Procedura : 2018/0095(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0054/2019

Testi presentati :

A8-0054/2019

Discussioni :

PV 12/02/2019 - 20
CRE 12/02/2019 - 20

Votazioni :

PV 13/02/2019 - 8.8
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2019)0090

RACCOMANDAZIONE     ***
PDF 169kWORD 56k
30.1.2019
PE 627.720v02-00 A8-0054/2019

concernente il progetto di proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo sulla protezione degli investimenti tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Singapore, dall'altra.

(07979/2018 – C8-0447/2018 – 2018/0095(NLE))

Commissione per il commercio internazionale

Relatore: David Martin

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

concernente il progetto di proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione dell'accordo sulla protezione degli investimenti tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Singapore, dall'altra

(07979/2018 – C8-0447/2018 – 2018/0095(NLE))

(Approvazione)

Il Parlamento europeo,

–  visto il progetto di decisione del Consiglio (07979/2018),

–  visto il progetto di accordo sulla protezione degli investimenti tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Singapore, dall'altra (07980/2018),

–  vista la richiesta di approvazione presentata dal Consiglio a norma dell'articolo 207 e dell'articolo 218, paragrafo 6, secondo comma, lettera a) punto v), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (C8-0447/2018),

–  visto il parere della Corte di giustizia dell'Unione europea del 16 maggio 2017(1),

–  vista la sua risoluzione non legislativa del ...(2) sul progetto di decisione,

–  visti l'articolo 99, paragrafi 1 e 4, e l'articolo 108, paragrafo 7, del suo regolamento,

–  vista la raccomandazione della commissione per il commercio internazionale (A8-0054/2019),

1.  dà la sua approvazione alla conclusione dell'accordo;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e della Repubblica di Singapore.

(1)

Parere della Corte di giustizia del 16 maggio 2017, 2/15, ECLI:EU:C: 2017376:

(2)

Testi approvati di tale data, P8_TA(0000)0000.


MOTIVAZIONE

Nel 2014, alla luce della competenza esclusiva dell'UE in materia di investimenti diretti esteri, compresa la protezione degli investimenti acquisita con il trattato di Lisbona, l'UE e Singapore hanno accettato di includere disposizioni in materia di protezione degli investimenti nell'accordo di libero scambio bilaterale siglato l'anno precedente. Nel 2015 la Commissione ha deciso di chiedere il parere della Corte di giustizia dell'UE sulla competenza dell'Unione a firmare e concludere l'accordo di libero scambio da sola, o se fosse necessaria la partecipazione degli Stati membri. Il parere è stato reso pubblico il 16 maggio 2017 e, su tale base, in seguito alle discussioni tra le istituzioni dell'UE sulla nuova architettura dei futuri ALS, l'accordo è stato suddiviso in un accordo di libero scambio solo per l'UE e un accordo di protezione mista degli investimenti.

Inoltre, dopo che l'UE ha adottato il suo nuovo approccio in materia di protezione degli investimenti e il meccanismo di applicazione (Sistema giurisdizionale per gli investimenti, ICS) nell'accordo commerciale UE-Canada (CETA), Singapore ha accettato di rivedere le disposizioni sulla protezione degli investimenti negoziate nel 2014 e di riaprire un accordo chiuso.

Gli elementi principali di questo accordo di protezione degli investimenti (IPA) includono:

•  norme di trattamento giuste ed eque e disposizioni contro la discriminazione;

•  regole sull'espropriazione diretta e indiretta;

•  un tribunale permanente di primo grado per gli investimenti e un tribunale di appello composto da membri nominati dalle parti;

•  i membri dei tribunali devono avere dimostrato competenza nel diritto pubblico internazionale e possedere le qualifiche richieste nei loro rispettivi paesi per la nomina agli uffici giudiziari o essere giuristi di riconosciuta competenza. Sono inoltre soggetti a rigide regole di indipendenza, integrità e comportamento etico attraverso un codice di condotta vincolante incluso nell'accordo;

•  la trasparenza del procedimento è assicurata attraverso la pubblicazione di documenti e da audizioni aperte al pubblico;

•  il diritto di regolamentare l'articolo che tutela il diritto delle parti di adottare misure per perseguire legittimi obiettivi di politica pubblica, quali la salute pubblica e la protezione dell'ambiente; ciò dovrebbe limitare l'effetto frenante a livello normativo;

•  il divieto di procedimenti paralleli o multipli;

•  disposizioni contro gli abusi del sistema, quali regole per prevenire reclami fraudolenti o manipolativi;

•  un impegno delle parti a perseguire l'istituzione di un tribunale multilaterale per gli investimenti (MIC).

L'accordo va oltre le disposizioni sulla protezione degli investimenti nel CETA, in quanto include un tribunale d'appello pienamente funzionante, un codice di condotta per i membri dei tribunali già incorporato nel testo e contiene disposizioni sugli obblighi per gli ex giudici.

I nuovi elementi riflettono la dichiarazione 36 della Commissione e del Consiglio sulla protezione degli investimenti e l'ICS, formulati nel contesto della decisione del Consiglio di autorizzare la firma del CETA, e sono stati inseriti nel verbale del Consiglio in tale occasione (GU L11 vol. 60, 14 gennaio 2017).

È importante sottolineare che questo accordo sostituirà i trattati di investimento bilaterali esistenti tra 13 Stati membri dell'UE e Singapore. Tali trattati si basano su disposizioni di protezione degli investimenti obsolete e sono caratterizzati dal controverso sistema di risoluzione delle controversie tra investitori e stati (ISDS).

Tuttavia, purtroppo, l'accordo manca ancora di disposizioni sugli obblighi degli investitori. Il relatore ritiene che, se da un lato è legittimo garantire protezione ai nostri investitori nei paesi terzi, dall'altro l'UE dovrebbe anche garantire che gli accordi di protezione degli investimenti comprendano norme vincolanti in materia di responsabilità sociale delle imprese e, più in generale, obblighi in termini di rispetto delle diritti umani.


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Accordo sulla tutela degli investimenti tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica di Singapore dall'altra

Riferimenti

07979/2018 – C8-0447/2018 – COM(2018)01942018/0095(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

19.10.2018

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

INTA

22.10.2018

 

 

 

Relatori

       Nomina

David Martin

16.5.2018

 

 

 

Esame in commissione

4.12.2017

10.7.2018

5.11.2018

3.12.2018

Approvazione

24.1.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

26

11

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Maria Arena, David Campbell Bannerman, Salvatore Cicu, Santiago Fisas Ayxelà, Eleonora Forenza, Karoline Graswander-Hainz, Christophe Hansen, Heidi Hautala, Yannick Jadot, France Jamet, Jude Kirton-Darling, Bernd Lange, David Martin, Emmanuel Maurel, Anne-Marie Mineur, Sorin Moisă, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Helmut Scholz, Joachim Schuster, Joachim Starbatty, Adam Szejnfeld, William (The Earl of) Dartmouth, Jan Zahradil

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Syed Kamall, Frédérique Ries, Fernando Ruas, Paul Rübig, Pedro Silva Pereira, Ramon Tremosa i Balcells, Jarosław Wałęsa

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

José Blanco López, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Jozo Radoš, Kārlis Šadurskis, Jasenko Selimovic, Mihai Ţurcanu, Anna Záborská

Deposito

30.1.2019


VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

26

+

ALDE

Jozo Radoš, Frédérique Ries, Jasenko Selimovic, Ramon Tremosa i Balcells

ECR

David Campbell Bannerman, Syed Kamall, Joachim Starbatty, Jan Zahradil

EFDD

William (The Earl of) Dartmouth

PPE

Salvatore Cicu, Santiago Fisas Ayxelà, Christophe Hansen, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Sorin Moisă, Godelieve Quisthoudt-Rowohl, Fernando Ruas, Paul Rübig, Kārlis Šadurskis, Adam Szejnfeld, Mihai Ţurcanu, Jarosław Wałęsa, Anna Záborská

S&D

José Blanco López, Bernd Lange, David Martin, Pedro Silva Pereira

11

-

ENF

France Jamet

GUE/NGL

Eleonora Forenza, Emmanuel Maurel, Anne-Marie Mineur, Helmut Scholz

S&D

Maria Arena, Karoline Graswander-Hainz, Jude Kirton-Darling, Joachim Schuster

VERTS/ALE

Heidi Hautala, Yannick Jadot

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2019Avviso legale