Procedura : 2018/2192(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0129/2019

Testi presentati :

A8-0129/2019

Discussioni :

PV 26/03/2019 - 12
CRE 26/03/2019 - 12

Votazioni :

PV 26/03/2019 - 13.33

Testi approvati :

P8_TA(2019)0274

RELAZIONE     
PDF 170kWORD 56k
1.3.2019
PE 626.802v02-00 A8-0129/2019

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) per l'esercizio 2017

(2018/2192(DEC))

Commissione per il controllo dei bilanci

Relatore: Petri Sarvamaa

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2017

(2018/2192(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta dell'Agenzia(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(2) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2019 sul discarico da dare all'Agenzia per l'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0082/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(4), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (UE) n. 526/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo all'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) e che abroga il regolamento (CE) n. 460/2004(5), in particolare l'articolo 21,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(6), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per il controllo dei bilanci (A8-0129/2019),

1.  concede il discarico al direttore esecutivo dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia per l'esercizio 2017;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante al direttore esecutivo dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

2. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla chiusura dei conti dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2017

(2018/2192(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta dell'Agenzia(7),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(8) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2019 sul discarico da dare all'Agenzia per l'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0082/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(9), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(10), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (UE) n. 526/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo all'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) e che abroga il regolamento (CE) n. 460/2004(11), in particolare l'articolo 21,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(12), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per il controllo dei bilanci (A8-0129/2019),

1.  approva la chiusura dei conti dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione relativi all'esercizio 2017;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore esecutivo dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

3. PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2017

(2018/2192(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione per l'esercizio 2017,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per il controllo dei bilanci (A8-0129/2019),

A.  considerando che, stando al suo stato delle entrate e delle spese(13), il bilancio definitivo dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (l'"Agenzia") per l'esercizio 2017 ammontava a 11 175 224,40 EUR, con un aumento dell'1,28 % rispetto al 2016; che la dotazione dell'Agenzia proviene principalmente dal bilancio dell'Unione;

B.  considerando che la Corte dei conti ("la Corte"), nella sua relazione sui conti annuali dell'Agenzia relativi all'esercizio 2017 ("la relazione della Corte"), ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all'affidabilità dei conti annuali dell'Agenzia nonché alla legittimità e alla regolarità delle relative operazioni;

Gestione finanziaria e di bilancio

1.  osserva con soddisfazione che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi nel corso dell'esercizio 2017 si sono tradotti in un tasso di esecuzione del bilancio del 99,99 %, con un incremento dell'1,52 % rispetto all'esercizio 2016; constata che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato dell'88,19 %, il che rappresenta una leggera diminuzione dello 0,99 % rispetto al 2016;

Annullamento di riporti

2.  rileva con preoccupazione che l'annullamento di riporti dal 2016 al 2017 è ammontato a 90 916 EUR, il che corrisponde al 9,39 % dell'importo totale riportato, registrando un aumento del 3,67 % rispetto al 2016;

Performance

3.  osserva con soddisfazione che l'Agenzia utilizza determinati indicatori chiave di performance per valutare il valore aggiunto delle sue attività e per migliorare la sua gestione di bilancio, ponendo l'accento su indicatori maggiormente qualitativi per valutare il livello di conseguimento dei suoi obiettivi operativi e su indicatori maggiormente quantitativi per quanto concerne i suoi obiettivi amministrativi; rileva inoltre che gli indicatori di impatto dimostrano che i risultati dell'Agenzia hanno superato gli obiettivi stabiliti nel programma di lavoro per il 2017, nel quadro della strategia dell'ENISA per il periodo 2016-2020; invita l'Agenzia a sviluppare ulteriormente gli indicatori chiave di performance ai fini di una migliore valutazione dei risultati e dell'impatto delle sue attività, in modo da ottenere indicazioni su come garantire un maggiore valore aggiunto ai risultati dell'Agenzia;

4.  rileva con soddisfazione che nel 2017 l'Agenzia ha avviato il processo inteso ad assistere gli Stati membri nell'attuazione della direttiva (UE) 2016/1148(14) e, in collaborazione con le autorità di diversi Stati membri, ha messo a punto uno strumento per valutare la gravità delle violazioni dei dati, in modo da istituire una quadro coerente a livello di Unione;

5.  osserva inoltre che nel 2017 l'ENISA ha vinto il premio del Mediatore europeo per la buona amministrazione nella categoria "eccellenza nel settore dell'innovazione e della trasformazione";

6.  prende atto con soddisfazione che l'Agenzia e il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale hanno firmato un accordo sul livello dei servizi che consente loro di condividere, tra le altre sinergie, le strutture congressuali e lo spazio di archiviazione;

7.  prende atto del fatto che nel 2017 è stato condotto per conto della Commissione uno studio sulla valutazione esterna della performance dell'Agenzia nel periodo 2013-2016; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico in merito ai risultati di tale studio e alle azioni corrispondenti adottate in risposta alle raccomandazioni formulate;

Politica del personale

8.  osserva con preoccupazione che, al 31 dicembre 2017, l'organico era completo solo all'87,5 %, con la nomina di 42 agenti temporanei sui 48 autorizzati a titolo del bilancio dell'Unione (a fronte di 48 posti autorizzati nel 2016); rileva inoltre che nel 2017 hanno lavorato per l'Agenzia 29 agenti contrattuali e tre esperti nazionali distaccati;

9.  constata che l'Agenzia ha adottato una politica intesa a proteggere la dignità della persona e a prevenire le molestie; rileva che ha organizzato sessioni di formazione e ha reso possibile l'assistenza confidenziale;

10.  apprende dalla relazione della Corte che, nel 2016, l'Agenzia ha trasferito altri 8 effettivi ad Atene, riducendo così a 14 il numero degli effettivi in servizio a Heraklion; osserva che, secondo l'Agenzia, alla fine del 2017 il numero di effettivi è stato ulteriormente ridotto a 11; evidenzia che, secondo la relazione della Corte del 2013, con ogni probabilità si potrebbero ridurre ulteriormente i costi se tutto il personale fosse concentrato in un'unica sede; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico in merito a possibili misure per far fronte a tale situazione;

11.  osserva con preoccupazione che l'Agenzia ha difficoltà ad assumere, attrarre e mantenere personale adeguatamente qualificato, principalmente a causa della tipologia dei posti offerti (posti per agenti contrattuali) e del basso coefficiente correttore applicato ai salari del personale dell'Agenzia in Grecia;

12.  accoglie con favore il suggerimento della Corte di pubblicare gli avvisi di posti vacanti anche sul sito web dell'Ufficio europeo di selezione del personale ai fini di una maggiore pubblicità; comprende le preoccupazioni dell'Agenzia in merito ai costi di traduzione;

13.  si rammarica del fatto che, come sottolineato dalla Corte, il passaggio delle consegne al nuovo contabile dell'Agenzia non sia stato effettuato correttamente e, in particolare, che non sia stata presentata alcuna relazione di passaggio delle consegne al nuovo contabile; apprende dalla risposta dell'Agenzia che si sono tenute riunioni informali finalizzate al trasferimento delle conoscenze e che l'Agenzia attuerà misure correttive onde garantire un adeguato processo di passaggio delle consegne al nuovo personale in futuro; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico in merito all'attuazione delle misure correttive;

Prevenzione e gestione dei conflitti di interesse e trasparenza

14.  prende atto delle misure esistenti in seno all'Agenzia e degli sforzi in corso per garantire la trasparenza, la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse nonché la protezione degli informatori; osserva tuttavia con preoccupazione che sul sito web dell'Agenzia sono pubblicati soltanto i curriculum vitae del direttore esecutivo e del presidente del consiglio di amministrazione e che, inoltre, l'Agenzia pubblica sul suo sito solo la dichiarazione relativa ai conflitti di interesse del direttore esecutivo, ma non quella degli altri dirigenti di alto livello; invita l'Agenzia a pubblicare i curriculum vitae di tutti i membri del consiglio di amministrazione e le dichiarazioni relative ai conflitti di interesse del suo quadro dirigenziale di alto livello, nonché a riferire all'autorità di discarico sulle misure adottate al riguardo;

Altre osservazioni

15.  osserva con preoccupazione che, a differenza della maggior parte delle altre agenzie, l'Agenzia non ha svolto un'analisi esauriente del possibile impatto della decisione del Regno Unito di recedere dall'Unione europea per quanto concerne la propria organizzazione, le operazioni e i conti; constata, sulla base della risposta dell'Agenzia, che quest'ultima ha rivisto alcune delle sue procedure interne al riguardo; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico in merito alle misure adottate per attenuare i possibili rischi connessi;

16.  prende atto degli sforzi moderati compiuti dall'Agenzia per garantire l'efficienza in termini di costi e la compatibilità ambientale del luogo di lavoro; sottolinea che l'Agenzia non dispone di misure supplementari per ridurre o compensare le emissioni di CO2;

o

o o

17.  rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del ... 2019(15) sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie.

INFORMAZIONI SULL'APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

20.2.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

20

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Inés Ayala Sender, Zigmantas Balčytis, Dennis de Jong, Tamás Deutsch, Martina Dlabajová, Ingeborg Gräßle, Jean-François Jalkh, Wolf Klinz, Monica Macovei, Georgi Pirinski, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Bart Staes, Marco Valli, Derek Vaughan, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Karin Kadenbach

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Petra Kammerevert

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

20

+

ALDE

Nedzhmi Ali, Martina Dlabajová, Wolf Klinz

ECR

Monica Macovei

EFDD

Marco Valli

GUE/NGL

Dennis de Jong

PPE

Tamás Deutsch, Ingeborg Gräßle, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

S&D

Inés Ayala Sender, Zigmantas Balčytis, Karin Kadenbach, Petra Kammerevert, Georgi Pirinski, Derek Vaughan

VERTS/ALE

Bart Staes

1

-

ENF

Jean-François Jalkh

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

(1)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 79.

(2)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 79.

(3)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(4)

GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

(5)

GU L 165 del 18.6.2013, pag. 41.

(6)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(7)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 79.

(8)

GU L 434 del 30.11.2018, pag. 79.

(9)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(10)

GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

(11)

GU L 165 del 18.6.2013, pag. 41.

(12)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(13)

GU C 116/05 del 28.3.2018, pag. 20.

(14)

Direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell'Unione. GU L 194 del 19.7.2016, pag. 1.

(15)

Testi approvati, P8_TA(2019)0000.

Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019Avviso legale