Procedura : 2018/0106(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0398/2018

Testi presentati :

A8-0398/2018

Discussioni :

PV 15/04/2019 - 14
CRE 15/04/2019 - 14

Votazioni :

PV 16/04/2019 - 8.8
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2019)0366

RELAZIONE     ***I
PDF 3254kWORD 467k
26.11.2018
PE 623.965v02-00 A8-0398/2018

sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione

(COM(2018)0218 – C8-0159/2018 – 2018/0106(COD))

Commissione giuridica

Relatore: Virginie Rozière

Relatore per parere (*):

Miguel Viegas, commissione per i problemi economici e monetari

Maite Pagazaurtundúa Ruiz, commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni

(*)  Procedura con le commissioni associate – articolo 54 del regolamento

ERRATA/ADDENDA
EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE DELLA COMMISSIONE GIURIDICA SULLA BASE GIURIDICA
 PARERE della commissione per i problemi economici e monetari
 PARERE della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni
 PARERE della commissione per il controllo dei bilanci
 PARERE della commissione per l'occupazione e gli affari sociali
 PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare
 PARERE della commissione per la cultura e l'istruzione
 PARERE della commissione per gli affari costituzionali
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione

(COM(2018)0218 – C8-0159/2018 – 2018/0106(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2018)0218),

–  visti l'articolo 294, paragrafo 2, e gli articoli 16, 33, 43, 50, l'articolo 53, paragrafo 1, e gli articoli 62, 91, 100, 103, 109, 114, 168, 169, 192, 207 e 325, paragrafo 4 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, nonché l'articolo 31 del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C8-0159/2018),

–  visto il parere della commissione giuridica sulla base giuridica proposta,

–  visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il parere motivato inviato dal Parlamento svedese, nel quadro del protocollo n. 2 sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità, in cui si dichiara la mancata conformità del progetto di atto legislativo al principio di sussidiarietà,

–  visto il parere della Corte dei conti del 26 settembre 2018(1),

–  visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 18 ottobre 2018(2),

–  previa consultazione del Comitato delle regioni,

–  visti gli articoli 59 e 39 del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione giuridica e i pareri della commissione per i problemi economici e monetari, della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, della commissione per il controllo dei bilanci, della commissione per l'occupazione e gli affari sociali, della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, della commissione per la cultura e l'istruzione e della commissione per gli affari costituzionali (A8-0398/2018),

1.  adotta la posizione in prima lettura figurante in appresso;

2.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora la sostituisca, la modifichi sostanzialmente o intenda modificarla sostanzialmente;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

Emendamento    1

Proposta di direttiva

Visto 1

Testo della Commissione

Emendamento

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare gli articoli 16, 33, 43 e 50, l'articolo 53, paragrafo 1, gli articoli 62, 91, 100, 103, 109, 114, 168, 169, 192 e 207 e l'articolo 325, paragrafo 4, e il trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica, in particolare l'articolo 31,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare gli articoli 16, 33, 43 e 50, l'articolo 53, paragrafo 1, gli articoli 62, 91, 100, 103, 109, 114, l'articolo 153, paragrafo 1, lettere a), b) ed e), l'articolo 157, paragrafo 3, gli articoli 168, 169, 192 e 207 e l'articolo 325, paragrafo 4, e il trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica, in particolare l'articolo 31,

Emendamento    2

Proposta di direttiva

Considerando 1

Testo della Commissione

Emendamento

(1)  Chi lavora per un'organizzazione o è in contatto con essa nello svolgimento della propria attività professionale è spesso la prima persona a venire a conoscenza di minacce o pregiudizi al pubblico interesse sorti in tale ambito. Nel "dare l'allerta", gli informatori svolgono un ruolo decisivo nella denuncia e nella prevenzione delle violazioni del diritto e nella salvaguardia del benessere della società. Tuttavia i potenziali informatori sono spesso poco inclini a segnalare nel timore di ritorsioni.

(1)  Chi lavora per un'organizzazione pubblica o privata o è in contatto con essa nello svolgimento della propria attività professionale è spesso la prima persona a venire a conoscenza di minacce o pregiudizi al pubblico interesse sorti in tale ambito. Nel "dare l'allerta", gli informatori svolgono un ruolo decisivo nella denuncia e nella prevenzione delle violazioni del diritto che ledono il pubblico interesse nonché nella salvaguardia del benessere della società. Tuttavia i potenziali informatori sono spesso poco inclini a segnalare nel timore di ritorsioni. In tale contesto, l'importanza di garantire una protezione equilibrata ed efficace degli informatori è sempre più riconosciuta a livello sia europeo che internazionale. L'obiettivo della presente direttiva è pertanto quello di creare un clima di fiducia che consenta agli informatori di segnalare violazioni osservate o sospette del diritto e minacce all'interesse pubblico nonché di rafforzare l'esercizio della libertà di espressione e la libertà dei media sancite dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. È importante sottolineare che tali libertà costituiscono la pietra d'angolo del giornalismo d'inchiesta e del principio della riservatezza delle fonti d'informazione.

Emendamento    3

Proposta di direttiva

Considerando 2

Testo della Commissione

Emendamento

(2)  A livello di Unione le segnalazioni degli informatori costituiscono uno degli elementi a monte dell'applicazione del diritto dell'Unione, fornendo ai sistemi di contrasto nazionali e dell'Unione informazioni che portano all'indagine, all'accertamento e al perseguimento dei casi di violazione delle norme dell'Unione.

(2)  A livello di Unione le segnalazioni e le divulgazioni pubbliche degli informatori e dei giornalisti d'inchiesta costituiscono uno degli elementi a monte dell'applicazione del diritto e delle politiche dell'Unione, fornendo ai sistemi di contrasto nazionali e dell'Unione informazioni che portano spesso all'indagine, all'accertamento e al perseguimento dei casi di violazione delle norme dell'Unione, migliorando in tal modo la trasparenza e l'assunzione di responsabilità.

Emendamento    4

Proposta di direttiva

Considerando 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(2 bis)  Tutti i grandi scandali portati all'attenzione del pubblico luce dal 2014, come "LuxLeaks" e "Panama Papers", sono venuti alla luce grazie alle azioni degli informatori.

Emendamento    5

Proposta di direttiva

Considerando 3

Testo della Commissione

Emendamento

(3)  In determinati settori le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, creando rischi significativi per il benessere della società. Laddove siano state individuate carenze nell'applicazione del diritto in tali settori, e gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni, è necessario rafforzare l'applicazione del diritto garantendo una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni e predisponendo canali di segnalazione efficaci.

(3)  Le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare pregiudizio al pubblico interesse, creando rischi significativi per il benessere della società, e minare la fiducia dei cittadini nell'azione dell'Unione. Poiché gli informatori si trovano solitamente in una posizione privilegiata per segnalare tali violazioni e hanno il coraggio di segnalare o divulgare informazioni a difesa del pubblico interesse nonostante i rischi personali e professionali, è necessario rafforzare l'applicazione del diritto dell'Unione, garantendo una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni e predisponendo canali di segnalazione efficaci, indipendenti, confidenziali e sicuri.

Emendamento    6

Proposta di direttiva

Considerando 4

Testo della Commissione

Emendamento

(4)  Attualmente la protezione garantita agli informatori nell'Unione europea non è uniforme tra gli Stati membri e non è armonizzata tra i vari settori. Le conseguenze delle violazioni del diritto dell'Unione aventi una dimensione transfrontaliera rivelate dagli informatori dimostrano come l'assenza di un livello di protezione sufficiente in un dato Stato membro può avere non solo conseguenze negative sul funzionamento delle politiche dell'UE al suo interno, ma anche effetti di ricaduta in altri Stati membri e nell'UE nel suo insieme.

(4)  Attualmente la protezione garantita agli informatori nell'Unione europea non è uniforme tra gli Stati membri e le istituzioni, gli organi, gli uffici e le agenzie dell'Unione e non è inoltre armonizzata tra i vari settori. Le conseguenze delle violazioni del diritto dell'Unione aventi una dimensione transfrontaliera rivelate dagli informatori dimostrano come l'assenza di un livello di protezione sufficiente in un dato Stato membro può avere non solo conseguenze negative sul funzionamento delle politiche dell'UE al suo interno, ma anche effetti di ricaduta in altri Stati membri e nell'UE nel suo insieme.

Emendamento    7

Proposta di direttiva

Considerando 4 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(4 bis)  L'articolo 33 della Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione, di cui l'Unione europea e i suoi Stati membri sono parte, stabilisce chiaramente la necessità di misure giuridiche adeguate, intese a fornire una protezione contro qualsiasi trattamento ingiustificato alle persone che segnalano alle autorità competenti, in buona fede e sulla base di fondati motivi, qualsiasi fatto concernente i reati stabiliti dalla presente Convenzione.

Emendamento    8

Proposta di direttiva

Considerando 4 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(4 ter)   Al fine di agevolare la divulgazione al pubblico e creare una cultura della trasparenza in materia di segnalazioni, le condizioni relative alla divulgazione al pubblico dovrebbero essere conformi alla raccomandazione del Consiglio d'Europa CM/Rec (2014) 7 sulla protezione degli informatori. Ai media non dovrebbe in alcun modo essere impedito di denunciare illeciti e di svolgere in tal modo il loro ruolo democratico.

Emendamento    9

Proposta di direttiva

Considerando 5

Testo della Commissione

Emendamento

(5)  Di conseguenza dovrebbero applicarsi norme minime comuni atte a garantire una protezione efficace degli informatori negli atti e nei settori in cui i) occorre rafforzare l'applicazione delle norme; ii) l'insufficiente segnalazione da parte degli informatori è un fattore chiave che incide negativamente su tale applicazione e iii) le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse.

(5)  Di conseguenza dovrebbero applicarsi norme giuridiche minime comuni atte a garantire una protezione efficace degli informatori con un approccio globale ed esauriente negli atti dell'Unione e nazionali e nei settori in cui i) occorre rafforzare l'applicazione delle norme; ii) l'insufficiente segnalazione da parte degli informatori è un fattore chiave che incide negativamente su tale applicazione e iii) le violazioni del diritto dell'Unione o nazionale possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse.

Emendamento    10

Proposta di direttiva

Considerando 5 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(5 bis)  Sarebbe opportuno proteggere gli informatori al fine di promuovere un ambiente favorevole alla libertà di informazione e dei media; ciò presuppone, in primo luogo, che ai giornalisti e alle loro fonti, tra cui gli informatori, sia garantita una protezione efficace da qualsiasi violazione della loro sicurezza e della loro integrità fisica e psichica e che venga impedito qualsiasi tentativo di intimidirli o di pregiudicarne l'indipendenza.

Emendamento    11

Proposta di direttiva

Considerando 6

Testo della Commissione

Emendamento

(6)  La protezione degli informatori è necessaria per rafforzare l'attuazione del diritto dell'Unione nel settore degli appalti pubblici. Oltre alla prevenzione e individuazione delle frodi e della corruzione nel quadro dell'esecuzione del bilancio dell'UE, compresi gli appalti, occorre affrontare il problema del rispetto inadeguato delle norme relative agli appalti pubblici da parte delle autorità pubbliche nazionali e di alcuni operatori di pubblica utilità all'acquisto di beni, opere e servizi. Le violazioni di tali norme hanno per effetto di creare distorsioni della concorrenza, aumentare i costi operativi per le imprese, ledere gli interessi degli investitori e degli azionisti e, in generale, diminuire l'attrattiva degli investimenti creando disparità di condizioni per le imprese in Europa e compromettendo così il buon funzionamento del mercato interno.

(6)  La protezione degli informatori è necessaria per rafforzare l'attuazione del diritto dell'Unione nel settore degli appalti pubblici. Oltre alla prevenzione e individuazione delle frodi e della corruzione nel quadro dell'esecuzione del bilancio dell'UE, compresi gli appalti, occorre affrontare il problema del rispetto inadeguato delle norme relative agli appalti pubblici da parte delle autorità pubbliche nazionali e di alcuni operatori di pubblica utilità all'acquisto di beni, opere e servizi. Le violazioni di tali norme hanno per effetto di creare distorsioni della concorrenza, aumentare i costi operativi per le imprese, ledere gli interessi degli investitori e degli azionisti e, in generale, diminuire l'attrattiva degli investimenti creando disparità di condizioni per le imprese in Europa e compromettendo così il buon funzionamento del mercato interno. Nella maggior parte dei casi tali violazioni minacciano seriamente la fiducia dei cittadini nelle istituzioni pubbliche, pregiudicando quindi il corretto funzionamento della democrazia. Occorre fare ogni sforzo per proteggere chi segnala un uso improprio o una condotta scorretta per quanto riguarda il bilancio dell'Unione e le istituzioni dell'UE.

Emendamento    12

Proposta di direttiva

Considerando 6 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(6 bis)  Un regime di protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione non ovvia alla necessità di rafforzare i mezzi di controllo di ciascuno Stato membro e le loro strutture pubbliche, che dovrebbero essere sempre più in grado di combattere la frode fiscale e il riciclaggio di denaro, né alla necessità di partecipare alla cooperazione internazionale in tali settori.

Emendamento    13

Proposta di direttiva

Considerando 7

Testo della Commissione

Emendamento

(7)  Nel settore dei servizi finanziari il legislatore dell'Unione ha già riconosciuto il valore aggiunto della protezione degli informatori. In seguito alla crisi finanziaria che ha messo in evidenza gravi carenze nell'attuazione delle norme pertinenti, sono state introdotte norme per la protezione degli informatori in un numero significativo di strumenti legislativi in questo settore34. In particolare nel contesto del quadro prudenziale applicabile agli enti creditizi e alle imprese di investimento, la direttiva 2013/36/UE35 prevede disposizioni per la protezione degli informatori, estensibili anche al regolamento (UE) n. 575/2013 relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento.

(7)  Nel settore dei servizi finanziari il legislatore dell'Unione ha già riconosciuto il valore aggiunto della protezione settoriale degli informatori. In seguito alla crisi finanziaria che ha messo in evidenza gravi carenze nell'attuazione delle norme pertinenti, sono state introdotte norme per la protezione degli informatori in un numero significativo di strumenti legislativi in questo settore34. In particolare nel contesto del quadro prudenziale applicabile agli enti creditizi e alle imprese di investimento, la direttiva 2013/36/UE35 prevede disposizioni per la protezione degli informatori, estensibili anche al regolamento (UE) n. 575/2013 relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento. Tuttavia, una serie di casi eclatanti in cui erano coinvolte istituzioni finanziarie europee ha dimostrato che la protezione degli informatori all'interno di tali istituzioni finanziarie rimane ancora insoddisfacente e che il timore di ritorsioni, sia da parte dei datori di lavoro che delle autorità, impedisce tuttora agli informatori di presentare informazioni sulle violazioni del diritto.

_________________

_________________

34 Comunicazione dell'8 dicembre 2010 “Potenziare i regimi sanzionatori nel settore dei servizi finanziari”.

34 Comunicazione dell'8 dicembre 2010 “Potenziare i regimi sanzionatori nel settore dei servizi finanziari”.

35 Direttiva 2013/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, sull'accesso all'attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento, che modifica la direttiva 2002/87/CE e abroga le direttive 2006/48/CE e 2006/49/CE (GU L 176 del 27.6.2013, pag. 338);

35 Direttiva 2013/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, sull'accesso all'attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento, che modifica la direttiva 2002/87/CE e abroga le direttive 2006/48/CE e 2006/49/CE (GU L 176 del 27.6.2013, pag. 338);

Emendamento    14

Proposta di direttiva

Considerando 9

Testo della Commissione

Emendamento

(9)  L'importanza della protezione degli informatori per la prevenzione e la dissuasione delle violazioni delle norme dell'Unione in materia di sicurezza dei trasporti che possono mettere in pericolo vite umane è stata già riconosciuta negli strumenti settoriali dell'Unione in materia di sicurezza aerea38 e sicurezza dei trasporti marittimi39, che prevedono misure specifiche di protezione degli informatori e appositi canali di segnalazione. Tali strumenti comprendono anche la protezione dalle ritorsioni dei lavoratori che segnalano propri errori commessi in buona fede (la cosiddetta “cultura dell'equità”). È necessario completare gli elementi già esistenti di protezione degli informatori in questi due ambiti e garantire tale protezione per rafforzare l'applicazione delle norme di sicurezza relativamente ad altri modi di trasporto, in particolare quello stradale e ferroviario.

(9)  L'importanza della protezione degli informatori per la prevenzione e la dissuasione delle violazioni delle norme dell'Unione in materia di sicurezza dei trasporti che possono mettere in pericolo vite umane è stata già riconosciuta negli strumenti settoriali dell'Unione in materia di sicurezza aerea38 e sicurezza dei trasporti marittimi39, che prevedono misure specifiche di protezione degli informatori e appositi canali di segnalazione. Tali strumenti comprendono anche la protezione dalle ritorsioni dei lavoratori che segnalano propri errori commessi in buona fede (la cosiddetta “cultura dell'equità”). È necessario, tra l'altro, completare e ampliare gli elementi già esistenti di protezione degli informatori in questi due ambiti e garantire tale protezione per rafforzare immediatamente l'applicazione delle norme di sicurezza relativamente ad altri modi di trasporto, in particolare i trasporti speciali, i trasporti per vie di navigazione interna nonché quello stradale e ferroviario.

_________________

_________________

38 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile (GU L 122, pag. 18).

38 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile (GU L 122, pag. 18).

39 Direttiva 2013/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativa a talune responsabilità dello Stato di bandiera ai fini della conformità alla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e della sua applicazione (GU L 329, pag. 1), direttiva 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (GU L 131 del 28.5.2009).

39 Direttiva 2013/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativa a talune responsabilità dello Stato di bandiera ai fini della conformità alla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e della sua applicazione (GU L 329, pag. 1), direttiva 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (GU L 131 del 28.5.2009).

Emendamento    15

Proposta di direttiva

Considerando 10

Testo della Commissione

Emendamento

(10)  La raccolta di prove, l'accertamento e il perseguimento dei reati ambientali e dei comportamenti illeciti contro la tutela dell'ambiente rimangono aspetti problematici e devono essere rafforzati, come riconosciuto nella comunicazione della Commissione "Azioni dell'UE volte a migliorare la conformità e la governance ambientali" del 18 gennaio 201840. Considerato che attualmente le norme di protezione degli informatori sono previste soltanto in uno strumento settoriale in materia di tutela dell'ambiente41, l'introduzione di una tale protezione risulta necessaria per garantire l'efficace attuazione dell'acquis ambientale dell'Unione, le cui violazioni possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, con possibili effetti di ricaduta al di là delle frontiere nazionali. Lo stesso vale dei prodotti non sicuri che possono causare danni ambientali.

(10)  La raccolta di prove, la prevenzione, l'accertamento e il perseguimento dei reati ambientali e dei comportamenti illeciti o delle omissioni e delle potenziali violazioni concernenti la tutela dell'ambiente rimangono purtroppo aspetti problematici e devono essere rafforzati, come riconosciuto nella comunicazione della Commissione "Azioni dell'UE volte a migliorare la conformità e la governance ambientali" del 18 gennaio 201840. Considerato che attualmente le norme di protezione degli informatori sono previste soltanto in uno strumento settoriale in materia di tutela dell'ambiente41, l'introduzione di una tale protezione è necessaria per garantire l'efficace attuazione dell'acquis ambientale dell'Unione, le cui violazioni possono arrecare pregiudizio al pubblico interesse, con possibili effetti di ricaduta al di là delle frontiere nazionali. Lo stesso vale dei prodotti non sicuri che possono causare danni ambientali.

_________________

_________________

40 COM(2018) 10 final

40 COM(2018) 0010.

41 Direttiva 2013/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi (GU L 178, pag. 66).

41 Direttiva 2013/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi e che modifica la direttiva 2004/35/CE (GU L 178 del 28.6.2013, pag. 66).66).

Emendamento    16

Proposta di direttiva

Considerando 11

Testo della Commissione

Emendamento

(11)  Analoghe considerazioni giustificano l'introduzione di una protezione degli informatori per rafforzare le disposizioni esistenti e prevenire le violazioni delle norme dell'UE nel settore della filiera alimentare, in particolare della sicurezza degli alimenti e dei mangimi e della salute e del benessere degli animali. Le diverse norme dell'Unione in questi settori sono strettamente collegate tra loro. Il regolamento (CE) n. 178/200242 stabilisce i principi e i requisiti generali che sono alla base di tutte le misure dell'Unione e nazionali relative ai prodotti alimentari e ai mangimi, con particolare attenzione alla sicurezza alimentare, al fine di garantire un livello elevato di tutela della salute umana e degli interessi dei consumatori in relazione agli alimenti e l'efficace funzionamento del mercato interno. Tale regolamento stabilisce tra l'altro che agli operatori del settore alimentare e dei mangimi è vietato scoraggiare i propri dipendenti dal cooperare con le autorità competenti ove ciò possa prevenire, ridurre o eliminare un rischio derivante da un alimento. Il legislatore dell'Unione ha adottato un approccio analogo per la “normativa in materia di sanità animale” nel regolamento (UE) 2016/429 che fissa norme per prevenire e controllare malattie animali trasmissibili agli animali o all'uomo43.

(11)  Analoghe considerazioni giustificano l'introduzione di una protezione degli informatori per rafforzare le disposizioni esistenti e prevenire le violazioni delle norme dell'UE nel settore della filiera alimentare, in particolare della sicurezza degli alimenti e dei mangimi e della salute, della protezione e del benessere degli animali. Le diverse norme dell'Unione in questi settori sono strettamente collegate tra loro. Il regolamento (CE) n. 178/200242 stabilisce i principi e i requisiti generali che sono alla base di tutte le misure dell'Unione e nazionali relative ai prodotti alimentari e ai mangimi, con particolare attenzione alla sicurezza alimentare, al fine di garantire un livello elevato di tutela della salute umana e degli interessi dei consumatori in relazione agli alimenti e l'efficace funzionamento del mercato interno. Tale regolamento stabilisce tra l'altro che agli operatori del settore alimentare e dei mangimi è vietato scoraggiare i propri dipendenti dal cooperare con le autorità competenti ove ciò possa prevenire, ridurre o eliminare un rischio derivante da un alimento. Il legislatore dell'Unione ha adottato un approccio analogo per la “normativa in materia di sanità animale” nel regolamento (UE) 2016/429 che fissa norme per prevenire e controllare malattie animali trasmissibili agli animali o all'uomo43. La direttiva 98/58/CE del Consiglio43 bis e la direttiva 2010/63/UE del Parlamento europeo e del Consiglio43 ter, nonché i regolamenti del Consiglio (CE) n. 1/200543 quater e (CE) n. 1099/200943 quinquies stabiliscono le norme applicabili alla tutela e al benessere degli animali negli allevamenti, durante il trasporto, durante l'abbattimento e quando sono impiegati a fini di sperimentazione.

__________________

__________________

42 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare (GU L 31, pag. 1).

42 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare (GU L 31, pag. 1).

43 GU L 84, pag. 1.

43 GU L 84, pag. 1.

 

43 bis Direttiva 98/58/CE del Consiglio, del 20 luglio 1998, riguardante la protezione degli animali negli allevamenti (GU L 221 dell'8.8.1998, pag. 23);

 

43 ter Direttiva 2010/63/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2010, sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici (GU L 276 del 20.10.2010, pag. 33).

 

43 quater Regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio, del 22 dicembre 2004, sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate che modifica le direttive 64/432/CEE e 93/119/CE e il regolamento (CE) n. 1255/97 (GU L 3 del 5.1.2005, pag. 1);

 

43 quinquies Regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio, del 24 settembre 2009, relativo alla protezione degli animali durante l'abbattimento (GU L 303 del 18.11.2009, pag. 1).

Emendamento    17

Proposta di direttiva

Considerando 12

Testo della Commissione

Emendamento

(12)  Rafforzare la protezione degli informatori contribuirebbe inoltre a prevenire e scoraggiare le violazioni delle norme Euratom in materia di sicurezza nucleare, radioprotezione e gestione sicura e responsabile del combustibile esaurito e dei residui radioattivi, e rafforzerebbe l'applicazione della direttiva riveduta sulla sicurezza nucleare in materia di cultura della sicurezza nucleare efficace44, in particolare l'articolo 8 ter, paragrafo 2, lettera a), che richiede, tra l'altro, che l'autorità di regolamentazione competente istituisca sistemi di gestione che attribuiscano la dovuta priorità alla sicurezza nucleare e promuovano, a tutti i livelli del personale e dei dirigenti, le capacità di mettere in discussione l'efficace realizzazione dei principi e delle pratiche di sicurezza pertinenti e di segnalare prontamente problemi di sicurezza.

(Non concerne la versione italiana)  

_________________

44 Direttiva 2014/87/Euratom del Consiglio, dell'8 luglio 2014, che modifica la direttiva 2009/71/Euratom che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari (GU L 219 del 25.7.2014, pag. 42).

Emendamento    18

Proposta di direttiva

Considerando 13

Testo della Commissione

Emendamento

(13)  Nella stessa ottica le segnalazioni degli informatori possono essere decisive per individuare e prevenire, ridurre o eliminare i rischi per la salute pubblica e la tutela dei consumatori derivanti dalle violazioni delle norme dell'Unione che non verrebbero altrimenti alla luce. In particolare la tutela dei consumatori è anche strettamente collegata ai casi in cui prodotti non sicuri possono arrecare gravi danni ai consumatori. La protezione degli informatori dovrebbe pertanto essere introdotta in relazione alle pertinenti norme dell'Unione adottate a norma degli articoli 114, 168 e 169 del TFUE.

(13)  Nella stessa ottica le segnalazioni degli informatori possono essere decisive per individuare e prevenire, ridurre o eliminare i rischi per la salute pubblica e la tutela dei consumatori derivanti dalle violazioni delle norme dell'Unione che non verrebbero altrimenti alla luce. In particolare la tutela dei consumatori è anche strettamente collegata ai casi in cui prodotti non sicuri possono arrecare danni ai consumatori. La protezione degli informatori dovrebbe pertanto essere introdotta in relazione alle pertinenti norme dell'Unione adottate a norma degli articoli 114, 168 e 169 del TFUE.

Emendamento    19

Proposta di direttiva

Considerando 14

Testo della Commissione

Emendamento

(14)  La protezione della vita privata e dei dati personali è un altro settore in cui gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni del diritto dell'Unione che possono ledere gravemente il pubblico interesse. Analoghe considerazioni valgono per le violazioni della direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi45 che introduce la segnalazione degli incidenti (compresi quelli che non compromettono i dati personali) e i requisiti di sicurezza per gli operatori di servizi essenziali in numerosi settori (energia, sanità, trasporti, banche, ecc.) e i fornitori di servizi digitali essenziali (ad esempio i servizi di cloud computing). Le segnalazioni degli informatori in questo settore sono particolarmente utili per prevenire gli incidenti che potrebbero compromettere attività economiche e sociali fondamentali e servizi digitali di vasta utilizzazione. Le segnalazioni contribuiscono a garantire la continuità dei servizi essenziali per il funzionamento del mercato interno e il benessere della società.

(14)  La protezione della vita privata e dei dati personali, sancita dagli articoli 7 e 8 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e dall'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), è un altro settore in cui gli informatori possono contribuire a segnalare le violazioni del diritto dell'Unione che possono ledere il pubblico interesse. Analoghe considerazioni valgono per le violazioni della direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi45 che introduce la segnalazione degli incidenti (compresi quelli che non compromettono i dati personali) e i requisiti di sicurezza per gli operatori di servizi essenziali in numerosi settori (energia, turismo, sanità, trasporti, banche, edilizia, ecc.), per i fornitori di servizi digitali essenziali (ad esempio i servizi di cloud computing) e per i fornitori di servizi di base, quali acqua, elettricità e gas. Le segnalazioni degli informatori in questo settore sono particolarmente utili per prevenire gli incidenti che potrebbero compromettere attività economiche e sociali fondamentali e servizi digitali di vasta utilizzazione, nonché per prevenire qualsiasi violazione della legislazione dell'Unione in materia di protezione dei dati. Le segnalazioni contribuiscono a garantire la continuità dei servizi essenziali per la società.

_________________

_________________

45 Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione.

45 Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione (GU L 194 del 19.7.2016, pag. 1).

Emendamento    20

Proposta di direttiva

Considerando 16

Testo della Commissione

Emendamento

(16)  La tutela degli interessi finanziari dell'Unione, che interessa la lotta contro le frodi, la corruzione e qualsiasi altra attività illegale connessa all'utilizzo delle spese dell'Unione, la raccolta delle entrate e i fondi o gli attivi dell'Unione, è un settore in cui l'applicazione del diritto dell'Unione deve essere rafforzata. Il rafforzamento della protezione degli interessi finanziari dell'Unione abbraccia anche l'esecuzione del bilancio dell'Unione in relazione alle spese effettuate sulla base del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica. La mancanza di un'applicazione efficace delle norme riguardanti gli interessi finanziari dell'Unione, anche in materia di frode e corruzione a livello nazionale, determina una perdita di entrate per l'Unione e un uso improprio dei fondi dell'UE che possono falsare gli investimenti pubblici e la crescita e minare la fiducia dei cittadini nell'azione dell'UE. La protezione degli informatori è indispensabile per favorire l'individuazione, la prevenzione e la dissuasione delle frodi e delle attività illecite.

(16)  La tutela degli interessi finanziari dell'Unione, che interessa la lotta contro le frodi, la corruzione, la violazione di obblighi giuridici, l'abuso di potere e qualsiasi altra attività illegale connessa all'utilizzo delle spese dell'Unione, la raccolta delle entrate e i fondi o gli attivi dell'Unione, è un settore in cui l'applicazione del diritto dell'Unione deve essere rafforzata. Il rafforzamento della protezione degli interessi finanziari dell'Unione abbraccia anche l'esecuzione del bilancio dell'Unione in relazione alle spese effettuate sulla base del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica. La mancanza di un'applicazione efficace delle norme riguardanti gli interessi finanziari dell'Unione, anche in materia di frode e corruzione a livello nazionale, determina una perdita di entrate per l'Unione e un uso improprio dei fondi dell'UE che possono falsare gli investimenti pubblici e la crescita e minare la fiducia dei cittadini nell'azione dell'UE. Anche i giornalisti d'inchiesta svolgono un ruolo fondamentale nell'individuazione di irregolarità legate a tutti questi settori. Essi rappresentano un gruppo molto esposto di professionisti, che a volte pagano con il loro posto di lavoro, la loro libertà e persino con la loro vita la divulgazione di sistemi di corruzione e irregolarità su vasta scala. Per questo motivo, è opportuno includere in una proposta legislativa orizzontale per la protezione degli informatori anche misure speciali per la protezione dei giornalisti d'inchiesta. La protezione degli informatori e del giornalismo d'inchiesta è indispensabile per favorire l'individuazione, la prevenzione e la dissuasione delle frodi e delle attività illecite.

Emendamento    21

Proposta di direttiva

Considerando 18

Testo della Commissione

Emendamento

(18)  Taluni atti dell'Unione, in particolare nel settore dei servizi finanziari, come il regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato49 e la direttiva di esecuzione 2015/2392 della Commissione adottata sulla base del suddetto regolamento50, contengono già disposizioni dettagliate sulla protezione degli informatori. Alla legislazione vigente dell'Unione, compreso l'elenco che figura nella parte II dell'allegato, dovrebbe integrarsi la presente direttiva affinché questi strumenti siano pienamente allineati alle sue norme minime, mantenendo nel contempo le loro specificità in funzione dei settori interessati. Si tratta di un aspetto particolarmente importante per stabilire quali soggetti giuridici del settore dei servizi finanziari, della prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo siano attualmente tenuti a stabilire canali di segnalazione interna.

(18)  Taluni atti dell'Unione, in particolare nel settore dei servizi finanziari, come il regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato49 e la direttiva di esecuzione 2015/2392 della Commissione adottata sulla base del suddetto regolamento50, contengono già disposizioni dettagliate sulla protezione degli informatori. Alla legislazione vigente dell'Unione, compreso l'elenco che figura nella parte II dell'allegato, dovrebbe integrarsi la presente direttiva affinché questi strumenti siano pienamente allineati alle sue norme minime, mantenendo nel contempo le loro specificità in funzione dei settori interessati. Si tratta di un aspetto particolarmente importante per stabilire quali soggetti giuridici del settore dei servizi finanziari, della prevenzione del riciclaggio e della lotta contro di esso, della corretta attuazione della direttiva 2011/7/UE del Parlamento europeo e del Consiglio50bis, del finanziamento del terrorismo e della criminalità informatica siano attualmente tenuti a stabilire canali di segnalazione interna. Poiché siffatti casi spesso interessano configurazioni aziendali e finanziarie internazionali estremamente complesse, che potrebbero rientrare nell'ambito di competenza di giurisdizioni diverse, sarebbe opportuno predisporre un punto di contatto unificato per gli informatori.

_________________

_________________

49 GU L 173, pag. 1.

49 GU L 173, pag. 1.

50 Direttiva di esecuzione (UE) 2015/2392 della Commissione, del 17 dicembre 2015, relativa al regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio e concernente la segnalazione alle autorità competenti di violazioni effettive o potenziali del suddetto regolamento (GU L 332, pag. 126).

50 Direttiva di esecuzione (UE) 2015/2392 della Commissione, del 17 dicembre 2015, relativa al regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio e concernente la segnalazione alle autorità competenti di violazioni effettive o potenziali del suddetto regolamento (GU L 332, pag. 126).

 

50bis Direttiva 2011/7/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali (GU L 48 del 23.2.2011, pag. 1).

Emendamento    22

Proposta di direttiva

Considerando 18 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(18 bis)  L'Unione si fonda su valori e principi comuni. Essa garantisce il rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali quali sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (in prosieguo: la "Carta"). Poiché l'Unione si basa su tali diritti e principi, la loro protezione riveste fondamentale importanza e le persone che segnalano un vulnus di tali diritti e principi meritano di beneficiare della protezione prevista dalla presente direttiva.

Emendamento    23

Proposta di direttiva

Considerando 19

Testo della Commissione

Emendamento

(19)  Ogni volta che viene adottato un nuovo atto dell'Unione in cui la protezione degli informatori è pertinente e può contribuire a un'attuazione più efficace della legge, si dovrebbe valutare l'opportunità di modificare l'allegato della presente direttiva per includerlo nel suo ambito di applicazione.

(19)  Per tener conto di qualsiasi nuovo atto dell'Unione in cui la protezione degli informatori è pertinente e che potrebbe avere un impatto in termini di un'attuazione più efficace della legge, è opportuno delegare alla Commissione il potere di adottare atti conformemente all'articolo 290 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea al fine di modificare la presente direttiva aggiornando il relativo allegato ogni volta che sia adottato un siffatto nuovo atto dell'Unione per includerlo nell'ambito di applicazione della presente direttiva. È di particolare importanza che, durante i suoi lavori preparatori, la Commissione svolga adeguate consultazioni, anche a livello di esperti, nel rispetto dei principi stabiliti nell'accordo interistituzionale "Legiferare meglio" del 13 aprile 201650ter. In particolare, al fine di garantire una partecipazione paritaria alla preparazione degli atti delegati, il Parlamento europeo e il Consiglio ricevono tutti i documenti contemporaneamente agli esperti degli Stati membri, e i loro esperti hanno sistematicamente accesso alle riunioni dei gruppi di esperti della Commissione incaricati della preparazione degli atti delegati.

 

___________________

 

50ter GU L 123 del 12.5.2016, pag. 1.

Emendamento    24

Proposta di direttiva

Considerando 19 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(19 bis)  In determinate situazioni, le violazioni del diritto dell'Unione in materia di tutela dei lavoratori, condizioni di occupazione e di lavoro, diritti sociali, individuali e collettivi dei lavoratori possono essere oggetto di efficaci procedure individuali per garantire rimedio. Per contro, quando sono sistematiche, queste infrazioni recano pregiudizio al pubblico interesse ed è quindi necessario prevedere la protezione delle persone che segnalano questo tipo di infrazioni. In alcuni settori sono state riscontrate difficoltà nell'attuazione della legislazione dell'Unione, come ad esempio l'inaccettabile necessità di ricorrere al lavoro precario. È inoltre necessaria un'efficace attuazione del diritto dell'Unione mentre il rafforzamento della protezione degli informatori nel settore del diritto del lavoro migliorerebbe l'applicazione della legge e garantirebbe un elevato livello di protezione dei lavoratori nel mercato interno, garantendo comunque un'equa concorrenza tra operatori economici.

Emendamento    25

Proposta di direttiva

Considerando 20

Testo della Commissione

Emendamento

(20)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione garantita ai lavoratori dipendenti che segnalano violazioni del diritto del lavoro dell'Unione. In particolare nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, l'articolo 11 della direttiva quadro 89/391/CEE impone già agli Stati membri di garantire che i lavoratori o i loro rappresentanti non siano penalizzati a causa delle loro richieste al datore di lavoro di prendere misure adeguate per ridurre qualsiasi rischio per i lavoratori e/o eliminare le cause di pericolo. I lavoratori e i loro rappresentanti hanno il diritto di rivolgersi alle autorità nazionali competenti se ritengono che le misure adottate e i mezzi impiegati dal datore di lavoro non siano sufficienti per garantire la sicurezza e la salute.

(20)  La presente direttiva integra la protezione garantita ai lavoratori dipendenti che segnalano violazioni del diritto del lavoro dell'Unione. In particolare nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, l'articolo 11 della direttiva quadro 89/391/CEE impone già agli Stati membri di garantire che i lavoratori o i loro rappresentanti non siano penalizzati a causa delle loro richieste al datore di lavoro di prendere misure adeguate per ridurre qualsiasi rischio per i lavoratori e/o eliminare le cause di pericolo. I lavoratori e i loro rappresentanti hanno il diritto di rivolgersi alle autorità nazionali o dell'Unione europea competenti se ritengono che le misure adottate e i mezzi impiegati dal datore di lavoro non siano sufficienti per garantire la sicurezza e la salute.

Emendamento    26

Proposta di direttiva

Considerando 21

Testo della Commissione

Emendamento

(21)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione della sicurezza nazionale e delle altre informazioni classificate che, in virtù del diritto dell'Unione o delle disposizioni legislative, regolamentari o amministrative in vigore nello Stato membro interessato, devono essere protette per motivi di sicurezza dall'accesso non autorizzato. Inoltre le disposizioni della presente direttiva non dovrebbero pregiudicare gli obblighi derivanti dalla decisione (UE, Euratom) 2015/444 della Commissione, del 13 marzo 2015, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE o dalla decisione del Consiglio, del 23 settembre 2013, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE.

(Non concerne la versione italiana)  

Emendamento    27

Proposta di direttiva

Considerando 22

Testo della Commissione

Emendamento

(22)  Coloro che segnalano minacce o pregiudizi al pubblico interesse di cui sono venuti a sapere nell'ambito delle loro attività professionali esercitano il diritto alla libertà di espressione. Il diritto alla libertà di espressione, sancito dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (in prosieguo la "Carta") e dall'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), comprende la libertà e il pluralismo dei media.

(22)  Coloro che segnalano minacce o pregiudizi al pubblico interesse agiscono in forza del diritto alla libertà di espressione e di iinformazione, sanciti dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (in prosieguo la "Carta") e dall'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che comprende il diritto di ricevere e diffondere informazioni, così come la libertà e il pluralismo dei media.

Emendamento    28

Proposta di direttiva

Considerando 26

Testo della Commissione

Emendamento

(26)  La protezione dovrebbe applicarsi, in primo luogo, alle persone aventi la qualifica di “lavoratore” ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, come interpretato dalla Corte di giustizia dell'Unione europea52, vale a dire la persona che fornisce, per un certo periodo di tempo, a favore di terzi e sotto la direzione di questi, determinate prestazioni in contropartita delle quali ricevono una retribuzione. La protezione dovrebbe quindi essere concessa anche ai lavoratori con contratti atipici, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, nonché alle persone che hanno un contratto di lavoro o un rapporto di lavoro con un'agenzia interinale, che sono tipi di rapporti di lavoro cui è spesso difficile applicare le norme di base contro il trattamento iniquo.

(26)  La protezione dovrebbe applicarsi, in primo luogo, alle persone aventi la qualifica di “lavoratore” ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, come interpretato dalla Corte di giustizia dell'Unione europea52, vale a dire la persona che fornisce, per un certo periodo di tempo, a favore di terzi e sotto la direzione di questi, determinate prestazioni in contropartita delle quali ricevono una retribuzione. Conformemente alla giurisprudenza della Corte, la nozione di "lavoratore" dovrebbe essere interpretata in senso lato, vale a dire in modo da includere i pubblici ufficiali e i dipendenti pubblici. La protezione dovrebbe quindi essere concessa anche ai lavoratori con contratti di altro tipo, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, gli stagisti, i tirocinanti, retribuiti o non retribuiti, nonché alle persone che hanno un contratto di lavoro o un rapporto di lavoro con un'agenzia interinale e alle persone con lavori precari o in situazioni transfrontaliere, che sono tipi di rapporti di lavoro cui è spesso difficile applicare le norme di base contro il trattamento iniquo. Infine, la protezione dovrebbe essere concessa anche alle persone il cui contratto di lavoro è terminato.

_________________

________________

52 Sentenze del 3 luglio 1986, Lawrie-Blum, causa C-66/85; del 14 ottobre 2010, Union Syndicale Solidaires Isère, causa C-428/09; del 9 luglio 2015, Balkaya, causa C-229/14; del 4 dicembre 2014, FNV Kunsten, causa C-413/13 e del 17 novembre 2016, Ruhrlandklinik, causa C-216/15.

52 Sentenza della Corte di giustizia del 3 luglio 1986, Lawrie-Blum/Land Baden-Württemberg, C-66/85, ECLI:EU:C:1986:284; sentenza della Corte di giustizia del 14 ottobre 2010, Union Syndicale Solidaires Isère, C-428/09, ECLI:EU:C:2010:612; sentenza della Corte di giustizia del 9 luglio 2015, Balkaya, C-229/14, ECLI:EU:C:2015:455; sentenza della Corte di giustizia del 4 dicembre 2014, FNV Kunsten Informatie en Media, C-413/13, ECLI:EU:C:2014:2411; sentenza della Corte di giustizia del 17 novembre 2016, Betriebsrat der Ruhrlandklinik, C-216/15, ECLI:EU:C:2016:883.

Emendamento    29

Proposta di direttiva

Considerando 27

Testo della Commissione

Emendamento

(27)  La protezione dovrebbe essere estesa anche ad altre categorie di persone fisiche e giuridiche che, pur non essendo "lavoratori" ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, possono svolgere un ruolo chiave nel rivelare violazioni del diritto e che possono trovarsi in una situazione di vulnerabilità economica nell'ambito delle loro attività professionali. Ad esempio in settori come la sicurezza dei prodotti i fornitori sono molto più vicini alla fonte delle possibili pratiche illecite di fabbricazione, importazione o distribuzione di prodotti non sicuri; nell'esecuzione dei fondi dell'Unione i consulenti che prestano i loro servizi sono in una posizione privilegiata per richiamare l'attenzione sulle violazioni di cui sono testimoni. Tali categorie di persone, compresi i lavoratori autonomi che prestano servizi, i lavoratori indipendenti, i contraenti, i subappaltatori e i fornitori, sono generalmente esposte a ritorsioni sotto forma di risoluzione o annullamento del contratto di servizi, della licenza o del permesso, perdita di opportunità commerciali, perdita di reddito, coercizione, intimidazioni o vessazioni, inserimento nelle liste nere/boicottaggio o danni alla reputazione. Anche gli azionisti e le persone negli organi direttivi possono subire ritorsioni, ad esempio in termini finanziari o sotto forma di intimidazioni o vessazioni, inserimento nelle liste nere o danni alla reputazione. La protezione dovrebbe inoltre essere concessa ai candidati in vista di un'assunzione o della prestazione di servizi a un'organizzazione, che abbiano acquisito le informazioni sulle violazioni del diritto durante il processo di selezione o in altre fasi della trattativa precontrattuale e che possono subire ritorsioni, ad esempio sotto forma di inserimento nelle liste nere/boicottaggio.

(27)  La protezione dovrebbe essere estesa anche ad altre categorie di persone fisiche e giuridiche che, pur non essendo "lavoratori" ai sensi del diritto nazionale o dell'articolo 45 del TFUE, possono svolgere un ruolo chiave nel rivelare violazioni del diritto e che possono trovarsi in una situazione di vulnerabilità economica nell'ambito delle loro attività professionali. Ad esempio in settori come la sicurezza dei prodotti i fornitori sono molto più vicini alla fonte delle possibili pratiche illecite di fabbricazione, importazione o distribuzione di prodotti non sicuri; nell'esecuzione dei fondi dell'Unione i consulenti che prestano i loro servizi sono in una posizione privilegiata per richiamare l'attenzione sulle violazioni di cui sono testimoni. Tali categorie di persone, compresi i lavoratori autonomi che prestano servizi, i lavoratori indipendenti, i contraenti, i subappaltatori e i fornitori, sono generalmente esposte a ritorsioni che possono prendere ad esempio la forma di risoluzione o annullamento del contratto di servizi, della licenza o del permesso, perdita di opportunità commerciali, perdita di reddito, coercizione, intimidazioni o vessazioni, inserimento nelle liste nere/boicottaggio o danni alla reputazione. Anche gli azionisti e le persone negli organi direttivi possono subire ritorsioni, ad esempio in termini finanziari o sotto forma di intimidazioni o vessazioni, inserimento nelle liste nere o danni alla reputazione. La protezione dovrebbe inoltre essere concessa ai candidati in vista di un'assunzione o della prestazione di servizi a un'organizzazione, che abbiano acquisito le informazioni sulle violazioni del diritto durante il processo di selezione o in altre fasi della trattativa precontrattuale e che possono subire ritorsioni, ad esempio sotto forma di inserimento nelle liste nere/boicottaggio.

Motivazione

La direttiva dovrebbe tenere in considerazione che la definizione della nozione di lavoratore è una questione nazionale per alcuni Stati membri.

Emendamento    30

Proposta di direttiva

Considerando 27 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(27 bis)  In conformità agli articoli 22 bis, 22 ter e 22 quater dello statuto dei funzionari dell'Unione europea e dell'articolo 11 del regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea, di cui al regolamento (CEE, Euratom, CECA) n. 259/68 del Consiglio52 bis, tutte le istituzioni dell'Unione sono tenute ad adottare e attuare norme interne per la protezione degli informatori.

 

_______________

 

52 bis GU L 56 del 4.3.1968, pag. 1.

Emendamento    31

Proposta di direttiva

Considerando 28

Testo della Commissione

Emendamento

(28)  Proteggere efficacemente gli informatori significa estendere la protezione anche ad altre categorie di persone che, pur non dipendendo dalle loro attività lavorative dal punto di vista economico, rischiano comunque di subire ritorsioni per aver denunciato violazioni. Tra le forme di ritorsione contro i volontari e i tirocinanti non retribuiti: non avvalersi più dei loro servizi, dare referenze negative per futuri posti di lavoro, danneggiarne la reputazione in altro modo.

(28)  Proteggere efficacemente gli informatori significa estendere la protezione anche ad altre categorie di persone che, pur non dipendendo dalle loro attività lavorative dal punto di vista economico, rischiano comunque di subire ritorsioni per aver denunciato violazioni o per aver sostenuto, direttamente o indirettamente, le segnalazioni degli informatori. Tra le forme di ritorsione contro i volontari e i tirocinanti retribuiti o non retribuiti: non avvalersi più dei loro servizi, dare referenze negative per futuri posti di lavoro, danneggiarne in altro modo la reputazione o le prospettive di carriera.

Emendamento    32

Proposta di direttiva

Considerando 28 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(28 bis)  Nella stessa ottica, è importante garantire la protezione delle persone, come i colleghi di lavoro che assistono la persona segnalante sul posto di lavoro, tra l'altro fornendole consulenza in merito all'iter da seguire, agli opportuni canali di segnalazione, alle protezioni offerte o alla formulazione delle segnalazioni. Tali persone potrebbero venire a conoscenza delle informazioni emerse e potrebbero quindi essere altresì oggetto di ritorsioni. Esse dovrebbero pertanto beneficiare della protezione prevista dalla presente direttiva. Anche i giornalisti d'inchiesta svolgono un ruolo cruciale nel denunciare violazioni del diritto dell'Unione e possono subire misure di ritorsione, come i contenziosi strategici, ad esempio per calunnia o diffamazione. Anch'essi dovrebbero pertanto avere il diritto di beneficiare delle misure di protezione previste dalla presente direttiva, in modo da salvaguardare la libertà di espressione qualora la legislazione nazionale non preveda una protezione maggiore.

Emendamento    33

Proposta di direttiva

Considerando 28 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(28 ter)  Una protezione efficace degli informatori dovrebbe inoltre includere la protezione di chiunque sia in possesso di prove di tali atti nel settore pubblico o privato, anche se non vi ha necessariamente assistito in prima persona.

Emendamento    34

Proposta di direttiva

Considerando 28 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(28 quater)  Una protezione efficace implica una formazione adeguata e la disponibilità di un centro informazioni che notifichi alle persone segnalanti i loro diritti, le opzioni disponibili per la divulgazione e i termini della protezione, affinché siano consapevoli dei loro diritti e delle loro responsabilità. Ciò non andrebbe considerato come surrogato dell'accesso a una consulenza legale indipendente, che dovrebbe essere altresì disponibile.

Emendamento    35

Proposta di direttiva

Considerando 29

Testo della Commissione

Emendamento

(29)  Ai fini dell'individuazione e prevenzione efficaci di un grave pregiudizio al pubblico interesse, le informazioni segnalate che soddisfano i criteri di ammissibilità alla protezione devono riguardare non soltanto le attività illecite, ma anche gli abusi del diritto, ovvero gli atti o le omissioni che pur non risultando irregolari dal punto di vista formale vanificano l'oggetto o la finalità del diritto.

(29)  Ai fini dell'individuazione e prevenzione efficaci di un pregiudizio al pubblico interesse, le informazioni segnalate che soddisfano i criteri di ammissibilità alla protezione devono riguardare non soltanto le attività illecite, ma anche gli abusi del diritto, ovvero gli atti o le omissioni che, pur non risultando irregolari dal punto di vista formale, vanificano l'oggetto o la finalità del diritto o costituiscono un pericolo o una potenziale minaccia per il pubblico interesse.

Emendamento    36

Proposta di direttiva

Recital 30

Testo della Commissione

Emendamento

(30)  Per prevenire efficacemente le violazioni del diritto dell'Unione la protezione deve essere concessa anche alle persone che forniscono informazioni su potenziali violazioni che non sono state ancora commesse ma che verosimilmente potrebbero. Per gli stessi motivi la protezione è giustificata anche per le persone che non forniscono prove certe, ma espongono ragionevoli preoccupazioni o sospetti. Allo stesso tempo la protezione non dovrebbe applicarsi alla segnalazione di informazioni che sono già di dominio pubblico, di notizie prive di fondamento e di voci di corridoio.

(30)  Per prevenire efficacemente le violazioni del diritto dell'Unione, la protezione deve essere concessa anche alle persone che forniscono informazioni su violazioni che potrebbero con molta probabilità essere commesse. Per gli stessi motivi la protezione è giustificata anche per le persone che non forniscono prove certe, ma espongono motivati e ragionevoli preoccupazioni o sospetti, nonché per le persone che forniscono un supplemento d'informazione su questioni già di dominio pubblico. Allo stesso tempo la protezione non dovrebbe applicarsi alla segnalazione di notizie prive di fondamento e di voci di corridoio.

Emendamento    37

Proposta di direttiva

Considerando 30 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(30 bis)  Tuttavia, al fine di prevenire danni ingiustificati alla reputazione, è opportuno inoltre operare una chiara distinzione tra accuse deliberatamente false, intese a ledere la persona o il soggetto interessati, e la segnalazione di informazioni che la persona aveva validi motivi di ritenere vere. La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare le disposizioni legislative nazionali applicabili in caso di false accuse, come la diffamazione.

Emendamento    38

Proposta di direttiva

Considerando 31

Testo della Commissione

Emendamento

(31)  La ritorsione è l'espressione dello stretto nesso (causa-effetto) che deve sussistere tra la segnalazione e il maltrattamento subito, direttamente o indirettamente, dalla persona segnalante affinché tale persona possa beneficiare di protezione giuridica. Una protezione efficace delle persone segnalanti quale mezzo per migliorare l'applicazione del diritto dell'Unione presuppone una definizione ampia del concetto di ritorsione, in cui rientri qualsiasi azione o omissione che si verifica nel contesto lavorativo che arreca pregiudizio agli informatori.

(31)  La ritorsione è l'espressione del nesso (causa-effetto) che deve sussistere tra la segnalazione e il maltrattamento subito, direttamente o indirettamente, dalla persona segnalante o dalle persone che intendono effettuare segnalazioni o dalle persone che assistono la persona segnalante nel processo di divulgazione, affinché tali persone possano beneficiare di protezione giuridica. Poiché le forme di ritorsione sono limitate solo dall'immaginazione di chi le attua, una protezione efficace delle persone segnalanti, delle persone che intendono effettuare segnalazioni o delle persone che assistono la persona segnalante nel processo di divulgazione, quale mezzo per migliorare l'applicazione del diritto dell'Unione presuppone una definizione ampia del concetto di ritorsione, in cui rientri qualsiasi azione o omissione che si verifica nel contesto lavorativo che arreca pregiudizio agli informatori.

Emendamento    39

Proposta di direttiva

Considerando 33

Testo della Commissione

Emendamento

(33)  Gli informatori costituiscono in particolare un'importante fonte per i giornalisti d'inchiesta. Il fatto di garantire una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni accresce la sicurezza giuridica dei (potenziali) informatori e di conseguenza incoraggia e facilita anche le segnalazioni ai mezzi di informazione. A tale riguardo la protezione degli informatori quali fonte giornalistica è fondamentale per salvaguardare la funzione di vigilanza del giornalismo d'inchiesta nelle società democratiche.

(33)  Gli informatori costituiscono in particolare un'importante fonte per i giornalisti d'inchiesta. Il fatto di garantire una protezione efficace degli informatori e dei giornalisti d'inchiesta dalle ritorsioni e da qualsiasi forma di molestia accresce la sicurezza giuridica dei (potenziali) informatori e di conseguenza incoraggia e facilita anche le segnalazioni ai mezzi di informazione, quando sia giustificato. A tale riguardo la protezione degli informatori quali fonte giornalistica è fondamentale per salvaguardare la funzione di vigilanza del giornalismo d'inchiesta nelle società democratiche. In tale contesto, inoltre, i giornalisti d'inchiesta che utilizzano come fonte gli informatori dovrebbero godere a loro volta della stessa protezione garantita alle loro fonti informative. Inoltre, gli informatori e i giornalisti sono spesso coinvolti in infondate azioni legali intentate nei loro confronti da studi legali che ricorrono a diffamazione ed estorsione per spaventare le persone segnalanti e costringerle a servirsi di costosi mezzi di difesa. Tali pratiche dovrebbero essere fermamente condannate e rientrare quindi nell'ambito di applicazione della presente direttiva.

Emendamento    40

Proposta di direttiva

Considerando 34

Testo della Commissione

Emendamento

(34)  Spetta agli Stati membri individuare le autorità competenti a ricevere e dare un seguito adeguato alle segnalazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva. Può trattarsi degli organismi di regolamentazione o di vigilanza nei settori interessati, dei servizi di contrasto, degli organismi anticorruzione e dei mediatori. Le autorità designate come competenti devono disporre delle necessarie capacità e competenze per valutare la sussistenza dei fatti segnalati e porre rimedio alle pretese violazioni, anche tramite accertamenti, l'azione penale o un'azione mirata al recupero dei fondi o altri mezzi di ricorso adeguati, conformemente al loro mandato.

(34)  Spetta agli Stati membri individuare le autorità che siano competenti a ricevere e dare un seguito adeguato alle segnalazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva e che garantiscano il massimo livello possibile di indipendenza e imparzialità. Può trattarsi delle autorità giudiziarie, degli organismi di regolamentazione o di vigilanza nei settori interessati, dei servizi di contrasto, degli organismi anticorruzione e dei mediatori. Le autorità designate come competenti dovrebbero essere indipendenti e disporre delle necessarie capacità e competenze per valutare in modo imparziale e obiettivo la sussistenza dei fatti segnalati e porre rimedio alle pretese violazioni, anche tramite accertamenti, l'azione penale o un'azione mirata al recupero dei fondi o altri mezzi di ricorso adeguati, conformemente al loro mandato. Il personale di tali organismi deve essere specializzato ed aver ricevuto una formazione adeguata.

Emendamento    41

Proposta di direttiva

Considerando 35

Testo della Commissione

Emendamento

(35)  Il diritto dell'Unione in settori specifici come gli abusi di mercato53, l'aviazione civile54 o la sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi55, prevede già l'istituzione di canali di segnalazione interna ed esterna. Gli obblighi relativi all'istituzione di tali canali stabiliti dalla presente direttiva dovrebbero basarsi, per quanto possibile, sui canali esistenti previsti da specifici atti dell'Unione.

(35)  Il diritto dell'Unione in settori specifici come gli abusi di mercato53, l'aviazione civile54 o la sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi55, prevede già l'istituzione di canali di segnalazione interna ed esterna. Gli obblighi relativi all'istituzione di tali canali stabiliti dalla presente direttiva dovrebbero basarsi, per quanto possibile, sui canali esistenti previsti da specifici atti dell'Unione. In mancanza di tali disposizioni e qualora le regole stabilite dalla presente direttiva offrano maggiori protezioni, dovrebbero applicarsi dette regole.

__________________

__________________

53 Citato in precedenza.

53 Citato in precedenza.

54 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile, GU L del 122, pag. 18.

54 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile, che modifica il regolamento (UE) n. 996/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 2003/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e i regolamenti (CE) n. 1321/2007 e (CE) n. 1330/2007 della Commissione (GU L 122 del 24.4.2014, pag. 18).

55 Direttiva 2013/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi e che modifica la direttiva 2004/35/CE.

55 Direttiva 2013/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi e che modifica la direttiva 2004/35/CE (GU L 178 del 28.6.2013, pag. 66).

Emendamento    42

Proposta di direttiva

Considerando 35 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(35 bis)  Nei casi di corruzione ad alto livello sono necessarie ulteriori tutele, onde assicurare che le persone segnalanti possano ricevere protezione dalle persone interessate che saranno incriminate dalle informazioni in loro possesso.

Emendamento    43

Proposta di direttiva

Considerando 35 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(35 ter)  Le persone segnalanti in possesso di informazioni riguardanti casi di corruzione ad alto livello dovrebbero avere la possibilità di ricorrere a un organo giudiziario indipendente rispetto agli altri rami di governo e che abbia il potere di assicurare alle persone segnalanti una protezione efficace e di trattare le violazioni da esse segnalate.

Emendamento    44

Proposta di direttiva

Considerando 37

Testo della Commissione

Emendamento

(37)  Per individuare e prevenire efficacemente le violazioni del diritto dell'Unione è essenziale che le informazioni pertinenti giungano rapidamente ai soggetti più vicini all'origine del problema, che sono i più atti a indagare e hanno i mezzi per porvi eventualmente rimedio. A tale fine i soggetti giuridici del settore privato e del settore pubblico devono stabilire procedure interne appropriate per il ricevimento delle segnalazioni e relativo seguito.

(37)  Per individuare e prevenire efficacemente le violazioni del diritto dell'Unione è essenziale che le informazioni pertinenti giungano rapidamente ai soggetti più vicini all'origine del problema, che sono i più atti a indagare e hanno i mezzi per porvi eventualmente rimedio. A tale fine i soggetti giuridici del settore privato e del settore pubblico devono stabilire procedure interne appropriate e proporzionate, che siano disciplinate dai principi di indipendenza e imparzialità, per il ricevimento delle segnalazioni, l'analisi e il relativo seguito. Le misure adottate nel quadro di dette procedure interne dovrebbero prevedere adeguate garanzie in materia di riservatezza, protezione dei dati e segretezza.

Emendamento    45

Proposta di direttiva

Considerando 38

Testo della Commissione

Emendamento

(38)  Per i soggetti giuridici del settore privato, l'obbligo di istituire canali interni è commisurato alle dimensioni e al livello di rischio che le loro attività comportano per il pubblico interesse. Questo obbligo dovrebbe applicarsi a tutte i soggetti di medie e grandi dimensioni, a prescindere dalla natura delle loro attività, in funzione del loro obbligo di riscuotere l'IVA. Di norma dovrebbero essere esentate dall'obbligo di istituire canali interni le piccole e le microimprese ai sensi dell'articolo 2 dell'allegato della raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, modificata56. Tuttavia, a seguito di un'opportuna valutazione del rischio, gli Stati membri possono esigere che le piccole imprese istituiscano canali di segnalazione interna in casi specifici (ad esempio a causa dei notevoli rischi che possono derivare dalla loro attività).

(38)  Per i soggetti giuridici del settore privato, l'obbligo di istituire canali interni è commisurato alle dimensioni e al livello di rischio che le loro attività comportano per il pubblico interesse. Questo obbligo dovrebbe applicarsi a tutte i soggetti di medie e grandi dimensioni, a prescindere dalla natura delle loro attività, in funzione del loro obbligo di riscuotere l'IVA. Tuttavia, a titolo di deroga, gli Stati membri dovrebbero avere la facoltà di esentare da tale obbligo i soggetti di medie dimensioni, quali definiti all'articolo 2 dell'allegato alla raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, quale modificata56. Di norma dovrebbero essere esentate dall'obbligo di istituire canali interni le piccole e le microimprese ai sensi dell'articolo 2 dell'allegato della raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, modificata. Tuttavia, a seguito di un'opportuna valutazione del rischio, gli Stati membri possono esigere che le piccole imprese istituiscano canali di segnalazione interna in casi specifici (ad esempio a causa dei notevoli rischi che possono derivare dalla loro attività).

_________________

_________________

56 Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese (GU L 124 del 20.5.2003, pag. 36).

56 Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese (GU L 124 del 20.5.2003, pag. 36).

Emendamento    46

Proposta di direttiva

Considerando 39

Testo della Commissione

Emendamento

(39)  L'esenzione delle piccole e micro imprese dall'obbligo di istituire canali di segnalazione interna non dovrebbe applicarsi alle imprese private attive nel settore dei servizi finanziari. Per queste dovrebbe valere ancora l'obbligo di istituire canali di segnalazione interna, in linea con le prescrizioni vigenti dell'acquis dell'Unione in materia di servizi finanziari.

(39)  L'esenzione delle piccole e micro imprese dall'obbligo di istituire canali di segnalazione interna non dovrebbe applicarsi alle imprese private attive nel settore dei servizi finanziari o strettamente collegate a tale settore. Per queste dovrebbe valere ancora l'obbligo di istituire canali di segnalazione interna, in linea con le prescrizioni vigenti dell'acquis dell'Unione in materia di servizi finanziari.

Emendamento    47

Proposta di direttiva

Considerando 44 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(44 bis)  Anche se l'intento della presente direttiva non è quello di regolamentare le modalità per la segnalazione anonima o l'anonimato della divulgazione al pubblico, possono verificarsi casi di questo tipo. Le segnalazioni anonime ricevute attraverso i canali interni dovrebbero pertanto essere oggetto di attento monitoraggio. Per quanto riguarda le segnalazioni anonime effettuate tramite canali esterni, le autorità competenti dovrebbero essere autorizzate a non tener conto di tali segnalazioni conformemente al diritto nazionale. Inoltre, nei casi in cui emerga eventualmente l'identità delle persone segnalanti, tali persone dovrebbero poter beneficiare della protezione prevista dalla presente direttiva.

Emendamento    48

Proposta di direttiva

Considerando 44 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(44 ter)  È stato dimostrato che il rispetto della confidenzialità dell'identità della persona segnalante costituisce un elemento essenziale per evitare freni e autocensura. Per tale motivo, è opportuno prevedere la possibilità di derogare a questo obbligo di riservatezza solo nelle circostanze eccezionali in cui la divulgazione dei dati personali relativi alla persona segnalante costituisca un obbligo necessario e proporzionato previsto dal diritto dell'Unione o dal diritto nazionale nell'ambito di inchieste o procedimenti giudiziari successivi, oppure al fine di tutelare le libertà altrui, quali il diritto alla difesa della persona interessata e comunque nel quadro di adeguate garanzie previste da tali disposizioni legislative. È opportuno prevedere adeguate sanzioni in caso di violazioni dell'obbligo di riservatezza in merito all'identità della persona segnalante.

Emendamento    49

Proposta di direttiva

Considerando 44 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(44 quater)  È essenziale garantire la riservatezza dell'identità della persona segnalante e delle eventuali persone interessate affinché la procedura di segnalazione si svolga nelle migliori condizioni e senza ostacoli, evitando quindi l'autocensura. L'importanza di proteggere i dati personali è sancita infatti sia dalla legislazione dell'Unione che dalla legislazione nazionale e tali dati richiedono ancor più di essere protetti in caso di segnalazione.

Emendamento    50

Proposta di direttiva

Considerando 45

Testo della Commissione

Emendamento

(45)  Quali siano le persone o i servizi più competenti all'interno di un soggetto giuridico di diritto privato a ricevere e a dare seguito alle segnalazioni dipende dalla struttura del soggetto stesso, di fatto però la loro funzione dovrebbe assicurare sempre l'assenza di conflitto di interesse e l'indipendenza. Nei soggetti più piccoli tale funzione potrebbe essere duplice e affidata a un funzionario che faccia capo direttamente al direttore organizzativo, come un responsabile della conformità o delle risorse umane, un responsabile delle questioni giuridiche o della privacy, un direttore finanziario, un revisore contabile capo o un membro del consiglio di amministrazione.

(45)  Quali siano le persone o i servizi più competenti all'interno di un soggetto giuridico di diritto privato a ricevere e a dare seguito alle segnalazioni dipende dalla struttura del soggetto stesso, di fatto però la loro funzione dovrebbe assicurare sempre l'assenza di conflitto di interesse, un adeguato know-how e l'indipendenza. Nei soggetti più piccoli tale funzione potrebbe essere duplice e affidata a un funzionario che faccia capo direttamente al direttore organizzativo, come un responsabile della conformità o delle risorse umane, un responsabile delle questioni giuridiche o della privacy, un direttore finanziario, un revisore contabile capo o un membro del consiglio di amministrazione.

Emendamento    51

Proposta di direttiva

Considerando 46

Testo della Commissione

Emendamento

(46)  Nel quadro della segnalazione interna la qualità e la trasparenza delle informazioni fornite sulla procedura di seguito della segnalazione sono fondamentali per aumentare la fiducia nell'efficacia di tutto il sistema di protezione degli informatori e ridurre il rischio di segnalazioni o divulgazioni inutili. La persona segnalante dovrebbe essere informata entro un termine ragionevole delle misure previste o adottate in seguito alla segnalazione (ad esempio l'archiviazione per mancanza di prove sufficienti o altri motivi, l'avvio di un'indagine interna e eventualmente le sue conclusioni, e/o i provvedimenti correttivi adottati, il rinvio a un'autorità competente per ulteriori accertamenti), nella misura in cui tali informazioni non pregiudichino l'indagine o gli accertamenti né ledano i diritti della persona coinvolta. Tale termine ragionevole non dovrebbe superare tre mesi in totale. Se non è ancora stato deciso un seguito adeguato, la persona segnalante deve esserne informata, come anche degli eventuali ulteriori riscontri cui potrebbe attendersi.

(46)  Nel quadro della segnalazione interna la qualità e la trasparenza delle informazioni fornite sulla procedura di seguito della segnalazione sono fondamentali per aumentare la fiducia nell'efficacia di tutto il sistema di protezione degli informatori e ridurre il rischio di segnalazioni o divulgazioni inutili. La persona segnalante dovrebbe essere informata entro un termine ragionevole delle misure previste o adottate in seguito alla segnalazione (ad esempio l'archiviazione per mancanza di prove sufficienti o altri motivi, l'avvio di un'indagine interna e eventualmente le sue conclusioni, e/o i provvedimenti correttivi adottati, il rinvio a un'autorità competente per ulteriori accertamenti), nella misura in cui tali informazioni non pregiudichino l'indagine o gli accertamenti né ledano i diritti della persona coinvolta. Tale termine ragionevole non dovrebbe superare quattro mesi in totale. Se non è ancora stato deciso un seguito adeguato, la persona segnalante deve esserne informata, come anche degli eventuali ulteriori riscontri cui potrebbe attendersi. In tutti i casi, la persona segnalante dovrebbe essere informata dell'andamento e dell'esito dell'indagine. Essa dovrebbe ottenere la possibilità di essere consultata e di formulare osservazioni, nel corso dell'indagine, senza però essere obbligata a farlo. Tali osservazioni dovrebbero essere prese in considerazione se ritenute pertinenti dalla persona o dal servizio responsabile del seguito dato alle segnalazioni.

Emendamento    52

Proposta di direttiva

Considerando 47 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(47 bis)  I destinatari delle informazioni divulgate nei luoghi di lavoro dovrebbero includere, fra gli altri: i superiori gerarchici, i responsabili o i rappresentanti dell'organizzazione; i responsabili delle risorse umane, i responsabili dell'etica, le commissioni interne o altri organismi responsabili della mediazione in caso di conflitti sul luogo di lavoro, inclusi i conflitti di interessi; gli organi di sorveglianza finanziaria interna dell'organizzazione; gli organi disciplinari in seno all'organizzazione.

Emendamento    53

Proposta di direttiva

Considerando 49

Testo della Commissione

Emendamento

(49)  La scarsa fiducia nell'utilità della segnalazione è uno dei principali elementi che scoraggiano i potenziali informatori. Ciò giustifica l'imposizione di un chiaro obbligo, per le autorità competenti, di garantire un adeguato seguito alle segnalazioni ricevute e di dare un riscontro, entro un termine ragionevole, alle persone segnalanti sulle misure previste o adottate (ad esempio l'archiviazione per mancanza di prove sufficienti o altri motivi, l'avvio di un'indagine e eventualmente le sue conclusioni, e/o i provvedimenti correttivi adottati; il rinvio a un'altra autorità competente a dare un seguito), nella misura in cui tali informazioni non pregiudichino gli accertamenti o i diritti delle persone coinvolte.

(49)  Oltre ai realmente concreti e comprensibili timori di ritorsioni, la scarsa fiducia nell'efficacia della segnalazione è uno dei principali elementi che scoraggiano i potenziali informatori. Ciò giustifica l'imposizione di un chiaro obbligo, per le autorità competenti, di garantire un adeguato seguito alle segnalazioni ricevute e di dare un riscontro, entro un termine ragionevole, alle persone segnalanti sulle misure previste o adottate (ad esempio l'archiviazione per mancanza di prove sufficienti o altri motivi, l'avvio di un'indagine e eventualmente le sue conclusioni, e/o i provvedimenti correttivi adottati; il rinvio a un'altra autorità competente a dare un seguito), nella misura in cui tali informazioni non pregiudichino gli accertamenti o i diritti delle persone coinvolte.

Emendamento    54

Proposta di direttiva

Considerando 50

Testo della Commissione

Emendamento

(50)  Il seguito e il riscontro dovrebbero avvenire entro un termine ragionevole, data la necessità di affrontare rapidamente il problema che potrebbe costituire l'oggetto della segnalazione, e per evitare divulgazioni inutili. Tale termine non dovrebbe superare i tre mesi ma potrebbe essere esteso a sei mesi, se giustificato dalle circostanze specifiche del caso e in particolare dalla natura e complessità dell'oggetto della segnalazione, che potrebbe richiedere lunghi accertamenti.

(50)  Il seguito e il riscontro dovrebbero avvenire entro un termine ragionevole, data la necessità di affrontare rapidamente il problema che potrebbe costituire l'oggetto della segnalazione, e per evitare divulgazioni inutili. Tale termine non dovrebbe superare i due mesi ma potrebbe essere esteso a quattro mesi, se giustificato dalle circostanze specifiche del caso e in particolare dalla natura e complessità dell'oggetto della segnalazione, che potrebbe richiedere lunghi accertamenti.

Emendamento    55

Proposta di direttiva

Considerando 52

Testo della Commissione

Emendamento

(52)  Per consentire un'efficace comunicazione con il personale addetto, è necessario che le autorità competenti abbiano a disposizione e sfruttino canali specifici, distinti dai loro sistemi ordinari per le denunce pubbliche, che dovrebbero essere di facile utilizzo e permettere segnalazioni in forma scritta e orale, elettronica e cartacea.

(52)  Per consentire un'efficace comunicazione con il personale addetto, è necessario che le autorità competenti abbiano a disposizione e sfruttino canali specifici, distinti dai loro sistemi ordinari per le denunce pubbliche, che dovrebbero essere di facile utilizzo, riservati e permettere segnalazioni in forma scritta e orale, elettronica e cartacea.

Emendamento    56

Proposta di direttiva

Considerando 53

Testo della Commissione

Emendamento

(53)  È auspicabile che le autorità competenti dispongano di personale addetto, con un'adeguata formazione professionale anche sulle norme applicabili in materia di protezione dei dati, al fine di gestire le segnalazioni e assicurare la comunicazione con la persona segnalante e che sia dato adeguato seguito alla segnalazione.

(53)  Sarebbe auspicabile che le autorità competenti disponessero di personale addetto, con un'adeguata formazione professionale periodica anche sulle norme applicabili in materia di protezione dei dati, al fine di ricevere e gestire le segnalazioni e assicurare la comunicazione con la persona segnalante e che sia dato adeguato seguito alla segnalazione, nonché al fine di fornire informazioni e consulenza a qualsiasi persona interessata.

Emendamento    57

Proposta di direttiva

Considerando 54

Testo della Commissione

Emendamento

(54)  Le persone che desiderano fare una segnalazione dovrebbero essere in grado di prendere una decisione informata sull'opportunità, sulle modalità e sui tempi della presentazione. Le autorità competenti dovrebbero pertanto comunicare pubblicamente e rendere facilmente accessibili le informazioni circa la disponibilità di canali di segnalazione, le procedure applicabili e il personale addetto al loro interno. Tutte le informazioni relative alle segnalazioni dovrebbero essere trasparenti, facilmente comprensibili e affidabili, al fine di promuovere e non scoraggiare la segnalazione.

(54)  Le persone che desiderano fare una segnalazione dovrebbero essere in grado di prendere una decisione informata sull'opportunità, sulle modalità e sui tempi della presentazione. Le autorità competenti dovrebbero pertanto comunicare pubblicamente e rendere facilmente accessibili, nei casi in cui è possibile la segnalazione esterna, le informazioni circa la disponibilità di canali di segnalazione, le procedure applicabili e il personale addetto al loro interno. Tutte le informazioni relative alle segnalazioni dovrebbero essere trasparenti, facilmente comprensibili e affidabili, al fine di promuovere e non scoraggiare la segnalazione.

Emendamento    58

Proposta di direttiva

Considerando 57

Testo della Commissione

Emendamento

(57)  Gli Stati membri dovrebbero assicurare che la documentazione relativa a tutte le segnalazioni di violazioni sia adeguatamente conservata, che ogni segnalazione sia consultabile presso l'autorità competente e che le informazioni ricevute attraverso le segnalazioni possano, se del caso, essere utilizzate come elementi di prova ai fini dell'applicazione della legge.

(57)  Gli Stati membri dovrebbero assicurare che la documentazione relativa a tutte le segnalazioni di violazioni sia adeguatamente conservata, che ogni segnalazione sia consultabile presso l'autorità competente e che le informazioni ricevute attraverso le segnalazioni possano, se del caso, essere utilizzate come elementi di prova ai fini dell'applicazione della legge, proteggendo comunque, ove possibile, l'identità e la vita privata della persona segnalante e, se del caso, siano messe a disposizione delle autorità di altri Stati membri o dell'Unione rispettando, ove possibile, la riservatezza dell'identità della persona segnalante. Le autorità che trasmettono e ricevono informazioni sono sempre responsabili di assicurare la piena protezione dell'identità della persona segnalante e, ove possibile, della sua vita privata.

Emendamento    59

Proposta di direttiva

Considerando 58

Testo della Commissione

Emendamento

(58)  La protezione dei dati personali della persona segnalante e della persona coinvolta è fondamentale al fine di evitare trattamenti iniqui o danni alla reputazione dovuti alla divulgazione di dati personali, in particolare dati che rivelino l'identità di una persona coinvolta. Pertanto, conformemente alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (regolamento generale sulla protezione dei dati), le autorità competenti dovrebbero stabilire specifiche procedure di protezione dei dati volte alla tutela della persona segnalante, della persona coinvolta e di qualsiasi terza persona menzionata nella segnalazione, e includere un sistema sicuro presso l'autorità competente con diritti di accesso limitati al solo personale autorizzato.

(58)  La protezione dei dati personali della persona segnalante e della persona coinvolta, come pure la riservatezza delle informazioni, sono fondamentali al fine di evitare trattamenti iniqui, molestie o intimidazioni o danni alla reputazione dovuti alla divulgazione di dati personali, in particolare dati che rivelino l'identità di una persona coinvolta. Pertanto, conformemente alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 concernente la tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (regolamento generale sulla protezione dei dati), le autorità competenti dovrebbero stabilire specifiche procedure di protezione dei dati volte alla tutela della persona segnalante, della persona coinvolta e di qualsiasi terza persona menzionata nella segnalazione, e includere un sistema sicuro presso l'autorità competente con diritti di accesso limitati al solo personale autorizzato.

Emendamento    60

Proposta di direttiva

Considerando 60

Testo della Commissione

Emendamento

(60)  Per beneficiare della protezione le persone segnalanti dovrebbero ritenere ragionevolmente, alla luce delle circostanze e delle informazioni di cui dispongono al momento della segnalazione, che i fatti che segnalano sono veri. Questa ragionevole certezza dovrebbe presumersi salvo e fino a prova contraria. Si tratta di una garanzia essenziale contro le segnalazioni dolose e futili o infondate, affinché le persone che segnalano deliberatamente e scientemente informazioni errate o fuorvianti siano escluse dalla protezione. Al tempo stesso assicura che la persona segnalante continui a beneficiare della protezione laddove abbia effettuato una segnalazione imprecisa in buona fede. Nella stessa ottica le persone segnalanti dovrebbero beneficiare della protezione prevista dalla presente direttiva se hanno ragionevoli motivi di ritenere che le informazioni segnalate rientrino nel suo ambito di applicazione.

(60)  Le persone segnalanti dovrebbero beneficiare della protezione prevista dalla presente direttiva, a prescindere dal fatto che si servano di canali di segnalazione interni o esterni o che li utilizzino entrambi, e senza condizioni od ordine di preferenza particolari. Le persone segnalanti che esercitano il loro diritto alla divulgazione pubblica dovrebbero godere della protezione di cui alla presente direttiva allo stesso modo. Tale protezione dovrebbe applicarsi all'intera procedura di segnalazione, anche dopo la conclusione della procedura, a meno che non si possa dimostrare che non sussiste alcuna minaccia di ritorsione. Per beneficiare della protezione, le persone segnalanti dovrebbero agire in buona fede, cioè dovrebbero ritenere ragionevolmente, alla luce delle circostanze e delle informazioni di cui dispongono al momento della segnalazione, che i fatti che segnalano sono veri. Questa ragionevole certezza dovrebbe presumersi salvo e fino a prova contraria. Si tratta di una garanzia essenziale contro le segnalazioni dolose e futili o infondate, affinché le persone che segnalano deliberatamente e scientemente informazioni errate o fuorvianti siano escluse dalla protezione e possano anche essere chiamate a rispondere ai sensi della legislazione nazionale degli Stati membri. Al tempo stesso assicura che la persona segnalante continui a beneficiare della protezione laddove abbia effettuato una segnalazione imprecisa in buona fede. Nella stessa ottica le persone segnalanti dovrebbero beneficiare della protezione prevista dalla presente direttiva se hanno ragionevoli motivi di ritenere che le informazioni segnalate rientrino nel suo ambito di applicazione.

Emendamento    61

Proposta di direttiva

Considerando 61

Testo della Commissione

Emendamento

(61)  Di norma il requisito di esaurire i successivi canali di segnalazione è necessario per garantire che le informazioni pervengano alle persone che possono contribuire alla risoluzione tempestiva ed efficace dei rischi per il pubblico interesse, e per prevenire danni ingiustificati alla reputazione a seguito di divulgazione. Al tempo stesso occorre prevedere alcune eccezioni alla sua applicazione per consentire alla persona segnalante di scegliere il canale più idoneo a seconda delle circostanze specifiche del caso. Inoltre è necessario proteggere la divulgazione tenendo conto di principi democratici come la trasparenza e la responsabilità e di diritti fondamentali come la libertà di espressione e la libertà dei mezzi di informazione e bilanciando l'interesse dei datori di lavoro a gestire le loro organizzazioni e tutelare i loro interessi con la tutela del pubblico interesse, conformemente ai criteri elaborati dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo57.

(61)  È necessario garantire che tutti i canali di segnalazione, interni ed esterni, siano aperti alla persona segnalante e che la persona segnalante sia libera di scegliere il canale più idoneo a seconda delle circostanze specifiche del caso, per garantire che le informazioni pervengano alle persone o ai soggetti che possono contribuire alla risoluzione tempestiva ed efficace dei rischi per il pubblico interesse. Inoltre è necessario proteggere la divulgazione tenendo conto di principi democratici come la trasparenza e la responsabilità e di diritti fondamentali come la libertà di espressione e la libertà dei mezzi di informazione e il diritto all'informazione, bilanciando l'interesse legittimo dei datori di lavoro a gestire le loro organizzazioni e tutelare la loro reputazione e i loro interessi con la tutela del pubblico interesse, conformemente ai criteri elaborati dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo57.

__________________

__________________

57 Uno dei criteri per determinare se la ritorsione contro gli informatori che divulgano informazioni interferisca con la libertà di espressione in un modo che non è necessario in una società democratica, è stabilire se le persone che hanno effettuato la segnalazione avessero a disposizione canali alternativi per effettuarla; si veda, ad esempio Guja v. Moldova [GC], n. 14277/04, ECHR 2008);

57 Uno dei criteri per determinare se la ritorsione contro gli informatori che divulgano informazioni interferisca con la libertà di espressione in un modo che non è necessario in una società democratica, è stabilire se le persone che hanno effettuato la segnalazione avessero a disposizione canali alternativi per effettuarla; si veda, ad esempio Guja v. Moldova [GC], n. 14277/04, ECHR 2008);

Emendamento    62

Proposta di direttiva

Considerando 62

Testo della Commissione

Emendamento

(62)  Di norma le persone segnalanti dovrebbero in primo luogo utilizzare i canali di segnalazione interna di cui dispongono e rivolgersi al loro datore di lavoro. Tuttavia è possibile che non esistano canali interni (nel caso di soggetti che non sono tenuti a istituirli ai sensi della presente direttiva o del diritto nazionale) o che il loro uso non sia obbligatorio (ad esempio nel caso delle persone che non hanno un vincolo di lavoro), oppure che siano stati utilizzati ma non abbiano funzionato correttamente (ad esempio la segnalazione non è stata trattata con diligenza o entro un termine ragionevole, oppure non è stata intrapresa alcuna azione per affrontare la violazione del diritto, nonostante i risultati positivi delle indagini).

(62)  Di norma le persone segnalanti dovrebbero in primo luogo utilizzare i canali di segnalazione interna o esterna di cui dispongono e rivolgersi al loro datore di lavoro o all'autorità competente. Inoltre, la protezione dovrebbe essere concessa anche nei casi in cui la legislazione dell'Unione consenta alla persona segnalante di rivolgersi direttamente agli organi, agli uffici o alle agenzie dell'Unione, ad esempio nel quadro delle frodi concernenti il bilancio dell'Unione, della prevenzione e dell'accertamento del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo o nel settore dei servizi finanziari.

Emendamento    63

Proposta di direttiva

Considerando 63

Testo della Commissione

Emendamento

(63)  In altri casi i canali interni potrebbero non essere attivati perché presumibilmente non funzionerebbero correttamente, ad esempio laddove le persone segnalanti abbiano validi motivi di ritenere che subirebbero ritorsioni a seguito della segnalazione; che la loro riservatezza non sia tutelata; che il responsabile ultimo nel contesto lavorativo sia coinvolto nella violazione; che la violazione possa essere occultata; che le prove possano essere nascoste o distrutte; che possa essere compromessa l'efficacia degli accertamenti svolti dalle autorità competenti o che sia necessario un intervento urgente (ad esempio per il rischio imminente di un pericolo rilevante e specifico per la vita, la salute e la sicurezza delle persone o per l'ambiente). In tutti questi casi dovrebbe essere garantita la protezione delle persone che fanno una segnalazione esterna alle autorità competenti e, se del caso, agli organi e organismi dell'Unione. Inoltre la protezione dovrebbe essere concessa anche nei casi in cui la legislazione dell'Unione consente alla persona segnalante di rivolgersi direttamente alle autorità nazionali competenti o agli organi e organismi dell'Unione, ad esempio nei casi di frode ai danni del bilancio dell'Unione, nella prevenzione e nell'accertamento del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo o nel settore dei servizi finanziari.

soppresso

Emendamento    64

Proposta di direttiva

Considerando 64

Testo della Commissione

Emendamento

(64)  Dovrebbero ugualmente beneficiare di protezione le persone che procedono direttamente alla divulgazione quando la violazione non è ancora stata risolta (ad esempio non è stata adeguatamente valutata o esaminata o non è stato preso alcun provvedimento al riguardo) ma è stata segnalata internamente e/o esternamente esaurendo i successivi canali disponibili; o nei casi in cui le persone segnalanti abbiano validi motivi di ritenere che vi sia collusione con l'autore della violazione e l'autorità competente sia ragionevolmente sospettata, che le prove possano essere nascoste o distrutte o che possa essere compromessa l'efficacia degli accertamenti svolti dalle autorità competenti; in caso di imminente e palese pericolo per il pubblico interesse, o laddove vi sia il rischio di danni irreversibili, tra cui all'integrità fisica.

(64)  Dovrebbero ugualmente beneficiare di protezione le persone che procedono direttamente alla divulgazione quando la violazione non è ancora stata risolta (ad esempio non è stata adeguatamente valutata o esaminata o non è stato preso alcun provvedimento al riguardo) ma è stata segnalata internamente o esternamente o in entrambe le forme; o nei casi in cui le persone segnalanti abbiano ragionevoli motivi di ritenere che vi sia collusione con l'autore della violazione e l'autorità competente sia ragionevolmente sospettata, o che le pertinenti autorità esterne abbiano partecipato direttamente o indirettamente alla presunta condotta scorretta, che le prove potrebbero essere nascoste o distrutte o che possa essere compromessa l'efficacia degli accertamenti svolti dalle autorità competenti; in caso di imminente e palese pericolo o danno per il pubblico interesse, o laddove vi sia il rischio di danni irreversibili, tra cui all'integrità fisica o qualora vi sia una situazione di urgenza.

Emendamento    65

Proposta di direttiva

Considerando 64 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(64 bis)  La protezione degli informatori contribuisce a prevenire e riparare i pregiudizi al pubblico interesse. Pur essendo importante definire un sistema solido e coerente per la segnalazione delle violazioni previste dalla presente direttiva, il sistema dovrebbe fondamentalmente basarsi sulla rilevanza e sulla pertinenza delle informazioni segnalate all'organismo interessato, alle autorità competenti o al pubblico. È pertanto indispensabile garantire che la protezione prevista dalla presente direttiva sia concessa a chiunque effettui una segnalazione o una divulgazione al pubblico quali definite dalla presente direttiva, senza che si possa opporre un argomento per rifiutargli tale protezione.

Emendamento    66

Proposta di direttiva

Considerando 65

Testo della Commissione

Emendamento

(65)  Le persone segnalanti dovrebbero essere protette da qualsiasi forma di ritorsione, diretta o indiretta, da parte del loro datore di lavoro o cliente/destinatario di servizi e delle persone che lavorano per l'organizzazione o per conto di quest'ultima, compresi i colleghi di lavoro e i dirigenti della stessa organizzazione o di altre organizzazioni con le quali la persona segnalante sia in contatto nell'ambito della sua attività professionale, nei casi in cui la ritorsione è raccomandata o tollerata dalla persona coinvolta. Dovrebbe essere concessa una protezione dalle misure di ritorsione contro la persona segnalante stessa, ma anche dalle misure che possono essere intraprese contro il soggetto giuridico che rappresenta, come l'annullamento della fornitura di servizi, l'inserimento in una lista nera o il boicottaggio. La ritorsione indiretta comprende anche le azioni intraprese nei confronti dei parenti della persona segnalante che sono in una relazione di lavoro con il suo datore di lavoro o il suo cliente/destinatario dei servizi, e dei rappresentanti dei lavoratori che hanno espresso sostegno all'autore della segnalazione.

(65)  Le persone segnalanti dovrebbero essere protette da qualsiasi forma di ritorsione, diretta o indiretta, da parte del loro datore di lavoro o cliente/destinatario di servizi e delle persone che lavorano per l'organizzazione o per conto di quest'ultima, compresi i colleghi di lavoro e i dirigenti della stessa organizzazione o di altre organizzazioni con le quali la persona segnalante sia in contatto nell'ambito della sua attività professionale, nei casi in cui la ritorsione è raccomandata o tollerata dalla persona coinvolta. Dovrebbe essere concessa una protezione dalle misure di ritorsione contro la persona segnalante stessa, ma anche dalle misure che possono essere intraprese contro il soggetto giuridico che rappresenta, come l'annullamento della fornitura di servizi, l'inserimento in una lista nera o il boicottaggio. La ritorsione indiretta comprende anche le azioni intraprese nei confronti dei facilitatori, dei parenti della persona segnalante che sono in una relazione di lavoro con il suo datore di lavoro o il suo cliente/destinatario dei servizi, e dei rappresentanti dei lavoratori che hanno espresso sostegno all'autore della segnalazione.

Emendamento    67

Proposta di direttiva

Considerando 66

Testo della Commissione

Emendamento

(66)  Se non prevenuta e impunita, la ritorsione ha un effetto dissuasivo sui potenziali informatori. Un chiaro divieto di ritorsione inserito nel diritto ha un effetto dissuasivo importante, ulteriormente rafforzato da disposizioni sulla responsabilità personale e da sanzioni per gli autori delle ritorsioni.

(66)  Se non prevenuta e impunita, la ritorsione ha un effetto dissuasivo sui potenziali informatori. Un chiaro divieto di ritorsione inserito nel diritto ha un effetto dissuasivo importante, e dovrebbe essere rafforzato da disposizioni sulla responsabilità personale e da sanzioni per gli autori delle ritorsioni o per coloro che si trovano in posizioni direttive che ignorano o facilitano tali ritorsioni.

Emendamento    68

Proposta di direttiva

Considerando 67

Testo della Commissione

Emendamento

(67)  I potenziali informatori che sono incerti sulle modalità della segnalazione o sulla loro protezione possono, in definitiva, essere scoraggiati dal segnalare. Gli Stati membri dovrebbero garantire che siano fornite informazioni pertinenti in modo semplice e facilmente accessibile al pubblico. Dovrebbe essere disponibile una consulenza individuale, imparziale e riservata a titolo gratuito, per stabilire ad esempio se le informazioni in questione siano coperte dalle norme applicabili sulla protezione degli informatori, quale canale di segnalazione sia il più idoneo e se esistano procedure alternative nel caso in cui le informazioni non siano coperte dalle norme applicabili. L'accesso a questo tipo di consulenza può contribuire a far sì che le segnalazioni avvengano attraverso i canali appropriati, in modo responsabile, e che le violazioni e le irregolarità siano individuate tempestivamente o persino impedite.

(67)  I potenziali informatori che sono incerti sulle modalità della segnalazione o sulla loro protezione possono, in definitiva, essere scoraggiati dal segnalare. Gli Stati membri dovrebbero garantire che siano fornite informazioni pertinenti in modo facilmente comprensibile e accessibile al pubblico. Dovrebbe essere disponibile una consulenza individuale, imparziale e riservata a titolo gratuito, per stabilire ad esempio se le informazioni in questione siano coperte dalle norme applicabili sulla protezione degli informatori, quale canale di segnalazione sia il più idoneo e se esistano procedure alternative nel caso in cui le informazioni non siano coperte dalle norme applicabili. L'accesso a questo tipo di consulenza, in particolare attraverso le autorità competenti, può contribuire a far sì che le segnalazioni avvengano attraverso i canali appropriati, in modo responsabile, e che le violazioni e le irregolarità siano individuate tempestivamente o persino impedite.

Emendamento    69

Proposta di direttiva

Considerando 67 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(67 bis)  Negli Stati membri che prevedono un'ampia protezione delle persone segnalanti, esiste una gamma di meccanismi di accompagnamento e di sostegno per le persone segnalanti. Sulla base delle migliori pratiche esistenti e della diversità di circostanze negli Stati membri, dovrebbe essere possibile fornire consulenza individuale e informazioni precise da parte di un'autorità indipendente unica autorità chiaramente identificata o di un centro informazioni istituito dallo Stato membro, a condizione che vengano fornite garanzie sufficienti. Tali consulenza o informazioni dovrebbero essere fornite a chiunque lo richieda. Le informazioni o la consulenza potrebbero riguardare questioni quali le misure di protezione, l'adeguatezza dei canali di segnalazione o il campo di applicazione della direttiva.

Emendamento    70

Proposta di direttiva

Considerando 69

Testo della Commissione

Emendamento

(69)  Non dovrebbe essere possibile rinunciare ai diritti e agli obblighi stabiliti dalla presente direttiva per via contrattuale. Parimenti non dovrebbe essere possibile far valere obblighi giuridici o contrattuali degli individui come le clausole di lealtà dei contratti o gli accordi o contratti di non divulgazione per impedire ai lavoratori di effettuare una segnalazione, negare la protezione o penalizzarli per avere segnalato. Allo stesso tempo la presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione del segreto professionale e di altri privilegi professionali previsti dal diritto nazionale.

(69)  Non dovrebbe essere possibile rinunciare ai diritti e agli obblighi stabiliti dalla presente direttiva per via contrattuale. Parimenti non dovrebbe essere possibile far valere obblighi giuridici o contrattuali degli individui come le clausole di lealtà dei contratti o gli accordi o contratti di non divulgazione per impedire ai lavoratori di effettuare una segnalazione, negare la protezione o penalizzarli per avere segnalato. Allo stesso tempo la presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione del segreto professionale e di altri privilegi professionali come il segreto medico e il segreto cliente-avvocato, come previsto dal diritto nazionale, o della riservatezza richiesta per proteggere la sicurezza nazionale ove previsto dal diritto nazionale.

Emendamento    71

Proposta di direttiva

Considerando 70

Testo della Commissione

Emendamento

(70)  È possibile che per giustificare le misure di ritorsione siano addotti motivi diversi dalla segnalazione, nel qual caso può essere molto difficile per le persone segnalanti dimostrare il nesso tra le due cose, mentre gli autori delle ritorsioni possono disporre di maggiori poteri e risorse per documentare le loro azioni e le loro ragioni. Pertanto, una volta che la persona segnalante abbia dimostrato, prima facie, di avere subito un danno a seguito di una segnalazione o divulgazione effettuata a norma della presente direttiva, l'onere della prova dovrebbe spostarsi sulla persona che ha compiuto l'azione pregiudizievole, che dovrebbe quindi dimostrare che l'azione intrapresa non era in alcun modo connessa alla segnalazione o alla divulgazione.

(70)  È possibile che per giustificare misure di ritorsione siano addotti motivi diversi dalla segnalazione o dalla divulgazione, nel qual caso può essere molto difficile per le persone segnalanti dimostrare il nesso tra le due cose, mentre gli autori delle ritorsioni possono disporre di maggiori poteri e risorse per documentare le loro azioni e le loro ragioni. Pertanto, una volta che la persona segnalante abbia dimostrato, prima facie, di avere subito un danno a seguito di una segnalazione o divulgazione effettuata a norma della presente direttiva, l'onere della prova dovrebbe spostarsi sulla persona che ha compiuto l'azione pregiudizievole, che dovrebbe quindi dimostrare che l'azione intrapresa non era in alcun modo connessa alla segnalazione o alla divulgazione.

Emendamento    72

Proposta di direttiva

Considerando 71

Testo della Commissione

Emendamento

(71)  Al di là di un divieto esplicito di ritorsione previsto dal diritto, è fondamentale che le vittime di ritorsioni possano accedere a mezzi di ricorso. Per ciascun caso il ricorso appropriato sarà determinato dal tipo di ritorsione subita: potrebbe trattarsi di azioni per la reintegrazione (ad esempio in caso di licenziamento, trasferimento o retrocessione di grado, sospensione di formazione o rifiuto di promozione) o per il ripristino di un permesso, di una licenza o di un contratto annullati; del risarcimento di perdite finanziarie attuali e future (perdita di retribuzioni passate ma anche di reddito futuro, costi connessi a un cambiamento di lavoro); del risarcimento per altri danni economici come le spese legali e le spese mediche, e del danno morale (dolore e sofferenza).

(71)  Al di là di un divieto esplicito di ritorsione previsto dal diritto, è fondamentale che le vittime di ritorsioni possano accedere a mezzi di ricorso e di risarcimento. Per ciascun caso il ricorso appropriato sarà determinato dal tipo di ritorsione subita e il risarcimento del danno dovrebbe essere integrale: potrebbe trattarsi di azioni per la reintegrazione (ad esempio in caso di licenziamento, trasferimento o retrocessione di grado, sospensione di formazione o rifiuto di promozione) o per il ripristino di un permesso, di una licenza o di un contratto annullati; del risarcimento di perdite finanziarie attuali e future (perdita di retribuzioni passate ma anche di reddito futuro, costi connessi a un cambiamento di lavoro); del risarcimento per altri danni economici come le spese legali e le spese per cure mediche e psicologiche, e del danno morale (dolore e sofferenza).

Emendamento    73

Proposta di direttiva

Considerando 72

Testo della Commissione

Emendamento

(72)  I tipi di azione legale possono variare da un sistema giuridico all'altro, ma dovrebbero garantire un ricorso quanto più completo ed efficace possibile. I mezzi di ricorso non dovrebbe scoraggiare i potenziali informatori. Ad esempio autorizzare un risarcimento come alternativa alla reintegrazione in caso di licenziamento potrebbe dar luogo a una pratica sistematica, in particolare da parte delle organizzazioni di grandi dimensioni, con un effetto dissuasivo sui futuri informatori.

(72)  I tipi di azione legale possono variare da un sistema giuridico all'altro, ma dovrebbero garantire un ricorso integrale del danno subito.

Emendamento    74

Proposta di direttiva

Considerando 73

Testo della Commissione

Emendamento

(73)  Le misure provvisorie sono particolarmente importanti per le persone segnalanti, in attesa di un giudizio che può richiedere molto tempo. Le misure provvisorie possono essere necessarie in particolare per porre fine a minacce, tentativi di ritorsione o ritorsioni in atto, come le molestie sul luogo di lavoro, o per impedire forme di ritorsione quali il licenziamento, che potrebbero essere difficili da revocare una volta trascorsi lunghi periodi e che possono causare la rovina finanziaria della persona segnalante. È questa una prospettiva che può seriamente scoraggiare i potenziali informatori.

(73)  Le misure provvisorie sono particolarmente importanti per le persone segnalanti, in attesa di un giudizio che può richiedere molto tempo. Le misure provvisorie possono essere necessarie in particolare per porre fine a minacce, tentativi di ritorsione o ritorsioni in atto, come le molestie sul luogo di lavoro o al di fuori di esso, o per impedire forme di ritorsione quali abusi verbali, violenze fisiche o il licenziamento, che potrebbero essere difficili da revocare una volta trascorsi lunghi periodi e che possono causare la rovina finanziaria della persona segnalante. È questa una prospettiva che può seriamente scoraggiare i potenziali informatori.

Emendamento    75

Proposta di direttiva

Considerando 74

Testo della Commissione

Emendamento

(74)  Le azioni intraprese contro le persone segnalanti al di fuori del contesto lavorativo, attraverso procedimenti per diffamazione, violazione del diritto d'autore, dei segreti commerciali, della riservatezza e della protezione dei dati personali, possono fortemente scoraggiare la segnalazione. La direttiva (UE) 2016/943 del Parlamento europeo e del Consiglio58 esonera le persone segnalanti dalle misure, dalle procedure e dagli strumenti di tutela di azione civile previsti qualora la presunta acquisizione, il presunto utilizzo o la presunta divulgazione del segreto commerciale siano avvenuti per rivelare una condotta scorretta, un'irregolarità o un'attività illecita, a condizione che il convenuto abbia agito per proteggere l'interesse pubblico generale. Anche in altri procedimenti le persone segnalanti devono potersi avvalere del fatto di avere effettuato una segnalazione o una divulgazione a norma della presente direttiva per difendersi. In questi casi dovrebbe spettare alla persona che ha avviato il procedimento dimostrare che era intenzione della persona segnalante violare la legge.

(74)  Le azioni intraprese contro le persone segnalanti al di fuori del contesto lavorativo, attraverso procedimenti per diffamazione, violazione del diritto d'autore, dei segreti commerciali, della riservatezza e della protezione dei dati personali, possono fortemente scoraggiare la segnalazione. La direttiva (UE) 2016/943 del Parlamento europeo e del Consiglio58 esonera le persone segnalanti dalle misure, dalle procedure e dagli strumenti di tutela di azione civile previsti qualora la presunta acquisizione, il presunto utilizzo o la presunta divulgazione del segreto commerciale siano avvenuti per rivelare una condotta scorretta, un'irregolarità o un'attività illecita, a condizione che il convenuto abbia agito per proteggere l'interesse pubblico generale. La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare le disposizioni di cui alla direttiva (UE) 2016/943 del Parlamento europeo e del Consiglio ed entrambi gli atti dovrebbero essere considerati complementari. Pertanto, la protezione, le procedure e le condizioni previste dalla presente direttiva dovrebbero essere applicabili ai casi che rientrano nel suo ambito di applicazione materiale, anche se le informazioni segnalate potrebbero essere qualificate come segreto commerciale. La direttiva (UE) 2016/943 dovrebbe applicarsi negli altri casi. Anche in altri procedimenti le persone segnalanti devono potersi avvalere del fatto di avere effettuato una segnalazione o una divulgazione a norma della presente direttiva per difendersi. In questi casi dovrebbe spettare alla persona che ha avviato il procedimento dimostrare che era intenzione della persona segnalante violare la legge.

_________________

_________________

58 Direttiva (UE) 2016/943 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2016, sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali) contro l'acquisizione, l'utilizzo e la divulgazione illeciti (GU L 157 del 15.6.2016, pag. 1).

58 Direttiva (UE) 2016/943 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2016, sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate (segreti commerciali) contro l'acquisizione, l'utilizzo e la divulgazione illeciti (GU L 157 del 15.6.2016, pag. 1).

Emendamento    76

Proposta di direttiva

Considerando 75

Testo della Commissione

Emendamento

(75)  Le spese legali possono rappresentare un onere considerevole per le persone segnalanti che contestano le misure di ritorsione adottate nei loro confronti nell'ambito di un procedimento giudiziario. Sebbene possano recuperare tali spese alla fine del procedimento, potrebbero non essere in grado di farvi fronte in anticipo, in particolare se sono disoccupati e inseriti nelle liste nere. L'assistenza nei procedimenti giudiziari penali, in particolare a norma della direttiva (UE) 2016/1919 del Parlamento europeo e del Consiglio59 e più in generale il sostegno a chi si trova in gravi difficoltà finanziarie potrebbero essere determinanti, in alcuni casi, per l'attuazione efficace dei loro diritti alla protezione.

(75)  Le spese legali possono rappresentare un onere considerevole per le persone segnalanti che contestano le misure di ritorsione adottate nei loro confronti nell'ambito di un procedimento giudiziario. Sebbene possano recuperare tali spese alla fine del procedimento, potrebbero non essere in grado di farvi fronte in anticipo, in particolare se sono disoccupati e inseriti nelle liste nere. L'assistenza nei procedimenti giudiziari penali, in particolare a norma della direttiva (UE) 2016/1919 del Parlamento europeo e del Consiglio e più in generale il sostegno a chi si trova in gravi difficoltà finanziarie sono determinanti per l'attuazione efficace dei loro diritti alla protezione. Gli informatori dovrebbero altresì poter chiedere un risarcimento per qualsiasi molestia subita o per la perdita dei propri mezzi di sussistenza attuali o futuri, qualora il danno sia avvenuto nell'ambito di una ritorsione.

_________________

_________________

59 Direttiva (UE) 2016/1919 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2016, sull'ammissione al patrocinio a spese dello Stato per indagati e imputati nell'ambito di procedimenti penali e per le persone ricercate nell'ambito di procedimenti di esecuzione del mandato d'arresto europeo (GU L 297 del 4.11.2016, pag. 1).

59 Direttiva (UE) 2016/1919 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2016, sull'ammissione al patrocinio a spese dello Stato per indagati e imputati nell'ambito di procedimenti penali e per le persone ricercate nell'ambito di procedimenti di esecuzione del mandato d'arresto europeo (GU L 297 del 4.11.2016, pag. 1).

Emendamento    77

Proposta di direttiva

Considerando 76

Testo della Commissione

Emendamento

(76)  I diritti della persona coinvolta dovrebbero essere tutelati in modo da evitare danni alla sua reputazione o altre conseguenze negative. Inoltre i diritti della difesa e l'accesso ai mezzi di ricorso della persona coinvolta dovrebbero essere pienamente rispettati in ogni fase del procedimento che segue la segnalazione, conformemente agli articoli 47 e 48 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Gli Stati membri dovrebbero assicurare il diritto alla difesa della persona coinvolta, compreso il diritto di accedere al fascicolo, il diritto di essere sentita e il diritto a un ricorso effettivo avverso una decisione che la riguarda, ai sensi delle vigenti procedure previste dalla legislazione nazionale nel quadro di accertamenti o successivi procedimenti giudiziari.

(76)  I diritti della persona coinvolta dovrebbero essere tutelati in modo da evitare danni alla sua reputazione o altre conseguenze negative. Inoltre i diritti della difesa e l'accesso ai mezzi di ricorso della persona coinvolta dovrebbero essere pienamente rispettati in ogni fase del procedimento che segue la segnalazione, conformemente agli articoli 47 e 48 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Gli Stati membri dovrebbero assicurare la protezione della riservatezza dell'identità della persona coinvolta e garantirne i diritti alla difesa, compreso il diritto di accedere al fascicolo, il diritto di essere sentita e il diritto a un ricorso effettivo avverso una decisione che la riguarda, ai sensi delle vigenti procedure previste dalla legislazione nazionale nel quadro di accertamenti o successivi procedimenti giudiziari. A tal fine dovrebbero essere adottate misure adeguate per rendere gli individui e la società civile più consapevoli di tali diritti.

Emendamento    78

Proposta di direttiva

Considerando 77

Testo della Commissione

Emendamento

(77)  La persona che subisce un pregiudizio, direttamente o indirettamente, a seguito della segnalazione o della divulgazione di informazioni imprecise o fuorvianti dovrebbe conservare la protezione e i mezzi di ricorso di cui dispone in base alle norme del diritto ordinario. Nel caso in cui la segnalazione o divulgazione di informazioni imprecise o fuorvianti sia stata fatta volontariamente e scientemente, le persone coinvolte dovrebbero avere diritto a un risarcimento conformemente al diritto nazionale.

(77)  La persona che subisce un pregiudizio, direttamente o indirettamente, a seguito della segnalazione o della divulgazione di informazioni imprecise o fuorvianti dovrebbe conservare la protezione e i mezzi di ricorso di cui dispone in base alle norme del diritto ordinario. Nel caso in cui la segnalazione o divulgazione di informazioni imprecise o fuorvianti sia stata fatta volontariamente e scientemente, gli informatori non dovrebbero avere diritto di beneficiare della protezione e le persone coinvolte dovrebbero avere diritto a un risarcimento conformemente al diritto nazionale.

Emendamento    79

Proposta di direttiva

Considerando 78

Testo della Commissione

Emendamento

(78)  Le sanzioni sono necessarie per assicurare l'efficacia delle norme sulla protezione degli informatori. Le sanzioni nei confronti di quanti intraprendono misure di ritorsione o altre azioni avverse contro gli informatori possono scoraggiare ulteriori azioni di questo tipo. Le sanzioni contro le persone che effettuano una segnalazione o una divulgazione che risultano scientemente false sono necessarie per prevenire ulteriori segnalazioni dolose e preservare la credibilità del sistema. La proporzionalità di tali sanzioni dovrebbe garantire che non abbiano un effetto dissuasivo sui potenziali informatori.

(78)  Le sanzioni sono necessarie per assicurare l'efficacia delle norme sulla protezione degli informatori. Le sanzioni nei confronti di quanti intraprendono misure di ritorsione o altre azioni avverse contro gli informatori possono scoraggiare ulteriori azioni di questo tipo. Le sanzioni contro le persone che effettuano una segnalazione o una divulgazione che risultano scientemente false sono altresì necessarie per prevenire ulteriori segnalazioni dolose e preservare la credibilità del sistema. Laddove gli Stati membri prevedano sanzioni in caso di diffamazione o divulgazione di informazioni false, tali sanzioni potrebbero essere applicabili anche a segnalazioni o divulgazioni che risultano scientemente false. La proporzionalità di tali sanzioni dovrebbe garantire che non abbiano un effetto dissuasivo sui potenziali informatori.

Emendamento    80

Proposta di direttiva

Considerando 80

Testo della Commissione

Emendamento

(80)  La presente direttiva introduce norme minime e gli Stati membri dovrebbero avere la facoltà di introdurre o mantenere in vigore disposizioni più favorevoli per la persona segnalante, purché non interferiscano con le misure per la protezione delle persone coinvolte.

(80)  La presente direttiva introduce norme minime e gli Stati membri dovrebbero avere la facoltà di introdurre o mantenere in vigore disposizioni più favorevoli per la persona segnalante ed essere incoraggiati a farlo. Il recepimento della presente direttiva non fornisce in alcun caso motivi per ridurre il livello generale di protezione già riconosciuto alle persone segnalanti nel quadro del diritto nazionale in relazione alle aree in cui trova applicazione.

Emendamento    81

Proposta di direttiva

Considerando 82

Testo della Commissione

Emendamento

(82)  L'ambito di applicazione materiale della presente direttiva si basa sull'identificazione di settori in cui l'introduzione della protezione degli informatori risulta giustificata e necessaria visti i dati attualmente disponibili. Tale ambito di applicazione materiale può essere esteso ad altri settori o atti dell'Unione, se necessario per rafforzarne l'applicazione alla luce di prove che potrebbero emergere in futuro o sulla base della valutazione del funzionamento della presente direttiva.

(82)  L'ambito di applicazione materiale della presente direttiva si basa sull'identificazione di settori in cui l'introduzione della protezione degli informatori risulta giustificata e necessaria visti i dati attualmente disponibili. Tale ambito di applicazione materiale può essere esteso ad altri settori o atti dell'Unione, se necessario per rafforzarne l'applicazione alla luce di prove che la Commissione dovrebbe continuare a raccogliere e che potrebbero emergere in futuro o sulla base della valutazione del funzionamento della presente direttiva.

Emendamento    82

Proposta di direttiva

Considerando 84

Testo della Commissione

Emendamento

(84)  L'obiettivo della presente direttiva, vale a dire il rafforzamento, mediante una protezione efficace degli informatori, dell'applicazione della legge in determinati settori e atti in cui le violazioni del diritto dell'Unione possano arrecare un grave pregiudizio al pubblico interesse, non può essere conseguito in misura sufficiente dagli Stati membri che agiscono da soli o senza coordinamento, ma può essere conseguito meglio attraverso un intervento dell'Unione che stabilisce norme minime di armonizzazione in materia di protezione degli informatori. Inoltre solo un'azione dell'Unione può garantire la coerenza e armonizzare le norme attuali dell'Unione sulla protezione degli informatori. L'Unione può quindi intervenire in base al principio di sussidiarietà sancito dall'articolo 5 del trattato sull'Unione europea. La presente direttiva si limita a quanto è necessario per conseguire tale obiettivo in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo.

(84)  L'obiettivo della presente direttiva, vale a dire il rafforzamento, mediante una protezione efficace degli informatori, dell'applicazione della legge in determinati settori e atti in cui le violazioni del diritto dell'Unione possano arrecare un pregiudizio al pubblico interesse, non può essere conseguito in misura sufficiente dagli Stati membri che agiscono da soli o senza coordinamento, ma può essere conseguito meglio attraverso un intervento dell'Unione che stabilisce norme minime di armonizzazione in materia di protezione degli informatori. Inoltre solo un'azione dell'Unione può garantire la coerenza e armonizzare le norme attuali dell'Unione sulla protezione degli informatori. L'Unione può quindi intervenire in base al principio di sussidiarietà sancito dall'articolo 5 del trattato sull'Unione europea. La presente direttiva si limita a quanto è necessario per conseguire tale obiettivo in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo.

Emendamento    83

Proposta di direttiva

Considerando 85

Testo della Commissione

Emendamento

(85)  La presente direttiva rispetta i diritti fondamentali e osserva i principi riconosciuti, segnatamente, dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Di conseguenza la presente direttiva deve essere applicata conformemente a tali diritti e principi. In particolare la presente direttiva mira a garantire il pieno rispetto della libertà di espressione e d'informazione, il diritto alla protezione dei dati personali, la libertà d'impresa, il diritto a un livello elevato di protezione dei consumatori, il diritto a un ricorso effettivo e i diritti della difesa.

(85)  La presente direttiva rispetta i diritti fondamentali e i principi riconosciuti, segnatamente, dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, in particolare il suo articolo 11. Di conseguenza la presente direttiva deve essere applicata conformemente a tali diritti e principi garantendo il pieno rispetto, tra gli altri, della libertà di espressione e d'informazione, il diritto alla protezione dei dati personali, la libertà d'impresa, il diritto a un livello elevato di protezione dei consumatori, il diritto a condizioni di lavoro giuste ed eque, il diritto a un livello elevato di protezione della salute umana, il diritto a un livello elevato di protezione ambientale, il diritto alla buona amministrazione, il diritto a un ricorso effettivo e i diritti della difesa. È opportuno tenere particolarmente conto della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, in particolare del suo articolo 10.

Emendamento    84

Proposta di direttiva

Considerando 85 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(85 bis)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la libertà degli Stati membri di applicare le stesse norme o norme simili alle violazioni del diritto nazionale, predisponendo così un quadro coerente e circostanziato per la protezione delle persone che segnalano violazioni.

Emendamento    85

Proposta di direttiva

Considerando 85 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(85 ter)   È opportuno rivolgere una particolare attenzione alla risoluzione del Parlamento europeo del 14 febbraio 2017 sul ruolo degli informatori nella protezione degli interessi finanziari dell'UE e alla risoluzione del Parlamento europeo del 24 ottobre 2017 sulle misure legittime per proteggere gli informatori che agiscono nell'interesse pubblico, quando divulgano informazioni riservate di imprese e organismi pubblici.

Emendamento    86

Proposta di direttiva

Articolo -1 (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo -1

 

Oggetto

 

L'obiettivo della presente direttiva è di rafforzare la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione e di rafforzare l'applicazione di quest'ultimo per salvaguardare l'interesse generale, definendo norme minime comuni per la protezione delle persone che segnalano attività illecite o abusi di diritto nei settori di cui all'articolo 1.

Emendamento    87

Proposta di direttiva

Articolo 1

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 1

Articolo 1

Ambito di applicazione materiale

Ambito di applicazione materiale

1.  Per rafforzare l'applicazione del diritto e delle politiche dell'Unione in specifici settori, la presente direttiva stabilisce norme minime comuni di protezione delle persone che segnalano le attività illecite o gli abusi del diritto seguenti:

1.  La presente direttiva stabilisce norme minime comuni di protezione delle persone che segnalano le attività illecite o gli abusi del diritto seguenti:

a)  violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione degli atti dell'Unione di cui all'allegato (parte I e parte II) relativamente ai seguenti settori:

a)  violazioni di atti dell'Unione, compresi tra gli altri gli atti di cui all'allegato (parte I e parte II) e gli atti che danno loro attuazione, che riguardano i seguenti settori:

i)  appalti pubblici;

i)  appalti pubblici;

ii)  servizi finanziari, prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo;1

ii)  servizi finanziari, evasione fiscale, frode fiscale, elusione fiscale, prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo; 1

iii)  sicurezza dei prodotti;

iii)  sicurezza dei prodotti;

iv)  sicurezza dei trasporti;

iv)  sicurezza dei trasporti;

v)  tutela dell'ambiente;

v)  tutela dell'ambiente;

vi)  sicurezza nucleare;

vi)  sicurezza nucleare;

vii)  sicurezza degli alimenti e dei mangimi e salute e benessere degli animali;

vii)  sicurezza degli alimenti e dei mangimi e salute e benessere degli animali;

viii)  salute pubblica;

viii)  salute pubblica;

ix)  protezione dei consumatori;

ix)  protezione dei consumatori;

x)  tutela della vita privata e protezione dei dati personali e sicurezza delle reti e dei sistemi informativi.

x)  tutela della vita privata e protezione dei dati personali e sicurezza delle reti e dei sistemi informativi; e

 

x bis)  occupazione, condizioni di lavoro, diritti dei lavoratori e principio delle pari opportunità e di pari trattamento tra uomini e donne sul lavoro;

b)  violazioni e degli articoli 101, 102, 106, 107 e 108 del TFUE e violazioni che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio e del regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio;

b)  violazioni e degli articoli 101, 102, 106, 107 e 108 del TFUE e violazioni che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio e del regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio;

c)  violazioni che ledono gli interessi finanziari dell'Unione ai sensi dell'articolo 325 del TFUE e ulteriormente specificati, in particolare con direttiva (UE) 2017/1371 e regolamento (UE, Euratom) n. 883/2013;

c)  violazioni che ledono gli interessi finanziari dell'Unione ai sensi dell'articolo 325 del TFUE e ulteriormente specificati, in particolare con direttiva (UE) 2017/1371 e regolamento (UE, Euratom) n. 883/2013;

d)  violazioni riguardanti il mercato interno, di cui all'articolo 26, paragrafo 2, del TFUE, per quanto riguarda gli atti che violano le norme in materia di imposta sulle società e le costruzioni il cui fine è ottenere un vantaggio fiscale che vanifica l'obiettivo o la finalità della normativa in materia di imposta sulle società.

d)  violazioni riguardanti il mercato interno, di cui all'articolo 26, paragrafo 2, del TFUE, per quanto riguarda gli atti che violano le norme in materia di imposta sulle società e le costruzioni il cui fine è ottenere un vantaggio fiscale che vanifica l'obiettivo o la finalità della normativa in materia di imposta sulle società.

2.  Laddove siano previste norme specifiche sulla segnalazione delle violazioni negli atti settoriali dell'Unione elencati nella parte 2 dell'allegato, si applicano tali norme. Le disposizioni della presente direttiva si applicano a tutte le questioni relative alla protezione degli informatori che non sono regolamentate da tali atti settoriali dell'Unione.

2.  Laddove siano previste norme specifiche sulla segnalazione delle violazioni negli atti settoriali dell'Unione elencati nella parte 2 dell'allegato, si applicano tali norme. Le disposizioni della presente direttiva si applicano a tutte le questioni relative alla protezione degli informatori che non sono regolamentate da tali atti settoriali dell'Unione.

________________

______________

1 ECON and LIBE exclusive competence

1 ECON and LIBE exclusive competence

Emendamento    88

Proposta di direttiva

Articolo 2

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 2

Articolo 2

Ambito di applicazione personale

Ambito di applicazione personale

1.  La presente direttiva si applica alle persone segnalanti che lavorano nel settore privato o pubblico che hanno acquisito informazioni sulle violazioni in un contesto lavorativo, compresi almeno:

1.  La presente direttiva si applica alle persone segnalanti e ai facilitatori, che agiscono in buona fede, nel settore privato o pubblico che hanno acquisito informazioni sulle violazioni in un contesto lavorativo, compresi almeno:

a)  le persone aventi la qualità di lavoratore ai sensi dell'articolo 45 del TFUE;

a)  le persone aventi la qualità di lavoratore ai sensi del diritto del lavoro nazionale e della prassi nazionale o ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, compresi i dipendenti pubblici;

b)  le persone aventi la qualità di lavoratore autonomo ai sensi dell'articolo 49 del TFUE;

b)  le persone aventi la qualità di lavoratore autonomo ai sensi dell'articolo 49 del TFUE;

c)  gli azionisti e i membri dell'organo direttivo di un'impresa, compresi i membri senza incarichi esecutivi, i volontari e i tirocinanti non retribuiti;

c)  gli azionisti e i membri dell'organo direttivo di un'impresa, compresi i membri senza incarichi esecutivi, i volontari e i tirocinanti retribuiti e non retribuiti;

d)  qualsiasi persona che lavora sotto la supervisione e la direzione di appaltatori, subappaltatori e fornitori.

d)  qualsiasi persona che lavora sotto la supervisione e la direzione di appaltatori, subappaltatori, prestatori di servizi e fornitori.

2.  La presente direttiva si applica inoltre alle persone segnalanti il cui rapporto di lavoro non è ancora iniziato nei casi in cui le informazioni riguardanti una violazione sono state acquisite durante il processo di selezione o altre fasi della trattativa precontrattuale.

2.  La presente direttiva si applica inoltre alle persone segnalanti che agiscono in buona fede il cui rapporto di lavoro non è ancora iniziato nei casi in cui le informazioni riguardanti una violazione sono state acquisite durante il processo di selezione o altre fasi della trattativa precontrattuale, nonché alle persone segnalanti il cui rapporto di lavoro sia cessato.

 

 

Emendamento    89

Proposta di direttiva

Articolo 3

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 3

Articolo 3

Definizioni

Definizioni

Ai fini della presente direttiva si applicano le seguenti definizioni:

Ai fini della presente direttiva si applicano le seguenti definizioni:

(1)  "violazioni": attività illecite effettive o potenziali o abusi del diritto in relazione agli atti dell'Unione e ai settori che rientrano nell'ambito di applicazione di cui all'articolo 1 e all'allegato;

(1)  "violazioni": attività illecite effettive o potenziali o abusi del diritto in relazione agli atti dell'Unione e ai settori che rientrano nell'ambito di applicazione di cui all'articolo 1 e all'allegato;

(2)  "attività illecite": atti od omissioni contrari al diritto dell'Unione;

(2)  "attività illecite": atti od omissioni contrari al diritto dell'Unione;

(3)  "abuso del diritto": atti od omissioni che rientrano nell'ambito di applicazione del diritto dell'Unione, che pur non risultando irregolari dal punto di vista formale vanificano l'oggetto o la finalità della norme applicabili;

(3)  "abuso del diritto": atti od omissioni che rientrano nell'ambito di applicazione del diritto dell'Unione, che pur non risultando irregolari dal punto di vista formale vanificano l'oggetto o la finalità della norme applicabili;

(4)  "informazioni sulle violazioni": gli elementi di prova riguardanti le violazioni effettive, ma anche i ragionevoli sospetti riguardanti potenziali violazioni che non sono state ancora commesse;

(4)  "informazioni sulle violazioni": gli elementi di prova riguardanti le violazioni effettive, ma anche i ragionevoli sospetti riguardanti potenziali violazioni che non sono state ancora commesse;

(5)  "segnalazione": la comunicazione di informazioni relative a una violazione che si è verificata o che potrebbe verificarsi nell'organizzazione presso cui la persona segnalante lavora o ha lavorato, o in altra organizzazione con la quale è o è stata in contatto nell'ambito della sua attività professionale;

(5)  "segnalazione": la comunicazione di informazioni relative a una violazione che si è verificata o che potrebbe verificarsi nell'organizzazione presso cui la persona segnalante lavora o ha lavorato, o in altra organizzazione con la quale è o è stata in contatto nell'ambito della sua attività professionale;

(6)  "segnalazione interna": la comunicazione di informazioni sulle violazioni all'interno di un soggetto giuridico pubblico o privato;

(6)  "segnalazione interna": la comunicazione di informazioni sulle violazioni all'interno di un soggetto giuridico pubblico o privato;

(7)  "segnalazione esterna": la comunicazione di informazioni sulle violazioni alle autorità competenti;

(7)  "segnalazione esterna": la comunicazione di informazioni sulle violazioni alle autorità competenti;

(8)  "divulgazione": il fatto di rendere di pubblico dominio informazioni sulle violazioni acquisite in un contesto lavorativo;

(8)  "divulgazione": il fatto di rendere di pubblico dominio informazioni sulle violazioni acquisite in un contesto lavorativo;

(9)  "persona segnalante": la persona fisica o giuridica che segnala o divulga informazioni sulle violazioni acquisite nell'ambito delle sue attività professionali;

(9)  "persona segnalante": la persona fisica o giuridica che segnala o divulga informazioni sulle violazioni acquisite nell'ambito delle sue attività professionali;

 

(9 bis)  "facilitatore": la persona fisica che assiste o aiuta la persona segnalante nel processo di segnalazione in un contesto lavorativo;

(10)  "contesto lavorativo": le attività lavorative presenti o passate svolte nel settore pubblico o privato attraverso le quali, indipendentemente dalla loro natura, un soggetto può acquisire informazioni sulle violazioni e nel cui ambito rischia di subire ritorsioni in caso di segnalazione;

(10)  "contesto lavorativo": le attività lavorative presenti o passate svolte nel settore pubblico o privato attraverso le quali, indipendentemente dalla loro natura, un soggetto può acquisire informazioni sulle violazioni e nel cui ambito rischia di subire ritorsioni in caso di segnalazione;

(11)  "persona coinvolta": la persona fisica o giuridica menzionata nella segnalazione o divulgazione come persona alla quale la violazione è attribuita o con la quale è associata;

(11)  "persona coinvolta": la persona fisica o giuridica menzionata nella segnalazione o divulgazione come persona alla quale la violazione è attribuita o con la quale è associata;

(12)  "ritorsione": qualsiasi atto o omissione, effettivo o potenziale scaturito dalla segnalazione interna o esterna che si verifica in un contesto lavorativo e che provochi o possa provocare danni ingiustificati alla persona segnalante;

(12)  "ritorsione": qualsiasi atto o omissione, effettivo o potenziale, diretto o indiretto, scaturito dalla segnalazione interna o esterna o da una divulgazione che si verifica in un contesto lavorativo e che provochi o possa provocare danni ingiustificati alla persona segnalante;

(13)  "seguito": l'azione intrapresa dal destinatario della segnalazione, interna o esterna, allo scopo di valutare la sussistenza dei fatti segnalati e, se del caso, porre rimedio alla pretesa violazione, comprese azioni come l'indagine interna, gli accertamenti, l'azione penale, l'azione per il recupero dei fondi e l'archiviazione

(13)  "seguito": l'azione intrapresa dal destinatario della segnalazione, interna o esterna, allo scopo di valutare la sussistenza dei fatti segnalati e, se del caso, porre rimedio alla pretesa violazione, comprese azioni come l'indagine interna, gli accertamenti, l'azione penale, l'azione per il recupero dei fondi e l'archiviazione

(14)  "autorità competente": l'autorità nazionale autorizzata a ricevere le segnalazioni conformemente al capo III e designata a svolgere le funzioni previste dalla presente direttiva, in particolare per quanto riguarda il seguito dato alle segnalazioni.

(14)  "autorità competente": l'autorità nazionale autorizzata a ricevere le segnalazioni conformemente al capo III e designata a svolgere le funzioni previste dalla presente direttiva, in particolare per quanto riguarda il seguito dato alle segnalazioni;

 

(14 bis)  "buona fede": la ragionevole presunzione di una persona segnalante, alla luce delle circostanze e delle informazioni di cui dispone al momento della segnalazione, che le informazioni che comunica siano veritiere e che rientrino nell'ambito di applicazione della presente direttiva.

Emendamento    90

Proposta di direttiva

Articolo 4

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 4

Articolo 4

Obbligo di istituire canali e procedure interne per le segnalazioni e relativo seguito

Obbligo di istituire canali e procedure interne per le segnalazioni e relativo seguito

1.  Gli Stati membri assicurano che i soggetti giuridici del settore privato e pubblico istituiscano canali e procedure di segnalazione interna e per il seguito delle segnalazioni, previa consultazione delle parti sociali se del caso.

1.  Gli Stati membri, in conformità delle prassi nazionali, assicurano che i datori di lavoro e gli altri soggetti giuridici del settore privato e pubblico istituiscano canali e procedure di segnalazione interna e per il seguito delle segnalazioni, previa consultazione delle parti sociali e in concertazione con esse.

2.  Tali canali e procedure devono permettere ai dipendenti del soggetto di effettuare le segnalazioni. Essi possono permettere anche ad altre persone in contatto con il soggetto nell'ambito della loro attività professionale, di cui all'articolo 2, paragrafo 1, lettera b), c) e d), di effettuare una segnalazione, ma l'uso dei canali di segnalazione interni non è obbligatorio per tali categorie di persone.

2.  Tali canali e procedure devono permettere ai dipendenti del soggetto di effettuare le segnalazioni. Essi permettono anche ad altre persone in contatto con il soggetto nell'ambito della loro attività professionale, di cui all'articolo 2, paragrafo 1, lettera b), c) e d), di effettuare una segnalazione. Tali canali di segnalazione devono essere chiaramente definiti dal soggetto e agevolmente accessibili sia dall'interno che dall'esterno.

3.  I soggetti giuridici del settore privato di cui al paragrafo 1 sono i seguenti:

3.  I soggetti giuridici del settore privato di cui al paragrafo 1 sono i seguenti:

a)  soggetti giuridici privati con 50 o più dipendenti;

a)  soggetti giuridici privati con 50 o più dipendenti;

b)  soggetti giuridici privati il cui fatturato annuo o il cui bilancio annuo totale è pari o superiore a 10 milioni di EUR;

b)  soggetti giuridici privati il cui fatturato annuo o il cui bilancio annuo totale è pari o superiore a 10 milioni di EUR;

c)  soggetti giuridici privati di qualsiasi dimensione che operano nel settore dei servizi finanziari o che sono vulnerabili al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo, conformemente agli atti dell'Unione elencati nell'allegato.

c)  soggetti giuridici privati di qualsiasi dimensione che operano nel settore dei servizi finanziari o che sono vulnerabili al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo, conformemente agli atti dell'Unione elencati nell'allegato.

 

3 bis.  In deroga al paragrafo 3, lettere a) e b), gli Stati membri possono escludere dai soggetti giuridici del settore privato di cui al paragrafo 1, i soggetti giuridici seguenti:

 

a)  soggetti giuridici privati con meno di 250 dipendenti;

 

b)  soggetti giuridici privati con un fatturato annuo non superiore ai 50 milioni di EUR e/o un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di EUR.

4.  In seguito a un'adeguata valutazione dei rischi e tenuto conto della natura delle attività dei soggetti e del conseguente livello di rischio, gli Stati membri possono chiedere ai soggetti giuridici privati di piccole dimensioni, quali definiti nella raccomandazione della Commissione, del 6 maggio 200362, diversi da quelli di cui al paragrafo 3, lettera c), di stabilire canali e procedure di segnalazione interna.

4.  In seguito a un'adeguata valutazione dei rischi e tenuto conto della natura delle attività dei soggetti e del conseguente livello di rischio, in particolare per l'ambiente e per la sanità pubblica, gli Stati membri possono chiedere ai soggetti giuridici privati di piccole dimensioni, quali definiti nella raccomandazione della Commissione, del 6 maggio 200362, diversi da quelli di cui al paragrafo 3, lettera c), di stabilire canali e procedure di segnalazione interna.

5.  La decisione adottata da uno Stato membro a norma del paragrafo 4 è notificata alla Commissione, insieme ad una motivazione e ai criteri utilizzati nella valutazione del rischio. La Commissione comunica detta decisione agli altri Stati membri.

5.  La decisione adottata da uno Stato membro a norma del paragrafo 4 è notificata alla Commissione, insieme ad una motivazione e ai criteri utilizzati nella valutazione del rischio. La Commissione comunica detta decisione agli altri Stati membri.

6.  I soggetti giuridici del settore pubblico di cui al paragrafo 1 sono le seguenti:

6.  I soggetti giuridici del settore pubblico di cui al paragrafo 1 sono le seguenti:

a)  l'amministrazione dello Stato;

a)  l'amministrazione dello Stato;

b)  l'amministrazione e i servizi regionali;

b)  l'amministrazione e i servizi regionali;

c)  i comuni di più di 10 000 abitanti;

c)  i comuni di più di 10 000 abitanti;

d)  altri soggetti di diritto pubblico.

d)  altri soggetti di diritto pubblico.

_________________

_______________

62 Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese, GU L 124 del 20.5.2003, pag. 36.

62 Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese, GU L 124 del 20.5.2003, pag. 36.

Motivazione

Le disposizioni dettagliate sui canali di segnalazione interna devono restare di competenza degli Stati membri che prevedono norme severe nella legislazione nazionale.

Emendamento    91

Proposta di direttiva

Articolo 5

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 5

Articolo 5

Procedure per la segnalazione interna e relativo seguito

Procedure per la segnalazione interna e relativo seguito

1.  Le procedure per le segnalazioni e relativo seguito di cui all'articolo 4 comprendono i seguenti elementi:

1.  Le procedure per le segnalazioni e relativo seguito di cui all'articolo 4 possono comprendere i seguenti elementi:

a)  canali per ricevere le segnalazioni che siano progettati, realizzati e gestiti in modo da garantire la riservatezza dell'identità della persona segnalante e da impedire l'accesso al personale non autorizzato;

a)  canali per ricevere le segnalazioni che siano progettati, realizzati e gestiti in modo sicuro, tale da garantire la riservatezza dell'identità della persona segnalante e dei facilitatori oltre che della persona coinvolta, e da impedire l'accesso al personale non autorizzato;

 

a bis)  un avviso riservato del ricevimento della segnalazione alla persona segnalante entro un termine di sette giorni dal ricevimento;

b)  la designazione di una persona o di un servizio competente per dare seguito alle segnalazioni;

b)  la designazione di una persona imparziale o di un servizio indipendente competente per dare seguito alle segnalazioni;

c)  un seguito diligente della segnalazione da parte di detta persona o servizio;

c)  un seguito diligente della segnalazione da parte di detta persona o servizio e, ove necessario, l'adozione di misure adeguate e tempestive;

 

c bis)  un seguito diligente delle segnalazioni anonime;

d)  un termine ragionevole, non superiore a tre mesi dopo la segnalazione, per dare un riscontro alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione;

d)  un termine ragionevole, non superiore a due mesi dall'avviso di ricevimento della segnalazione, per dare un riscontro alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione. Tale termine può essere prorogato a quattro mesi, ove necessario a causa delle circostanze specifiche del caso, in particolare se l'oggetto della segnalazione è di natura e complessità tale da richiedere una lunga inchiesta;

 

d bis)  la possibilità che la persona segnalante sia consultata e possa formulare osservazioni nel corso dell'indagine, e la possibilità che tali osservazioni siano prese in considerazione se ritenute pertinenti dalla persona o dal servizio di cui alla lettera b); e

e)  informazioni chiare e facilmente accessibili sulle procedure e sulle modalità e condizioni in base alle quali possono essere effettuate segnalazioni esterne alle autorità competenti a norma dell'articolo 13, paragrafo 2, e, se del caso, ad organi e organismi dell'Unione.

e)  informazioni chiare e facilmente accessibili sulle procedure e sulle modalità e condizioni in base alle quali possono essere effettuate segnalazioni esterne alle autorità competenti a norma dell'articolo 13, paragrafo 2, e, se del caso, ad organi e organismi dell'Unione.

2.  I canali di cui al paragrafo 1, lettera a), consentono di effettuare le segnalazioni in tutte le seguenti modalità:

2.  I canali di cui al paragrafo 1, lettera a), consentono di effettuare le segnalazioni in tutte le seguenti modalità:

a)  per iscritto su supporto elettronico o in formato cartaceo e/o oralmente mediante linee telefoniche registrate o non registrate;

a)  per iscritto su supporto elettronico o in formato cartaceo e/o oralmente mediante linee telefoniche o altri sistemi di messaggeria vocale, registrate previa autorizzazione della persona segnalante o non registrate;

b)  incontro diretto con la persona o il servizio incaricati di ricevere le segnalazioni.

b)  incontro diretto con la persona o il servizio incaricati di ricevere le segnalazioni.

I canali di segnalazione possono essere gestiti internamente da una persona o da un servizio designato a tale scopo o essere messi a disposizione esternamente da terzi, a condizione che siano rispettate le garanzie e i requisiti di cui al paragrafo 1, lettera a).

 

3.  La persona o il servizio competente di cui al paragrafo 1, lettera b), può essere la stessa persona o lo stesso servizio abilitato a ricevere le segnalazioni. Possono essere designate come "persone di fiducia" altre persone cui le persone segnalanti e quelle che intendano segnalare possono chiedere una consulenza riservata.

3.  La persona o il servizio competente di cui al paragrafo 1, lettera b), può essere la stessa persona o lo stesso servizio abilitato a ricevere le segnalazioni, a condizione che siano mantenute le garanzie di imparzialità e di riservatezza di cui al paragrafo 1, lettere a) e b). Possono essere designate come "persone di fiducia" altre persone cui le persone segnalanti e quelle che intendano segnalare possono chiedere una consulenza riservata.

 

3 bis.  Le procedure per la presentazione di segnalazioni e per il seguito da dare alle segnalazioni, di cui all'articolo 4, garantiscono che la persona segnalante o qualsiasi persona che intenda segnalare abbia il diritto di essere accompagnata da un rappresentante dei lavoratori in tutte le fasi della procedura, anche durante gli incontri diretti di cui al presente articolo.

Emendamento    92

Proposta di direttiva

Articolo 6

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 6

Articolo 6

Obbligo di istituire canali di segnalazione esterna e di dare seguito alle segnalazioni

Obbligo di istituire canali di segnalazione esterna e di dare seguito alle segnalazioni

1.  Gli Stati membri designano le autorità competenti a ricevere e gestire le segnalazioni.

1.  Gli Stati membri designano le autorità competenti a ricevere e gestire le segnalazioni.

2.  Gli Stati membri provvedono affinché le autorità competenti:

2.  Gli Stati membri provvedono affinché le autorità competenti:

a)  stabiliscano canali di segnalazione esterna indipendenti, autonomi, sicuri e riservati per il ricevimento e il trattamento delle informazioni fornite dalla persona segnalante;

a)  stabiliscano canali di segnalazione esterna indipendenti, autonomi, sicuri e riservati per il ricevimento e il trattamento delle informazioni fornite dalla persona segnalante;

b)  diano un riscontro alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione entro un termine ragionevole non superiore a tre mesi o sei mesi in casi debitamente giustificati;

soppresso

c)  trasmettano le informazioni contenute nella segnalazione agli organi e organismi competenti dell'Unione, se del caso, per ulteriori indagini ove previsto dal diritto nazionale o dell'Unione.

c)  trasmettano le informazioni contenute nella segnalazione agli organi e organismi competenti dell'Unione, se del caso, per ulteriori indagini ove previsto dal diritto nazionale o dell'Unione.

3.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti diano seguito alle segnalazioni prendendo le misure necessarie e svolgano gli opportuni accertamenti sull'oggetto delle segnalazioni. Le autorità competenti comunicano alla persona segnalante l'esito finale degli accertamenti.

3.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti diano seguito alle segnalazioni prendendo le misure necessarie, svolgano gli opportuni accertamenti sull'oggetto delle segnalazioni e abbiano il diritto di adottare misure correttive ove necessario. Le autorità competenti comunicano alla persona segnalante l'esito finale degli accertamenti.

4.  Gli Stati membri assicurano che l'autorità che ha ricevuto una segnalazione, ma non è competente per trattare la violazione segnalata, la trasmetta all'autorità competente e che la persona segnalante ne sia informata.

4.  Gli Stati membri assicurano che l'autorità che ha ricevuto una segnalazione, ma non è competente per trattare la violazione segnalata, la trasmetta all'autorità competente entro un lasso di tempo ragionevole, in modo sicuro e tenendo debito conto delle norme e regole pertinenti in materia di protezione dei dati e di riservatezza. La persona segnalante è informata senza indugio di tale trasmissione.

Emendamento    93

Proposta di direttiva

Articolo 7

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 7

Articolo 7

Progettazione dei canali di segnalazione esterna

Progettazione dei canali di segnalazione esterna

1.  I canali di segnalazione esterna dedicati sono considerati indipendenti e autonomi a condizione che siano soddisfatti tutti i seguenti criteri:

1.  I canali di segnalazione esterna dedicati sono considerati indipendenti e autonomi a condizione che siano soddisfatti tutti i seguenti criteri:

a)  siano separati dai canali di comunicazione generali dell'autorità competente, compresi quelli con cui l'autorità competente comunica internamente e con terzi nel corso del normale svolgimento delle proprie attività;

a)  siano separati dai canali di comunicazione generali dell'autorità competente, compresi quelli con cui l'autorità competente comunica internamente e con terzi nel corso del normale svolgimento delle proprie attività;

b)  siano progettati, realizzati e gestiti in modo da garantire la completezza, l'integrità e la riservatezza delle informazioni e impediscano l'accesso del personale non autorizzato dell'autorità competente;

b)  siano progettati, realizzati e gestiti in modo da garantire la completezza, l'integrità e la riservatezza delle informazioni, compresa l'identità della persona segnalante e della persona coinvolta, e impediscano l'accesso del personale non autorizzato dell'autorità competente;

c)  permettano la memorizzazione di informazioni su supporti durevoli, conformemente all'articolo 11, per consentire ulteriori accertamenti.

c)  permettano la memorizzazione di informazioni su supporti durevoli, conformemente all'articolo 11, per consentire ulteriori accertamenti.

2.  I canali di segnalazione dedicati consentono la segnalazione almeno in tutte le seguenti modalità:

2.  I canali di segnalazione dedicati consentono la segnalazione almeno in tutte le seguenti modalità:

a)  segnalazione scritta in formato elettronico o cartaceo;

a)  segnalazione scritta in formato elettronico o cartaceo;

b)  segnalazione orale mediante linee telefoniche registrate o non registrate;

b)  segnalazione orale mediante linee telefoniche registrate o non registrate;

c)  incontro diretto con il personale addetto dell'autorità competente.

c)  incontro diretto con il personale addetto dell'autorità competente, in presenza, laddove la persona segnalante lo desideri, di un rappresentante dei lavoratori.

3.  Le autorità competenti assicurano che le segnalazioni ricevute con mezzi diversi dai canali di segnalazione dedicati di cui ai paragrafi 1 e 2 siano trasmesse senza indugio e senza modifiche al personale addetto dell'autorità competente utilizzando i canali di comunicazione dedicati.

3.  Le autorità competenti assicurano che le segnalazioni ricevute con mezzi diversi dai canali di segnalazione dedicati di cui ai paragrafi 1 e 2 siano trasmesse senza indugio e senza modifiche al personale addetto dell'autorità competente utilizzando i canali di comunicazione dedicati.

4.  Gli Stati membri predispongono procedure atte a garantire che, ove una segnalazione sia inizialmente indirizzata a una persona che non è designata come addetta al trattamento delle segnalazioni, questa si astenga dal divulgare qualsiasi informazione che possa identificare la segnalazione o la persona coinvolta.

4.  Gli Stati membri predispongono procedure atte a garantire che, ove una segnalazione sia inizialmente indirizzata a una persona che non è designata come addetta al trattamento delle segnalazioni, questa si astenga dal divulgare qualsiasi informazione che possa identificare la segnalazione o la persona coinvolta.

Emendamento    94

Proposta di direttiva

Articolo 8

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 8

Articolo 8

Personale addetto

Personale addetto

1.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti dispongano di personale addetto al trattamento delle segnalazioni. Il personale addetto riceve una formazione specifica su come trattare le segnalazioni.

1.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti dispongano di un numero adeguato di personale competente addetto al trattamento delle segnalazioni. Il personale addetto riceve una formazione specifica su come trattare le segnalazioni e rispetta gli obblighi di riservatezza di cui alla presente direttiva.

2.  Il personale addetto esercita le seguenti funzioni:

2.  Il personale addetto esercita le seguenti funzioni:

a)  fornisce a qualsiasi persona coinvolta informazioni sulle procedure per la segnalazione;

a)  fornisce a qualsiasi persona coinvolta informazioni sulle procedure per la segnalazione;

b)  riceve le segnalazioni e dà loro seguito;

b)  riceve le segnalazioni e dà loro seguito; determina se le segnalazioni rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva;

c)  mantiene i contatti con la persona segnalante per tenerla al corrente degli sviluppi e dell'esito degli accertamenti.

c)  mantiene i contatti con la persona segnalante per tenerla al corrente degli sviluppi e dell'esito degli accertamenti.

Emendamento    95

Proposta di direttiva

Articolo 9

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 9

Articolo 9

Procedure applicabili alla segnalazione esterna

Procedure applicabili alla segnalazione esterna

1.  Le procedure applicabili alla segnalazione esterna prevedono quanto segue:

1.  Le procedure applicabili alla segnalazione esterna prevedono quanto segue:

a)  le modalità con cui l'autorità competente può richiedere alla persona segnalante di chiarire le informazioni fornite o di dare ulteriori informazioni di cui sia a conoscenza;

a)  le modalità con cui l'autorità competente può richiedere alla persona segnalante di chiarire le informazioni fornite o di dare ulteriori informazioni di cui sia a conoscenza;

 

a bis)  un avviso riservato del ricevimento della segnalazione alla persona segnalante entro un termine di sette giorni dal ricevimento;

b)  un termine ragionevole, non superiore a tre mesi o sei mesi in casi debitamente giustificati, per dare un riscontro alla persona segnalante sul seguito accordato alla segnalazione e sul tipo e contenuto di tale riscontro;

b)  un termine ragionevole, non superiore a due mesi a far data dall'avviso di ricevimento della segnalazione, per dare un seguito diligente alla segnalazione, ove necessario anche avviando misure appropriate e indagando sul soggetto della segnalazione e per dare riscontro alla persona segnalante sul seguito accordato alla segnalazione e sul tipo e contenuto di tale riscontro; tale termine può essere esteso a quattro mesi in casi debitamente giustificati;

 

b bis)  il seguito da dare alle segnalazioni anonime, conformemente alle disposizioni previste a tal fine dal diritto nazionale;

c)  il regime di riservatezza applicabile alle segnalazioni, compresa una descrizione dettagliata delle circostanze in cui possono essere comunicati i dati riservati della persona segnalante.

c)  il regime di riservatezza applicabile alle segnalazioni, compresa una descrizione dettagliata delle circostanze in cui possono essere comunicati i dati riservati della persona segnalante e di una persona coinvolta;

 

c bis)  la possibilità che la persona segnalante sia consultata e possa formulare osservazioni nel corso dell'indagine, e la possibilità che tali osservazioni siano prese in considerazione se ritenute pertinenti dall'autorità competente.

2.  La descrizione dettagliata di cui al paragrafo 1, lettera c), comprende i casi eccezionali in cui può non essere garantita la riservatezza dei dati personali, compreso il caso in cui la divulgazione di dati personali costituisca un obbligo proporzionato e necessario prescritto dal diritto dell'Unione o da quello nazionale nell'ambito di accertamenti o successivi procedimenti giudiziari, oppure al fine di tutelare le libertà altrui, quali il diritto alla difesa della persona coinvolta, e comunque nel quadro delle adeguate tutele previste da tali legislazioni.

2.  La descrizione dettagliata di cui al paragrafo 1, lettera c), comprende i casi eccezionali in cui può non essere garantita la riservatezza dei dati personali, compreso il caso in cui la divulgazione di dati personali costituisca un obbligo proporzionato e necessario prescritto dal diritto dell'Unione o da quello nazionale nell'ambito di accertamenti o successivi procedimenti giudiziari, oppure al fine di tutelare le libertà altrui, quali il diritto alla difesa della persona coinvolta, e comunque nel quadro delle adeguate tutele previste da tali legislazioni.

3.  La descrizione dettagliata di cui al paragrafo 1, lettera c), deve essere scritta in modo chiaro e con un linguaggio di facile comprensione ed essere facilmente accessibile alle persone segnalanti.

3.  La descrizione dettagliata di cui al paragrafo 1, lettera c), deve essere scritta in modo chiaro e con un linguaggio di facile comprensione ed essere facilmente accessibile alle persone segnalanti.

Emendamento    96

Proposta di direttiva

Articolo 10

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 10

Articolo 10

Informazioni sul ricevimento delle segnalazioni e relativo seguito

Informazioni sul ricevimento delle segnalazioni e relativo seguito

Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti pubblichino sui loro siti web, in una sezione separata, facilmente identificabile e accessibile, almeno le seguenti informazioni:

Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti pubblichino sui loro siti web, in una sezione separata, facilmente identificabile e accessibile, almeno le seguenti informazioni:

a)  le condizioni alle quali la persona segnalante beneficia di protezione ai sensi della presente direttiva;

a)  le condizioni alle quali la persona segnalante beneficia di protezione ai sensi della presente direttiva;

b)  i canali di comunicazione per ricevere e dare seguito alle segnalazioni:

b)  i canali di comunicazione per ricevere e dare seguito alle segnalazioni:

i)  i numeri di telefono, indicando se le conversazioni sono registrate o meno quando si utilizza la linea telefonica;

i)  i numeri di telefono, indicando se le conversazioni sono registrate o meno quando si utilizza la linea telefonica;

ii)  gli indirizzi postali ed elettronici dedicati, sicuri e riservati, per contattare il personale addetto;

ii)  gli indirizzi postali ed elettronici dedicati, sicuri e riservati, per contattare il personale addetto;

c)  le procedure applicabili alle segnalazioni di violazioni di cui all'articolo 9;

c)  le procedure applicabili alle segnalazioni di violazioni di cui all'articolo 9;

d)  il regime di riservatezza applicabile alle segnalazioni, in particolare alle informazioni relative al trattamento dei dati personali conformemente all'articolo 13 del regolamento (UE) 2016/679, all'articolo 13 della direttiva (UE) 2016/680 e all'articolo 11 del regolamento (CE) n. 45/2001, a seconda dei casi;

d)  il regime di riservatezza applicabile alle segnalazioni, in particolare alle informazioni relative al trattamento dei dati personali conformemente agli articoli 5 e 13 del regolamento (UE) 2016/679, all'articolo 13 della direttiva (UE) 2016/680 e all'articolo 11 del regolamento (CE) n. 45/2001, a seconda dei casi;

e)  il tipo di seguito da dare alle segnalazioni;

e)  il tipo di seguito da dare alle segnalazioni;

f)  i mezzi di ricorso e le procedure disponibili contro le ritorsioni e le possibilità di ottenere una consulenza riservata per le persone che intendano effettuare una segnalazione;

f)  i mezzi di ricorso e le procedure disponibili contro le ritorsioni e le possibilità di ottenere una consulenza riservata per le persone che intendano effettuare una segnalazione;

g)  una dichiarazione che spieghi chiaramente che fornire informazioni all'autorità competente ai sensi della presente direttiva non costituisce violazione di eventuali limitazioni alla divulgazione delle informazioni imposte per contratto o per via legislativa, regolamentare o amministrativa, né implica per la persona segnalante responsabilità di qualsivoglia natura in relazione a tale segnalazione.

g)  una dichiarazione che spieghi chiaramente che fornire informazioni alle autorità competenti ai sensi della presente direttiva non costituisce violazione di eventuali limitazioni alla divulgazione delle informazioni imposte per contratto o per via legislativa, regolamentare o amministrativa, né implica per la persona segnalante responsabilità di qualsivoglia natura in relazione a tale segnalazione.

 

g bis)   una relazione annuale sulle segnalazioni ricevute e il relativo trattamento, rispettando la riservatezza delle indagini in corso;

 

g ter)  le informazioni di contatto dell'autorità amministrativa indipendente unica di cui all'articolo 14 bis.

Emendamento    97

Proposta di direttiva

Articolo 11

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 11

Articolo 11

Conservazione della documentazione inerente alle segnalazioni ricevute

Conservazione della documentazione inerente alle segnalazioni ricevute

1.  Gli Stati membri provvedono affinché le autorità competenti conservino la documentazione inerente a ogni segnalazione ricevuta.

1.  Gli Stati membri provvedono affinché le autorità competenti conservino la documentazione inerente a ogni segnalazione ricevuta, nel rispetto dei requisiti di riservatezza di cui alla presente direttiva. Tale documentazione è conservata soltanto per il tempo ritenuto necessario e proporzionato per la procedura di segnalazione ed è distrutta non appena la procedura di segnalazione è stata completata. I dati personali contenuti in tale documentazione sono trattati in conformità della legislazione dell'Unione in materia di protezione dei dati.

2.  Le autorità competenti confermano tempestivamente il ricevimento delle segnalazioni scritte all'indirizzo postale o elettronico indicato dalla persona segnalante, tranne nel caso in cui quest'ultima abbia esplicitamente richiesto di non ricevere la conferma o nel caso in cui l'autorità competente ritenga ragionevolmente che confermare la ricezione della segnalazione scritta metta a repentaglio la tutela dell'identità della persona segnalante.

2.  Le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico confermano tempestivamente il ricevimento delle segnalazioni scritte all'indirizzo postale o elettronico indicato dalla persona segnalante, tranne nel caso in cui quest'ultima abbia esplicitamente richiesto di non ricevere la conferma o nel caso in cui l'autorità competente abbia ragionevolmente ritenuto che confermare la ricezione della segnalazione scritta metta a repentaglio la tutela dell'identità della persona segnalante.

3.  Se si utilizza per la segnalazione delle violazioni una linea telefonica registrata subordinatamente al consenso della persona segnalante, l'autorità competente ha il diritto di documentare la comunicazione orale mediante:

3.  Se si utilizza per la segnalazione delle violazioni una linea telefonica registrata subordinatamente al consenso della persona segnalante e a condizione che siano rispettati i requisiti di riservatezza della presente direttiva, le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico documentano la comunicazione orale mediante:

a)  una registrazione della conversazione su un supporto durevole che consenta l'accesso alle informazioni,

a)  una registrazione della conversazione su un supporto durevole che consenta l'accesso alle informazioni,

b)  una trascrizione completa e accurata della conversazione effettuata dal personale addetto dell'autorità competente.

b)  una trascrizione completa e accurata della conversazione effettuata dal personale addetto dell'autorità competente.

L'autorità competente le consente di verificare, rettificare e approvare la trascrizione della chiamata mediante l'apposizione della propria firma.

Le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico le consentono di verificare, rettificare e approvare la trascrizione della chiamata mediante l'apposizione della propria firma.

4.  Se si utilizza per la segnalazione orale una linea telefonica non registrata, l'autorità competente ha il diritto di documentare la segnalazione mediante un resoconto dettagliato della conversazione redatto dal personale addetto. L'autorità competente le consente di verificare, rettificare e approvare il verbale della chiamata mediante l'apposizione della propria firma.

4.  Se si utilizza per la segnalazione orale una linea telefonica non registrata, le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico hanno il diritto di documentare la segnalazione mediante un resoconto dettagliato della conversazione redatto dal personale addetto. Le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico le consentono di verificare, rettificare e approvare la trascrizione della chiamata mediante l'apposizione della propria firma.

5.  Se una persona chiede un incontro con il personale addetto dell'autorità competente per una segnalazione a norma dell'articolo 7, paragrafo 2, lettera c), le autorità competenti assicurano, subordinatamente al consenso della persona segnalante, che saranno conservate informazioni complete e accurate di tale incontro su un supporto durevole che consenta l'accesso alle informazioni. L'autorità competente ha il diritto di documentare l'incontro mediante:

5.  Se una persona chiede un incontro con il personale addetto delle autorità competenti o dei soggetti del settore privato e pubblico per una segnalazione a norma dell'articolo 7, paragrafo 2, lettera c), le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico assicurano, subordinatamente al consenso della persona segnalante, che saranno conservate informazioni complete e accurate di tale incontro su un supporto durevole che consenta l'accesso alle informazioni. Le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico documentano l'incontro mediante:

a)  una registrazione della conversazione su un supporto durevole che consenta l'accesso alle informazioni,

a)  una registrazione della conversazione su un supporto durevole che consenta l'accesso alle informazioni,

b)  un resoconto accurato dell'incontro redatto dal personale addetto dell'autorità competente.

b)  un resoconto accurato dell'incontro redatto dal personale addetto dell'autorità competente e dei soggetti giuridici del settore privato e pubblico.

L'autorità competente le consente di verificare, rettificare e approvare il verbale dell'incontro mediante l'apposizione della propria firma.

Le autorità competenti e i soggetti giuridici del settore privato e pubblico le consentono di verificare, rettificare e approvare la trascrizione della riunione mediante l'apposizione della propria firma.

 

5 bis.  In caso di comunicazione di cui all'articolo 9, paragrafo 1, lettera c), le autorità competenti informano la persona segnalante e le trasmettono una motivazione scritta in cui spiegano i motivi della comunicazione dei dati riservati in questione. Alla persona segnalante è data la possibilità di verificare e rettificare la motivazione e di convenire che i motivi della comunicazione sussistono.

 

Emendamento    98

Proposta di direttiva

Articolo 13

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 13

Articolo 13

Condizioni per la protezione delle persone segnalanti

Condizioni per la protezione delle persone segnalanti

1.  Le persone segnalanti beneficiano della protezione prevista dalla presente direttiva a condizione che abbiano fondati motivi di ritenere che le informazioni segnalate fossero vere al momento della segnalazione e che queste informazioni rientrino nell'ambito di applicazione della presente direttiva.

1.  Una persona segnalante tramite canali interni e/o esterni beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva a condizione che abbia fondati motivi di ritenere che le informazioni segnalate fossero vere al momento della segnalazione e che queste informazioni rientrino nell'ambito di applicazione della presente direttiva.

2.  Una persona che effettua una segnalazione esterna beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva se ricorre una delle seguenti condizioni:

 

a)  la persona ha dapprima effettuato una segnalazione interna ma non è stato predisposto alcun seguito adeguato entro il termine ragionevole di cui all'articolo 5;

 

b)  i canali di segnalazione interna non erano accessibili alla persona segnalante o non era ragionevolmente presumibile che questa fosse a conoscenza della loro disponibilità;

 

c)  l'uso dei canali di segnalazione interna non era obbligatorio per la persona segnalante conformemente all'articolo 4, paragrafo 2;

 

d)  non era ragionevolmente presumibile che la persona segnalante utilizzasse i canali di segnalazione interna, tenuto conto dell'oggetto della segnalazione;

 

e)  la persona segnalante aveva motivi validi di ritenere che l'uso dei canali di segnalazione interna avrebbe potuto compromettere l'efficacia degli accertamenti svolti dalle autorità competenti;

 

f)   la persona segnalante aveva il diritto di effettuare la segnalazione direttamente a un'autorità competente mediante i canali di segnalazione esterna in virtù del diritto dell'Unione.

 

3.  Una persona che effettua una segnalazione ai pertinenti organi e organismi dell'Unione sulle violazioni che rientrano nel campo di applicazione della presente direttiva beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva alle stesse condizioni di una persona che ha effettuato una segnalazione esterna conformemente alle condizioni di cui al paragrafo 2.

3.  Una persona che effettua una segnalazione ai pertinenti organi e organismi dell'Unione sulle violazioni che rientrano nel campo di applicazione della presente direttiva beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva alle stesse condizioni di una persona che ha effettuato una segnalazione conformemente alle condizioni di cui al paragrafo 1.

4.  Una persona che rende di pubblico dominio informazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva nei casi seguenti:

4.  Una persona che rende di pubblico dominio informazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva nei casi seguenti:

a)  la persona segnalante ha effettuato una prima segnalazione interna e/o esterna conformemente ai capi II e III e al paragrafo 2, ma non è stato predisposto alcun seguito adeguato entro il termine stabilito all'articolo 6, paragrafo 2, lettera b), e all'articolo 9, paragrafo 1, lettera b); o

a)  la persona segnalante ha effettuato una prima segnalazione interna e/o esterna conformemente ai capi II e III e al paragrafo 1, ma non è stato predisposto alcun seguito adeguato entro il termine stabilito all'articolo 5, paragrafo 1, lettera d) e all'articolo 9, paragrafo 1, lettera b); o

b)   non era ragionevolmente presumibile che la persona segnalante utilizzasse i canali di segnalazione interna e/o esterna a causa di un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse o delle particolari circostanze del caso, o di rischio di danni irreversibili.

b)   la persona segnalante ha fondati motivi per ritenere di non poter essere tenuta ad utilizzare i canali di segnalazione interni e/o esterni, ad esempio a causa di un pericolo imminente o palese o di un danno per il pubblico interesse, o delle particolari circostanze del caso, quali i casi in cui le persone segnalanti hanno fondati motivi per ritenere che vi sia collusione tra l'autore della violazione e l'autorità competente, o che vi sia partecipazione diretta o indiretta alla presunta condotta scorretta da parte delle autorità esterne interessate, o che le prove possano essere occultate o distrutte oppure che vi sia una situazione di urgenza o di rischio di danni irreversibili.

 

4 bis.  L'autore di una segnalazione anonima, la cui identità venga alla luce in una fase successiva, gode della protezione prevista dalla presente direttiva alle stesse condizioni delle persone segnalanti la cui identità era nota sin dall'origine della segnalazione o della divulgazione.

Emendamento    99

Proposta di direttiva

Articolo 14

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 14

Articolo 14

Divieto di ritorsione contro le persone segnalanti

Divieto di ritorsione contro le persone segnalanti

Gli Stati membri adottano le misure necessarie per vietare ogni forma di ritorsione, diretta o indiretta, contro le persone che soddisfano le condizioni di cui all'articolo 13, segnatamente:

Gli Stati membri adottano le misure necessarie per vietare ogni forma di ritorsione, diretta o indiretta, intrapresa contro le persone che soddisfano le condizioni di cui all'articolo 13, contro le persone che intendono segnalare o contro i facilitatori, segnatamente:

a)  il licenziamento, la sospensione o misure equivalenti;

a)  il licenziamento, la sospensione o misure equivalenti;

b)  la retrocessione di grado o la mancata promozione;

b)  la retrocessione di grado o la mancata promozione;

c)  il trasferimento di funzioni, il cambiamento del luogo di lavoro, la riduzione dello stipendio, la modifica dell'orario di lavoro;

c)  il trasferimento di funzioni, il cambiamento del luogo di lavoro, la riduzione dello stipendio, la modifica dell'orario di lavoro;

d)  la sospensione della formazione;

d)  la sospensione della formazione;

e)  le note di merito o le referenze negative;

e)  le note di merito o le referenze negative;

f)  l'imposizione o amministrazione di misure disciplinari, la nota di biasimo o altra sanzione, anche pecuniaria;

f)  l'imposizione o amministrazione di misure disciplinari, la nota di biasimo o altra sanzione, anche pecuniaria;

g)  la coercizione, l'intimidazione, le molestie o l'ostracismo sul luogo di lavoro;

g)  la coercizione, l'intimidazione, le molestie o l'ostracismo;

h)  la discriminazione, lo svantaggio o il trattamento iniquo;

h)  la discriminazione, lo svantaggio o il trattamento iniquo;

i)  la mancata conversione del contratto di lavoro a termine in un contratto di lavoro permanente;

i)  la mancata conversione del contratto di lavoro a termine in un contratto di lavoro permanente;

j)  il mancato rinnovo o la risoluzione anticipata del contratto di lavoro a termine;

j)  il mancato rinnovo o la risoluzione anticipata del contratto di lavoro a termine;

k)  danni, anche alla reputazione della persona, o la perdita finanziaria, comprese la perdita di opportunità economiche e la perdita di reddito;

k)  danni, anche alla reputazione della persona, segnatamente sui social media, o la perdita finanziaria, comprese la perdita di opportunità economiche e la perdita di reddito;

l)  l'inserimento nelle liste nere sulla base di un accordo settoriale o industriale formale o informale, che determina l'impossibilità per la persona di trovare un'occupazione nel settore o nell'industria in futuro;

l)  l'inserimento nelle liste nere sulla base di un accordo settoriale o industriale formale o informale, che determina l'impossibilità per la persona di trovare un'occupazione nel settore o nell'industria in futuro;

m)  la conclusione anticipata o l'annullamento del contratto per beni o servizi;

m)  la conclusione anticipata o l'annullamento del contratto per beni o servizi a seguito di segnalazioni a norma della presente direttiva;

n)  l'annullamento di una licenza o di un permesso.

n)  l'annullamento di una licenza o di un permesso;

 

n bis)  visite psichiatriche o mediche obbligatorie;

 

n ter)  la sospensione o la revoca del nulla osta di sicurezza;

Emendamento    100

Proposta di direttiva

Articolo 14 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 14 bis

 

Assistenza alla persona segnalante da parte di un terzo indipendente

 

1.  Gli Stati membri prevedono che la persona segnalante o la persona che intenda effettuare una segnalazione o una divulgazione beneficino di assistenza durante la loro azione. Tale assistenza garantisce la riservatezza dell'identità delle persone menzionate nel presente paragrafo e può consistere, tra l'altro, in:

 

a)  una consulenza imparziale, riservata e gratuita, in particolare sull'ambito di applicazione della presente direttiva, sui canali di segnalazione e sulle tutele concesse alla persona segnalante, nonché sui diritti della persona coinvolta;

 

b)  una consulenza giuridica in caso di controversia, conformemente all'articolo 15, paragrafo 8;

 

c)  un sostegno psicologico, conformemente all'articolo 15, paragrafo 8.

 

2.  Tale assistenza può essere fornita da un centro d'informazione o da un'autorità amministrativa indipendente unica chiaramente identificata.

Emendamento    101

Proposta di direttiva

Articolo 14 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 14 ter

 

Obbligo di riservatezza sull'identità delle persone segnalanti

 

1. L'identità della persona segnalante non può essere rivelata senza il suo esplicito consenso. Questo requisito di riservatezza si applica anche alle informazioni che possono essere usate per rivelare l'identità della persona segnalante.

 

2. Chiunque venga in possesso dei dati di cui al paragrafo 1 del presente articolo è tenuto a proteggere tali dati.

 

3. In nessun caso la persona coinvolta ha diritto ad ottenere informazioni sull'identità della persona segnalante.

 

4. Le circostanze in cui possono essere comunicati i dati riservati di una persona segnalante si limitano ai casi in cui la divulgazione di tali dati costituisca un obbligo proporzionato e necessario prescritto dal diritto dell'Unione o da quello nazionale nell'ambito di accertamenti o successivi procedimenti giudiziari, oppure al fine di tutelare le libertà altrui, quali i diritti alla difesa della persona coinvolta, e comunque nel quadro delle adeguate tutele previste da tali legislazioni.

 

5. Nei casi di cui al paragrafo 3, la persona designata a ricevere la segnalazione e darle seguito informa la persona segnalante prima di comunicarne i dati riservati.

 

6. I canali di segnalazione interni ed esterni sono progettati, realizzati e gestiti in modo da garantire la riservatezza dell'identità della persona segnalante e da impedire l'accesso al personale non autorizzato. 

Emendamento    102

Proposta di direttiva

Articolo 15

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 15

Articolo 15

Misure di protezione dalle ritorsioni

Misure di protezione delle persone segnalanti e dei facilitatori dalle ritorsioni

1.  Gli Stati membri adottano le misure necessarie a garantire la protezione dalle ritorsioni contro le persone segnalanti che soddisfano le condizioni di cui all'articolo 13. Tali misure comprendono in particolare quelle di cui ai paragrafi da 2 a 8.

1.  Gli Stati membri adottano le misure necessarie a garantire la protezione dalle ritorsioni contro le persone segnalanti che soddisfano le condizioni di cui all'articolo 13. Tali misure comprendono in particolare quelle di cui ai paragrafi da 2 a 8.

2.   Devono essere rese facilmente accessibili al pubblico, a titolo gratuito, informazioni e consulenze esaustive e indipendenti sulle procedure e i mezzi di ricorso esperibili in materia di protezione dalle ritorsioni.

2.   Devono essere rese facilmente accessibili al pubblico, a titolo gratuito, informazioni e consulenze esaustive e indipendenti sulle procedure e i mezzi di ricorso esperibili in materia di protezione dalle ritorsioni.

3.  Le persone segnalanti hanno accesso all'assistenza efficace delle autorità competenti dinanzi a qualsiasi autorità pertinente associata alla loro protezione dalle ritorsioni, compreso, ove previsto dal diritto nazionale, la certificazione del fatto che beneficiano della protezione prevista dalla presente direttiva.

3.  Le persone segnalanti e i facilitatori hanno accesso all'assistenza efficace delle autorità competenti dinanzi a qualsiasi autorità pertinente associata alla loro protezione dalle ritorsioni, compreso, ove previsto dal diritto nazionale, la certificazione del fatto che beneficiano della protezione prevista dalla presente direttiva.

4.  Le persone che effettuano una segnalazione esterna alle autorità competenti o una divulgazione conformemente alla presente direttiva non possono essere considerate responsabili di violare eventuali restrizioni alla divulgazione delle informazioni imposte per contratto o per via legislativa, regolamentare o amministrativa, né possono essere attribuite loro responsabilità di alcun tipo in relazione a tale segnalazione.

4.  Le persone che effettuano una segnalazione esterna alle autorità competenti o una divulgazione conformemente alla presente direttiva non possono essere considerate responsabili di violare eventuali restrizioni alla divulgazione delle informazioni imposte per contratto o per via legislativa, regolamentare o amministrativa, né possono essere attribuite loro responsabilità di alcun tipo in relazione a tale segnalazione.

5.  Nei procedimenti giudiziari relativi a un danno subito da un persona segnalante, e a condizione che questa abbia motivi ragionevoli di ritenere che il danno subito sia in ritorsione alla segnalazione o divulgazione effettuata, spetta alla persona che ha preso la misura di ritorsione dimostrare che il danno non è conseguenza di tale segnalazione o divulgazione ma è esclusivamente dovuto a motivi debitamente giustificati.

5.  Nei procedimenti giudiziari relativi a un danno subito da un persona segnalante, e a condizione che questa abbia motivi ragionevoli di ritenere che il danno subito sia in ritorsione alla segnalazione o divulgazione effettuata, spetta alla persona che ha preso la misura di ritorsione dimostrare che il danno non è conseguenza di tale segnalazione o divulgazione ma è esclusivamente dovuto a motivi debitamente giustificati.

6.  Le persone segnalanti devono avere accesso a mezzi di ricorso adeguati contro le ritorsioni, compresi provvedimenti provvisori in attesa della risoluzione dei procedimenti giudiziari, conformemente al quadro nazionale.

6.  Le persone segnalanti e i facilitatori devono avere accesso a mezzi di ricorso adeguati contro le ritorsioni, compresi provvedimenti provvisori in attesa della risoluzione dei procedimenti giudiziari, conformemente al quadro nazionale.

7.   Oltre all'esenzione dalle misure, dalle procedure e dai mezzi di ricorso previsti dalla direttiva (UE) 2016/943, le persone segnalanti hanno il diritto, nei procedimenti giudiziari, compreso per diffamazione, violazione del diritto d'autore, violazione degli obblighi di riservatezza o per le richieste di risarcimento fondate sul diritto privato, sul diritto pubblico o sul diritto del lavoro collettivo, di basarsi sul fatto di avere effettuato una segnalazione o divulgazione conformemente alla presente direttiva per chiedere il non luogo a procedere.

7.   Oltre all'esenzione dalle misure, dalle procedure e dai mezzi di ricorso previsti dalla direttiva (UE) 2016/943, le persone segnalanti hanno il diritto, nei procedimenti giudiziari, compreso per diffamazione, violazione del diritto d'autore, violazione degli obblighi di riservatezza o per le richieste di risarcimento fondate sul diritto privato, sul diritto pubblico o sul diritto del lavoro collettivo, di basarsi sul fatto di avere effettuato una segnalazione o divulgazione conformemente alla presente direttiva per chiedere il non luogo a procedere. Gli Stati membri adottano inoltre le misure necessarie per estendere tale diritto a chiedere il non luogo a procedere ai singoli membri delle organizzazioni della società civile quando esse siano connesse a un atto di segnalazione.

8.  Oltre a fornire un patrocinio a spese dello Stato alle persone segnalanti nel quadro di un procedimento civile e penale transfrontaliero, conformemente alla direttiva (UE) 2016/1919 e alla direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio63, e conformemente al diritto nazionale, gli Stati membri possono prevedere ulteriori misure di assistenza e sostegno giuridico e finanziario per le persone segnalanti nell'ambito dei procedimenti giudiziari.

8.  Oltre a fornire un patrocinio a spese dello Stato alle persone segnalanti nel quadro di un procedimento civile e penale transfrontaliero, conformemente alla direttiva (UE) 2016/1919 e alla direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio63, e conformemente al diritto nazionale, gli Stati membri possono prevedere ulteriori misure di assistenza e sostegno giuridico e finanziario, nonché psicologico, per le persone segnalanti nell'ambito dei procedimenti giudiziari.

________________

________________

63 Direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale (GU L 136 del 24.5.2008, pag. 3).

63 Direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale (GU L 136 del 24.5.2008, pag. 3).

Emendamento    103

Proposta di direttiva

Articolo 15 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 15 bis

 

Misure correttive

 

Gli Stati membri adottano le misure necessarie a garantire mezzi di ricorso e un risarcimento integrale per i danni subiti dalle persone segnalanti che soddisfano le condizioni di cui all'articolo 13. Tali misure correttive possono assumere una delle seguenti forme:

 

a) reintegrazione;

 

b) ripristino di un permesso, di una licenza o di un contratto annullati;

 

c) risarcimento di perdite finanziarie attuali e future;

 

d) risarcimento per altri danni economici o per il danno morale.

Emendamento    104

Proposta di direttiva

Articolo 16 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Se l'identità della persona coinvolta non è nota al pubblico, le autorità competenti provvedono a che sia tutelata fintanto che sono in corso gli accertamenti.

2.  Le autorità competenti provvedono a che sia tutelata l'identità delle persone coinvolte fintanto che sono in corso gli accertamenti, ma in ogni caso non oltre l'avvio del processo penale.

Emendamento    105

Proposta di direttiva

Articolo 16 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 16 bis

 

Diritti delle persone coinvolte

 

Gli Stati membri provvedono affinché nessuna informazione o segnalazione derivante da una valutazione o da un'indagine relativa a segnalazioni o divulgazioni, o scaturita da esse, arrechi ingiustamente pregiudizio a qualunque persona, direttamente o indirettamente. È inoltre pienamente rispettato il diritto di essere sentito e a un processo equo.

Emendamento    106

Proposta di direttiva

Articolo 17

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 17

Articolo 17

Sanzioni

Sanzioni

1.  Gli Stati membri prevedono sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive applicabili alle persone fisiche o giuridiche che:

1.  Gli Stati membri prevedono sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive applicabili alle persone fisiche o giuridiche che:

a)  ostacolano o tentano di ostacolare le segnalazioni;

a)  ostacolano o tentano di ostacolare le segnalazioni;

b)  adottano misure di ritorsione contro le persone segnalanti;

b)  adottano misure di ritorsione contro le persone segnalanti e i facilitatori;

c)  intentano procedimenti vessatori contro le persone segnalanti;

c)  intentano procedimenti vessatori contro le persone segnalanti;

d)  violano l'obbligo di riservatezza sull'identità delle persone segnalanti.

d)  violano l'obbligo di riservatezza sull'identità delle persone segnalanti e delle persone coinvolte.

2.  Gli Stati membri prevedono sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive applicabili alle persone che fanno segnalazioni o divulgazioni dolose o infondate, comprese misure di risarcimento delle persone che hanno subito un pregiudizio da tali segnalazioni o divulgazioni dolose o infondate.

2.  Gli Stati membri assicurano che sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive siano applicabili alle persone segnalanti che fanno consapevolmente segnalazioni o divulgazioni dimostrate false, e che sussistano misure di risarcimento delle persone che hanno subito un pregiudizio da tali segnalazioni o divulgazioni dolose o infondate.

Emendamento    107

Proposta di direttiva

Articolo 17 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 17 bis

 

Divieto di rinuncia ai diritti e ai mezzi di ricorso

 

I diritti e i mezzi di ricorso di cui alla presente direttiva non possono essere oggetto di alcuna rinuncia o limitazione in virtù di accordi, disposizioni, forme o condizioni di lavoro, né di un accordo arbitrale pre-contenzioso. Qualsiasi tentativo di conseguire una rinuncia o una limitazione a diritti o mezzi di ricorso è considerato nullo e inapplicabile e può essere soggetto a sanzione.

Emendamento    108

Proposta di direttiva

Articolo 17 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 17 ter

 

Obbligo di cooperazione

 

1. Le autorità degli Stati membri che sono informate di violazioni del diritto dell'Unione, come contemplato dalla presente direttiva, informano rapidamente tutte le autorità competenti degli altri Stati membri e/o gli organi e organismi dell'Unione e cooperano con gli stessi in maniera leale, efficace e rapida.

 

2. Le autorità degli Stati membri cui sono notificate, dalle autorità di altri Stati membri, potenziali violazioni del diritto dell'Unione, come contemplato dalla presente direttiva, forniscono una risposta sostanziale in merito alle azioni intraprese in relazione a detta notifica, nonché un avviso ufficiale di ricevimento e un punto di contatto per un'ulteriore cooperazione.

 

3. Le autorità degli Stati membri salvaguardano le informazioni riservate ricevute, in particolare quelle relative all'identità e altre informazioni personali delle persone segnalanti.

 

4. Le autorità degli Stati membri forniscono un accesso riservato alle informazioni ricevute dalle persone segnalanti e facilitano le richieste di altre informazioni in maniera tempestiva.

 

5. Le autorità degli Stati membri condividono tempestivamente con le altre autorità competenti degli Stati membri tutte le informazioni pertinenti in merito alle violazioni del diritto dell'Unione o nazionale in casi internazionali.

Emendamento    109

Proposta di direttiva

Articolo 18

Testo della Commissione

Emendamento

Al trattamento dei dati personali effettuato ai sensi della presente direttiva, tra cui lo scambio o la trasmissione di dati personali da parte delle autorità competenti, presiedono il regolamento (UE) 2016/679 e la direttiva (UE) 2016/680. Lo scambio o la trasmissione di informazioni tra autorità competenti a livello di Unione deve essere conforme al regolamento (CE) n. 45/2001. I dati personali che non sono pertinenti per il trattamento di un caso specifico sono cancellati immediatamente.

Al trattamento dei dati personali effettuato ai sensi della presente direttiva, tra cui lo scambio o la trasmissione di dati personali da parte delle autorità competenti, presiedono il regolamento (UE) 2016/679 e la direttiva (UE) 2016/680. Lo scambio o la trasmissione di informazioni tra autorità competenti a livello di Unione deve essere conforme al regolamento (CE) n. 45/2001. I dati personali che non sono pertinenti per il trattamento di un caso specifico non sono raccolti o, se raccolti accidentalmente, sono cancellati immediatamente.

Emendamento    110

Proposta di direttiva

Articolo 19

Testo della Commissione

Emendamento

Articolo 19

Articolo 19

Trattamento più favorevole

Trattamento più favorevole e clausola di non regressione

Gli Stati membri possono introdurre o mantenere disposizioni più favorevoli ai diritti delle persone segnalanti di quelle previste dalla presente direttiva, fatti salvi l'articolo 16 e l'articolo 17, paragrafo 2.

1.  Gli Stati membri possono introdurre o mantenere disposizioni più favorevoli ai diritti delle persone segnalanti di quelle previste dalla presente direttiva, fatti salvi l'articolo 16 e l'articolo 17, paragrafo 2.

 

1 bis.  Il recepimento della presente direttiva non fornisce motivi per ridurre il livello generale di protezione già riconosciuto alle persone segnalanti nel quadro del diritto nazionale in relazione alle aree in cui trova applicazione.

Emendamento    111

Proposta di direttiva

Articolo 19 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 19 bis

 

Rispetto dell'autonomia delle parti sociali

 

La presente direttiva non pregiudica l'autonomia delle parti sociali né il loro diritto a stipulare contratti collettivi in conformità del diritto, delle tradizioni e delle pratiche nazionali, nel rispetto delle disposizioni del trattato.

Motivazione

È importante rispettare i modelli nazionali del mercato del lavoro per quanto concerne l'autonomia delle parti sociali.

Emendamento    112

Proposta di direttiva

Articolo 20 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  Nel recepire la presente direttiva, gli Stati membri possono prendere in considerazione l'istituzione di un'autorità indipendente per la protezione degli informatori.

Emendamento    113

Proposta di direttiva

Articolo 21 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Gli Stati membri comunicano alla Commissione tutte le informazioni pertinenti relative all'attuazione e all'applicazione della presente direttiva. Sulla base delle informazioni fornite, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sull'attuazione e l'applicazione della presente direttiva entro il 15 maggio 2023.

1.  Gli Stati membri comunicano alla Commissione tutte le informazioni pertinenti relative all'attuazione e all'applicazione della presente direttiva. Sulla base delle informazioni fornite, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sull'attuazione e l'applicazione della presente direttiva entro il 15 maggio 2023. La relazione contiene inoltre una prima valutazione dell'opportunità di estendere il campo di applicazione della presente direttiva ad altri settori o atti dell'Unione.

Emendamento    114

Proposta di direttiva

Articolo 21 – paragrafo 2 – lettera c bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

c bis)  numero accertato delle misure di ritorsione contro le persone segnalanti.

Emendamento    115

Proposta di direttiva

Articolo 21 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Entro il 15 maggio 2027 e tenendo conto della sua relazione trasmessa ai sensi del paragrafo 1 e delle statistiche degli Stati membri trasmesse ai sensi del paragrafo 2, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione che valuta l'impatto della normativa nazionale di recepimento della presente direttiva. La relazione valuta il funzionamento della presente direttiva e l'eventuale necessità di provvedimenti aggiuntivi, comprese, ove appropriato, modifiche al fine di estendere l'ambito di applicazione della presente direttiva ad altri settori o atti dell'Unione.

3.  Entro il 15 maggio 2025 e tenendo conto della sua relazione trasmessa ai sensi del paragrafo 1 e delle statistiche degli Stati membri trasmesse ai sensi del paragrafo 2, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione che valuta l'impatto della normativa nazionale di recepimento della presente direttiva. La relazione valuta il funzionamento della presente direttiva, l'impatto possibile sui diritti fondamentali quali il diritto alla vita privata, alla presunzione di innocenza, al diritto a un processo giusto ed equo e l'eventuale necessità di provvedimenti aggiuntivi, comprese, ove appropriato, modifiche al fine di estendere l'ambito di applicazione della presente direttiva ad altri settori o atti dell'Unione.

Emendamento    116

Proposta di direttiva

Articolo 21 – paragrafo 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  Tali relazioni sono rese pubbliche e facilmente accessibili.

Emendamento    117

Proposta di direttiva

Articolo 21 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 21 bis

 

Aggiornamento dell'allegato

 

Alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all'articolo 21 ter al fine di aggiornare l'allegato della presente direttiva ogniqualvolta un nuovo atto giuridico dell'Unione rientri nell'ambito di applicazione materiale di cui all'articolo 1, paragrafo 1, lettera a), o all'articolo 1, paragrafo 2.

Emendamento    118

Proposta di direttiva

Articolo 21 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 21 ter

 

Esercizio della delega

 

1.  Il potere di adottare atti delegati è conferito alla Commissione alle condizioni stabilite nel presente articolo.

 

2.  Il potere di adottare atti delegati di cui all'articolo 21 bis è conferito alla Commissione per un periodo di cinque anni a decorrere dal [GU: si prega di inserire la data di entrata in vigore della presente direttiva]. La Commissione elabora una relazione sulla delega di potere al più tardi nove mesi prima della scadenza del periodo di cinque anni. La delega di potere è tacitamente prorogata per periodi di identica durata, a meno che il Parlamento europeo o il Consiglio non si oppongano a tale proroga al più tardi tre mesi prima della scadenza di ciascun periodo.

 

3.  La delega di potere di cui all'articolo 21 bis può essere revocata in qualsiasi momento dal Parlamento europeo o dal Consiglio. La decisione di revoca pone fine alla delega di potere ivi specificata. Gli effetti della decisione decorrono dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea o da una data successiva ivi specificata. Essa non pregiudica la validità degli atti delegati già in vigore.

 

4.  Prima dell'adozione dell'atto delegato la Commissione consulta gli esperti designati da ciascuno Stato membro nel rispetto dei principi stabiliti nell'accordo interistituzionale "Legiferare meglio" del 13 aprile 2016.

 

5.  Non appena adotta un atto delegato, la Commissione ne dà contestualmente notifica al Parlamento europeo e al Consiglio.

 

6.  L'atto delegato adottato a norma dell'articolo 21 bis entra in vigore solo se né il Parlamento europeo né il Consiglio hanno sollevato obiezioni entro il termine di tre mesi dalla data in cui esso è stato loro notificato o se, prima della scadenza di tale termine, sia il Parlamento europeo che il Consiglio hanno informato la Commissione che non intendono sollevare obiezioni. Tale termine è prorogato di tre mesi su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio.

Emendamento    119

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione B – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

B  Articolo 1, lettera a), punto ii) – servizi finanziari, prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo

B  Articolo 1, lettera a), punto ii) – servizi finanziari, evasione fiscale, frode fiscale, elusione fiscale, prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo1 bis

 

_________________

 

1 bis Competenza esclusiva di ECON e LIBE

Emendamento    120

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione B bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

B bis.   Articolo 1, lettera a), punto ii ter) – norme sociali e in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro

 

1.   Norme sociali dell'Unione europea, disciplinate in particolare dalla seguente legislazione:

 

i)   direttiva 79/7/CEE del Consiglio, del 19 dicembre 1978, relativa alla graduale attuazione del principio di parità di trattamento tra gli uomini e le donne in materia di sicurezza sociale (GU L 6 del 10.1.1979, pag. 24);

 

ii)   direttiva 91/533/CEE del Consiglio, del 14 ottobre 1991, relativa all'obbligo del datore di lavoro di informare il lavoratore delle condizioni applicabili al contratto o al rapporto di lavoro (GU L 288 del 18.10.1991, pag. 32);

 

iii)   direttiva 91/383/CEE del Consiglio, del 25 giugno 1991, che completa le misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute durante il lavoro dei lavoratori aventi un rapporto di lavoro a durata determinata o un rapporto di lavoro interinale (GU L 206 del 29.7.1991, pag. 19);

 

iv)   direttiva 94/33/CE del Consiglio, del 22 giugno 1994, relativa alla protezione dei giovani sul lavoro (GU L 216 del 20.8.1994, pag. 12);

 

v)   direttiva 98/59/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi (GU L 225 del 12.8.1998, pag. 16);

 

vi)   direttiva 98/49/CE del Consiglio, del 29 giugno 1998, relativa alla salvaguardia dei diritti a pensione complementare dei lavoratori subordinati e dei lavoratori autonomi che si spostano all'interno della Comunità europea (GU L 209 del 25.7.1998, pag. 46);

 

vii)   direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro (GU L 303 del 2.12.2000, pag. 16);

 

viii)   direttiva 2000/43/CE del Consiglio, del 29 giugno 2000, che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica (GU L 180 del 19.7.2000, pag. 22);

 

ix)   direttiva 2000/79/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, relativa all'attuazione dell'accordo europeo sull'organizzazione dell'orario di lavoro del personale di volo nell'aviazione civile concluso da Association of European Airlines (AEA), European Transport Workers' Federation (ETF), European Cockpit Association (ECA), European Regions Airline Association (ERA) e International Air Carrier Association (IACA) (GU L 302 dell'1.12.2000, pag. 57);

 

x)   direttiva 2001/23/CE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti (GU L 82 del 22.3.2001, pag. 16);

 

xi)   direttiva 2002/15/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2002, concernente l'organizzazione dell'orario di lavoro delle persone che effettuano operazioni mobili di autotrasporto (GU L 80 del 23.3.2002, pagg. 35-39) e regolamento (CE) n. 561/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 marzo 2006, relativo all'armonizzazione di alcune disposizioni in materia sociale nel settore dei trasporti su strada e che modifica i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 3821/85 e (CE) n. 2135/98 e abroga il regolamento (CEE) n. 3820/85 del Consiglio (GU L 102, dell'11.4.2006, pag. 1);

 

xii)   direttiva 2003/41/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 giugno 2003, relativa alle attività e alla supervisione degli enti pensionistici aziendali o professionali (GU L 235 del 23.9.2003, pag. 10);

 

xiii)   direttiva 2004/113/CE, del 13 dicembre 2004, che attua il principio della parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l'accesso a beni e servizi e la loro fornitura (GU L 373 del 21.12.2004, pag. 37);

 

xiv)   direttiva 2003/88/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 novembre 2003, concernente taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro (GU L 299 del 18.11.2003, pag. 9);

 

xv)   direttiva 2006/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, riguardante l'attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego (GU L 204 del 26.7.2006, pag. 23);

 

xvi)   direttiva 2008/94/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2008, relativa alla tutela dei lavoratori subordinati in caso d'insolvenza del datore di lavoro (GU L 283 del 28.10.2008, pag. 36);

 

xvii)   direttiva 2010/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 luglio 2010, sull'applicazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne che esercitano un'attività autonoma e che abroga la direttiva 86/613/CEE del Consiglio (GU L 180 del 15.7.2010, pag. 1);

 

xviii)   direttiva 2014/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativa alle misure intese ad agevolare l'esercizio dei diritti conferiti ai lavoratori nel quadro della libera circolazione dei lavoratori (GU L 128 del 30.4.2014, pag. 8);

 

xix)   direttiva 2014/67/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, concernente l'applicazione della direttiva 96/71/CE relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi e recante modifica del regolamento (UE) n. 1024/2012 relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno ("regolamento IMI") (GU L 159 del 28.5.2014, pag. 11);

 

xx)   direttiva 2014/50/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativa ai requisiti minimi per accrescere la mobilità dei lavoratori tra Stati membri migliorando l'acquisizione e la salvaguardia di diritti pensionistici complementari (GU L 128 del 30.4.2014, pag. 1);

 

xxi)   regolamento (CE) n. 450/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 febbraio 2003, relativo all'indice del costo del lavoro (GU L 69 del 13.3.2003, pag. 1);

 

xxii)   regolamento (CE) n. 1071/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che stabilisce norme comuni sulle condizioni da rispettare per esercitare l'attività di trasportatore su strada e abroga la direttiva 96/26/CE del Consiglio (GU L 300 del 14.11.2009, pag. 51);

 

xxiii)   regolamento (CE) n. 987/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (GU L 284 del 30.10.2009, pag. 1);

 

xxiv)  regolamento (UE) n. 492/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 aprile 2011, relativo alla libera circolazione dei lavoratori all'interno dell'Unione (GU L 141 del 27.5.2011, pag. 1);

 

xxv)   regolamento (UE) n. 223/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2014, relativo al Fondo di aiuti europei agli indigenti (GU L 72 del 12.3.2014, pag. 1);

 

xxvi)   regolamento (UE) 2015/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2015, relativo alle procedure di insolvenza (GU L 141 del 5.6.2015, pag. 19).

 

2.   Norme in materia di salute e di sicurezza sul luogo di lavoro, disciplinate in particolare dalla seguente legislazione:

 

i)   tutte le direttive particolari ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE;

 

ii)  direttiva 92/29/CEE del Consiglio, del 31 marzo 1992, riguardante le prescrizioni minime di sicurezza e di salute per promuovere una migliore assistenza medica a bordo delle navi (GU L 113 del 30.4.1992, pag. 19);

 

iii)   direttiva 2001/95/CE, del 3 dicembre 2001, relativa alla sicurezza generale dei prodotti (GU L 11 del 15.1.2002, pag. 4);

 

iv)   direttiva 2006/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2006, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE (GU L 157 del 9.6.2006, pag. 24);

 

v)   direttiva 2006/15/CE della Commissione, del 7 febbraio 2006, che definisce un secondo elenco di valori indicativi di esposizione professionale in attuazione della direttiva 98/24/CE del Consiglio e che modifica le direttive 91/322/CEE e 2000/39/CE (GU L 38 del 9.2.2006, pag. 36);

 

vi)   direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 settembre 2008, relativa al trasporto interno di merci pericolose (GU L 260 del 30.9.2008, pag. 13);

 

vii)   direttiva 2009/104/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori durante il lavoro (seconda direttiva particolare ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE) (GU L 260 del 3.10.2009, pag. 5);

 

viii)   direttiva 2009/148/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un'esposizione all'amianto durante il lavoro (GU L 330 del 16.12.2009, pag. 28);

 

ix)   regolamento (CE) n. 1338/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alle statistiche comunitarie in materia di sanità pubblica e di salute e sicurezza sul luogo di lavoro (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 70).

Emendamento    121

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

E  Articolo 1, lettera a), punto v) – tutela dell'ambiente

E  Articolo 1, lettera a), punto v) – tutela dell'ambiente, sviluppo sostenibile, gestione dei rifiuti, inquinamento marino, atmosferico e acustico, protezione e gestione delle acque e del suolo, protezione della natura e della biodiversità, lotta contro i cambiamenti climatici

Emendamento    122

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1.   Disposizioni in materia di responsabilità ambientale, tra cui:

(N.B.: questo titolo dovrebbe essere inserito prima dell'Allegato I, parte I, sezione E, punto i))

Emendamento    123

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto iii

Testo della Commissione

Emendamento

iii)  regolamento (UE) n. 995/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 ottobre 2010, che stabilisce gli obblighi degli operatori che commercializzano legno e prodotti da esso derivati (GU L 295 del 12.11.2010, pag. 23);

soppresso

Emendamento    124

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto iv

Testo della Commissione

Emendamento

iv)  direttiva 2009/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che modifica la direttiva 2005/35/CE relativa all'inquinamento provocato dalle navi e all'introduzione di sanzioni per violazioni (GU L 280 del 27.10.2009, pag. 52);

soppresso

Emendamento    125

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto v

Testo della Commissione

Emendamento

v)  regolamento (UE) 2015/757 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, concernente il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di anidride carbonica generate dal trasporto marittimo e che modifica la direttiva 2009/16/CE (GU L 123 del 19.5.2015, pag. 55);

soppresso

Emendamento    126

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto vi

Testo della Commissione

Emendamento

vi)  regolamento (UE) n. 1257/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativo al riciclaggio delle navi e che modifica il regolamento (CE) n. 1013/2006 e la direttiva 2009/16/CE (GU L 330 del 10.12.2013, pag. 1);

soppresso

Emendamento    127

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto vii

Testo della Commissione

Emendamento

vii)  regolamento (UE) n. 649/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2012, sull'esportazione e importazione di sostanze chimiche pericolose (GU L 201 del 27.7.2012, pag. 60);

soppresso

Emendamento    128

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto viii

Testo della Commissione

Emendamento

viii)  regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), che istituisce un'Agenzia europea per le sostanze chimiche, che modifica la direttiva 1999/45/CE e che abroga il regolamento (CEE) n. 793/93 del Consiglio e il regolamento (CE) n. 1488/94 della Commissione, nonché la direttiva 76/769/CEE del Consiglio e le direttive della Commissione 91/155/CEE, 93/67/CEE, 93/105/CE e 2000/21/CE (GU L 396 del 30.12.2006, pag. 1);

soppresso

Emendamento    129

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – punto ix

Testo della Commissione

Emendamento

ix)  direttiva (UE) 2015/2193 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, relativa alla limitazione delle emissioni nell'atmosfera di taluni inquinanti originati da impianti di combustione medi (GU L 313 del 28.11.2015, pag. 1).

soppresso

Emendamento    130

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.    Disposizioni in materia di accesso all'informazione ambientale:

 

i)  direttiva 2003/4/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2003, sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale e che abroga la direttiva 90/313/CEE del Consiglio (GU L 41 del 14.2.2003, pag. 26);

 

ii)  regolamento (CE) n. 1049/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2001, relativo all'accesso del pubblico ai documenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione (GU L 145 del 31.5.2001, pag. 43);

 

iii)  regolamento (CE) n. 1367/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 settembre 2006, sull'applicazione alle istituzioni e agli organi comunitari delle disposizioni della convenzione di Aarhus sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale (GU L 264 del 25.9.2006, pag. 13);

 

iv)  direttiva 2007/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 marzo 2007, che istituisce un'Infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea (Inspire) (GU L 108 del 25.4.2007, pag. 1).

 

v)  direttiva 2003/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, che prevede la partecipazione del pubblico nell'elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia (GU L 156 del 25.6.2003, pag. 17).

 

(NB: questo paragrafo dovrebbe essere inserito dopo la sezione E, punto ii))

Emendamento    131

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 ter.   Disposizioni in materia di ambiente e clima, tra cui:

 

i)  regolamento (UE) n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2013, sull'istituzione di un programma per l'ambiente e l'azione per il clima (LIFE) e che abroga il regolamento (CE) n. 614/2007 (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 185);

 

ii)  direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 16);

 

iii)  direttiva 2009/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 63) e tutti i regolamenti correlati;

 

iv)  regolamento (UE) n. 421/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, in vista dell'attuazione, entro il 2020, di un accordo internazionale che introduce una misura mondiale unica basata sul mercato da applicarsi alle emissioni del trasporto aereo internazionale (GU L 129 del 30.4.2014, pag. 1);

 

v)  direttiva 2009/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa allo stoccaggio geologico di biossido di carbonio e recante modifica della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, delle direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE, 2008/1/CE e del regolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 114);

 

vi)  regolamento (UE) n. 525/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo a un meccanismo di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra e di comunicazione di altre informazioni in materia di cambiamenti climatici a livello nazionale e dell'Unione europea e che abroga la decisione n. 280/2004/CE (GU L 165 del 18.6.2013, pag. 13);

 

vii)  regolamento (UE) n. 517/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n. 842/2006 (GU L 150 del 20.5.2014, pag. 195);

 

viii)  direttiva 2003/96/CE del Consiglio, del 27 ottobre 2003, che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici e dell'elettricità (GU L 283 del 31.10.2003, pag. 51);

 

ix)  direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE (GU L 315 del 14.11.2012, pag. 1).

Emendamento    132

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 quater.   Disposizioni in materia di sviluppo sostenibile e gestione dei rifiuti, tra cui:

 

i)  direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive (GU L 312 del 22.11.2008, pag. 3);

 

ii)  direttiva 1999/31/CE del Consiglio, del 26 aprile 1999, relativa alle discariche di rifiuti (GU L 182 del 16.7.1999, pag. 1);

 

iii)  regolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2006, relativo alle spedizioni di rifiuti (GU L 190 del 12.7.2006, pag. 1);

 

iv)  direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 1994, sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio (GU L 365 del 31.12.1994, pag. 10);

 

v)  direttiva (UE) 2015/720 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, che modifica la direttiva 94/62/CE per quanto riguarda la riduzione dell'utilizzo di borse di plastica in materiale leggero (GU L 115 del 6.5.2015, pag. 11);

 

vi)  direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) (GU L 197 del 24.7.2012, pag. 38);

 

vii)  direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 settembre 2006, relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e che abroga la direttiva 91/157/CEE (GU L 266 del 26.9.2006, pag. 1);

 

viii)  direttiva 2011/65/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2011, sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (GU L 174 dell'1.7.2011, pag. 88);

 

ix)  direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 settembre 2000, relativa ai veicoli fuori uso (GU L 269 del 21.10.2000, pag. 34);

 

x)  direttiva 2005/64/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2005, sull'omologazione dei veicoli a motore per quanto riguarda la loro riutilizzabilità, riciclabilità e recuperabilità e che modifica la direttiva 70/156/CEE del Consiglio (GU L 310 del 25.11.2005, pag. 10);

 

xi)  direttiva 96/59/CE del Consiglio, del 16 settembre 1996, concernente lo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili (PCB/PCT) (GU L 243 del 24.9.1996, pag. 31);

 

xii)  direttiva 2011/65/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2011, sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (GU L 174 dell'1.7.2011, pag. 88);

 

xiii)  direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente (GU L 197 del 21.7.2001, pag. 30);

 

xiv)  regolamento (CE) n. 66/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al marchio di qualità ecologica dell'Unione europea (Ecolabel UE) (GU L 27 del 30.1.2010, pag. 1);

 

xv)  regolamento (UE) n. 1257/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativo al riciclaggio delle navi e che modifica il regolamento (CE) n. 1013/2006 e la direttiva 2009/16/CE (GU L 330 del 10.12.2013, pag. 1);

 

xvi)  regolamento (UE) n. 649/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2012, sull'esportazione e importazione di sostanze chimiche pericolose (GU L 201 del 27.7.2012, pag. 60);

 

vii)  regolamento (Euratom) n. 1493/93 del Consiglio, dell'8 giugno 1993, sulle spedizioni di sostanze radioattive tra gli Stati membri (GU L 148 del 19.6.1993, pag. 1).

Emendamento    133

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 quinquies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 quinquies.   Disposizioni in materia di inquinamento marino, atmosferico e acustico, tra cui:

 

i)  direttiva 2008/50/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa (GU L 152 dell'11.6.2008, pag. 1);

 

ii)  direttiva 2004/107/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 dicembre 2004, concernente l'arsenico, il cadmio, il mercurio, il nickel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell'aria ambiente (GU L 23 del 26.1.2005, pag. 3);

 

iii)  regolamento (CE) n. 850/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativo agli inquinanti organici persistenti e che modifica la direttiva 79/117/CEE (GU L 158 del 30.4.2004, pag. 7);

 

iv)  regolamento (CE) n. 1005/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, sulle sostanze che riducono lo strato di ozono (GU L 286 del 31.10.2009, pag. 1);

 

v)  direttiva 2001/81/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2001, relativa ai limiti nazionali di emissione di alcuni inquinanti atmosferici (GU L 309 del 27.11.2001, pag. 22);

 

vi)  direttiva 94/63/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 1994, sul controllo delle emissioni di composti organici volatili (COV) derivanti dal deposito della benzina e dalla sua distribuzione dai terminali alle stazioni di servizio (GU L 365 del 31.12.1994, pag. 24);

 

vii)  direttiva 2009/126/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativa alla fase II del recupero di vapori di benzina durante il rifornimento dei veicoli a motore nelle stazioni di servizio (GU L 285, del 31.10.2009, pag. 36);

 

viii)  regolamento (CE) n. 715/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2007, relativo all'omologazione dei veicoli a motore riguardo alle emissioni dai veicoli passeggeri e commerciali leggeri (Euro 5 ed Euro 6) e all'ottenimento di informazioni sulla riparazione e la manutenzione del veicolo (GU L 171 del 29.6.2007, pag. 1);

 

ix)  regolamento (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, relativo all'omologazione dei veicoli a motore e dei motori riguardo alle emissioni dei veicoli pesanti (euro VI) e all'accesso alle informazioni relative alla riparazione e alla manutenzione del veicolo e che modifica il regolamento (CE) n. 715/2007 e la direttiva 2007/46/CE e che abroga le direttive 80/1269/CEE, 2005/55/CE e 2005/78/CE (GU L 188 del 18.7.2009, pag. 1);

 

x)  direttiva 2014/94/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi (GU L 307 del 28.10.2014, pag. 1);

 

xi)  regolamento (CE) n. 443/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, che definisce i livelli di prestazione in materia di emissioni delle autovetture nuove nell'ambito dell'approccio comunitario integrato finalizzato a ridurre le emissioni di CO2 dei veicoli leggeri (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 1);

 

xii)  direttiva 1999/94/CE relativa alla disponibilità di informazioni sul risparmio di carburante e sulle emissioni di CO2 da fornire ai consumatori per quanto riguarda la commercializzazione di autovetture nuove (GU L 12 del 18.1.2000, pag. 16);

 

xiii)  regolamento (UE) n. 510/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 maggio 2011, che definisce i livelli di prestazione in materia di emissioni dei veicoli commerciali leggeri nuovi nell'ambito dell'approccio integrato dell'Unione finalizzato a ridurre le emissioni di CO2 dei veicoli leggeri (GU L 145 del 31.5.2011, pag. 1);

 

xiv)  direttiva 2006/40/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2006, relativa alle emissioni degli impianti di condizionamento d'aria dei veicoli a motore, che modifica la direttiva 70/156/CEE del Consiglio (GU L 161 del 14.6.2006, pag. 12);

 

xv)  direttiva 2009/33/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa alla promozione di veicoli puliti e a basso consumo energetico nel trasporto su strada (GU L 120 del 15.5.2009, pag. 12);

 

xvi)  regolamento (UE) 2016/1628 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 settembre 2016, relativo alle prescrizioni in materia di limiti di emissione di inquinanti gassosi e particolato inquinante e di omologazione per i motori a combustione interna destinati alle macchine mobili non stradali, e che modifica i regolamenti (UE) n. 1024/2012 e (UE) n. 167/2013 e modifica e abroga la direttiva 97/68/CE (GU L 252 del 16.9.2016, pag. 53);

 

vii)  direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) (GU L 334 del 17.12.2010, pag. 17);

 

xviii)  direttiva (UE) 2015/2193 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, relativa alla limitazione delle emissioni nell'atmosfera di taluni inquinanti originati da impianti di combustione medi (GU L 313 del 28.11.2015, pag. 1).

 

xix)  direttiva 2008/101/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di includere le attività di trasporto aereo nel sistema comunitario di scambio delle quote di emissioni dei gas a effetto serra (GU L 8 del 13.1.2009, pag. 3);

 

xx)  regolamento (CE) n. 549/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio che stabilisce i principi generali per l'istituzione del cielo unico europeo ("regolamento quadro") (GU L 96 del 31.3.2004, pag. 1);

 

xxi)  direttiva 2006/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2006, che modifica la direttiva 1999/62/CE relativa alla tassazione a carico di autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci su strada per l'uso di alcune infrastrutture (GU L 157 del 9.6.2006, pag. 8);

 

xxii)  direttiva 2002/84/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 novembre 2002, che modifica le direttive in materia di sicurezza marittima e di prevenzione dell'inquinamento provocato dalle navi (GU L 324 del 29.11.2002, pag. 53);

 

xxiii)  regolamento (UE) n. 546/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, che modifica il regolamento (CE) n. 718/1999 del Consiglio, relativo ad una politica di regolazione delle capacità delle flotte comunitarie nella navigazione interna, al fine di promuovere il trasporto per via navigabile (GU L 163 del 29.5.2014, pag. 15);

 

xxiv)  direttiva 2009/30/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, che modifica la direttiva 98/70/CE per quanto riguarda le specifiche relative a benzina, combustibile diesel e gasolio nonché l'introduzione di un meccanismo inteso a controllare e ridurre le emissioni di gas a effetto serra, modifica la direttiva 1999/32/CE del Consiglio per quanto concerne le specifiche relative al combustibile utilizzato dalle navi adibite alla navigazione interna e abroga la direttiva 93/12/CEE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 88);

 

xxv)  direttiva 2009/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che modifica la direttiva 2005/35/CE relativa all'inquinamento provocato dalle navi e all'introduzione di sanzioni per violazioni (GU L 280 del 27.10.2009, pag. 52);

 

xxvi)  regolamento (UE) 2015/757 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, concernente il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di anidride carbonica generate dal trasporto marittimo e che modifica la direttiva 2009/16/CE (GU L 123 del 19.5.2015, pag. 55);

 

xxvii)  regolamento (CE) n. 782/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 aprile 2003, sul divieto dei composti organostannici sulle navi (GU L 115 del 9.5.2003, pag. 1);

 

xxviii)  direttiva 2002/49/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 giugno 2002, relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale (GU L 189 del 18.7.2002, pag. 12);

 

xxix)  direttiva 2000/14/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 maggio 2000, sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti l'emissione acustica ambientale delle macchine e attrezzature destinate a funzionare all'aperto (GU L 162 del 3.7.2000, pag. 1);

 

xxx)  direttiva 2002/49/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 giugno 2002, relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale (GU L 189 del 18.7.2002, pag. 12).

Emendamento    134

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 sexies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 sexies.   Disposizioni in materia di protezione e gestione delle acque e del suolo, tra cui:

 

i)  direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2000, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque (GU L 327 del 22.12.2000, pag. 1);

 

ii)  direttiva 2008/105/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativa a standard di qualità ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive del Consiglio 82/176/CEE, 83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE e 86/280/CEE, nonché modifica della direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 348 del 24.12.2008, pag. 84);

 

iii)  direttiva 2006/118/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, sulla protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento e dal deterioramento (GU L 372 del 27.12.2006, pag. 19);

 

iv)  direttiva 91/271/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1991, concernente il trattamento delle acque reflue urbane (GU L 135 del 30.5.1991, pag. 40);

 

v)  direttiva 98/83/CE del Consiglio, del 3 novembre 1998, concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano (GU L 330 del 5.12.1998, pag. 32);

 

vi)  direttiva 2003/40/CE della Commissione, del 16 maggio 2003, che determina l'elenco, i limiti di concentrazione e le indicazioni di etichettatura per i componenti delle acque minerali naturali, nonché le condizioni d'utilizzazione dell'aria arricchita di ozono per il trattamento delle acque minerali naturali e delle acque sorgive (GU L 126 del 22.5.2003, pag. 34);

 

vii)  regolamento (UE) n. 115/2010 della Commissione, del 9 febbraio 2010, che stabilisce le condizioni di utilizzazione dell'allumina attivata per l'eliminazione del fluoro dalle acque minerali naturali e dalle acque di sorgente (GU L 37 del 10.2.2010, pag. 13);

 

viii)  direttiva 2006/7/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 febbraio 2006, relativa alla gestione della qualità delle acque di balneazione e che abroga la direttiva 76/160/CEE (GU L 64 del 4.3.2006, pag. 37);

 

ix)  direttiva 2008/56/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 giugno 2008, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria nel campo della politica per l'ambiente marino (direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino) (GU L 164 del 25.6.2008, pag. 19);

 

x)  regolamento (CE) n. 648/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, relativo ai detergenti (GU L 104 dell'8.4.2004, pag. 1);

 

xi)  direttiva 91/676/CEE del Consiglio, del 12 dicembre 1991, relativa alla protezione delle acque dell'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole (GU L 375 del 31.12.1991, pag. 1);

 

xii)  direttiva 2006/118/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, sulla protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento e dal deterioramento (GU L 372 del 27.12.2006, pag. 19);

 

xiii)  direttiva 2007/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007, relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni (GU L 288 del 6.11.2007, pag. 27);

 

xiv)  direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, che modifica la direttiva 2011/92/UE concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati (GU L 124 del 25.4.2014, pag. 1).

Emendamento    135

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 septies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 septies.   Disposizioni in materia di protezione della natura e della biodiversità:

 

i)  direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (GU L 206 del 22.7.1992, pag. 7);

 

ii)  direttiva 2009/147/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, concernente la conservazione degli uccelli selvatici (GU L 20 del 26.1.2010, pag. 7);

 

iii)  regolamento (UE) n. 1143/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, recante disposizioni volte a prevenire e gestire l'introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive (GU L 317 del 4.11.2014, pag. 35);

 

iv)  regolamento (CE) n. 1936/2001 del Consiglio, del 27 settembre 2001, che stabilisce alcune misure di controllo applicabili alle attività di pesca di taluni stock di grandi migratori (GU L 263 del 3.10.2001, pag. 1);

 

v)  regolamento (CE) n. 708/2007 del Consiglio, dell'11 giugno 2007, relativo all'impiego in acquacoltura di specie esotiche e di specie localmente assenti (GU L 168 del 28.6.2007, pag. 1);

 

vi)  direttiva 83/129/CEE del Consiglio, del 28 marzo 1983, relativa all'importazione negli Stati Membri di pelli di taluni cuccioli di foca e di prodotti da esse derivati (GU L 91 del 9.4.1983, pag. 30);

 

vii)  regolamento (CE) n. 1007/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, sul commercio dei prodotti derivati dalla foca (GU L 286 del 31.10.2009, pag. 36);

 

viii)  regolamento (CE) n. 734/2008 del Consiglio, del 15 luglio 2008, relativo alla protezione degli ecosistemi marini vulnerabili d'alto mare dagli effetti negativi degli attrezzi da pesca di fondo (GU L 201 del 30.7.2008, pag. 8);

 

ix)  regolamento (CE) n. 812/2004 del Consiglio, del 26 aprile 2004, che stabilisce misure relative alla cattura accidentale di cetacei nell'ambito della pesca e che modifica il regolamento (CE) n. 88/98 (GU L 150 del 30.4.2004, pag. 12);

 

x)  regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio, del 9 dicembre 1996, relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio (GU L 61 del 3.3.1997, pag. 1);

 

xi)  regolamento (CE) n. 865/2006 della Commissione, del 4 maggio 2006, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio (GU L 166 del 19.6.2006, pag. 1).

 

xii)  regolamento di esecuzione (UE) n. 792/2012 della Commissione, del 23 agosto 2012, che stabilisce norme sulla struttura delle licenze, dei certificati e degli altri documenti previsti dal regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio e che modifica il regolamento (CE) n. 865/2006 della Commissione (GU L 242 del 7.9.2012, pag. 13);

 

xiii)  regolamento (CE) n. 1523/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2007, che vieta la commercializzazione, l'importazione nella Comunità e l'esportazione fuori della Comunità di pellicce di cane e di gatto e di prodotti che le contengono (GU L 343 del 27.12.2007, pag. 1);

 

xiv)  direttiva 1999/22/CE del Consiglio, del 29 marzo 1999, relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici (GU L 94 del 9.4.1999, pag. 24);

 

xv)  regolamento (UE) n. 995/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 ottobre 2010, che stabilisce gli obblighi degli operatori che commercializzano legno e prodotti da esso derivati (GU L 295 del 12.11.2010, pag. 23);

 

xvi)  regolamento (CE) n. 2173/2005 del Consiglio, del 20 dicembre 2005, relativo all'istituzione di un sistema di licenze FLEGT per le importazioni di legname nella Comunità europea (GU L 347 del 30.12.2005, pag. 1);

 

vii)  regolamento (UE) n. 1307/2014 della Commissione, dell'8 dicembre 2014, relativo alla definizione dei criteri e dei limiti geografici dei terreni erbosi ad elevata biodiversità ai fini dell'articolo 7 ter, paragrafo 3, lettera c), della direttiva 98/70/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel e ai fini dell'articolo 17, paragrafo 3, lettera c), della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili (GU L 351 del 9.12.2014, pag. 3).

Emendamento    136

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 octies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 octies.   Disposizioni in materia di sostanze chimiche, tra cui:

 

i)  regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), che istituisce un'Agenzia europea per le sostanze chimiche, che modifica la direttiva 1999/45/CE e che abroga il regolamento (CEE) n. 793/93 del Consiglio e il regolamento (CE) n. 1488/94 della Commissione, nonché la direttiva 76/769/CEE del Consiglio e le direttive della Commissione 91/155/CEE, 93/67/CEE, 93/105/CE e 2000/21/CE (GU L 396 del 30.12.2006, pag. 1);

Emendamento    137

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione E – paragrafo 1 nonies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 nonies.   Disposizioni in materia di prodotti biologici, tra cui:

 

i)  regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio, del 28 giugno 2007, relativo alla produzione biologica e all'etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento (CEE) n. 2092/91 (GU L 189 del 20.7.2007, pag. 1).

Emendamento    138

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione F – punto i bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

 

i bis) Direttiva 2014/87/Euratom del Consiglio, dell'8 luglio 2014, che modifica la direttiva 2009/71/Euratom che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari (GU L 219 del 25.7.2014, pag. 42).

Emendamento    139

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione G – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

G  Articolo 1, lettera a), punto vii) – sicurezza degli alimenti e dei mangimi, salute e benessere degli animali

G  Articolo 1, lettera a), punto vii) – sicurezza degli alimenti e dei mangimi

Emendamento    140

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione G – punto 3 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

3 bis.  Altri atti legislativi relativi alla sicurezza degli alimenti e dei mangimi, in particolare:

 

i)   regolamento (CE) n. 1829/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2003, relativo agli alimenti e ai mangimi geneticamente modificati (GU L 268 del 18.10.2003, pag. 1);

 

ii)  direttiva 2009/41/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, sull'impiego confinato di microrganismi geneticamente modificati (GU L 125 del 21.5.2009, pag. 75);

 

iii)  regolamento (CE) n. 1830/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2003, concernente la tracciabilità e l'etichettatura di organismi geneticamente modificati e la tracciabilità di alimenti e mangimi ottenuti da organismi geneticamente modificati, nonché recante modifica della direttiva 2001/18/CE (GU L 268 del 18.10.2003, pag. 24);

 

iv)  regolamento (CE) n. 1946/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 luglio 2003, sui movimenti transfrontalieri degli organismi geneticamente modificati (GU L 287 del 5.11.2003, pag. 1);

 

v)   regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari (GU L 139 del 30.4.2004, pag. 1).

 

vi)  regolamento (CE) n. 2003/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 ottobre 2003, relativo ai concimi (GU L 304 del 21.11.2003, pag. 1);

 

vii)  regolamento (CE) n. 1069/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale e ai prodotti derivati non destinati al consumo umano (GU L 300 del 14.11.2009, pag. 1);

 

viii)  regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che abroga le direttive del Consiglio 91/414/CEE e 79/117/CEE (OJ L 309 del 24.11.2009, pag. 1);

 

ix)  direttiva 2009/128/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi (GU L 309 del 24.11.2009, pag. 71);

 

x)  regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 febbraio 2005, concernente i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale (GU L 70 del 16.3.2005, pag. 1);

 

xi)  regolamento (Euratom) 2016/52 del Consiglio, del 15 gennaio 2016, che fissa i livelli massimi ammissibili di radioattività per i prodotti alimentari e per gli alimenti per animali a seguito di un incidente nucleare o in qualsiasi altro caso di emergenza radiologica e che abroga il regolamento (Euratom) n. 3954/87 del Consiglio e i regolamenti (Euratom) n. 944/89 e (Euratom) n. 770/990 della Commissione (GU L 13 del 20.1.2016, pag. 2);

 

xii)  regolamento (Euratom) 2016/52 del Consiglio, del 15 gennaio 2016, che fissa i livelli massimi ammissibili di radioattività per i prodotti alimentari e per gli alimenti per animali a seguito di un incidente nucleare o in qualsiasi altro caso di emergenza radiologica e che abroga il regolamento (Euratom) n. 3954/87 del Consiglio e i regolamenti (Euratom) n. 944/89 e (Euratom) n. 770/990 della Commissione (GU L 13 del 20.1.2016, pag. 2);

 

xiii)  regolamento (Euratom) 2016/52 del Consiglio, del 15 gennaio 2016, che fissa i livelli massimi ammissibili di radioattività per i prodotti alimentari e per gli alimenti per animali a seguito di un incidente nucleare o in qualsiasi altro caso di emergenza radiologica e che abroga il regolamento (Euratom) n. 3954/87 del Consiglio e i regolamenti (Euratom) n. 944/89 e (Euratom) n. 770/990 della Commissione (GU L 13 del 20.1.2016, pag. 2);

 

xiv)  decisione 2002/628/CE del Consiglio, del 25 giugno 2002, relativa alla conclusione, a nome della Comunità europea, del protocollo di Cartagena sulla biosicurezza (GU L 201 del 31.7.2002, pag. 48);

 

xv)  regolamento (UE) n. 528/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 maggio 2012, relativo alla messa a disposizione sul mercato e all'uso dei biocidi (GU L 167 del 27.6.2012, pag. 1);

 

xvi)  regolamento (CE) n. 470/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, che stabilisce procedure comunitarie per la determinazione di limiti di residui di sostanze farmacologicamente attive negli alimenti di origine animale, abroga il regolamento (CEE) n. 2377/90 del Consiglio e modifica la direttiva 2001/82/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CE) n. 726/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 152 del 16.6.2009, pag. 11);

 

vii)  direttiva 96/23/CE del Consiglio, del 29 aprile 1996, concernente le misure di controllo su talune sostanze e sui loro residui negli animali vivi e nei loro prodotti e che abroga le direttive 85/358/CEE e 86/469/CEE e le decisioni 89/187/CEE e 91/664/CEE (GU L 125 del 23.5.1996, pag. 10);

 

xviii)  direttiva 96/22/CE del Consiglio, del 29 aprile 1996, concernente il divieto d'utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e delle sostanze beta-agoniste nelle produzioni animali e che abroga le direttive 81/602/CEE, 88/146/CEE e 88/299/CEE (GU L 125 del 23.5.1996, pag. 3);

 

xix)  regolamento (CE) n. 853/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale (GU L 139 del 30.4.2004, pag. 55);

 

xx)  regolamento (CE) n. 854/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, che stabilisce norme specifiche per l'organizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale destinati al consumo umano (GU L 139 del 30.4.2004, pag. 206);

 

xxi)  Direttiva 2002/99/CE del Consiglio, del 16 dicembre 2002, che stabilisce norme di polizia sanitaria per la produzione, la trasformazione e l'introduzione di prodotti di origine animale destinati al consumo umano (GU L 18 del 23.1.2003, pag. 11);

 

xxii)  Regolamento (CE) n. 2073/2005 della Commissione, del 15 novembre 2005, sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari (GU L 338 del 22.12.2005, pag. 1);

 

xxiii)  regolamento (CE) n. 2160/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 novembre 2003, sul controllo della salmonella e di altri agenti zoonotici specifici presenti negli alimenti (GU L 325 del 12.12.2003, pag. 1);

 

xxiv)  direttiva 2003/99/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 novembre 2003, sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici, recante modifica della decisione 90/424/CEE del Consiglio e che abroga la direttiva 92/117/CEE del Consiglio (GU L 325 del 12.12.2003, pag. 31);

 

xxv)  regolamento (CE) n. 1331/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che istituisce una procedura uniforme di autorizzazione per gli additivi, gli enzimi e gli aromi alimentari (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 1);

 

xxvi)  regolamento (CE) n. 1332/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli enzimi alimentari e che modifica la direttiva 83/417/CEE del Consiglio, il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio, la direttiva 2000/13/CE, la direttiva 2001/112/CE del Consiglio e il regolamento (CE) n. 258/97 (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 7);

 

xxvii)  regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli additivi alimentari (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 16);

 

xxviii)  regolamento (CE) n. 1334/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli aromi e ad alcuni ingredienti alimentari con proprietà aromatizzanti destinati a essere utilizzati negli e sugli alimenti e che modifica il regolamento (CEE) n. 1601/91 del Consiglio, i regolamenti (CE) n. 2232/96 e (CE) n. 110/2008 e la direttiva 2000/13/CE (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 34);

 

xxix)  regolamento (CE) n. 2065/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 10 novembre 2003, relativo agli aromatizzanti di affumicatura utilizzati o destinati a essere utilizzati nei o sui prodotti alimentari (GU L 309 del 26.11.2003, pag. 1);

 

xxx)  direttiva 2009/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri riguardanti i solventi da estrazione impiegati nella preparazione dei prodotti alimentari e dei loro ingredienti (GU L 141 del 6.6.2009, pag. 3);

 

xxxi)  regolamento (CEE) n. 315/93 del Consiglio, dell'8 febbraio 1993, che stabilisce procedure comunitarie relative ai contaminanti nei prodotti alimentari (GU L 37 del 13.2.1993, pag. 1);

 

xxxii)  regolamento (CE) n. 1881/2006 della Commissione, del 19 dicembre 2006, che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari (GU L 364 del 20.12.2006, pag. 5);

 

xxxiii) direttiva 1999/2/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 febbraio 1999, relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti gli alimenti e i loro ingredienti trattati con radiazioni ionizzanti (GU L 66 del 13.3.1999, pag. 16);

 

xxxiv)  regolamento (CE) n. 1935/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 2004, riguardante i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari e che abroga le direttive 80/590/CEE e 89/109/CEE (GU L 338 del 13.11.2004, pag. 4);

 

xxxv)  direttiva 82/711/CEE del Consiglio, del 18 ottobre 1982, che fissa le norme di base necessarie per la verifica della migrazione dei costituenti dei materiali e degli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari (GU L 297 del 23.10.1982, pag. 26);

 

xxxvi)  regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, che modifica i regolamenti (CE) n. 1924/2006 e (CE) n. 1925/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio e abroga la direttiva 87/250/CEE della Commissione, la direttiva 90/496/CEE del Consiglio, la direttiva 1999/10/CE della Commissione, la direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, le direttive 2002/67/CE e 2008/5/CE della Commissione e il regolamento (CE) n. 608/2004 della Commissione (GU L 304 del 22.11.2011, pag. 18);

 

xxxvii) regolamento (UE) n. 609/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia, agli alimenti a fini medici speciali e ai sostituti dell'intera razione alimentare giornaliera per il controllo del peso e che abroga la direttiva 92/52/CEE del Consiglio, le direttive 96/8/CE, 1999/21/CE, 2006/125/CE e 2006/141/CE della Commissione, la direttiva 2009/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e i regolamenti (CE) n. 41/2009 e (CE) n. 953/2009 della Commissione (GU L 181 del 29.6.2013, pag. 35);

 

xxxiii)   regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, relativo alla produzione biologica e all'etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio (GU L 150 del 14.6.2018, pag. 1);

 

xxxix) regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 487)

 

xxxx) regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante norme sui pagamenti diretti agli agricoltori nell'ambito dei regimi di sostegno previsti dalla politica agricola comune e che abroga il regolamento (CE) n. 637/2008 del Consiglio e il regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio (GU L 354 del 20.12.2013, pag. 22);

 

xxxxi) regolamento (UE) n 1308/2013, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 671);

 

xxxxii) regolamento (CE) n. 1831/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2003, sugli additivi destinati all'alimentazione animale (GU L 268 del 18.10.2003, pag. 29);

 

xxxxiii) direttiva 90/167/CEE del Consiglio, del 26 marzo 1990, che stabilisce le condizioni di preparazione, immissione sul mercato ed utilizzazione dei mangimi medicati nella Comunità (GU L 92 del 7.4.1990, pag. 42);

 

xxxxiv) direttiva 2001/82/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001, recante un codice comunitario relativo ai medicinali veterinari (GU L 311 del 28.11.2001, pag. 1);

 

xxxxv) direttiva 2002/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 maggio 2002, relativa alle sostanze indesiderabili nell'alimentazione degli animali (GU L 140 del 30.5.2002, pag. 10);

 

xxxxvi) regolamento (CE) n. 767/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, sull'immissione sul mercato e sull'uso dei mangimi, che modifica il regolamento (CE) n. 1831/2003 e che abroga le direttive 79/373/CEE del Consiglio, 80/511/CEE della Commissione, 82/471/CEE del Consiglio, 83/228/CEE del Consiglio, 93/74/CEE del Consiglio, 93/113/CE del Consiglio e 96/25/CE del Consiglio e la decisione 2004/217/CE della Commissione (GU L 229 dell'1.9.2009, pag. 1);

 

xxxxii) direttiva 2008/38/CE della Commissione, del 5 marzo 2008, che stabilisce un elenco degli usi previsti per gli alimenti per animali destinati a particolari fini nutrizionali (GU L 62 del 6.3.2008, pag. 9);

 

xxxxiii) regolamento (CE) n. 183/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 gennaio 2005, che stabilisce requisiti per l'igiene dei mangimi (GU L 35 dell'8.2.2005, pag. 1).

Emendamento    141

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – paragrafo 4 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Protezione del benessere degli animali disciplinata dalla seguente legislazione dell'Unione:

G bis.  Articolo 1, lettera a), punto vii bis) – Protezione, salute e benessere degli animali

 

Disposizioni e norme in materia di protezione, salute e benessere degli animali, disciplinate in particolare dalla seguente legislazione:

Emendamento    142

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione G bis – punto da iv a xxiv (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

iv)  direttiva 2010/63/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 settembre 2010, sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici (GU L 276 del 20.10.2010, pag. 33);

 

v)  Direttiva 90/425/CEE del Consiglio, del 26 giugno 1990, relativa ai controlli veterinari e zootecnici applicabili negli scambi intracomunitari di taluni animali vivi e prodotti di origine animale, nella prospettiva della realizzazione del mercato interno (GU L 224 del 18.8.1990, pag. 29);

 

vi)  direttiva 91/496/CEE del Consiglio, del 15 luglio 1991, che fissa i principi relativi all'organizzazione dei controlli veterinari per gli animali che provengono dai paesi terzi e che sono introdotti nella Comunità e che modifica le direttive 89/662/CEE, 90/425/CEE e 90/675/CEE (GU L 268 del 24.9.1991, pag. 56);

 

vii)  direttiva 89/662/CEE del Consiglio, dell'11 dicembre 1989, relativa ai controlli veterinari applicabili negli scambi intracomunitari, nella prospettiva della realizzazione del mercato interno (GU L 395 del 30.12.1989, pag. 13);

 

viii)  regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, sui prodotti cosmetici (GU L 342 del 22.12.2009, pag. 59);

 

ix)  regolamento (UE) 2016/1012 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’8 giugno 2016, relativo alle condizioni zootecniche e genealogiche applicabili alla riproduzione, agli scambi commerciali e all’ingresso nell’Unione di animali riproduttori di razza pura, di suini ibridi riproduttori e del loro materiale germinale, che modifica il regolamento (UE) n. 652/2014, le direttive 89/608/CEE e 90/425/CEE del Consiglio, e che abroga taluni atti in materia di riproduzione animale ("regolamento sulla riproduzione degli animali") (GU L 171 del 29.6.2016, pag. 66);

 

x)  direttiva 2008/73/CE del Consiglio, del 15 luglio 2008, che semplifica le procedure di redazione degli elenchi e di diffusione dell'informazione in campo veterinario e zootecnico e che modifica le direttive 64/432/CEE, 77/504/CEE, 88/407/CEE, 88/661/CEE, 89/361/CEE, 89/556/CEE, 90/426/CEE, 90/427/CEE, 90/428/CEE, 90/429/CEE, 90/539/CEE, 91/68/CEE, 91/496/CEE, 92/35/CEE, 92/65/CEE, 92/66/CEE, 92/119/CEE, 94/28/CE, 2000/75/CE, la decisione 2000/258/CE nonché le direttive 2001/89/CE, 2002/60/CE e 2005/94/CE (GU L 219 del 14.8.2008, pag. 40);

 

xi)  regolamento (CE) n. 1255/97 del Consiglio, del 25 giugno 1997, riguardante i criteri comunitari per i punti di sosta e che adatta il ruolino di marcia previsto dall'allegato della direttiva 91/628/CEE (GU L 174 del 2.7.1997 pag. 1);

 

xii)  direttiva 96/93/CE del Consiglio, del 17 dicembre 1996, relativa alla certificazione di animali e di prodotti di origine animale (GU L 13 del 16.1.1997, pag. 28);

 

xiii)  regolamento (CE) n. 21/2004 del Consiglio, del 17 dicembre 2003, che istituisce un sistema di identificazione e di registrazione degli ovini e dei caprini che modifica il regolamento (CE) n. 1782/2003 e le direttive 92/102/CEE e 64/432/CEE (GU L 5 del 9.1.2004, pag. 8);

 

xiv)  decisione 2006/968/CE della Commissione, del 15 dicembre 2006, recante attuazione del regolamento (CE) n. 21/2004 del Consiglio per quanto riguarda orientamenti e procedure relativi all'identificazione elettronica degli animali delle specie ovina e caprina (GU L 401 del 30.12.2006, pag. 41);

 

xv)  decisione 1999/879/CE del Consiglio, del 17 dicembre 1999, relativa all'immissione sul mercato e all'impiego della somatotropina bovina (BST) e che abroga la decisione 90/218/CEE (GU L 331 del 23.12.1999, pag. 17);

 

xvi)  direttiva 1999/74/CE del Consiglio del 19 luglio 1999 che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole (GU L 203 del 3.8.1999, pag. 53);

 

vii)  direttiva 2007/43/CE del Consiglio, del 28 giugno 2007, che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione di carne (GU L 182 del 12.7.2007, pag. 19);

 

xiii)  direttiva 2008/119/CE del Consiglio, del 18 dicembre 2008, che stabilisce le norme minime per la protezione dei vitelli (GU L 10 del 15.1.2009, pag. 7);

 

xix)  direttiva 2008/120/CEE del Consiglio, del 18 dicembre 2008, che stabilisce le norme minime per la protezione dei suini (GU L 47 del 18.2.2009, pag. 5);

 

xx)  regolamento (CEE) n. 3254/91 del Consiglio, del 4 novembre 1991, che vieta l'uso di tagliole nella Comunità e l'introduzione nella Comunità di pellicce e di prodotti manifatturati di talune specie di animali selvatici originari di paesi che utilizzano per la loro cattura tagliole o metodi non conformi alle norme concordate a livello internazionale in materia di cattura mediante trappole senza crudeltà (GU L 308 del 9.11.1991, pag. 1);

 

xxi)  direttiva 2013/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, che modifica la direttiva 92/65/CEE del Consiglio per quanto riguarda le norme sanitarie che disciplinano gli scambi e le importazioni nell'Unione di cani, gatti e furetti (GU L 178 del 28.6.2013, pag. 107);

 

xxii)  regolamento (UE) n. 576/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sui movimenti a carattere non commerciale di animali da compagnia e che abroga il regolamento (CE) n. 998/2003 (GU L 178 del 28.6.2013, pag. 1);

 

xxiii)  direttiva 2009/156/CE del Consiglio, del 30 novembre 2009, relativa alle condizioni di polizia sanitaria che disciplinano i movimenti di equidi e le importazioni di equidi in provenienza dai paesi terzi (GU L 192 del 23.7.2010, pag. 1);

 

xxiv)  direttiva 92/35/CEE del Consiglio, del 29 aprile 1992, che fissa le norme di controllo e le misure di lotta contro la peste equina (GU L 157 del 10.6.1992, pag. 19).

Emendamento    143

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

H  Articolo 1, lettera a), punto viii) – salute pubblica

H  Articolo 1, lettera a), punto viii) – salute pubblica e sicurezza sanitaria

Emendamento    144

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 1 – punto i bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

i bis.  direttiva (UE) 2016/1214 della Commissione, del 25 luglio 2016, recante modifica della direttiva 2005/62/CE per quanto riguarda le norme e le specifiche del sistema di qualità per i servizi trasfusionali (GU L 199 del 26.7.2016, pag. 14);

Emendamento    145

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 1 – punto i ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

i ter.  direttiva 2005/61/CE della Commissione, del 30 settembre 2005, che applica la direttiva 2002/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le prescrizioni in tema di rintracciabilità e la notifica di effetti indesiderati ed incidenti gravi (GU L 256 dell'1.10.2005, pag. 32);

Emendamento    146

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 1 – punto i quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

i quater.   direttiva 2004/33/CE della Commissione, del 22 marzo 2004, che applica la direttiva 2002/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a taluni requisiti tecnici del sangue e degli emocomponenti (GU L 91 del 30.3.2004, pag. 25);

Emendamento    147

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 1 – punto i quinquies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 quinquies.   direttiva 2005/62/CE della Commissione, del 30 settembre 2005, recante applicazione della direttiva 2002/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme e le specifiche comunitarie relative ad un sistema di qualità per i servizi trasfusionali (GU L 256 dell'1.10.2005, pag. 41);

Emendamento    148

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 1 – punto iii bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

iii bis.  direttiva 2010/53/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 luglio 2010, relativa alle norme di qualità e sicurezza degli organi umani destinati ai trapianti (GU L 207 del 6.8.2010, pag. 14).

Emendamento    149

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 5

Testo della Commissione

Emendamento

5.  Lavorazione, presentazione e vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati, disciplinate dalla direttiva 2014/40/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati e che abroga la direttiva 2001/37/CE (GU L 127 del 29.4.2014, pag. 1).

5.  Lavorazione, presentazione e vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati, disciplinate dalla direttiva 2014/40/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati e che abroga la direttiva 2001/37/CE (GU L 127 del 29.4.2014, pag. 1) e pubblicità e sponsorizzazione a favore dei prodotti del tabacco disciplinate dalla direttiva 2003/33/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri in materia di pubblicità e di sponsorizzazione a favore dei prodotti del tabacco (GU L 152 del 20.6.2003, pag. 16).

Emendamento    150

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 5 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

5 bis.  Lotta contro gli effetti dannosi dell'alcol e priorità stabilite dalla strategia europea per aiutare i paesi dell'Unione a ridurre i danni legati all'alcol.

Emendamento    151

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione H – punto 5 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

5 ter.  Altri atti legislativi relativi alla salute pubblica, in particolare:

 

i) regolamento (UE) 2017/746 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 aprile 2017, relativo ai dispositivi medico-diagnostici in vitro e che abroga la direttiva 98/79/CE e la decisione 2010/227/UE della Commissione (GU L 117 del 5.5.2017, pag. 176);

 

ii) Regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, sui prodotti cosmetici (GU L 342 del 22.12.2009, pag. 59).

Emendamento    152

Proposta di direttiva

Allegato I – parte I – sezione J bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

J bis.  Articolo 1, lettera a), punto x bis) – occupazione, condizioni di lavoro, diritti dei lavoratori e principio di pari opportunità e di pari trattamento tra uomini e donne nel lavoro.

 

1.  Norme in materia di occupazione dell'Unione europea, disciplinate in particolare dalla seguente legislazione:

 

i)  direttiva 91/533/CEE del Consiglio, del 14 ottobre 1991, relativa all'obbligo del datore di lavoro di informare il lavoratore delle condizioni applicabili al contratto o al rapporto di lavoro (GU L 288 del 18.10.1991, pag. 32);

 

ii)  direttiva 91/383/CEE del Consiglio, del 25 giugno 1991, che completa le misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute durante il lavoro dei lavoratori aventi un rapporto di lavoro a durata determinata o un rapporto di lavoro interinale (GU L 206 del 29.7.1991, pag. 19);

 

iii)  direttiva 94/33/CE del Consiglio, del 22 giugno 1994, relativa alla protezione dei giovani sul lavoro (GU L 216 del 20.8.1994, pag. 12);

 

iv)  direttiva 98/59/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi (GU L 225 del 12.8.1998, pag. 16);

 

v)  direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro (GU L 303 del 2.12.2000, pag. 16);

 

vi)  direttiva 2001/23/CE del Consiglio, del 12 marzo 2001, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti (GU L 82 del 22.3.2001, pag. 16);

 

vii)  direttiva 2002/14/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2002, che istituisce un quadro generale relativo all'informazione e alla consultazione dei lavoratori - Dichiarazione congiunta del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione sulla rappresentanza dei lavoratori (GU L 80 del 23.3.2002, pagg. 29-34);

 

viii)  direttiva 2003/88/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 novembre 2003, concernente taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro (GU L 299 del 18.11.2003, pag. 9);

 

ix)  direttiva 2006/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, riguardante l'attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego (GU L 204 del 26.7.2006, pag. 23);

 

x)  direttiva 2008/94/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2008, relativa alla tutela dei lavoratori subordinati in caso d'insolvenza del datore di lavoro (GU L 283 del 28.10.2008, pag. 36);

 

xi)  direttiva 2008/104/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa al lavoro tramite agenzia interinale (GU L 327 del 5.12.2008, pagg. 9-14);

 

xii)  direttiva 2009/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, riguardante l'istituzione di un comitato aziendale europeo o di una procedura per l'informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese e nei gruppi di imprese di dimensioni comunitarie (GU L 122 del 16.5.2009, pagg. 28-44);

 

xiii)  direttiva 2010/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 luglio 2010, sull'applicazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne che esercitano un'attività autonoma e che abroga la direttiva 86/613/CEE del Consiglio (GU L 180 del 15.7.2010, pag. 1);

 

xiv)  direttiva 2014/67/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, concernente l'applicazione della direttiva 96/71/CE relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi e recante modifica del regolamento (UE) n. 1024/2012 relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno ("regolamento IMI") (GU L 159 del 28.5.2014, pag. 11);

 

xv)  regolamento (CE) n. 450/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 febbraio 2003, relativo all'indice del costo del lavoro (GU L 69 del 13.3.2003, pag. 1);

 

xvi)  regolamento (UE) 2015/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2015, relativo alle procedure di insolvenza (GU L 141 del 5.6.2015, pag. 19).

 

2.  Condizioni di lavoro, disciplinate in particolare dalla seguente legislazione:

 

i)  tutte le direttive particolari ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE;

 

ii)  direttiva 2009/104/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori durante il lavoro (seconda direttiva particolare ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE) (GU L 260 del 3.10.2009, pag. 5);

 

iii)  direttiva 2009/148/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un'esposizione all'amianto durante il lavoro (GU L 330 del 16.12.2009, pag. 28);

 

iv)  regolamento (CE) n. 1338/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alle statistiche comunitarie in materia di sanità pubblica e di salute e sicurezza sul luogo di lavoro (GU L 354 del 31.12.2008, pag. 70).

Emendamento    153

Proposta di direttiva

Allegato I – parte II – sezione A – titolo

Testo della Commissione

Emendamento

A  Articolo 1, lettera a), punto ii) – servizi finanziari, prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo

A  Articolo 1, lettera a), punto ii) – servizi finanziari, evasione fiscale, frode fiscale, elusione fiscale, prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo

Emendamento    154

Proposta di direttiva

Allegato I – parte II – sezione C bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

C bis.Protezione degli interessi finanziari dell'Unione:

 

i)  regolamento (UE, EURATOM) n. 1023/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2013, che modifica lo statuto dei funzionari dell'Unione europea e il regime applicabile agli altri agenti dell'Unione europea.

(1)

GU C 405 del 9.11.2018, pag. 1.

(2)

Non ancora pubblicato nella Gazzetta ufficiale.


MOTIVAZIONE

La protezione degli informatori: strumento essenziale di difesa dell'interesse generale

Negli ultimi decenni in Europa si sono registrati sviluppi significativi per quanto riguarda la protezione degli informatori. Alla luce di numerosi studi e riscontri sulle esperienze, appare ora altrettanto chiaramente dimostrato che gli informatori svolgono un ruolo positivo nella prevenzione e nella riparazione dei danni all'interesse generale. Tuttavia, il potenziale connesso all'allarme etico è ben lungi dall'essere pienamente sfruttato, poiché molte persone che accertano un danno all'interesse generale in un contesto professionale continuano sistematicamente a non segnalarlo. Le ragioni di questa situazione sono molteplici e vanno dalla mancanza di conoscenza delle possibilità di segnalazione al timore di rappresaglie in caso di intervento. Ciò ha conseguenze negative per la società nel suo insieme, in quanto continua a verificarsi un'ampia gamma di danni all'interesse generale, che si tratti di questioni ambientali, lotta contro l'evasione fiscale o corruzione o ancora di sanità pubblica, e il diritto dei cittadini all'informazione ne risulta sminuito.

Negli Stati membri, gli sviluppi legislativi in materia di protezione degli informatori hanno spesso fatto seguito a scandali o disastri di grande portata. Tuttavia, le raccomandazioni adottate dal Consiglio d'Europa nel 2014 hanno segnato un significativo passo avanti nella definizione di una serie di norme che gli Stati membri sono invitati a recepire nel diritto nazionale.

La presente proposta si ispira in parte a tali norme e alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo in materia di libertà di espressione. La relatrice è pienamente soddisfatta del fatto che la Commissione abbia scelto di includere la sua proposta di direttiva nel quadro di tali raccomandazioni, tenendo conto della risoluzione approvata dal Parlamento europeo il 24 ottobre 2017.

Ambito di applicazione: garantire l'efficacia dello strumento proposto

La relatrice ritiene che la scelta di un ambito di applicazione ampio e orizzontale sia positiva, in quanto consentirà di contemplare numerosi settori che vanno dalla tutela degli interessi finanziari dell'Unione alla sicurezza nucleare, senza dimenticare la protezione dell'ambiente, la salute pubblica e la lotta contro l'evasione fiscale. Una persona è considerata come un informatore quando segnala o rivela una violazione di un atto dell'Unione attinente a questi settori, quali definiti nell'allegato della proposta. Esiste tuttavia un rischio per le azioni che non configurino un'infrazione ai sensi della direttiva. La relatrice propone pertanto di coprire qualsiasi irregolarità attinente a questi settori. Essa ritiene che in tal modo si terrà maggiormente conto della tutela dell'interesse generale, che sta al cuore della proposta.

Poiché l'Unione europea è fondata su una comunità di valori e principi che garantisce il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, la relatrice ritiene necessario includere tali diritti fondamentali nell'ambito di applicazione del testo.

Nell'esercizio della loro attività professionale, i funzionari e gli altri agenti dell'Unione europea possono essere condotti ad avere accesso ad informazioni che potrebbero essere oggetto di una segnalazione ai sensi della presente proposta di direttiva e rischiano di essere oggetto di ritorsioni. È quindi importante garantire loro la stessa protezione di cui godono gli altri lavoratori. È inoltre importante garantire la protezione di coloro che assistono l'autore della segnalazione nel corso della sua azione, compresi i giornalisti investigativi.

Canali di segnalazione: agire nell'interesse dell'informatore

La concezione dei canali di segnalazione previsti dal testo in esame offre sufficienti garanzie di solidità e indipendenza, a parere della relatrice. Tuttavia, potrebbero essere migliorati prevedendo una notifica dell'avvenuta ricezione della segnalazione. Anche i tempi di elaborazione proposti dalla Commissione sembrano troppo lunghi e potrebbero recare pregiudizio alla segnalazione, per cui la relatrice propone di ridurli. Essa ritiene inoltre che i rappresentanti sindacali debbano essere pienamente coinvolti nella definizione dei canali interni ed essere in grado di fornire consulenza e assistenza a coloro che lo desiderano. In effetti, i rappresentanti dei lavoratori sono direttamente presenti sul campo e si trovano nella posizione migliore per assistere un potenziale informatore nella sua azione, per informarlo sui canali interni di segnalazione, sui suoi diritti e sui suoi obblighi. È quindi importante attribuire loro questo ruolo nel quadro di questa direttiva.

Sembra inoltre essenziale garantire un elevato livello di riservatezza dell'identità della persona che effettua una segnalazione. Infatti, le persone che constatano irregolarità sono spesso soggette a meccanismi inibitori e di autocensura fondati sul timore che la loro identità venga rivelata. È stato dimostrato che il rispetto di questo criterio consente di migliorare il numero di segnalazioni ricevute. Le disposizioni del testo in esame dovrebbero pertanto essere rafforzate in relazione a tale problematica, prevedendo un solido principio di riservatezza, cui si possa derogare soltanto in casi eccezionali e limitati.

Privilegiare l'efficacia della segnalazione e il diritto all'informazione

Il testo in esame si basa su una sequenza relativamente rigorosa nell'uso dei canali di segnalazione, dotati comunque di deroghe. Di norma, un potenziale informatore deve prima di tutto contattare il proprio datore di lavoro, attendere fino a 3 mesi per l'esame della segnalazione e poi, in caso di risposta insoddisfacente, rivolgersi a un'autorità esterna ed eventualmente attendere altri 6 mesi. Ciò può non solo compromettere ampiamente la segnalazione stessa, ma rischia soprattutto di costringere l'informatore a mettersi in condizioni di difficoltà immediata nei confronti del datore di lavoro. Inoltre, questo approccio impone all'informatore l'onere di dimostrare di aver scelto il canale più appropriato in caso di elusione della sequenza prevista nel testo. Nel quadro di un rapporto di forza già squilibrato, ciò rischia di nuocere alla persona che effettua la segnalazione. Infine, questo approccio non tiene sufficientemente conto del diritto all'informazione dei cittadini in caso di pregiudizio dell'interesse generale. Per questi motivi, la relatrice suggerisce di rivedere questa gerarchia dei canali, introducendo una maggiore flessibilità in modo da lasciare la scelta del canale più appropriato alla persona che effettua la segnalazione.

Pur essendo del tutto positivo che il testo in esame conceda protezione alle persone che hanno ragionevoli motivi per ritenere che le informazioni riportate fossero veritiere al momento della segnalazione, la relatrice ritiene che tale disposizione debba essere ulteriormente chiarita al fine di escludere qualsiasi possibilità di rifiutarla per motivi connessi alle intenzioni dell'informatore. Infatti, il testo dovrebbe innanzitutto concentrarsi sulla pertinenza delle informazioni rivelate rispetto all'interesse generale, prima di concentrarsi sui motivi della loro rivelazione.

Garantire una protezione efficace e completa degli informatori

La proposta di direttiva contiene un divieto generale dei vari tipi di ritorsione descritti in un elenco. Tale elenco non può essere in alcun caso considerato esaustivo, in quanto solo l'immaginazione fissa i limiti delle misure di ritorsione utilizzate. È pertanto opportuno chiarire che si tratta solo di esempi.

Per quanto attiene alle tutele concesse, la relatrice desidera sottolineare l'importanza di alcune di esse. L'inversione dell'onere della prova è una di queste misure e la formulazione adottata dalla proposta di direttiva è stata rafforzata al fine di consentire che tale disposizione sviluppi il proprio pieno potenziale.

Casi di segnalazioni anonime si sono già verificati e continueranno a verificarsi. La relatrice desidera pertanto inserire una disposizione che consenta di includere nel testo una persona la cui identità sia venuta alla luce mentre era suo desiderio rimanere anonima.

Esistono vari meccanismi in alcuni Stati membri e tra di essi per assistere e sostenere gli autori di una segnalazione o di una divulgazione pubblica. Ad esempio, le autorità pubbliche, i sindacati oppure le organizzazioni della società civile possono fornire consulenza riservata sui meccanismi di allarme etico. La relatrice ritiene che tali sistemi siano essenziali per assistere l'informatore nella sua azione e suggerisce pertanto che la direttiva possa prevederne l'istituzione nei vari Stati membri, tenendo conto dei contesti nazionali. La relatrice auspica inoltre che, oltre all'assistenza giuridica e finanziaria per gli informatori, venga fornito anche un sostegno psicologico.

Fornire sufficiente certezza del diritto alla libertà di parola

Certi elementi della presente proposta rischiano di scoraggiare le persone che intendono effettuare una segnalazione. Ciò vale in particolare per l'elemento di gravità, che può essere difficile da valutare per un solo individuo ed essergli opposto per declassare il suo atto. Pertanto, la protezione deve essere garantita a prescindere dalla gravità delle informazioni segnalate, non appena ledano l'interesse generale.

Analogamente, la proposta di direttiva propone di prevedere sanzioni volte a scoraggiare le denunce dolose e abusive. Questa disposizione appare superflua rispetto alle disposizioni già presenti nel diritto nazionale che puniscono i casi di diffamazione o di lesione della reputazione. Prevedendo sanzioni supplementari, il testo in esame rischia di avere un effetto deterrente, se non disincentivante, anche per quanto riguarda le segnalazioni legittime. La relatrice propone pertanto di sopprimere questa parte del testo.

La relatrice ritiene che il testo in esame costituisca un primo passo, ma solleva importanti questioni in merito all'estensione del suo ambito di applicazione. Essa ritiene pertanto che quest'ultimo debba essere rapidamente valutato e riveduto, se necessario, per migliorarne l'orizzontalità e semplificarne la comprensione da parte dei cittadini.


PARERE DELLA COMMISSIONE GIURIDICA SULLA BASE GIURIDICA

On. Pavel Svoboda

Presidente

Commissione giuridica

BRUXELLES

Oggetto:  Parere sulla base giuridica sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione (COM(2018)0218 – C8-0159/2018 – 2018/0106(COD))

Signor Presidente,

Il 24 settembre 2018, a norma dell'articolo 39, paragrafo 5 del regolamento, la commissione giuridica ha deciso di sua iniziativa di esprimere un parere sull'opportunità delle basi giuridiche supplementari introdotte tramite emendamenti presentati in commissione, che aggiungerebbero disposizioni del trattato sul funzionamento dell'Unione europea alla base giuridica originaria della proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione ("la proposta").

La Commissione ha basato la sua proposta su diverse basi giuridiche settoriali. La base giuridica è così esplicitata:

"visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare gli articoli 16, 33, 43 e 50, l'articolo 53, paragrafo 1, gli articoli 62, 91, 100, 103, 109, 114, 168, 169, 192 e 207 e l'articolo 325, paragrafo 4, e il trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica, in particolare l'articolo 31,"

Sono stati presentati cinque emendamenti che propongono di aggiungere gli articoli 19, paragrafo 2, 77, paragrafo 2, 78, 79, 83, paragrafo 1, 153, 154, 157 e 352 TFUE. Per quanto riguarda l'articolo 153, due emendamenti propongono di aggiungere l'intero articolo, mentre uno di aggiungere solo il paragrafo 1, lettere a), b) ed e), e un altro di aggiungere solo le lettere a) e b) del paragrafo 1.

Gli emendamenti proposti alla base giuridica sono accompagnati da corrispondenti modifiche dell'ambito di applicazione della direttiva proposta. Pertanto, la valutazione finale dell'eventuale opportunità di aggiungere ulteriori basi giuridiche alla proposta dal punto di vista sostanziale deve essere considerata sulla base dell'eventuale approvazione di emendamenti che modificano l'ambito di applicazione della proposta e alla luce dello scopo e del contenuto della proposta così come adottata. Il presente parere sulla base giuridica si concentra maggiormente sulla compatibilità procedurale delle basi giuridiche che si propone di aggiungere, nonché sulla loro compatibilità con la misura prescelta, ossia una direttiva.

I - Contesto

Nella sua risoluzione del 24 ottobre 2017 sulle "Misure legittime per proteggere gli informatori che agiscono nell'interesse pubblico" e in quella del 20 gennaio 2017 "sul ruolo degli informatori nella protezione degli interessi finanziari dell'UE"(1), il Parlamento europeo ha invitato la Commissione a presentare una proposta legislativa orizzontale per garantire un livello di protezione elevato per gli informatori nell'UE, nel settore sia pubblico che privato, nonché presso le istituzioni UE e nazionali.

Norme relative agli informatori esistono attualmente in alcuni settori del diritto dell'Unione, in particolare nello statuto e in alcuni regolamenti relativi al riciclaggio di denaro e ai mercati finanziari.

La presente proposta di direttiva segue l'approccio settoriale, in quanto prevede norme relative agli informatori che sono applicabili alle violazioni del diritto dell'Unione nei settori specificati nell'ambito di applicazione e nell'allegato che elenca i pertinenti atti legislativi dell'Unione che sono stabiliti direttamente o mediante riferimento.

II - Pertinenti articoli del trattato

L'articolo 19 TFUE recita:

Articolo 19

1. Fatte salve le altre disposizioni dei trattati e nell'ambito delle competenze da essi conferite all'Unione, il Consiglio, deliberando all'unanimità secondo una procedura legislativa speciale e previa approvazione del Parlamento europeo, può prendere i provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale.

2. In deroga al paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, possono adottare i principi di base delle misure di incentivazione dell'Unione, ad esclusione di qualsiasi armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri, destinate ad appoggiare le azioni degli Stati membri volte a contribuire alla realizzazione degli obiettivi di cui al paragrafo 1.

L'articolo 77 TFUE recita:

Articolo 77

1. L'Unione sviluppa una politica volta a:

a) garantire l'assenza di qualsiasi controllo sulle persone, a prescindere dalla nazionalità, all'atto dell'attraversamento delle frontiere interne;

b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle frontiere esterne;

c) instaurare progressivamente un sistema integrato di gestione delle frontiere esterne.

2. Ai fini del paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, adottano le misure riguardanti:

a) la politica comune dei visti e di altri titoli di soggiorno di breve durata;

b) i controlli ai quali sono sottoposte le persone che attraversano le frontiere esterne;

c) le condizioni alle quali i cittadini dei paesi terzi possono circolare liberamente nell'Unione per un breve periodo;

d) qualsiasi misura necessaria per l'istituzione progressiva di un sistema integrato di gestione delle frontiere esterne;

e) l'assenza di qualsiasi controllo sulle persone, a prescindere dalla nazionalità, all'atto dell'attraversamento delle frontiere interne.

3. Se un'azione dell'Unione risulta necessaria per facilitare l'esercizio del diritto, di cui all'articolo 20, paragrafo 2, lettera a), e salvo che i trattati non abbiano previsto poteri di azione a tale scopo, il Consiglio, deliberando secondo una procedura legislativa speciale, può adottare disposizioni relative ai passaporti, alle carte d'identità, ai titoli di soggiorno o altro documento assimilato. Il Consiglio delibera all'unanimità previa consultazione del Parlamento europeo.

4. Il presente articolo lascia impregiudicata la competenza degli Stati membri riguardo alla delimitazione geografica delle rispettive frontiere, conformemente al diritto internazionale.

L'articolo 78 TFUE recita:

Articolo 78

1. L'Unione sviluppa una politica comune in materia di asilo, di protezione sussidiaria e di protezione temporanea, volta a offrire uno status appropriato a qualsiasi cittadino di un paese terzo che necessita di protezione internazionale e a garantire il rispetto del principio di non respingimento. Detta politica deve essere conforme alla convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e al protocollo del 31 gennaio 1967 relativi allo status dei rifugiati, e agli altri trattati pertinenti.

2. Ai fini del paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, adottano le misure relative a un sistema europeo comune di asilo che includa:

a) uno status uniforme in materia di asilo a favore di cittadini di paesi terzi, valido in tutta l'Unione;

b) uno status uniforme in materia di protezione sussidiaria per i cittadini di paesi terzi che, pur senza il beneficio dell'asilo europeo, necessitano di protezione internazionale;

c) un sistema comune volto alla protezione temporanea degli sfollati in caso di afflusso massiccio;

d) procedure comuni per l'ottenimento e la perdita dello status uniforme in materia di asilo o di protezione sussidiaria;

e) criteri e meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l'esame di una domanda d'asilo o di protezione sussidiaria;

f) norme concernenti le condizioni di accoglienza dei richiedenti asilo o protezione sussidiaria;

g) il partenariato e la cooperazione con paesi terzi per gestire i flussi di richiedenti asilo o protezione sussidiaria o temporanea.

3. Qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio dello Stato membro o degli Stati membri interessati. Esso delibera previa consultazione del Parlamento europeo.

L'articolo 79 TFUE recita:

Articolo 79

1. L'Unione sviluppa una politica comune dell'immigrazione intesa ad assicurare, in ogni fase, la gestione efficace dei flussi migratori, l'equo trattamento dei cittadini dei paesi terzi regolarmente soggiornanti negli Stati membri e la prevenzione e il contrasto rafforzato dell'immigrazione illegale e della tratta degli esseri umani.

2. Ai fini del paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, adottano le misure nei seguenti settori:

a) condizioni di ingresso e soggiorno e norme sul rilascio da parte degli Stati membri di visti e di titoli di soggiorno di lunga durata, compresi quelli rilasciati a scopo di ricongiungimento familiare;

b) definizione dei diritti dei cittadini di paesi terzi regolarmente soggiornanti in uno Stato membro, comprese le condizioni che disciplinano la libertà di circolazione e di soggiorno negli altri Stati membri;

c) immigrazione clandestina e soggiorno irregolare, compresi l'allontanamento e il rimpatrio delle persone in soggiorno irregolare;

d) lotta contro la tratta degli esseri umani, in particolare donne e minori.

3. L'Unione può concludere con i paesi terzi accordi ai fini della riammissione, nei paesi di origine o di provenienza, di cittadini di paesi terzi che non soddisfano o non soddisfano più le condizioni per l'ingresso, la presenza o il soggiorno nel territorio di uno degli Stati membri.

4. Il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, possono stabilire misure volte a incentivare e sostenere l'azione degli Stati membri al fine di favorire l'integrazione dei cittadini di paesi terzi regolarmente soggiornanti nel loro territorio, ad esclusione di qualsiasi armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri.

5. Il presente articolo non incide sul diritto degli Stati membri di determinare il volume di ingresso nel loro territorio dei cittadini di paesi terzi, provenienti da paesi terzi, allo scopo di cercarvi un lavoro dipendente o autonomo.

L'articolo 83 TFUE recita:

Articolo 83

1. Il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando mediante direttive secondo la procedura legislativa ordinaria, possono stabilire norme minime relative alla definizione dei reati e delle sanzioni in sfere di criminalità particolarmente grave che presentano una dimensione transnazionale derivante dal carattere o dalle implicazioni di tali reati o da una particolare necessità di combatterli su basi comuni.

Dette sfere di criminalità sono le seguenti: terrorismo, tratta degli esseri umani e sfruttamento sessuale delle donne e dei minori, traffico illecito di stupefacenti, traffico illecito di armi, riciclaggio di denaro, corruzione, contraffazione di mezzi di pagamento, criminalità informatica e criminalità organizzata.

In funzione dell'evoluzione della criminalità, il Consiglio può adottare una decisione che individua altre sfere di criminalità che rispondono ai criteri di cui al presente paragrafo. Esso delibera all'unanimità previa approvazione del Parlamento europeo.

2. Allorché il ravvicinamento delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri in materia penale si rivela indispensabile per garantire l'attuazione efficace di una politica dell'Unione in un settore che è stato oggetto di misure di armonizzazione, norme minime relative alla definizione dei reati e delle sanzioni nel settore in questione possono essere stabilite tramite direttive. Tali direttive sono adottate secondo la stessa procedura legislativa ordinaria o speciale utilizzata per l'adozione delle misure di armonizzazione in questione, fatto salvo l'articolo 76.

3. Qualora un membro del Consiglio ritenga che un progetto di direttiva di cui al paragrafo 1 o 2 incida su aspetti fondamentali del proprio ordinamento giuridico penale, può chiedere che il Consiglio europeo sia investito della questione. In tal caso la procedura legislativa ordinaria è sospesa. Previa discussione e in caso di consenso, il Consiglio europeo, entro quattro mesi da tale sospensione, rinvia il progetto al Consiglio, ponendo fine alla sospensione della procedura legislativa ordinaria.

Entro il medesimo termine, in caso di disaccordo, e se almeno nove Stati membri desiderano instaurare una cooperazione rafforzata sulla base del progetto di direttiva in questione, essi ne informano il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione. In tal caso l'autorizzazione a procedere alla cooperazione rafforzata di cui all'articolo 20, paragrafo 2 del trattato sull'Unione europea e all'articolo 329, paragrafo 1 del presente trattato si considera concessa e si applicano le disposizioni sulla cooperazione rafforzata.

L'articolo 153 TFUE recita:

Articolo 153

1. Per conseguire gli obiettivi previsti all'articolo 151, l'Unione sostiene e completa l'azione degli Stati membri nei seguenti settori:

a) miglioramento, in particolare, dell'ambiente di lavoro, per proteggere la sicurezza e la salute dei lavoratori;

b) condizioni di lavoro;

c) sicurezza sociale e protezione sociale dei lavoratori;

d) protezione dei lavoratori in caso di risoluzione del contratto di lavoro;

e) informazione e consultazione dei lavoratori;

f) rappresentanza e difesa collettiva degli interessi dei lavoratori e dei datori di lavoro, compresa la cogestione, fatto salvo il paragrafo 5;

g) condizioni di impiego dei cittadini dei paesi terzi che soggiornano legalmente nel territorio dell'Unione;

h) integrazione delle persone escluse dal mercato del lavoro, fatto salvo l'articolo 166;

i) parità tra uomini e donne per quanto riguarda le opportunità sul mercato del lavoro ed il trattamento sul lavoro;

j) lotta contro l'esclusione sociale;

k) modernizzazione dei regimi di protezione sociale, fatto salvo il disposto della lettera c).

2. A tal fine il Parlamento europeo e il Consiglio:

a) possono adottare misure destinate a incoraggiare la cooperazione tra Stati membri attraverso iniziative volte a migliorare la conoscenza, a sviluppare gli scambi di informazioni e di migliori prassi, a promuovere approcci innovativi e a valutare le esperienze fatte, ad esclusione di qualsiasi armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri;

b) possono adottare nei settori di cui al paragrafo 1, lettere da a) a i), mediante direttive, le prescrizioni minime applicabili progressivamente, tenendo conto delle condizioni e delle normative tecniche esistenti in ciascuno Stato membro. Tali direttive evitano di imporre vincoli amministrativi, finanziari e giuridici di natura tale da ostacolare la creazione e lo sviluppo di piccole e medie imprese.

Il Parlamento europeo e il Consiglio deliberano secondo la procedura legislativa ordinaria previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni.

Nei settori di cui al paragrafo 1, lettere c), d), f) e g), il Consiglio delibera secondo una procedura legislativa speciale, all'unanimità, previa consultazione del Parlamento europeo e di detti Comitati.

Il Consiglio, deliberando all'unanimità, su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo, può decidere di rendere applicabile al paragrafo 1, lettere d), f) e g) la procedura legislativa ordinaria.

3. Uno Stato membro può affidare alle parti sociali, a loro richiesta congiunta, il compito di mettere in atto le direttive prese a norma del paragrafo 2 o, se del caso, una decisione del Consiglio adottata conformemente all'articolo 155.

In tal caso esso si assicura che, al più tardi alla data in cui una direttiva o una decisione devono essere attuate, le parti sociali abbiano stabilito mediante accordo le necessarie disposizioni, fermo restando che lo Stato membro interessato deve adottare le misure necessarie che gli permettano di garantire in qualsiasi momento i risultati imposti da detta direttiva o detta decisione.

4. Le disposizioni adottate a norma del presente articolo:

- non compromettono la facoltà riconosciuta agli Stati membri di definire i principi fondamentali del loro sistema di sicurezza sociale e non devono incidere sensibilmente sull'equilibrio finanziario dello stesso,

- non ostano a che uno Stato membro mantenga o stabilisca misure, compatibili con i trattati, che prevedano una maggiore protezione.

5. Le disposizioni del presente articolo non si applicano alle retribuzioni, al diritto di associazione, al diritto di sciopero né al diritto di serrata.

L'articolo 154 TFUE recita:

Articolo 154

1. La Commissione ha il compito di promuovere la consultazione delle parti sociali a livello dell'Unione e prende ogni misura utile per facilitarne il dialogo provvedendo ad un sostegno equilibrato delle parti.

2. A tal fine la Commissione, prima di presentare proposte nel settore della politica sociale, consulta le parti sociali sul possibile orientamento di un'azione dell'Unione.

3. Se, dopo tale consultazione, ritiene opportuna un'azione dell'Unione, la Commissione consulta le parti sociali sul contenuto della proposta prevista. Le parti sociali trasmettono alla Commissione un parere o, se opportuno, una raccomandazione.

4. In occasione delle consultazioni di cui ai paragrafi 2 e 3 le parti sociali possono informare la Commissione della loro volontà di avviare il processo previsto dall'articolo 155. La durata di tale processo non supera nove mesi, salvo proroga decisa in comune dalle parti sociali interessate e dalla Commissione.

L'articolo 157 TFUE recita:

Articolo 157

1. Ciascuno Stato membro assicura l'applicazione del principio della parità di retribuzione tra lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore.

2. Per retribuzione si intende, a norma del presente articolo, il salario o trattamento normale di base o minimo e tutti gli altri vantaggi pagati direttamente o indirettamente, in contanti o in natura, dal datore di lavoro al lavoratore in ragione dell'impiego di quest'ultimo.

La parità di retribuzione, senza discriminazione fondata sul sesso, implica:

a) che la retribuzione corrisposta per uno stesso lavoro pagato a cottimo sia fissata in base a una stessa unità di misura;

b) che la retribuzione corrisposta per un lavoro pagato a tempo sia uguale per uno stesso posto di lavoro.

3. Il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria e previa consultazione del Comitato economico e sociale, adottano misure che assicurino l'applicazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, ivi compreso il principio della parità delle retribuzioni per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore.

4. Allo scopo di assicurare l'effettiva e completa parità tra uomini e donne nella vita lavorativa, il principio della parità di trattamento non osta a che uno Stato membro mantenga o adotti misure che prevedano vantaggi specifici diretti a facilitare l'esercizio di un'attività professionale da parte del sesso sottorappresentato ovvero a evitare o compensare svantaggi nelle carriere professionali.

L'articolo 352 TFUE recita:

Articolo 352

1. Se un'azione dell'Unione appare necessaria, nel quadro delle politiche definite dai trattati, per realizzare uno degli obiettivi di cui ai trattati senza che questi ultimi abbiano previsto i poteri di azione richiesti a tal fine, il Consiglio, deliberando all'unanimità su proposta della Commissione e previa approvazione del Parlamento europeo, adotta le disposizioni appropriate. Allorché adotta le disposizioni in questione secondo una procedura legislativa speciale, il Consiglio delibera altresì all'unanimità su proposta della Commissione e previa approvazione del Parlamento europeo.

2. La Commissione, nel quadro della procedura di controllo del principio di sussidiarietà di cui all'articolo 5, paragrafo 3 del trattato sull'Unione europea, richiama l'attenzione dei parlamenti nazionali sulle proposte fondate sul presente articolo.

3. Le misure fondate sul presente articolo non possono comportare un'armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri nei casi in cui i trattati la escludono.

4. Il presente articolo non può servire di base per il conseguimento di obiettivi riguardanti la politica estera e di sicurezza comune e qualsiasi atto adottato a norma del presente articolo rispetta i limiti previsti nell'articolo 40, secondo comma, del trattato sull'Unione europea.

III - Principio generale per la scelta della base giuridica

Secondo la giurisprudenza consolidata della Corte di giustizia, "la scelta del fondamento normativo di un atto comunitario deve basarsi su elementi oggettivi, suscettibili di sindacato giurisdizionale, tra i quali figurano, in particolare, lo scopo e il contenuto dell'atto"(2). La scelta di una base giuridica scorretta potrebbe pertanto giustificare l'annullamento dell'atto in questione.

Nel caso in esame occorre pertanto stabilire se la proposta:

1.  persegue un duplice scopo o ha più componenti, e uno di questi scopi o una di queste componenti è identificabile come principale o preponderante, mentre l'altro(a) è solo accessorio(a); oppure

2.  persegue contemporaneamente più obiettivi o possiede più componenti tra loro inscindibili, senza che uno di essi(e) abbia importanza secondaria e indiretta rispetto all'altro(a).

Secondo la giurisprudenza della Corte di giustizia, nel primo caso l'atto deve basarsi su una sola base giuridica, ossia quella richiesta dallo scopo o dalla componente principale o preponderante, mentre nel secondo caso l'atto dovrà basarsi sulle varie basi giuridiche corrispondenti.(3)

Inoltre, secondo la giurisprudenza consolidata della Corte di giustizia, la combinazione di più basi giuridiche è possibile se sono inscindibili, senza che una di esse assuma importanza secondaria e indiretta rispetto all'altra o alle altre, ma solo se non comportano procedure decisionali incompatibili.(4) Le basi giuridiche proposte da aggiungere devono essere analizzate in quest'ottica, vale a dire se esse presuppongano la procedura legislativa ordinaria o sono altrimenti compatibili con la base giuridica proposta dalla Commissione.

IV - Scopo e contenuto della proposta

Così come la Commissione ha costruito la base giuridica della sua proposta, ciascuna delle disposizioni menzionate corrisponde alle parti pertinenti dell'ambito di applicazione e dell'allegato alla proposta. Nella misura in cui taluni altri settori siano aggiunti all'ambito di applicazione e, di conseguenza, all'allegato, sarebbe opportuno allineare la base giuridica aggiungendo i corrispondenti articoli del trattato sul funzionamento dell'Unione europea alla base giuridica della direttiva.

V - Analisi e determinazione della base giuridica appropriata

Articolo 19, paragrafo 2 TFUE, il legislatore dell'Unione – deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria – può "adottare i principi di base delle misure di incentivazione dell'Unione" per sostenere l'azione degli Stati membri nel campo della lotta alla discriminazione.

Tali misure non possono però comportare "l'armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri". A questo proposito va sottolineato che l'articolo 19 della proposta prevede un'armonizzazione minima: "Gli Stati membri possono introdurre o mantenere disposizioni più favorevoli ai diritti delle persone segnalanti di quelle previste dalla presente direttiva." Pertanto, l'aggiunta dell'articolo 19, paragrafo 2 TFUE come base giuridica non è auspicabile.

A norma dell'articolo 77, paragrafo 2 TFUE, il legislatore dell'Unione può adottare "misure" nel quadro della procedura legislativa ordinaria riguardanti i controlli di frontiera, i visti e i titoli di soggiorno di breve durata; i controlli alle frontiere esterne; la libertà di circolazione per i cittadini dei paesi terzi; il sistema integrato di gestione delle frontiere esterne; l'assenza di controlli alle frontiere interne.

Questa nuova base giuridica sembra essere compatibile con la proposta dal punto di vista procedurale.

Il paragrafo 1 dell'articolo 78 TFUE costituisce un riferimento generale alla politica comune in materia di asilo. Il paragrafo 3 riguarda l'adozione di misure temporanee in situazioni di emergenza e prevede solo la consultazione del Parlamento europeo.

Il paragrafo 2 di detto articolo consente l'adozione di "misure" nel quadro della procedura legislativa ordinaria relative al sistema europeo comune di asilo, in settori specifici come lo status uniforme in materia di asilo e protezione sussidiaria; protezione temporanea degli sfollati; procedure comuni di protezione internazionale; le norme concernenti le condizioni di accoglienza; il partenariato e la cooperazione con paesi terzi.

Pertanto, non è necessario aggiungere come base giuridica l'articolo 78, paragrafo 1 TFUE, mentre l'articolo 78, paragrafo 3 TFUE non costituisce una base giuridica appropriata per la proposta. L'aggiunta dell'articolo 78, paragrafo 2 TFUE sembra essere compatibile con la proposta dal punto di vista procedurale.

L'articolo 79 TFUE riguarda la politica comune in materia di immigrazione. È importante sottolineare che i paragrafi 1 e 5 non costituiscono basi giuridiche. Il paragrafo 3 prevede la conclusione di accordi di riammissione, per cui non può essere la base giuridica della proposta di direttiva. Il paragrafo 4 riguarda l'integrazione dei cittadini di paesi terzi in soggiorno regolare, ma esclude l'armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri.

Il paragrafo 2 consente l'adozione di "misure" nel quadro della procedura legislativa ordinaria, quali le condizioni di ingresso e soggiorno; i diritti dei cittadini di paesi terzi in soggiorno regolare; l'immigrazione illegale e il soggiorno irregolare e la lotta contro la tratta degli esseri umani.

Pertanto, solo l'inclusione dell'articolo 79, paragrafo 2 TFUE sembra essere possibile dal punto di vista procedurale.

Mentre l'articolo 83, paragrafo 1 TFUE prevede la procedura legislativa ordinaria, il suo paragrafo 3 contiene una disposizione sul "freno di emergenza", in base alla quale uno Stato membro può sottoporre il dossier al Consiglio europeo. In tal caso la procedura legislativa ordinaria è sospesa.

Per questo motivo, non è possibile combinare tale disposizione con le altre basi giuridiche della proposta.

È opportuno rilevare che le misure basate sugli articoli 77, 78, 79 e 83 TFUE si applicano all'Irlanda e al Regno Unito solo se tali Stati membri optano ai sensi del protocollo n. 21 e che, conformemente al protocollo n. 22, la misura in questione non si applica alla Danimarca. L'aggiunta di questi articoli alla base giuridica non avrebbe alcuna incidenza sulla procedura legislativa in seno al Parlamento, ma potrebbe determinare una possibile scissione della proposta a fini procedurali in seno al Consiglio, poiché il numero di Stati membri ai quali si applicano diverse parti della direttiva sarebbe diverso.

L'articolo 153 TFUE è stato aggiunto tramite gli emendamenti 66, 67, 68 e 69. Gli emendamenti 67 e 69 aggiungono solo parti di detto articolo, vale a dire le lettere a), b) ed e). L'articolo elenca settori specifici della politica sociale, in cui l'azione dell'UE può "sostenere e completare l'azione degli Stati membri".

La procedura per alcune categorie di questo elenco non è compatibile con la proposta, poiché richiede l'unanimità. Gli altri settori interessati da emendamenti, in cui si applica la procedura legislativa ordinaria senza il requisito dell'unanimità sono l'articolo 153, paragrafo 1, lettere a), b) ed e) TFUE.

L'articolo 154 TFUE non costituisce una base giuridica per un atto del Parlamento europeo. Esso contiene norme procedurali che si applicano esplicitamente alla Commissione. Pertanto, non se ne dovrebbe prendere in considerazione un'aggiunta.

Per quanto riguarda l'articolo 157 TFUE sul principio della parità delle retribuzioni, il paragrafo 3 dell'articolo prevede l'adozione di "misure" nel quadro della procedura legislativa ordinaria "che assicurino l'applicazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, ivi compreso il principio della parità delle retribuzioni per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore".

Pertanto, l'articolo 157, paragrafo 3 TFUE sembra essere compatibile con la proposta dal punto di vista procedurale.

Infine, l'articolo 352 TFUE consente all'Unione europea, e in particolare al Consiglio, di intervenire qualora "l'azione dell'Unione si riveli necessaria per realizzare, nel quadro delle politiche definite dai trattati, il conseguimento di uno degli obiettivi previsti dai trattati", quando non prevedano i necessari poteri.

La proposta raggruppa diverse basi giuridiche settoriali per costruire quello che potrebbe sembrare uno strumento orizzontale, ma in effetti è un insieme di misure settoriali. L'articolo 352 TFUE può essere utilizzato solo nei casi in cui i trattati non prevedano i poteri necessari. Poiché il diritto dell'Unione contiene già una serie di misure che prevedono le norme sugli informatori, non si può dire che ciò valga in questo caso. Pertanto il ricorso all'articolo 352 TFUE è, per definizione, incompatibile con l'approccio scelto dalla proposta della Commissione.

Inoltre, la scelta di includere l'articolo 352 TFUE è incompatibile con le altre basi giuridiche in quanto richiede l'unanimità in seno al Consiglio e l'approvazione del Parlamento. L'articolo 352 non è quindi una base giuridica appropriata per la presente proposta.

VI - Conclusione e raccomandazione

Le seguenti disposizioni del TFUE prevedono la procedura legislativa ordinaria in modo compatibile con l'attuale base giuridica proposta dalla Commissione: articolo 77, paragrafo 2, articolo 78, paragrafo 2, articolo 79, paragrafo 2, articolo 153, paragrafo 1, lettere a), b) ed e), e articolo 157, paragrafo 3 TFUE.

Per quanto riguarda gli articoli 77, 78 e 79, va osservato che, sebbene l'aggiunta di tali articoli non sia incompatibile con la procedura del Parlamento, la loro inclusione nella base giuridica può comportare una possibile scissione della proposta a fini procedurali in seno al Consiglio.

L'articolo 83, paragrafo 1, e l'articolo 352 TFUE non sono compatibili con la procedura legislativa ordinaria applicabile e non dovrebbero essere aggiunti come nuove basi giuridiche. Inoltre, l'articolo 352, che può essere utilizzato solo nei casi in cui i trattati non prevedano i poteri necessari, è per definizione incompatibile con l'approccio scelto dalla Commissione.

Per quanto riguarda l'articolo 154 TFUE, esso si riferisce alle norme applicabili alla Commissione e non prevede una base giuridica di un atto del Parlamento europeo e del Consiglio. Pertanto, non può essere aggiunto alla base giuridica.

Infine, l'aggiunta dell'articolo 19, paragrafo 2 TFUE non è auspicabile, in quanto l'armonizzazione non è consentita da tale disposizione.

La scelta finale delle basi giuridiche individuate come possibili aggiunte alla base giuridica proposta dalla Commissione dovrebbe tuttavia dipendere dall'adozione di emendamenti pertinenti che introducano settori strategici specifici all'ambito di applicazione della direttiva proposta.

Nella sua riunione del 22 ottobre 2018, la commissione giuridica ha pertanto deciso all'unanimità(5), con 18 voti a favore, di raccomandare alla commissione competente nel merito di tener conto delle considerazioni sopra formulate all'atto della valutazione delle modifiche all'ambito di applicazione della direttiva.

Voglia gradire, signor Presidente, i sensi della mia più profonda stima.

(f.to) Pavel Svoboda

(1)

2016/2224(INI) http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P8-TA-2017-0402+0+DOC+XML+V0//IT e(2016/2055(INI) http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+REPORT+A8-2017-0004+0+DOC+XML+V0//IT.

(2)

Causa C-45/86, Commissione/Consiglio, ("preferenze tariffarie generalizzate"), [1987] Racc. 1439, punto 5; causa C-440/05 Commissione/Consiglio [2007] Racc. I-9097; Causa C-411/06, Commissione/Parlamento europeo e Consiglio [2009] Racc. I-7585.

(3)

Cfr. causa C-411/06, già citata, punti 46-47.

(4)

  Sentenze del 6 novembre 2008, Parlamento/Consiglio C-155/07, EU:C:2008:605, punto 37 e del 6 settembre 2009, Parlamento/Consiglio, C-166/07, EU:C:2009:499, punti 68 e 69.

(5)

Erano presenti al momento della votazione finale: Pavel Svoboda (presidente), Mady Delvaux (vicepresidente) Axel Voss (relatore per parere), Max Andersson, Joëlle Bergeron, Marie-Christine Boutonnet, Geoffroy Didier, Pascal Durand, Angel Dzhambazki, Heidi Hautala, Mary Honeyball, Sylvia-Yvonne Kaufmann, Gilles Lebreton, Evelyn Regner, Tiemo Wölken, Francis Zammit Dimech, Tadeusz Zwiefka, Olle Ludvigsson (in sostituzione di Enrico Gasbarra, a norma dell'articolo 200, paragrafo 2, del regolamento).


PARERE della commissione per i problemi economici e monetari (27.9.2018)

destinato alla commissione giuridica

sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la posizione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione

(COM(2018)0218 – C8-0159/2018 – 2018/0106(COD))

Relatore per parere (*): Miguel Viegas

(*)  Procedura con le commissioni associate – articolo 54 del regolamento

BREVE MOTIVAZIONE

Il relatore per parere della commissione per i problemi economici e monetari valuta in modo del tutto positivo la proposta della Commissione di predisporre una protezione a livello di Unione europea per gli informatori, come il Parlamento chiede già da molto tempo (ad esempio, nella relazione della commissione PANA e nella precedente relazione d'iniziativa della commissione JURI, alla quale la commissione ECON ha contribuito).

La proposta si basa inoltre sulle misure settoriali di protezione degli informatori introdotte dalla commissione ECON nella precedente legislatura, quali ad esempio la direttiva antiriciclaggio (AMLD4-5) e il regolamento sugli abusi di mercato (MAR).

Nei suoi emendamenti, il relatore per parere della commissione ECON intende:

•  migliorare le definizioni (articolo 3);

•  estendere la portata dei diritti dei lavoratori (articolo 1);

•  assicurare un sostegno materiale (articolo 15);

•  sopprimere il considerando 21;

•  introdurre l'idea che un informatore non può sostituire la capacità operativa dei servizi di sorveglianza dello Stato;

•  introdurre un meccanismo chiaro di attribuzione dello status di informatore ai fini della certezza del diritto;

•  introdurre la possibilità dell'anonimato;

•  facilitare l'utilizzo di canali esterni senza passare attraverso i canali interni.

EMENDAMENTI

La commissione per i problemi economici e monetari invita la commissione giuridica, competente per il merito, a prendere in considerazione i seguenti emendamenti:

Emendamento    1

Proposta di direttiva

Considerando 1

Testo della Commissione

Emendamento

(1)  Chi lavora per un'organizzazione o è in contatto con essa nello svolgimento della propria attività professionale è spesso la prima persona a venire a conoscenza di minacce o pregiudizi al pubblico interesse sorti in tale ambito. Nel "dare l'allerta", gli informatori svolgono un ruolo decisivo nella denuncia e nella prevenzione delle violazioni del diritto e nella salvaguardia del benessere della società. Tuttavia i potenziali informatori sono spesso poco inclini a segnalare nel timore di ritorsioni.

(1)  Chi lavora per un'organizzazione o è in contatto con essa nello svolgimento della propria attività professionale è spesso la prima persona a venire a conoscenza di minacce o pregiudizi al pubblico interesse sorti in tale ambito. L'obiettivo della presente direttiva è instaurare un clima di fiducia che consenta agli informatori di segnalare le violazioni del diritto osservate o sospettate, le irregolarità e le minacce al pubblico interesse. Nel "dare l'allerta", gli informatori svolgono un ruolo decisivo nella denuncia e nella prevenzione delle violazioni del diritto e nella salvaguardia del benessere della società. Tuttavia i potenziali informatori sono spesso poco inclini a segnalare nel timore di ritorsioni o di conseguenze giuridiche o per la scarsa fiducia nell'utilità della segnalazione.

Emendamento    2

Proposta di direttiva

Considerando 2

Testo della Commissione

Emendamento

(2)  A livello di Unione le segnalazioni degli informatori costituiscono uno degli elementi a monte dell'applicazione del diritto dell'Unione, fornendo ai sistemi di contrasto nazionali e dell'Unione informazioni che portano all'indagine, all'accertamento e al perseguimento dei casi di violazione delle norme dell'Unione.

(2)  A livello di Unione le segnalazioni degli informatori costituiscono uno degli elementi a monte dell'applicazione del diritto dell'Unione, fornendo ai sistemi di contrasto nazionali e dell'Unione informazioni che spesso portano all'indagine, all'accertamento e al perseguimento dei casi di violazione delle norme dell'Unione.

Emendamento    3

Proposta di direttiva

Considerando 3

Testo della Commissione

Emendamento

(3)  In determinati settori le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, creando rischi significativi per il benessere della società. Laddove siano state individuate carenze nell'applicazione del diritto in tali settori, e gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni, è necessario rafforzare l'applicazione del diritto garantendo una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni e predisponendo canali di segnalazione efficaci.

(3)  Le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, creando rischi significativi per il benessere della società. Laddove siano state individuate carenze nell'applicazione del diritto, e gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare siffatte violazioni, è necessario rafforzare l'applicazione del diritto garantendo una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni e assicurare che vi siano canali di segnalazione efficaci.

Emendamento    4

Proposta di direttiva

Considerando 5

Testo della Commissione

Emendamento

(5)  Di conseguenza dovrebbero applicarsi norme minime comuni atte a garantire una protezione efficace degli informatori negli atti e nei settori in cui i) occorre rafforzare l'applicazione; ii) l'insufficiente segnalazione da parte degli informatori è un fattore chiave che incide negativamente su tale applicazione e iii) le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse.

(5)  Di conseguenza dovrebbero applicarsi norme minime comuni atte a garantire una protezione efficace degli informatori solo negli atti, nei settori e negli Stati membri per i quali è dimostrato che i) occorre rafforzare l'applicazione; ii) l'insufficiente segnalazione da parte degli informatori è un fattore chiave che incide negativamente su tale applicazione e iii) le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse.

Emendamento    5

Proposta di direttiva

Considerando 6

Testo della Commissione

Emendamento

(6)  La protezione degli informatori è necessaria per rafforzare l'attuazione del diritto dell'Unione nel settore degli appalti pubblici. Oltre alla prevenzione e individuazione delle frodi e della corruzione nel quadro dell'esecuzione del bilancio dell'UE, compresi gli appalti, occorre affrontare il problema del rispetto inadeguato delle norme relative agli appalti pubblici da parte delle autorità pubbliche nazionali e di alcuni operatori di pubblica utilità all'acquisto di beni, opere e servizi. Le violazioni di tali norme hanno per effetto di creare distorsioni della concorrenza, aumentare i costi operativi per le imprese, ledere gli interessi degli investitori e degli azionisti e, in generale, diminuire l'attrattiva degli investimenti creando disparità di condizioni per le imprese in Europa e compromettendo così il buon funzionamento del mercato interno.

(6)  La protezione degli informatori è necessaria per rafforzare l'attuazione del diritto dell'Unione nel settore degli appalti pubblici. Oltre alla prevenzione e individuazione delle frodi e della corruzione nel quadro dell'esecuzione del bilancio dell'UE, compresi gli appalti, occorre affrontare il problema del rispetto inadeguato delle norme relative agli appalti pubblici da parte delle autorità pubbliche nazionali e di alcuni operatori di pubblica utilità all'acquisto di beni, opere e servizi. Le violazioni di tali norme hanno per effetto di creare distorsioni della concorrenza, aumentare i costi operativi per le imprese, ledere gli interessi degli investitori e degli azionisti e, in generale, diminuire l'attrattiva degli investimenti creando disparità di condizioni per le imprese in Europa e compromettendo così il buon funzionamento del mercato interno. Occorre prestare attenzione anche alla protezione di chi segnala un uso improprio o una condotta scorretta per quanto riguarda il bilancio dell'Unione e le istituzioni dell'UE.

Emendamento    6

Proposta di direttiva

Considerando 6 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(6 bis)  Un regime di protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione non sostituisce la necessità di rafforzare i mezzi di controllo di ciascuno Stato membro e le loro strutture pubbliche, che devono essere sempre più capaci di lottare contro la frode fiscale e il riciclaggio di denaro, né la necessità di partecipare alla cooperazione internazionale in tali settori.

Emendamento    7

Proposta di direttiva

Considerando 7

Testo della Commissione

Emendamento

(7)  Nel settore dei servizi finanziari il legislatore dell'Unione ha già riconosciuto il valore aggiunto della protezione degli informatori. In seguito alla crisi finanziaria che ha messo in evidenza gravi carenze nell'attuazione delle norme pertinenti, sono state introdotte norme per la protezione degli informatori in un numero significativo di strumenti legislativi in questo settore34. In particolare nel contesto del quadro prudenziale applicabile agli enti creditizi e alle imprese di investimento, la direttiva 2013/36/UE35 prevede disposizioni per la protezione degli informatori, estensibili anche al regolamento (UE) n. 575/2013 relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento.

(7)  Nel settore dei servizi finanziari il legislatore dell'Unione ha già riconosciuto il valore aggiunto della protezione degli informatori settoriali. In seguito alla crisi finanziaria che ha messo in evidenza gravi carenze nell'attuazione delle norme pertinenti, sono state introdotte norme per la protezione degli informatori in un numero significativo di strumenti legislativi in questo settore34. In particolare nel contesto del quadro prudenziale applicabile agli enti creditizi e alle imprese di investimento, la direttiva 2013/36/UE35 prevede disposizioni per la protezione degli informatori, estensibili anche al regolamento (UE) n. 575/2013 relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento. Tuttavia, un certo numero di casi eclatanti che hanno coinvolto le istituzioni finanziarie europee ha dimostrato che la protezione degli informatori in tutte le istituzioni finanziarie rimane ancora insoddisfacente e che il timore di ritorsioni, sia da parte dei datori di lavoro sia da parte delle autorità, impedisce tuttora agli informatori di segnalare informazioni sulle violazioni del diritto.

_________________

_________________

34 Comunicazione dell'8 dicembre 2010 "Potenziare i regimi sanzionatori nel settore dei servizi finanziari".

34 Comunicazione dell'8 dicembre 2010 "Potenziare i regimi sanzionatori nel settore dei servizi finanziari".

35 Direttiva 2013/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, sull'accesso all'attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento, che modifica la direttiva 2002/87/CE e abroga le direttive 2006/48/CE e 2006/49/CE (GU L 176 del 27.6.2013, pag. 338).

35 Direttiva 2013/36/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, sull'accesso all'attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento, che modifica la direttiva 2002/87/CE e abroga le direttive 2006/48/CE e 2006/49/CE (GU L 176 del 27.6.2013, pag. 338).

Emendamento    8

Proposta di direttiva

Considerando 9

Testo della Commissione

Emendamento

(9)  L'importanza della protezione degli informatori per la prevenzione e la dissuasione delle violazioni delle norme dell'Unione in materia di sicurezza dei trasporti che possono mettere in pericolo vite umane è stata già riconosciuta negli strumenti settoriali dell'Unione in materia di sicurezza aerea38 e sicurezza dei trasporti marittimi39, che prevedono misure specifiche di protezione degli informatori e appositi canali di segnalazione. Tali strumenti comprendono anche la protezione dalle ritorsioni dei lavoratori che segnalano propri errori commessi in buona fede (la cosiddetta "cultura dell'equità"). È necessario completare gli elementi già esistenti di protezione degli informatori in questi due ambiti e garantire tale protezione per rafforzare l'applicazione delle norme di sicurezza relativamente ad altri modi di trasporto, in particolare quello stradale e ferroviario.

(9)  L'importanza della protezione degli informatori per la prevenzione e la dissuasione delle violazioni delle norme dell'Unione in materia di sicurezza dei trasporti che possono mettere in pericolo vite umane è stata già riconosciuta negli strumenti settoriali dell'Unione in materia di sicurezza aerea38 e sicurezza dei trasporti marittimi39, che prevedono misure specifiche di protezione degli informatori e appositi canali di segnalazione. Tali strumenti comprendono anche la protezione dalle ritorsioni dei lavoratori che segnalano propri errori commessi in buona fede (la cosiddetta "cultura dell'equità"). È necessario completare gli elementi già esistenti di protezione degli informatori in questi due ambiti e garantire tale protezione per rafforzare immediatamente l'applicazione delle norme di sicurezza relativamente ad altri modi di trasporto, in particolare quello stradale e ferroviario.

_________________

_________________

38 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile (GU L 122, pag. 18).

38 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile (GU L 122, pag. 18).

39 Direttiva 2013/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativa a talune responsabilità dello Stato di bandiera ai fini della conformità alla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e della sua applicazione (GU L 329, pag. 1), direttiva 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (GU L 131 del 28.5.2009).

39 Direttiva 2013/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativa a talune responsabilità dello Stato di bandiera ai fini della conformità alla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e della sua applicazione (GU L 329, pag. 1), direttiva 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (GU L 131 del 28.5.2009).

Emendamento    9

Proposta di direttiva

Considerando 10

Testo della Commissione

Emendamento

(10)  La raccolta di prove, l'accertamento e il perseguimento dei reati ambientali e dei comportamenti illeciti contro la tutela dell'ambiente rimangono aspetti problematici e devono essere rafforzati, come riconosciuto nella comunicazione della Commissione "Azioni dell'UE volte a migliorare la conformità e la governance ambientali" del 18 gennaio 201840. Considerato che attualmente le norme di protezione degli informatori sono previste soltanto in uno strumento settoriale in materia di tutela dell'ambiente41, l'introduzione di una tale protezione risulta necessaria per garantire l'efficace attuazione dell'acquis ambientale dell'Unione, le cui violazioni possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, con possibili effetti di ricaduta al di là delle frontiere nazionali. Lo stesso vale dei prodotti non sicuri che possono causare danni ambientali.

(10)  La raccolta di prove, l'accertamento e il perseguimento dei reati ambientali e dei comportamenti illeciti contro la tutela dell'ambiente purtroppo rimangono aspetti problematici e devono essere rafforzati, come riconosciuto nella comunicazione della Commissione "Azioni dell'UE volte a migliorare la conformità e la governance ambientali" del 18 gennaio 201840. Considerato che attualmente le norme di protezione degli informatori sono previste soltanto in uno strumento settoriale in materia di tutela dell'ambiente41, l'introduzione di una tale protezione risulta necessaria per garantire l'efficace attuazione dell'acquis ambientale dell'Unione, le cui violazioni possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, con possibili effetti di ricaduta al di là delle frontiere nazionali. Lo stesso vale dei prodotti non sicuri che possono causare danni ambientali.

_________________

_________________

40 COM(2018) 10 final.

40 COM(2018) 10 final.

41 Direttiva 2013/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi (GU L 178, pag. 66).

41 Direttiva 2013/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 giugno 2013, sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi (GU L 178, pag. 66).

Emendamento    10

Proposta di direttiva

Considerando 14

Testo della Commissione

Emendamento

(14)  La protezione della vita privata e dei dati personali è un altro settore in cui gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni del diritto dell'Unione che possono ledere gravemente il pubblico interesse. Analoghe considerazioni valgono per le violazioni della direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi45 che introduce la segnalazione degli incidenti (compresi quelli che non compromettono i dati personali) e i requisiti di sicurezza per gli operatori di servizi essenziali in numerosi settori (energia, sanità, trasporti, banche, ecc.) e i fornitori di servizi digitali essenziali (ad esempio i servizi di cloud computing). Le segnalazioni degli informatori in questo settore sono particolarmente utili per prevenire gli incidenti che potrebbero compromettere attività economiche e sociali fondamentali e servizi digitali di vasta utilizzazione. Le segnalazioni contribuiscono a garantire la continuità dei servizi essenziali per il funzionamento del mercato interno e il benessere della società.

(14)  La protezione della vita privata e dei dati personali è un altro settore in cui gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni del diritto dell'Unione che possono ledere gravemente il pubblico interesse. Analoghe considerazioni valgono per le violazioni della direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi45 che introduce la segnalazione degli incidenti (compresi quelli che non compromettono i dati personali) e i requisiti di sicurezza per gli operatori di servizi essenziali in numerosi settori (energia, sanità, trasporti, banche, ecc.) e i fornitori di servizi digitali essenziali (ad esempio i servizi di cloud computing). Le segnalazioni degli informatori in questo settore sono particolarmente utili al fine di prevenire gli incidenti che potrebbero compromettere attività economiche e sociali fondamentali e servizi digitali di vasta utilizzazione. Le segnalazioni contribuiscono a garantire la continuità dei servizi essenziali per il funzionamento del mercato interno e il benessere della società.

_________________

_________________

45 Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione.

45 Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione.

Emendamento    11

Proposta di direttiva

Considerando 18

Testo della Commissione

Emendamento

(18)  Taluni atti dell'Unione, in particolare nel settore dei servizi finanziari, come il regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato49 e la direttiva di esecuzione 2015/2392 della Commissione adottata sulla base del suddetto regolamento50, contengono già disposizioni dettagliate sulla protezione degli informatori. Alla legislazione vigente dell'Unione, compreso l'elenco che figura nella parte II dell'allegato, dovrebbe integrarsi la presente direttiva affinché questi strumenti siano pienamente allineati alle sue norme minime, mantenendo nel contempo le loro specificità in funzione dei settori interessati. Si tratta di un aspetto particolarmente importante per stabilire quali soggetti giuridici del settore dei servizi finanziari, della prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo siano attualmente tenuti a stabilire canali di segnalazione interna.

(18)  Taluni atti dell'Unione, in particolare nel settore dei servizi finanziari, come il regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato49 e la direttiva di esecuzione 2015/2392 della Commissione adottata sulla base del suddetto regolamento50, contengono già disposizioni dettagliate sulla protezione degli informatori. Alla legislazione vigente dell'Unione, compreso l'elenco che figura nella parte II dell'allegato, dovrebbe integrarsi la presente direttiva affinché questi strumenti siano pienamente allineati alle sue norme minime, mantenendo nel contempo le loro specificità in funzione dei settori interessati. Si tratta di un aspetto particolarmente importante per stabilire quali soggetti giuridici del settore dei servizi finanziari, della prevenzione del riciclaggio, della corretta attuazione della direttiva 2011/7/UE relativa ai ritardi di pagamento, del finanziamento del terrorismo e della criminalità informatica siano attualmente tenuti a stabilire canali di segnalazione interna. Poiché tali casi spesso interessano strutture aziendali e finanziarie internazionali estremamente complesse, che potrebbero rientrare nel mandato di giurisdizioni differenti, è opportuno adottare disposizioni relative a un punto di contatto unificato per gli informatori.

_________________

_________________

49 GU L 173, pag. 1.

49 GU L 173, pag. 1.

50 Direttiva di esecuzione (UE) 2015/2392 della Commissione, del 17 dicembre 2015, relativa al regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio e concernente la segnalazione alle autorità competenti di violazioni effettive o potenziali del suddetto regolamento (GU L 332, pag. 126).

50 Direttiva di esecuzione (UE) 2015/2392 della Commissione, del 17 dicembre 2015, relativa al regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio e concernente la segnalazione alle autorità competenti di violazioni effettive o potenziali del suddetto regolamento (GU L 332, pag. 126).

Emendamento    12

Proposta di direttiva

Considerando 19

Testo della Commissione

Emendamento

(19)  Ogni volta che viene adottato un nuovo atto dell'Unione in cui la protezione degli informatori è pertinente e può contribuire a un'attuazione più efficace della legge, si dovrebbe valutare l'opportunità di modificare l'allegato della presente direttiva per includerlo nel suo ambito di applicazione.

(19)  Ogni volta che viene adottato un nuovo atto dell'Unione in cui la protezione degli informatori è pertinente e può contribuire a un'attuazione più efficace della legge, si dovrebbe modificare l'allegato della presente direttiva per includerlo nel suo ambito di applicazione.

Emendamento    13

Proposta di direttiva

Considerando 20

Testo della Commissione

Emendamento

(20)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione garantita ai lavoratori dipendenti che segnalano violazioni del diritto del lavoro dell'Unione. In particolare nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, l'articolo 11 della direttiva quadro 89/391/CEE impone già agli Stati membri di garantire che i lavoratori o i loro rappresentanti non siano penalizzati a causa delle loro richieste al datore di lavoro di prendere misure adeguate per ridurre qualsiasi rischio per i lavoratori e/o eliminare le cause di pericolo. I lavoratori e i loro rappresentanti hanno il diritto di rivolgersi alle autorità nazionali competenti se ritengono che le misure adottate e i mezzi impiegati dal datore di lavoro non siano sufficienti per garantire la sicurezza e la salute.

(20)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione garantita ai lavoratori dipendenti che segnalano violazioni del diritto del lavoro dell'Unione. In particolare nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, l'articolo 11 della direttiva quadro 89/391/CEE impone già agli Stati membri di garantire che i lavoratori o i loro rappresentanti non siano penalizzati a causa delle loro richieste al datore di lavoro di prendere misure adeguate per ridurre qualsiasi rischio per i lavoratori e/o eliminare le cause di pericolo. I lavoratori e i loro rappresentanti hanno il diritto di rivolgersi alle autorità nazionali o dell'Unione europea competenti se ritengono che le misure adottate e i mezzi impiegati dal datore di lavoro non siano sufficienti per garantire la sicurezza e la salute.

Emendamento    14

Proposta di direttiva

Considerando 21

Testo della Commissione

Emendamento

(21)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione della sicurezza nazionale e delle altre informazioni classificate che, in virtù del diritto dell'Unione o delle disposizioni legislative, regolamentari o amministrative in vigore nello Stato membro interessato, devono essere protette per motivi di sicurezza dall'accesso non autorizzato. Inoltre le disposizioni della presente direttiva non dovrebbero pregiudicare gli obblighi derivanti dalla decisione (UE, Euratom) 2015/444 della Commissione, del 13 marzo 2015, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE o dalla decisione del Consiglio, del 23 settembre 2013, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE.

(Non concerne la versione italiana)  

Emendamento    15

Proposta di direttiva

Considerando 26

Testo della Commissione

Emendamento

(26)  La protezione dovrebbe applicarsi, in primo luogo, alle persone aventi la qualifica di "lavoratore" ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, come interpretato dalla Corte di giustizia dell'Unione europea52, vale a dire la persona che fornisce, per un certo periodo di tempo, a favore di terzi e sotto la direzione di questi, determinate prestazioni in contropartita delle quali ricevono una retribuzione. La protezione dovrebbe quindi essere concessa anche ai lavoratori con contratti atipici, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, nonché alle persone che hanno un contratto di lavoro o un rapporto di lavoro con un'agenzia interinale, che sono tipi di rapporti di lavoro cui è spesso difficile applicare le norme di base contro il trattamento iniquo.

(26)  La protezione dovrebbe applicarsi, in primo luogo, alle persone aventi la qualifica di "lavoratore" ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, come interpretato dalla Corte di giustizia dell'Unione europea52, vale a dire la persona che fornisce, per un certo periodo di tempo, a favore di terzi e sotto la direzione di questi, determinate prestazioni in contropartita delle quali ricevono una retribuzione. La protezione dovrebbe quindi essere concessa anche ai lavoratori con contratti atipici, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, nonché alle persone che hanno un contratto di lavoro o un rapporto di lavoro con un'agenzia interinale, che sono tipi di rapporti di lavoro cui è spesso difficile applicare le norme di base contro il trattamento iniquo. Tenuto conto della relazione pubblicata da Transparency International nell'estate del 2018, in cui si sottolinea la necessità di garantire la protezione degli informatori anche all'interno delle istituzioni dell'UE, la protezione dovrebbe estendersi analogamente al personale dell'UE.

_________________

_________________

52 Sentenze del 3 luglio 1986, Lawrie-Blum, causa C-66/85; del 14 ottobre 2010, Union Syndicale Solidaires Isère, causa C-428/09; del 9 luglio 2015, Balkaya, causa C-229/14; del 4 dicembre 2014, FNV Kunsten, causa C-413/13 e del 17 novembre 2016, Ruhrlandklinik, causa C-216/15.

52 Sentenze del 3 luglio 1986, Lawrie-Blum, causa C-66/85; del 14 ottobre 2010, Union Syndicale Solidaires Isère, causa C-428/09; del 9 luglio 2015, Balkaya, causa C-229/14; del 4 dicembre 2014, FNV Kunsten, causa C-413/13 e del 17 novembre 2016, Ruhrlandklinik, causa C-216/15.

Emendamento    16

Proposta di direttiva

Considerando 28

Testo della Commissione

Emendamento

(28)  Proteggere efficacemente gli informatori significa estendere la protezione anche ad altre categorie di persone che, pur non dipendendo dalle loro attività lavorative dal punto di vista economico, rischiano comunque di subire ritorsioni per aver denunciato violazioni. Tra le forme di ritorsione contro i volontari e i tirocinanti non retribuiti: non avvalersi più dei loro servizi, dare referenze negative per futuri posti di lavoro, danneggiarne la reputazione in altro modo.

(28)  Proteggere efficacemente gli informatori significa estendere la protezione anche ad altre categorie di persone che, pur non dipendendo dalle loro attività lavorative dal punto di vista economico, rischiano comunque di subire ritorsioni per aver denunciato violazioni. Tra le forme di ritorsione contro i volontari e i tirocinanti non retribuiti: non avvalersi più dei loro servizi, dare referenze negative per futuri posti di lavoro, danneggiarne la reputazione o le prospettive di carriera in altro modo.

Emendamento    17

Proposta di direttiva

Considerando 30 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(30 bis)  La protezione dovrebbe essere concessa alle persone che lavorano in istituzioni all'interno dell'Unione, ma anche alle persone che lavorano in entità europee situate al di fuori del territorio dell'Unione. Essa, inoltre, dovrebbe applicarsi ai funzionari come pure agli altri agenti e ai tirocinanti delle istituzioni, delle agenzie e degli organi dell'Unione.

Emendamento    18

Proposta di direttiva

Considerando 34

Testo della Commissione

Emendamento

(34)  Spetta agli Stati membri individuare le autorità competenti a ricevere e dare un seguito adeguato alle segnalazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva. Può trattarsi degli organismi di regolamentazione o di vigilanza nei settori interessati, dei servizi di contrasto, degli organismi anticorruzione e dei mediatori. Le autorità designate come competenti devono disporre delle necessarie capacità e competenze per valutare la sussistenza dei fatti segnalati e porre rimedio alle pretese violazioni, anche tramite accertamenti, l'azione penale o un'azione mirata al recupero dei fondi o altri mezzi di ricorso adeguati, conformemente al loro mandato.

(34)  Spetta agli Stati membri individuare le autorità competenti a ricevere e dare un seguito adeguato alle segnalazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva, per garantire la corretta attuazione e assicurare la piena, leale e rapida cooperazione tra le autorità competenti sia all'interno dello Stato membro sia con le autorità competenti di altri Stati membri. Può trattarsi degli organismi di regolamentazione o di vigilanza nei settori interessati, dei servizi di contrasto, degli organismi anticorruzione e dei mediatori. Le autorità designate come competenti devono disporre, oltre che delle necessarie capacità e competenze, anche di personale adeguatamente qualificato per valutare la sussistenza dei fatti segnalati e porre rimedio alle pretese violazioni, anche tramite accertamenti, l'azione penale o un'azione mirata al recupero dei fondi o altri mezzi di ricorso adeguati, conformemente al loro mandato.

Emendamento    19

Proposta di direttiva

Considerando 37

Testo della Commissione

Emendamento

(37)  Per individuare e prevenire efficacemente le violazioni del diritto dell'Unione è essenziale che le informazioni pertinenti giungano rapidamente ai soggetti più vicini all'origine del problema, che sono i più atti a indagare e hanno i mezzi per porvi eventualmente rimedio. A tale fine i soggetti giuridici del settore privato e del settore pubblico devono stabilire procedure interne appropriate per il ricevimento delle segnalazioni e relativo seguito.

(37)  Per individuare e prevenire efficacemente le violazioni del diritto dell'Unione è essenziale che le informazioni pertinenti giungano rapidamente ai soggetti più vicini all'origine del problema, che sono i più atti a indagare e hanno i mezzi per porvi eventualmente rimedio. A tale fine i soggetti giuridici del settore privato e del settore pubblico devono stabilire procedure interne appropriate per il ricevimento e l'analisi delle segnalazioni e il relativo seguito.

Emendamento    20

Proposta di direttiva

Considerando 39

Testo della Commissione

Emendamento

(39)  L'esenzione delle piccole e micro imprese dall'obbligo di istituire canali di segnalazione interna non dovrebbe applicarsi alle imprese private attive nel settore dei servizi finanziari. Per queste dovrebbe valere ancora l'obbligo di istituire canali di segnalazione interna, in linea con le prescrizioni vigenti dell'acquis dell'Unione in materia di servizi finanziari.

(39)  L'esenzione delle piccole e micro imprese dall'obbligo di istituire canali di segnalazione interna non dovrebbe applicarsi alle imprese private attive nel settore dei servizi finanziari o strettamente collegate a tale settore. Per queste dovrebbe valere ancora l'obbligo di istituire canali di segnalazione interna, in linea con le prescrizioni vigenti dell'acquis dell'Unione in materia di servizi finanziari.

Emendamento    21

Proposta di direttiva

Considerando 57

Testo della Commissione

Emendamento

(57)  Gli Stati membri dovrebbero assicurare che la documentazione relativa a tutte le segnalazioni di violazioni sia adeguatamente conservata, che ogni segnalazione sia consultabile presso l'autorità competente e che le informazioni ricevute attraverso le segnalazioni possano, se del caso, essere utilizzate come elementi di prova ai fini dell'applicazione della legge.

(57)  Gli Stati membri dovrebbero assicurare che la documentazione relativa a tutte le segnalazioni di violazioni sia adeguatamente conservata, che ogni segnalazione sia consultabile presso l'autorità competente e che le informazioni ricevute attraverso le segnalazioni possano, se del caso, essere utilizzate come elementi di prova ai fini dell'applicazione della legge e rese disponibili alle autorità degli altri Stati membri o dell'Unione europea, se di pertinenza. Le autorità che trasmettono e ricevono informazioni continuano a essere responsabili di assicurare la piena protezione degli informatori e la piena, leale e rapida cooperazione.

Emendamento    22

Proposta di direttiva

Considerando 62

Testo della Commissione

Emendamento

(62)  Di norma le persone segnalanti dovrebbero in primo luogo utilizzare i canali di segnalazione interna di cui dispongono e rivolgersi al loro datore di lavoro. Tuttavia è possibile che non esistano canali interni (nel caso di soggetti che non sono tenuti a istituirli ai sensi della presente direttiva o del diritto nazionale) o che il loro uso non sia obbligatorio (ad esempio nel caso delle persone che non hanno un vincolo di lavoro), oppure che siano stati utilizzati ma non abbiano funzionato correttamente (ad esempio la segnalazione non è stata trattata con diligenza o entro un termine ragionevole, oppure non è stata intrapresa alcuna azione per affrontare la violazione del diritto, nonostante i risultati positivi delle indagini).

(62)  Le persone segnalanti dovrebbero in primo luogo utilizzare i canali di segnalazione interna di cui dispongono e rivolgersi al loro datore di lavoro. Tuttavia è possibile che non esistano canali interni (nel caso di soggetti che non sono tenuti a istituirli ai sensi della presente direttiva o del diritto nazionale) o che il loro uso non sia obbligatorio (ad esempio nel caso delle persone che non hanno un vincolo di lavoro), oppure che siano stati utilizzati ma non abbiano funzionato correttamente (ad esempio la segnalazione non è stata trattata con diligenza o entro un termine ragionevole, oppure non è stata intrapresa alcuna azione per affrontare la violazione del diritto, nonostante i risultati positivi delle indagini).

Emendamento    23

Proposta di direttiva

Considerando 80

Testo della Commissione

Emendamento

(80)  La presente direttiva introduce norme minime e gli Stati membri dovrebbero avere la facoltà di introdurre o mantenere in vigore disposizioni più favorevoli per la persona segnalante, purché non interferiscano con le misure per la protezione delle persone coinvolte.

(80)  La presente direttiva introduce norme minime e gli Stati membri dovrebbero avere la facoltà di introdurre o mantenere in vigore disposizioni più favorevoli per la persona segnalante ed essere incoraggiati a farlo, purché non interferiscano con le misure per la protezione delle persone coinvolte.

Emendamento    24

Proposta di direttiva

Considerando 84

Testo della Commissione

Emendamento

(84)  L'obiettivo della presente direttiva, vale a dire il rafforzamento, mediante una protezione efficace degli informatori, dell'applicazione della legge in determinati settori e atti in cui le violazioni del diritto dell'Unione possano arrecare un grave pregiudizio al pubblico interesse, non può essere conseguito in misura sufficiente dagli Stati membri che agiscono da soli o senza coordinamento, ma può essere conseguito meglio attraverso un intervento dell'Unione che stabilisce norme minime di armonizzazione in materia di protezione degli informatori. Inoltre solo un'azione dell'Unione può garantire la coerenza e armonizzare le norme attuali dell'Unione sulla protezione degli informatori. L'Unione può quindi intervenire in base al principio di sussidiarietà sancito dall'articolo 5 del trattato sull'Unione europea. La presente direttiva si limita a quanto è necessario per conseguire tale obiettivo in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo.

(84)  L'obiettivo della presente direttiva, vale a dire il rafforzamento, mediante una protezione efficace degli informatori, dell'applicazione della legge in determinati settori e atti in cui le violazioni del diritto dell'Unione possano arrecare pregiudizio al pubblico interesse, non può essere conseguito in misura sufficiente dagli Stati membri che agiscono da soli o senza coordinamento, ma può essere conseguito meglio attraverso un intervento dell'Unione che stabilisce norme minime di armonizzazione in materia di protezione degli informatori. Inoltre solo un'azione dell'Unione può garantire la coerenza e armonizzare le norme attuali dell'Unione sulla protezione degli informatori. L'Unione può quindi intervenire in base al principio di sussidiarietà sancito dall'articolo 5 del trattato sull'Unione europea. La presente direttiva si limita a quanto è necessario per conseguire tale obiettivo in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo.

Emendamento    25

Proposta di direttiva

Articolo 1 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Per rafforzare l'applicazione del diritto e delle politiche dell'Unione in specifici settori, la presente direttiva stabilisce norme minime comuni di protezione delle persone che segnalano le attività illecite o gli abusi del diritto seguenti:

1.  Per rafforzare l'applicazione del diritto e delle politiche dell'Unione in specifici settori, la presente direttiva stabilisce norme minime comuni di protezione delle persone che segnalano attività illecite, abusi del diritto o minacce al pubblico interesse, tra cui:

Emendamento    26

Proposta di direttiva

Articolo 1 – paragrafo 1 – lettera a – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

a)  violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione degli atti dell'Unione di cui all'allegato (parte I e parte II) relativamente ai seguenti settori:

a)  violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione degli atti dell'Unione nei seguenti settori:

Emendamento    27

Proposta di direttiva

Articolo 1 – paragrafo 1 – lettera a – punto ii

Testo della Commissione

Emendamento

(ii)  servizi finanziari, prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo;

(ii)  servizi finanziari, prevenzione dell'evasione, della frode e dell'elusione fiscali, del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, del terrorismo informatico e della criminalità informatica, della corruzione e della criminalità organizzata;

Emendamento    28

Proposta di direttiva

Articolo 1 – paragrafo 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

b)  violazioni e degli articoli 101, 102, 106, 107 e 108 del TFUE e violazioni che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio e del regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio;

b)  diritto della concorrenza, in particolare violazioni degli articoli 101, 102, 106, 107 e 108 del TFUE e violazioni che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio e del regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio;

Emendamento    29

Proposta di direttiva

Articolo 1 – paragrafo 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

d)  violazioni riguardanti il mercato interno, di cui all'articolo 26, paragrafo 2, del TFUE, per quanto riguarda gli atti che violano le norme in materia di imposta sulle società e le costruzioni il cui fine è ottenere un vantaggio fiscale che vanifica l'obiettivo o la finalità della normativa in materia di imposta sulle società.

d)  violazioni riguardanti il mercato interno, di cui all'articolo 26, paragrafo 2, del TFUE, in particolare per quanto riguarda gli atti che violano le norme in materia di imposta sulle società e le costruzioni il cui fine è ottenere un vantaggio fiscale che vanifica l'obiettivo o la finalità della normativa in materia di imposta sulle società.

Emendamento    30

Proposta di direttiva

Articolo 1 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Laddove siano previste norme specifiche sulla segnalazione delle violazioni negli atti settoriali dell'Unione elencati nella parte 2 dell'allegato, si applicano tali norme. Le disposizioni della presente direttiva si applicano a tutte le questioni relative alla protezione degli informatori che non sono regolamentate da tali atti settoriali dell'Unione.

2.  Laddove siano previste norme che prevedono una maggiore protezione per la segnalazione delle violazioni negli atti settoriali dell'Unione elencati nella parte 2 dell'allegato, si applicano tali norme. Le disposizioni della presente direttiva si applicano a tutte le questioni relative alla protezione degli informatori che non sono regolamentate da tali atti settoriali dell'Unione.

Emendamento    31

Proposta di direttiva

Articolo 2 – paragrafo 1 – parte introduttiva

Testo della Commissione

Emendamento

1.  La presente direttiva si applica alle persone segnalanti che lavorano nel settore privato o pubblico che hanno acquisito informazioni sulle violazioni in un contesto lavorativo, compresi almeno:

1.  La presente direttiva si applica alle persone segnalanti e ai facilitatori nel settore privato o pubblico che hanno acquisito informazioni sulle violazioni, compresi almeno:

Emendamento    32

Proposta di direttiva

Articolo 2 – paragrafo 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

a)  le persone aventi la qualità di lavoratore ai sensi dell'articolo 45 del TFUE;

a)  le persone aventi la qualità di lavoratore ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, come pure le persone aventi la qualità di dipendente pubblico;

Emendamento    33

Proposta di direttiva

Articolo 2 – paragrafo 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

d)  qualsiasi persona che lavora sotto la supervisione e la direzione di appaltatori, subappaltatori e fornitori.

d)  qualsiasi persona che lavora sotto la supervisione e la direzione di appaltatori, subappaltatori, prestatori di servizi e fornitori.

Emendamento    34

Proposta di direttiva

Articolo 2 – paragrafo 1 – lettera d bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

d bis)  le persone che facilitano la segnalazione, come gli intermediari o i giornalisti.

Emendamento    35

Proposta di direttiva

Articolo 2 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  La presente direttiva si applica inoltre alle persone segnalanti il cui rapporto di lavoro non è ancora iniziato nei casi in cui le informazioni riguardanti una violazione sono state acquisite durante il processo di selezione o altre fasi della trattativa precontrattuale.

2.  La presente direttiva si applica inoltre alle persone segnalanti il cui rapporto di lavoro non è ancora iniziato nei casi in cui le informazioni riguardanti una violazione sono state acquisite durante il processo di selezione o altre fasi della trattativa precontrattuale e ai rapporti di lavoro conclusi.

Emendamento    36

Proposta di direttiva

Articolo 2 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  Fatti salvi gli articoli 22 bis, 22 ter e 22 quater del regolamento n. 31 (CEE), n. 11 (CEEA), la presente direttiva si applica anche ai funzionari e agli altri agenti dell'Unione europea e della Comunità europea dell'energia atomica che segnalano informazioni sulle violazioni di cui all'articolo 1.

Emendamento    37

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 1

Testo della Commissione

Emendamento

(1)  "violazioni": attività illecite effettive o potenziali o abusi del diritto in relazione agli atti dell'Unione e ai settori che rientrano nell'ambito di applicazione di cui all'articolo 1 e all'allegato;

(1)  "violazioni": attività illecite effettive o potenziali, omissioni o abusi del diritto in relazione agli atti dell'Unione, in settori che rientrano nell'ambito di applicazione di cui all'articolo 1;

Emendamento    38

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 3

Testo della Commissione

Emendamento

(3)  "abuso del diritto": atti od omissioni che rientrano nell'ambito di applicazione del diritto dell'Unione, che pur non risultando irregolari dal punto di vista formale vanificano l'oggetto o la finalità della norme applicabili;

(3)  "abuso del diritto": atti od omissioni che rientrano nell'ambito di applicazione del diritto dell'Unione, che pur non risultando irregolari dal punto di vista formale vanificano l'oggetto o la finalità delle norme applicabili o rappresentano un pericolo per il pubblico interesse;

Emendamento    39

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 4

Testo della Commissione

Emendamento

(4)  "informazioni sulle violazioni": gli elementi di prova riguardanti le violazioni effettive, ma anche i ragionevoli sospetti riguardanti potenziali violazioni che non sono state ancora commesse;

(4)  "informazioni sulle violazioni": gli elementi di prova riguardanti le violazioni effettive, ma anche i sospetti riguardanti potenziali violazioni che non sono state ancora commesse;

Emendamento    40

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 5

Testo della Commissione

Emendamento

(5)  "segnalazione": la comunicazione di informazioni relative a una violazione che si è verificata o che potrebbe verificarsi nell'organizzazione presso cui la persona segnalante lavora o ha lavorato, o in altra organizzazione con la quale è o è stata in contatto nell'ambito della sua attività professionale;

(5)  "segnalazione": la comunicazione di informazioni relative a una violazione che si è verificata o che potrebbe verificarsi in caso di minaccia grave e imminente o in caso di rischio di danni irreversibili;

Emendamento    41

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 8

Testo della Commissione

Emendamento

(8)  "divulgazione": il fatto di rendere di pubblico dominio informazioni sulle violazioni acquisite in un contesto lavorativo;

(8)  "divulgazione": il fatto di rendere di pubblico dominio informazioni sulle violazioni;

Emendamento    42

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 9

Testo della Commissione

Emendamento

(9)  "persona segnalante": la persona fisica o giuridica che segnala o divulga informazioni sulle violazioni acquisite nell'ambito delle sue attività professionali;

(9)  "persona segnalante": la persona fisica o giuridica che segnala o divulga informazioni sulle violazioni acquisite o che rischia di subire ritorsioni; sono comprese le persone che sono al di fuori del tradizionale rapporto tra datore di lavoro e dipendente, quali consulenti, contraenti, tirocinanti, volontari, studenti lavoratori, lavoratori temporanei ed ex dipendenti;

Emendamento    43

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 12

Testo della Commissione

Emendamento

(12)  "ritorsione": qualsiasi atto o omissione, effettivo o potenziale scaturito dalla segnalazione interna o esterna che si verifica in un contesto lavorativo e che provochi o possa provocare danni ingiustificati alla persona segnalante;

(12)  "ritorsione": qualsiasi atto o omissione, effettivo o potenziale scaturito dalla segnalazione o divulgazione interna o esterna e che provochi o possa provocare danni ingiustificati alla persona segnalante, alla persona segnalante sospettata o ai suoi familiari, parenti e facilitatori;

Emendamento    44

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 13

Testo della Commissione

Emendamento

(13)  "seguito": l'azione intrapresa dal destinatario della segnalazione, interna o esterna, allo scopo di valutare la sussistenza dei fatti segnalati e, se del caso, porre rimedio alla pretesa violazione, comprese azioni come l'indagine interna, gli accertamenti, l'azione penale, l'azione per il recupero dei fondi e l'archiviazione

(13)  "seguito": l'azione intrapresa dal destinatario della segnalazione, interna o esterna, allo scopo di valutare la sussistenza dei fatti segnalati e, se del caso, porre rimedio alla pretesa violazione, comprese azioni come l'indagine interna, gli accertamenti, l'azione penale, l'azione per il recupero dei fondi e l'archiviazione nonché qualsiasi altra misura correttiva o di mitigazione idonea;

Emendamento    45

Proposta di direttiva

Articolo 3 – punto 14

Testo della Commissione

Emendamento

(14)  "autorità competente": l'autorità nazionale autorizzata a ricevere le segnalazioni conformemente al capo III e designata a svolgere le funzioni previste dalla presente direttiva, in particolare per quanto riguarda il seguito dato alle segnalazioni.

(14)  "autorità competente": l'autorità dell'Unione o dello Stato membro giuridicamente responsabile autorizzata a ricevere le segnalazioni conformemente al capo III e designata a svolgere le funzioni previste dalla presente direttiva, in particolare per quanto riguarda il seguito dato alle segnalazioni.

Emendamento    46

Proposta di direttiva

Articolo 4 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Gli Stati membri assicurano che i soggetti giuridici del settore privato e pubblico istituiscano canali e procedure di segnalazione interna e per il seguito delle segnalazioni, previa consultazione delle parti sociali se del caso.

1.  Gli Stati membri assicurano che i soggetti giuridici del settore privato e pubblico istituiscano canali e procedure di segnalazione interna e per il seguito delle segnalazioni, previa consultazione delle parti sociali.

Emendamento    47

Proposta di direttiva

Articolo 4 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Tali canali e procedure devono permettere ai dipendenti del soggetto di effettuare le segnalazioni. Essi possono permettere anche ad altre persone in contatto con l'entità nell'ambito della loro attività professionale, di cui all'articolo 2, paragrafo 1, lettera b), c) e d), di effettuare una segnalazione, ma l'uso dei canali di segnalazione interna non è obbligatorio per tali categorie di persone.

2.  Tali canali e procedure devono permettere ai dipendenti del soggetto di effettuare le segnalazioni. Essi permettono anche ad altre persone in contatto con l'entità nell'ambito della loro attività professionale, di cui all'articolo 2, paragrafo 1, lettera b), c) e d), di effettuare una segnalazione, ma l'uso dei canali di segnalazione interna non è obbligatorio per tali categorie di persone.

Emendamento    48

Proposta di direttiva

Articolo 4 – paragrafo 3 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

soggetti giuridici privati il cui fatturato annuo o il cui bilancio annuo totale è pari o superiore a 10 milioni di EUR;

soggetti giuridici privati il cui fatturato annuo, individuale o di gruppo, o il cui bilancio annuo totale è pari o superiore a 10 milioni di EUR;

Emendamento    49

Proposta di direttiva

Articolo 4 – paragrafo 3 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

c)  soggetti giuridici privati di qualsiasi dimensione che operano nel settore dei servizi finanziari o che sono vulnerabili al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo, conformemente agli atti dell'Unione elencati nell'allegato.

c)  soggetti giuridici privati di qualsiasi dimensione che operano nel settore dei servizi finanziari o che sono vulnerabili al riciclaggio, al finanziamento del terrorismo o alla criminalità informatica, conformemente agli atti dell'Unione elencati nell'allegato.

Emendamento    50

Proposta di direttiva

Articolo 4 – paragrafo 6 – lettera d bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

d bis)  le istituzioni, le agenzie e gli organi dell'Unione europea;

Emendamento    51

Proposta di direttiva

Articolo 5 – paragrafo 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

a)  canali per ricevere le segnalazioni che siano progettati, realizzati e gestiti in modo da garantire la riservatezza dell'identità della persona segnalante e da impedire l'accesso al personale non autorizzato;

a)  canali per ricevere le segnalazioni che siano progettati, realizzati e gestiti in modo da garantire la conferma dell'avvenuta ricezione della segnalazione e la riservatezza dell'identità o l'anonimato della persona segnalante e da impedire l'accesso al personale non autorizzato;

Emendamento    52

Proposta di direttiva

Articolo 5 – paragrafo 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

d)  un termine ragionevole, non superiore a tre mesi dopo la segnalazione, per dare un riscontro alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione;

d)  un termine ragionevole, non superiore a tre mesi dopo la segnalazione, per dare un riscontro sostanziale alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione;

Emendamento    53

Proposta di direttiva

Articolo 5 – paragrafo 2 – comma 1 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

(a)  per iscritto su supporto elettronico o in formato cartaceo e/o oralmente mediante linee telefoniche registrate o non registrate;

(a)  per iscritto su supporto elettronico o in formato cartaceo e/o oralmente mediante linee telefoniche registrate o non registrate; nel caso in cui la conversazione telefonica sia registrata, è necessario il previo consenso della persona segnalante;

Emendamento    54

Proposta di direttiva

Articolo 5 – paragrafo 2 – comma 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

(b)  incontro diretto con la persona o il servizio incaricati di ricevere le segnalazioni.

(b)  incontro diretto con la persona o il servizio incaricati di ricevere le segnalazioni, in presenza, qualora la persona segnalante ne faccia richiesta, di un rappresentante sindacale o del legale rappresentante della persona segnalante;

Emendamento    55

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera a

Testo della Commissione

Emendamento

a)  stabiliscano canali di segnalazione esterna indipendenti, autonomi, sicuri e riservati per il ricevimento e il trattamento delle informazioni fornite dalla persona segnalante;

a)  stabiliscano canali di segnalazione esterna indipendenti, autonomi, sicuri e riservati per il ricevimento e il trattamento delle informazioni fornite dalla persona segnalante, consentano la segnalazione anonima e proteggano i dati personali dell'informatore;

Emendamento    56

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera a bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

a bis)  promuovano la consulenza e l'assistenza legale gratuite e indipendenti per le persone segnalanti e gli intermediari;

Emendamento    57

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

b)  diano un riscontro alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione entro un termine ragionevole non superiore a tre mesi o sei mesi in casi debitamente giustificati;

b)  confermino l'avvenuta ricezione della segnalazione e diano un riscontro alla persona segnalante sul seguito dato alla segnalazione entro un termine ragionevole non superiore a tre mesi o sei mesi in casi debitamente giustificati;

Emendamento    58

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

c)  trasmettano le informazioni contenute nella segnalazione agli organi e organismi competenti dell'Unione, se del caso, per ulteriori indagini ove previsto dal diritto nazionale o dell'Unione.

c)  trasmettano le informazioni contenute nella segnalazione agli organi e organismi competenti dell'Unione o di altri Stati membri, se del caso, per ulteriori indagini.

Emendamento    59

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 2 – lettera c bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

c bis)  cooperino in maniera totale, leale e rapida con altri Stati membri e autorità dell'UE.

Emendamento    60

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 3

Testo della Commissione

Emendamento

3.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti diano seguito alle segnalazioni prendendo le misure necessarie e svolgano gli opportuni accertamenti sull'oggetto delle segnalazioni. Le autorità competenti comunicano alla persona segnalante l'esito finale degli accertamenti.

3.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti diano seguito alle segnalazioni prendendo le misure necessarie e svolgano gli opportuni accertamenti sull'oggetto delle segnalazioni. Le autorità competenti comunicano alla persona segnalante e a tutti gli altri Stati membri pertinenti, nonché agli organi, organismi e autorità competenti dell'Unione europea l'esito finale degli accertamenti.

Emendamento    61

Proposta di direttiva

Articolo 6 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Gli Stati membri assicurano che l'autorità che ha ricevuto una segnalazione, ma non è competente per trattare la violazione segnalata, la trasmetta all'autorità competente e che la persona segnalante ne sia informata.

4.  Gli Stati membri assicurano che l'autorità che ha ricevuto una segnalazione, ma non è competente per trattare la violazione segnalata, la trasmetta all'autorità competente e che la persona segnalante ne sia informata. Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti che ricevono segnalazioni il cui trattamento esula dalle loro competenze dispongano di procedure chiare per gestire tutte le informazioni divulgate in modo sicuro e riservato.

Emendamento    62

Proposta di direttiva

Articolo 7 – paragrafo 1 – lettera c bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

c bis)  promuovano la consulenza e l'assistenza legale gratuite e indipendenti per le persone segnalanti e gli intermediari;

Emendamento    63

Proposta di direttiva

Articolo 7 – paragrafo 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

c)  incontro diretto con il personale addetto dell'autorità competente.

c)  incontro diretto con il personale addetto dell'autorità competente, in presenza, qualora la persona segnalante ne faccia richiesta, di un rappresentante sindacale e/o del legale rappresentante della persona segnalante, nel rispetto della riservatezza e dell'anonimato.

Emendamento    64

Proposta di direttiva

Articolo 8 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti dispongano di personale addetto al trattamento delle segnalazioni. Il personale addetto riceve una formazione specifica su come trattare le segnalazioni.

1.  Gli Stati membri assicurano che le autorità competenti dispongano di un numero adeguato di membri del personale competenti addetti al trattamento delle segnalazioni. Il personale addetto riceve una formazione specifica su come trattare le segnalazioni.

Emendamento    65

Proposta di direttiva

Articolo 8 – paragrafo 2 – lettera c

Testo della Commissione

Emendamento

c)  mantiene i contatti con la persona segnalante per tenerla al corrente degli sviluppi e dell'esito degli accertamenti.

c)  mantiene contatti riservati con la persona segnalante per tenerla al corrente degli sviluppi e dell'esito degli accertamenti.

Emendamento    66

Proposta di direttiva

Articolo 9 – paragrafo 1 – lettera b

Testo della Commissione

Emendamento

b)  un termine ragionevole, non superiore a tre mesi o sei mesi in casi debitamente giustificati, per dare un riscontro alla persona segnalante sul seguito accordato alla segnalazione e sul tipo e contenuto di tale riscontro;

b)  un termine ragionevole, non superiore a tre mesi o sei mesi in casi debitamente giustificati, per dare un riscontro sostanziale alla persona segnalante sul seguito accordato alla segnalazione e sul tipo e contenuto di tale riscontro;

Emendamento    67

Proposta di direttiva

Articolo 10 – comma 1 – lettera g bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

g bis)  le informazioni di contatto delle organizzazioni della società civile alle quali rivolgersi per ottenere assistenza legale gratuita.

Emendamento    68

Proposta di direttiva

Articolo 13 – paragrafo 1

Testo della Commissione

Emendamento

1.  Le persone segnalanti beneficiano della protezione prevista dalla presente direttiva a condizione che abbiano fondati motivi di ritenere che le informazioni segnalate fossero vere al momento della segnalazione e che queste informazioni rientrino nell'ambito di applicazione della presente direttiva.

1.  Le persone segnalanti beneficiano della protezione e dello status di persona segnalante previsti dalla presente direttiva a condizione che abbiano fondati motivi di ritenere che le informazioni segnalate fossero vere al momento della segnalazione e che queste informazioni rientrino nell'ambito di applicazione della presente direttiva, indipendentemente dal canale di segnalazione scelto. La protezione è estesa anche a coloro che, in buona fede, divulgano informazioni imprecise e la protezione delle persone segnalanti dovrebbe essere attiva fintanto che viene valutata l'accuratezza di una informazione.

Emendamento    69

Proposta di direttiva

Articolo 13 – paragrafo 1 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 bis.  Una persona che ha divulgato anonimamente informazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva e la cui identità sia stata rivelata beneficia a sua volta della protezione prevista dalla presente direttiva.

Emendamento    70

Proposta di direttiva

Articolo 13 – paragrafo 1 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

1 ter.  Gli Stati membri stabiliscono criteri chiari per la concessione dei diritti e della protezione previsti dalla presente direttiva alle persone segnalanti a partire dal momento in cui effettuano la segnalazione.

Emendamento    71

Proposta di direttiva

Articolo 13 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Una persona che effettua una segnalazione esterna beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva se ricorre una delle seguenti condizioni:

soppresso

a)  la persona ha dapprima effettuato una segnalazione interna ma non è stato predisposto alcun seguito adeguato entro il termine ragionevole di cui all'articolo 5;

 

b)  i canali di segnalazione interna non erano accessibili alla persona segnalante o non era ragionevolmente presumibile che questa fosse a conoscenza della loro disponibilità;

 

c)  l'uso dei canali di segnalazione interna non era obbligatorio per la persona segnalante conformemente all'articolo 4, paragrafo 2;

 

d)  non era ragionevolmente presumibile che la persona segnalante utilizzasse i canali di segnalazione interna, tenuto conto dell'oggetto della segnalazione;

 

e)  la persona segnalante aveva motivi validi di ritenere che l'uso dei canali di segnalazione interna avrebbe potuto compromettere l'efficacia degli accertamenti svolti dalle autorità competenti;

 

f)  la persona segnalante aveva il diritto di effettuare la segnalazione direttamente a un'autorità competente mediante i canali di segnalazione esterna in virtù del diritto dell'Unione.

 

Emendamento    72

Proposta di direttiva

Articolo 13 – paragrafo 4

Testo della Commissione

Emendamento

4.  Una persona che rende di pubblico dominio informazioni sulle violazioni che rientrano nell'ambito di applicazione della presente direttiva beneficia della protezione prevista dalla presente direttiva nei casi seguenti:

soppresso

a) la persona segnalante ha effettuato una prima segnalazione interna e/o esterna conformemente ai capi II e III e al paragrafo 2, ma non è stato predisposto alcun seguito adeguato entro il termine stabilito all'articolo 6, paragrafo 2, lettera b), e all'articolo 9, paragrafo 1, lettera b); o

 

b) non era ragionevolmente presumibile che la persona segnalante utilizzasse i canali di segnalazione interna e/o esterna a causa di un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse o delle particolari circostanze del caso, o di rischio di danni irreversibili.

 

Emendamento    73

Proposta di direttiva

Articolo 14 – lettera g

Testo della Commissione

Emendamento

g)  la coercizione, l'intimidazione, le molestie o l'ostracismo sul luogo di lavoro;

g)  la coercizione, l'intimidazione, le molestie o l'ostracismo;

Emendamento    74

Proposta di direttiva

Articolo 14 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 14 bis

 

Assistenza dell'autore o degli autori della segnalazione da parte di un terzo indipendente

 

1. Gli Stati membri possono prevedere che l'autore della segnalazione o la persona che intenda effettuare una segnalazione o una divulgazione pubblica beneficino di assistenza durante la loro azione. Tale assistenza garantisce la riservatezza dell'identità delle persone menzionate nel presente paragrafo e può consistere, tra l'altro, in:

 

a) una consulenza imparziale, riservata e gratuita, in particolare sull'ambito di applicazione della presente direttiva, sui canali di segnalazione e sulle tutele concesse all'autore della segnalazione, nonché sui diritti della persona interessata;

 

b) una consulenza giuridica in caso di controversia;

 

c) un sostegno psicologico.

 

2. Tale assistenza può essere fornita da un'autorità amministrativa indipendente, da sindacati o altre organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori o da un'entità qualificata designata dallo Stato membro, purché soddisfi i seguenti criteri:

 

a) sia debitamente costituita in conformità del diritto dello Stato membro;

 

b) abbia un interesse legittimo a garantire il rispetto delle disposizioni stabilite dalla presente direttiva; e

 

c) non persegua scopo di lucro.

Emendamento    75

Proposta di direttiva

Articolo 15 – paragrafo 8

Testo della Commissione

Emendamento

8.  Oltre a fornire un patrocinio a spese dello Stato alle persone segnalanti nel quadro di un procedimento civile e penale transfrontaliero, conformemente alla direttiva (UE) 2016/1919 e alla direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio63, e conformemente al diritto nazionale, gli Stati membri possono prevedere ulteriori misure di assistenza e sostegno giuridico e finanziario per le persone segnalanti nell'ambito dei procedimenti giudiziari.

8.  Oltre a fornire un patrocinio a spese dello Stato alle persone segnalanti nel quadro di un procedimento civile e penale transfrontaliero, conformemente alla direttiva (UE) 2016/1919 e alla direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio63, e conformemente al diritto nazionale, gli Stati membri possono decidere di prevedere ulteriori misure di assistenza e sostegno giuridico e finanziario per le persone segnalanti nell'ambito dei procedimenti giudiziari, nonché un sostegno finanziario nei casi di perdita temporanea di reddito.

__________________

__________________

63 Direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale (GU L 136 del 24.5.2008, pag. 3).

63 Direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale (GU L 136 del 24.5.2008, pag. 3).

Emendamento    76

Proposta di direttiva

Articolo 15 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 15 bis

 

Obbligo di salvaguardare la riservatezza dell'identità dell'autore della segnalazione

 

1. L'identità dell'autore o degli autori della segnalazione non può essere rivelata senza il loro esplicito consenso. L'obbligo di riservatezza comprende altresì le informazioni che possono servire per identificare l'autore della segnalazione.

 

2. Una persona che detenga o acquisisca le informazioni di cui al paragrafo 1 ha l'obbligo di non divulgare dette informazioni.

 

3. In deroga al paragrafo 2, le circostanze in cui le informazioni sull'identità dell'autore della segnalazione possono essere divulgate si limitano ai casi eccezionali in cui la divulgazione di tali informazioni costituisca un obbligo necessario e proporzionato prescritto dal diritto dell'Unione o da quello nazionale nell'ambito di accertamenti o successivi procedimenti giudiziari, oppure al fine di tutelare le libertà altrui, quali il diritto alla difesa della persona interessata, e comunque nel quadro delle adeguate garanzie previste da tali legislazioni. In tali casi occorre adottare misure adeguate ed efficaci per garantire la sicurezza e il benessere dell'autore o degli autori della segnalazione.

 

4. Nei casi di cui al paragrafo 3, la persona designata a ricevere la segnalazione informa l'autore della segnalazione a tempo debito prima di rivelarne l'identità e lo consulta in merito ad altre possibili azioni alternative.

 

5. I canali di segnalazione interni ed esterni sono concepiti in modo da garantire la riservatezza dell'identità dell'autore della segnalazione e da impedire l'accesso alle persone non autorizzate. Sono conservate le informazioni sul personale che ha avuto accesso alle informazioni riservate, tra cui la data e l'ora di tale accesso.

Emendamento    77

Proposta di direttiva

Articolo 17 – paragrafo 1 – lettera d

Testo della Commissione

Emendamento

d)  violano l'obbligo di riservatezza sull'identità delle persone segnalanti.

d)  violano l'obbligo di riservatezza sull'identità o di anonimato delle persone segnalanti.

Emendamento    78

Proposta di direttiva

Articolo 17 – paragrafo 1 – lettera d bis (nuova)

Testo della Commissione

Emendamento

 

d bis)  reiterano l'infrazione segnalata dalla persona segnalante dopo la chiusura del caso.

Emendamento    79

Proposta di direttiva

Articolo 17 – paragrafo 2

Testo della Commissione

Emendamento

2.  Gli Stati membri prevedono sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive applicabili alle persone che fanno segnalazioni o divulgazioni dolose o infondate, comprese misure di risarcimento delle persone che hanno subito un pregiudizio da tali segnalazioni o divulgazioni dolose o infondate.

2.  Gli Stati membri prevedono sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive applicabili alle persone che fanno segnalazioni o divulgazioni dolose o infondate.

Emendamento    80

Proposta di direttiva

Articolo 17 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 17 bis

 

Obbligo di cooperazione

 

1. Le autorità degli Stati membri che vengono informate delle violazioni del diritto dell'Unione, come contemplato dalla presente direttiva, sono tenute a informare rapidamente tutte le autorità competenti degli altri Stati membri e/o gli organi e organismi dell'Unione e a cooperare con gli stessi in maniera leale, efficace e rapida.

 

2. Le autorità degli Stati membri cui sono notificate, dalle autorità di altri Stati membri, potenziali violazioni del diritto dell'Unione, come contemplato dalla presente direttiva, sono tenute a fornire una risposta sostanziale in merito alle azioni intraprese in relazione a detta notifica, nonché una notifica ufficiale della ricezione e un punto di contatto per un'ulteriore cooperazione.

 

3. Le autorità degli Stati membri sono tenute a salvaguardare le informazioni riservate ricevute, in particolare quelle relative all'identità e altre informazioni personali delle persone segnalanti.

 

4. Le autorità degli Stati membri sono tenute a fornire un accesso riservato alle informazioni ricevute dalle persone segnalanti e a facilitare le richieste di altre informazioni in maniera tempestiva.

 

5. Le autorità degli Stati membri sono tenute a condividere tempestivamente tutte le informazioni pertinenti con altre autorità competenti degli Stati membri concernenti le violazioni del diritto dell'Unione o nazionale in casi internazionali.

Emendamento    81

Proposta di direttiva

Articolo 17 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 17 ter

 

Impossibilità di rinuncia ai diritti e agli strumenti di tutela

 

I diritti e gli strumenti di tutela di cui alla presente direttiva non sono oggetto di alcuna rinuncia o limitazione in virtù di accordi, politiche, forma o condizione di lavoro, inclusa un'eventuale convenzione arbitrale pre-contenzioso. Qualsiasi tentativo di rinunciare o limitare tali diritti e strumenti di tutela è considerato nullo e inapplicabile.

Emendamento    82

Proposta di direttiva

Articolo 20 – paragrafo 2 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

2 bis.  Nel recepire la presente direttiva, gli Stati membri possono prendere in considerazione l'istituzione di un'autorità indipendente per la protezione degli informatori.

Emendamento    83

Proposta di direttiva

Articolo 22 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

Articolo 22 bis

 

Aggiornamento degli allegati

 

Ogniqualvolta un nuovo atto giuridico dell'UE rientri nell'ambito di applicazione materiale di cui all'articolo 1, paragrafo 1, lettera a,) o all'articolo 1, paragrafo 2, la Commissione aggiorna di conseguenza gli allegati mediante un atto delegato. 

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Titolo

Protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione

Riferimenti

COM(2018)0218 – C8-0159/2018 – 2018/0106(COD)

Commissione competente per il merito

Annuncio in Aula

JURI

28.5.2018

 

 

 

Parere espresso da

Annuncio in Aula

ECON

28.5.2018

Relatore per parere

Nomina

Miguel Viegas

31.5.2018

Esame in commissione

29.8.2018

24.9.2018

 

 

Approvazione

24.9.2018

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

24

15

7

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Pervenche Berès, Markus Ferber, Jonás Fernández, Giuseppe Ferrandino, Sven Giegold, Roberto Gualtieri, Brian Hayes, Gunnar Hökmark, Barbara Kappel, Philippe Lamberts, Werner Langen, Sander Loones, Bernd Lucke, Olle Ludvigsson, Ivana Maletić, Marisa Matias, Gabriel Mato, Bernard Monot, Luděk Niedermayer, Stanisław Ożóg, Pirkko Ruohonen-Lerner, Anne Sander, Martin Schirdewan, Pedro Silva Pereira, Ernest Urtasun, Marco Valli, Tom Vandenkendelaere, Miguel Viegas, Steven Woolfe, Marco Zanni, Esther de Lange

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Doru-Claudian Frunzulică, Ramón Jáuregui Atondo, Rina Ronja Kari, Jeppe Kofod, Marcus Pretzell, Michel Reimon, Romana Tomc, Lieve Wierinck, Roberts Zīle, Sophia in ‘t Veld

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Edouard Martin, Julia Pitera, Virginie Rozière, Sabine Verheyen, Anna Záborská

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

24

+

ECR

Pirkko Ruohonen-Lerner

EFDD

Bernard Monot, Marco Valli

GUE/NGL

Rina Ronja Kari, Marisa Matias, Martin Schirdewan, Miguel Viegas

PPE

Anne Sander, Tom Vandenkendelaere

S&D

Pervenche Berès, Jonás Fernández, Giuseppe Ferrandino, Doru-Claudian Frunzulică, Roberto Gualtieri, Ramón Jáuregui Atondo, Jeppe Kofod, Olle Ludvigsson, Edouard Martin, Virginie Rozière, Pedro Silva Pereira

Verts/ALE

Sven Giegold, Philippe Lamberts, Michel Reimon, Ernest Urtasun

15

-

ECR

Sander Loones

ENF

Barbara Kappel, Marcus Pretzell

NI

Steven Woolfe

PPE

Markus Ferber, Brian Hayes, Gunnar Hökmark, Werner Langen, Ivana Maletić, Gabriel Mato, Luděk Niedermayer, Julia Pitera, Romana Tomc, Sabine Verheyen, Anna Záborská

7

0

ALDE

Lieve Wierinck, Sophia in 't Veld

ECR

Bernd Lucke, Stanisław Ożóg, Roberts Zīle

ENF

Marco Zanni

PPE

Esther de Lange

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti


PARERE della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (8.11.2018)

destinato alla commissione giuridica

sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione

(COM(2018)0218 – C8-0159/2018 – 2018/0106(COD))

Relatore per parere (*): Maite Pagazaurtundúa Ruiz

(*) Procedura con le commissioni associate – Articolo 54 del regolamento

EMENDAMENTI

La commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni invita la commissione giuridica, competente per il merito, a prendere in considerazione i seguenti emendamenti:

Emendamento    1

Proposta di direttiva

Visto 1

Testo della Commissione

Emendamento

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare gli articoli 16, 33, 43 e 50, l'articolo 53, paragrafo 1, gli articoli 62, 91, 100, 103, 109, 114, 168, 169, 192 e 207 e l'articolo 325, paragrafo 4, e il trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica, in particolare l'articolo 31,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, in particolare gli articoli 9, 10, 11, 12, 15, 16, 33, 43 e 50, l'articolo 53, paragrafo 1, gli articoli 62, 91, 100, 103, 109, 114, 168, 169, 192, 207, l'articolo 325, paragrafo 4, e l'articolo 352 e il trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica, in particolare l'articolo 31,

Emendamento    2

Proposta di direttiva

Visto 6 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

vista la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea,

Emendamento    3

Proposta di direttiva

Visto 6 ter (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

vista la risoluzione del Parlamento europeo del 14 febbraio 2017 sul ruolo degli informatori nella protezione degli interessi finanziari dell'UE,

Emendamento    4

Proposta di direttiva

Visto 6 quater (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

vista la risoluzione del Parlamento europeo del 24 ottobre 2017 sulle misure legittime per proteggere gli informatori che agiscono nell'interesse pubblico, quando divulgano informazioni riservate di imprese e organismi pubblici,

Emendamento    5

Proposta di direttiva

Visto 6 quinquies (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

vista la Convenzione europea dei diritti dell'uomo,

Emendamento    6

Proposta di direttiva

Considerando 1

Testo della Commissione

Emendamento

(1)  Chi lavora per un'organizzazione o è in contatto con essa nello svolgimento della propria attività professionale è spesso la prima persona a venire a conoscenza di minacce o pregiudizi al pubblico interesse sorti in tale ambito. Nel "dare l'allerta", gli informatori svolgono un ruolo decisivo nella denuncia e nella prevenzione delle violazioni del diritto e nella salvaguardia del benessere della società. Tuttavia i potenziali informatori sono spesso poco inclini a segnalare nel timore di ritorsioni.

(1)  Chi lavora o ha lavorato per un'organizzazione o è in contatto con essa è spesso la prima persona a venire a conoscenza di minacce, attività criminose o illegali o pregiudizi al pubblico interesse sorti in tale ambito. Nel "dare l'allerta", gli informatori svolgono un ruolo decisivo nella denuncia e nella prevenzione delle violazioni del diritto, nella salvaguardia del benessere della società e nella tutela dei diritti fondamentali, tra cui la libertà di espressione e di informazione. Gli informatori svolgono un ruolo fondamentale nel rivelare irregolarità o comportamenti non etici e disonesti nel pubblico interesse. Spesso è difficile per loro valutare la regolarità dei fatti, ma, secondo la Corte europea dei diritti umani, la valutazione legale non spetta agli informatori fintantoché essi agiscono in buona fede e i fatti sono corretti. Tuttavia i potenziali informatori sono spesso poco inclini a segnalare nel timore di ritorsioni, quando segnalano casi di irregolarità, cattiva gestione, uso improprio di fondi, cattiva amministrazione o potenziale corruzione relativa all'attività di organismi pubblici e privati all'interno dell'Unione; essi non sono realmente protetti e non si sentono protetti.

Emendamento    7

Proposta di direttiva

Considerando 2

Testo della Commissione

Emendamento

(2)  A livello di Unione le segnalazioni degli informatori costituiscono uno degli elementi a monte dell'applicazione del diritto dell'Unione, fornendo ai sistemi di contrasto nazionali e dell'Unione informazioni che portano all'indagine, all'accertamento e al perseguimento dei casi di violazione delle norme dell'Unione.

(2)  A livello di Unione le segnalazioni degli informatori e dei giornalisti d'inchiesta costituiscono uno degli elementi a monte dell'applicazione del diritto dell'Unione, fornendo ai sistemi di contrasto nazionali e dell'Unione informazioni che portano all'indagine, all'accertamento e al perseguimento dei casi di violazione delle norme dell'Unione.

Emendamento    8

Proposta di direttiva

Considerando 3

Testo della Commissione

Emendamento

(3)  In determinati settori le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse, creando rischi significativi per il benessere della società. Laddove siano state individuate carenze nell'applicazione del diritto in tali settori, e gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni, è necessario rafforzare l'applicazione del diritto garantendo una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni e predisponendo canali di segnalazione efficaci.

(3)  Le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse e alla fruizione dei diritti umani e delle libertà fondamentali. È necessario garantire una protezione efficace degli informatori dalle ritorsioni e predisporre canali di segnalazione efficaci e riservati.

Emendamento    9

Proposta di direttiva

Considerando 4

Testo della Commissione

Emendamento

(4)  Attualmente la protezione garantita agli informatori nell'Unione europea non è uniforme tra gli Stati membri e non è armonizzata tra i vari settori. Le conseguenze delle violazioni del diritto dell'Unione aventi una dimensione transfrontaliera rivelate dagli informatori dimostrano come l'assenza di un livello di protezione sufficiente in un dato Stato membro può avere non solo conseguenze negative sul funzionamento delle politiche dell'UE al suo interno, ma anche effetti di ricaduta in altri Stati membri e nell'UE nel suo insieme.

(4)  Attualmente la protezione garantita agli informatori nell'Unione europea non è uniforme tra gli Stati membri e non è armonizzata tra i vari settori. Gli informatori sono protetti allorché divulgano violazioni della legge o irregolarità oppure condotte scorrette nel pubblico interesse. L'assenza di un livello di protezione sufficiente in un dato Stato membro può avere non solo conseguenze negative sul funzionamento delle politiche dell'UE al suo interno, ma anche effetti di ricaduta in altri Stati membri e nell'UE nel suo insieme.

Emendamento    10

Proposta di direttiva

Considerando 5

Testo della Commissione

Emendamento

(5)  Di conseguenza dovrebbero applicarsi norme minime comuni atte a garantire una protezione efficace degli informatori negli atti e nei settori in cui i) occorre rafforzare l'applicazione delle norme; ii) l'insufficiente segnalazione da parte degli informatori è un fattore chiave che incide negativamente su tale applicazione e iii) le violazioni del diritto dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse.

(5)  Di conseguenza dovrebbero applicarsi norme giuridiche minime comuni atte a garantire una protezione efficace degli informatori, con un approccio globale ed esaustivo, in tutti gli atti e i settori nazionali e dell'Unione in cui i) occorre rafforzare l'applicazione delle norme; ii)l'insufficiente segnalazione da parte degli informatori è un fattore chiave che incide negativamente su tale applicazione e iii) le violazioni del diritto nazionale o dell'Unione possono arrecare grave pregiudizio al pubblico interesse.

Emendamento    11

Proposta di direttiva

Considerando 9

Testo della Commissione

Emendamento

(9)  L'importanza della protezione degli informatori per la prevenzione e la dissuasione delle violazioni delle norme dell'Unione in materia di sicurezza dei trasporti che possono mettere in pericolo vite umane è stata già riconosciuta negli strumenti settoriali dell'Unione in materia di sicurezza aerea38 e sicurezza dei trasporti marittimi39, che prevedono misure specifiche di protezione degli informatori e appositi canali di segnalazione. Tali strumenti comprendono anche la protezione dalle ritorsioni dei lavoratori che segnalano propri errori commessi in buona fede (la cosiddetta "cultura dell'equità"). È necessario completare gli elementi già esistenti di protezione degli informatori in questi due ambiti e garantire tale protezione per rafforzare l'applicazione delle norme di sicurezza relativamente ad altri modi di trasporto, in particolare quello stradale e ferroviario.

(9)  L'importanza della protezione degli informatori per la prevenzione e la dissuasione delle violazioni delle norme dell'Unione in materia di sicurezza dei trasporti che possono mettere in pericolo vite umane è stata già riconosciuta negli strumenti settoriali dell'Unione in materia di sicurezza aerea38 e sicurezza dei trasporti marittimi39, che prevedono misure specifiche di protezione degli informatori e appositi canali di segnalazione. Tali strumenti comprendono anche la protezione dalle ritorsioni dei lavoratori che segnalano propri errori commessi in buona fede (la cosiddetta "cultura dell'equità"). Tra l'altro è necessario completare gli elementi già esistenti di protezione degli informatori in questi due ambiti e garantire tale protezione per rafforzare l'applicazione delle norme di sicurezza relativamente ad altri modi di trasporto, in particolare quello stradale e ferroviario.

_________________

_________________

38 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile (GU L 122, pag. 18).

38 Regolamento (UE) n. 376/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014, concernente la segnalazione, l'analisi e il monitoraggio di eventi nel settore dell'aviazione civile (GU L 122, pag. 18).

39 Direttiva 2013/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativa a talune responsabilità dello Stato di bandiera ai fini della conformità alla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e della sua applicazione (GU L 329, pag. 1), direttiva 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (GU L 131 del 28.5.2009).

39 Direttiva 2013/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, relativa a talune responsabilità dello Stato di bandiera ai fini della conformità alla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e della sua applicazione (GU L 329, pag. 1), direttiva 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (GU L 131 del 28.5.2009).

Emendamento    12

Proposta di direttiva

Considerando 14

Testo della Commissione

Emendamento

(14)  La protezione della vita privata e dei dati personali è un altro settore in cui gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni del diritto dell'Unione che possono ledere gravemente il pubblico interesse. Analoghe considerazioni valgono per le violazioni della direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi45 che introduce la segnalazione degli incidenti (compresi quelli che non compromettono i dati personali) e i requisiti di sicurezza per gli operatori di servizi essenziali in numerosi settori (energia, sanità, trasporti, banche, ecc.) e i fornitori di servizi digitali essenziali (ad esempio i servizi di cloud computing). Le segnalazioni degli informatori in questo settore sono particolarmente utili per prevenire gli incidenti che potrebbero compromettere attività economiche e sociali fondamentali e servizi digitali di vasta utilizzazione. Le segnalazioni contribuiscono a garantire la continuità dei servizi essenziali per il funzionamento del mercato interno e il benessere della società.

(14)  La protezione della vita privata e dei dati personali, sancita dagli articoli 7 e 8 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e dall'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), è un altro settore in cui gli informatori si trovano in una posizione privilegiata per segnalare le violazioni del diritto dell'Unione che possono ledere il pubblico interesse. Analoghe considerazioni valgono per le violazioni della direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi45 che introduce la segnalazione degli incidenti (compresi quelli che non compromettono i dati personali) e i requisiti di sicurezza per gli operatori di servizi essenziali in numerosi settori (energia, sanità, trasporti, banche, ecc.) e i fornitori di servizi digitali essenziali. Le segnalazioni degli informatori in questo settore sono particolarmente utili per prevenire gli incidenti che potrebbero compromettere attività economiche e sociali fondamentali e servizi digitali di vasta utilizzazione, nonché per prevenire violazioni della legislazione dell'Unione sulla protezione dei dati. Le segnalazioni contribuiscono a garantire la continuità dei servizi essenziali per la società.

__________________

__________________

45 Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione.

45Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione.

Emendamento    13

Proposta di direttiva

Considerando 16

Testo della Commissione

Emendamento

(16)  La tutela degli interessi finanziari dell'Unione, che interessa la lotta contro le frodi, la corruzione e qualsiasi altra attività illegale connessa all'utilizzo delle spese dell'Unione, la raccolta delle entrate e i fondi o gli attivi dell'Unione, è un settore in cui l'applicazione del diritto dell'Unione deve essere rafforzata. Il rafforzamento della protezione degli interessi finanziari dell'Unione abbraccia anche l'esecuzione del bilancio dell'Unione in relazione alle spese effettuate sulla base del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica. La mancanza di un'applicazione efficace delle norme riguardanti gli interessi finanziari dell'Unione, anche in materia di frode e corruzione a livello nazionale, determina una perdita di entrate per l'Unione e un uso improprio dei fondi dell'UE che possono falsare gli investimenti pubblici e la crescita e minare la fiducia dei cittadini nell'azione dell'UE. La protezione degli informatori è indispensabile per favorire l'individuazione, la prevenzione e la dissuasione delle frodi e delle attività illecite.

(16)  La tutela degli interessi finanziari dell'Unione, che interessa la lotta contro le frodi, la corruzione e qualsiasi altra attività illegale connessa all'utilizzo delle spese dell'Unione, la raccolta delle entrate e i fondi o gli attivi dell'Unione, è un settore in cui l'applicazione del diritto dell'Unione deve essere rafforzata. Il rafforzamento della protezione degli interessi finanziari dell'Unione abbraccia anche l'esecuzione del bilancio dell'Unione in relazione alle spese effettuate sulla base del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica. La mancanza di un'applicazione efficace delle norme riguardanti gli interessi finanziari dell'Unione, anche in materia di frode e corruzione a livello nazionale, determina una perdita di entrate per l'Unione e un uso improprio dei fondi dell'UE che possono falsare gli investimenti pubblici e la crescita e minare la fiducia dei cittadini nell'azione dell'UE.

Anche i giornalisti d'inchiesta svolgono un ruolo fondamentale nella rivelazione di irregolarità legate a tutti questi settori; essi rappresentano un gruppo molto esposto di professionisti, che a volte pagano con il loro lavoro, la loro libertà e persino con la loro vita la divulgazione di sistemi di corruzione e irregolarità su vasta scala; per questo motivo, è opportuno includere in una proposta legislativa orizzontale per la protezione degli informatori anche misure speciali per la protezione dei giornalisti d'inchiesta. La protezione degli informatori e del giornalismo d'inchiesta è indispensabile per favorire l'individuazione, la prevenzione e la dissuasione delle frodi e delle attività illecite.

Emendamento    14

Proposta di direttiva

Considerando 18 bis (nuovo)

Testo della Commissione

Emendamento

 

(18 bis)  Gli informatori che segnalano condotte scorrette e violazioni della legislazione sociale e del lavoro sono fondamentali per garantire ambienti di lavoro sicuri ed equi. Le persone che segnalano violazioni delle norme all'interno di un'organizzazione in cui lavorano o hanno lavorato, o con cui sono state in contatto, sono pienamente tutelate in virtù del presente regolamento.

Emendamento    15

Proposta di direttiva

Considerando 19

Testo della Commissione

Emendamento

(19)  Ogni volta che viene adottato un nuovo atto dell'Unione in cui la protezione degli informatori è pertinente e può contribuire a un'attuazione più efficace della legge, si dovrebbe valutare l'opportunità di modificare l'allegato della presente direttiva per includerlo nel suo ambito di applicazione.

(19)  Ogni volta che viene adottato un nuovo atto dell'Unione in cui la protezione degli informatori è pertinente e può contribuire a un'attuazione più efficace della legge, lo si dovrebbe aggiungere all'allegato della presente direttiva per includerlo nel suo ambito di applicazione.

Emendamento    16

Proposta di direttiva

Considerando 20

Testo della Commissione

Emendamento

(20)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione garantita ai lavoratori dipendenti che segnalano violazioni del diritto del lavoro dell'Unione. In particolare nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, l'articolo 11 della direttiva quadro 89/391/CEE impone già agli Stati membri di garantire che i lavoratori o i loro rappresentanti non siano penalizzati a causa delle loro richieste al datore di lavoro di prendere misure adeguate per ridurre qualsiasi rischio per i lavoratori e/o eliminare le cause di pericolo. I lavoratori e i loro rappresentanti hanno il diritto di rivolgersi alle autorità nazionali competenti se ritengono che le misure adottate e i mezzi impiegati dal datore di lavoro non siano sufficienti per garantire la sicurezza e la salute.

(20)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione garantita ai lavoratori dipendenti che segnalano condotte scorrette o irregolarità oppure violazioni del diritto dell'Unione, come pure del diritto nazionale. In particolare nel settore della salute e della sicurezza sul lavoro, l'articolo 11 della direttiva quadro 89/391/CEE impone già agli Stati membri di garantire che i lavoratori o i loro rappresentanti non siano penalizzati a causa delle loro richieste al datore di lavoro di prendere misure adeguate per ridurre qualsiasi rischio per i lavoratori e/o eliminare le cause di pericolo. I lavoratori e i loro rappresentanti hanno il diritto di rivolgersi alle autorità nazionali competenti se ritengono che le misure adottate e i mezzi impiegati dal datore di lavoro non siano sufficienti per garantire la sicurezza e la salute.

Emendamento    17

Proposta di direttiva

Considerando 21

Testo della Commissione

Emendamento

(21)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione della sicurezza nazionale e delle altre informazioni classificate che, in virtù del diritto dell'Unione o delle disposizioni legislative, regolamentari o amministrative in vigore nello Stato membro interessato, devono essere protette per motivi di sicurezza dall'accesso non autorizzato. Inoltre le disposizioni della presente direttiva non dovrebbero pregiudicare gli obblighi derivanti dalla decisione (UE, Euratom) 2015/444 della Commissione, del 13 marzo 2015, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE o dalla decisione del Consiglio, del 23 settembre 2013, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE.

(21)  La presente direttiva non dovrebbe pregiudicare la protezione della sicurezza nazionale e delle altre informazioni classificate che, in virtù del diritto dell'Unione o delle disposizioni legislative, regolamentari o amministrative in vigore nello Stato membro interessato, devono essere protette per motivi di sicurezza dall'accesso non autorizzato. Le limitazioni all'uso delle informazioni sulla sicurezza nazionale dovrebbero essere circoscritte e chiaramente definite. Inoltre le disposizioni della presente direttiva non dovrebbero pregiudicare gli obblighi derivanti dalla decisione (UE, Euratom) 2015/444 della Commissione, del 13 marzo 2015, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE o dalla decisione del Consiglio, del 23 settembre 2013, sulle norme di sicurezza per proteggere le informazioni classificate UE.

Emendamento    18

Proposta di direttiva

Considerando 22

Testo della Commissione

Emendamento

(22)  Coloro che segnalano minacce o pregiudizi al pubblico interesse di cui sono venuti a sapere nell'ambito delle loro attività professionali esercitano il diritto alla libertà di espressione. Il diritto alla libertà di espressione, sancito dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (in prosieguo la "Carta") e dall'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), comprende la libertà e il pluralismo dei media.

(22)  Coloro che segnalano minacce o pregiudizi al pubblico interesse esercitano il diritto alla libertà di espressione. La libertà di espressione, che è essenziale in una società democratica ed è sancita dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (in prosieguo la "Carta") e dall'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), comprende la libertà e il pluralismo dei media.

Emendamento    19

Proposta di direttiva

Considerando 23

Testo della Commissione

Emendamento

(23)  Di conseguenza la presente direttiva si basa sulla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo relativa al diritto alla libertà di espressione e ai principi elaborati su tale base dal Consiglio d'Europa nella raccomandazione del 2014 sulla protezione degli informatori51.

(23)  Di conseguenza la presente direttiva si basa sulla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo relativa al diritto alla libertà di espressione, con particolare riferimento alla sua sentenza del 12 febbraio 2008 nella causa Guja c. Moldova, e ai principi elaborati su tale base dal Consiglio d'Europa nella raccomandazione del 2014 sulla protezione degli informatori51.

__________________

__________________

51CM/Rec(2014)7.

51 CM/Rec(2014)7.

 

 

Emendamento    20

Proposta di direttiva

Considerando 24

Testo della Commissione

Emendamento

(24)  È necessario assicurare una protezione giuridica specifica alle persone quando acquisiscono le informazioni che segnalano nel quadro delle loro attività professionali e sono quindi esposte al rischio di ritorsioni legate al lavoro (ad esempio in caso di violazione dell'obbligo di lealtà e riservatezza). Il motivo principale di tale protezione è la loro posizione di vulnerabilità economica nei confronti della persona da cui dipendono, di fatto, per il lavoro. Laddove non vi sia un siffatto squilibrio di potere legato al lavoro (come nel caso di una normale denuncia o di ordinari cittadini) non è necessaria una protezione contro le ritorsioni.

(24)  È necessario assicurare una protezione giuridica specifica alle persone quando acquisiscono le informazioni che segnalano nel quadro delle loro attività professionali e sono quindi esposte al rischio di ritorsioni legate al lavoro. Il motivo principale di tale protezione è la loro posizione di vulnerabilità nei confronti della persona da cui dipendono, di fatto, per il lavoro. Nessun rapporto professionale dovrebbe limitare la libertà di espressione di un individuo.

Emendamento    21

Proposta di direttiva

Considerando 25

Testo della Commissione

Emendamento

(25)  Ai fini dell'applicazione efficace del diritto dell'Unione la protezione deve essere concessa al maggior numero possibile di categorie di persone che, cittadini dell'UE o di paesi terzi, per le loro attività professionali (indipendentemente dal tipo e se si tratti di attività remunerate o no), hanno un accesso privilegiato a informazioni sulle violazioni che è nell'interesse del pubblico segnalare e che sono a rischio di ritorsioni in caso di segnalazione. Gli Stati membri dovrebbero adoperarsi affinché la necessità della protezione sia stabilita tenendo conto di tutte le circostanze pertinenti e non solo della natura della relazione, così da coprire l'insieme delle persone collegate in senso ampio all'organizzazione in cui si è verificata la violazione.

(25)  Ai fini dell'applicazione efficace del diritto dell'Unione la protezione deve essere concessa al maggior numero possibile di categorie di persone che, cittadini dell'UE o di paesi terzi, per le loro attività (indipendentemente dal tipo e se si tratti di attività remunerate o no), hanno un accesso privilegiato a informazioni sulle violazioni che è nell'interesse del pubblico segnalare e che sono a rischio di ritorsioni in caso di segnalazione. Gli Stati membri dovrebbero adoperarsi affinché la necessità della protezione sia stabilita tenendo conto di tutte le circostanze pertinenti e non solo della natura della relazione, così da coprire l'insieme delle persone collegate in senso ampio all'organizzazione in cui si è verificata la violazione.

Emendamento    22

Proposta di direttiva

Considerando 26

Testo della Commissione

Emendamento

(26)  La protezione dovrebbe applicarsi, in primo luogo, alle persone aventi la qualifica di "lavoratore" ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, come interpretato dalla Corte di giustizia dell'Unione europea52, vale a dire la persona che fornisce, per un certo periodo di tempo, a favore di terzi e sotto la direzione di questi, determinate prestazioni in contropartita delle quali ricevono una retribuzione. La protezione dovrebbe quindi essere concessa anche ai lavoratori con contratti atipici, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, nonché alle persone che hanno un contratto di lavoro o un rapporto di lavoro con un'agenzia interinale, che sono tipi di rapporti di lavoro cui è spesso difficile applicare le norme di base contro il trattamento iniquo.

(26)  La protezione dovrebbe applicarsi, in primo luogo, alle persone aventi la qualifica di "lavoratore" ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, come interpretato dalla Corte di giustizia dell'Unione europea52, vale a dire la persona che fornisce, per un certo periodo di tempo, a favore di terzi e sotto la direzione di questi, determinate prestazioni in contropartita delle quali ricevono una retribuzione, ivi compresi i dipendenti e i funzionari pubblici. La protezione dovrebbe quindi essere concessa anche ai lavoratori con contratti atipici, compresi i lavoratori a tempo parziale e i lavoratori con contratti a tempo determinato, nonché alle persone che hanno un contratto di lavoro o un rapporto di lavoro con un'agenzia interinale, che sono tipi di rapporti di lavoro cui è spesso difficile applicare le norme di base contro il trattamento iniquo. Infine, la protezione dovrebbe essere concessa anche alle persone il cui contratto di lavoro è terminato e ai tirocinanti, retribuiti o meno.

__________________

__________________

52Sentenze del 3 luglio 1986, Lawrie-Blum, causa C-66/85; del 14 ottobre 2010, Union Syndicale Solidaires Isère, causa C-428/09; del 9 luglio 2015, Balkaya, causa C-229/14; del 4 dicembre 2014, FNV Kunsten, causa C-413/13 e del 17 novembre 2016, Ruhrlandklinik, causa C-216/15.

52 Sentenze del 3 luglio 1986, Lawrie-Blum, causa C-66/85; del 14 ottobre 2010, Union Syndicale Solidaires Isère, causa C-428/09; del 9 luglio 2015, Balkaya, causa C-229/14; del 4 dicembre 2014, FNV Kunsten, causa C-413/13 e del 17 novembre 2016, Ruhrlandklinik, causa C-216/15.

Emendamento    23

Proposta di direttiva

Considerando 27

Testo della Commissione

Emendamento

(27)  La protezione dovrebbe essere estesa anche ad altre categorie di persone fisiche e giuridiche che, pur non essendo "lavoratori" ai sensi dell'articolo 45 del TFUE, possono svolgere un ruolo chiave nel rivelare violazioni del diritto e che possono trovarsi in una situazione di vulnerabilità economica nell'ambito delle loro attività professionali. Ad esempio in settori come la sicurezza dei prodotti i fornitori sono molto più vicini alla fonte delle possibili pratiche illecite di fabbricazione, importazione o distribuzione di prodotti non sicuri; nell'esecuzione dei fondi dell'Unione i consulenti che prestano i loro servizi sono in una posizione privilegiata per richiamare l'attenzione sulle violazioni di cui sono testimoni. Tali categorie di persone, compresi i lavoratori autonomi che prestano servizi, i lavoratori indipendenti, i contraenti, i subappaltatori e i fornitori, sono generalmente esposte a ritorsioni sotto forma di risoluzione o annullamento del contratto di servizi, della licenza o del permesso, perdita di opportunità commerciali, perdita di reddito, coercizione, intimidazioni o vessazioni, inserimento nelle liste nere/boicottaggio o danni alla reputazione. Anche gli azionisti e le persone negli organi direttivi possono subire ritorsioni, ad esempio in termini finanziari o sotto forma di intimidazioni o vessazioni, inserimento nelle liste nere o danni alla reputazione. La protezione dovrebbe inoltre essere concessa ai candidati in vista di un'assunzione o della prestazione di servizi a un'organizzazione, che abbiano acquisito le informazioni sulle violazioni del diritto durante il processo di selezione o in altre fasi della trattativa precontrattuale e che possono subire ritorsioni, ad esempio sotto forma di inserimento nelle liste nere/boicottaggio.

(27)  La protezione dovrebbe essere estesa anche alle persone che facilitano la segnalazione e ai giornalisti d'inchiesta che acquisiscono e pubblicano informazioni relative a violazioni, nonc