Procedura : 2017/0223(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0053/2018

Testi presentati :

A8-0053/2018

Discussioni :

Votazioni :

PV 17/04/2018 - 6.2

Testi approvati :

P8_TA(2018)0093

RACCOMANDAZIONE     ***
PDF 395kWORD 64k
5.3.2018
PE 613.406v02-00 A8-0053/2018

concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione di un protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall'accordo di partenariato nel settore della pesca tra l'Unione europea e la Repubblica di Maurizio

(12476/2017– C8‑0445/2017 – 2017/0223(NLE))

Commissione per la pesca

Relatore: Norica Nicolai

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE della commissione per i bilanci
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione di un protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall'accordo di partenariato nel settore della pesca tra l'Unione europea e la Repubblica di Maurizio

(12476/2017 – C8‑0445/2017 – 2017/0223(NLE))

(Approvazione)

Il Parlamento europeo,

–  visto il progetto di decisione del Consiglio (12476/2017),

–  visto il protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall'accordo di partenariato nel settore della pesca tra l'Unione europea e la Repubblica di Maurizio (12479/2017),

–  vista la richiesta di approvazione presentata dal Consiglio a norma dell'articolo 43, dell'articolo 218, paragrafo 6, secondo comma, lettera a), e dell'articolo 218, paragrafo 7, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (C8-0445/2017),

–  visti l'articolo 99, paragrafo 1 e paragrafo 4, e l'articolo 108, paragrafo 7, del suo regolamento,

–  visti la raccomandazione della commissione per la pesca e il parere della commissione per i bilanci (A8-0053/2018),

1.  dà la sua approvazione alla conclusione del protocollo;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e della Repubblica di Maurizio.


MOTIVAZIONE

L'Oceano Indiano è il secondo maggiore fornitore di tonno al mondo e la più grande fonte di catture di tonno per la flotta dell'UE. La maggior parte delle catture nell'Oceano Indiano consiste in tonno pinnagialla e tonno obeso, pescati principalmente dalla flotta taiwanese (70 %), mentre le catture della flotta dell'UE rappresentano solo l'8,9 % del totale annuale.

La Repubblica di Maurizio, uno Stato insulare situato nell'Oceano Indiano, 2 000 chilometri al largo della costa sudorientale dell'Africa continentale, ha una superficie di 2 040 km2, una zona marittima di 2,3 milioni di km2 e una zona economica esclusiva (ZEE) di 1,86 milioni di km2. Il paese comprende le isole di Maurizio e Rodrigues, le isole esterne di Saint Brandon e Agaléga e i territori contesi dell'isola di Tromelin e dell'arcipelago Chagos.

Con una popolazione di 1,27 milioni di persone, di cui 1,25 milioni vive sull'isola di Maurizio e 38 000 sull'isola di Rodrigues, il paese sta tentando di proseguire gli sforzi volti a ridurre la mortalità infantile, migliorare l'assistenza sanitaria e conseguire una distribuzione più equa del reddito.

Maurizio gode di un'economia in costante crescita, che ha subito solo un rallentamento dal 4,6 % annuo al 3,2 % durante la crisi economica mondiale, e il settore della pesca contribuisce al PIL del paese per circa l'1,4 %. Nel piano di sviluppo del paese per il 2015 la pesca e l'economia oceanica rappresentano uno dei pilastri principali, prestando la dovuta attenzione alla gestione a lungo termine e allo sfruttamento sostenibile dell'ambiente marino.

Nel 2007 il paese ha adottato una legge sulla pesca e le risorse marine, entrata in vigore nel 2008, nell'intento di migliorare la gestione, la protezione e la conservazione delle suddette risorse. Sebbene la Repubblica di Maurizio non disponga di pattugliatori, tutte le licenze di pesca richiedono un sistema di controllo dei pescherecci funzionante e la cooperazione con la Commissione dell'Oceano Indiano (COI) rende possibili missioni di pattugliamento. Inoltre, si prevede che la riorganizzazione e la fusione dei precedenti organismi e ministeri nel ministero dell'Economia oceanica, delle risorse marine, della pesca, dei trasporti marittimi e delle isole esterne, insieme all'adozione di una nuova normativa in materia di pesca, allineeranno la legislazione del paese alle risoluzioni della COI e porteranno un miglioramento in termini di efficienza e amministrazione.

Il primo accordo di pesca bilaterale tra l'UE e la Repubblica di Maurizio è stato concluso nel 1989, mentre il più recente protocollo relativo alla pesca ha coperto il periodo dal 2014 al 27 gennaio 2017. Quest'ultimo contemplava un quantitativo di riferimento pari a 5 500 tonnellate l'anno, con una contropartita finanziaria annua di 660 000 EUR, di cui 302 500 EUR destinati al sostegno e all'attuazione della politica del paese in materia di pesca e questioni marittime.

In base alla valutazione ex post del precedente protocollo, entrambe le parti hanno beneficiato di tale quadro: il governo mauriziano si è avvalso dei fondi dell'UE per sostenere il settore, migliorare la protezione della propria zona economica esclusiva e conseguire considerevoli progressi nell'attuazione della propria politica ambientale nonché nella promozione della sostenibilità; nel contempo la flotta dell'UE ha beneficiato di un quadro più stabile, prevedibile e chiaro, in particolare alla luce di tutti gli altri accordi di partenariato per una pesca sostenibile attivi nella regione.

Sulla base dei risultati di detta relazione ex post ed ex ante, il 26 aprile 2017 è stato siglato un nuovo protocollo tra l'UE e la Repubblica di Maurizio che copre un periodo di quattro anni. Il nuovo protocollo è conforme agli obiettivi della politica comune della pesca (PCP) e alla sua dimensione esterna.

Il protocollo prevede possibilità di pesca per 40 pescherecci con reti a circuizione e 45 pescherecci con palangari di superficie, nonché un massimo di 20 navi d'appoggio incaricate di coadiuvare le operazioni dei pescherecci dell'Unione.

L'incidenza annua sul bilancio è di 575 000 EUR, per un totale di 2 300 000 EUR, suddivisi come segue:

a)  un quantitativo di riferimento di 4 000 tonnellate, per il quale è stato fissato un importo annuale di 220 000 EUR per i diritti di accesso,

b)  un sostegno allo sviluppo della politica settoriale della pesca della Repubblica di Maurizio, pari a 220 000 EUR all'anno, e

c)  un sostegno allo sviluppo nel settore dell'economia oceanica, pari a 135 000 EUR all'anno.

Qualora il livello annuo delle catture effettuate dalle navi dell'UE superasse il quantitativo di riferimento annuo, la contropartita finanziaria sarà pari a 55 EUR per tonnellata supplementare catturata, fermo restando che l'importo annuo complessivo versato dall'Unione non può superare il doppio dell'importo annuo pianificato pari a 220 000 EUR. Nel caso in cui tale massimale venisse superato, l'importo eccedente sarà versato l'anno successivo.

Nel quadro del protocollo, la Repubblica di Maurizio applicherà le medesime misure tecniche e di conservazione a tutte le flotte industriali operanti nelle proprie acque affinché sia garantita la parità di condizioni. Nel contempo, le autorità di Maurizio forniranno all'UE informazioni pertinenti sulle attività di pesca straniere che si svolgono nelle acque del paese.

Per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani, i principi democratici e lo Stato di diritto, l'UE e la Repubblica di Maurizio attueranno l'accordo in questione conformemente all'articolo 9 dell'accordo di Cotonou.

In linea con la PCP e gli obiettivi economici e di pesca di Maurizio, le parti coopereranno nell'ambito della lotta contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata, considerando che il protocollo impone ai pescherecci dell'UE di segnalare immediatamente qualsiasi attività sospetta osservata.

La commissione mista, composta da rappresentanti delle due parti, stabilirà, sulla base della politica nazionale di Maurizio in materia di pesca e questioni marittime, obiettivi annuali e pluriennali da conseguire nello sviluppo di un settore della pesca responsabile e sostenibile. La commissione mista valuterà i progressi compiuti verso il conseguimento degli obiettivi e potrà rivedere o sospendere la contropartita finanziaria qualora i risultati non siano conformi alla programmazione.

Le due parti hanno concordato di conformarsi alle normative e alle raccomandazioni della COI e di tenerle in considerazione, insieme ai migliori pareri scientifici disponibili, allorché la commissione mista stabilirà le misure necessarie per garantire una gestione sostenibile delle risorse di pesca di Maurizio per quanto concerne i pescherecci dell'UE.

Il protocollo può essere soggetto a sospensione o a risoluzione su iniziativa di una o dell'altra parte previa notifica scritta, con un preavviso di – rispettivamente – tre o sei mesi. La sospensione può essere avviata se una delle parti non rispetta le disposizioni del protocollo, in caso di violazione dei diritti fondamentali e umani. Sia la procedura di sospensione che quella di risoluzione daranno avvio a consultazioni tra l'UE e la Repubblica di Maurizio per giungere a una soluzione diplomatica.


PARERE della commissione per i bilanci (23.2.2018)

destinato alla commissione per la pesca

sulla proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione di un protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall'accordo di partenariato nel settore della pesca tra l'Unione europea e la Repubblica di Maurizio

12476/2017 – C8-0445/2017 – 2017/0223(NLE)

Relatore per parere: Inese Vaidere

BREVE MOTIVAZIONE

Sulla base delle pertinenti direttive di negoziato, la Commissione ha condotto negoziati con il governo di Maurizio al fine di concludere un nuovo protocollo dell'accordo di partenariato nel settore della pesca tra l'Unione europea e la Repubblica di Maurizio. Al termine dei negoziati, il 26 aprile 2017 è stato siglato il nuovo protocollo. Il protocollo copre un periodo di quattro anni a decorrere dalla data di applicazione provvisoria, ossia dalla data della firma, come stabilito dall'articolo 15 del protocollo stesso.

Il primo protocollo dell'accordo stabiliva, per un periodo di tre anni, le possibilità di pesca concesse alle navi dell'Unione nella zona di pesca soggetta alla sovranità o alla giurisdizione di Maurizio e la contropartita finanziaria concessa dall'Unione europea. Il periodo di applicazione di tale protocollo è scaduto il 27 gennaio 2017.

L'obiettivo principale del nuovo protocollo è offrire possibilità di pesca alle navi dell'Unione nelle acque di Maurizio, sulla base dei migliori pareri scientifici disponibili e nel rispetto delle raccomandazioni della Commissione per il tonno dell'Oceano Indiano (IOTC), ove applicabili, entro i limiti dell'eccedenza disponibile. La Commissione si è basata, in particolare, sui risultati di una valutazione del precedente protocollo (2014-2017) e di una valutazione prospettica dell'opportunità di concludere un nuovo protocollo. Entrambe sono state effettuate da esperti esterni. Il protocollo consentirà inoltre all'Unione europea e alla Repubblica di Maurizio di collaborare più strettamente per promuovere una politica sostenibile della pesca e lo sfruttamento razionale delle risorse alieutiche nelle acque di Maurizio, e coadiuverà gli sforzi compiuti da tale paese per sviluppare un'economia oceanica sostenibile, nell'interesse di entrambe le parti.

Il nuovo protocollo prevede una contropartita finanziaria complessiva di 2 300 000 EUR per l’intero periodo (2017-2021).

Detta contropartita finanziaria totale comprende:

•un importo annuo di 220 000 EUR per l’accesso alle acque di Maurizio, corrispondente a un quantitativo di riferimento di 4 000 tonnellate annue;

•un importo specifico annuo di 220 000 EUR destinato al sostegno e all’attuazione della politica settoriale della pesca di Maurizio; e

•un importo aggiuntivo di 135 000 EUR per sostenere lo sviluppo della politica marittima ed economia degli oceani.

******

La commissione per i bilanci invita la commissione per la pesca, competente per il merito, a raccomandare l'approvazione della proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione di un protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall'accordo di partenariato nel settore della pesca tra l'Unione europea e la Repubblica di Maurizio.

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Titolo

Protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall’accordo di partenariato nel settore della pesca tra l’Unione europea e la Repubblica di Maurizio

Riferimenti

12476/2017 – C8-0445/2017 – COM(2017)04862017/0223(NLE)

Commissione competente per il merito

 

PECH

 

 

 

 

Parere espresso da

       Annuncio in Aula

BUDG

14.12.2017

Relatore per parere

       Nomina

Inese Vaidere

26.9.2017

Approvazione

22.2.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

27

3

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Lefteris Christoforou, Gérard Deprez, Manuel dos Santos, André Elissen, José Manuel Fernandes, Eider Gardiazabal Rubial, Jens Geier, Esteban González Pons, John Howarth, Zbigniew Kuźmiuk, Vladimír Maňka, Siegfried Mureşan, Jan Olbrycht, Urmas Paet, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Jordi Solé, Patricija Šulin, Eleftherios Synadinos, Indrek Tarand, Isabelle Thomas, Inese Vaidere, Daniele Viotti, Tiemo Wölken, Marco Zanni

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Xabier Benito Ziluaga, Jean-Paul Denanot, Ivana Maletić, Pavel Poc, Tomáš Zdechovský

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

27

+

ALDE

Nedzhmi Ali, Gérard Deprez, Urmas Paet

ECR

Zbigniew Kuźmiuk

PPE

Lefteris Christoforou, José Manuel Fernandes, Esteban González Pons, Ivana Maletić, Siegfried Mureşan, Jan Olbrycht, Paul Rübig, Petri Sarvamaa, Patricija Šulin, Inese Vaidere, Tomáš Zdechovský

S&D

Jean-Paul Denanot, Eider Gardiazabal Rubial, Jens Geier, John Howarth, Vladimír Maňka, Pavel Poc, Manuel dos Santos, Isabelle Thomas, Daniele Viotti, Tiemo Wölken

VERTS/ALE

Jordi Solé, Indrek Tarand

3

-

ENF

André Elissen

GUE/NGL

Xabier Benito Ziluaga

NI

Eleftherios Synadinos

1

0

ENF

Marco Zanni

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Protocollo che stabilisce le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall’accordo di partenariato nel settore della pesca tra l’Unione europea e la Repubblica di Maurizio

Riferimenti

12476/2017 – C8-0445/2017 – COM(2017)04862017/0223(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

13.12.2017

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

PECH

14.12.2017

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

BUDG

14.12.2017

 

 

 

Relatori

       Nomina

Norica Nicolai

12.10.2017

 

 

 

Esame in commissione

21.11.2017

24.1.2018

 

 

Approvazione

27.2.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

19

3

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Clara Eugenia Aguilera García, Alain Cadec, David Coburn, Linnéa Engström, João Ferreira, Sylvie Goddyn, Mike Hookem, Carlos Iturgaiz, Werner Kuhn, António Marinho e Pinto, Gabriel Mato, Norica Nicolai, Liadh Ní Riada, Ulrike Rodust, Annie Schreijer-Pierik, Remo Sernagiotto, Isabelle Thomas, Ruža Tomašić, Peter van Dalen, Jarosław Wałęsa

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Norbert Erdős

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Liliana Rodrigues

Deposito

5.3.2018


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

19

+

ALDE

António Marinho e Pinto, Norica Nicolai

ECR

Peter van Dalen, Remo Sernagiotto, Ruža Tomašić

GUE/NGL

João Ferreira, Liadh Ní Riada

PPE

Alain Cadec, Norbert Erdős, Carlos Iturgaiz, Werner Kuhn, Gabriel Mato, Annie Schreijer-Pierik, Jarosław Wałęsa

S&D

Clara Eugenia Aguilera García, Liliana Rodrigues, Ulrike Rodust, Isabelle Thomas

VERTS/ALE

Linnéa Engström

3

-

EFDD

David Coburn, Mike Hookem

ENF

Sylvie Goddyn

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Ultimo aggiornamento: 4 aprile 2018Avviso legale