Procedura : 2018/0316(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0081/2019

Testi presentati :

A8-0081/2019

Discussioni :

Votazioni :

PV 13/03/2019 - 11.7

Testi approvati :

P8_TA(2019)0171

RACCOMANDAZIONE     ***
PDF 157kWORD 53k
21.2.2019
PE 628.572v02-00 A8-0081/2019

sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo tra l'Unione europea, da una parte, e il Regno di Norvegia, la Repubblica d'Islanda, la Confederazione svizzera e il Principato del Liechtenstein, dall'altra, sulla partecipazione di tali Stati all'Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia

(15832/2018 – C8-0035/2019 – 2018/0316(NLE))

Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni

Relatore: Monica Macovei

(Procedura semplificata – articolo 50, paragrafo 1, del regolamento)

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo tra l'Unione europea, da una parte, e il Regno di Norvegia, la Repubblica d'Islanda, la Confederazione svizzera e il Principato del Liechtenstein, dall'altra, sulla partecipazione di tali Stati all'Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia

(15832/2018 – C8-0035/2019 – 2018/0316(NLE))

(Approvazione)

Il Parlamento europeo,

–  visto il progetto di decisione del Consiglio (15832/2018),

–  visto il progetto di accordo tra l'Unione europea e il Regno di Norvegia, la Repubblica d'Islanda, la Confederazione svizzera e il Principato del Liechtenstein (12367/2018),

–  vista la richiesta di approvazione presentata dal Consiglio a norma dell'articolo 74, dell'articolo 77, paragrafo 2, lettere a) e b), dell'articolo 78, paragrafo 2, lettera e), dell'articolo 79, paragrafo 2, lettera c), dell'articolo 82, paragrafo 1, lettera d), dell'articolo 85, paragrafo 2, lettera a) e dell'articolo 88, paragrafo 2 nonché dell'articolo 218, paragrafo 6, secondo comma, lettera a), punto v), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (C8-0035/2018),

–  visti l'articolo 99, paragrafi 1 e 4, e l'articolo 108, paragrafo 7, del suo regolamento,

–  vista la raccomandazione della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (A8-0081/2019),

1.  dà la sua approvazione alla conclusione dell'accordo;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e del Regno di Norvegia, della Repubblica d'Islanda, della Confederazione svizzera e del Principato del Liechtenstein.


MOTIVAZIONE

A. Contesto

In conformità dell'articolo 74, dell'articolo 77, paragrafo 2, lettere a) e b), dell'articolo 78, paragrafo 2, lettera e), dell'articolo 79, paragrafo 2, lettera c), dell'articolo 82, paragrafo 1, lettera d), dell'articolo 85, paragrafo 1, dell'articolo 87, paragrafo 2, lettera a) e dell'articolo 88, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) in combinato disposto con l'articolo 218, paragrafo 6, secondo comma, lettera a), punto v) TFUE, la partecipazione di paesi associati alle attività dell'Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia (in appresso, l'Agenzia) costituisce un passo necessario tenuto conto della loro adesione all'acquis di Schengen e alle misure relative a Dublino e a Eurodac nonché della loro partecipazione ai sistemi IT su larga scala gestiti dall'Agenzia.

L'articolo 37 del regolamento (UE) 1077/2011, che istituisce l'Agenzia, prevede che: "Conformemente alle pertinenti disposizioni dei rispettivi accordi di associazione, siano presi accordi per specificare in particolare la natura, la portata e le modalità di partecipazione ai lavori dell'Agenzia dei paesi associati all'attuazione, all'applicazione e allo sviluppo dell'acquis di Schengen e alle misure relative a Eurodac, comprese disposizioni sui contributi finanziari, sul personale e sul diritto di voto." I paesi di cui all'articolo 37 sono il Regno di Norvegia, la Repubblica d'Islanda, la Confederazione svizzera e il Principato del Liechtenstein, denominati in appresso "i paesi associati".

Il progetto di accordo prevede la piena partecipazione dei paesi associati alle attività dell'Agenzia [articolo 1], la rappresentanza nel consiglio di amministrazione dell'Agenzia con diritto di voto limitato su determinate decisioni [articolo 2], la rappresentanza nei gruppi consultivi dell'Agenzia con diritto di voto limitato sulle decisioni di cui all'articolo 2 [articolo 3], i contributi finanziari annuali dei paesi associati al bilancio dell'Agenzia, consistenti, per quanto riguarda SIS, VIS, DubliNet ed EES, in un importo annuo calcolato in riferimento al loro PIL ed espresso in percentuale del PIL di tutti gli Stati che partecipano ai lavori dell'Agenzia e, per quanto riguarda Eurodac, in un importo annuo in percentuale fissa (specifica per ciascun paese associato) degli stanziamenti di bilancio pertinenti per l'esercizio finanziario [articolo 4 e allegato I]. Il progetto di accordo definisce lo status giuridico dell'Agenzia nei paesi associati [articolo 5], la responsabilità dell'Agenzia nei confronti dei paesi associati [articolo 6], il riconoscimento da parte dei paesi associati della competenza della Corte di giustizia per quanto riguarda l'Agenzia [articolo 7], i privilegi e le immunità dell'Agenzia nei paesi associati e la deroga allo statuto del personale che consente ai cittadini dei paesi associati di essere assunti a contratto dall'Agenzia [articolo 9]. Il progetto di accordo contiene, infine, disposizioni in materia di lotta contro le frodi [articolo 10], risoluzione delle controversie [articolo 12], entrata in vigore [articolo 14] e validità ed estinzione [articolo 15].

Il Consiglio ha trasmesso al Parlamento europeo il presente progetto di decisione relativa alla firma dell'accordo sulla partecipazione di tali Stati all'Agenzia.

B. Posizione del relatore

Il relatore ricorda la necessità di garantire che la partecipazione dei paesi associati ai lavori dell'Agenzia sia chiaramente inquadrata nell'accordo nel rispetto dell'articolo 37 del regolamento (UE) n. 1077/2011. A questo proposito, accoglie con favore il progetto di decisione presentato all'approvazione del Parlamento europeo che comprende gli elementi necessari per garantire la partecipazione dei paesi associati e stabilisce le condizioni alle quali tale partecipazione può avere luogo.


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Accordo con il Regno di Norvegia, la Repubblica d’Islanda, la Confederazione svizzera e il Principato del Liechtenstein sulla partecipazione di tali Stati all’Agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia

Riferimenti

15832/2018 – C8-0035/2019 – COM(2018)06062018/0316(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

22.1.2019

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

LIBE

30.1.2019

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

BUDG

30.1.2019

CONT

30.1.2019

 

 

Pareri non espressi

       Decisione

BUDG

13.9.2018

CONT

10.9.2018

 

 

Relatori

       Nomina

Monica Macovei

1.10.2018

 

 

 

Procedura semplificata - decisione

27.9.2018

Esame in commissione

19.2.2019

 

 

 

Approvazione

19.2.2019

 

 

 

Deposito

21.2.2019

Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2019Avviso legale