Procedura : 2018/0291(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0376/2018

Testi presentati :

A8-0376/2018

Discussioni :

Votazioni :

PV 29/11/2018 - 8.4

Testi approvati :

P8_TA(2018)0469

RACCOMANDAZIONE     ***
PDF 409kWORD 61k
22.11.2018
PE 627.788v02-00 A8-0376/2018

concernente il progetto di decisione del Consiglio relativa all'adesione di Samoa all'accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea, da una parte, e gli Stati del Pacifico, dall'altra

(12281/2018 – C8-0434/2018 – 2018/0291(NLE))

Commissione per il commercio internazionale

Relatore: David Martin

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE della commissione per lo sviluppo
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul progetto di decisione del Consiglio relativa all'adesione di Samoa all'accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea, da una parte, e gli Stati del Pacifico, dall'altra

(12281/2018 – C8-0434/2018 – 2018/0291(NLE))

(Approvazione)

Il Parlamento europeo,

–  visto il progetto di decisione del Consiglio (12281/2018),

–  vista la richiesta di approvazione presentata dal Consiglio a norma dell'articolo 207 e dell'articolo 218, paragrafo 6, secondo comma, lettera a), punto v), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (C8-0434/2018),

–  vista la sua risoluzione del 4 ottobre 2016 sul futuro delle relazioni ACP-UE dopo il 2020(1),

–  vista la sua risoluzione del 19 gennaio 2011 sull'accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea e gli Stati del Pacifico(2),

–  visto l'accordo di partenariato tra i membri del gruppo degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico, da un lato, e la Comunità europea e i suoi Stati membri, dall'altro, firmato a Cotonou il 23 giugno 2000 (accordo di Cotonou),

–  visti l'articolo 99, paragrafi 1 e 4, nonché l'articolo 108, paragrafo 7, del suo regolamento,

–  visti la raccomandazione della commissione per il commercio internazionale e il parere della commissione per lo sviluppo (A8-0376/2018),

1.  dà la sua approvazione all'adesione di Samoa all'accordo;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e di Samoa.

(1)

GU C 215 del 19.6.2018, pag. 2.

(2)

GU C 136E dell'11.5.2012, pag. 19.


MOTIVAZIONE

Contesto

In vista della scadenza, il 31 dicembre 2007, delle preferenze commerciali concesse in virtù dell'accordo di Cotonou, nel 2002 l'UE ha iniziato a negoziare accordi di partenariato economico (APE) con gli Stati ACP. Tali accordi istituiscono un quadro per le relazioni economiche e commerciali a lungo termine con l'UE, presentano una componente fortemente orientata allo sviluppo, sono caratterizzati da una liberalizzazione asimmetrica degli scambi a favore dei paesi ACP e prevedono garanzie per le industrie nazionali. In particolare, nel 2002 l'Unione europea ha avviato negoziati per un APE regionale con 14 stati ACP delle isole del Pacifico (Isole Cook, Figi, Kiribati, Isole Marshall, Stati federati di Micronesia, Nauru, Niue, Palau, Papua Nuova Guinea, Samoa, Isole Salomone, Tonga, Tuvalu e Vanuatu).

Considerata la difficoltà di negoziare un accordo di così ampio respiro con l'avvicinarsi della scadenza del 2007, la Papua Nuova Guinea e le Figi hanno optato per un APE interinale con l'Unione che riguardava solo le merci. Tali negoziati si sono conclusi alla fine del 2007. L'accordo è stato firmato dall'Unione europea e dalla Papua Nuova Guinea il 30 luglio 2009 e dalle Figi l'11 dicembre 2009; l'applicazione provvisoria è iniziata il 20 dicembre 2009 per la Papua Nuova Guinea e il 28 luglio 2014 per le Figi. Il Parlamento europeo ha ratificato l'accordo il 19 gennaio 2011.

Nel frattempo, i negoziati tra l'UE e tutti i 14 Stati ACP del Pacifico per un APE regionale globale sono proseguiti lentamente, ma sono stati sospesi nel 2016 a seguito della notifica formale, nel 2015, del ritiro della Papua Nuova Guinea dai negoziati.

L'APE interinale tra l'UE, da una parte, e la Papua Nuova Guinea e le Figi, dall'altra, è aperto all'adesione da parte di tutti gli Stati insulari del Pacifico firmatari dell'accordo di Cotonou e delle isole del Pacifico le cui caratteristiche strutturali e la cui situazione economica e sociale siano comparabili a quelle dei paesi firmatari dell'accordo di Cotonou, sulla base di un'offerta di accesso al mercato a norma dell'articolo XXIV del GATT 1994. L'adesione non è pertanto aperta solo agli altri 12 Stati insulari ACP del Pacifico di cui sopra.

In tale contesto, il 5 febbraio 2018 Samoa ha presentato all'UE una richiesta di adesione congiuntamente a un'offerta finale di accesso al mercato. Il 23 aprile 2018 la Commissione ha concluso i negoziati con Samoa a nome dell'Unione.

Inoltre, anche Tonga e le Isole Salomone sono attualmente impegnate nel processo di adesione all'APE interinale.

Adesione all'APE interinale ‑ benefici per Samoa

Samoa beneficia delle preferenze commerciali dell'Unione a titolo dell'iniziativa "Tutto tranne le armi". Dal 2014, tuttavia, Samoa non rientra più nella categoria dei paesi meno sviluppati (PMS) e perderà l'accesso a suddette preferenze a partire dal 1° gennaio 2019, come previsto dal regolamento relativo al sistema di preferenze generalizzate dell'UE (SPG). A decorrere da tale data sarà applicato il regime generale dell'SPG, meno vantaggioso.

Se l'accordo sarà applicato a Samoa in via provvisoria dal 1° gennaio 2019, Samoa manterrà l'attuale accesso all'UE in esenzione da dazi e contingenti per tutti i prodotti, ad eccezione delle armi e delle munizioni. Nel 2016 le esportazioni samoane verso l'UE consistevano principalmente in oggetti e attrezzi per l'educazione fisica, la ginnastica o l'atletica (53,2 %), succhi di frutta o di ortaggi o legumi (12,8 %), oggetti in legno (8,5 %), mobili di metallo (6,1%) e olio di cocco greggio (2,6 %). Sebbene tali esportazioni possano apparire piuttosto limitate in termini di valore (5,5 milioni di EUR nel 2017), esse rivestono una grande importanza per l'economia samoana. È dunque importante che l'accordo sia applicato in via provvisoria a decorrere dal 1º gennaio 2019, al fine di evitare interruzioni dei flussi di scambi tra Samoa e l'UE. Si prevede inoltre che anche il settore samoano della pesca trarrà notevoli benefici, una volta che le norme sanitarie e fitosanitarie saranno rispettate.

I principali elementi dell'APE interinale sono i seguenti:

•  campo di applicazione limitato agli scambi di merci;

•  accesso al mercato dell'UE in esenzione da dazi doganali e da contingenti;

•  liberalizzazione tariffaria graduale e asimmetrica, tenendo conto del livello di sviluppo degli Stati del Pacifico. Samoa liberalizzerà l'82,6 % delle sue esportazioni (in linee tariffarie) di merci per un periodo di 20 anni. Sono esclusi i prodotti sensibili di Samoa (tra cui carne, pesce, frutta, verdura, alcole, acqua minerale) che rappresentano il 17,4 % delle esportazioni;

•  disposizioni in materia di difesa commerciale, tra cui una clausola bilaterale di salvaguardia cui fare ricorso nel caso in cui le importazioni causino o minaccino di causare danni o perturbazioni economiche o sociali in un settore o in un'industria di una delle parti;

•  disposizioni sulla cooperazione in materia di ostacoli tecnici agli scambi e di misure sanitarie e fitosanitarie;

•  disposizioni in materia di dogane e di agevolazione degli scambi;

•  una salvaguardia in materia di sicurezza alimentare e una deroga in caso di difficoltà nella bilancia dei pagamenti;

•  approvvigionamento globale per la pesca. L'accordo prevede una deroga alle regole di origine generali, che conferisce agli Stati del Pacifico la possibilità di beneficiare delle preferenze commerciali anche nel caso del pesce trasformato. Tale deroga è stata concessa alla luce dei quantitativi insufficienti di pesce interamente ottenuto per soddisfare la domanda a terra, della capacità di pesca molto limitata della flotta peschereccia, della ridotta capacità di trasformazione dovuta a fattori fisici ed economici, dell'isolamento geografico delle isole del Pacifico e della distanza dal mercato dell'UE. Tale deroga è subordinata alla presentazione di relazioni sull'attuazione, lo sviluppo e la gestione sostenibile delle risorse alieutiche;

•  lo sviluppo sostenibile quale obiettivo di fondo. In particolare, all'articolo 3 le parti si sono impegnate ad applicare l'accordo tenendo conto degli interessi superiori umani, culturali, economici, sociali, sanitari e ambientali delle rispettive popolazioni e delle generazioni future. Anche le questioni relative al commercio e allo sviluppo sostenibile, quali i diritti dei lavoratori e l'ambiente, sono parte integrante del dialogo in seno al comitato per il commercio dell'APE. L'accordo comprende inoltre una clausola di collegamento con le disposizioni in materia di diritti umani, democrazia e Stato di diritto (i cosiddetti "elementi essenziali") dell'accordo di Cotonou, con la possibilità di adottare misure appropriate in caso di violazione. Tuttavia, poiché l'accordo è stato negoziato più di dieci anni fa, tra il 2002 e il 2007, il relatore riconosce la mancanza di ambizione in tale ambito e si aspetta che le parti avviino negoziati il prima possibile, al fine di concordare un capitolo dedicato al commercio moderno e allo sviluppo sostenibile;

•  monitoraggio. Il monitoraggio dell'attuazione dell'APE, compreso l'impatto sullo sviluppo sostenibile, avviene tramite gli organismi istituzionali competenti di tale accordo. Il relatore deplora la mancanza di un meccanismo di monitoraggio che comprenda la società civile e si attende che le parti avviino i negoziati quanto prima, al fine di aggiungere un meccanismo di monitoraggio ad hoc che comprenda una rappresentanza equilibrata dei gruppi della società civile (ad esempio sotto forma di gruppi consultivi interni);

•  un quadro stabile per le relazioni economiche e commerciali con l'UE. L'APE interinale dovrebbe attrarre investimenti a lungo termine, promuovere la diversificazione delle esportazioni, la competitività e le riforme interne volte a migliorare il contesto imprenditoriale;

•  l'integrazione regionale. Tale componente diventerà sempre più pertinente con l'adesione di nuovi Stati del Pacifico.

Quanto esposto in precedenza illustra i principali vantaggi che l'adesione all'APE interinale offrirà a un paese a reddito medio-basso come Samoa. Al fine di sostenere lo sviluppo di tale paese e l'interesse dei suoi cittadini, il relatore raccomanda di dare il proprio consenso all'adesione di Samoa all'accordo. Il relatore si aspetta tuttavia che anche le parti dell'accordo, mediante una decisione del comitato per il commercio dell'APE, avviino quanto prima i negoziati al fine di includere un vero e proprio capitolo sul commercio e sullo sviluppo sostenibile che preveda un adeguato meccanismo di monitoraggio della società civile.


PARERE della commissione per lo sviluppo (13.11.2018)

destinato alla commissione per il commercio internazionale

sul progetto di decisione del Consiglio relativa all'adesione di Samoa all'accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea, da una parte, e gli Stati del Pacifico, dall'altra

(12281/2018 – C8-0434/2018 – 2018/0291(NLE))

Relatore per parere: Linda McAvan

La commissione per lo sviluppo invita la commissione per il commercio internazionale, competente per il merito, a raccomandare l'approvazione della proposta di decisione del Consiglio relativa all'adesione di Samoa all'accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea, da una parte, e gli Stati del Pacifico, dall'altra.

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Titolo

Adesione di Samoa all’accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea, da una parte, e gli Stati del Pacifico, dall’altra

Riferimenti

12281/2018 – C8-0434/2018 – COM(2018)05462018/0291(NLE)

Commissione competente per il merito

 

INTA

 

 

 

 

Parere espresso da

       Annuncio in Aula

DEVE

22.10.2018

Relatore per parere

       Nomina

Linda McAvan

17.9.2018

Relatore per parere sostituito

Florent Marcellesi

Esame in commissione

8.10.2018

 

 

 

Approvazione

12.11.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

16

4

3

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Beatriz Becerra Basterrechea, Ignazio Corrao, Mireille D’Ornano, Doru-Claudian Frunzulică, Heidi Hautala, Maria Heubuch, György Hölvényi, Linda McAvan, Norbert Neuser, Cristian Dan Preda, Lola Sánchez Caldentey, Jean-Luc Schaffhauser, Elly Schlein, Eleni Theocharous, Mirja Vehkaperä, Anna Záborská, Joachim Zeller, Željana Zovko

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Frank Engel, Stefan Gehrold, Paul Rübig

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Georgi Pirinski, Helmut Scholz

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

16

+

ALDE

Beatriz Becerra Basterrechea, Mirja Vehkaperä

ECR

Eleni Theocharous

EFDD

Mireille D'Ornano

PPE

Frank Engel, Stefan Gehrold, György Hölvényi, Cristian Dan Preda, Paul Rübig, Joachim Zeller, Željana Zovko, Anna Záborská

S&D

Doru‑Claudian Frunzulică, Linda McAvan, Norbert Neuser, Georgi Pirinski

4

-

GUE/NGL

Helmut Scholz, Lola Sánchez Caldentey

VERTS/ALE

Heidi Hautala, Maria Heubuch

3

0

EFDD

Ignazio Corrao

ENF

Jean‑Luc Schaffhauser

S&D

Elly Schlein

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Adesione di Samoa all’accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea, da una parte, e gli Stati del Pacifico, dall’altra

Riferimenti

12281/2018 – C8-0434/2018 – COM(2018)05462018/0291(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

10.10.2018

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

INTA

22.10.2018

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

DEVE

22.10.2018

PECH

22.10.2018

 

 

Pareri non espressi

       Decisione

PECH

29.8.2018

 

 

 

Relatori

       Nomina

David Martin

29.8.2018

 

 

 

Esame in commissione

5.11.2018

 

 

 

Approvazione

20.11.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

29

7

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Laima Liucija Andrikienė, Maria Arena, Tiziana Beghin, David Borrelli, David Campbell Bannerman, Daniel Caspary, Salvatore Cicu, Santiago Fisas Ayxelà, Christofer Fjellner, Eleonora Forenza, Christophe Hansen, Heidi Hautala, Nadja Hirsch, Yannick Jadot, France Jamet, Elsi Katainen, Jude Kirton-Darling, Danilo Oscar Lancini, Bernd Lange, David Martin, Emma McClarkin, Anne-Marie Mineur, Sorin Moisă, Alessia Maria Mosca, Franck Proust, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Marietje Schaake, Helmut Scholz, Joachim Schuster, Joachim Starbatty, Adam Szejnfeld, William (The Earl of) Dartmouth, Iuliu Winkler

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Nicola Danti, Paul Rübig, Jarosław Wałęsa

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Karin Kadenbach, Rupert Matthews

Deposito

22.11.2018


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

29

+

ALDE

Nadja Hirsch, Elsi Katainen, Marietje Schaake

ECR

David Campbell Bannerman, Emma McClarkin, Rupert Matthews, Joachim Starbatty

EFDD

Tiziana Beghin, William (The Earl of) Dartmouth

ENF

Danilo Oscar Lancini

PPE

Laima Liucija Andrikienė, Daniel Caspary, Salvatore Cicu, Christofer Fjellner, Christophe Hansen, Sorin Moisă, Franck Proust, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Paul Rübig, Adam Szejnfeld, Jarosław Wałęsa, Iuliu Winkler

S&D

Nicola Danti, Karin Kadenbach, Jude Kirton-Darling, Bernd Lange, David Martin, Alessia Maria Mosca, Joachim Schuster

7

-

ENF

France Jamet

GUE/NGL

Eleonora Forenza, Anne-Marie Mineur, Helmut Scholz

S&D

Maria Arena

VERTS/ALE

Heidi Hautala, Yannick Jadot

2

0

NI

David Borrelli

PPE

Santiago Fisas Ayxelà

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2018Avviso legale