emendamenti ricevibili. Tali ragioni devono essere indicate per iscritto nella motivazione dell'emendamento."

Sulla scorta del parere del gruppo consultivo dei servizi giuridici del Parlamento, del Consiglio e della Commissione, che ha esaminato la proposta di rifusione, e in linea con le raccomandazioni del relatore, la commissione giuridica ritiene che la proposta in questione non contenga ulteriori modifiche sostanziali rispetto a quelle espressamente indicate come tali nella proposta stessa e dal gruppo consultivo e che, per quanto concerne la codificazione delle disposizioni immutate degli atti precedenti e di tali modifiche, la proposta si limiti a una mera codificazione degli atti esistenti, senza modificazioni sostanziali.

In conclusione, sulla base della votazione svoltasi nella riunione del 13 luglio 2017, la commissione giuridica raccomanda con 21 voti a favore e 2 astensioni alla commissione per l'industria, la ricerca e l'energia, quale commissione competente per il merito, di procedere all'esame della suddetta proposta in conformità all'articolo 104 del regolamento.

Distinti saluti.

Pavel Svoboda

Allegato: Relazione firmata dal presidente del gruppo consultivo.

ALLEGATO: PARERE DEL GRUPPO CONSULTIVO DEI SERVIZI GIURIDICI

DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE

 

 

 

 

GRUPPO CONSULTIVO

DEI SERVIZI GIURIDICI

Bruxelles, 20 giugno 2017

PARERE

  ALL'ATTENZIONE   DEL PARLAMENTO EUROPEO

    DEL CONSIGLIO

    DELLA COMMISSIONE

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

COM(2016)0861 del 23.2.2017 – 2016/0379(COD)

Visto l'accordo interistituzionale del 28 novembre 2001 ai fini di un ricorso più strutturato alla tecnica di rifusione degli atti normativi, e in particolare visto il punto 9 di detto accordo, il 3 maggio 2017 il gruppo consultivo composto dai servizi giuridici del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione si è riunito per esaminare, tra l'altro, la summenzionata proposta, presentata dalla Commissione

Nel corso dell'esame(1) della proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la rifusione del regolamento (CE) n. 714/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativo alle condizioni di accesso alla rete per gli scambi transfrontalieri di energia elettrica e che abroga il regolamento (CE) n. 1228/2003, il gruppo consultivo è giunto di comune accordo alla conclusione che le modifiche in appresso avrebbero dovuto essere contrassegnate con l'ombreggiatura grigia generalmente utilizzata per indicare modifiche sostanziali:

– all'articolo 27, paragrafo 1, lettera b), l'aggiunta delle parole "e pubblicare";

– all'articolo 27, paragrafo 1, lettera j), l'aggiunta delle parole "a norma dell'articolo 9, paragrafo 2 [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862]";

– all'articolo 29, paragrafo 1, primo comma, e all'articolo 31, paragrafo 1, la sostituzione del riferimento esistente all'"articolo 8, paragrafi 1, 2 e 3" con un riferimento all'"articolo 27, paragrafi 1, 2 e 3";

– all'articolo 29, paragrafo 1, secondo comma, la sostituzione del riferimento esistente all'"articolo 8, paragrafo 2" con un riferimento all'"articolo 55, paragrafo 14";

– all'articolo 29, paragrafo 1, terzo comma, la sostituzione del riferimento esistente all'"articolo 6, paragrafo 11" con un riferimento all'"articolo 54, paragrafo 1";

– all'articolo 30, il riferimento all'articolo 54;

– all'articolo 56, paragrafo 4, le parole "conformemente all'articolo 63";

– all'articolo 56, paragrafo 5, la sostituzione del riferimento esistente all'"articolo 23, paragrafo 2" con un riferimento all'"articolo 63";

– all'articolo 57, paragrafo 6, la soppressione delle parole "e sul parere dell'Agenzia".

Sulla base dell'esame effettuato il gruppo consultivo ha pertanto concluso di comune accordo che la proposta non contiene modificazioni sostanziali se non quelle identificate come tali. Il gruppo consultivo ha altresì constatato che, per quanto concerne la codificazione delle disposizioni immutate dell'atto precedente e di tali modificazioni, la proposta si limita ad una mera codificazione dell'atto giuridico esistente, senza modificazioni sostanziali.

F. DREXLER      H. LEGAL      L. ROMERO REQUENA

Giureconsulto      Giureconsulto      Direttore generale

(1)

Il gruppo consultivo ha lavorato sulla base della versione inglese della proposta, ossia la versione originale del testo in esame.


PARERE DI MINORANZA

Parere di minoranza ex articolo 52 del regolamento sulla relazione sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

Angelika Niebler

Con il voto odierno della commissione per l'industria sulla relazione sul regolamento sul mercato interno dell'energia elettrica, è stato deciso che, entro la fine del 2025, almeno il 75 % delle linee elettriche transfrontaliere dovrà essere stato liberalizzato ai fini degli scambi di energia in ambito europeo, e che, in futuro, sarà la Commissione europea ad avere il potere decisionale di ultima istanza sulla nuova configurazione delle zone di offerta dell'energia elettrica.

Questo obiettivo rigido che prevede una liberalizzazione del 75 % per quanto riguarda le interconnessioni, da raggiungere entro il 2025, provocherebbe notevoli problemi di congestione in Germania, determinando dunque un enorme aumento dei costi di ridispacciamento. La decisione di rispettare questi obiettivi concreti non consente una liberalizzazione flessibile delle linee elettriche in funzione della fattibilità tecnica e dell'efficienza economica, cosicché non viene tenuto conto della situazione reale, ad esempio dello stato di avanzamento dello sviluppo della rete in Germania.

Se in Germania non sarà possibile raggiungere tali obiettivi, la Commissione ha facoltà di riconfigurare le zone di offerta dell'energia elettrica. Il rischio di frammentazione della zona di offerta unica tedesca dell'energia elettrica che ne consegue avrebbe effetti drammatici sulla formazione del prezzo dell'energia elettrica, creando una chiara divisione Nord-Sud.

Sono a favore del mercato interno dell'energia elettrica. Non ritengo tuttavia che le rigide prescrizioni relative alle linee elettriche transfrontaliere ora previste nella relazione sul regolamento sul mercato interno dell'energia elettrica siano sostenibili. Per questo motivo ho anche votato contro il conferimento del mandato per l'avvio dei negoziati di trilogo.


PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (7.12.2017)

destinato alla commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul mercato interno dell'energia elettrica

(COM(2016)0861 – C8-0492/2016 – 2016/0379(COD))

Relatore per parere: Ivo Belet

BREVE MOTIVAZIONE

In linea generale, il relatore per parere valuta positivamente le priorità della Commissione per il pacchetto Energia pulita: l'efficienza energetica in primis, la leadership dell'UE a livello mondiale nelle energie rinnovabili e la garanzia di condizioni eque per i consumatori di energia.

La proposta di regolamento mira a creare un mercato integrato dell'energia che offra diversi vantaggi, tra cui l'integrazione e la generazione economicamente efficienti di grandi volumi di energia elettrica da fonti rinnovabili nonché un ulteriore risparmio energetico grazie a una maggiore trasparenza dei prezzi.

Norme generali

La legislazione dell'UE deve trovare il giusto equilibrio tra gli approcci basati sul mercato e una regolamentazione efficace. Potrebbero rendersi necessarie correzioni del mercato per fare fronte alle carenze di quest'ultimo e raggiungere obiettivi di interesse sociale ed economico. È necessario trovare il giusto equilibrio per realizzare la transizione energetica al minor costo per la società.

Dispacciamento prioritario

Se si desidera mantenere la leadership dell'UE a livello mondiale nelle energie rinnovabili, potrebbe risultare prematuro, fintantoché i mercati all'ingrosso continueranno a presentare distorsioni, prevedere la fine dell'accesso prioritario alla rete e del dispacciamento prioritario per gli impianti di produzione di energia a partire da fonti rinnovabili. Occorre valutare con attenzione le norme in materia di abolizione del dispacciamento prioritario e decurtazione.

Corrispettivi di rete e rendita di congestione

Le tariffe di rete dovrebbero essere ridefinite con cautela. Nel tentativo di tenere maggiormente conto dell'utilizzo reale della rete, non andrebbero ignorate le questioni legate alla solidarietà.

La revisione proposta limita l'uso delle entrate derivanti dalla congestione ai costi connessi all'effettiva disponibilità di capacità e ai costi per le capacità di interconnessione. Soprattutto in caso di conseguimento degli obiettivi di interconnessione, la restituzione delle rendite di congestione agli utenti della rete dovrebbe continuare a essere un'opzione, in modo da ottenere il consenso dei cittadini.

Adeguatezza delle risorse

Il relatore per parere si compiace che sia stata formalizzata una metodologia europea coordinata in materia di adeguatezza delle risorse, in quanto si tratta di una misura necessaria per garantire valutazioni comparabili.

Tuttavia, sono necessari ulteriori sforzi per raggiungere il giusto equilibrio tra il livello europeo, da un lato, e il livello nazionale e regionale, dall'altro. Pertanto, la valutazione europea coordinata dell'adeguatezza delle risorse dovrebbe essere integrata da valutazioni che si concentrino sul piano nazionale o regionale (con maggiore granularità e sensibilità, situazioni locali, ecc...).

Al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento al minor costo per i consumatori, è opportuno esaminare adeguatamente le ragioni a favore dell'introduzione dei meccanismi di regolazione della capacità. I costi dei meccanismi di regolazione della capacità e il relativo impatto sulle bollette dei consumatori vanno valutati attentamente. I meccanismi di regolazione della capacità dovrebbero essere stabiliti sulla base di criteri trasparenti, tra cui la flessibilità, e non dovrebbero essere in contrasto con gli obiettivi dell'UE in materia di clima ed energia. I meccanismi di regolazione della capacità dovrebbero essere solo una misura temporanea di ultima istanza, limitata nel tempo e accompagnata da una chiara strategia di uscita.

Gestione del sistema di trasmissione

Per riuscire a integrare i diversi mercati nazionali dell'energia, il relatore per parere ritiene che occorra coordinare in modo efficiente il sistema energetico europeo. Il coordinamento regionale tra i gestori dei sistemi di trasmissione (TSO) è un elemento essenziale per la realizzazione dell'Unione dell'energia. Di recente, tale coordinamento è diventato obbligatorio in virtù di diversi regolamenti dell'UE (codici di rete e orientamenti). Un ulteriore trasferimento dei compiti e un ampliamento della base regionale di cooperazione nell'ambito dei centri regionali di coordinamento sono due elementi certamente necessari, ma è discutibile che possano essere realizzati con successo mediante un approccio dall'alto verso il basso. Il quadro normativo dovrebbe promuovere lo sviluppo di una dimensione europea della gestione del sistema di trasmissione attraverso un approccio dal basso verso l'alto.

EMENDAMENTI

La commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare invita la commissione per l'industria, la ricerca e l'energia, competente per il merito, a prendere in considerazione i seguenti emendamenti:

Emendamento    1

Proposta di regolamento

Considerando 2

Testo della Commissione

Emendamento

(2)  L'Unione dell'energia mira a fornire ai consumatori – famiglie e imprese – un approvvigionamento sicuro, sostenibile, competitivo e a prezzi accessibili. Tradizionalmente il sistema elettrico era dominato da monopoli verticalmente integrati, spesso di proprietà pubblica con grandi impianti centrali di energia nucleare o fossile. Il mercato interno dell'energia elettrica, la cui progressiva realizzazione è in atto dal 1999, ha lo scopo di offrire a tutti i consumatori dell'Unione, privati e imprese, una reale libertà di scelta, creare nuove opportunità commerciali e intensificare gli scambi transfrontalieri, in modo da conseguire una maggiore efficienza, prezzi competitivi e più elevati livelli di servizio, contribuendo anche alla sicurezza degli approvvigionamenti ed allo sviluppo sostenibile. Il mercato interno dell'energia elettrica ha incrementato la concorrenza, in particolare nel settore all'ingrosso, e gli scambi transfrontalieri. Continua ad essere la base dell'efficienza del mercato dell'energia.

(2)  L'Unione dell'energia mira a fornire ai consumatori – famiglie e imprese – un approvvigionamento sicuro, sostenibile, competitivo e a prezzi accessibili. Tradizionalmente il sistema elettrico era dominato da monopoli verticalmente integrati, spesso di proprietà pubblica con grandi impianti centrali di energia nucleare o fossile. Il mercato interno dell'energia elettrica, la cui progressiva realizzazione è in atto dal 1999, ha lo scopo di offrire a tutti i consumatori dell'Unione, privati e imprese, una reale libertà di scelta, aprire nuove opportunità commerciali per le imprese, favorire i modelli di cooperative energetiche con valore aggiunto regionale e intensificare gli scambi transfrontalieri, in modo da conseguire una maggiore efficienza, prezzi competitivi e più elevati livelli di servizio, contribuendo anche alla sicurezza degli approvvigionamenti ed allo sviluppo sostenibile. Il mercato interno dell'energia elettrica ha incrementato la concorrenza, in particolare nel settore all'ingrosso, e gli scambi transfrontalieri. Continua ad essere la base dell'efficienza del mercato dell'energia.

Motivazione

Emendamento della proposta di rifusione della Commissione.

Emendamento    2

Proposta di regolamento

Considerando 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(3 bis)  Il principio dell'"efficienza energetica in primis" ricopre un ruolo importante nella progettazione del mercato dell'energia elettrica. Promuovendo condizioni paritarie per le soluzioni sul versante della domanda, compresa la gestione della domanda e il miglioramento dell'efficienza energetica, si garantisce che il mercato realizzi con efficacia gli obiettivi dell'Unione dell'energia e del quadro 2030 per il clima e l'energia.

Emendamento    3

Proposta di regolamento

Considerando 5

Testo della Commissione

Emendamento

(5)  In passato i clienti dell'energia elettrica erano soltanto passivi, spesso l'acquistavano a tariffe regolamentate che non avevano alcuna relazione diretta con il mercato. In futuro i clienti dovranno essere in grado di partecipare pienamente al mercato su un piano di parità con gli altri partecipanti. Per integrare quote crescenti di energie rinnovabili il futuro sistema elettrico dovrebbe avvalersi di tutte le fonti di flessibilità a disposizione, in particolare la gestione della domanda e lo stoccaggio. Al fine di ottenere un efficace decarbonizzazione al minor costo, deve promuovere l'efficienza energetica.

(5)  In passato i clienti dell'energia elettrica erano soltanto passivi, spesso l'acquistavano a tariffe regolamentate che non avevano alcuna relazione diretta con il mercato. In futuro i clienti dovranno essere in grado di partecipare pienamente al mercato su un piano di parità con gli altri partecipanti. Per integrare quote crescenti di energie rinnovabili il futuro sistema elettrico dovrebbe avvalersi di tutte le fonti di flessibilità a disposizione, in particolare la gestione della domanda e lo stoccaggio. Al fine di ottenere un efficace decarbonizzazione al minor costo, deve promuovere l'efficienza energetica e ridurre la domanda energetica e stimolare investimenti nel lungo termine.

Emendamento    4

Proposta di regolamento

Considerando 6

Testo della Commissione

Emendamento

(6)  La maggiore integrazione del mercato e il passaggio a una produzione di energia elettrica più volatile richiedono ulteriori sforzi per coordinare le politiche energetiche nazionali con i paesi vicini e avvalersi delle opportunità degli scambi transfrontalieri di energia elettrica.

(6)  La maggiore integrazione del mercato e il passaggio a una produzione di energia elettrica più distribuita e volatile richiedono ulteriori sforzi per coordinare le politiche energetiche nazionali con i paesi vicini e avvalersi delle opportunità degli scambi transfrontalieri di energia elettrica.

Emendamento    5

Proposta di regolamento

Considerando 8

Testo della Commissione

Emendamento

(8)  Nei principi di base del mercato si dovrebbe stabilire che i prezzi dell'energia elettrica sono fissati secondo la domanda e l'offerta; i prezzi dovrebbero segnalare quando l'energia elettrica è necessaria, fornendo incentivi di mercato per gli investimenti in fonti di flessibilità come generazione flessibile, interconnessioni, gestione della domanda e stoccaggio.

(8)  Nei principi di base del mercato si dovrebbe stabilire che i prezzi dell'energia elettrica sono fissati secondo la domanda e l'offerta; nel rispetto dei principi di solidarietà e di equa ripartizione dei costi, i prezzi dovrebbero segnalare quando l'energia elettrica è necessaria, fornendo incentivi di mercato per gli investimenti in fonti di flessibilità come generazione flessibile, interconnessioni, gestione della domanda e stoccaggio.

Emendamento    6

Proposta di regolamento

Considerando 9

Testo della Commissione

Emendamento

(9)  La decarbonizzazione del settore dell'energia elettrica, a fronte dell'importanza che acquistano le energie rinnovabili sul mercato, è un obiettivo fondamentale dell'Unione dell'energia. Con il procedere dell'Unione verso la decarbonizzazione del settore dell'energia elettrica e la crescente penetrazione delle fonti di energia rinnovabili, è indispensabile che il mercato elimini gli ostacoli esistenti agli scambi transfrontalieri e stimoli gli investimenti in infrastrutture di supporto, ad esempio maggiore generazione flessibile, interconnessioni, gestione della domanda e stoccaggio. Per sostenere questo passaggio alla generazione variabile e distribuita e per assicurare che i principi del mercato energetico siano alla base dei futuri mercati dell'energia elettrica, è essenziale dedicare nuova attenzione ai mercati a breve termine e a prezzi che riflettano la scarsità dell'offerta.

(9)  La decarbonizzazione del settore dell'energia elettrica, a fronte dell'importanza che acquistano le energie rinnovabili sul mercato, è un obiettivo fondamentale dell'Unione dell'energia. Con il procedere dell'Unione verso la decarbonizzazione del settore dell'energia elettrica e la crescente penetrazione delle fonti di energia rinnovabili, è indispensabile che il mercato elimini gli ostacoli esistenti agli scambi transfrontalieri e stimoli gli investimenti in infrastrutture di supporto, ad esempio maggiore generazione flessibile, interconnessioni, gestione della domanda e stoccaggio. Per sostenere la diffusione di soluzioni per lo stoccaggio di energia, gli Stati membri dovrebbero adottare misure per eliminare le disposizioni obsolete in materia di tassazione che comportano una doppia imposizione. Per sostenere questo passaggio alla generazione variabile e distribuita e per assicurare che i principi del mercato energetico siano alla base dei futuri mercati dell'energia elettrica, è essenziale dedicare nuova attenzione ai mercati a breve termine e a prezzi che riflettano la scarsità dell'offerta.

Motivazione

L'efficace sviluppo dello stoccaggio di energia è stato ostacolato da una serie di disposizioni contenute nei codici tributari che comportano una doppia tassazione. Gli Stati membri dovrebbero pertanto adottare misure per rimuovere tali ostacoli.

Emendamento    7

Proposta di regolamento

Considerando 10

Testo della Commissione

Emendamento

(10)  I mercati a breve termine miglioreranno la liquidità e la concorrenza in quanto consentiranno a più risorse, soprattutto quelle più flessibili, di partecipare a pieno titolo al mercato. Prezzi che riflettano efficacemente la scarsità stimoleranno gli operatori del mercato a rendersi disponibili quando il mercato ne ha davvero bisogno e farà sì che possano recuperare i costi sul mercato all'ingrosso. È pertanto fondamentale provvedere, nella misura del possibile, all'eliminazione dei massimali amministrativi e impliciti dei prezzi per consentire ai prezzi di un'offerta scarsa di aumentare fino al valore del carico perso. Quando saranno pienamente integrati nella struttura del mercato, i mercati a breve termine e la formazione dei prezzi che rifletta la scarsità contribuiranno all'eliminazione di altre misure, quali i meccanismi di regolazione della capacità, al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento. Peraltro prezzi del mercato all'ingrosso basati sulla scarsità e senza massimali non dovrebbero mettere a rischio l'affidabilità e stabilità dei prezzi per i consumatori finali, in particolare le famiglie e le piccole e medie imprese.

(10)  I mercati a breve termine miglioreranno la liquidità e la concorrenza in quanto consentiranno a più risorse, soprattutto quelle più flessibili, di partecipare a pieno titolo al mercato. Prezzi che riflettano efficacemente la scarsità stimoleranno gli operatori del mercato a rendersi disponibili quando il mercato ne ha davvero bisogno e farà sì che possano recuperare i costi sul mercato all'ingrosso. È pertanto fondamentale provvedere, nella misura del possibile, all'eliminazione dei massimali amministrativi e impliciti dei prezzi per consentire ai prezzi di un'offerta scarsa di aumentare fino al valore del carico perso. Quando saranno pienamente integrati nella struttura del mercato, i mercati a breve termine e la formazione dei prezzi che rifletta la scarsità contribuiranno all'eliminazione di altre misure, quali i meccanismi di regolazione della capacità, al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento. Peraltro prezzi del mercato all'ingrosso basati sulla scarsità e senza massimali non dovrebbero mettere a rischio l'affidabilità, la stabilità e l'accessibilità dei prezzi per i consumatori finali, in particolare le famiglie e le piccole e medie imprese.

Emendamento    8

Proposta di regolamento

Considerando 12

Testo della Commissione

Emendamento

(12)  Presupposto per una concorrenza effettiva nel mercato interno dell'energia elettrica sono corrispettivi per l'uso della rete trasparenti e non discriminatori, incluse le interconnessioni nel sistema di trasmissione. La capacità disponibile di queste linee dovrebbe essere stabilita entro il limite massimo consentito dalle norme di sicurezza per la gestione della rete.

(12)  Presupposto per una concorrenza effettiva nel mercato interno dell'energia elettrica sono corrispettivi per l'uso della rete trasparenti, adeguati e non discriminatori, incluse le interconnessioni nel sistema di trasmissione. La capacità disponibile di queste linee dovrebbe essere stabilita entro il limite massimo consentito dalle norme di sicurezza per la gestione della rete.

Motivazione

L'emendamento è in linea con gli obiettivi della proposta di rifusione della Commissione.

Emendamento    9

Proposta di regolamento

Considerando 14

Testo della Commissione

Emendamento

(14)  Per orientare in modo efficiente gli investimenti necessari, i prezzi devono inoltre fungere da segnale quando l'energia elettrica è maggiormente necessaria. In un sistema elettrico zonale, per inviare i segnali giusti differenziati per località è necessario determinare le zone di offerta con una procedura trasparente e in modo coerente, obiettivo e affidabile. Ai fini di una gestione e pianificazione efficiente della rete elettrica unionale con segnali di prezzo efficaci delle nuove capacità di generazione, gestione della domanda e infrastrutture di trasporto, le zone di offerta dovrebbero corrispondere alla congestione strutturale. In particolare, la capacità interzonale non dovrebbe essere ridotta per risolvere una congestione interna.

(14)  Per orientare in modo efficiente gli investimenti necessari, i prezzi devono inoltre fungere da segnale quando l'energia elettrica è maggiormente necessaria. In un sistema elettrico zonale, per inviare i segnali giusti differenziati per località è necessario determinare le zone di offerta con una procedura trasparente e in modo coerente, obiettivo e affidabile. Ai fini di una gestione e pianificazione efficiente della rete elettrica unionale con segnali di prezzo efficaci delle nuove capacità di generazione, gestione della domanda, stoccaggio di energia e infrastrutture di trasporto, le zone di offerta dovrebbero corrispondere alla congestione strutturale. In particolare, la capacità interzonale non dovrebbe essere ridotta per risolvere una congestione interna.

Motivazione

L'emendamento garantisce che lo stoccaggio di energia venga riconosciuto nell'ambito del diritto dell'Unione come una nuova categoria di attivi nel settore dell'energia.

Emendamento    10

Proposta di regolamento

Considerando 15

Testo della Commissione

Emendamento

(15)  Per decarbonizzare in modo efficiente il sistema elettrico grazie all'integrazione del mercato è necessario abolire sistematicamente gli ostacoli agli scambi transfrontalieri in modo da superare la frammentazione del mercato energetico unionale e consentire ai clienti di fruire pienamente dei vantaggi offerti dall'integrazione dei mercati dell'energia elettrica e dalla concorrenza.

(15)  Per decarbonizzare in modo efficiente entro il 2050 il sistema elettrico grazie all'integrazione del mercato è necessario abolire sistematicamente gli ostacoli agli scambi transfrontalieri in modo da superare la frammentazione del mercato energetico unionale e consentire ai clienti di fruire pienamente dei vantaggi offerti dall'integrazione dei mercati dell'energia elettrica e dalla concorrenza. Si deve inoltre rendere possibile un'equa transizione per le regioni con giacimenti minerari e per i segmenti del mercato dell'energia elettrica che sono tuttora basati in gran parte sulla produzione di elettricità a partire dal carbone, in quanto il loro abbondono necessario nel quadro della transizione verso un sistema energetico sostenibile e flessibile, in grado di consentire all'UE di rispettare l'accordo di Parigi, dovrà affrontare numerose sfide economiche e sociali.

Motivazione

La decarbonizzazione dev'essere inclusiva, equa e concordata da tutte le parti interessate e deve tenere conto delle ripercussioni sociali, economiche e ambientali, nonché di alternative occupazionali sostenibili, in particolare quando l'abbandono graduale è legato alla chiusura di attività estrattive. Un'azione preparatoria relativa all'istituzione di una piattaforma di dialogo sul carbone per discutere gli aspetti legati alla governance, a una transizione equa e allo smantellamento sta per essere avviata, e le norme del mercato europeo dell'energia elettrica dovrebbero essere in linea con tali attività.

Emendamento    11

Proposta di regolamento

Considerando 15 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(15 bis)  Il dispacciamento prioritario per gli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili dovrebbe essere riconosciuto per il suo ruolo nell'aiutare l'Unione a conseguire i propri obiettivi in materia di utilizzo dell'energia da fonti rinnovabili e di riduzione delle emissioni nazionali di gas a effetto serra.

Emendamento    12

Proposta di regolamento

Considerando 26

Testo della Commissione

Emendamento

(26)  L'ENTSO-E dovrebbe svolgere a livello unionale una valutazione solida dell'adeguatezza delle risorse a medio-lungo termine, per fornire una base obiettiva in materia. La questione dell'adeguatezza delle risorse, che si affronta con i meccanismi di regolazione della capacità, dovrebbe basarsi sulla valutazione dell'UE.

(26)  L'ENTSO-E dovrebbe svolgere a livello unionale una valutazione solida dell'adeguatezza delle risorse a medio-lungo termine, per fornire una base obiettiva in materia. La valutazione dovrebbe essere integrata da valutazioni più dettagliate a livello di zone di offerta, Stati membri e regioni. La questione dell'adeguatezza delle risorse, che si affronta con i meccanismi di regolazione della capacità, dovrebbe basarsi su tali valutazioni.

Emendamento    13

Proposta di regolamento

Considerando 27

Testo della Commissione

Emendamento

(27)  La valutazione dell'adeguatezza delle risorse a medio-lungo termine (da 1 a 10 anni) di cui al presente regolamento ha scopo diverso rispetto alle prospettive stagionali (a sei mesi) di cui all'articolo 9 [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862]. Le valutazioni a medio-lungo termine servono soprattutto per valutare la necessità di meccanismi di regolazione della capacità, mentre le prospettive stagionali servono per segnalare i possibili rischi nell'arco di sei mesi che potrebbero causare un deterioramento significativo dello stato dell'offerta di energia elettrica. Anche i centri operativi regionali effettuano valutazioni di adeguatezza a livello regionale secondo la normativa europea sulla gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica; si tratta di valutazioni condotte su un arco temporale molto breve (giornaliero a settimanale) e usate nel contesto della gestione del sistema.

(27)  La valutazione dell'adeguatezza delle risorse a medio-lungo termine (da 1 a 10 anni) di cui al presente regolamento ha scopo diverso rispetto alle prospettive stagionali (a sei mesi) di cui all'articolo 9 [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862]. Le valutazioni a medio-lungo termine servono soprattutto per valutare la necessità di meccanismi di regolazione della capacità, mentre le prospettive stagionali servono per segnalare i possibili rischi nell'arco di sei mesi che potrebbero causare un deterioramento significativo dello stato dell'offerta di energia elettrica. Anche i centri regionali di coordinamento effettuano valutazioni di adeguatezza a livello regionale secondo la normativa europea sulla gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica; si tratta di valutazioni condotte su un arco temporale molto breve (giornaliero a settimanale) e usate nel contesto della gestione del sistema.

 

(La modifica si applica all'intero testo legislativo in esame; l'approvazione dell'emendamento implica adeguamenti tecnici in tutto il testo).

Emendamento    14

Proposta di regolamento

Considerando 28

Testo della Commissione

Emendamento

(28)  Prima di introdurre meccanismi di regolazione della capacità gli Stati membri dovrebbero valutare le distorsioni normative che gravano sulla questione connessa dell'adeguatezza delle risorse; dovrebbero essere tenuti ad adottare misure volte a eliminare le distorsioni corredandole del relativo calendario attuativo. I meccanismi di regolazione della capacità dovrebbero essere introdotti solo per le questioni che non possono essere risolte con l'eliminazione delle distorsioni di cui sopra.

(28)  Prima di introdurre meccanismi di regolazione della capacità gli Stati membri dovrebbero valutare le distorsioni normative che gravano sulla questione connessa dell'adeguatezza delle risorse; dovrebbero essere tenuti ad adottare misure volte a eliminare le distorsioni corredandole del relativo calendario attuativo. I meccanismi di regolazione della capacità dovrebbero essere introdotti solo per le questioni, quali la sicurezza dell'approvvigionamento energetico, che non possono essere risolte con l'eliminazione delle distorsioni di cui sopra.

Emendamento    15

Proposta di regolamento

Considerando 31

Testo della Commissione

Emendamento

(31)  Si dovrebbero stabilire norme dettagliate per facilitare la partecipazione transfrontaliera a meccanismi di regolazione della capacità diversi dalle riserve. I gestori dei sistemi di trasmissione oltrefrontiera dovrebbero agevolare i produttori interessati che desiderano partecipare a meccanismi di regolazione della capacità in altri Stati membri; dovrebbero pertanto calcolare fino a quale capacità sarebbe possibile la partecipazione transfrontaliera, consentirla e verificare le disponibilità. Le autorità nazionali di regolamentazione dovrebbero far rispettare le norme transfrontaliere negli Stati membri.

(31)  Si dovrebbero stabilire norme dettagliate per facilitare la partecipazione transfrontaliera a meccanismi di regolazione della capacità diversi dalle riserve strategiche. I gestori dei sistemi di trasmissione oltrefrontiera dovrebbero agevolare i produttori interessati che desiderano partecipare a meccanismi di regolazione della capacità in altri Stati membri; dovrebbero pertanto calcolare fino a quale capacità sarebbe possibile la partecipazione transfrontaliera, consentirla e verificare le disponibilità. Le autorità nazionali di regolamentazione dovrebbero far rispettare le norme transfrontaliere negli Stati membri.

Emendamento    16

Proposta di regolamento

Considerando 32

Testo della Commissione

Emendamento

(32)  Date le differenze esistenti nei sistemi energetici nazionali e le limitazioni tecniche delle reti elettriche esistenti, il modo migliore per progredire nell'integrazione dei mercati è spesso a livello regionale. Dovrebbe pertanto essere rafforzata la cooperazione regionale tra i gestori dei sistemi di trasmissione. Per garantire una cooperazione efficace si dovrebbe prevedere un nuovo quadro normativo che assicuri una governance regionale più solida e una vigilanza normativa, rafforzando altresì il potere decisionale dell'Agenzia nelle questioni transfrontaliere. Una maggiore cooperazione tra gli Stati membri potrebbe essere necessaria anche in situazioni di crisi, per aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento e limitare le distorsioni del mercato.

(32)  Date le differenze esistenti nei sistemi energetici nazionali e le limitazioni tecniche delle reti elettriche esistenti, il modo migliore e più efficace sotto profilo dei costi per progredire nell'integrazione dei mercati è spesso a livello regionale. Dovrebbe pertanto essere rafforzata la cooperazione regionale tra i gestori dei sistemi di trasmissione. Per garantire una cooperazione efficace si dovrebbe prevedere un nuovo quadro normativo che assicuri una governance regionale più solida e una vigilanza normativa, rafforzando altresì il potere decisionale dell'Agenzia nelle questioni transfrontaliere. Una maggiore cooperazione tra gli Stati membri potrebbe essere necessaria anche in situazioni di crisi, per aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento e limitare le distorsioni del mercato.

Emendamento    17

Proposta di regolamento

Considerando 35

Testo della Commissione

Emendamento

(35)  I centri operativi regionali dovrebbero entrare in gioco laddove il loro aspetto regionale apporta un valore aggiunto rispetto alle funzioni svolte a livello nazionale. I centri operativi regionali dovrebbero coprire i compiti svolti dai coordinatori regionali della sicurezza e altri compiti di gestione del sistema, gestione del mercato e preparazione ai rischi. I centri operativi regionali non dovrebbero occuparsi della gestione in tempo reale del sistema dell'energia elettrica.

(35)  I centri regionali di coordinamento dovrebbero entrare in gioco laddove il loro aspetto regionale apporta un valore aggiunto rispetto alle funzioni svolte a livello nazionale. Tali centri dovrebbero coprire i compiti svolti dai coordinatori regionali della sicurezza e altre funzioni di importanza regionale. I centri regionali di coordinamento non dovrebbero occuparsi della gestione in tempo reale del sistema dell'energia elettrica.

Emendamento    18

Proposta di regolamento

Considerando 36

Testo della Commissione

Emendamento

(36)  I centri operativi regionali dovrebbero in primo luogo agire nell'interesse del funzionamento del mercato e del sistema della regione rispetto agli interessi di un singolo ente. Di conseguenza, i suddetti centri dovrebbero disporre di poteri decisionali esecutivi in modo da indicare ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione le azioni da intraprendere per talune funzioni e dovrebbero avere un ruolo consultivo rafforzato per le altre funzioni.

(36)  I centri regionali di coordinamento dovrebbero in primo luogo agire nell'interesse del funzionamento del mercato e del sistema della regione rispetto agli interessi di un singolo ente. Di conseguenza, i suddetti centri dovrebbero avere un ruolo consultivo rafforzato mediante la loro capacità di formulare raccomandazioni.

Emendamento    19

Proposta di regolamento

Considerando 38

Testo della Commissione

Emendamento

(38)  Per aumentare l'efficienza nelle reti di distribuzione unionali dell'energia elettrica e assicurare una stretta cooperazione con i gestori dei sistemi di trasmissione e con l'ENTSO-E, è necessario istituire un ente dei gestori dei sistemi di distribuzione nell'Unione («UE DSO»). I compiti dell'UE DSO dovrebbero essere chiaramente definiti e i metodi di lavoro dovrebbero garantire efficienza, trasparenza e rappresentatività tra i gestori dei sistemi di distribuzione dell'Unione. L'UE DSO dovrebbe cooperare strettamente con l'ENTSO-E nella preparazione e applicazione dei codici di rete, ove opportuno, e dovrebbe adoperarsi per fornire orientamenti sull'integrazione tra l'altro della generazione distribuita e dello stoccaggio nelle reti di distribuzione o in altri settori connessi alla gestione delle reti di distribuzione.

(38)  Per aumentare l'efficienza nelle reti di distribuzione unionali dell'energia elettrica e assicurare una stretta cooperazione con i gestori dei sistemi di trasmissione e con l'ENTSO-E, è necessario istituire un ente dei gestori dei sistemi di distribuzione nell'Unione («UE DSO»). I compiti dell'UE DSO dovrebbero essere chiaramente definiti e i metodi di lavoro dovrebbero garantire indipendenza, neutralità, efficienza, trasparenza e rappresentatività tra i gestori dei sistemi di distribuzione dell'Unione, nel rispetto delle specificità regionali delle reti di distribuzione. L'UE DSO dovrebbe cooperare strettamente con l'ENTSO-E nella preparazione e applicazione dei codici di rete, ove opportuno, e dovrebbe adoperarsi per fornire orientamenti sull'integrazione tra l'altro della generazione distribuita e dello stoccaggio nelle reti di distribuzione o in altri settori connessi alla gestione delle reti di distribuzione.

Motivazione

Le reti di distribuzione variano enormemente in tutta Europa: in termini di livello di tensione, topologia, profilo naturale di una data regione e modelli di consumo degli utenti. È opportuno tenere conto di tali specificità ai fini del funzionamento dell'UE DSO.

Emendamento    20

Proposta di regolamento

Articolo 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  gettare le basi per conseguire gli obiettivi dell'Unione europea dell'energia in modo efficiente, in particolare il quadro 203030 delle politiche per l'energia e il clima, grazie a segnali di mercato che indichino più flessibilità, decarbonizzazione, innovazione;

(a)  gettare le basi per conseguire gli obiettivi dell'Unione europea dell'energia in modo efficiente, in particolare il quadro 203030 delle politiche per l'energia e il clima, grazie a segnali di mercato che indichino più flessibilità, efficienza energetica e innovazione, anche tenendo conto del ruolo degli interconnettori e della quota crescente delle fonti energetiche rinnovabili ai fini della transizione verso un sistema energetico sostenibile;

_________________

_________________

30 COM/2014/015 final.

30 COM/2014/015 final.

Emendamento    21

Proposta di regolamento

Articolo 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  definire i principi fondamentali di mercati dell'energia elettrica efficienti e integrati, che consentano un accesso non discriminatorio a tutti i fornitori di risorse e ai clienti dell'energia elettrica, responsabilizzino i consumatori, permettano la gestione della domanda e l'efficienza energetica, agevolino l'aggregazione della domanda distribuita e dell'offerta, e contribuiscano alla decarbonizzazione dell'economia, mediante l'integrazione del mercato e la remunerazione a prezzi di mercato dell'energia elettrica generata da fonti rinnovabili;

(b)  definire i principi fondamentali di mercati dell'energia elettrica efficienti e integrati, che consentano un accesso non discriminatorio a tutti i fornitori di risorse e ai clienti dell'energia elettrica, responsabilizzino i consumatori, permettano la gestione della domanda, lo stoccaggio dell'energia e l'efficienza energetica, agevolino l'aggregazione della domanda distribuita e dell'offerta, promuovano livelli sufficienti di interconnessioni elettriche e contribuiscano alla decarbonizzazione dell'economia, mediante l'integrazione del mercato e la remunerazione a prezzi di mercato dell'energia elettrica generata da fonti rinnovabili;

Emendamento    22

Proposta di regolamento

Articolo 2 – punto 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  "congestione", una situazione in cui non possono essere soddisfatte tutte le richieste di compravendita dei partecipanti al mercato tra due zone di offerta in quanto inciderebbero in modo significativo sugli elementi della rete che non riescono a contenere fisicamente i flussi;

(c)  "congestione", una situazione in cui non possono essere soddisfatte tutte le richieste di compravendita dei partecipanti al mercato in quanto inciderebbero in modo significativo sugli elementi della rete che non riescono a contenere fisicamente i flussi;

Motivazione

La definizione originaria stabilisce che la congestione può verificarsi solo tra due zone di offerta e non all'interno di una di esse. L'emendamento è inoltre necessario per adeguarsi alla definizione di zona di offerta.

Emendamento    23

Proposta di regolamento

Articolo 2 – punto 2 – lettera u

Testo della Commissione

Emendamento

(u)  "meccanismo di regolazione della capacità", misura amministrativa intesa ad assicurare il conseguimento del livello auspicato di sicurezza dell'approvvigionamento, grazie alla remunerazione delle risorse in base alla disponibilità, escluse le misure relative ai servizi ausiliari;

(u)  "meccanismo di regolazione della capacità", misura amministrativa intesa ad assicurare il conseguimento del necessario livello di sicurezza dell'approvvigionamento, grazie alla remunerazione delle risorse in base alla disponibilità, escluse le misure relative ai servizi ausiliari, adottata in conformità del presente regolamento, delle norme sugli aiuti di Stato e dei principi di necessità, proporzionalità e non discriminazione;

Emendamento    24

Proposta di regolamento

Articolo 2 – punto 2 – lettera v

Testo della Commissione

Emendamento

(v)  "riserva strategica", meccanismo di regolazione della capacità in cui le risorse sono dispacciate solo se i mercati del giorno prima e infragiornaliero non hanno raggiunto l'equilibrio, i gestori dei sistemi di trasmissione hanno esaurito le rispettive risorse di bilanciamento per stabilire un equilibrio tra domanda e offerta, e gli sbilanciamenti sul mercato durante i periodi in cui le riserve sono dispacciate sono compensati al valore del carico perso;

(v)  "riserva strategica", meccanismo di regolazione della capacità in cui le risorse sono conservate al di fuori del mercato e sono dispacciate solo se i mercati del giorno prima non hanno raggiunto l'equilibrio, i gestori dei sistemi di trasmissione hanno esaurito le rispettive risorse di bilanciamento per stabilire un equilibrio tra domanda e offerta, e gli sbilanciamenti sul mercato durante i periodi in cui le riserve sono dispacciate sono compensati al valore del carico perso;

Emendamento    25

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  i prezzi si formano in base alla domanda e all'offerta;

(a)  i prezzi riflettono in generale la domanda e l'offerta;

Emendamento    26

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  si evitano le azioni intese ad impedire la formazione dei prezzi in base alla domanda e all'offerta, a disincentivare lo sviluppo di una generazione più flessibile, a bassa produzione di carbonio o a disincentivare la flessibilità della domanda;

(b)  si evitano le azioni intese ad impedire la formazione dei prezzi in base alla domanda e all'offerta, a meno che non mirino a stabilire la solidarietà e la equa ripartizione dei costi e tengano sufficientemente conto dei consumatori in condizioni di povertà energetica;

Emendamento    27

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera b bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(b bis)  si promuove lo sviluppo di una generazione più flessibile, a bassa produzione di carbonio o una maggiore flessibilità della domanda;

Emendamento    28

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera c bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(c bis)   gli operatori di mercato sono tenuti a valutare il rischio di pregiudizio che i nuovi prodotti e servizi pongono per i clienti domestici, adeguando di conseguenza la loro offerta;

Emendamento    29

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera c ter (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(c ter)   le autorità nazionali di regolamentazione monitorano l'evoluzione del mercato e apportano modifiche alle tutele, ove necessario;

Emendamento    30

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

(d)  la partecipazione al mercato dei consumatori e delle piccole imprese è consentita aggregando la generazione di vari impianti e il carico di vari impianti di consumo per ottenere offerte congiunte sul mercato dell'energia elettrica e una gestione congiunta del sistema elettrico, nel rispetto delle norme del trattato sulla concorrenza;

(d)  la partecipazione al mercato dei consumatori e delle piccole imprese è consentita individualmente, collettivamente – attraverso la partecipazione a una comunità locale dell'energia – e incoraggiata aggregando la generazione di vari impianti e il carico di vari impianti di consumo per ottenere offerte congiunte sul mercato dell'energia elettrica e una gestione congiunta del sistema elettrico, nel rispetto delle norme del trattato sulla concorrenza;

Motivazione

I principi generali del mercato dell'energia elettrica dell'UE dovrebbero fornire una base per riconoscere e incoraggiare tutte le forme di partecipazione attiva da parte dei consumatori, non soltanto attraverso l'aggregazione.

Emendamento    31

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera e

Testo della Commissione

Emendamento

(e)  le regole sul mercato sostengono la decarbonizzazione dell'economia consentendo l'integrazione dell'energia elettrica da fonti rinnovabili e fornendo incentivi all'efficienza energetica;

(e)  le regole sul mercato sostengono la decarbonizzazione dell'economia fornendo incentivi all'integrazione dell'energia elettrica da fonti rinnovabili e all'efficienza energetica;

Emendamento    32

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera f

Testo della Commissione

Emendamento

(f)  le regole sul mercato offrono adeguati incentivi d'investimento per la generazione, lo stoccaggio, l'efficienza energetica e la gestione della domanda in modo da soddisfare il fabbisogno del mercato e provvedendo così alla sicurezza dell'approvvigionamento;

(f)  le regole sul mercato sono volte ad offrire adeguati incentivi d'investimento per la generazione, in particolare per quanto concerne gli investimenti a lungo termine nella generazione a basse emissioni di carbonio, lo stoccaggio, l'efficienza energetica e la gestione della domanda in modo da soddisfare il fabbisogno del mercato e provvedendo così alla sicurezza dell'approvvigionamento;

Emendamento    33

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera g

Testo della Commissione

Emendamento

(g)  si evitano gli ostacoli ai flussi transfrontalieri di energia elettrica e alle transazioni transfrontaliere sui mercati dell'energia elettrica e dei relativi mercati dei servizi;

(g)  si eliminano gli ostacoli ai flussi transfrontalieri di energia elettrica e alle transazioni transfrontaliere sui mercati dell'energia elettrica e dei relativi mercati dei servizi;

Emendamento    34

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera i

Testo della Commissione

Emendamento

(i)  le risorse sul versante della generazione, dello stoccaggio e della domanda partecipano tutte al mercato su un piano di parità;

(i)  le risorse sul versante della generazione, dello stoccaggio e della domanda partecipano tutte al mercato su un piano di parità, in un modo che tenga conto dei benefici e dei costi che ogni aspetto apporta all'ambiente e al sistema, della loro sostenibilità e dei loro contributi agli obiettivi di decarbonizzazione fissati nell'accordo di Parigi del 2015 e nella direttiva (UE).../... [direttiva sulle energie rinnovabili];

Emendamento    35

Proposta di regolamento

Articolo 3 – punto 1 – lettera m

Testo della Commissione

Emendamento

(m)  le regole sul mercato consentono l'accesso e l'uscita delle imprese di generazione e di approvvigionamento di energia elettrica in base alle valutazioni di sostenibilità economica e finanziaria delle rispettive operazioni;

(m)  le regole sul mercato consentono l'accesso e l'uscita delle imprese di generazione e di approvvigionamento di energia elettrica nonché di stoccaggio dell'energia in base alle valutazioni di sostenibilità economica e finanziaria delle rispettive operazioni;

Motivazione

Poiché lo stoccaggio è definito quale attività separata nel sistema dell'energia elettrica, le imprese di stoccaggio devono avere la possibilità, analogamente agli altri attori del mercato, di decidere in merito all'accesso e all'uscita.

Emendamento    36

Proposta di regolamento

Articolo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 3 bis

 

Transizione equa

 

La Commissione sostiene gli Stati membri che predispongono una strategia nazionale per la progressiva riduzione della capacità installata di estrazione e generazione basata sul carbone, attraverso tutti i mezzi disponibili, tra cui un sostegno finanziario mirato volto a rendere possibile una "transizione equa" nelle regioni interessate da cambiamenti strutturali. La Commissione assiste gli Stati membri nel far fronte all'impatto della transizione all'energia pulita sul piano sociale, delle competenze e dell'industria. La Commissione opera in stretto partenariato con attori delle regioni carbonifere e ad alta intensità di carbonio, fornisce orientamenti, in particolare in merito all'accesso ai fondi e ai programmi disponibili e al relativo utilizzo, e incoraggia lo scambio di buone prassi, ivi incluse le discussioni sulle tabelle di marcia industriali e le esigenze di riqualificazione, attraverso piattaforme mirate tra cui l'iniziativa per una transizione equa a favore di lavoratori e comunità istituita dal regolamento (UE) .../... [regolamento sulla governance].

Emendamento    37

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Tutti i partecipanti al mercato tendono al bilanciamento del sistema e rispondono finanziariamente degli squilibri che provocano nel sistema. Sono essi stessi responsabili del bilanciamento o delegano un responsabile del bilanciamento scelto da loro.

1.  Tutti i partecipanti ai mercati tendono al bilanciamento del sistema e rispondono finanziariamente degli squilibri che provocano nel sistema, a condizione che tutti i partecipanti ai mercati abbiano accesso a mercati infragiornalieri e di bilanciamento in conformità degli articoli 5 e 6. Sono essi stessi responsabili del bilanciamento o delegano un responsabile del bilanciamento scelto da loro.

Emendamento    38

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 2 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Gli Stati membri possono prevedere deroghe alla responsabilità del bilanciamento per quanto riguarda:

2.  Gli Stati membri possono, previa consultazione dei gestori dei sistemi di distribuzione, prevedere deroghe dalle conseguenze finanziarie della responsabilità del bilanciamento per quanto riguarda:

Emendamento    39

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  progetti dimostrativi;

soppresso

Emendamento    40

Proposta di regolamento

Articolo 4 – paragrafo 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  impianti che beneficiano del sostegno approvato dalla Commissione in forza delle norme unionali sugli aiuti di Stato ai sensi degli articoli da 107 a 109 del TFUE, commissionati prima del [OP: entrata in vigore]. Fatte salve le norme unionali sugli aiuti di Stato, gli Stati membri possono incentivare i partecipanti al mercato interamente o parzialmente esentati dalla responsabilità del bilanciamento ad accettarne la piena responsabilità dietro adeguato compenso.

(c)  impianti che beneficiano del sostegno approvato dalla Commissione in forza delle norme unionali sugli aiuti di Stato ai sensi degli articoli da 107 a 109 del TFUE, commissionati prima del [OP: entrata in vigore]. Fatte salve le norme unionali sugli aiuti di Stato, gli Stati membri possono incentivare i partecipanti al mercato interamente o parzialmente esentati dalle conseguenze finanziarie della responsabilità del bilanciamento ad accettarne la piena responsabilità dietro adeguato compenso.

Emendamento    41

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Tutti i partecipanti al mercato hanno accesso al mercato del bilanciamento, a titolo individuale o per aggregazione. Le norme e i prodotti del mercato del bilanciamento rispettano l'esigenza di tener conto dell'aumento delle quote di generazione variabile, dell'aumento della reattività della domanda e delle nuove tecnologie.

1.  Tutti i partecipanti al mercato hanno pieno accesso al mercato del bilanciamento, a titolo individuale o per aggregazione. Le norme e i prodotti del mercato del bilanciamento rispettano l'esigenza di tener conto dell'aumento delle quote di generazione variabile, dell'aumento della reattività della domanda e delle nuove tecnologie.

Emendamento    42

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I mercati del bilanciamento sono organizzati in modo da assicurare l'assenza di discriminazione tra partecipanti al mercato, tenendo conto delle diverse capacità tecniche di generazione da fonti rinnovabili variabili e della gestione e stoccaggio sul versante della domanda.

2.  I mercati del bilanciamento sono organizzati in modo da assicurare l'assenza di discriminazione tra partecipanti al mercato. I mercati del bilanciamento sono concepiti per permettere la massima partecipazione di fonti rinnovabili, compresa in particolare la generazione su piccola scala decentrata o distribuita. I mercati del bilanciamento garantiscono che le comunità produttrici/consumatrici di energia dispongano di un accesso proporzionato e semplice al mercato.

Emendamento    43

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  Il dimensionamento della capacità di riserva è eseguito a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 7. I centri operativi regionali sostengono i gestori dei sistemi di trasmissione nel determinare il quantitativo di capacità di bilanciamento che è necessario acquisire conformemente all'allegato I, punto 8.

7.  Il dimensionamento della capacità di riserva è eseguito a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 7. I centri regionali di coordinamento sostengono i gestori dei sistemi di trasmissione nel determinare il quantitativo di capacità di bilanciamento che è necessario acquisire conformemente all'allegato I, punto 8.

Emendamento    44

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 8

Testo della Commissione

Emendamento

8.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento è agevolato a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 8. L'approvvigionamento è basato su un mercato primario e organizzato in modo da non creare discriminazioni tra i partecipanti al mercato nel processo di preselezione a livello individuale o per aggregazione.

8.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento è agevolato a livello regionale conformemente all'allegato I, punto 8. L'approvvigionamento è basato su un mercato primario in modo da non creare discriminazioni tra i partecipanti al mercato nel processo di preselezione, anche, in particolare, qualora la partecipazione avvenga a livello individuale o per aggregazione.

Emendamento    45

Proposta di regolamento

Articolo 5 – paragrafo 9

Testo della Commissione

Emendamento

9.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento al rialzo e al ribasso è effettuato separatamente. L'aggiudicazione avviene non più di un giorno prima della fornitura delle capacità di bilanciamento e il periodo di aggiudicazione dura al massimo un giorno.

9.  L'approvvigionamento di capacità di bilanciamento al rialzo e al ribasso è effettuato separatamente. L'aggiudicazione avviene non più di un giorno prima della fornitura delle capacità di bilanciamento e il periodo di aggiudicazione dura al massimo un giorno. In conformità dell'articolo 34, paragrafo 6, e dell'articolo 36, paragrafo 10, degli orientamenti in materia di bilanciamento, ciascun gestore dei sistemi di trasmissione può presentare una proposta all'autorità di regolamentazione competente in cui chieda l'esenzione dalle norme relative agli appalti pubblici conformemente al presente paragrafo.

 

Tali richieste di esenzione includono:

 

(a)  l'indicazione del periodo di tempo durante il quale si applicherebbe l'esenzione;

 

(b)  l'indicazione del volume della capacità di bilanciamento cui si applicherebbe l'esenzione;

 

(c)  l'analisi dell'impatto di tale esenzione sulla partecipazione delle risorse di bilanciamento; e

 

(d)  la giustificazione dell'esenzione che ne illustri la maggiore efficienza economica.

Emendamento    46

Proposta di regolamento

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  sono organizzati in modo tale da non essere discriminatori;

(a)  sono non discriminatori;

Motivazione

Il principio di non discriminazione nei mercati giornalieri e del giorno prima dovrebbe avere effetto giuridico senza che gli Stati membri debbano attuare misure supplementari.

Emendamento    47

Proposta di regolamento

Articolo 7 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori dei mercati offrono alla compravendita sui mercati del giorno prima e infragiornaliero prodotti di dimensioni sufficientemente ridotte, con offerte minime fino a 1 megawatt o inferiori, per permettere la partecipazione effettiva, sul versante della gestione della domanda, dello stoccaggio di energia e delle fonti rinnovabili su piccola scala.

3.  I gestori dei mercati offrono alla compravendita sui mercati del giorno prima e infragiornaliero prodotti di dimensioni sufficientemente ridotte, con offerte minime fino a 1 megawatt o inferiori, per permettere la partecipazione effettiva, sul versante della gestione della domanda, dello stoccaggio di energia e delle fonti rinnovabili su piccola scala, anche per le comunità produttrici/consumatrici di energia attraverso un accesso proporzionato e semplice.

Emendamento    48

Proposta di regolamento

Articolo 9 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite massimo se non quello corrispondente al valore del carico perso fissato conformemente all'articolo 10. Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite minimo se non quello corrispondente al valore di - 2 000 EUR o inferiore e, se lo si raggiunge o si stima sarà raggiunto, un valore più basso è fissato per il giorno successivo. La presente disposizione si applica, tra l'altro, alle offerte e compensazioni in tutti gli orizzonti temporali e include i prezzi dell'energia di bilanciamento e i prezzi di sbilanciamento.

1.  Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite massimo se non quello corrispondente al valore del carico perso fissato conformemente all'articolo 10. Nei mercati fortemente interconnessi, il livello dei limiti massimi dovrebbe essere lo stesso in tutte le zone di offerta e in tutti i mercati, onde evitare distorsioni del mercato. Il prezzo all'ingrosso dell'energia elettrica non ha un limite minimo se non quello corrispondente al valore di - 2 000 EUR o inferiore e, se lo si raggiunge o si stima sarà raggiunto, un valore più basso è fissato per il giorno successivo. La presente disposizione si applica, tra l'altro, alle offerte e compensazioni in tutti gli orizzonti temporali e include i prezzi dell'energia di bilanciamento e i prezzi di sbilanciamento.

Motivazione

Nei mercati fortemente interconnessi, è necessario assicurare l'uniformità del limite del prezzo tecnico. In assenza di limiti uniformi, potrebbero verificarsi inefficienze nei periodi di scarsità delle risorse, in quanto i partecipanti al mercato sarebbero artificialmente svantaggiati nella concorrenza transfrontaliera per l'energia in ragione delle differenze nella capacità di offerta di prezzo.

Emendamento    49

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Nel dispacciamento degli impianti di generazione dell'energia elettrica, i gestori dei sistemi di trasmissione accordano priorità a quelli che impiegano fonti di energia rinnovabili, ai piccoli impianti di cogenerazione ad alto rendimento e agli impianti che usano tecnologie emergenti nella misura seguente:

2.  Nel dispacciamento degli impianti di generazione dell'energia elettrica, i gestori dei sistemi di trasmissione e distribuzione accordano priorità agli impianti di generazione o di stoccaggio che impiegano fonti di energia rinnovabili, ai piccoli impianti di cogenerazione ad alto rendimento e agli impianti che usano tecnologie emergenti nella misura seguente:

(a)  impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o di cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione di energia elettrica inferiore a 500 kW; o

(a)  impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o di cogenerazione ad alto rendimento con capacità installata di generazione di energia elettrica inferiore a 500 kW; o

(b)  progetti dimostrativi per tecnologie innovative.

(b)  progetti dimostrativi per tecnologie innovative.

Emendamento    50

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Gli impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento commissionati prima del [OP: entrata in vigore] e, una volta commissionati, sono soggetti al dispacciamento prioritario a norma dell'articolo 15, paragrafo 5, della direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio o all'articolo 16, paragrafo 2, della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio restano soggetti al dispacciamento prioritario. Il dispacciamento prioritario non si applica più dalla data in cui l'impianto di generazione è oggetto di modifiche significative, ossia almeno quando è necessario un nuovo contratto di connessione o quando si incrementa la capacità di generazione.

4.  Al fine di mantenere un quadro normativo stabile per gli investitori, gli impianti di generazione o di stoccaggio che impiegano fonti di energia rinnovabili o cogenerazione ad alto rendimento commissionati prima del [OP: entrata in vigore] e, una volta commissionati, sono soggetti al dispacciamento prioritario a norma dell'articolo 15, paragrafo 5, della direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio o all'articolo 16, paragrafo 2, della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio1 restano soggetti al dispacciamento prioritario. Il dispacciamento prioritario non si applica più dalla data in cui l'impianto di generazione o di stoccaggio è oggetto di modifiche significative, ossia almeno quando è necessario un nuovo contratto di connessione o quando si incrementa la capacità di generazione o di stoccaggio.

–––––––––––––

–––––––––––––

1.  Direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 16).

1.  Direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 16).

Emendamento    51

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 4 – comma 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Fatte salve le norme dell'Unione sugli aiuti di Stato, gli Stati membri possono offrire incentivi ai partecipanti al mercato aventi accesso prioritario per rinunciare al dispacciamento prioritario dietro adeguata compensazione.

Emendamento    52

Proposta di regolamento

Articolo 11 – paragrafo 4 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

4 bis.  Gli Stati membri ottemperano alle disposizioni del presente articolo attraverso il processo di comunicazione sul mercato interno dell'energia previsto all'articolo [21] del regolamento (UE) .../... [regolamento sulla governance].

 

Prima dell'abolizione del dispacciamento prioritario conformemente ai paragrafi 2 e 3, gli Stati membri, in particolare, assicurano che tutti i mercati siano del tutto aperti, inclusi tutti i servizi accessori, alla partecipazione delle fonti energetiche rinnovabili, che le norme in materia di dispacciamento siano pienamente trasparenti e basate sul mercato, che sia stata stabilita una metodologia trasparente relativamente alle norme in materia di riduzione e che l'abolizione del dispacciamento prioritario per gli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili non pregiudichi il loro contributo:

 

(a)  all'obiettivo dell'Unione per il 2030 stabilito nella direttiva sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili;

 

(b)  alla riduzione di almeno il 40 % rispetto ai livelli del 1990 delle emissioni globali di gas a effetto serra dell'Unione entro il 2030, come stabilito dall'impegno di riduzione previsto, determinato a livello nazionale, che l'Unione e i suoi Stati membri hanno trasmesso al segretariato della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Emendamento    53

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Le risorse ridotte o ridispacciate sono selezionate tra gli impianti di generazione o di consumo che trasmettono offerte di riduzione o ridispacciamento, mediante meccanismi di mercato e sono finanziariamente compensate. Si ricorre alla riduzione e al ridispacciamento della generazione o al ridispacciamento della gestione della domanda non basati sul mercato solo in mancanza di alternative di mercato, o se tutte le risorse disponibili basate sul mercato sono state sfruttate oppure se il numero degli impianti di generazione o di consumo disponibili nella zona è troppo basso per assicurare una concorrenza effettiva. La fornitura di risorse di mercato è aperta a tutte le tecnologie di generazione, stoccaggio e gestione della domanda, anche agli operatori ubicati in altri Stati membri, salvo laddove non sia tecnicamente realizzabile.

2.  Le risorse ridotte o ridispacciate sono selezionate tra gli impianti di generazione, stoccaggio o di consumo che trasmettono offerte di riduzione o ridispacciamento, mediante meccanismi di mercato e sono finanziariamente compensate in pieno. La partecipazione a meccanismi basati sul mercato è volontaria per tutti i partecipanti al mercato, inclusa in particolare la capacità di generazione su piccola scala decentrata o distribuita. Si ricorre alla riduzione e al ridispacciamento della generazione o al ridispacciamento della gestione della domanda non basati sul mercato solo in mancanza di alternative di mercato, o se tutte le risorse disponibili basate sul mercato sono state sfruttate oppure se il numero degli impianti di generazione o di consumo disponibili nella zona è troppo basso per assicurare una concorrenza effettiva. La fornitura di risorse di mercato è aperta a tutte le tecnologie di generazione, stoccaggio e gestione della domanda, anche agli operatori ubicati in altri Stati membri, salvo laddove non sia tecnicamente realizzabile.

Emendamento    54

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I gestori responsabili dei sistemi riferiscono almeno una volta all'anno all'autorità di regolamentazione competente in merito alla riduzione o al ridispacciamento a scendere degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento e alle misure adottate per diminuire la necessità di tale riduzione o ridispacciamento a scendere in futuro. La riduzione o il ridispacciamento degli impianti di generazione che utilizzano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento sono oggetto di compensazione a norma del paragrafo 6.

3.  I gestori responsabili dei sistemi riferiscono almeno una volta all'anno all'autorità di regolamentazione competente e all'ACER in merito

 

-  al livello di sviluppo ed efficacia della riduzione o del ridispacciamento basati sul mercato degli impianti di generazione, stoccaggio energetico o gestione della domanda;

 

-  alle ragioni, ai volumi e ai tipi di tecnologie oggetto di riduzione o ridispacciamento a scendere degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento;

 

-  alle misure adottate per diminuire la necessità di tale riduzione o ridispacciamento a scendere; e

 

-  alle richieste e alle disposizioni contrattuali con le unità di generazione affinché funzionino a un determinato livello di alimentazione di energia elettrica; I gestori dei sistemi giustificano la necessità di tali disposizioni ed evidenziano in che misura tali servizi non possano essere forniti da altre risorse; stabilendo se ciò sia in linea con il principio del conseguimento degli obiettivi dell'Unione al minor costo possibile.

 

I regolatori valutano l'interesse del mercato annualmente.

 

La riduzione o il ridispacciamento degli impianti di generazione o stoccaggio che utilizzano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento sono oggetto di compensazione a norma del paragrafo 6.

Emendamento    55

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 4 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  assicurano la capacità delle reti di trasmettere e distribuire l'energia elettrica da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento con il minimo possibile di riduzione o ridispacciamento; ciò non impedisce di tener conto nella pianificazione della rete di una riduzione/ridispacciamento in misura limitata laddove ne sia dimostrata la maggiore efficienza economica e non superi il 5% della capacità installata da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento nella zona;

(a)  assicurano la capacità delle reti di trasmettere e distribuire l'energia elettrica prodotta o stoccata da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento con il minimo possibile di riduzione o ridispacciamento; ciò non impedisce di tener conto nella pianificazione della rete di una riduzione/ridispacciamento in misura limitata laddove ne sia dimostrata la maggiore efficienza economica e non superi il 5 % delle capacità installate o stoccate utilizzando fonti rinnovabili, gestione della domanda o cogenerazione ad alto rendimento nel punto di connessione, a condizione che abbia luogo un'adeguata consultazione delle parti interessate prima della sua approvazione;

Emendamento    56

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 4 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  adottano misure operative adeguate riguardanti le reti e il mercato al fine di ricorrere il meno possibile alla riduzione e al ridispacciamento al ribasso dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento.

(b)  assicurano che le loro reti siano sufficientemente flessibili in modo tale da poterle gestire secondo quanto previsto all'articolo [51] della direttiva ..../.... [direttiva sull'energia elettrica].

Emendamento    57

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 4 – lettera b bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(b bis)  adottano misure operative adeguate riguardanti le reti e il mercato al fine di assorbire efficacemente tutta l'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento e ricorrere il meno possibile alla riduzione e al ridispacciamento al ribasso.

Emendamento    58

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 5 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  gli impianti di generazione che impiegano la cogenerazione ad alto rendimento sono soggetti al ridispacciamento a scendere/alla riduzione solo se, a parte il ridispacciamento a scendere/la riduzione degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili, non vi sono alternative o se queste comportano costi sproporzionati o rischi per la sicurezza della rete;

(b)  impianti di generazione che impiegano la cogenerazione ad alto rendimento, e in particolare, ove;

 

(i)  lo scopo principale di tali impianti di generazione sia produrre calore per i processi di produzione del sito industriale interessato;

 

(ii)  la generazione di energia termica e la generazione di energia elettrica siano indissolubilmente legate, in modo che qualsiasi variazione nella generazione di energia termica dia accidentalmente luogo a una variazione nella generazione di potenza attiva e viceversa;

 

sono soggetti al ridispacciamento a scendere/alla riduzione solo se, a parte il ridispacciamento a scendere/la riduzione degli impianti di generazione che impiegano fonti di energia rinnovabili, non vi sono alternative o se queste comportano costi sproporzionati o rischi per la sicurezza della rete;

Emendamento    59

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 5 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  l'energia elettrica autoprodotta da impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento non immessa nella rete di trasporto o di distribuzione non è ridotta a meno che nessun'altra soluzione permetta di risolvere problemi connessi alla sicurezza delle reti;

(c)  l'energia elettrica autoprodotta da impianti che impiegano fonti di energia rinnovabili o la cogenerazione ad alto rendimento destinata principalmente all'autoconsumo non è ridotta a meno che non esistano alternative o ci siano rischi sproporzionati alla sicurezza delle reti in caso di altre soluzioni;

Emendamento    60

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 5 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

(d)  il ridispacciamento a scendere/la riduzione di cui alle lettere da a) a c) sono debitamente giustificati in modo trasparente. La giustificazione è inserita nella relazione di cui al paragrafo 3.

(d)  il ridispacciamento a scendere/la riduzione di cui alle lettere da a) a c) di cui sopra sono debitamente giustificati in modo trasparente. La giustificazione è inserita nella relazione di cui al paragrafo 3.

Emendamento    61

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  Quando la riduzione/il ridispacciamento non sono basati sul mercato, sono oggetto di compensazione finanziaria da parte del gestore di sistema che chiede la riduzione/il ridispacciamento al titolare della generazione ridotta o ridispacciata o all'impianto di consumo. La compensazione finanziaria è almeno equivalente al valore più alto dei seguenti elementi:

6.  Quando la riduzione/il ridispacciamento non sono basati sul mercato, sono oggetto di compensazione finanziaria da parte del gestore di sistema che chiede la riduzione/il ridispacciamento al titolare della generazione ridotta o ridispacciata o all'impianto di stoccaggio dell'energia o di consumo. La compensazione finanziaria è almeno equivalente al valore più alto dei seguenti elementi:

(a)  costi di gestione supplementari causati dalla riduzione/dal ridispacciamento, quali costi supplementari del combustibile in caso di ridispacciamento a salire o della fornitura di calore di riserva in caso di ridispacciamento a scendere/riduzione degli impianti di generazione che impiegano la cogenerazione ad alto rendimento;

(a)  costi di gestione supplementari causati dalla riduzione/dal ridispacciamento, quali costi supplementari del combustibile in caso di ridispacciamento a salire o della fornitura di calore di riserva in caso di ridispacciamento a scendere/riduzione degli impianti di generazione che impiegano la cogenerazione ad alto rendimento;

(b)  il 90% delle entrate nette derivanti dalla vendita dell'energia elettrica sul mercato del giorno prima che l'impianto di generazione o di consumo avrebbe creato senza la richiesta di riduzione/ridispacciamento. Se agli impianti di generazione o consumo è concesso un sostegno finanziario in base al volume di energia elettrica generata o consumata, la perdita di sostegno finanziario è considerata parte delle entrate nette.

(b)  il 100 % delle entrate nette derivanti dalla vendita dell'energia elettrica sul mercato del giorno prima che l'impianto di generazione, di stoccaggio dell'energia o di consumo avrebbe creato senza la richiesta di riduzione/ridispacciamento. Se agli impianti di generazione o consumo è concesso un sostegno finanziario in base al volume di energia elettrica generata o consumata, la perdita di sostegno finanziario è considerata parte delle entrate nette. La compensazione integrale è liquidata in tempi ragionevoli dopo che la riduzione ha avuto luogo.

Emendamento    62

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 6 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

6 bis.  Gli Stati membri provvedono affinché le informazioni trasmesse a norma del paragrafo 3 si riflettano nel processo nazionale di comunicazione sul mercato interno dell'energia, come previsto all'articolo [21] del regolamento .../... [regolamento sulla governance].

Motivazione

Il regolamento sulla governance dovrebbe semplificare le procedure di comunicazione in modo da ridurre gli oneri amministrativi.

Emendamento    63

Proposta di regolamento

Articolo 12 – paragrafo 6 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

6 ter.  Se del caso, i gestori dei sistemi di trasmissione di vari Stati membri convengono un'equa ripartizione dei costi del ridispacciamento transfrontaliero e degli scambi compensativi.

Motivazione

Fra le disposizioni del presente articolo figurano anche le modalità che regolano il ridispacciamento transfrontaliero e gli scambi compensativi al di là delle frontiere nazionali, quale logica conseguenza dei paragrafi precedenti del presente articolo.

Emendamento    64

Proposta di regolamento

Articolo 14 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I problemi di congestione della rete sono risolti con soluzioni non discriminatorie fondate su criteri di mercato che forniscano segnali economici efficienti ai soggetti partecipanti al mercato e ai gestori dei sistemi di trasmissione. I problemi di congestione della rete sono risolti con metodi non connessi alle transazioni, vale a dire metodi che non comportano una selezione tra i contratti di singoli soggetti partecipanti al mercato. Nell'adottare misure operative per assicurare il permanere dello stato normale del sistema, il gestore del sistema di trasmissione tiene conto dell'effetto di tali misure sulle zone di controllo limitrofe e le coordina con altri gestori dei sistemi di trasmissione interessati a norma del regolamento (UE) 1222/2015.

1.  I problemi di congestione della rete sono risolti con soluzioni non discriminatorie fondate su criteri di mercato, ivi comprese soluzioni di efficienza energetica e gestione della domanda, che forniscano segnali economici efficienti ai soggetti partecipanti al mercato e ai gestori dei sistemi di trasmissione. I problemi di congestione della rete sono risolti con metodi non connessi alle transazioni, vale a dire metodi che non comportano una selezione tra i contratti di singoli soggetti partecipanti al mercato. Nell'adottare misure operative per assicurare il permanere dello stato normale del sistema, il gestore del sistema di trasmissione tiene conto dell'effetto di tali misure sulle zone di controllo limitrofe e le coordina con altri gestori dei sistemi di trasmissione interessati a norma del regolamento (UE) n. 1222/2015.

Motivazione

In linea con le disposizioni sull'efficienza energetica e sulla gestione della domanda di cui all'articolo 3, paragrafo 1, lettere e) ed f), all'articolo 16, paragrafi 2 e 8, all'articolo 18, paragrafo 3, all'articolo 19, paragrafo 4, lettera b), all'articolo 25, paragrafo 2, e all'articolo 55, paragrafo 1, lettera l), la logica del regolamento deve essere applicata anche alla gestione della congestione.

Emendamento    65

Proposta di regolamento

Articolo 14 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  La capacità massima delle interconnessioni e/o delle reti di trasmissione riguardanti i flussi transfrontalieri è posta a disposizione dei soggetti partecipanti al mercato compatibilmente con le norme di sicurezza per il funzionamento della rete. Per sfruttare al massimo le capacità disponibili si ricorre agli scambi compensativi e al ridispacciamento, anche transfrontaliero, salvo se ne è dimostrata l'inefficienza economica a livello unionale.

3.  La capacità massima delle interconnessioni e/o delle reti di trasmissione riguardanti i flussi transfrontalieri è posta a disposizione dei soggetti partecipanti al mercato compatibilmente con le norme di sicurezza per il funzionamento della rete. Per garantire la stabilità dello scambio programmato in caso di riduzioni della capacità disponibile netta di trasmissione dovute a ragioni di sicurezza del sistema, si ricorre agli scambi compensativi e al ridispacciamento, anche transfrontaliero.

Emendamento    66

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I corrispettivi applicati dai gestori della rete per l'accesso alla rete , compresi i corrispettivi per la connessione alla rete, per l'utilizzo della rete e, ove applicabile, per il potenziamento della rete, sono trasparenti, tengono conto della necessità di garantire la sicurezza della rete e la sua flessibilità e danno riscontro ai costi effettivi sostenuti, purché questi corrispondano a quelli di un gestore di rete efficiente e comparabile dal punto di vista strutturale, e siano stati applicati in modo non discriminatorio. In particolare, essi sono applicati in modo da non operare discriminazioni, positive o negative, tra la produzione connessa a livello di distribuzione e la produzione connessa a livello di trasmissione. Essi non sono discriminatori nei confronti dello stoccaggio dell'energia e non costituiscono un disincentivo alla partecipazione alla gestione della domanda.

1.  I corrispettivi applicati dai gestori della rete per l'accesso alla rete, compresi i corrispettivi per la connessione alla rete, per l'utilizzo della rete e, ove applicabile, per il potenziamento della rete, sono trasparenti, tengono conto della necessità di garantire la sicurezza della rete e la sua flessibilità e danno riscontro ai costi effettivi sostenuti, purché questi corrispondano a quelli di un gestore di rete efficiente e comparabile dal punto di vista strutturale, e siano stati applicati in modo non discriminatorio. In particolare, essi sono applicati in modo da non operare discriminazioni, positive o negative, tra la produzione connessa a livello di distribuzione e la produzione connessa a livello di trasmissione. Essi non sono discriminatori nei confronti dello stoccaggio dell'energia, in particolare non applicano la doppia imposizione allo stoccaggio dell'energia e all'aggregazione e non costituiscono un disincentivo all'autoproduzione, all'autoconsumo né alla partecipazione alla gestione della domanda. Fatto salvo il paragrafo 3, tali corrispettivi non sono calcolati in funzione della distanza.

Emendamento    67

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Le tariffe accordano incentivi adeguati ai gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione, sia a breve che a lungo termine, per migliorare l'efficienza (compresa l'efficienza energetica), promuovere l'integrazione del mercato e la sicurezza dell'approvvigionamento e sostenere gli investimenti e le attività di ricerca correlate.

2.  Le tariffe accordano incentivi adeguati ai gestori dei sistemi di trasmissione e di distribuzione, sia a breve che a lungo termine, per migliorare l'efficienza (compresa l'efficienza energetica), promuovere l'integrazione del mercato, anche per le fonti rinnovabili e gli impianti di stoccaggio dell'energia, e la sicurezza dell'approvvigionamento e sostenere gli investimenti e le attività di ricerca correlate.

Emendamento    68

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 7

Testo della Commissione

Emendamento

7.  Le tariffe di distribuzione rispecchiano i costi di utilizzo della rete di distribuzione da parte degli utenti del sistema, che comprendono i clienti attivi, e possono essere differenziate sulla base dei profili di consumo o di generazione di tali utenti. Nei casi in cui gli Stati membri hanno introdotto sistemi di misurazione intelligenti, le autorità di regolamentazione possono introdurre tariffe di rete orarie, che riflettano l'utilizzo della rete, in modo trasparente e prevedibile per il consumatore.

7.  Le tariffe di distribuzione rispecchiano i costi e i benefici di accesso e di utilizzo della rete di distribuzione da parte degli utenti del sistema, che comprendono i clienti attivi, e possono essere differenziate sulla base dei profili di consumo o di generazione di tali utenti. Nei casi in cui gli Stati membri hanno introdotto sistemi di misurazione intelligenti, le autorità di regolamentazione possono introdurre tariffe di rete orarie, che riflettano l'utilizzo della rete, in modo trasparente e prevedibile per il consumatore

Emendamento    69

Proposta di regolamento

Articolo 16 – paragrafo 8

Testo della Commissione

Emendamento

8.  Le autorità di regolamentazione forniscono incentivi ai gestori dei sistemi di distribuzione perché possano procurarsi i servizi per la gestione e lo sviluppo delle loro reti e integrare soluzioni innovative nei sistemi di distribuzione. A tal fine, le autorità di regolamentazione considerano ammissibili tutti i costi pertinenti e li includono nelle tariffe di distribuzione; esse introducono inoltre obiettivi di prestazione allo scopo di incentivare i gestori dei sistemi di distribuzione ad aumentare l'efficienza delle rispettive reti, compresa l'efficienza energetica.

8.  Le autorità di regolamentazione forniscono incentivi ai gestori dei sistemi di distribuzione perché possano procurarsi i servizi per la gestione e lo sviluppo delle loro reti e integrare soluzioni innovative nei sistemi di distribuzione. A tal fine, le autorità di regolamentazione considerano ammissibili tutti i costi pertinenti e li includono nelle tariffe di distribuzione; esse introducono inoltre obiettivi di prestazione allo scopo di incentivare i gestori dei sistemi di distribuzione ad aumentare l'efficienza e la flessibilità delle rispettive reti, compresa l'efficienza energetica, e a promuovere l'integrazione di energia da fonti rinnovabili e lo stoccaggio di energia.

Emendamento    70

Proposta di regolamento

Articolo 16 – punto 9 – lettera d bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(d bis)  l'eliminazione degli incentivi che pregiudicano l'efficienza energetica e la gestione della domanda;

Emendamento    71

Proposta di regolamento

Articolo 16 – punto 9 – lettera f bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(f bis)  i metodi di calcolo dei vantaggi dell'autoconsumo, della generazione decentrata, dello stoccaggio e della gestione attiva della domanda, nonché la loro complementarità;

Emendamento    72

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I proventi derivanti dall'allocazione della capacità di interconnessione sono utilizzati per i seguenti scopi:

(Non concerne la versione italiana)  

Motivazione

The changes in the first part of letter (b) are needed in order to reflect the rest of the text. It is not possible to dissociate the different parts of this article.

Emendamento    73

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 2 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  per mantenere o aumentare le capacità di interconnessione attraverso investimenti nella rete, in particolare nei nuovi interconnettori.

(b)  per mantenere o aumentare le capacità di interconnessione attraverso investimenti nella rete, in particolare nei nuovi interconnettori e nelle linee interne che sono elencate nel piano decennale di sviluppo della rete di ENTSOE come rilevanti per ridurre la congestione del circuito di interconnessione, nonché azioni correttive transfrontaliere come il ridispacciamento e gli scambi compensativi.

Se non possono essere utilizzati efficientemente ai fini di cui alle lettere a) e b) del primo comma, i proventi sono collocati su una linea contabile interna distinta per un uso futuro a questi fini.

Se non possono essere utilizzati efficientemente ai fini di cui alle lettere a) o b) del primo comma, come opzione residuale, i proventi possono essere utilizzati, fatta salva l'approvazione da parte delle autorità di regolamentazione degli Stati membri interessati, per un importo massimo che dovrà essere determinato da dette autorità di regolamentazione, quali proventi di cui le autorità di regolamentazione devono tenere conto in sede di approvazione del metodo di calcolo delle tariffe di rete e/o di fissazione di dette tariffe. Le autorità di regolamentazione possono approvare tale opzione solo nel caso in cui il gestore del sistema di trasmissione si impegni a realizzare tutti i progetti di interconnessione che abbiano un vantaggio positivo netto e disponga di un bilancio sufficiente a finanziare tali investimenti. I proventi restanti sono collocati su una linea contabile interna distinta fino al momento in cui possono essere utilizzati ai fini di cui alle lettere a) e/o b) del primo comma. L'autorità di regolamentazione informa l'Agenzia dell'approvazione di cui al secondo comma.

Motivazione

Le modifiche nella prima parte della lettera b) sono necessarie per riflettere il resto del testo. Non è possibile dissociare le diverse parti di questo articolo.

Emendamento    74

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  L'utilizzo dei proventi conformemente al paragrafo 2, lettere a) e b), avviene secondo una metodologia proposta dall'Agenzia e approvata dalla Commissione. La proposta dell'Agenzia è trasmessa alla Commissione entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: 12 mesi dopo l'entrata in vigore] e approvata entro sei mesi.

soppresso

L'Agenzia può aggiornare la metodologia di propria iniziativa o su richiesta della Commissione, la quale approva la metodologia aggiornata entro sei mesi dalla sua presentazione.

 

Prima della trasmissione alla Commissione, l'Agenzia effettua una consultazione sulla metodologia a norma dell'articolo 15 [rifusione del regolamento (CE) n. 713/2009, proposta da COM(2016) 863/2].

 

La metodologia descrive dettagliatamente almeno le condizioni alle quali i proventi possono essere utilizzati ai fini del paragrafo 2, lettere a) e b), nonché a quali condizioni e per quanto tempo possono essere collocati su una linea contabile interna distinta per un uso futuro a questi fini.

 

Emendamento    75

Proposta di regolamento

Articolo 17 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I gestori dei sistemi di trasmissione stabiliscono chiaramente in anticipo in che modo sarà utilizzata l'eventuale rendita di congestione e riferiscono in merito all'utilizzo effettivo di tale rendita. Ogni anno, entro il 31 luglio, le autorità nazionali di regolamentazione pubblicano una relazione che indica l'importo dei proventi relativi al periodo di 12 mesi che termina il 30 giugno dello stesso anno e il modo in cui tali proventi sono stati utilizzati, compresi i progetti specifici per i quali la rendita è stata utilizzata e la rendita collocata su una linea contabile distinta, insieme alla verifica della conformità di tale utilizzo al presente regolamento e alla metodologia elaborata a norma del paragrafo 3.

soppresso

Emendamento    76

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Gli Stati membri vigilano sull'adeguatezza delle risorse nel loro territorio sulla base della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui all'articolo 19.

1.  Gli Stati membri vigilano e riferiscono sull'adeguatezza delle risorse nel loro territorio sulla base della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui all'articolo 19 e, se del caso, di una valutazione nazionale e regionale.

Emendamento    77

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Se dalla valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse emerge un motivo di preoccupazione su questo aspetto, gli Stati membri individuano le eventuali distorsioni normative che hanno dato adito o contribuito a dar adito alla preoccupazione.

2.  Se dalla valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse emerge un motivo di preoccupazione su questo aspetto, gli Stati membri individuano le eventuali distorsioni normative e i fallimenti del mercato che hanno dato adito o contribuito a dar adito alla preoccupazione.

Emendamento    78

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Gli Stati membri pubblicano un calendario per l'adozione delle misure volte ad eliminare le distorsioni normative individuate. Nel far fronte alle preoccupazioni concernenti l'adeguatezza delle risorse, gli Stati membri in particolare considerano la rimozione delle distorsioni normative, l'applicazione di prezzi che riflettono la scarsità, lo sviluppo dell'interconnessione, lo stoccaggio dell'energia, le misure sul versante della domanda e l'efficienza energetica.

3.  Gli Stati membri pubblicano un calendario e un piano di attuazione per l'adozione delle misure volte ad eliminare le distorsioni normative e affrontare i fallimenti del mercato individuati. Nel far fronte alle preoccupazioni concernenti l'adeguatezza delle risorse, gli Stati membri in particolare considerano la rimozione delle distorsioni normative, l'applicazione di prezzi che riflettono la scarsità, lo sviluppo dell'interconnessione, lo stoccaggio dell'energia, le misure sul versante della domanda e l'efficienza energetica.

Emendamento    79

Proposta di regolamento

Articolo 18 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  Gli Stati membri stabiliscono indicatori per riferire in merito all'efficacia delle misure adottate a norma dell'articolo 3 e sottopongono di conseguenza a verifica l'eventuale meccanismo di regolazione della capacità posto in essere a norma dell'articolo 23.

Emendamento    80

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse è basata su una metodologia volta ad assicurare che la valutazione:

4.  La valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse è basata su una metodologia volta ad assicurare che la valutazione:

(a)  sia effettuata a livello di zona di offerta e riguardi come minimo tutti gli Stati membri;

(a)  sia effettuata a livello di zona di offerta e riguardi come minimo tutti gli Stati membri;

(b)  sia basata su scenari adeguati di proiezione della domanda e dell'offerta comprensivi di una valutazione economica della probabilità del ritiro, della creazione di nuovi mezzi di generazione e di misure finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica e degli adeguati aspetti sensibili concernenti i prezzi all'ingrosso e l'evoluzione dei prezzi del carbonio;

(b)  sia basata su scenari adeguati di proiezione della domanda e dell'offerta comprensivi di una valutazione economica della probabilità del ritiro, della messa fuori servizio, della creazione di nuovi mezzi di generazione e di misure finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica e di interconnessione elettrica e degli adeguati aspetti sensibili concernenti i prezzi all'ingrosso e l'evoluzione dei prezzi del carbonio;

(c)  tenga debitamente conto del contributo di tutte le risorse, comprese la generazione esistente e futura, lo stoccaggio dell'energia, la gestione della domanda e le possibilità di importazione ed esportazione, nonché del loro contributo alla gestione flessibile del sistema;

(c)  tenga debitamente conto del contributo di tutte le risorse, comprese la generazione esistente e futura, lo stoccaggio dell'energia, la gestione della domanda e le possibilità di importazione ed esportazione, nonché del loro contributo alla gestione flessibile del sistema;

(d)  preveda la probabile incidenza delle misure di cui all'articolo 18, paragrafo 3;

(d)  preveda la probabile incidenza delle misure di cui all'articolo 18, paragrafo 3;

(e)  includa scenari senza i meccanismi di regolazione della capacità esistenti o pianificati;

(e)  includa scenari senza i meccanismi di regolazione della capacità esistenti o pianificati;

(f)   sia basata su un modello di mercato che utilizza, se del caso, l'approccio basato sul flusso;

(f)  sia basata su un modello di mercato che utilizza, se del caso, l'approccio basato sul flusso;

(g)  applichi calcoli probabilistici;

(g)  applichi calcoli probabilistici;

(h)  applichi almeno i seguenti indicatori:

(h)  applichi almeno i seguenti indicatori:

–  "energia prevista non fornita" e

–  "energia prevista non fornita" e

–  "previsione di perdita di carico";

–  "previsione di perdita di carico";

(i)  individui le fonti delle possibili preoccupazioni circa l'adeguatezza delle risorse, indicando in particolare se si tratta di una contingenza relativa alla rete, alle risorse o a entrambe.

(i)  individui le fonti delle possibili preoccupazioni circa l'adeguatezza delle risorse, indicando in particolare se si tratta di una contingenza relativa alla rete, alle risorse o a entrambe.

Emendamento    81

Proposta di regolamento

Articolo 19 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  Le proposte di cui ai paragrafi 2 e 5 e i risultati della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui al paragrafo 3 sono soggetti a consultazione preliminare e approvazione dell'Agenzia secondo la procedura di cui all'articolo 22.

6.  Le proposte di cui ai paragrafi 2 e 5, gli scenari e le ipotesi su cui si basano e i risultati della valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse di cui al paragrafo 3 sono soggetti a consultazione preliminare di tutte le parti interessate coinvolte e approvazione dell'Agenzia secondo la procedura di cui all'articolo 22.

Emendamento    82

Proposta di regolamento

Articolo 20 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Nell'applicare i meccanismi di regolazione della capacità, gli Stati membri prevedono un parametro di affidabilità che indica il livello desiderato di sicurezza dell'approvvigionamento in modo trasparente.

1.  Nell'applicare i meccanismi di regolazione della capacità, gli Stati membri prevedono un parametro di affidabilità che indica il livello necessario di sicurezza dell'approvvigionamento, sulla base di un'analisi costi-benefici trasparente, oggettiva, verificabile e approfondita.

Emendamento    83

Proposta di regolamento

Articolo 20 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Il parametro di affidabilità è stabilito dall'autorità nazionale di regolamentazione sulla base della metodologia di cui all'articolo 19, paragrafo 5.

2.  Il parametro di affidabilità è stabilito dall'autorità nazionale di regolamentazione sulla base della metodologia di cui all'articolo 19, paragrafo 5, tenendo conto dei principi di necessità e proporzionalità e dell'esigenza di evitare gli effetti negativi di sovvenzioni dannose per l'ambiente nonché di inutili distorsioni del mercato, compresa la sovraccapacità.

Emendamento    84

Proposta di regolamento

Articolo 21 – paragrafo 6

Testo della Commissione

Emendamento

6.  I centri operativi regionali istituiti a norma dell'articolo 32 calcolano ogni anno la capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera, tenendo conto della disponibilità di interconnessione prevista e della pressione cui potrebbero essere sottoposti il sistema in cui il meccanismo è applicato e quello in cui si trova la capacità estera. È necessario un calcolo per ogni confine tra zone di offerta.

6.  Laddove siano applicati meccanismi di regolazione della capacità, i gestori dei sistemi di trasmissione aiutano le autorità di regolamentazione interessate a calcolare la capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera, tenendo conto della disponibilità di interconnessione prevista e della pressione cui potrebbero essere sottoposti il sistema in cui il meccanismo è applicato e quello in cui si trova la capacità estera. È necessario un calcolo per ogni confine tra zone di offerta.

Emendamento    85

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Per rispondere alle preoccupazioni che permangono dopo l'applicazione delle misure di cui all'articolo 18, paragrafo 3, gli Stati membri possono introdurre meccanismi di regolazione della capacità, fatte salve le disposizioni del presente articolo e le norme dell'Unione in materia di aiuti di stato.

1.  Per rispondere alle preoccupazioni che permangono dopo l'applicazione delle misure di cui all'articolo 18, paragrafo 3, gli Stati membri predispongono un piano che preveda misure idonee ad affrontare le suddette preoccupazioni, da attuare entro un periodo di tempo massimo di cinque anni.

Emendamento    86

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.  Il piano di cui al paragrafo 1 si prefigge di assicurare l'adeguatezza delle risorse senza un ricorso aggiuntivo ai meccanismi di regolazione della capacità attraverso uno o più dei seguenti elementi:

 

(a)  capacità aggiuntiva di generazione di energia rinnovabile;

 

(b)  efficienza energetica;

 

(c)  gestione sul versante della domanda;

 

(d)  stoccaggio;

 

(e)  interconnessione.

Emendamento    87

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 1 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 ter.  In attesa dell'attuazione del piano di cui al paragrafo 1, gli Stati membri possono introdurre meccanismi di regolazione della capacità, fatte salve le disposizioni del presente articolo e le norme dell'Unione in materia di aiuti di Stato.

Emendamento    88

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Gli Stati membri che desiderano attuare un meccanismo di regolazione della capacità si consultano sul meccanismo proposto almeno con gli Stati membri confinanti ai cui sistemi elettrici sono connessi.

2.  Gli Stati membri che desiderano attuare un meccanismo di regolazione della capacità si consultano sul meccanismo proposto con tutte le parti interessate, compresi gli Stati membri confinanti ai cui sistemi elettrici sono connessi.

Emendamento    89

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I meccanismi di regolazione della capacità non danno luogo a inutili distorsioni del mercato e non limitano il commercio transfrontaliero. La quantità di capacità impegnata nel meccanismo non è superiore a quanto necessario per affrontare il motivo di preoccupazione.

3.  I meccanismi di regolazione della capacità non danno luogo a inutili distorsioni del mercato, in particolare discriminando le fonti energetiche rinnovabili, scoraggiando il ricorso al consumo flessibile e l'efficienza energetica o aumentando i costi per i consumatori. Essi non limitano il commercio transfrontaliero. La durata e la quantità di capacità impegnata nel meccanismo non è superiore a quanto necessario per affrontare il motivo di preoccupazione.

Emendamento    90

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  I fornitori di capacità di generazione sono selezionati sulla base di criteri trasparenti, compresi criteri di flessibilità. Tali criteri mirano a massimizzare la capacità di incremento e a ridurre al minimo il livello necessario di produzione stabile delle centrali elettriche che beneficiano dei meccanismi di regolazione della capacità.

Emendamento    91

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  La capacità di generazione per la quale è stata presa una decisione d'investimento finale dopo il [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore] è ammessa a partecipare al meccanismo di regolazione della capacità solo se le relative emissioni sono inferiori a 550 gr di CO2/kWh. Le capacità di generazione con emissioni pari o superiori a 550 gr di CO2/kWh non sono impegnate nei meccanismi di regolazione della capacità cinque anni dopo l'entrata in vigore del presente regolamento.

4.  La capacità di generazione per la quale è stata presa una decisione d'investimento finale dopo il [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore] è ammessa a partecipare al meccanismo di regolazione della capacità solo se le relative emissioni sono inferiori a 550 gr di CO2/kWh. Le capacità di generazione con emissioni pari o superiori a 550 gr di CO2/kWh non sono impegnate nei meccanismi di regolazione della capacità due anni dopo l'entrata in vigore del presente regolamento oppure cinque anni dopo, per gli impianti che fanno parte di riserve strategiche.

Emendamento    92

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 4 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

4 bis.  Il fattore di emissione di CO2 di un impianto di produzione di elettricità si basa sull'efficienza netta alla capacità nominale conformemente alle condizioni ISO.

Emendamento    93

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  Se la valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse non individua un motivo di preoccupazione concernente l'adeguatezza delle risorse, gli Stati membri non applicano meccanismi di regolazione della capacità.

5.  Gli Stati membri che desiderano attuare un meccanismo di regolazione della capacità devono dimostrarne la coerenza con la valutazione europea dell'adeguatezza delle risorse, in particolare per quanto riguarda la motivazione, l'ambito di applicazione, l'inizio e la fine, nonché l'attuazione pluriennale.

Emendamento    94

Proposta di regolamento

Articolo 23 – paragrafo 5 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

5 bis.  Nel progettare i meccanismi di regolazione della capacità, gli Stati membri includono una clausola di uscita, ossia una disposizione che consenta l'eliminazione progressiva ed efficace di un meccanismo di regolazione della capacità qualora la valutazione dell'adeguatezza delle risorse dimostri che la preoccupazione concernente l'adeguatezza non sussiste più.

Emendamento    95

Proposta di regolamento

Articolo 23 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 23 bis

 

Comitato consultivo per la progettazione del mercato dell'elettricità

 

Entro ... [12 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento] è istituito un comitato consultivo per la progettazione del mercato dell'elettricità. Il comitato consultivo è composto da esperti di alto livello degli Stati membri e da un gruppo pertinente ed equilibrato di esperti del settore dell'energia, compresi servizi di pubblica utilità, investitori, fornitori di tecnologie, gestori di rete, gruppi per la protezione del clima, rappresentanti dei consumatori e rappresentanti delle comunità energetiche locali.

 

Il comitato consultivo mette a disposizione della Commissione le proprie competenze e conoscenze, consigliando e assistendo quest'ultima nella preparazione di future iniziative strategiche relative alla progettazione del mercato europeo dell'energia. A tal fine elabora, se del caso, pareri, raccomandazioni o relazioni.

 

Entro 24 mesi dall'istituzione del comitato consultivo, la Commissione formula le proprie conclusioni tratte dalle discussioni attraverso una comunicazione che definisca le priorità strategiche per un mercato europeo dell'elettricità in grado di stimolare gli investimenti necessari per una transizione energetica sostenibile, sicura ed economicamente conveniente.

Motivazione

L'UE sta avanzando verso un sistema energetico che produce energia a basso costo marginale, ma richiede forti investimenti iniziali. L'attuale mercato dell'elettricità, che remunera l'energia solo ai costi marginali, non tiene conto di questo cambiamento. Una remunerazione basata sul mercato resta una sfida. Modificare le basi relative alle modalità di produzione e utilizzo dell'energia dell'UE per costruire un futuro a basse emissioni di carbonio richiede una riflessione approfondita sulla progettazione del mercato dell'energia.

Emendamento    96

Proposta di regolamento

Articolo 24 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

Gli Stati membri che al [per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore del presente regolamento] applicano meccanismi di regolazione della capacità li adattano per conformarsi agli articoli 18, 21 e 23 del presente regolamento.

Gli Stati membri che al [per l'Ufficio delle pubblicazioni: entrata in vigore del presente regolamento] applicano meccanismi di regolazione della capacità li adattano per conformarsi agli articoli 18, 21 e 23 del presente regolamento entro ... [due anni dall'entrata in vigore del presente regolamento].

Motivazione

L'emendamento rispecchia l'obiettivo di creare un mercato interno (all'ingrosso) dell'elettricità in Europa, che richiede una progettazione uniforme dei mercati nazionali.

Emendamento    97

Proposta di regolamento

Articolo 24 – comma 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Per gli Stati membri e le regioni che decidono – indipendentemente dalle norme armonizzate in materia di meccanismi di regolazione della capacità o in conseguenza di esse – di eliminare progressivamente e in maniera attiva la produzione di elettricità a partire dal carbone si prevede un quadro a lungo termine che permetta una transizione equa verso un sistema dell'energia elettrica flessibile e sostenibile. L'abbandono gestito e pianificato delle capacità a carbone potrebbe contribuire a migliorare il funzionamento del sistema dell'energia elettrica oltre a permettere di raggiungere gli obiettivi climatici e ambientali dell'Unione, ad esempio per quanto riguarda le emissioni di CO2 e l'aria pulita.

Motivazione

La decarbonizzazione dev'essere inclusiva, equa e concordata da tutte le parti interessate e deve tenere conto delle ripercussioni sociali, economiche e ambientali, nonché di alternative occupazionali sostenibili, in particolare quando l'abbandono graduale è legato alla chiusura di attività estrattive. Un'azione preparatoria relativa all'istituzione di una piattaforma di dialogo sul carbone per discutere gli aspetti legati alla governance, a una transizione equa e allo smantellamento sta per essere avviata, e le norme del mercato europeo dell'energia elettrica dovrebbero essere in linea con tali attività.

Emendamento    98

Proposta di regolamento

Articolo 25 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Nell'esercizio delle sue funzioni nel quadro del diritto dell'Unione, l'ENTSO-E agisce nell'interesse dell'Europa e indipendentemente dai singoli interessi nazionali o dagli interessi nazionali dei gestori dei sistemi di trasmissione e contribuisce al conseguimento efficiente e sostenibile degli obiettivi definiti nel quadro delle politiche per il clima e l'energia per il periodo dal 2020 al 2030, in particolare contribuendo all'integrazione efficiente dell'energia elettrica generata a partire da fonti rinnovabili e all'aumento dell'efficienza energetica.

2.  Nell'esercizio delle sue funzioni nel quadro del diritto dell'Unione, l'ENTSO-E agisce nell'interesse dell'Europa e indipendentemente dai singoli interessi nazionali o dagli interessi nazionali dei gestori dei sistemi di trasmissione e contribuisce al conseguimento efficiente e sostenibile degli obiettivi definiti nel quadro delle politiche per il clima e l'energia per il periodo dal 2020 al 2030, in particolare contribuendo all'integrazione efficiente dell'energia elettrica generata a partire da fonti rinnovabili in combinazione con lo stoccaggio dell'energia e la gestione attiva della domanda e all'aumento dell'efficienza energetica.

Emendamento    99

Proposta di regolamento

Articolo 32 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dall'entrata in vigore], tutti i gestori dei sistemi di trasmissione istituiscono centri operativi regionali in conformità ai criteri stabiliti nel presente capo. I centri operativi regionali sono istituiti nel territorio di uno degli Stati membri della regione in cui svolgeranno i loro compiti.

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dall'entrata in vigore], tutti i gestori dei sistemi di trasmissione di una regione di gestione del sistema sottopongono all'esame delle autorità di regolamentazione della regione una proposta per l'istituzione di centri regionali di coordinamento in conformità dei criteri stabiliti nel presente capo.

 

La proposta comprende le seguenti informazioni:

 

(a)  lo Stato membro in cui il centro regionale di coordinamento sarà situato;

 

(b)  le modalità organizzative, finanziarie e operative necessarie ad assicurare la gestione efficiente, sicura e affidabile del sistema di trasmissione interconnesso;

 

(c)  un piano di attuazione per l'entrata in funzione dei centri regionali di coordinamento;

 

(d)  gli statuti e i regolamenti interni dei centri regionali di coordinamento;

 

(e)  una descrizione dei processi cooperativi a norma dell'articolo 35;

 

(f)  una descrizione delle disposizioni concernenti la responsabilità dei centri regionali di coordinamento in conformità dell'articolo 44.

Emendamento    100

Proposta di regolamento

Articolo 32 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  L'efficace funzionamento del sistema di trasmissione è di competenza di ciascun gestore del sistema di trasmissione, conformemente all'articolo 44.

Emendamento    101

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera e

Testo della Commissione

Emendamento

(e)  coordinamento e ottimizzazione del ripristino regionale;

soppresso

Emendamento    102

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera f

Testo della Commissione

Emendamento

(f)  analisi e rendicontazione successive alla gestione e successive ai disturbi;

soppresso

Emendamento    103

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera g

Testo della Commissione

Emendamento

(g)  dimensionamento regionale della capacità di riserva;

soppresso

Motivazione

In linea con l'emendamento all'articolo 5, paragrafo 7. Le procedure di appalto e il dimensionamento della capacità di riserva sono strettamente connessi alle specificità del sistema, alla stagione e quindi alla sicurezza dell'approvvigionamento. Essendo responsabili della sicurezza dell'approvvigionamento, i gestori dei sistemi di trasmissione nazionali dovrebbero mantenere anche il diritto di ottenere il quantitativo di capacità di bilanciamento/riserve che reputano sufficiente.

Emendamento    104

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera h

Testo della Commissione

Emendamento

(h)  agevolazione dell'approvvigionamento regionale della capacità di bilanciamento;

soppresso

Motivazione

In linea con l'emendamento all'articolo 5, paragrafo 8. Le procedure di appalto e il dimensionamento della capacità di riserva sono strettamente connessi alle specificità del sistema, alla stagione e quindi alla sicurezza dell'approvvigionamento. Essendo responsabili della sicurezza dell'approvvigionamento, i gestori dei sistemi di trasmissione nazionali dovrebbero mantenere anche il diritto di ottenere la capacità di bilanciamento/riserve.

Emendamento    105

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera i

Testo della Commissione

Emendamento

(i)  previsioni regionali di adeguatezza dei sistemi ad una settimana e fino all'orizzonte temporale infragiornaliero e preparazione di azioni di riduzione dei rischi;

(i)  previsioni regionali di adeguatezza dei sistemi ad una settimana e fino all'orizzonte temporale infragiornaliero;

Emendamento    106

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera k

Testo della Commissione

Emendamento

(k)  ottimizzazione dei meccanismi di compensazione tra i gestori dei sistemi di trasmissione;

soppresso

Emendamento    107

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera l

Testo della Commissione

Emendamento

(l)  formazione e certificazione;

soppresso

Emendamento    108

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera m

Testo della Commissione

Emendamento

(m)  identificazione degli scenari di crisi regionale conformemente all'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposta COM(2016) 862], qualora l'ENTSO-E deleghi tale compito;

soppresso

Emendamento    109

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera n

Testo della Commissione

Emendamento

(n)  preparazione e svolgimento di simulazioni delle crisi annuali in cooperazione con le autorità competenti a norma dell'articolo 12, paragrafo 3, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

soppresso

Emendamento    110

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera o

Testo della Commissione

Emendamento

(o)  compiti relativi all'identificazione degli scenari di crisi regionali se e nella misura in cui sono delegati ai centri operativi regionali a norma dell'articolo 6, paragrafo 1, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

soppresso

Emendamento    111

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera p

Testo della Commissione

Emendamento

(p)  compiti relativi all'identificazione delle prospettive stagionali sull'adeguatezza se e nella misura in cui sono delegati ai centri operativi regionali a norma dell'articolo 9, paragrafo 2, del [regolamento sulla preparazione ai rischi, proposto da COM(2016) 862];

soppresso

Emendamento    112

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 1 – lettera q

Testo della Commissione

Emendamento

(q)  calcolo della capacità in entrata massima disponibile per la partecipazione della capacità estera ai meccanismi di regolazione della capacità a norma dell'articolo 21, paragrafo 6.

soppresso

Emendamento    113

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  La Commissione può prevedere che i centri operativi regionali svolgano ulteriori funzioni, che non comportino poteri decisionali, a norma del capo VII.

2.  Ciascun centro regionale di coordinamento mira a sviluppare le seguenti funzioni:

 

(a)  coordinamento e ottimizzazione del ripristino regionale;

 

(b)  analisi e rendicontazione successive alla gestione e successive ai disturbi;

 

(c)  agevolazione della dimensione regionale della capacità di riserva;

 

(d)  agevolazione dell'approvvigionamento regionale della capacità di bilanciamento;

 

(e)  ottimizzazione dei meccanismi di compensazione tra i gestori dei sistemi di trasmissione;

 

(f)  formazione e certificazione;

 

(g)  identificazione degli scenari di crisi regionale conformemente all'articolo [6, paragrafo 1], del regolamento (UE) .../... [regolamento sulla preparazione ai rischi, COM(2016)862], qualora l'ENTSO-E deleghi tale compito;

 

(h)  compiti relativi all'identificazione degli scenari di crisi regionali se e nella misura in cui sono delegati ai centri regionali di coordinamento a norma dell'articolo [6, paragrafo 1], del regolamento (UE) .../... [regolamento sulla preparazione ai rischi, COM(2016)862];

 

(i)  compiti relativi all'identificazione delle prospettive stagionali sull'adeguatezza se e nella misura in cui sono delegati ai centri regionali di coordinamento a norma dell'articolo [9, paragrafo 2], del regolamento (UE) .../... [regolamento sulla preparazione ai rischi, COM(2016)862];

Emendamento    114

Proposta di regolamento

Articolo 34 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I centri operativi regionali forniscono ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema tutte le informazioni necessarie per attuare le decisioni e le raccomandazioni proposte dai centri operativi regionali.

4.  I centri regionali di coordinamento forniscono ai gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema tutte le informazioni necessarie per assolvere ai propri compiti.

Emendamento    115

Proposta di regolamento

Articolo 35 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Cooperazione con i centri operativi regionali

Cooperazione all'interno e tra i centri operativi delle regioni soggette a coordinamento della sicurezza

Emendamento    116

Proposta di regolamento

Articolo 35 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  L'attività quotidiana dei centri operativi regionali è gestita tramite un processo decisionale di tipo cooperativo. Tale processo si basa su:

1.  L'attività quotidiana di coordinamento all'interno e tra le regioni soggette a coordinamento della sicurezza è gestita tramite un processo decisionale di tipo cooperativo basato su:

Emendamento    117

Proposta di regolamento

Articolo 35 – paragrafo 1 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  una procedura per l'adozione di decisioni e raccomandazioni conformemente all'articolo 38;

(c)  una procedura per l'adozione di decisioni dei gestori dei sistemi di trasmissione, tenendo conto delle proposte dei coordinatori regionali della sicurezza;

Emendamento    118

Proposta di regolamento

Articolo 35 – paragrafo 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

(d)  una procedura per la revisione delle decisioni e delle raccomandazioni adottate dai centri operativi regionali conformemente all'articolo 39.

(d)  una procedura per la revisione delle raccomandazioni emesse dai coordinatori regionali della sicurezza conformemente all'articolo 39.

Emendamento    119

Proposta di regolamento

Articolo 37 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 37 bis

 

Trasparenza

 

1.  I centri operativi regionali organizzano una procedura per il coinvolgimento delle parti interessate e incontri regolari per discutere degli aspetti relativi alla gestione efficiente, sicura e affidabile dei sistemi interconnessi, nonché per individuare eventuali lacune e proporre misure di miglioramento.

 

2.  L'ENTSO-E e i centri operativi regionali agiscono con la massima trasparenza nei confronti delle parti interessate e del pubblico. Tutta la documentazione pertinente è pubblicata sul sito web del rispettivo centro operativo regionale. Il presente paragrafo si applica alle proposte, alle motivazioni e alle decisioni adottate a norma degli articoli 32 e 33, dell'articolo 35, lettera a), nonché dell'articolo 38 del presente regolamento.

Motivazione

I centri operativi regionali saranno oggetto di discussioni approfondite in seno alla commissione competente per il merito. Tuttavia, dal punto di vista della commissione ENVI, le disposizioni in materia di trasparenza e partecipazione sono fondamentali. Il presente articolo è pertanto una logica prosecuzione delle precedenti disposizioni relative ai centri operativi regionali.

Emendamento    120

Proposta di regolamento

Articolo 38 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Adozione di decisioni e raccomandazioni

Adozione di raccomandazioni

Emendamento    121

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali elaborano una procedura per l'adozione di decisioni e raccomandazioni.

1.  I gestori dei sistemi di trasmissione di una regione di gestione del sistema elaborano una procedura per l'adozione e la revisione delle raccomandazioni presentate dai centri regionali di coordinamento in conformità dei criteri di cui ai paragrafi 2 e 3.

Emendamento    122

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I centri operativi regionali adottano decisioni vincolanti indirizzate ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere a), b), g) e q). I gestori dei sistemi di trasmissione attuano le decisioni vincolanti emesse dai centri operativi regionali, tranne nei casi in cui tali decisioni avrebbero ripercussioni negative sulla sicurezza del sistema.

2.  I centri regionali di coordinamento hanno la facoltà di adottare decisioni indirizzate ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere a), b), g) e q).

Emendamento    123

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  Qualora un gestore dei sistemi di trasmissione decida di discostarsi dalle raccomandazioni formulate dal centro regionale di coordinamento, esso fornisce una motivazione dettagliata al centro regionale di coordinamento e agli altri gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema.

Emendamento    124

Proposta di regolamento

Articolo 38 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I centri operativi regionali adottano le raccomandazioni rivolte ai gestori dei sistemi di trasmissione per quanto riguarda le funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere da c) a f) e da h) a p).

3.  Per quanto concerne le raccomandazioni relative alle funzioni di cui all'articolo 34, paragrafo 1, lettere a) e b), i gestori dei sistemi di trasmissione si discostano da esse soltanto in caso di ripercussioni negative per la sicurezza del sistema.

Emendamento    125

Proposta di regolamento

Articolo 39 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali elaborano una procedura per la revisione di decisioni e raccomandazioni.

1.  I centri regionali di coordinamento e i gestori dei sistemi di trasmissione elaborano congiuntamente una procedura per la revisione di raccomandazioni.

Emendamento    126

Proposta di regolamento

Articolo 40 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Consiglio di amministrazione dei centri operativi regionali

Consiglio di amministrazione dei coordinatori regionali della sicurezza

Emendamento    127

Proposta di regolamento

Articolo 40 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Ai fini dell'adozione di misure relative alla governance e del monitoraggio delle proprie prestazioni, i centri operativi regionali istituiscono un consiglio di amministrazione.

1.  Ai fini dell'adozione di misure relative alla governance e del monitoraggio delle proprie prestazioni, i coordinatori regionali della sicurezza istituiscono un consiglio di amministrazione.

Emendamento    128

Proposta di regolamento

Articolo 40 – paragrafo 3 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  elaborare e approvare gli statuti e i regolamenti interni del centro operativo regionale;

(a)  elaborare e approvare gli statuti e i regolamenti interni dei coordinatori regionali della sicurezza;

Emendamento    129

Proposta di regolamento

Articolo 41 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali organizzano e gestiscono la loro struttura in modo da assicurare lo svolgimento in sicurezza delle loro funzioni. La struttura organizzativa specifica:

1.  I gestori dei sistemi di trasmissione di una regione di gestione del sistema predispongono la struttura organizzativa dei centri regionali di coordinamento. La struttura organizzativa specifica:

Emendamento    130

Proposta di regolamento

Articolo 41 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  I centri operativi regionali possono creare uffici regionali per affrontare le specificità locali o centri operativi di ausiliari per l'esercizio efficiente e affidabile delle loro funzioni.

2.  I coordinatori regionali della sicurezza possono creare uffici regionali per affrontare le specificità locali o coordinatori regionali della sicurezza ausiliari per l'esercizio efficiente e affidabile delle loro funzioni.

Emendamento    131

Proposta di regolamento

Articolo 42

Testo della Commissione

Emendamento

I centri operativi regionali dispongono di tutte le risorse umane, tecniche, materiali e finanziarie necessarie per assolvere gli obblighi derivanti dal presente regolamento e per svolgere le loro funzioni.

I coordinatori regionali della sicurezza dispongono di tutte le risorse umane, tecniche, materiali e finanziarie necessarie per assolvere gli obblighi derivanti dal presente regolamento e per svolgere le loro funzioni in modo indipendente e imparziale.

Emendamento    132

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  I centri operativi regionali stabiliscono un processo per monitorare almeno:

1.  I coordinatori regionali della sicurezza stabiliscono un processo per monitorare almeno:

Emendamento    133

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  le decisioni e le raccomandazioni emesse e i risultati conseguiti;

(b)  le decisioni dei gestori dei sistemi di trasmissione, qualora si siano discostate dalle raccomandazioni emesse dai centri regionali di coordinamento;

Emendamento    134

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Almeno una volta l'anno i centri operativi regionali presentano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema i dati risultanti dal loro monitoraggio costante.

2.  Almeno una volta l'anno i centri operativi regionali presentano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema i dati risultanti dal loro monitoraggio costante. I centri regionali di coordinamento pubblicano una relazione annuale che illustra come le loro raccomandazioni sono state attuate. La relazione dovrebbe specificare i casi in cui gli operatori si sono discostati dalle raccomandazioni e le motivazioni da essi fornite.

Emendamento    135

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  I centri operativi regionali stabiliscono i costi in modo trasparente e li comunicano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema.

3.  I coordinatori regionali della sicurezza stabiliscono i costi in modo trasparente e li comunicano all'Agenzia e alle autorità di regolamentazione della regione soggetta a coordinamento della sicurezza.

Emendamento    136

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  I centri operativi regionali presentano una relazione annuale sulle rispettive prestazioni all'ENTSO-E, all'Agenzia, alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema e al gruppo di coordinamento per l'energia elettrica istituito a norma dell'articolo 1 della decisione 2012/C 353/02 della Commissione37.

4.  I coordinatori regionali della sicurezza presentano una relazione annuale sulle rispettive prestazioni all'ENTSO-E, all'Agenzia, alle autorità di regolamentazione della regione soggetta a coordinamento della sicurezza e al gruppo di coordinamento per l'energia elettrica istituito a norma dell'articolo 1 della decisione 2012/C 353/02 della Commissione37.

_________________

_________________

37. Decisione della Commissione, del 15 novembre 2012, che istituisce il gruppo di coordinamento per l'energia elettrica (GU C 353 del 17.11.2012, pag. 2).

37. Decisione della Commissione, del 15 novembre 2012, che istituisce il gruppo di coordinamento per l'energia elettrica (GU C 353 del 17.11.2012, pag. 2).

Emendamento    137

Proposta di regolamento

Articolo 43 – paragrafo 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  I centri operativi regionali segnalano le carenze individuate nel processo di monitoraggio di cui al paragrafo 1 all'ENTSO-E, alle autorità di regolamentazione della regione di gestione del sistema, all'Agenzia e alle autorità competenti degli Stati membri responsabili della prevenzione e della gestione delle situazioni di crisi.

5.  I coordinatori regionali della sicurezza segnalano le carenze individuate nel processo di monitoraggio di cui al paragrafo 1 all'ENTSO-E, alle autorità di regolamentazione della regione soggetta a coordinamento della sicurezza, all'Agenzia e alle autorità competenti degli Stati membri responsabili della prevenzione e della gestione delle situazioni di crisi.

Emendamento    138

Proposta di regolamento

Articolo 44

Testo della Commissione

Emendamento

I centri operativi regionali intraprendono le azioni necessarie per coprire la responsabilità associata all'esecuzione dei loro compiti, in particolare quando adottano decisioni vincolanti sui gestori dei sistemi di trasmissione. Il metodo utilizzato per assicurare la copertura tiene conto dello status giuridico del centro operativo regionale e del livello di copertura assicurativa commerciale disponibile.

I gestori dei sistemi di trasmissione della regione di gestione del sistema includono, nella proposta concernente l'istituzione dei centri regionali di coordinamento, conformemente all'articolo 32, disposizioni per coprire la responsabilità associata all'esecuzione dei propri compiti. Il metodo utilizzato per assicurare la copertura tiene conto dello status giuridico del centro regionale di coordinamento e del livello di copertura assicurativa commerciale disponibile.

Emendamento    139

Proposta di regolamento

Articolo 49 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

I gestori dei sistemi di distribuzione che non facciano parte di un'impresa a integrazione verticale o le cui attività non siano separate (unbundled) secondo le disposizioni dell'articolo 35 [rifusione della direttiva 2009/72/CE, proposta da COM(2016) 864/2], cooperano a livello unionale attraverso un ente europeo dei gestori dei sistemi di distribuzione («EU DSO») allo scopo di promuovere sia il completamento e il funzionamento del mercato interno dell'energia elettrica sia una gestione ottimale e coordinata dei sistemi di distribuzione e trasmissione. I gestori dei sistemi di distribuzione che desiderano partecipare all'EU DSO ne devono diventare membri iscritti.

Tutti i gestori dei sistemi di distribuzione cooperano a livello unionale attraverso un ente europeo dei gestori dei sistemi di distribuzione («EU DSO») allo scopo di promuovere sia il completamento e il funzionamento del mercato interno dell'energia elettrica e del gas per sostenere lo sviluppo di un sistema energetico sostenibile, decentrato e maggiormente integrato, sia una gestione ottimale e coordinata dei sistemi di distribuzione e trasmissione. I gestori dei sistemi di distribuzione e le associazioni in loro rappresentanza a livello di Unione che desiderano partecipare all'EU DSO ne devono diventare membri iscritti. Gli status assicurano che il processo decisionale tenga conto delle diversità regionali della rete di distribuzione.

Motivazione

Le reti di distribuzione variano enormemente in tutta Europa in termini di livello di tensione, topologia, profilo naturale di una data regione e modelli di consumo degli utenti. L'UE DSO dovrebbe tenere conto di tali specificità nelle proprie operazioni.

Emendamento    140

Proposta di regolamento

Articolo 49 – comma 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Nell'esercizio delle sue funzioni nel quadro del diritto dell'Unione, l'EU DSO agisce nell'interesse dell'Unione e indipendentemente dai singoli interessi nazionali o dagli interessi nazionali dei gestori dei sistemi di distribuzione e contribuisce al conseguimento efficiente e sostenibile degli obiettivi definiti nel quadro delle politiche per il clima e l'energia per il periodo dal 2020 al 2030, in particolare rimuovendo gli ostacoli all'integrazione dell'energia elettrica generata a partire da fonti rinnovabili e all'aumento dell'efficienza energetica.

Motivazione

Dati i compiti attribuiti al nuovo EU DSO (in particolare quelli connessi allo sviluppo di codici e migliori prassi per le reti), tale organismo dovrebbe essere tenuto ad agire nell'interesse dell'Europa e in modo indipendente e a contribuire al conseguimento degli obiettivi energetici e climatici dell'UE. L'imposizione di un obbligo analogo è stata proposta per l'ENTSO-E all'articolo 25, paragrafo 2, del presente regolamento. Al fine di garantire la coerenza, si dovrebbe procedere nello stesso modo anche per l'EU DSO.

Emendamento    141

Proposta di regolamento

Articolo 50 – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

Creazione dell'EU DSO per l'energia elettrica

Creazione dell'EU DSO

Emendamento    142

Proposta di regolamento

Articolo 50 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dopo l'entrata in vigore], i gestori dei sistemi di distribuzione, con il sostegno amministrativo dell'Agenzia, presentano alla Commissione e all'Agenzia un progetto di statuto, un elenco degli iscritti e un progetto di regolamento interno che comprende le norme per la consultazione dell'ENTSO-E e delle altre parti interessate, nonché le norme per il finanziamento dell'EU DSO.

1.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: dodici mesi dopo l'entrata in vigore], i gestori dei sistemi di distribuzione, con il sostegno amministrativo dell'Agenzia, presentano alla Commissione e all'Agenzia una bozza indicativa della struttura di governance che assicuri una rappresentanza equa e bilanciata degli interessi tra membri e Stati membri. Tale bozza include un progetto di criteri di cui al paragrafo 2, un elenco degli iscritti e un progetto di regolamento interno che comprende le norme per la consultazione dell'ENTSO-E e delle altre parti interessate, nonché le norme per il finanziamento dell'EU DSO.

Emendamento    143

Proposta di regolamento

Articolo 50 – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.  Entro [Per l'Ufficio delle pubblicazioni: sei mesi dopo l'entrata in vigore], l'Agenzia definisce i criteri per l'elaborazione di un progetto di statuto, dell'elenco dei membri iscritti e di un progetto di regolamento interno di cui al paragrafo 1, al fine di mantenere l'indipendenza dell'EU DSO dai suoi membri e garantire una rappresentanza equilibrata nonché un trattamento equo di tutti i gestori dei sistemi di distribuzione che ne sono membri. In merito ai criteri l'Agenzia consulta formalmente le organizzazioni in rappresentanza tutte le parti interessate.

Emendamento    144

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  L'EU DSO svolge i seguenti compiti:

1.  Il compito principale dell'EU DSO consiste nel partecipare all'elaborazione dei codici di rete a norma dell'articolo 56.

 

Tra gli altri compiti può figurare lo scambio di opinioni e di migliori pratiche in merito ai seguenti aspetti:

Emendamento    145

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 1 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

(c)  sviluppo della gestione della domanda;

(c)  sviluppo della gestione della domanda e dello stoccaggio dell'energia;

Emendamento    146

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 1 – lettera e

Testo della Commissione

Emendamento

(e)  gestione dei dati, sicurezza informatica e protezione dei dati;

(e)  sicurezza informatica e protezione dei dati nonché imparzialità nella gestione dei dati.

Emendamento    147

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 1 – lettera f

Testo della Commissione

Emendamento

(f)  partecipazione all'elaborazione di codici di rete a norma dell'articolo 56.

soppresso

Emendamento    148

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  coopera con l'ENTSO-E per il monitoraggio dell'attuazione dei codici di rete e degli orientamenti pertinenti per la gestione e la pianificazione delle reti di distribuzione e la gestione coordinata delle reti di trasmissione e di distribuzione e che sono adottati a norma del presente regolamento;

(a)  coopera con l'ENTSO-E per esaminare i problemi e formulare raccomandazioni in relazione al monitoraggio dell'attuazione dei codici di rete e degli orientamenti pertinenti per la gestione e la pianificazione delle reti di distribuzione e la gestione coordinata delle reti di trasmissione e di distribuzione e che sono adottati a norma del presente regolamento;

Emendamento    149

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 2 – lettera e

Testo della Commissione

Emendamento

(e)  opera nel pieno rispetto delle regole della concorrenza.

soppresso

Emendamento    150

Proposta di regolamento

Articolo 51 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  L'EU DSO opera nel pieno rispetto delle norme dell'UE e nazionali in materia di concorrenza.

Emendamento    151

Proposta di regolamento

Articolo 52 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  In occasione dell'elaborazione di possibili codici di rete a norma dell'articolo 55, l'EU DSO conduce un ampio processo di consultazione, in una fase iniziale e in modo aperto e trasparente, coinvolgendo tutte le parti interessate e, in particolare, le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate, secondo le procedure del regolamento interno di cui all'articolo 50. Alla consultazione partecipano anche le autorità nazionali di regolamentazione e altre autorità nazionali, le imprese di erogazione e di generazione, gli utenti del sistema compresi i clienti, i gestori dei sistemi di distribuzione, comprese le pertinenti associazioni settoriali, gli organismi tecnici e le piattaforme di parti interessate. La consultazione si prefigge di enucleare le opinioni e le proposte di tutte le parti competenti nel corso del processo decisionale.

1.  In occasione dell'elaborazione di possibili codici di rete a norma dell'articolo 55, l'EU DSO conduce un ampio processo di consultazione, in una fase iniziale e in modo aperto e trasparente, coinvolgendo tutte le parti interessate e, in particolare, le organizzazioni che rappresentano tutte le parti interessate, secondo le procedure del regolamento interno di cui all'articolo 50. Alla consultazione partecipano anche le autorità nazionali di regolamentazione e altre autorità nazionali, le imprese di erogazione e di generazione, gli utenti del sistema compresi i clienti, gli organismi tecnici e le piattaforme di parti interessate. La consultazione si prefigge di enucleare le opinioni e le proposte di tutte le parti competenti nel corso del processo decisionale.

Motivazione

Dato che tutti i gestori dei sistemi di distribuzione dovrebbero partecipare direttamente all'EU DSO, non è opportuno menzionarli come parti terze interessate.

Emendamento    152

Proposta di regolamento

Articolo 52 – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.  L'Agenzia monitora l'esecuzione dei compiti attribuiti all'EU DSO a norma dell'articolo 51 e garantisce il rispetto degli obblighi ai sensi del presente regolamento e di altre normative pertinenti dell'Unione, in particolare per quanto riguarda l'indipendenza dell'EU DSO e l'obbligo di garantire una rappresentanza equilibrata di tutti i gestori dei sistemi di distribuzione all'interno dell'Unione. L'Agenzia include i risultati del monitoraggio nella sua relazione annuale conformemente all'articolo [16] del regolamento (UE) .../... [rifusione del regolamento (CE) n. 713/2009, COM(2016)863].

Motivazione

All'ACER dovrebbe essere formalmente conferito il potere di eseguire una vigilanza più rigorosa sull'EU DSO. In particolare, all'ACER dovrebbe essere imposto l'obbligo formale di garantire che l'EU DSO soddisfi i criteri contenuti nel suo statuto, in particolare, che rispetti i criteri relativi al mantenimento dell'indipendenza e a un'adeguata rappresentanza dei singoli membri dei DSO. Tali modifiche al mandato dell'ACER dovrebbero essere oggetto di riferimenti incrociati nel regolamento di rifusione n. 713/2009, come proposto nel COM(2016)863.

Emendamento    153

Proposta di regolamento

Articolo 52 – paragrafo 1 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 ter.  L'EU DSO presenta il progetto di programma di lavoro annuale di cui all'articolo 51 all'Agenzia chiedendole di formulare un parere. Entro due mesi dal giorno del ricevimento, l'Agenzia trasmette all'EU DSO e alla Commissione un parere debitamente motivato, nonché raccomandazioni, se ritiene che il progetto di programma di lavoro annuale presentato dall'EU DSO non contribuisca alla non discriminazione, a una concorrenza effettiva, al funzionamento efficace del mercato o a una gestione ottimale e coordinata dei sistemi di distribuzione e trasmissione.

Motivazione

L'ACER dovrebbe essere autorizzata a formulare raccomandazioni all'EU DSO ove ritenga che il progetto di programma annuale dell'EU DSO non rispetti le norme dell'UE o non sia coerente con gli obiettivi a livello dell'Unione. Tali modifiche al mandato dell'ACER dovrebbero essere oggetto di riferimenti incrociati nel regolamento di rifusione n. 713/2009, come proposto nel COM(2016)863.

Emendamento    154

Proposta di regolamento

Articolo 52 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  L'EU DSO tiene debitamente conto delle opinioni fornite durante le consultazioni. Prima di adottare le proposte per i codici di rete di cui all'articolo 55, l'EU DSO illustra come si sia tenuto conto delle osservazioni raccolte nel corso della consultazione. Se decide di non tener conto di un'osservazione, adduce i motivi della sua decisione.

3.  Il comitato di redazione tiene debitamente conto delle opinioni fornite durante le consultazioni. Prima di adottare le proposte per i codici di rete di cui all'articolo 55, l'EU DSO illustra come si sia tenuto conto delle osservazioni raccolte nel corso della consultazione. Se decide di non tener conto di un'osservazione, adduce i motivi della sua decisione.

Emendamento    155

Proposta di regolamento

Articolo 54 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  La Commissione può adottare atti delegati, fatte salve le competenze di cui agli articoli 55 e 57. Gli atti delegati possono essere adottati sia come codici di rete sulla base di proposte di testo elaborate dall'ENTSO-E o, se così deciso nell'elenco di priorità di cui all'articolo 55, paragrafo 2, dall'EU DSO e dall'Agenzia ai sensi della procedura di cui all'articolo 55, sia come orientamenti conformemente alla procedura di cui all'articolo 57.

1.  La Commissione può adottare atti delegati, fatte salve le competenze di cui agli articoli 55 e 57. Gli atti delegati possono essere adottati sia come codici di rete sulla base di proposte di testo elaborate dall'ENTSO-E o, se così deciso nell'elenco di priorità di cui all'articolo 55, paragrafo 2, dall'Agenzia ai sensi della procedura di cui all'articolo 55, sia come orientamenti conformemente alla procedura di cui all'articolo 57.

Motivazione

It is not appropriate for the DSO entity to be in a privileged position to draft network codes (particularly when their subject matter relates to the operation of the distribution system),which will govern the DSOs' own conduct, as well as the conduct of other market participants such as generators, suppliers, consumers, and aggregators. The EUDSO entity would be in a position to influence the drafting of rules and best practices that will significantly impact the deployment of renewables and demand response, which not all DSOs are supporting. This could increase the risk of network codes that impose additional barriers to demand response and self-consumption. This risk is exacerbated by the fact that EU unbundling rules for DSOs are not very stringent, which would allow large DSOs connected to parent utilities to exert undue influence via the DSO entity.

Emendamento    156

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Alla Commissione, conformemente all'articolo 63, è conferito il potere di adottare atti delegati concernenti la redazione di codici di rete nei settori seguenti:

1.  Alla Commissione, conformemente all'articolo 63, è conferito il potere di adottare atti delegati concernenti la redazione di codici di rete nei settori seguenti, tenendo conto, se del caso, delle specificità regionali:

Motivazione

I codici di rete continuano a tenere conto delle specificità regionali.

Emendamento    157

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 1 – lettera k

Testo della Commissione

Emendamento

(k)  norme riguardanti le strutture tariffarie di trasmissione e distribuzione armonizzate e i corrispettivi per la connessione, compresi i segnali differenziati per località e i meccanismi di compensazione tra gestori dei sistemi di trasmissione;

(k)  norme riguardanti le strutture tariffarie di trasmissione armonizzate e i corrispettivi per la connessione, compresi i segnali differenziati per località e i meccanismi di compensazione tra gestori dei sistemi di trasmissione;

Motivazione

La gestione del sistema di distribuzione è molto specifica a livello locale, tenuto conto delle differenti topologie della rete e dei modelli di consumo. Non è pertanto consigliabile armonizzare la sua struttura mediante codici di rete o orientamenti. Insieme di principi di alto livello come stabilito all'articolo 16: i corrispettivi per l'accesso alle reti sono sufficienti ai fini della trasparenza e di un'equa definizione delle tariffe.

Emendamento    158

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 9

Testo della Commissione

Emendamento

9.  L'ENTSO-E, oppure l'EU DSO se così deciso nell'elenco delle priorità a norma del paragrafo 2, riunisce un comitato di redazione che lo coadiuvi nello sviluppo del codice di rete. Il comitato di redazione è composto da rappresentanti dell'ENTSO-E, dell'Agenzia, dell'EU DSO, nonché, ove opportuno, da rappresentanti dei gestori del mercato elettrico designati e da un numero contenuto di parti interessate coinvolte. L'ENTSO-E oppure l'EU DSO se così deciso nell'elenco delle priorità a norma del paragrafo 2, elabora proposte di codici di rete nei settori di cui al paragrafo 1 su richiesta della Commissione a norma del paragrafo 8.

9.  L'ENTSO-E, oppure l'EU DSO se così deciso nell'elenco delle priorità a norma del paragrafo 2, riunisce un comitato di redazione che lo coadiuvi nello sviluppo del codice di rete. Il comitato di redazione è composto da rappresentanti dell'ENTSO-E, dell'Agenzia, dell'EU DSO, nonché, ove opportuno, da rappresentanti dei gestori del mercato elettrico designati e da rappresentanti di un numero contenuto di parti interessate coinvolte, quali i consumatori. L'ENTSO-E oppure l'EU DSO se così deciso nell'elenco delle priorità a norma del paragrafo 2, elabora proposte di codici di rete nei settori di cui al paragrafo 1 su richiesta della Commissione a norma del paragrafo 8.

Motivazione

È importante garantire che i punti di vista dei consumatori siano adeguatamente rappresentati nell'ambito dell'elaborazione dei codici di rete.

Emendamento    159

Proposta di regolamento

Articolo 55 – paragrafo 10

Testo della Commissione

Emendamento

10.  L'Agenzia riesamina il codice di rete e si assicura che sia conforme ai pertinenti orientamenti quadro e contribuisca all'integrazione del mercato, alla non discriminazione, all'effettiva concorrenza e al funzionamento efficace del mercato, inviando poi il codice di rete riveduto alla Commissione entro sei mesi dalla data di ricevimento della proposta. Nella proposta da inviare alla Commissione l'Agenzia tiene conto delle opinioni fornite da tutte le parti coinvolte nella redazione della proposta, coordinate dall'ENTSO-E o dall'EU DSO, e consulta formalmente le parti interessate pertinenti in merito alla versione da inviare alla Commissione.

10.  L'Agenzia riesamina il codice di rete e si assicura che sia conforme ai pertinenti orientamenti quadro e contribuisca all'integrazione del mercato, alla non discriminazione, all'effettiva concorrenza e al funzionamento efficace del mercato, inviando poi il codice di rete riveduto alla Commissione entro sei mesi dalla data di ricevimento della proposta. Nella proposta da inviare alla Commissione l'Agenzia tiene conto delle opinioni fornite da tutte le parti coinvolte, in particolare dei consumatori, nella redazione della proposta, coordinate dall'ENTSO-E o dall'EU DSO, e consulta formalmente le parti interessate pertinenti in merito alla versione da inviare alla Commissione.

Emendamento    160

Proposta di regolamento

Articolo 57 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  La Commissione può adottare orientamenti vincolanti nei settori elencati di seguito.

1.  La Commissione può adottare orientamenti nei settori elencati di seguito.

Emendamento    161

Proposta di regolamento

Articolo 57 – paragrafo 4 – comma 1

Testo della Commissione

Emendamento

Gli orientamenti possono altresì fissare adeguate norme pertinenti ai corrispettivi applicati ai produttori, allo stoccaggio dell'energia e ai clienti (carico) nell'ambito dei sistemi tariffari nazionali per la distribuzione e la trasmissione e dei regimi di connessione nazionali, tenendo anche conto della necessità di rispecchiare il meccanismo di compensazione tra gestori di sistemi di trasmissione dei flussi di energia elettrica nei corrispettivi delle reti nazionali e di fornire segnali differenziati per località appropriati ed efficaci, secondo i principi di cui all'articolo 16.

Gli orientamenti possono altresì fissare adeguate norme pertinenti ai corrispettivi applicati ai produttori, allo stoccaggio dell'energia e ai clienti (carico) nell'ambito dei sistemi tariffari nazionali per la trasmissione e dei regimi di connessione nazionali, tenendo anche conto della necessità di rispecchiare il meccanismo di compensazione tra gestori di sistemi di trasmissione dei flussi di energia elettrica nei corrispettivi delle reti nazionali e di fornire segnali differenziati per località appropriati ed efficaci, secondo i principi di cui all'articolo 16.

Motivazione

Armonizzazione con l'emendamento all'articolo 55, paragrafo 1, lettera k). Le reti di distribuzione variano enormemente in tutta Europa in termini di livello di tensione, topologia, profilo naturale di una data regione e modelli di consumo degli utenti. La struttura della tariffa di distribuzione deve pertanto essere unica; le autorità nazionali di regolamentazione sono meglio attrezzate per agire in tal senso.

Emendamento    162

Proposta di regolamento

Allegato I – parte 5 – punto 5.1

Testo della Commissione

Emendamento

5.1.  I centri operativi regionali sono dotati di sistemi di supervisione e acquisizione dati quasi in tempo reale con l'osservabilità definita applicando la soglia stabilita conformemente al punto 4.1.

soppresso

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Titolo

Mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

Riferimenti

COM(2016)0861 – C8-0492/2016 – 2016/0379(COD)

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

ITRE

1.3.2017

 

 

 

Parere espresso da

       Annuncio in Aula

ENVI

6.7.2017

Relatore per parere

       Nomina

Ivo Belet

6.7.2017

Approvazione

21.11.2017

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

52

9

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Margrete Auken, Pilar Ayuso, Zoltán Balczó, Catherine Bearder, Ivo Belet, Simona Bonafè, Lynn Boylan, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Alberto Cirio, Birgit Collin-Langen, Miriam Dalli, Seb Dance, Angélique Delahaye, Mark Demesmaeker, Bas Eickhout, Karl-Heinz Florenz, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Gerben-Jan Gerbrandy, Arne Gericke, Jens Gieseke, Julie Girling, Françoise Grossetête, Andrzej Grzyb, Anneli Jäätteenmäki, Jean-François Jalkh, Benedek Jávor, Josu Juaristi Abaunz, Kateřina Konečná, Urszula Krupa, Giovanni La Via, Jo Leinen, Peter Liese, Norbert Lins, Valentinas Mazuronis, Joëlle Mélin, Susanne Melior, Rory Palmer, Gilles Pargneaux, Piernicola Pedicini, Bolesław G. Piecha, Pavel Poc, Frédérique Ries, Daciana Octavia Sârbu, Annie Schreijer-Pierik, Davor Škrlec, Renate Sommer, Ivica Tolić, Adina-Ioana Vălean, Damiano Zoffoli

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Jørn Dohrmann, Herbert Dorfmann, Eleonora Evi, Martin Häusling, Esther Herranz García, Rupert Matthews, Christel Schaldemose, Bart Staes, Dubravka Šuica

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Maria Noichl

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

52

+

ALDE

Catherine Bearder, Gerben-Jan Gerbrandy, Anneli Jäätteenmäki, Valentinas Mazuronis, Frédérique Ries

ECR

Mark Demesmaeker

EFDD

Eleonora Evi, Piernicola Pedicini

GUE/NGL

Lynn Boylan, Josu Juaristi Abaunz, Kateřina Konečná

PPE

Pilar Ayuso, Ivo Belet, Alberto Cirio, Birgit Collin-Langen, Angélique Delahaye, Herbert Dorfmann, Karl-Heinz Florenz, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Jens Gieseke, Françoise Grossetête, Andrzej Grzyb, Esther Herranz García, Giovanni La Via, Peter Liese, Norbert Lins, Annie Schreijer-Pierik, Renate Sommer, Dubravka Šuica, Ivica Tolić, Adina-Ioana Vălean

S&D

Simona Bonafè, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Miriam Dalli, Seb Dance, Jo Leinen, Susanne Melior, Maria Noichl, Rory Palmer, Gilles Pargneaux, Pavel Poc, Christel Schaldemose, Daciana Octavia Sârbu, Damiano Zoffoli

Verts/ALE

Margrete Auken, Bas Eickhout, Martin Häusling, Benedek Jávor, Davor Škrlec, Bart Staes

9

-

ECR

Jørn Dohrmann, Arne Gericke, Julie Girling, Urszula Krupa, Rupert Matthews, Bolesław G. Piecha

ENF

Jean-François Jalkh, Joëlle Mélin

NI

Zoltán Balczó

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Mercato interno dell'energia elettrica (rifusione)

Riferimenti

COM(2016)0861 – C8-0492/2016 – 2016/0379(COD)

Presentazione della proposta al PE

30.11.2016

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

ITRE

1.3.2017

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

ECON

1.3.2017

ENVI

6.7.2017

IMCO

1.3.2017

 

Pareri non espressi

       Decisione

ECON

31.1.2017

IMCO

25.1.2017

 

 

Relatori

       Nomina

Krišjānis Kariņš

25.1.2017

 

 

 

Esame in commissione

25.4.2017

11.7.2017

12.10.2017

 

Approvazione

21.2.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

44

11

9

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Zigmantas Balčytis, Bendt Bendtsen, Xabier Benito Ziluaga, José Blanco López, Jonathan Bullock, Cristian-Silviu Buşoi, Reinhard Bütikofer, Jerzy Buzek, Angelo Ciocca, Edward Czesak, Jakop Dalunde, Pilar del Castillo Vera, Christian Ehler, Fredrick Federley, Ashley Fox, Adam Gierek, Theresa Griffin, András Gyürk, Hans-Olaf Henkel, Eva Kaili, Kaja Kallas, Barbara Kappel, Krišjānis Kariņš, Jeppe Kofod, Peter Kouroumbashev, Zdzisław Krasnodębski, Miapetra Kumpula-Natri, Christelle Lechevalier, Janusz Lewandowski, Paloma López Bermejo, Edouard Martin, Nadine Morano, Dan Nica, Angelika Niebler, Morten Helveg Petersen, Miroslav Poche, Paul Rübig, Massimiliano Salini, Algirdas Saudargas, Sven Schulze, Neoklis Sylikiotis, Dario Tamburrano, Patrizia Toia, Evžen Tošenovský, Claude Turmes, Vladimir Urutchev, Kathleen Van Brempt, Henna Virkkunen, Martina Werner, Lieve Wierinck, Hermann Winkler, Anna Záborská, Flavio Zanonato, Carlos Zorrinho

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Cornelia Ernst, Gerben-Jan Gerbrandy, Françoise Grossetête, Janusz Korwin-Mikke, Werner Langen, Florent Marcellesi, Dominique Riquet, Davor Škrlec

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Jan Keller, Stanisław Ożóg

Deposito

27.2.2018


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

44

+

ALDE

Fredrick Federley, Gerben-Jan Gerbrandy, Kaja Kallas, Morten Helveg Petersen, Dominique Riquet, Lieve Wierinck

EFDD

Dario Tamburrano

ENF

Barbara Kappel

PPE

Bendt Bendtsen, Cristian-Silviu Buşoi, Pilar del Castillo Vera, Christian Ehler, Françoise Grossetête, András Gyürk, Krišjānis Kariņš, Werner Langen, Nadine Morano, Paul Rübig, Massimiliano Salini, Algirdas Saudargas, Sven Schulze, Vladimir Urutchev, Henna Virkkunen, Anna Záborská

S&D

Zigmantas Balčytis, José Blanco López, Theresa Griffin, Eva Kaili, Jan Keller, Jeppe Kofod, Peter Kouroumbashev, Miapetra Kumpula-Natri, Dan Nica, Miroslav Poche, Patrizia Toia, Kathleen Van Brempt, Martina Werner, Flavio Zanonato, Carlos Zorrinho

Verts/ALE

Reinhard Bütikofer, Jakop Dalunde, Florent Marcellesi, Davor Škrlec, Claude Turmes

11

-

ECR

Edward Czesak, Hans-Olaf Henkel, Zdzisław Krasnodębski, Stanisław Ożóg

EFDD

Jonathan Bullock

ENF

Angelo Ciocca, Christelle Lechevalier

NI

Janusz Korwin-Mikke

PPE

Angelika Niebler

S&D

Adam Gierek, Edouard Martin

9

0

ECR

Ashley Fox, Evžen Tošenovský

GUE/NGL

Xabier Benito Ziluaga, Cornelia Ernst, Paloma López Bermejo, Neoklis Sylikiotis

PPE

Jerzy Buzek, Janusz Lewandowski, Hermann Winkler

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Ultimo aggiornamento: 15 marzo 2018Avviso legale