Procedura : 2018/2185(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0135/2019

Testi presentati :

A8-0135/2019

Discussioni :

PV 26/03/2019 - 12
CRE 26/03/2019 - 12

Votazioni :

PV 26/03/2019 - 13.30
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2019)0271

RELAZIONE     
PDF 188kWORD 62k
1.3.2019
PE 626.799v02-00 A8-0135/2019

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) per l'esercizio 2017

(2018/2185(DEC))

Commissione per il controllo dei bilanci

Relatore: Petri Sarvamaa

EMENDAMENTI
1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

1. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per i medicinali per l'esercizio 2017

(2018/2185(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per i medicinali relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia europea per i medicinali relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta dell'Agenzia(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(2) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017 a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2019 sul discarico da dare all'Agenzia per l'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0075/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(4), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (CE) n. 726/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, che istituisce procedure comunitarie per l'autorizzazione e la sorveglianza dei medicinali per uso umano e veterinario, e che istituisce l'agenzia europea per i medicinali(5), in particolare l'articolo 68,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(6), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0135/2019),

1.  concede il discarico al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per i medicinali per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia per l'esercizio 2017;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il Suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante, al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per i medicinali, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

2. PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla chiusura dei conti dell'Agenzia europea per i medicinali per l'esercizio 2017

(2018/2185(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi dell'Agenzia europea per i medicinali relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell'Agenzia europea per i medicinali relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta dell'Agenzia(7),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(8) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017 a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 12 febbraio 2019 sul discarico da dare all'Agenzia per l'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (005825/2019 – C8-0075/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(9), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(10), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (CE) n. 726/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, che istituisce procedure comunitarie per l'autorizzazione e la sorveglianza dei medicinali per uso umano e veterinario, e che istituisce l'agenzia europea per i medicinali(11), in particolare l'articolo 68,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(12), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0135/2019),

1.  approva la chiusura dei conti dell'Agenzia europea per i medicinali relativi all'esercizio 2017;

2.  incarica il Suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per i medicinali , al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

3. PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per i medicinali per l'esercizio 2017

(2018/2185(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per i medicinali per l'esercizio 2017,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (A8-0135/2019),

A.  considerando che, stando allo stato delle entrate e delle spese(13) dell'Agenzia europea per i medicinali ("l'Agenzia"), il bilancio definitivo di quest'ultima per l'esercizio 2017 ammontava a 331 266 000 EUR, il che rappresenta un incremento del 7,41 % rispetto al 2016; che l'Agenzia è finanziata mediante tariffe e che le sue entrate nel 2017 provenivano per l'86 % da tariffe corrisposte dalle compagnie farmaceutiche per i servizi forniti e per il 12 % dal bilancio dell'Unione;

B.  considerando che la Corte dei conti ("la Corte"), nella sua relazione sui conti annuali dell'Agenzia relativi all'esercizio 2017 (la "relazione della Corte"), ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all'affidabilità dei conti annuali dell'Agenzia nonché alla legittimità e alla regolarità delle operazioni sottostanti;

Gestione finanziaria e di bilancio

1.  osserva che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi durante l'esercizio 2017 hanno avuto come risultato un tasso di esecuzione del bilancio del 92,92 %, con una diminuzione del 3,38 % rispetto al 2016; rileva inoltre che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato del 76,62 %, con una riduzione del 5,73 % rispetto al 2016;

Annullamento di riporti

2.  osserva con rammarico che l'annullamento di riporti dal 2016 al 2017 è ammontato a 4 350 908 EUR, il che corrisponde al 10,11 % dell'importo totale riportato, registrando un considerevole aumento del 5,65 % rispetto al 2016; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico in merito alle misure adottate per garantire il completo utilizzo degli stanziamenti riportati, al fine di evitare il disimpegno di ingenti risorse;

Performance

3.  rileva che l'Agenzia utilizza diversi indicatori chiave di prestazione, tra cui una combinazione di indicatori operativi, di gestione/governance e di comunicazione/parti interessate per misurare il suo carico di lavoro, l'attuazione del suo programma di lavoro e la soddisfazione delle parti interessate, al fine di stimare il valore aggiunto apportato dalle sue attività, e che essa inoltre utilizza la pianificazione e la metodologia di monitoraggio del bilancio per migliorare la sua gestione del bilancio;

4.  osserva che l'Agenzia ha attuato nel novembre 2017 una nuova versione migliorata del sistema EudraVigilance, un sistema di informazione utilizzato per segnalare sospetti effetti collaterali dei medicinali;

5.  ribadisce il ruolo importante che l'Agenzia svolge nella protezione e promozione della salute pubblica e animale attraverso la valutazione e la vigilanza sui medicinali per uso umano e veterinario;

6.  sottolinea che diverse attività dell'Agenzia sono state ritardate o rinviate a causa della Brexit o di circostanze esterne;

7.  evidenzia che nel 2017 l'Agenzia ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio di 110 nuovi medicinali (92 per uso umano e 18 per uso veterinario) e che questi comprendevano 42 nuove sostanze attive (35 per uso umano e 7 per uso veterinario);

8.  si compiace del fatto che nel 2017 l'Agenzia abbia attuato un piano di comunicazione che rafforza la collaborazione con le autorità nazionali competenti e le organizzazioni di pazienti e consumatori nonché degli operatori sanitari;

9.  rileva con soddisfazione che l'Agenzia coopera con altre agenzie in materia di risultati scientifici congiunti e procede a scambi di sostegno e dati scientifici; rileva inoltre che l'Agenzia ha accordi formali di lavoro con i suoi cinque principali partner di agenzia;

10.  rileva che il consiglio di amministrazione dell'Agenzia ha adottato il piano di lavoro pluriennale 2018-2020, che sostiene l'attuazione della strategia comune per la rete europea di regolamentazione dei medicinali e delinea inoltre le iniziative e le attività chiave per i prossimi anni;

Politica del personale

11.  rileva che, al 31 dicembre 2017, l'organico era completo al 97,82 %, con la nomina di 583 su 596 agenti temporanei autorizzati a titolo del bilancio dell'Unione (rispetto ai 602 posti autorizzati nel 2016); osserva inoltre che nel 2017 hanno lavorato per l'Agenzia 147 agenti contrattuali e 36 esperti nazionali distaccati; rileva che le spese per il personale sono aumentate di 10 milioni di EUR; chiede all'Agenzia di riferire in modo esauriente in merito a tali spese; esorta l'Agenzia a non sostituire il personale permanente con agenti contrattuali più costosi;

12.  rileva che l'Agenzia ha adottato la decisione modello della Commissione sulla politica in materia di protezione della dignità della persona e di prevenzione delle molestie; osserva che l'Agenzia ha istituito un sistema di consulenti riservati a seguito di un invito a esprimersi tra agenzie e ha nominato un coordinatore per la prevenzione delle molestie;

13.  rileva con preoccupazione che, secondo l'Agenzia e la relazione della Corte, sebbene all'Agenzia siano stati assegnati nuovi compiti significativi, la sua tabella dell'organico non è stata aumentata nel 2017, il che ha determinato una dipendenza critica dalle competenze esterne negli ambiti interessati; accoglie con favore il fatto che il rappresentante della DG SANTE abbia comunicato verbalmente al consiglio di amministrazione dell'Agenzia che la richiesta di quest'ultima di assumere fino a 40 agenti contrattuali a tempo determinato nel 2019 è stata accettata; accoglie con favore le misure già adottate dall'Agenzia per ridurre i rischi in questione e la invita a riferire all'autorità di discarico in merito a ulteriori decisioni adottate per migliorare la situazione;

14.  accoglie con favore il suggerimento della Corte di pubblicare gli avvisi di posti vacanti anche sul sito web dell'Ufficio europeo di selezione del personale ai fini di una maggiore pubblicità; comprende le preoccupazioni dell'Agenzia relativamente ai costi di traduzione;

Appalti

15.  apprende dalla relazione della Corte che, alla fine del 2017, l'Agenzia non aveva ancora posto in essere tutti gli strumenti lanciati dalla Commissione per introdurre una soluzione unica per lo scambio elettronico delle informazioni con i terzi che partecipano alle procedure di appalto pubblico (e-procurement); osserva che l'Agenzia, stando alla sua risposta, ha firmato un memorandum d'intesa con la Commissione per l'accesso alla presentazione elettronica delle offerte e l'impiego della stessa; invita l'Agenzia a introdurre tutti gli strumenti necessari e riferire all'autorità di discarico in merito ai progressi compiuti in tale ambito;

Prevenzione e gestione dei conflitti d'interesse e trasparenza

16.   sottolinea che i clienti dell'Agenzia – l'industria farmaceutica – pagano per la procedura e non per l'esito delle valutazioni dell'Agenzia; rileva che l'Agenzia ritiene di formulare le proprie raccomandazioni in modo indipendente, quindi senza che insorgano conflitti di interesse, rispetto ai quali eventuali rischi potenziali sono tuttavia debitamente considerati, prevenuti e attenuati;

17.  si compiace del fatto che l'Agenzia chieda anche a tutti i consulenti informatici di firmare dichiarazioni individuali di interesse e di riservatezza all'inizio del loro incarico;

18.  prende atto delle misure esistenti dell'Agenzia e degli sforzi in corso per garantire la trasparenza e la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse nonché la protezione degli informatori; rileva con preoccupazione che nel 2017 l'Agenzia ha ricevuto 25 relazioni su casi di segnalazioni spontanee di irregolarità provenienti da una fonte esterna, che 15 casi sono stati chiusi nel 2017 e 10 casi sono ancora in corso; invita l'Agenzia a comunicare all'autorità di discarico qualsiasi sviluppo a tal riguardo;

19.   sottolinea che non è stata avviata alcuna procedura per abuso di fiducia nei confronti dei membri del consiglio di amministrazione, dei membri dei comitati scientifici o degli esperti e che nel 2017 non sono stati rilevati casi di conflitti di interesse nei confronti del personale;

20.  rileva che l'Agenzia incontra attori esterni e dispone di norme che disciplinano le sue interazioni con le parti interessate e inoltre che pubblica sul suo sito web i verbali delle riunioni con i "rappresentanti di interessi"; rileva con soddisfazione che l'Agenzia ha sviluppato, in consultazione con la Commissione, un quadro per la gestione delle relazioni con le parti interessate, che comprende misure di trasparenza;

21.  apprende dalla relazione della Corte che vi è la necessità di rafforzare l'indipendenza del contabile facendo sì che risponda direttamente al direttore esecutivo e al consiglio di amministrazione dell'Agenzia; osserva che l'Agenzia, stando alla sua risposta, è soddisfatta del livello di indipendenza garantito dal sistema attuale, ma esaminerà comunque quali modifiche potrebbero essere introdotte; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico sugli sviluppi a tal riguardo; rileva inoltre che l'Agenzia ha avviato la riconvalida dei suoi sistemi contabili nel marzo 2018;

22.  accoglie con favore l'indagine avviata dal Mediatore europeo in merito alle modalità pratiche poste in essere dall'Agenzia relativamente ai contatti con i produttori di medicinali prima che questi richiedano l'autorizzazione a commercializzare i loro medicinali nell'Unione e si compiace del fatto che tutte le parti interessate siano invitate a presentare le loro osservazioni al riguardo, soprattutto perché le entrate dell'Agenzia in termini di diritti e oneri relativi alle autorizzazioni all'immissione in commercio sono aumentate di 14 milioni di euro;

23.  apprende dall'Agenzia che le riunioni prima della presentazione delle domande contribuiscono allo sviluppo dei medicinali; osserva che, alla luce di tali riunioni, gli esperti del Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) svolgono il ruolo sia di consulenti che di valutatori delle domande di autorizzazione all'immissione in commercio; invita l'Agenzia a pubblicare, quanto meno, un elenco delle attività preliminari alla presentazione delle domande, una volta che sia stata concessa l'autorizzazione all'immissione in commercio;

Audit interno

24.  rileva con preoccupazione che il servizio di audit interno della Commissione ha effettuato un audit sull'attuazione, da parte dell'Agenzia, del regolamento sulle tariffe di farmacovigilanza(14), concludendo che, sebbene la struttura della gestione e del sistema di controllo interno sia adeguata, vi è una carenza significativa, registrata come raccomandazione "molto importante", riguardante la gestione da parte dell'Agenzia del continuo disavanzo tra le entrate derivanti dalle tariffe di farmacovigilanza e i relativi costi; osserva che l'Agenzia ha elaborato un piano d'azione che comprende la valutazione in corso da parte della Commissione dell'attuale sistema tariffario e remunerativo; invita l'Agenzia a riferire all'autorità di discarico in merito alle azioni correttive adottate in risposta a tali raccomandazioni;

Altre osservazioni

25.  osserva che la Corte ha aggiunto un "paragrafo d'enfasi" relativamente alle due agenzie con sede a Londra, riguardante la decisione del Regno Unito di recedere dall'Unione europea; osserva che la sede dell'Agenzia si trasferirà ad Amsterdam all'inizio del 2019 e che i conti dell'Agenzia comprendono accantonamenti per i relativi costi per un importo di 18 600 000 EUR; deplora che il contratto di locazione dei locali con sede a Londra stabilisca un periodo di locazione fino al 2039 senza clausola di recesso; deplora profondamente che la nota integrativa indichi un importo di 489 000 000 EUR di canoni di locazione rimanenti fino al 2039, di cui un importo massimo di 465 000 000 EUR corrispondente al periodo di locazione dopo il previsto trasferimento dell'Agenzia ad Amsterdam è indicato come passività potenziale; esorta l'Agenzia e la Commissione europea a fare tutto il possibile per ridurre al minimo l'impatto finanziario, amministrativo e operativo del contratto di locazione sfavorevole e a riferire all'autorità di discarico sugli sviluppi al riguardo;

26.  rileva che l'Agenzia ha istituito una task force sull'operatività e il trasferimento per garantire di adottare tutte le misure necessarie per mantenere la continuità delle sue attività in seguito al recesso del Regno Unito dall'Unione europea e al trasferimento dell'Agenzia nei Paesi Bassi; rileva con soddisfazione che nel 2017 l'Agenzia ha adottato diverse misure per il trasferimento ad Amsterdam, tra cui una valutazione d'impatto, sondaggi presso il personale, una strategia specifica di assunzione e selezione a seguito della decisione del Regno Unito di recedere dall'Unione europea e preparativi per il trasferimento dei centri dati dell'Agenzia;

27.  evidenzia che, secondo l'Agenzia, è necessario ridistribuire risorse considerevoli verso le attività di trasferimento e che la carenza di risorse umane può comportare sfide per l'Agenzia nell'adempimento delle sue responsabilità fondamentali e legislative; invita l'Agenzia a comunicare all'autorità di discarico qualsiasi sviluppo a tal riguardo;

°

°  °

28.  rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del ... 2019(15) sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie.

23.1.2019

PARERE della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare

destinato alla commissione per il controllo dei bilanci

sul discarico per l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) per l'esercizio 2017

(2018/2185(DEC))

Relatore per parere: Adina Ioana Vălean

SUGGERIMENTI

La commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare invita la commissione per il controllo dei bilanci, competente per il merito, a includere nella proposta di risoluzione che approverà i seguenti suggerimenti:

1.  sottolinea che l'Agenzia è un'agenzia finanziata mediante canoni per i servizi forniti, che nel 2017 l’88 % delle sue entrate era costituito da canoni versati dall'industria farmaceutica, il 9 % era a carico del bilancio dell'Unione e il 3 % era costituito da canoni con destinazione specifica esterna;

2.  osserva che il bilancio definitivo dell'Agenzia per l'esercizio finanziario 2017 ammontava a 331 266 000 EUR, importo che rappresenta un aumento del 7,4 % rispetto al 2016;

3.  sottolinea che, durante l'esercizio finanziario 2017, il tasso di esecuzione del bilancio ha raggiunto il 92,92 %, con una diminuzione di 3,38 punti percentuali rispetto al 2016; rileva inoltre che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato dell'82,45%, il che corrisponde a una diminuzione di 3,06 punti percentuali rispetto al 2016;

4.  osserva che il 31 dicembre 2017 erano occupati 583 posti (dei 596 posti autorizzati nel bilancio 2017 dell'Unione) (rispetto a 587 posti su 602 posti autorizzati nel 2016); si rammarica del fatto che all'Agenzia siano stati assegnati nuovi compiti senza alcun aumento di organico, il che ha portato a una dipendenza critica da consulenze esterne; sottolinea che il trasferimento dell'Agenzia richiede risorse consistenti, e che ciò porterà a una carenza di risorse umane, cosa che può incidere negativamente sulla capacità dell'Agenzia di adempiere alle sue responsabilità fondamentali e legislative;

5.  ribadisce il ruolo importante che l'Agenzia svolge nella protezione e promozione della salute pubblica e animale attraverso la valutazione e la vigilanza sui medicinali per uso umano e veterinario;

6.  sottolinea che diverse attività dell'Agenzia sono state ritardate o rinviate a causa della Brexit o di circostanze esterne;

7.  evidenzia che nel 2017 l'Agenzia ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio di 110 nuovi medicinali (92 per uso umano e 18 per uso veterinario) e che questi comprendevano 42 nuove sostanze attive (35 per uso umano e 7 per uso veterinario);

8.  sottolinea che il consiglio di amministrazione ha adottato una decisione sulla tutela della dignità della persona e la prevenzione delle molestie psicologiche e sessuali;

9.   sottolinea che non è stata avviata alcuna procedura per abuso di fiducia nei confronti dei membri del consiglio di amministrazione, dei membri dei comitati scientifici o degli esperti e che nel 2017 non sono stati rilevati casi di conflitti di interesse nei confronti del personale;

10.  prende atto del fatto che nel 2017 l'Agenzia non ha registrato alcun caso di denuncia di irregolarità interna e ha ricevuto 25 relazioni da una fonte esterna, 10 delle quali erano ancora in corso il 31 dicembre 2017; osserva che in due casi è stata intrapresa un'azione normativa a livello di Stato membro;

11.  si compiace del fatto che nel 2017 l'Agenzia abbia attuato un piano di comunicazione che rafforza la collaborazione con le autorità nazionali competenti e le organizzazioni di pazienti e consumatori nonché degli operatori sanitari;

12.  rileva con soddisfazione che l’Agenzia coopera con altre agenzie, in particolare con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) nel settore della resistenza antimicrobica;

13.  accoglie con favore il fatto che la Corte dei conti abbia dichiarato di aver ottenuto una garanzia ragionevole dell'affidabilità dei conti annuali dell'Agenzia per l'esercizio 2017 nonché della legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti;

14.  raccomanda, sulla base dei dati disponibili, di concedere il discarico al direttore esecutivo dell'Agenzia europea per i medicinali in relazione all'esecuzione del bilancio dell'Agenzia per l'esercizio 2017.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Approvazione

22.1.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

48

6

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Margrete Auken, Pilar Ayuso, Catherine Bearder, Ivo Belet, Simona Bonafè, Biljana Borzan, Paul Brannen, Soledad Cabezón Ruiz, Nessa Childers, Birgit Collin-Langen, Miriam Dalli, Seb Dance, Angélique Delahaye, Mark Demesmaeker, Stefan Eck, Bas Eickhout, José Inácio Faria, Karl-Heinz Florenz, Francesc Gambús, Elisabetta Gardini, Arne Gericke, Jens Gieseke, Julie Girling, Sylvie Goddyn, Françoise Grossetête, Jytte Guteland, Anneli Jäätteenmäki, Jean-François Jalkh, Benedek Jávor, Kateřina Konečná, Urszula Krupa, Peter Liese, Valentinas Mazuronis, Susanne Melior, Miroslav Mikolášik, Rory Palmer, Gilles Pargneaux, Bolesław G. Piecha, Pavel Poc, John Procter, Frédérique Ries, Daciana Octavia Sârbu, Annie Schreijer-Pierik, Ivica Tolić, Nils Torvalds, Adina-Ioana Vălean, Damiano Zoffoli

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Cristian-Silviu Buşoi, Christophe Hansen, Martin Häusling, Anja Hazekamp, Jan Huitema, Tilly Metz, Bart Staes, Tiemo Wölken

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Olle Ludvigsson

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

48

+

ALDE

Catherine Bearder, Jan Huitema, Anneli Jäätteenmäki, Valentinas Mazuronis, Frédérique Ries, Nils Torvalds

ECR

Mark Demesmaeker

GUE/NGL 

Stefan Eck, Anja Hazekamp, Kateřina Konečná

PPE

Pilar Ayuso, Ivo Belet, Cristian Silviu Buşoi, Birgit Collin Langen, Angélique Delahaye, José Inácio Faria, Karl-Heinz Florenz, Francesc Gambús, Jens Gieseke, Julie Girling, Françoise Grossetête, Christophe Hansen, Peter Liese, Miroslav Mikolášik, Annie Schreijer Pierik, Ivica Tolić, Adina Ioana Vălean

S&D

Simona Bonafè, Biljana Borzan, Paul Brannen, Soledad Cabezón Ruiz, Miriam Dalli, Seb Dance, Jytte Guteland, Olle Ludvigsson, Susanne Melior, Rory Palmer, Gilles Pargneaux, Pavel Poc, Daciana Octavia Sârbu, Tiemo Wölken, Damiano Zoffoli

VERTS/ALE

Margrete Auken, Bas Eickhout, Martin Häusling, Benedek Jávor, Tilly Metz, Bart Staes

6

-

ECR

Arne Gericke, Urszula Krupa, Bolesław G. Piecha, John Procter

ENF

Jean-François Jalkh

S&D

Nessa Childers

2

0

EFDD

Sylvie Goddyn

PPE

Elisabetta Gardini

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

20.2.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

20

1

0

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Nedzhmi Ali, Inés Ayala Sender, Zigmantas Balčytis, Dennis de Jong, Tamás Deutsch, Martina Dlabajová, Ingeborg Gräßle, Jean-François Jalkh, Wolf Klinz, Monica Macovei, Georgi Pirinski, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Bart Staes, Marco Valli, Derek Vaughan, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Karin Kadenbach

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Petra Kammerevert

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALEIN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

20

+

ALDE

Nedzhmi Ali, Martina Dlabajová, Wolf Klinz

ECR

Monica Macovei

EFDD

Marco Valli

GUE/NGL

Dennis de Jong

PPE

Tamás Deutsch, Ingeborg Gräßle, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Petri Sarvamaa, Claudia Schmidt, Tomáš Zdechovský, Joachim Zeller

S&D

Inés Ayala Sender, Zigmantas Balčytis, Karin Kadenbach, Petra Kammerevert, Georgi Pirinski, Derek Vaughan

VERTS/ALE

Bart Staes

1

-

ENF

Jean-François Jalkh

0

0

 

 

Significato dei simboli utilizzati:

+  :  favorevoli

-  :  contrari

0  :  astenuti

(1)

GU C 434 del 30.11.2018, pag. 141.

(2)

GU C 434 del 30.11.2018, pag. 141.

(3)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(4)

GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

(5)

GU L 136 del 30.4.2004, pag. 1.

(6)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(7)

GU C 434 del 30.11.2018, pag. 141.

(8)

GU C 434 del 30.11.2018, pag. 141.

(9)

GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.

(10)

GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

(11)

GU L 136 del 30.4.2004, pag. 1.

(12)

GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.

(13)

GU C 420/01 del 07.12.2017, pag. 3.

(14)

Regolamento (UE) n. 658/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, sulle tariffe pagabili all'Agenzia europea per i medicinali per lo svolgimento delle attività di farmacovigilanza relative ai medicinali per uso umano (GU L 189 del 27.6.2014, pag. 112).

(15)

Testi approvati, P8_TA(2019)0000.

Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2019Avviso legale