Procedura : 2019/2021(BUD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A9-0005/2019

Testi presentati :

A9-0005/2019

Discussioni :

Votazioni :

PV 18/09/2019 - 9.1

Testi approvati :

P9_TA(2019)0011

<Date>{09/09/2019}9.9.2019</Date>
<NoDocSe>A9-0005/2019</NoDocSe>
PDF 145kWORD 52k

<TitreType>RELAZIONE</TitreType>

<Titre>sulla posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019 dell'Unione europea per l'esercizio 2019, che iscrive l'eccedenza dell'esercizio 2018</Titre>

<DocRef>(11730/2019 – C9-0115/2019 – 2019/2021(BUD))</DocRef>


<Commission>{BUDG}Commissione per i bilanci</Commission>

Relatore: <Depute>John Howarth</Depute>

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019 dell'Unione europea per l'esercizio 2019, che iscrive l'eccedenza dell'esercizio 2018

(11730/2019 – C9-0115/2019 – 2019/2021(BUD))

Il Parlamento europeo,

 visto l'articolo 314 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

 visto l'articolo 106 bis del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica,

 visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012[1], in particolare gli articoli 18, paragrafo 3, e 44,

 visto il bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2019, definitivamente adottato il 12 dicembre 2018[2],

 visto il regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio, del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020[3],

 visto l'accordo interistituzionale del 2 dicembre 2013 tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria[4],

 vista la decisione 2014/335/UE, Euratom del Consiglio, del 26 maggio 2014, relativa al sistema delle risorse proprie dell'Unione europea[5],

 visto il progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019 adottato dalla Commissione il 15 aprile 2019 (COM(2019)0300),

 vista la posizione sul progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019 adottata dal Consiglio il 3 settembre 2019 e comunicata al Parlamento europeo lo stesso giorno (11730/2019 – C9-0115/2019),

 visti gli articoli 94 e 96 del suo regolamento,

 vista la relazione della commissione per i bilanci (A9-0005/2019),

A. considerando che il progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019 mira a iscrivere nel bilancio 2019 l'eccedenza derivante dall'esecuzione dell'esercizio 2018, che ammonta a 1 802 milioni di EUR;

B. considerando che i principali elementi che hanno determinato tale eccedenza sono un'iscrizione in eccesso delle entrate pari a 1 274,6 milioni di EUR e una sottoesecuzione delle spese pari a 527,8 milioni di EUR;

C. considerando che, sul lato delle entrate, la differenza maggiore deriva da interessi di mora e ammende (1 312,6 milioni di EUR) e che il risultato dell'esecuzione del bilancio è composto di ammende e di interessi di mora in materia di concorrenza, di altre penali e interessi connessi ad ammende e penali;

D. considerando che, sul versante delle spese, la sottoesecuzione dei pagamenti da parte della Commissione raggiunge 322,2 milioni di EUR per il 2018 (di cui 120 milioni della riserva per gli aiuti d'urgenza) e 68 milioni di EUR per i riporti dal 2017, e che la sottoesecuzione da parte delle altre istituzioni è pari a 75,9 milioni di EUR per il 2018 e a 61,6 milioni di EUR per i riporti dal 2017;

1. prende atto del progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019 presentato dalla Commissione, che mira unicamente a iscrivere in bilancio l'eccedenza derivante dall'esecuzione dell'esercizio 2018, per un importo pari a 1 803 milioni di EUR, in conformità dell'articolo 18 del regolamento finanziario, e della posizione del Consiglio al riguardo;

2. osserva che, secondo la Commissione, nel 2018 le ammende nel settore della concorrenza sono ammontate a 1 149 milioni di EUR; ritiene nuovamente che, oltre all'eccedenza derivante dalla sottoesecuzione, il bilancio dell'Unione dovrebbe poter riutilizzare eventuali entrate derivanti da ammende o connesse a pagamenti tardivi, senza una corrispondente diminuzione dei contributi basati sul RNL; ricorda la propria posizione a favore di un aumento della riserva dell'Unione prevista nel prossimo quadro finanziario pluriennale, di un importo equivalente al gettito di ammende e sanzioni;

3. approva la posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n. 1/2019;

4. incarica il suo Presidente di constatare che il bilancio rettificativo n. 1/2019 è definitivamente adottato e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;

5. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione nonché alle altre istituzioni e agli organi interessati e ai parlamenti nazionali.

INFORMAZIONI SULL’APPROVAZIONE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Approvazione

3.9.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

32

4

1

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Rasmus Andresen, Clotilde Armand, Robert Biedroń, Damian Boeselager, Anna Bonfrisco, Jonathan Bullock, Olivier Chastel, Lefteris Christoforou, David Cormand, Paolo De Castro, Herbert Dorfmann, José Manuel Fernandes, Eider Gardiazabal Rubial, Alexandra Geese, Valentino Grant, Elisabetta Gualmini, Valerie Hayer, Niclas Herbst, Monika Hohlmeier, John Howarth, Mislav Kolakušić, Moritz Körner, Joachim Kuhs, Zbigniew Kuźmiuk, Hélène Laporte, Pierre Larrouturou, Margarida Marques, Siegfried Mureşan, Jan Olbrycht, Henrik Overgaard Nielsen, Jake Pugh, Karlo Ressler, Bogdan Rzońca, Nils Torvalds, Johan Van Overtveldt, Rainer Wieland, Angelika Winzig

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Damian Boeselager, Herbert Dorfmann, Jake Pugh

 


 

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

32

+

ECR

Zbigniew Kuźmiuk, Bogdan Rzońca, Johan Van Overtveldt

NI

Jonathan Bullock, Henrik Overgaard Nielsen, Jake Pugh,

PPE

Lefteris Christoforou, Herbert Dorfmann, José Manuel Fernandes, Niclas Herbst, Monika Hohlmeier, Siegfried Mureşan, Jan Olbrycht, Karlo Ressler, Rainer Wieland, Angelika Winzig

RENEW

Clotilde Armand, Olivier Chastel, Valerie Hayer, Moritz Körner, Nils Torvalds

S&D

Robert Biedroń, Paolo De Castro, Eider Gardiazabal Rubial, Elisabetta Gualmini, John Howarth, Pierre Larrouturou, Margarida Marques

VERTS/ALES

Rasmus Andresen, Damian Boeselager, David Cormand, Alexandra Geese

 

4

-

ID

Anna Bonfrisco, Valentino Grant, Joachim Kuhs, Hélène Laporte

 

1

0

NI

Mislav Kolakusic

 

Significato dei simboli utilizzati:

+ : favorevoli

- : contrari

0 : astenuti

 

 

[1] GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.

[2] GU L 67 del 7.3.2019.

[3] GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884.

[4] GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.

[5] GU L 168 del 7.6.2014, pag. 105.

Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2019Avviso legale