Procedura : 2018/2190(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0128/2019

Testi presentati :

A8-0128/2019

Discussioni :

PV 26/03/2019 - 12
CRE 26/03/2019 - 12

Votazioni :

PV 26/03/2019 - 13.26

Testi approvati :

P8_TA(2019)0267

RELAZIONE     
PDF 187kWORD 61k
1.3.2019
PE 626.795v02-00 A8-0128/2019

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per l'esercizio 2017

(2018/2190(DEC))

Commissione per il controllo dei bilanci

Relatore: Petri Sarvamaa

EMENDAMENTI
1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per l'esercizio 2017

(2018/2190(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta dell'Autorità(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(2) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2019 sul discarico da dare all'Autorità sull'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0080/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(4), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare(5), in particolare l'articolo 44,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(6), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0128/2019),

1.  non concede il discarico al direttore esecutivo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per l'esecuzione del bilancio dell'Autorità per l'esercizio 2017;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante al direttore esecutivo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

2. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla chiusura dei conti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per l'esercizio 2017

(2018/2190(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta dell'Autorità(7),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(8) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2019 sul discarico da dare all'Autorità sull'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0080/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(9), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(10), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare(11), in particolare l'articolo 44,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(12), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0128/2019),

1.  approva la chiusura dei conti dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare relativi all'esercizio 2017;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore esecutivo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

3. PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per l'esercizio 2017

(2018/2190(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per l'esercizio 2017,

–  vista la sua risoluzione del 16 gennaio 2019 sulla procedura di autorizzazione dei pesticidi da parte dell'Unione(13),

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0128/2019),

A.  considerando che, stando al suo stato delle entrate e delle spese(14), il bilancio definitivo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (l'"Autorità") per l'esercizio 2017 ammontava a 79 558 730,31 EUR, con un aumento dello 0,08 % rispetto al 2016; che la dotazione dell'Autorità proviene principalmente dal bilancio dell'Unione;

B.  considerando che la Corte dei conti ("la Corte"), nella sua relazione sui conti annuali dell'Autorità relativi all'esercizio finanziario 2017 ("la relazione della Corte"), ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all'affidabilità dei conti annuali dell'Autorità nonché alla legittimità e alla regolarità delle relative operazioni;

Gestione finanziaria e di bilancio

1.  osserva con soddisfazione che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi nel corso dell'esercizio 2017 si sono tradotti in un tasso di esecuzione del bilancio del 99,98 %, con un leggero decremento dello 0,02 % rispetto all'esercizio 2016; constata inoltre che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato del 92,31 %, con un aumento del 2,65 % rispetto al 2016;

2.  riafferma la propria preoccupazione per il livello costantemente basso degli stanziamenti finanziari destinati all'Autorità a titolo del bilancio dell'Unione;

3.  deplora il crescente divario fra l'aumento dei compiti e la riduzione delle risorse, che ha comportato notevoli ritardi nella realizzazione di taluni progetti;

Annullamento di riporti

4.  rileva che l'annullamento di riporti dal 2016 al 2017 è ammontato a 291 011,86 EUR, il che corrisponde al 3,55 % dell'importo totale riportato, registrando una riduzione del 2,31 % rispetto al 2016;

Performance

5.  osserva con soddisfazione che l'Autorità ha introdotto diversi indicatori chiave di performance per quanto concerne l'impatto e i risultati nel suo approccio globale di gestione basato sulla performance per misurare il valore aggiunto delle sue attività; constata inoltre che l'Autorità utilizza altri indicatori chiave di performance per migliorare la sua gestione di bilancio;

6.  rileva che il 2017 è stato il primo anno di attuazione della strategia 2020 dell'Autorità e della nuova politica finalizzata a garantire l'indipendenza dei professionisti che collaborano con l'Autorità; accoglie con favore il fatto che la performance sia stata soddisfacente, con soli nove indicatori che hanno presentato uno scostamento moderato e due che hanno presentato uno scostamento significativo su un totale di 65 indicatori;

7.  si compiace del contributo apportato dall'Autorità alla sicurezza della catena alimentare umana e animale dell'Unione e plaude al notevole impegno profuso nel fornire ai responsabili della gestione dei rischi dell'Unione pareri scientifici completi, indipendenti e aggiornati su questioni legate alla catena alimentare, comunicando chiaramente al pubblico i risultati e le informazioni su cui si basano, nonché collaborando con le parti interessate e i partner istituzionali al fine di promuovere la coerenza e la fiducia nel sistema di sicurezza alimentare dell'Unione;

8.  ritiene che l'Autorità debba continuare a prestare particolare attenzione all'opinione pubblica e impegnarsi a favore dell'apertura e della trasparenza;

9.  pone in evidenza che l'Autorità ha dato risposta a 779 interrogazioni mediante pareri scientifici, relazioni tecniche e pubblicazioni di supporto;

10.  segnala che i risultati della valutazione esterna dell'Autorità, che ha avuto inizio nel 2017, sono stati resi disponibili nel 2018; invita l'Autorità a riferire all'autorità di discarico in merito alle conclusioni di tale valutazione e alle misure corrispondenti adottate in risposta alle raccomandazioni formulate;

11.  esprime apprezzamento per il fatto che l'Autorità condivida risorse e attività con l'Agenzia europea per le sostanze chimiche, l'Agenzia europea per i medicinali e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie in ambiti quali la raccolta e l'analisi di dati, le banche dati e le valutazioni scientifiche;

Politica del personale

12.  rileva che, al 31 dicembre 2017, l'organico era completo al 96,28 %, con la nomina di 311 funzionari e agenti temporanei sui 323 autorizzati a titolo del bilancio dell'Unione (a fronte di 330 posti autorizzati nel 2016); osserva inoltre che nel 2017 hanno lavorato per l'Autorità 120 agenti contrattuali e 12 esperti nazionali distaccati;

13.  constata che l'Autorità ha adottato la decisione modello della Commissione sulla politica in materia di protezione della dignità della persona e di prevenzione delle molestie; rileva che ha organizzato sessioni di formazione e ha reso possibile l'assistenza confidenziale;

14.  osserva con preoccupazione che nel 2017 sono state ricevute due denunce formali a mezzo delle quali si chiedeva l'avvio di una procedura formale per molestie; prende atto che, secondo le conclusioni dell'Autorità, non sussisteva alcun principio di prova, elemento necessario per l'avvio di un'indagine amministrativa;

Appalti

15.  rileva che, stando alla relazione della Corte, l'Autorità ha aggiudicato, per conto di nove agenzie partecipanti a una gara aperta, tre contratti quadro a cascata; osserva che, secondo quanto osservato dalla Corte, i contratti quadro con la riapertura del confronto competitivo per ciascun contratto specifico risultano più appropriati, rispetto a quelli a cascata, per conseguire un buon rapporto costi/benefici nel caso di appalti in cui, nel momento in cui è bandita la gara, non si conoscono ancora i servizi effettivi da prestare; prende atto delle motivazioni dell'Autorità e apprende inoltre dalla risposta di quest'ultima che l'Autorità reputa il meccanismo a cascata più adatto al carattere a lungo termine del contratto quadro specifico;

Prevenzione e gestione dei conflitti di interesse e trasparenza

16.  riconosce le misure esistenti in seno all'Autorità e gli sforzi in corso per garantire la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse nonché la trasparenza; plaude alla recente decisione dell'Autorità concernente l'attuazione di norme che definiscono orientamenti volti a garantire la protezione degli informatori e la riservatezza della loro identità; accoglie con favore la politica aggiornata dell'Autorità in materia di indipendenza, adottata nel 2017 a seguito di consultazioni con i portatori di interesse e con il pubblico e che intende basarsi sulla politica che sostituisce in modo da garantire che l'Autorità possa trovare un giusto equilibrio tra attrarre le competenze pertinenti dalla comunità scientifica e tutelare le proprie attività da indebite influenze; si compiace inoltre della nuova definizione di "conflitto di interessi" adottata nella nuova politica dell'Autorità in materia di indipendenza; accoglie inoltre con favore la pubblicazione delle dichiarazioni di interessi dei membri del consiglio di amministrazione sul sito web dell'Autorità; si rammarica che i loro curriculum vitae non siano ancora pubblicati; osserva con soddisfazione che l'Autorità ha attuato norme in materia di gestione degli interessi concorrenti che dal luglio 2018 sostituiscono le norme del 2014 sulle dichiarazioni di interessi;

17.  rileva che il Parlamento ha ripetutamente invitato l'Autorità, attraverso le sue relazioni annuali di discarico, a istituire un periodo di transizione di due anni che impedirebbe agli esperti con interessi finanziari legati alle società le cui sostanze vengono valutate dall'Autorità di far parte dei gruppi di esperti scientifici o dei gruppi di lavoro dell'Autorità;

18.  è convinto che l'Autorità debba disporre di un bilancio e di risorse sufficienti a garantire l'assunzione di esperti indipendenti esenti da conflitti di interesse;

19.  esprime apprezzamento per l'impegno assunto dall'Autorità ad adottare una relazione annuale sulle attività in materia di indipendenza, che sarà allegata alla relazione annuale consolidata e includerà i risultati dei controlli di audit, di conformità e di veridicità;

20.  si compiace del fatto che gli esperti degli Stati membri dovranno ora presentare una dichiarazione pubblica di interessi all'Autorità; insiste affinché tali dichiarazioni siano verificate dall'Autorità e rese pubbliche;

21.  rileva che, secondo la relazione della Corte, vi è la necessità di rafforzare l'indipendenza del contabile facendo sì che risponda direttamente al direttore esecutivo e al consiglio di amministrazione dell'Autorità; apprende dalla risposta dell'Autorità che quest'ultima ha già predisposto requisiti formali per garantire l'indipendenza del contabile;

22.  ricorda le raccomandazioni contenute nella risoluzione del Parlamento del 16 gennaio 2019 sulla procedura di autorizzazione dei pesticidi nell'Unione, in particolare il suo invito all'Autorità a: migliorare la sua comunicazione dei rischi al fine di informare il pubblico in modo adeguato, comprensibile e facilmente accessibile; aggiornare regolarmente i propri documenti di orientamento in linea con gli sviluppi più recenti in tutti i settori interessati, al fine di valutare gli effetti a breve e a lungo termine dei livelli di residui di sostanze attive, formulazioni e miscele presenti nelle acque superficiali, nel suolo, nel vento e nella polvere; migliorare la facilità di consultazione delle informazioni fornite sul suo sito web e favorire l'estrazione di dati; pubblicare i propri pareri in riviste specializzate al fine di intensificare i dibattiti costruttivi e di incentivare e incoraggiare un maggior numero di esperti nazionali e di altri scienziati a partecipare ai suoi lavori;

Controlli interni

23.  osserva con soddisfazione che l'Autorità ha rivisto la sua procedura di gestione del rischio onde assicurare che sia presa in considerazione la totalità dei rischi e rileva inoltre che l'Autorità ha sviluppato una strategia antifrode a seguito di una valutazione del rischio interna condotta in ottemperanza alla metodologia e agli orientamenti dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode;

24.  constata che l'Autorità ha attuato una strategia di controllo finanziario ex post sotto forma di un approccio di controllo proporzionato, in linea con gli obblighi giuridici, e osserva inoltre che ha definito la governance in materia di garanzie e ha rivisto il suo quadro di controllo interno al fine di pervenire a un approccio basato su principi;

25.  prende atto che il Servizio di audit interno (SAI) della Commissione ha esaminato l'attuazione del piano d'azione risultante da una raccomandazione del SAI che incoraggiava ad aggiornare la governance informatica dell'Autorità e ha concluso che tutte le raccomandazioni di audit sono state attuate in maniera adeguata ed efficace;

26.  rileva che, secondo la relazione della Corte, il SAI ha stilato una relazione di audit, dal titolo "The process for Evaluation of Regulated Products: Assessment Phase in Pesticides Authorisation" (Il processo di valutazione dei prodotti disciplinati: fase di valutazione nell'autorizzazione dei pesticidi), contenente due osservazioni molto importanti; osserva che l'Autorità sta preparando un piano d'azione al riguardo; invita l'Autorità a riferire all'autorità di discarico in merito all'attuazione del piano d'azione;

o

o o

27.  rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del ... 2019(15) sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie.

24.1.2019

PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare

destinato alla commissione per il controllo dei bilanci

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per l'esercizio 2017

(2018/2190(DEC))

Relatore per parere: Adina-Ioana Vălean

SUGGERIMENTI

La commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare invita la commissione per il controllo dei bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  osserva che il bilancio definitivo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare ("l'Autorità") per l'esercizio 2017 ammontava a 79 223 730 EUR, importo che rappresenta una diminuzione dello 0,3 % rispetto al 2016; constata che l'intera dotazione di bilancio dell'Autorità proviene dal bilancio dell'Unione;

2.  rileva con soddisfazione che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi durante l'esercizio 2017 hanno avuto come risultato un tasso di esecuzione del bilancio pari al 99,98 %; osserva altresì che nel 2017 il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento ha raggiunto il 92,31 %, facendo registrare un incremento del 2,6 % rispetto al 2016;

3.  si compiace del contributo apportato dall'Autorità alla sicurezza della catena alimentare umana e animale dell'Unione e plaude al notevole impegno profuso nel fornire ai responsabili della gestione dei rischi dell'Unione pareri scientifici completi, indipendenti e aggiornati su questioni legate alla catena alimentare, comunicando chiaramente al pubblico i risultati e le informazioni su cui si basano, nonché collaborando con le parti interessate e i partner istituzionali al fine di promuovere la coerenza e la fiducia nel sistema di sicurezza alimentare dell'Unione;

4.  ritiene che l'Autorità debba continuare a prestare particolare attenzione all'opinione pubblica e impegnarsi a favore dell'apertura e della trasparenza;

5.  prende atto che nella tabella dell'organico per il 2017 sono stati soppressi sette posti da agente temporaneo e che 311 dei 323 posti autorizzati risultavano coperti al 31 dicembre 2017; sottolinea inoltre che 447 dei 463 posti disponibili (che includono funzionari, agenti temporanei, agenti contrattuali ed esperti nazionali distaccati) erano coperti al 31 dicembre 2017 (96,5 % a fronte del 95,7 % nel 2016);

6.  pone in evidenza che l'Autorità ha dato risposta a 779 interrogazioni mediante pareri scientifici, relazioni tecniche e pubblicazioni di supporto; deplora il crescente divario fra l'aumento dei compiti e la riduzione delle risorse, che ha comportato notevoli ritardi nella consegna di taluni progetti;

7.  riafferma la propria preoccupazione per il livello ripetutamente basso di stanziamenti finanziari destinati al bilancio dell'Autorità;

8.  ricorda che nel giugno 2017 il consiglio di amministrazione dell'Autorità ha adottato una nuova politica sull'indipendenza e accoglie con favore i numerosi miglioramenti concreti ivi contenuti, tra cui una maggiore trasparenza sull'identità degli esperti degli Stati membri che lavorano presso l'Autorità; si compiace inoltre che, a partire dal 2018, l'Autorità si sia impegnata a pubblicare una relazione annuale sulle attività legate all'indipendenza, sotto forma di allegato alla relazione annuale consolidata dell'Autorità;

9.  rileva che il Parlamento europeo ha ripetutamente invitato l'Autorità, attraverso le sue relazioni annuali di discarico, a istituire un periodo di transizione di due anni che impedirebbe agli esperti con interessi finanziari legati alle società le cui sostanze vengono valutate dall'Autorità di far parte dei gruppi di esperti scientifici o dei gruppi di lavoro dell'Autorità;

10.  si compiace del fatto che gli esperti degli Stati membri dovranno ora presentare una dichiarazione pubblica di interessi all'Autorità; insiste affinché tali dichiarazioni siano verificate dall'Autorità e rese pubbliche;

11.  è convinto che l'Autorità debba disporre di un bilancio e di risorse sufficienti a garantire l'assunzione di esperti indipendenti esenti da conflitti di interesse;

12.  prende atto dell'adozione, nel 2017, di una politica riveduta sulla tutela della dignità della persona e sulla prevenzione delle molestie psicologiche e sessuali; osserva che sono state ricevute due denunce formali per molestie, ma che a seguito dell'esame delle prove fornite è stato concluso che non sussisteva alcun principio di prova, necessario per l'avvio di un'indagine amministrativa;

13.  accoglie con favore il fatto che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all'affidabilità dei conti annuali dell'Autorità relativi al 2017 nonché alla legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti;

14.  raccomanda, sulla base dei dati disponibili, di concedere il discarico al direttore esecutivo dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per quanto riguarda l'esecuzione del bilancio dell'Autorità per l'esercizio 2017.

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

22.1.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

50

7

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Margrete Auken, Pilar Ayuso, Catherine Bearder, Ivo Belet, Simona Bonafè, Biljana Borzan, Paul Brannen, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Birgit Collin-Langen, Miriam Dalli, Seb Dance, Angélique Delahaye, Mark Demesmaeker, Stefan Eck, Bas Eickhout, José Inácio Faria, Karl-Heinz Florenz, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Arne Gericke, Jens Gieseke, Julie Girling, Sylvie Goddyn, Françoise Grossetête, Jytte Guteland, Anneli Jäätteenmäki, Jean-François Jalkh, Benedek Jávor, Kateřina Konečná, Urszula Krupa, Peter Liese, Valentinas Mazuronis, Susanne Melior, Miroslav Mikolášik, Rory Palmer, Gilles Pargneaux, Bolesław G. Piecha, Pavel Poc, John Procter, Frédérique Ries, Daciana Octavia Sârbu, Annie Schreijer-Pierik, Ivica Tolić, Nils Torvalds, Adina-Ioana Vălean, Jadwiga Wiśniewska, Damiano Zoffoli

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Cristian-Silviu Buşoi, Christophe Hansen, Martin Häusling, Anja Hazekamp, Jan Huitema, Tilly Metz, Bart Staes, Tiemo Wölken

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Olle Ludvigsson

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

50

+

ALDE

Catherine Bearder, Jan Huitema, Anneli Jäätteenmäki, Valentinas Mazuronis, Frédérique Ries, Nils Torvalds

ECR

Mark Demesmaeker

GUE/NGL

Stefan Eck, Anja Hazekamp, Kateřina Konečná

PPE

Pilar Ayuso, Ivo Belet, Cristian Silviu Buşoi, Birgit Collin Langen, Angélique Delahaye, José Inácio Faria, Karl Heinz Florenz, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Jens Gieseke, Julie Girling, Françoise Grossetête, Christophe Hansen, Peter Liese, Miroslav Mikolášik, Annie Schreijer Pierik, Ivica Tolić, Adina Ioana Vălean

S&D

Simona Bonafè, Biljana Borzan, Paul Brannen, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Miriam Dalli, Seb Dance, Jytte Guteland, Olle Ludvigsson, Susanne Melior, Rory Palmer, Gilles Pargneaux, Pavel Poc, Daciana Octavia Sârbu, Tiemo Wölken, Damiano Zoffoli

VERTS/ALE

Margrete Auken, Bas Eickhout, Martin Häusling, Benedek Jávor, Tilly Metz, Bart Staes

7

-

ECR

Arne Gericke, Urszula Krupa, Bolesław G. Piecha, John Procter, Jadwiga Wiśniewska

EFDD

Sylvie Goddyn

ENF

Jean-François Jalkh

0

0

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

20.2.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

21

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Inés Ayala Sender, Zigmantas Balčytis, Dennis de Jong, Tamás Deutsch, Martina Dlabajová, Ingeborg Gräßle, Jean-François Jalkh, Wolf Klinz, Monica Macovei, Georgi Pirinski, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Bart Staes, Marco Valli, Derek Vaughan, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Karin Kadenbach, Marian-Jean Marinescu

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Petra Kammerevert

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

21

+

ALDE

Nedzhmi Ali, Martina Dlabajová, Wolf Klinz

ECR

Monica Macovei

EFDD

Marco Valli

GUE/NGL

Dennis de Jong

PPE

Tamás Deutsch, Ingeborg Gräßle, Marian-Jean Marinescu, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

S&D

Inés Ayala Sender, Zigmantas Balčytis, Karin Kadenbach, Petra Kammerevert, Georgi Pirinski, Derek Vaughan

VERTS/ALE

Bart Staes

1

-

ENF

Jean-François Jalkh

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

(1)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 132.

(2)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 132.

(3)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(4)

GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

(5)

GU L 31 dell'1.2.2002, pag. 1.

(6)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(7)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 132.

(8)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 132.

(9)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(10)

GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

(11)

GU L 31 dell'1.2.2002, pag. 1.

(12)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(13)

Testi approvati, P8_TA(2019)0023.

(14)

GU C 311/03 del 19.9.2017, pag. 9.

(15)

Testi approvati, P8_TA-PROV(2019)0000.

Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019Avviso legale