Procedura : 2019/0810(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A9-0008/2019

Testi presentati :

A9-0008/2019

Discussioni :

PV 17/09/2019 - 3
CRE 17/09/2019 - 3

Votazioni :

PV 17/09/2019 - 6.1

Testi approvati :

P9_TA(2019)0008

<Date>{09/09/2019}9.9.2019</Date>
<NoDocSe>A9‑0008/2019</NoDocSe>
PDF 377kWORD 133k

<TitreType>RELAZIONE</TitreType>

<Titre>sulla raccomandazione del Consiglio concernente la nomina del presidente della Banca centrale europea</Titre>

<DocRef>(N9-0023/2019 – C9-0048/2019 – 2019/0810(NLE))</DocRef>


<Commission>{ECON}Commissione per i problemi economici e monetari</Commission>

Relatore: <Depute>Roberto Gualtieri</Depute>

PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO
 ALLEGATO 1: CURRICULUM VITAE DI CHRISTINE LAGARDE
 ALLEGATO 2: RISPOSTE DI CHRISTINE LAGARDE AL QUESTIONARIO
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROPOSTA DI DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla raccomandazione del Consiglio concernente la nomina del presidente della Banca centrale europea

(N9-0023/2019 – C9-0048/2019 – 2019/0810(NLE))

(Consultazione)

Il Parlamento europeo,

 vista la raccomandazione del Consiglio in data 9 luglio 2019[1],

 visto l'articolo 283, paragrafo 2, secondo comma, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma del quale è stato consultato dal Consiglio europeo (C9‑0048/2019),

 visto l'articolo 130 del suo regolamento,

 vista la relazione della commissione per i problemi economici e monetari (A9‑0008/2019),

A. considerando che, con lettera del 16 luglio 2019, il Consiglio europeo ha consultato il Parlamento europeo sulla nomina di Christine Lagarde a presidente della Banca centrale europea con un mandato di otto anni a decorrere dal 1° novembre 2019;

B. considerando che la commissione per i problemi economici e monetari ha valutato le qualifiche della candidata proposta, segnatamente in relazione alle condizioni di cui all'articolo 283, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea e all'imperativo di indipendenza totale della BCE quale risultante dall'articolo 130 del trattato; che, nell'ambito di tale valutazione, la commissione ha ricevuto dalla candidata un curriculum vitae nonché le sue risposte al questionario scritto che le era stato trasmesso;

C. considerando che la commissione per i problemi economici e monetari ha poi proceduto, il 4 settembre 2019, a un'audizione della candidata della durata di due ore e mezza, nel corso della quale la candidata ha rilasciato una dichiarazione preliminare e ha risposto alle domande rivoltele dai membri della commissione;

1. esprime parere positivo sulla raccomandazione del Consiglio di nominare Christine Lagarde presidente della Banca centrale europea;

2. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al Consiglio europeo, al Consiglio e ai governi degli Stati membri.

 


 

ALLEGATO 1: CURRICULUM VITAE DI CHRISTINE LAGARDE

Dati personali Data di nascita: 1° gennaio 1956

 Luogo di nascita: Parigi

 Nazionalità: francese

 

Carriera professionale

 

Istituzione finanziaria internazionale

 

Dal luglio 2011 ad oggi Direttore generale del Fondo monetario internazionale, Washington D.C.

 

 Un mandato completo dal luglio 2011 al luglio 2016, un mandato parziale dal luglio 2016 al settembre 2019

 

 

Settore pubblico nazionale

Giugno 2007 – luglio 2011 Ministro francese dell'Economia e delle finanze

Presidenza francese dell'Unione europea nel secondo semestre del 2008

Presidenza Ecofin

Presidenza francese del G20 nel 2011

Presidenza del G20 Finanze

 

Maggio 2007 – giugno 2007 Ministro francese dell'Agricoltura e della pesca

 

Maggio 2005 – maggio 2007 Ministro francese del Commercio

 

 

 

Settore privato

 

Ottobre 1999 – maggio 2005 Presidente globale dello studio legale internazionale Baker McKenzie, Chicago, USA

 

Ottobre 1995 – ottobre 1999 Membro del Comitato esecutivo mondiale e socio amministratore, Baker McKenzie, ufficio di Parigi

 

Maggio 1981 – 1999 Avvocato. Ha esercitato prevalentemente nei settori commerciale, fusioni e acquisizioni, antitrust, diritto del lavoro e arbitrato per clienti aziendali internazionali

 

Settembre 1980 – settembre 1982 Docente di diritto contrattuale presso la facoltà di giurisprudenza, Università Paris X

 

 

Istruzione

 

Master in Diritto commerciale, diploma di sudi superiori (DESS) in Diritto commerciale e del lavoro

Università Paris X, facoltà di giurisprudenza, 1980

 

Master con specializzazione in Economia e finanza, tesi dal titolo: "U.S. consumers movement, Ralph Nader, a Public Citizen" (Movimento dei consumatori statunitensi, Ralph Nader, cittadino pubblico).

Sciences Po di Aix en Provence, 1977

 

Master in Letteratura americana

Scuola superiore d'arte di Avignone, 1977

 

Titolo: Avvocato del foro di Parigi

 

Riconoscimenti accademici internazionali

 

Università di Louvain La Neuve – Dottore honoris causae

Università di Montreal – Dottorato honoris causa Universidad del Pacifico – Membro onorario Washington College – Laurea ad honorem

Claremont McKenna College – Laurea ad honorem

Robinson College, Cambridge – Membro onorario

 

 

 

Premi e cariche

 

 

2011 Consiglio di amministrazione di Sciences Po

2011 Premio Global Citizenship 2011 del Consiglio atlantico

2011 Consiglio di amministrazione del Forum economico mondiale

2011 Premio Transatlantic Leadership dello European Institute

2012 Premio " Hipólito Unanue al Mérito Económico – Financiero " conferito dal Perù

2012 Ufficiale dell'Ordine nazionale della Legion d'onore

2012 Premio Globalist of the Year del Canadian International Council

2012 Laurea ad honorem dell'Università di Lovanio

2012 Premio Leadership 2012 dell'Unione delle banche arabe

2013 Grand'ufficiale dell'Ordine nazionale della Repubblica della Costa d'Avorio

2013 Consiglio di amministrazione della Holton-Arms School

2014 Premio Inaugural Global Achievement della Global Foundation

2014 Dottorato ad honorem dell'Università di Montreal

2014 Consiglio di amministrazione della Conference of Montreal

2014 Premio Diplomat of the Year del Foreign Policy Magazine

2015 Distinzione onoraria di Baker e McKenzie

2015 Presidente onorario della campagna di raccolta fondi della Holton-Arms School

2015 Presidente del comitato d'onore per la tournée USA-Canada dell'Orchestre National de France

2016 Partecipazione al gruppo di alto livello del Segretario generale delle Nazioni Unite per l'emancipazione economica delle donne

2016 Premio Global Leadership della School of International Public Affairs della Columbia University

2016 Medaglia d'onore Mohamed Bin Rashid per le donne

2016 Premio Woman of the Year and Lifetime Achievement della rivista Glamour

2016 Membro onorario della Universidad del Pacífico

2017 Premio Global Women's Leadership del Comitato internazionale di pianificazione del Vertice mondiale delle donne

2017 Laurea ad honorem del Washington College

2018 Partecipazione al Consiglio consultivo per la parità di genere del G7

2018 Commendatore dell'Ordine nazionale del 27 giugno di Gibuti

2018 Laurea ad honorem del Claremont McKenna College

2018 Membro onorario dell'Institute of Banking

2018 Premio Appeal of Conscience World Leader della Appeal of Conscience Foundation

2019 Premio Distinguished Alumna della Holton-Arms School

2019 Premio Distinguished International Leadership del Consiglio atlantico

2019 Partecipazione alla Rete internazionale dei difensori dell'uguaglianza di genere e co-presiedente della piattaforma finanziaria della Rete

2019 Membro onorario del Robinson College

 

Pubblicazioni

Breaking New Grounds in French Labor Law, 1982

Fragmentation Risks - Finance & Development, settembre 2012

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2012/09/straight.htm

Dare the Difference - Finance & Development, giugno 2013

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2013/06/straight.htm

Focus, Flexibility, Service - Finance & Development, settembre 2014

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2014/09/straight.htm

Path to Development -- Finance & Development, giugno 2015

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2015/06/straight.htm

The Voice of Youth -- Finance & Development, giugno 2017

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2017/06/straight.htm

A Regulatory Approach to Fintech - Finance and Development, marzo 2018

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2018/06/how-policymakers-should-regulate- cryptoassets-and-fintech/straight.htm

A Global Imperative to Empower Women – Finance & Development, marzo 2019

https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2019/03/empowering-women-critical-for-global- economy-lagarde.htm

 

Discorsi principali

Global Risks Are Rising, But There Is a Path to Recovery, Jackson Hole, agosto 2011

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp082711

Global Challenges in 2012 – Berlino, gennaio 2012

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp012312

Anchoring Stability to Sustain Higher and Better Growth, Zurigo, maggio 2012

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp050712

The Legacy of Charlemagne – Wolfgang Schäuble and European Integration, Aquisgrana, maggio 2012

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp051612

The Global Calculus of Unconventional Monetary Policies, Jackson Hole, agosto 2013

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp082313

The Challenge Facing the Global Economy: New Momentum to Overcome a New Mediocre, Washington, D.C., ottobre 2014

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp100214

Daring the Difference: The 3 L's of Women's Empowerment, Washington, D.C., maggio 2014

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp051914

Lifting the Small Boats, Bruxelles, giugno 2015

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp061715

Not Your Grandmother's IMF, Annual Meetings, Lima, ottobre 2015

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp100915

Demographic Changes and the Role of Fiscal Policy, MIT, marzo 2016

https://www.imf.org/en/News/Articles/2015/09/28/04/53/sp030416

Addressing Corruption with Clarity, Brookings Institution, settembre 2017

https://www.imf.org/en/News/Articles/2017/09/18/sp091817-addressing-corruption-with- clarity

A Time to Repair the Roof, Harvard University, ottobre 2017

https://www.imf.org/en/News/Articles/2017/10/04/sp100517-a-time-to-repair-the-roof

Central Banking and Fintech, A Brave New World, Bank of England, settembre 2017

https://www.imf.org/en/News/Articles/2017/09/28/sp092917-central-banking-and-fintech-a- brave-new-world

A Compass to Prosperity: The Next Steps of Euro Area Economic Integration, Berlino, marzo 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/03/26/sp032618-a-compass-to-prosperity-the- next-steps-of-euro-area-economic-integration

Age of Ingenuity: Reimagining 21st Century International Cooperation, Kissinger Lecture, Libreria del Congresso, dicembre 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/12/04/sp120418-md-kissinger-speech

Creating a Better Global Trade System, Portland, maggio 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/05/14/sp-lagarde-creating-a-better-global-trade- system

Steer, Don't Drift: Managing Risks to Keep the Global Economy on Course, IMF, ottobre 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/09/27/sp100118-steer-dont-drift

Winds of Change: The Case for New Digital Currency, Singapore Fintech Festival, novembre 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/11/13/sp111418-winds-of-change-the-case-for-new-digital-currency

Belt and Road Initiative: Strategies to Deliver in the Next Phase, Pechino, aprile 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/04/11/sp041218-belt-and-road-initiative- strategies-to-deliver-in-the-next-phase

Euro 2.0: Past, Present, and Future of Euro Area Integration, The Euro at 20 Conference, Dublino, giugno 2018

https://www.imf.org/en/News/Seminars/Conferences/2018/05/17/~/link.aspx?_id=D56874C433F343C6BE326A611F4D62E9&_z=z

New Economic Landscape, New Multilateralism, Bali Annual Meetings, ottobre 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/10/11/sp101218-new-economic-landscape-new- multilateralism

The Case for the Sustainable Development Goals, Helen Alexander Lecture, IMF, settembre 2018

https://www.imf.org/en/News/Articles/2018/09/17/sp09172018-the-case-for-the-sustainable- development-goals

The Financial Sector: Redefining a Broader Sense of Purpose, Tacitus Lecture, Londra, febbraio 2019

https://www.imf.org/en/News/Articles/2019/02/21/sp022819-md-the-financial-sector-redefining-a-broader-sense-of-purpose

The Euro Area: Creating a Stronger Economic Ecosystem, Banque de France, marzo 2019

https://www.imf.org/en/News/Articles/2019/03/28/sp032819-the-euro-area-creating-a- stronger-economic-ecosystem.

Forging a Stronger Social Contract—the IMF's Approach to Social Spending, Ginevra, giugno 2019

https://www.imf.org/en/News/Articles/2019/06/14/sp061419-md-social-spending

 

Selezione di messaggi dal blog del FMI (IMFBlog)

Getting Real on Meeting Paris Climate Change Commitments

https://blogs.imf.org/2019/05/03/getting-real-on-meeting-paris-climate-change-commitments/?utm_medium=email&utm_source=govdelivery

Corporate Taxation in the Global Economy

https://blogs.imf.org/2019/03/25/corporate-taxation-in-the-global-economy/

When History Rhymes

https://blogs.imf.org/2018/11/05/when-history-rhymes/

Economic Gains from Gender Inclusion: Even Greater Than You Thought

https://blogs.imf.org/2018/11/28/economic-gains-from-gender-inclusion-even-greater-than-you-thought/

Realizing the Potential of the G20 Compact with Africa

https://blogs.imf.org/2018/10/30/realizing-the-potential-of-the-g20-compact-with-africa/

Ten Years After Lehman—Lessons Learned and Challenges Ahead

https://blogs.imf.org/2018/09/05/ten-years-after-lehman-lessons-learned-and-challenges-ahead/

Addressing the Dark Side of the Crypto World

https://blogs.imf.org/2018/03/13/addressing-the-dark-side-of-the-crypto-world/

A Dream Deferred: Inequality and Poverty Across Generations in Europe

https://blogs.imf.org/2018/01/24/a-dream-deferred-inequality-and-poverty-across-generations-in-europe/

Fintech—Capturing the Benefits, Avoiding the Risks

https://blogs.imf.org/2017/06/20/fintech-capturing-the-benefits-avoiding-the-risks/

Protecting Education and Health Spending in Low-Income Countries

https://blogs.imf.org/2017/06/06/protecting-education-and-health-spending-in-low-income-countries/

To Boost Growth: Employ More Women

https://blogs.imf.org/2016/09/14/to-boost-growth-employ-more-women/

Migration: A Global Issue in Need of a Global Solution

https://blogs.imf.org/2015/11/11/migration-a-global-issue-in-need-of-a-global-solution/

Unlocking Latin America's Huge Potential

https://blogs.imf.org/2014/12/02/unlocking-latin-americas-huge-potential/

Jobs and Growth: Supporting the European Recovery

https://blogs.imf.org/2014/01/28/jobs-and-growth-supporting-the-european-recovery/

A New Frontier for Kenya and Africa

https://blogs.imf.org/2014/01/08/a-new-frontier-for-kenya-and-africa/

What We Can Do to Improve Women's Economic Opportunities

https://blogs.imf.org/2013/03/08/what-we-can-do-to-improve-womens-economic-opportunities/

How to Get the Balance Right: Fiscal Policy at a Time of Crisis

https://blogs.imf.org/2012/05/06/how-to-get-the-balance-right-fiscal-policy-at-a-time-of-crisis/

 


ALLEGATO 2: RISPOSTE DI CHRISTINE LAGARDE AL QUESTIONARIO

A. Esperienze personali e professionali

1.  Potrebbe illustrare i principali aspetti delle Sue competenze professionali in ambito monetario, finanziario e commerciale e i principali aspetti della Sua esperienza a livello europeo e internazionale?

La mia è un'esperienza professionale quarantennale che, nella sua evoluzione, si è concretizzata in un mix unico di incarichi nel settore privato (come avvocato e come dirigente presso lo studio legale americano Baker McKenzie, dal 1980 al 2005) e di posizioni di leadership nel campo delle politiche pubbliche, a livello sia nazionale (come ministro del Commercio e ministro dell'Economia e delle finanze, dal 2005 al 2011) che internazionale (come Direttore operativo del Fondo monetario internazionale (FMI), dal 2011 ad oggi). Come ministro della Repubblica francese e membro del Consiglio dell'Unione europea, ho partecipato inoltre direttamente al processo decisionale dell'UE.

In tutte queste posizioni mi sono occupata di questioni commerciali e finanziarie. Quando ero avvocato, i miei erano grandi società. Ho inoltre acquisito una notevole esposizione alla comunità finanziaria sia come ministro dell'Economia e delle finanze, sia come Direttore operativo dell'FMI. In tutte queste posizioni ho operato in un contesto nazionale e internazionale, sia nel settore privato che in quello pubblico; ad eccezione dei miei sei anni nel governo francese, da circa 40 anni la mia lingua di lavoro è l'inglese.

Ho maturato un'esperienza poliedrica, che abbraccia fiscalità e antitrust, diritto del lavoro, fusioni e acquisizioni, sino alla gestione delle crisi finanziarie, a livello nazionale e internazionale, durante la crisi finanziaria mondiale. La mia esperienza professionale più recente, quella di Direttore operativo dell'FMI, si è basata su una combinazione senza precedenti di questi tre compiti: i) orientamento politico e monitoraggio economico; ii) gestione delle crisi e programmi di prestito; iii) formazione e sviluppo di capacità. In tutte queste posizioni ho avuto regolari contatti ai massimi livelli con i decisori politici e ho potuto sfruttare queste relazioni a vantaggio delle istituzioni di cui sono stata alla guida negli anni. L'esperienza professionale maturata mi ha permesso di sviluppare una conoscenza approfondita dell'economia europea e mondiale e di acquisire riconoscimento a livello internazionale. La mia esperienza alla guida di una grande organizzazione internazionale come l'FMI evidenzia altresì la mia capacità di ascoltare i miei collaboratori e le parti interessate, definire una visione comune e moderna, adottare un approccio collegiale e perseguire il consenso per ottenere risultati migliori.

 

2.  Detiene partecipazioni finanziarie in un'impresa o impegni di altra natura suscettibili di confliggere con le Sue future funzioni? Vi sono altri fattori di rilievo, personali o di altra natura, di cui il Parlamento dovrebbe tenere conto in sede di valutazione della Sua nomina?

Nel 2005, quando sono divenuta ministro del Commercio, mi sono dimessa da tutte le altre cariche alternative e potenzialmente confliggenti, come quella di membro del consiglio di amministrazione di ING o di altre entità collegate a Baker McKenzie, incluso il consiglio di amministrazione dell'European Law Centre che avevo fondato nel 1995.

In seguito ho accettato solo incarichi onorari, come quelli di membro del comitato consultivo del Robinson College di Cambridge e di membro onorario del consiglio di amministrazione della Holton Arms School di Washington, previa approvazione della commissione etica del consiglio esecutivo dell'FMI.

Inoltre, in presenza di discriminazioni e disuguaglianze ho sempre difeso la causa delle donne. Intendo continuare a farlo e penso che ciò non pregiudichi la mia autorità nel parlare di questioni monetarie e non mi distragga dall'assolvere i miei doveri al meglio delle mie capacità. Lo stesso vale per le questioni relative ai cambiamenti climatici e alla protezione dell'ambiente.

 

3.  Quali saranno gli obiettivi principali che perseguirà durante gli otto anni del Suo mandato come presidente della Banca centrale europea?

Obiettivo primario della BCE è mantenere la stabilità dei prezzi, e sarà chiamata a farlo in un contesto interno e internazionale che nel corso dell'ultimo decennio è notevolmente mutato. Tale contesto, nelle sue parti economiche avanzate, è caratterizzato da una crescita moderata e da una bassa inflazione. E se è vero che il settore finanziario è più sicuro e meglio regolamentato di quanto non lo fosse prima della crisi finanziaria globale, crescita moderata e inflazione bassa rappresenteranno una sfida per gli intermediari finanziari i cui modelli di business sono stati definiti in un mondo contraddistinto da una crescita dinamica e da un'inflazione elevata. Inoltre, nuove tecnologie, spesso dirompenti, stanno trasformando le modalità di funzionamento dell'economia. La cooperazione internazionale è messa in discussione, l'ambiente è minacciato dai cambiamenti climatici e da eventi meteorologici estremi, e in molte parti del mondo la popolazione sta invecchiando rapidamente.

In questo quadro, la BCE dovrà continuare a monitorare e analizzare attentamente l'evoluzione economica e finanziaria in Europa e nel mondo. Se sarò nominata presidente della BCE, promuoverò all'interno dell'istituzione questa attenzione per i nuovi trend e ne incoraggerò l'analisi e lo studio. Cercherò di sviluppare il consenso in seno al Consiglio direttivo e mi impegnerò per comunicare con la massima chiarezza e semplicità possibile la strategia e le politiche della BCE in un mondo complesso, tenendo presente il carattere estremamente composito e multiculturale del pubblico cui essa si rivolge, che va dai cittadini europei ai mercati finanziari.

La mia premessa ultima è che l'euro è un bene pubblico europeo che dovrebbe continuare a migliorare la sua posizione internazionale. Al riguardo sono fondamentali, a vantaggio di tutti, un'Unione economica e monetaria (UEM) dalla solida architettura istituzionale e una BCE determinata, concentrata sulla garanzia della stabilità dei prezzi.

 

B.  Politica monetaria della BCE

4.  Come valuta la politica monetaria attuata dalla BCE negli ultimi 8 anni? Quali eventuali modifiche introdurrà se diverrà presidente della BCE?

Obiettivo primario della BCE è mantenere la stabilità dei prezzi nell'area dell'euro. La BCE ha definito la stabilità dei prezzi come un tasso positivo di inflazione su base annua inferiore al 2 % e dichiarato che, nel perseguire la stabilità dei prezzi, si prefigge un tasso di inflazione inferiore ma prossimo al 2 % su un orizzonte di medio periodo.

Negli ultimi otto anni la BCE ha dovuto affrontare un contesto molto difficile.  In risposta alla crisi finanziaria e del debito sovrano, la BCE ha adottato una serie di misure che sono state fondamentali per salvaguardare il meccanismo di trasmissione della politica monetaria, sostenere l'economia della zona euro e, in ultima analisi, orientare l'inflazione verso livelli più rispondenti all'obiettivo delle sue politiche.

In particolare, le misure di allentamento monetario messe in atto dal giugno 2014, tra cui le operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine, i tassi negativi, l'acquisto di attività su vasta scala e le indicazioni prospettiche, sono riuscite a scongiurare i rischi di deflazione e ridenominazione al culmine della crisi. Nel giugno 2014 l'inflazione headline era nettamente inferiore all'1 % ed era in calo. Oggi si prevede che si attesti all'1,3 % nel 2019, all'1,4 % nel 2020 e all'1,6 % nel 2021. La zona euro ha registrato una crescita economica costante negli ultimi sei anni e la disoccupazione è scesa ai livelli più bassi dal luglio 2018. La progressiva tensione del mercato del lavoro è un segnale del fatto che le misure della BCE creano le condizioni necessarie affinché l'inflazione continui a rafforzarsi.

Nel complesso, considerando gli ultimi otto anni, direi che la politica monetaria della BCE è stata efficace e riuscita. Secondo i calcoli della BCE, nel periodo 2016-2020 la crescita e l'inflazione sarebbero state inferiori di circa 1,9 punti percentuali senza le misure prese dalla BCE tra la metà del 2014 e la metà del 2018. Al tempo stesso, tuttavia, negli ultimi anni l'inflazione è rimasta costantemente al di sotto dei livelli che sono in linea con l'obiettivo di inflazione della BCE. Di recente, anche l'espansione economica della zona euro ha subito un rallentamento e i rischi legati alle prospettive di crescita sono orientati al ribasso. È pertanto evidente che la politica monetaria deve rimanere molto accomodante nel prossimo futuro.

Guardando al futuro, sarebbe opportuno trarre insegnamenti dalla crisi finanziaria per quanto riguarda i cambiamenti del contesto macroeconomico e il processo di inflazione. Tali insegnamenti potrebbero alimentare la futura riflessione sulla conduzione della politica monetaria della BCE e sui suoi aspetti operativi, anche valutando come la Banca possa sostenere al meglio le politiche generali dell'Unione europea, quali una crescita sostenibile e inclusiva, senza pregiudizio per il suo obiettivo primario, ossia il mantenimento della stabilità dei prezzi. Inoltre, i cambiamenti nel contesto normativo e nell'intermediazione finanziaria avvenuti negli ultimi anni potrebbero giustificare un riesame del quadro operativo della politica monetaria. Insieme ad altre banche centrali la BCE ha apportato molti adeguamenti al modo in cui attua la propria politica monetaria per rispondere alla crisi finanziaria e alle pratiche di mercato. Occorre pertanto riflettere su come la politica monetaria sarà attuata a lungo termine, anche per quanto riguarda le dimensioni e la composizione dei bilanci delle banche centrali e la scelta degli strumenti politici.

 

5.  Quali saranno i principali rischi e le principali opportunità per l'euro? Quali ritiene siano i rischi e le sfide più importanti per la BCE?

L'attuale contesto macroeconomico e internazionale rappresenta una grande sfida a breve termine per la BCE. Il ritmo di crescita della zona euro ha subito un rallentamento e i rischi che pesano sulle prospettive di crescita sono orientati verso un peggioramento. L'inflazione resta contenuta. È pertanto evidente che la politica monetaria deve rimanere molto accomodante nel prossimo futuro. La BCE dispone di un ampio ventaglio di strumenti e deve essere pronta a intervenire. Il mix esatto degli strumenti da impiegare dovrà dipendere dalla natura degli shock che incidono sulle prospettive di inflazione e dalla situazione dei mercati finanziari. Non credo che la BCE abbia raggiunto il limite inferiore effettivo per quanto riguarda i tassi di riferimento, ma è evidente che tassi bassi hanno implicazioni per il settore bancario e, più in generale, per la stabilità finanziaria. Quanto più a lungo i tassi di interesse si manterranno bassi, sarà quindi essenziale un attento monitoraggio per verificare se in futuro potranno emergere effetti collaterali negativi.

Inoltre, la BCE deve far fronte a un numero crescente di sfide strutturali e dovrà anche gestire le aspettative riguardo a ciò che essa può e non può fare per mantenere la fiducia nelle politiche. Pur essendo uno strumento efficace per stabilizzare il ciclo economico, la politica monetaria non può accrescere il potenziale di crescita a più lungo termine dei paesi. In altri settori, e là dove emergono nuove sfide – che vanno dalla digitalizzazione alle criptovalute, dalla sicurezza informatica e dall'antiriciclaggio (AML) al cambiamento climatico –, la BCE dovrà chiarire come tali sfide incidono sulla sua attività e quale può essere il suo contributo.

Per quanto riguarda l'euro, l'architettura istituzionale che abbiamo iniziato a costruire durante la crisi, che comprende in particolare l'Unione bancaria, il quadro europeo per la gestione delle crisi e l'Unione dei mercati dei capitali, rimane incompleta. Parimenti, l'architettura della zona euro manca tuttora di uno strumento di bilancio centrale per la stabilizzazione macroeconomica. Il progresso in questi settori non solo renderà la zona euro più resiliente, ma contribuisce anche all'efficacia della politica monetaria e promuove il ruolo internazionale dell'euro. Uno degli insegnamenti importanti tratti dai primi vent'anni dell'euro è anche che, per cogliere le opportunità offerte dalla moneta unica, sono necessarie solide politiche nazionali in ambito economico e di bilancio, nell'interesse sia degli Stati membri interessati che della zona euro nel suo complesso.

 

6.  La Federal Reserve e la Bank of Canada hanno recentemente annunciato una revisione dei rispettivi quadri di politica monetaria. A vent'anni dall'introduzione dell'euro, crede sia arrivato il momento di effettuare una simile revisione in seno alla BCE?

In generale, la strategia di politica monetaria dovrebbe sempre evolvere in modo da essere il più possibile funzionale al mandato della BCE. Poiché è trascorso parecchio tempo dall'ultimo riesame della strategia, avvenuto nel 2003, sarebbe opportuno trarre insegnamenti dalla crisi finanziaria per quanto riguarda i cambiamenti del contesto macroeconomico e il processo di inflazione. Si potrebbe anche esaminare come la politica monetaria della BCE possa sostenere al meglio le politiche generali dell'Unione europea, quali una crescita sostenibile e inclusiva, senza pregiudizio per il suo obiettivo primario: il mantenimento della stabilità dei prezzi.

Per quanto riguarda l'attuazione della politica monetaria o il quadro operativo, in risposta alla crisi economica e finanziaria mondiale le banche centrali hanno apportato notevoli adeguamenti al modo in cui attuano la loro politica monetaria, in particolare introducendo misure non convenzionali. Ma anche i mercati finanziari hanno subito cambiamenti significativi, dovuti all'evoluzione del contesto normativo, delle infrastrutture di mercato e dell'intermediazione finanziaria. Su questo sfondo, sarà importante rivedere anche le modalità di funzionamento e di attuazione della politica monetaria, in particolare per valutare quali elementi debbano essere conservati a lungo termine. Dal momento che l'intermediazione sui mercati finanziari e il contesto normativo sono mutati, è probabile che i quadri operativi siano diversi rispetto a quelli precedenti la crisi, anche per quanto riguarda le dimensioni e la struttura dei bilanci e gli strumenti con cui attuare gli orientamenti della politica monetaria.

 

7.  Quale politica monetaria dovrebbe portare avanti la BCE nelle attuali condizioni macroeconomiche? Come vede le prestazioni della BCE per quanto riguarda la realizzazione del suo obiettivo primario di mantenere la stabilità dei prezzi? Cosa pensa delle recenti proposte di interpretare l'obiettivo di inflazione del 2 % come un obiettivo simmetrico? Cosa pensa delle richieste volte a inserire la stabilità finanziaria o l'inflazione dei prezzi delle attività come secondo obiettivo della politica monetaria della BCE?

In termini di politiche, la risposta della BCE nel contrastare i rischi di deflazione che hanno cominciato a manifestarsi nel 2014 è stata molto energica. Nel giugno 2014, quando la BCE ha avviato il suo pacchetto globale di politiche, l'inflazione headline era nettamente inferiore all'1 % ed era in calo. Oggi l'inflazione headline è intorno all'1 % e secondo le proiezioni di giugno dell'Eurosistema dovrebbe attestarsi all'1,3 % nel 2019, all'1,4 % nel 2020 e a1l'1,6 % nel 2021.

Secondo i mercati finanziari, anche la probabilità di una deflazione si è ridotta rispetto ai picchi del passato e la disoccupazione è scesa ai livelli più bassi dal luglio 2008. La progressiva tensione del mercato del lavoro è un segnale del fatto che le misure della BCE creano le condizioni necessarie affinché le pressioni sui prezzi continuino a rafforzarsi.

Tuttavia, gli attuali livelli di inflazione e le prospettive in materia di inflazione contenuti nelle recenti proiezioni dell'Eurosistema non sono in linea con l'obiettivo di inflazione della BCE "prossimo, ma inferiore, al 2 %". Di conseguenza, anche a seguito degli andamenti sfavorevoli su scala mondiale che pesano sulle prospettive economiche della zona euro, è tuttora opportuno che la BCE garantisca una politica monetaria ampiamente accomodante per sostenere l'espansione dell'economia e la convergenza dell'inflazione verso il suo obiettivo in maniera costante. A tale riguardo, è importante che sia stato recentemente chiarito che l'obiettivo della BCE in materia di inflazione è simmetrico. Ciò significa che la BCE è impegnata a combattere un livello di inflazione sia superiore al suo obiettivo di inflazione che inferiore a esso. L'inflazione può in effetti deviare dall'obiettivo in entrambe le direzioni, a condizione che in un orizzonte strategico a medio termine tenda nuovamente a convergere verso l'obiettivo di un livello "inferiore ma prossimo al 2 %". Ciò evidenzia dunque la determinazione della BCE a perseguire nel medio termine il suo obiettivo di inflazione.

Al tempo stesso, mentre la BCE dovrebbe mantenere un orientamento accomodante, il contributo di altri settori politici deve essere più risoluto, se si vogliono sfruttare appieno i vantaggi derivanti dalle misure di politica monetaria.

Per quanto riguarda l'introduzione di ulteriori obiettivi, il trattato sul funzionamento dell'Unione europea stabilisce chiaramente che la stabilità dei prezzi è l'obiettivo primario della BCE. Se è vero che la stabilità dei prezzi e la stabilità finanziaria sono intrinsecamente connesse e tendono a rafforzarsi reciprocamente, due diversi obiettivi giustificano l'uso di due diverse gamme di strumenti. L'obiettivo della politica monetaria resta la salvaguardia della stabilità dei prezzi a medio termine. Il compito principale della politica macroprudenziale è quello di affrontare i rischi per la stabilità finanziaria, al fine di aumentare la resilienza del sistema agli shock e di regolare in ultima analisi il ciclo finanziario, in modo da ridurre il rischio di crisi finanziarie e attenuare i loro effetti economici reali.

In generale, le due politiche interagiscono fra loro e occorre tener conto dei loro effetti reciproci. La politica macroprudenziale incide sulle condizioni di credito e quindi si ripercuote anche l'economia nel suo complesso e, di conseguenza, sulle prospettive di stabilità dei prezzi. Nel perseguire la stabilità dei prezzi, la politica monetaria può influire sul rischio finanziario attraverso diversi canali di trasmissione. Il fatto di raggruppare in un'unica istituzione la politica monetaria e la politica macroprudenziale crea dunque sinergie positive.

 

8.  Come valuta le ultime decisioni del Consiglio direttivo della BCE, in particolare per quanto riguarda le indicazioni prospettiche sui tassi di interesse di riferimento, che dovrebbero rimanere al livello attuale almeno fino al primo semestre del 2020?

La crescita economica della zona euro è stata moderata, mentre sul clima economico hanno pesato le persistenti incertezze – per lo più legate a fattori geopolitici, alla crescente minaccia del protezionismo e alle vulnerabilità dei mercati emergenti. Di conseguenza, le pressioni inflazionistiche sono rimaste modeste e i tassi d'inflazione, sia effettivi che previsti, sono rimasti costantemente al di sotto dei livelli che il Consiglio direttivo ritiene coerenti con il suo obiettivo.

Su questo sfondo, le ultime decisioni del Consiglio direttivo della BCE, come le indicazioni prospettiche sui tassi di interesse, sono a mio avviso correttamente volte a preservare condizioni di finanziamento molto accomodanti per imprese e famiglie, necessarie per sostenere la crescita economica e, in ultima analisi, aumentare l'inflazione.

In particolare, la decisione di adeguare le indicazioni prospettiche sui tassi di interesse di riferimento ha un effetto accomodante, poiché ancora maggiormente le aspettative del mercato sull'andamento previsto dei tassi di interesse e riduce l'incertezza. La formulazione delle indicazioni prospettiche contiene un elemento temporale – la presunzione che i tassi di interesse restino su livelli pari o inferiori a quelli attuali "almeno fino a tutta la prima metà del 2020", il che garantisce che l'accomodamento non possa essere indebolito dalla convinzione degli operatori del mercato che i tassi di interesse potrebbero salire prima di tale data. Ma contiene anche un elemento legato alla situazione contingente, ossia che i tassi resteranno su livelli pari o inferiori a quelli attuali "in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l'inflazione continui stabilmente a convergere verso l'obiettivo a medio termine". Ciò significa che la politica monetaria della BCE dipende dai dati e che evolverà in funzione delle prospettive di inflazione.

Come sottolineato dalla BCE, le indicazioni prospettiche sui tassi di interesse, combinate con i reinvestimenti delle cospicue consistenze di attività acquistate e la nuova serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine, forniscono quegli importanti impulsi di politica monetaria necessari per sostenere la convergenza dell'inflazione della zona euro verso l'obiettivo della BCE. Date le attuali prospettive di inflazione, per un certo periodo sarà probabilmente ancora necessario un orientamento di politica monetaria estremamente accomodante.

 

9.  Come risponderebbe alle critiche nei confronti dei bassi tassi di interesse e dei loro effetti? Come valuta l'equilibrio tra gli effetti involontari della politica della BCE in materia di tassi di interesse e la convergenza verso il tasso d'inflazione previsto a medio termine?

Obiettivo primario della BCE è mantenere la stabilità dei prezzi. Le attuali misure di politica monetaria sono state introdotte in risposta alle condizioni post-crisi al fine di centrare l'obiettivo di inflazione.

I bassi tassi d'inflazione, uniti alle altre misure di politica monetaria adottate, hanno contribuito a far scomparire i dischi deflazionistici e a sostenere la crescita economica e la creazione di posti di lavoro.

Nondimeno, è chiaramente importante continuare a monitorare i potenziali effetti collaterali di condizioni monetarie accomodanti, non solo in relazione alla trasmissione della politica monetaria, ma anche alla stabilità finanziaria.

Per comprendere l'impatto dei tassi di interesse negativi sui cittadini dell'area dell'euro, è importante adottare un approccio globale che tenga conto di tutti i meccanismi in gioco. Da un lato, le banche possono decidere di trasferire sui depositanti il tasso negativo sui depositi, abbassando i tassi di interesse che essi ottengono sui loro risparmi. Dall'altro, i depositanti sono anche consumatori, lavoratori e mutuatari. In quanto tali, beneficiano del maggiore dinamismo dell'attività economica, del calo della disoccupazione e della riduzione degli oneri finanziari. Tutto considerato, senza la politica monetaria non convenzionale adottata dalla BCE - compresa l'introduzione di tassi di interesse negativi - i cittadini della zona euro si troverebbero, complessivamente, in condizioni peggiori.

Per quanto riguarda l'impatto dei tassi negativi sulla redditività delle banche, l'analisi empirica suggerisce che gli effetti negativi sul margine di interesse delle banche sono stati finora più che compensati dai benefici derivanti dall'aumento dei prestiti bancari e dalla riduzione dei costi per accantonamenti e svalutazioni conseguente al migliore contesto macroeconomico, che in larga misura è il risultato di una politica monetaria accomodante. Tuttavia, quanto più a lungo rimarranno in vigore tassi di interesse bassi, è importante verificare se in futuro potranno emergere effetti collaterali negativi, utilizzando se del caso gli strumenti di politica micro e macroprudenziale disponibili.

Nel complesso, l'ambiente a basso rendimento deve essere inteso nel contesto del protratto calo dei rendimenti reali a partire dagli anni '80. Non si tratta di un fenomeno che riguarda solo la zona euro. Esso riflette in larga misura fattori più strutturali, quali il rallentamento della crescita della produttività, l'aumento dei risparmi in previsione di periodi di pensionamento più lunghi e la penuria di attività sicure.

 

10. Qual è il Suo punto di vista sull'eterogeneità delle condizioni monetarie e dell'accesso al credito nella zona euro e sul relativo impatto sull'uniformità della politica monetaria della BCE?

Le condizioni di credito nei paesi della zona euro erano in effetti estremamente eterogenee all'epoca della crisi finanziaria e del debito sovrano, con gravi implicazioni per la trasmissione della politica monetaria della BCE. Per questo motivo, a metà del 2014 la BCE ha avviato il pacchetto di misure di politica monetaria denominato "allentamento creditizio". A seguito dell'introduzione di queste misure, i tassi dei prestiti bancari nella zona euro hanno registrato un netto calo: secondo le stime della BCE, il programma di acquisto di attività (PAA) e i tagli al tasso di interesse sui depositi si sono tradotti, dal giugno 2014, in una riduzione di circa 50 punti base dei tassi dei prestiti bancari alle imprese. Inoltre, la trasmissione dei tassi di mercato ai tassi dei prestiti bancari è divenuta notevolmente più omogenea in tutti gli Stati membri della zona euro. In tutti i paesi, i tassi dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie sono attualmente a livelli storicamente bassi o intorno a tali livelli. Inoltre, le condizioni per la concessione del credito bancario (come indicato nell'indagine sui prestiti bancari nell'area dell'euro) continuano a essere favorevoli e propizie alla crescita dei prestiti.

Queste condizioni di finanziamento favorevoli, alle quali hanno contribuito le misure di politica monetaria della BCE, hanno sostenuto la ripresa della crescita del credito bancario. Dalla metà del 2015, i volumi del credito alle imprese hanno ripreso a crescere con un coefficiente positivo e le analisi della BCE concludono che quasi la metà della crescita annuale di tali volumi nel terzo trimestre del 2018 può essere associata ai benefici del programma di acquisto di attività. Tuttavia, sebbene le condizioni di erogazione dei prestiti siano favorevoli in tutti i paesi della zona euro, la crescita del credito bancario nei singoli paesi rimane eterogenea. Ciò è in parte dovuto al fatto che i paesi si trovano in fasi diverse del ciclo economico, nonché all'uso differenziato di strumenti di finanziamento alternativi da parte delle imprese, quale l'emissione di titoli di debito.

Al di là dei prestiti bancari, il finanziamento del debito delle imprese della zona euro è rimasto moderato. Nonostante tassi di prestito molto bassi, sembra che le imprese non abbiano ripreso a ricorrere alla leva finanziaria, dopo la necessaria riduzione dell'indebitamento del settore all'indomani della crisi.

Nel complesso, le condizioni monetarie e l'accesso al credito sono favorevoli in tutti i paesi della zona euro, ma permangono alcune differenze nella crescita del credito dovute a una serie di fattori, quali differenze nella domanda di credito, incertezza generale e differenze in termini di pressioni concorrenziali o di caratteristiche istituzionali (ad esempio, sistemi giuridici diversi), che possono avere un impatto sulle condizioni di credito effettive a livello di mutuatari, settori e paesi. Tuttavia, in un'unione monetaria è comunque appropriato che le condizioni di erogazione dei prestiti riflettano le caratteristiche dei mutuatari, che differiscono da un paese all'altro. Questo non è necessariamente un problema per la politica monetaria e si riscontra anche in altre aree valutarie.

 

11. Negli ultimi dieci anni in seno all'UEM sono aumentate le disparità in termini di risultati economici.

Guardando al futuro, diversi Stati membri dell'UE si stanno preparando a entrare nell'euro. In che modo prevede di evitare ulteriori divergenze tra gli Stati membri della zona euro nel prossimo decennio, alla luce delle condizioni economiche degli Stati candidati? Qual è lo scenario economico preferito per l'allargamento della zona euro?

L'evoluzione delle disparità economiche all'interno dell'UEM nell'ultimo decennio presenta un quadro sfumato, a seconda dei parametri utilizzati e dei paesi.

Dal punto di vista della politica monetaria, ciò che conta maggiormente in un'area valutaria comune è la sincronizzazione ciclica. Essa consente alla politica monetaria unica di operare efficacemente e di svolgere la sua funzione stabilizzatrice tra i paesi aderenti. In effetti, la dispersione ciclica tra le economie dell'area dell'euro si è ridotta nel tempo, al punto che i membri della zona euro hanno ora un elevato grado di sincronizzazione dei loro cicli economici e finanziari. Nel contempo, se si considera la convergenza reale – vale a dire la misura in cui i paesi della zona euro a basso reddito hanno ridotto le distanze rispetto a quelli a reddito più elevato in termini di reddito pro capite – , i risultati sono decisamente eterogenei. Mentre i paesi che hanno adottato solo ultimamente l'euro, in particolare gli Stati baltici, hanno visto ridursi le disparità di reddito rispetto ai paesi euro a reddito più elevato, la convergenza tra i membri originari della zona euro, ad eccezione dell'Irlanda, è stata scarsa o nulla. Mentre la politica monetaria può funzionare efficacemente anche in presenza di differenze di reddito, dal punto di vista dei cittadini quel che conta in ultima analisi sono la crescita economica e il miglioramento del tenore di vita.

I dati indicano che le disparità economiche in Europa sono in larga misura riconducibili agli shock tecnologici e della globalizzazione, all'impatto della crisi finanziaria globale e a debolezze strutturali specifiche dei singoli paesi.

L'euro è anche il segno più tangibile dell'integrazione europea. Attualmente è la valuta ufficiale di 19 Stati membri dell'Unione europea e mi attendo, e ne sarei lieta, che gli altri Stati membri dell'UE ancora fuori dalla moneta unica vi aderiscano un giorno. Come stabilito nel trattato, tutti gli Stati membri dell'UE che non hanno una clausola di non partecipazione – ossia i sette paesi non appartenenti alla zona euro, ad esclusione della Danimarca e, ovviamente, del Regno Unito – dovrebbero prima o poi adottare l'euro.

A mio parere, le riforme economiche necessarie per l'allargamento della zona euro dovrebbero essere adattate ai singoli Stati membri. Ogni paese che intende aderire all'euro dovrebbe varare le misure e le riforme necessarie, con il proprio percorso, le proprie modalità e i propri tempi. Il calendario dipende in ultima analisi da tre fattori principali: la volontà politica, che si riflette anche nelle strategie nazionali di adozione dell'euro; la titolarità del progetto da parte dei cittadini; la maturità economica.

L'introduzione dell'euro presenta ora una nuova dimensione di cui occorre tener conto: adesso l'adozione dell'euro implica automaticamente la partecipazione all'unione bancaria. Appoggio dunque la linea recentemente adottata, secondo la quale gli Stati membri che aderiscono al meccanismo di cambio II (ERM II) dovrebbero anche avviare una stretta cooperazione con la vigilanza bancaria della BCE.

 

12. Come vede le tappe/i tempi della normalizzazione della politica monetaria della BCE, anche in considerazione del contesto internazionale, in particolare dei livelli dei tassi di interesse negli Stati Uniti, che divergono notevolmente da quelli europei? Quale prevede possa essere l'effetto sui mercati della strategia di reinvestimento del programma di acquisto di attività (PAA)? In che modo inciderà sul pacchetto di strumenti monetari in caso di peggioramento delle condizioni generali?

La BCE ha fornito al mercato indicazioni prospettiche sui tassi ufficiali e sul reinvestimento dei rimborsi del capitale dei titoli acquistati nell'ambito del PAA. Le indicazioni prospettiche attuali definiscono già le tappe di questi due strumenti di politica monetaria.  In particolare, il reinvestimento continuerà per un lungo periodo di tempo oltre la data in cui la BCE inizierà ad aumentare i tassi di interesse di riferimento.

Nell'adottare decisioni di politica monetaria, occorre analizzare in modo approfondito i dati economici e finanziari sia nazionali che internazionali. La politica monetaria dovrebbe continuare a essere basata sui dati e dovrebbe essere guidata dalle prospettive di inflazione della zona euro. Nella congiuntura attuale, la "normalizzazione della politica" è prematura. Attualmente, le incertezze collegate ai fattori geopolitici, alle pressioni protezionistiche e alle vulnerabilità dei mercati emergenti fanno sì che i rischi per le prospettive siano essenzialmente orientati verso il basso e che le pressioni inflazionistiche restino contenute. Per un periodo di tempo prolungato sarà necessario un significativo accomodamento monetario. È quindi importante mantenere tutti gli strumenti a disposizione per rispondere in modo adeguato e proporzionato, qualora le prospettive di inflazione a medio termine restino al di sotto dell'obiettivo della BCE.

 

13. Come intende assicurare la trasparenza riguardo all'attuazione del PAA? È d'accordo sul fatto che si potrebbe garantire maggiore trasparenza sul programma di acquisto di titoli garantiti da attività (ABSPP) e sul terzo programma di acquisto di obbligazioni garantite (CBPP3)?

La trasparenza è fondamentale per una buona governance, ma anche affinché il pubblico comprenda la politica monetaria della BCE. Al tempo stesso, le banche centrali devono fare attenzione a che le informazioni da esse fornite non compromettano l'efficacia delle loro politiche.

Non vi è dubbio che le politiche monetarie non convenzionali, e in particolare il programma di acquisto di attività, hanno suscitato una domanda di maggiore trasparenza. La BCE ha risposto positivamente (ad esempio pubblicando fin dall'inizio, con cadenza settimanale e mensile, informazioni sulle sue partecipazioni) e negli ultimi anni la trasparenza è stata ulteriormente accresciuta, mi sembra, anche grazie al feedback ricevuto dal Parlamento europeo

Inoltre, la BCE ha un grado di trasparenza più elevato rispetto ad altre banche centrali. Ad esempio, pubblica (e aggiorna settimanalmente) informazioni molto dettagliate – i cosiddetti codici internazionali di identificazione dei titoli, ISIN – sulle varie obbligazioni che l'Eurosistema detiene in determinati portafogli.

Nel discutere di ulteriori azioni volte a migliorare la trasparenza, è molto importante soppesare i vantaggi della pubblicazione di informazioni più dettagliate rispetto all'impatto sull'efficacia della politica monetaria della BCE. Tale impatto può variare a seconda delle modalità di funzionamento di particolari segmenti dei mercati finanziari, e può quindi portare a un approccio differenziato in base al programma di acquisto.

 

14. Quali sono le condizioni da rispettare per gestire un aumento dei tassi di interesse senza produrre effetti negativi sui soggetti sovrani e sui mercati? Cosa rientra tra le competenze della BCE e dove vede la responsabilità degli Stati membri e degli operatori di mercato?

Attraverso le indicazioni prospettiche sui tassi ufficiali di riferimento e i reinvestimenti, la BCE ha comunicato che la sua politica monetaria resterà accomodante. Le indicazioni prospettiche sono volte a garantire che eventuali modifiche dei tassi ufficiali a breve termine controllati dalla BCE siano ben comprese dagli operatori di mercato e non dovrebbero divenire una fonte di effetti di disturbo. Esse rendono esplicita per i mercati una chiara funzione di reazione della BCE. In particolare, assicurano che l'indebolimento delle prospettive si traduca in tassi di interesse a termine più favorevoli e, di conseguenza, in condizioni di finanziamento più favorevoli.

Nel caso degli Stati membri, sane politiche di bilancio a livello nazionale rappresentano la migliore garanzia contro il potenziale aumento degli oneri finanziari. In effetti, molti paesi della zona euro hanno utilizzato il periodo di condizioni economiche e finanziarie favorevoli per ricostituire solide posizioni di bilancio sottostanti, che offrono un margine per una politica di bilancio anticiclica. È decisivo che tutti gli Stati membri diano prova del loro impegno a favore di politiche sostenibili, riconoscendo il quadro di bilancio dell'UE. Inoltre, il completamento dell'UEM deve rimanere una priorità.

 

15. A Suo parere, come può la BCE contribuire alla crescita economica, alla transizione ecologica e alla piena occupazione nel rigoroso rispetto del suo obiettivo principale, ossia mantenere la stabilità dei prezzi? Come giudicherebbe una modifica del mandato della BCE nel senso di un maggiore allineamento ai criteri della FED? A Suo avviso, vi sono altre possibili misure di politica monetaria che permetterebbero di accrescere gli effetti positivi della politica monetaria sull'economia reale? Che ruolo svolgono le riforme strutturali negli Stati membri ai fini dell'efficacia delle politiche monetarie e viceversa?

Il mandato della BCE è sancito dall'articolo 127, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea. Secondo tale disposizione, l'obiettivo primario della BCE e della politica monetaria unica è il mantenimento della stabilità dei prezzi. Fatto salvo questo obiettivo primario, la BCE sostiene le politiche economiche nell'Unione al fine di contribuire agli obiettivi dell'Unione. Poiché il mandato della BCE è definito dal diritto primario dell'Unione, esso può essere modificato solo dagli Stati membri mediante una modifica del trattato.

La strategia di politica monetaria della BCE chiarisce che la stabilità dei prezzi deve essere mantenuta nel medio termine. Questo orientamento sul medio termine consente di ridurre al minimo le fluttuazioni nell'attività economica reale in situazioni in cui la politica monetaria potrebbe essere costretta a compromessi, come dover rispondere a uno shock dei prezzi del petrolio che aumenta temporaneamente l'inflazione in un momento in cui la crescita economica è in calo. Nella pratica, di conseguenza, le differenze rispetto al mandato della Fed sono probabilmente meno significative.

Il mantenimento della stabilità dei prezzi nel medio termine è anche un presupposto essenziale per un contesto economico favorevole e un elevato livello di occupazione.

La crescita a lungo termine, tuttavia, dipende da fattori esulanti dalla politica monetaria, come la produttività, ed è sostenuta da politiche che incoraggiano l'innovazione e gli investimenti. Le riforme strutturali nei paesi della zona euro sono importanti per stimolare la produttività e il potenziale di crescita della zona euro, ridurre la disoccupazione strutturale e aumentare la resilienza. Esse possono dunque conferire maggiore incisività alla politica monetaria in futuro, mentre l'attuale impostazione estremamente accomodante della politica monetaria riduce l'onere di introdurre tali riforme.

Per quanto riguarda la transizione ecologica, si sta appena iniziando a discutere se e in che modo le banche centrali e le autorità di vigilanza bancaria possano contribuire a mitigare i cambiamenti climatici, ma tale discussione dovrebbe essere considerata una priorità. La BCE vi partecipa già, ad esempio in qualità di membro della Rete per l'ecologizzazione del sistema finanziario (NGFS). Mi risulta inoltre che la BCE si sia concentrata sul sostegno ai partecipanti al mercato, ai legislatori e agli organismi di normazione per individuare i rischi derivanti dai cambiamenti climatici e fornire un quadro chiaro al fine di riorientare i flussi finanziari e ridurre tali rischi.

 

16. Che cosa pensa delle ripercussioni negative della politica della BCE sui cambiamenti climatici? Quali migliorie si potrebbero apportare per garantire che la politica monetaria non favorisca le società che inquinano?

Il PAA è innanzitutto finalizzato a riportare l'inflazione in linea con l'obiettivo di stabilità dei prezzi della BCE. Per garantire un'ampia gamma di titoli acquistabili, i criteri di ammissibilità per il PAA devono essere necessariamente ampi. Ciò ha favorito l'efficacia del programma evitando al contempo distorsioni in specifici segmenti di mercato.

Ai fini dell'attuazione del PAA, la BCE si è basata sul principio della neutralità di mercato senza operare discriminazioni né positive né negative per favorire o penalizzare specifiche attività sulla base di criteri ambientali o di qualsivoglia altra natura. Per quanto riguarda il CSPP, l'acquisto di titoli emessi da società non bancarie ha rispecchiato proporzionalmente il valore di mercato di tutte le obbligazioni idonee in termini di settori di attività economica e gruppi di rating. A quanto mi risulta finora non è stato possibile favorire o penalizzare specifiche attività sulla base di criteri ambientali a causa dell'assenza di criteri oggettivi. Tuttavia le iniziative della Commissione europea nel settore della finanza sostenibile volte a mettere a punto una definizione armonizzata di "attività verdi" sotto forma di una cosiddetta tassonomia (che a quanto mi risulta la BCE sostiene attivamente) miglioreranno la trasparenza e consentiranno di stabilire in modo più oggettivo che cosa possa essere considerato uno strumento finanziario verde. Non appena sarà concordata una siffatta tassonomia, la BCE dovrà valutare se e come essa possa essere applicata al PAA.

Per quanto concerne le obbligazioni verdi, nelle attuali circostanze e condizioni di mercato vi sono almeno due fattori che limitano la capacità della BCE di acquistare prevalentemente tali obbligazioni nel quadro del PAA. In primo luogo quello "verde" è un segmento di dimensioni ancora relativamente ridotte nell'universo delle attività finanziarie, nonostante la rapida crescita registrata negli ultimi anni. Pertanto l'acquisto di grandi quantità di attività di questo tipo potrebbe produrre gravi distorsioni in questo specifico segmento di mercato. In secondo luogo la definizione di cosa costituisca un'attività verde è ancora in fase embrionale, il che rende più difficile individuare le attività verdi da acquistare.

Nonostante le limitazioni esistenti e l'assenza di un esplicito obiettivo ambientale nel PAA, la BCE ha acquistato obbligazioni verdi nell'ambito sia del CSPP che del PSPP. Anche se complessivamente la BCE detiene una quantità relativamente limitata di obbligazioni verdi, i dati suggeriscono che gli acquisti della BCE hanno contribuito a ridurre i rendimenti delle obbligazioni verdi, agevolando l'emissione delle stesse da parte delle società non finanziarie.

 

17. Che cosa pensa dei rischi associati al programma di acquisto per il settore societario (CSPP)? Ravvisa eventuali effetti distorsivi sulla concorrenza nel mercato interno? In che modo, a Suo parere, è possibile ridurre al minimo eventuali effetti distorsivi del CSPP?

Nell'ambito del CSPP l'Eurosistema acquista titoli di società non bancarie per facilitare la trasmissione dei suoi acquisti di attività all'economia reale. Il CSPP forma parte integrante del PAA dell'Eurosistema, che ha contribuito in misura significativa all'espansione economica della zona euro aiutando a garantire la convergenza dell'inflazione verso il suo obiettivo.

Non è possibile escludere del tutto dal CSPP i rischi derivanti dal deterioramento della qualità del credito degli emittenti idonei. Tuttavia l'elevata diversificazione del CSPP implica che, nonostante singoli emittenti possano talvolta subire declassamenti o perdite, nel complesso il sistema è concepito per limitare tali perdite. Inoltre a quanto mi risulta l'Eurosistema è dotato di un quadro di riferimento esaustivo per la gestione dei rischi, che assicura l'attento monitoraggio dei rischi associati al CSPP. Il bilancio dell'Eurosistema è quindi efficacemente tutelato senza compromettere il conseguimento degli obiettivi strategici del CSPP.

Nel perseguire il suo principale obiettivo di mantenere la stabilità dei prezzi, l'Eurosistema ha il compito di agire in conformità del principio di un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza, favorendo un'efficiente ripartizione delle risorse. L'ampia gamma di obbligazioni idonee ai fini del CSPP contribuisce all'efficacia dello stesso in quanto strumento di politica monetaria, garantendo nel contempo condizioni di parità per tutti gli operatori di mercato ed evitando indebite distorsioni del mercato. Inoltre la BCE ha rilevato che i possibili effetti distorsivi sulla concorrenza nel mercato interno sono ulteriormente mitigati grazie ad acquisti nel quadro del CSPP che riflettono proporzionalmente l'importo nominale in essere delle obbligazioni idonee.

Per quanto concerne l'attuazione del CSPP, a mio avviso queste sono buone argomentazioni per proseguire con questo approccio, che consente di ridurre al minimo l'impatto sui prezzi relativi nell'universo delle obbligazioni idonee e gli effetti collaterali indesiderabili sul funzionamento del mercato.

 

18. Ritiene che sarebbe auspicabile integrare nel CSPP l'accordo di Parigi e gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS)? Ritiene che la BCE debba allineare i propri acquisti di attività con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e le disposizioni dell'accordo di Parigi sul clima? Ritiene che vi sia margine perché la BCE integri la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio, che rappresenta un fondamentale obiettivo strategico dell'UE, quale obiettivo secondario della politica monetaria?

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile riguardano un'ampia gamma di questioni e sono finalizzati a migliorare le condizioni di vita in tutto il mondo. È indispensabile che tutti i paesi si adoperino per realizzare tali obiettivi. Tuttavia le banche centrali, nell'ambito del proprio mandato, potrebbero essere in grado di perseguire solo alcuni di questi obiettivi.

So che l'anno scorso la BCE ha aderito alla Rete per l'inverdimento del sistema finanziario (NGFS), oltre a far parte del gruppo di esperti tecnici sui cambiamenti climatici della Commissione europea. Ciò dimostra che la BCE riconosce le sfide poste dai cambiamenti climatici e sostiene gli operatori di mercato e gli organismi di normazione nel far fronte ai rischi connessi al clima.

Per quanto concerne il PAA, l'Eurosistema ha acquistato titoli per circa 2 500 miliardi di EUR, la maggior parte dei quali emessi da governi. Su tutti gli acquisti effettuati nell'ambito del PAA, la quota relativa al CSPP è relativamente ridotta. La BCE ha affermato in varie occasioni che gli acquisti si basano sul principio della neutralità di mercato onde evitare distorsioni. Tuttavia, come precedentemente indicato, ciò non osta alla futura applicazione da parte della BCE di una tassonomia delle attività verdi (che la Commissione europea sta sviluppando).

Ciò detto, la BCE ha già acquistato diverse "obbligazioni verdi" nel quadro del PSPP e del CSPP e dovrebbe continuare ad acquistarne nella misura in cui rispettano i criteri di ammissibilità dei programmi.

Secondo un'analisi pubblicata dalla BCE in uno dei suoi bollettini economici, il CSPP ha contribuito non solo a ridurre i rendimenti delle "obbligazioni verdi", ma anche ad agevolarne l'emissione da parte delle società non finanziarie. Nonostante la crescita registrata dall'universo delle obbligazioni legate al clima, le dimensioni di questo settore restano relativamente ridotte; pertanto limitare gli acquisti a tali obbligazioni avrebbe ripercussioni sull'efficace conseguimento dell'obiettivo della BCE. A tale riguardo anche i legislatori possono contribuire allo sviluppo dell'universo delle obbligazioni legate al clima attraverso iniziative strategiche che la Commissione potrebbe avviare nella legislatura in corso.

 

19. Sotto la Sua guida, quale sarebbe il ruolo della BCE nell'ambito della Rete per l'inverdimento del sistema finanziario (NGFS)? Intende dare seguito alle raccomandazioni contenute nella prima relazione globale dell'NGFS?

I cambiamenti climatici rappresentano una delle più urgenti sfide globali che la società odierna deve affrontare. A mio avviso tutte le istituzioni pubbliche e private dovrebbero agire, nell'ambito dei rispettivi mandati, per farvi fronte. Sotto la mia guida l'FMI ha iniziato a valutare come potrebbe contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici, ad esempio studiando in che modo le politiche fiscali potrebbero essere utilizzate per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi.

Ritengo positivo che la BCE collabori con altre banche centrali e autorità di vigilanza a livello mondiale nel quadro della Rete per l'inverdimento del sistema finanziario (NGFS). Le banche centrali e le autorità di vigilanza prudenziale possono contribuire a far fronte alle sfide poste dai cambiamenti climatici e il lavoro dell'NGFS (come dimostrato dalla sua prima relazione) è fondamentale per capire come riuscirci al meglio. A mio avviso la BCE dovrebbe contribuire in modo sostanziale a tale sforzo e destinare risorse significative a questo processo, tra l'altro prendendo in seria considerazione le raccomandazioni del gruppo e dandovi seguito ogniqualvolta sia possibile senza pregiudicare il proprio mandato di mantenimento della stabilità dei prezzi e altri obiettivi.

 

20. Quali sono a Suo avviso le misure necessarie per finanziare il Patto verde per l'Europa? Qual è il ruolo del settore pubblico?

I cambiamenti climatici rappresentano senza dubbio una delle più gravi minacce della nostra epoca. Si tratta di una sfida che richiede una cooperazione a livello europeo e internazionale, dal momento che nessun paese è in grado di affrontarla da solo. Per contrastare i cambiamenti climatici serviranno importanti iniziative strategiche che promuovano politiche sia di mitigazione che di adattamento.

In tal senso, come riconosciuto anche dall'FMI a maggio di quest'anno, l'adozione di misure di riduzione e di mitigazione comporterebbe la necessità di aumentare la spesa pubblica o di ridurre altri tipi di spesa pubblica per gli investimenti pubblici. A livello europeo sono stati compiuti i primi passi attraverso il sostegno fornito dal bilancio dell'UE e dalla Banca europea per gli investimenti (BEI). La proposta della Commissione del maggio 2018 di aumentare ulteriormente la quota del bilancio dell'UE destinata a sostenere le politiche di lotta ai cambiamenti climatici nel prossimo quadro finanziario pluriennale e la richiesta del Parlamento europeo di un impegno ancora maggiore contribuiranno senza dubbio a mobilitare ulteriormente le risorse finanziarie necessarie per mettere in pratica gli obiettivi climatici dell'UE. Personalmente spero che il "Patto verde per l'Europa" annunciato dal Presidente eletto della Commissione dinanzi al Parlamento europeo possa rappresentare un punto di svolta per rafforzare il ruolo svolto dall'UE nel finanziare progetti sostenibili e reindirizzare gli investimenti pubblici verso soluzioni a basse emissioni di carbonio.

Oltre a convogliare più finanziamenti pubblici a favore degli investimenti per il clima, sarebbe essenziale che i decisori politici avviino nuove iniziative per attrarre investimenti privati aggiuntivi. È innegabile che serve un grande volume di capitale privato onde promuovere la trasformazione economica necessaria per rispondere alla sfida della transizione verso un'economia più rispettosa dell'ambiente. Pertanto le politiche pubbliche dovrebbero altresì concentrarsi sulla necessità di mobilitare risorse private, promuovere l'innovazione tecnologica nel settore delle nuove energie e delle tecnologie efficienti e affrontare le sfide legate all'internalizzazione delle esternalità ambientali nelle decisioni del settore privato.

Alla luce del profondo impatto che i cambiamenti climatici possono avere sulle nostre società, anche le banche centrali e le autorità di vigilanza prudenziale devono tenere conto di questa sfida e riflettere su come affrontarla nel modo migliore. La BCE è infatti membro dell'NGFS e insieme ad altre banche centrali nazionali dell'Eurosistema sostiene attivamente il programma della Commissione europea in materia di finanza sostenibile. Tale programma potrebbe in ultima analisi migliorare la determinazione del prezzo dei rischi dei cambiamenti climatici e dei rischi di transizione e promuovere il riorientamento dei flussi finanziari verso prodotti di investimento sostenibili. In una prospettiva futura, mi aspetto che la BCE continui questo lavoro apportando il proprio contributo, nell'ambito del suo mandato, al conseguimento degli obiettivi stabiliti dall'accordo di Parigi.

Allo stesso tempo, tuttavia, occorre essere realistici. Le risposte e le iniziative strategiche migliori e più appropriate esulano dalla portata delle politiche delle banche centrali. Sebbene la BCE contribuisca agli obiettivi in materia di sostenibilità nell'ambito del suo mandato, spetta alle autorità politiche definire e adottare le opportune misure normative e di bilancio per far fronte a queste sfide.

 

21. A Suo avviso si dovrebbe impedire che i programmi di acquisto di attività della BCE acquistino attività considerate non sicure sul piano ambientale e sociale dal quadro tassonomico dell'UE?

Nell'ambito del suo mandato, la BCE sostiene diverse iniziative di lotta ai cambiamenti climatici a livello sia dell'UE che globale. Nonostante il loro rapido sviluppo, le attività verdi rappresentano tuttora una classe di attività piuttosto limitata e la relativa tassonomia è ancora allo stadio embrionale. La BCE sostiene lo sviluppo di tale tassonomia: una volta concordata, a mio avviso essa agevolerà l'integrazione delle considerazioni ambientali nei portafogli delle banche centrali.

La BCE ha già acquistato diverse "obbligazioni verdi" nel quadro del PSPP e del CSPP e continuerà ad acquistarne nella misura in cui rispettano i criteri di ammissibilità dei programmi, continuando in tal modo a ridurre i costi di finanziamento delle società con progetti ecologici.

 

22. Qual è il Suo parere sull'erogazione del sostegno di emergenza alla liquidità (ELA)?

Che cosa potrebbe essere migliorato nel processo decisionale relativo alla concessione dell'ELA?

Il sostegno di emergenza alla liquidità (ELA) ha svolto un ruolo fondamentale nel mantenere la stabilità finanziaria durante la crisi finanziaria ovviando ai problemi di liquidità di singoli enti solventi.

Attualmente la responsabilità dell'erogazione dell'ELA si colloca principalmente a livello nazionale e ricade sulle banche centrali nazionali interessate. Finora questo approccio si è rivelato affidabile. Tuttavia, alla luce dei progressi verso l'Unione bancaria, della prosecuzione dell'integrazione finanziaria e del ruolo della BCE quale autorità responsabile della vigilanza di tutte le banche (importanti) della zona euro, è possibile prevedere che, come avviene per la politica monetaria, le decisioni relative all'ELA potrebbero essere adottate a livello centrale, anche se l'effettiva erogazione di liquidità sarebbe realizzata tramite le banche centrali nazionali. Tale questione è stata altresì sollevata dall'FMI nel suo programma di valutazione del settore finanziario della zona euro. Ovviamente in ultima analisi spetterà al Consiglio direttivo discuterne.

 

23. Quali sono i rischi per la stabilità monetaria legati allo sviluppo di valute virtuali come il bitcoin? Quale ruolo ritiene debba svolgere la BCE in relazione alle valute virtuali? Qual è la Sua opinione in merito alla nuova valuta digitale Libra annunciata da Facebook? A Suo avviso quale sarebbe il quadro normativo adeguato per le valute virtuali?

Si stima che finora le valute virtuali esistenti (ad esempio il bitcoin), dette anche "cripto-attività", non abbiano avuto implicazioni tangibili per la politica monetaria e la stabilità finanziaria. Tale valutazione deriva dalle ridotte dimensioni dei mercati delle cripto-attività rispetto al sistema finanziario e dalla loro limitata interconnessione con il settore finanziario regolamentato e l'economia. In termini relativi, la capitalizzazione di mercato complessiva delle cripto-attività a livello mondiale è attualmente pari a circa il 7 % della capitalizzazione di mercato del cosiddetto gruppo "FAANG" (Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google), ossia il 2 % del PIL della zona euro e il 3 % / 2 % rispettivamente dell'M1 e dell'M3. Tale situazione potrebbe mutare con l'evoluzione del mercato e delle cripto-attività stesse. Chiaramente la BCE e le banche centrali in generale dovrebbero monitorare e valutare con attenzione gli sviluppi e contribuire ai lavori in corso a livello internazionale sulle risposte politiche.

I progetti emergenti incentrati sugli "stablecoin", di cui l'iniziativa di Facebook relativa a Libra è un esempio, rappresentano un tentativo del settore privato di migliorare i servizi finanziari esistenti e possono apportare vantaggi in termini di efficienza dei pagamenti transfrontalieri e inclusione finanziaria. Tali progetti, e in particolare la tecnologia blockchain o di registro distribuito su cui si basano, possono essere vantaggiosi per gli utenti e offrire opportunità sul piano dell'efficienza e della sicurezza, in particolare in paesi in cui attualmente non vi sono servizi efficienti relativi alle infrastrutture di mercato. Se le cripto-attività come gli stablecoin e la tecnologia blockchain su cui si basano possono rappresentare un'opportunità, in particolare nel settore dei pagamenti transfrontalieri, occorre tenere presente che il loro utilizzo generalizzato potrebbe altresì comportare rischi per la politica monetaria, la stabilità finanziaria, il corretto funzionamento del sistema di pagamento globale e la fiducia del pubblico nello stesso. Attendo con interesse la relazione finale del gruppo di lavoro dei ministri e dei governatori del G7 sugli stablecoin, cui sta contribuendo anche l'FMI in quanto membro del gruppo. Il gruppo di lavoro effettuerà un'analisi dei vantaggi e dei rischi degli stablecoin in coordinamento con il G20, il Consiglio per la stabilità finanziaria e altri pertinenti organismi di normazione.

Per quanto concerne il quadro normativo, è chiaro che serve un equilibrio tra la necessità di garantire che tali attività non creino rischi per la stabilità finanziaria e l'esigenza di consentire l'innovazione finanziaria. L'esperienza acquisita dalla regolamentazione esistente insegna che a parità di attività e di rischio il quadro normativo dovrebbe essere lo stesso. In tal modo si ridurrebbe altresì il rischio di arbitraggio regolamentare nei casi in cui l'innovazione non crei nuovi tipi di servizi ma sia meramente intesa a eludere la regolamentazione. Nel considerare quale approccio normativo adottare in relazione alle complesse iniziative sugli stablecoin è fondamentale non limitarsi ai singoli componenti, ma valutare l'intera architettura, ossia quello che taluni potrebbero chiamare "l'ecosistema".

 

24. In che modo valuta le interazioni tra sistemi di pagamento e politica monetaria? Quale dovrebbe essere il ruolo della BCE, in qualità di banca centrale di emissione, in relazione alle stanze di compensazione funzionanti come controparti centrali (CCP)?

Il corretto funzionamento dei sistemi di pagamento è fondamentale per la stabilità e l'efficienza del settore finanziario e dell'economia nel suo insieme nonché per la politica monetaria, che dipende in misura significativa dal regolamento agevole e in tempo reale di flussi di pagamento di importo elevato. Per questo motivo le banche centrali di tutto il mondo vigilano sui sistemi di pagamento per garantirne la sicurezza e l'efficienza, e uno dei compiti di base dell'Eurosistema consiste nella promozione del corretto funzionamento dei sistemi di pagamento.

Le banche centrali di emissione, come la BCE per l'euro, si occupano inoltre della sicurezza e dell'efficienza delle controparti centrali (CCP). I problemi di liquidità delle CCP possono pregiudicare il corretto funzionamento dei sistemi per pagamenti di valore elevato e dei mercati dei contratti di vendita con patto di riacquisto, con rischi potenzialmente gravi per l'attuazione della politica monetaria. Inoltre alle banche centrali può essere chiesto di erogare prestiti di emergenza alle CCP e/o ai partecipanti diretti delle CCP, che possono essere enti creditizi e quindi controparti di politica monetaria. Ciò può avere ripercussioni anche sul conseguimento degli obiettivi della politica monetaria. Tali preoccupazioni sono diventate più pressanti con lo spiccato aumento delle dimensioni delle CCP, della loro importanza sistemica e della loro natura transfrontaliera negli ultimi anni, come pure in vista del futuro recesso del Regno Unito dall'Unione.

In questo contesto le istituzioni dell'UE hanno intrapreso una riforma del quadro normativo delle CCP (EMIR2) al fine di rafforzare il quadro per il riconoscimento delle CCP dei paesi terzi e il quadro per la vigilanza delle CCP dell'UE. Nell'ambito del suo mandato, la BCE è pronta a contribuire all'attuazione del quadro normativo rivisto, tra l'altro assicurando consultazioni e cooperazione con le banche centrali di emissione, come previsto dal quadro in questione. La gestione dei rischi posti dalle CCP per i compiti di base della BCE dovrebbe infatti rimanere una priorità fondamentale, incluso un eventuale riesame futuro della questione del coinvolgimento normativo delle banche centrali.

 

25. Quali sono i rischi per la stabilità finanziaria connessi alla Brexit e in che modo la BCE dovrebbe prepararsi per far fronte agli stessi?

Sebbene un recesso ordinato sia preferibile sia per l'UE che per il Regno Unito, sussiste la possibilità di una Brexit senza accordo il 1° novembre. Confido che le autorità dell'UE, inclusa la BCE, si siano preparate in vista di questo scenario. Nell'ultima relazione sulla stabilità finanziaria mondiale (marzo 2019) l'FMI ha rilevato che le autorità hanno preso importanti provvedimenti per rassicurare i mercati e che i rischi sono stati ridotti.

Più specificamente, per quanto concerne la compensazione centrale, i rischi di una Brexit senza accordo sono stati mitigati attraverso una decisione di equivalenza temporanea adottata dalle autorità dell'UE per le CCP del Regno Unito. Le autorità dell'UE hanno adottato una decisione di equivalenza temporanea anche per i depositari centrali di titoli del Regno Unito. Analogamente, le autorità britanniche hanno istituito un regime temporaneo di autorizzazioni che consentirà alle imprese dello Spazio economico europeo di continuare ad operare come in precedenza per un massimo di tre anni dopo il recesso del Regno Unito.

Inoltre la Banca d'Inghilterra e la BCE hanno attivato il proprio accordo di swap valutario, che consente alla Banca d'Inghilterra di offrire liquidità in euro alle banche del Regno Unito su base settimanale. L'Eurosistema ha indicato che, in virtù dello stesso accordo, in caso di necessità sarebbe pronto a fornire sterline alle banche della zona euro.

Tuttavia, nonostante gli sforzi significativi compiuti dalle autorità per prepararsi, nel caso di una Brexit senza accordo potrebbero emergere rischi di coda suscettibili di interagire con altri rischi esistenti. Uno scenario avverso di questo tipo, se si dovesse verificare, si materializzerebbe probabilmente in modo improvviso e potrebbe dare luogo a una significativa volatilità dei mercati finanziari e a un aumento dei premi di rischio, con possibili ripercussioni sulle condizioni finanziarie della zona euro. Più in generale, una Brexit senza accordo potrebbe comportare un incremento dei rischi macroeconomici in caso di interazione con altri shock a livello mondiale, quali le crescenti tensioni commerciali. L'impatto di tale esito potrebbe concentrarsi su determinati paesi aventi forti legami con il Regno Unito e potrebbe essere amplificato in caso di insufficiente preparazione degli attori del settore finanziario e di alcuni settori chiave dell'economia reale. In questo contesto è opportuno rilevare che la BCE ha più volte sottolineato che le banche devono prepararsi a tutti gli scenari possibili, incluso quello in cui, in assenza di un accordo, si realizzerebbe una "hard Brexit" senza transizione. Le banche devono essere pronte sul piano operativo ed essere consapevoli che potrebbe non esservi un periodo di transizione.

Nel complesso sono fiduciosa che le misure adottate finora abbiano limitato l'impatto che il recesso del Regno Unito dall'Unione potrebbe avere sull'accesso ai servizi finanziari nella zona euro. Il settore privato ha compiuto progressi in alcuni settori per mitigare i rischi legati alla Brexit. Ad ogni modo le società sia finanziarie che non finanziarie dovrebbero utilizzare il tempo restante fino al 1° novembre per continuare a prepararsi a tutti gli esiti possibili. Le autorità europee, inclusa la BCE, dovrebbero continuare a monitorare attentamente gli sviluppi fino al 1° novembre, adottando i provvedimenti necessari.

 

26. Quale ruolo dovrebbe svolgere a Suo avviso la BCE nel contesto di un possibile rallentamento della crescita economica nei prossimi trimestri?

L'economia della zona euro deve far fronte ad andamenti sfavorevoli su scala mondiale, che pesano sulle sue prospettive di crescita. Il ritmo di crescita della zona euro ha subito un rallentamento e l'equilibrio dei rischi per le prospettive di crescita è orientato al ribasso. L'inflazione resta contenuta. In questo contesto è fondamentale che la politica monetaria continui a essere guidata dalle prospettive di inflazione.

In particolare la BCE ha affermato chiaramente che occorre mantenere un orientamento di politica monetaria altamente accomodante per un periodo prolungato dal momento che i tassi di inflazione, sia effettivi che previsti, sono rimasti costantemente al di sotto degli obiettivi. Il Consiglio direttivo ha quindi indicato di essere pronto ad adeguare l'orientamento politico per garantire che l'inflazione progredisca stabilmente verso l'obiettivo qualora le prospettive di inflazione a medio termine continuino a essere insufficienti rispetto all'obiettivo della BCE. Sostengo appieno tale posizione. La BCE dispone di un ampio ventaglio di strumenti e se necessario deve essere pronta a intervenire per ottemperare al suo mandato di mantenimento della stabilità dei prezzi.

 

27. Ritiene che la BCE sia "a corto di munizioni" se si dovesse verificare un'altra grave recessione? La BCE potrebbe, secondo Lei, sviluppare nuovi strumenti di politica monetaria non convenzionali? Ritiene che si possa ritornare alla politica monetaria convenzionale senza pregiudicare gli obiettivi in materia di crescita e inflazione o pensa che sia necessaria una nuova combinazione di politiche?

La BCE dispone di un ampio ventaglio di strumenti ed è in grado di rispondere in modo flessibile alle situazioni suscettibili di incidere sulle prospettive di stabilità dei prezzi. Le misure di politica monetaria non convenzionale adottate dalla BCE hanno fornito un sostegno sostanziale all'economia della zona euro. Sinora tali misure si sono dimostrate molto efficaci, e possono essere ampliate e adeguate in funzione delle necessità.

Guardando al futuro, la BCE è in grado di integrare la politica monetaria convenzionale con altre misure non convenzionali al fine di garantire la stabilità dei prezzi. L'esatta combinazione degli strumenti da impiegare dipenderà dalla natura degli shock che incidono sulle prospettive di inflazione e dalle condizioni dei mercati finanziari.

 

28. Il rallentamento dell'economia mondiale fa emergere la necessità di un allentamento della politica monetaria.

L'allentamento quantitativo può rappresentare uno strumento utile, ma vi è un margine di manovra ridotto. Infatti in virtù dei limiti posti dal quadro del programma alcune banche centrali nazionali, come la Bundesbank, incontrerebbero difficoltà nell'acquistare obbligazioni in linea con le norme stabilite dal programma. A Suo avviso abbandonare la regola dello schema di capitale potrebbe essere d'aiuto in questo contesto?

Per quanto riguarda i futuri sviluppi della politica monetaria, le indicazioni prospettiche della BCE stabiliscono chiaramente che la politica monetaria dipenderà dalle prospettive di inflazione. A questo proposito, il grado di accomodamento sarà determinato in funzione di quanto necessario per garantire la convergenza dell'inflazione a livelli inferiori, ma prossimi, al 2 % nel medio termine.

In passato la BCE ha dimostrato di avere a disposizione tutti gli strumenti necessari. Il PAA si è rivelato uno strumento efficace per mitigare il rischio di un periodo prolungato di pressioni deflazionistiche e le indicazioni prospettiche della BCE hanno rassicurato efficacemente i mercati circa l'intenzione della BCE di mantenere i tassi di interesse a livelli pari o inferiori a quelli attuali, come richiesto dagli sviluppi delle prospettive di inflazione. Tutte le azioni si iscrivono entro i limiti del mandato di politica monetaria dell'Eurosistema, che determinerà altresì le possibilità di un'eventuale ripresa degli acquisti netti di attività.

Le azioni della BCE dovrebbero essere proporzionate in funzione della realizzazione del suo mandato e del conseguimento dei suoi obiettivi. La Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) ha recentemente confermato la flessibilità degli strumenti rientranti nel mandato della BCE. Di conseguenza la BCE dispone di un ampio margine discrezionale nell'adeguare gli strumenti onde garantire il proseguimento di una costante convergenza dell'inflazione a livelli compatibili con la stabilità dei prezzi.

 

29. Che cosa pensa della teoria secondo cui le banche centrali potrebbero fornire un'offerta illimitata di moneta per finanziare la crescita?

Nelle attuali circostanze la BCE dovrebbe garantire – e garantisce – una politica monetaria ampiamente accomodante per sostenere l'espansione e la convergenza dell'inflazione verso l'obiettivo di un livello "inferiore ma prossimo al 2 %". Tuttavia questa valutazione è legata alle attuali condizioni economiche e non implica che la BCE debba fornire in generale un'offerta illimitata di moneta per finanziare la crescita.

Al contrario, ciò sarebbe in contraddizione con il principio dell'indipendenza delle banche centrali e con il mandato della BCE di mantenimento della stabilità dei prezzi.

 

30. A Suo avviso qual è la differenza tra politica monetaria e di bilancio? Quale dovrebbe essere il ruolo delle banche centrali in questo contesto?

In termini generali, la politica monetaria è uno strumento di stabilizzazione inteso a ridurre le fluttuazioni cicliche a breve termine nelle prospettive economiche e di inflazione. Essa si basa in larga misura sui dati. Diversamente dalla politica di bilancio, non può avere un impatto sul potenziale a più lungo termine di un'economia. Al contrario la politica di bilancio, pur essendo a sua volta un utile strumento di stabilizzazione, in genere necessita di un tempo maggiore per essere attuata e cominciare ad avere effetto nell'economia reale. Tuttavia essa può avere un impatto trasformativo sull'economia, in particolare attraverso gli investimenti pubblici.

L'architettura istituzionale dell'UEM riconosce che la politica monetaria e la politica di bilancio perseguono obiettivi distinti e sono attuate da decisori politici diversi nell'ambito dei rispettivi mandati. Le misure di politica monetaria della BCE perseguono l'obiettivo principale di garantire la stabilità dei prezzi, mentre gli obiettivi di bilancio, tra cui la sostenibilità del debito pubblico, sono di competenza dei governi degli Stati membri, come riconosciuto anche dal quadro di bilancio dell'UE.

 

31. Come valuta l'attuale quadro di governance economica, la sua attuazione la sua applicazione? Quali riforme ritiene necessario apportare al quadro in questione? A Suo avviso l'attuale quadro incoraggia le politiche di bilancio procicliche? Prevede i giusti incentivi per gli investimenti pubblici? Cosa sarebbe necessario per approfondire l'UEM?

Il quadro comune di governance economica e di bilancio mira a garantire che le politiche strutturali e di bilancio nazionali favoriscano il corretto funzionamento dell'UEM. Il rispetto delle norme di bilancio è necessario per assicurare la sostenibilità delle finanze pubbliche a livello degli Stati membri, il che rappresenta un presupposto per il corretto funzionamento dell'UEM. Inoltre la conformità al patto di stabilità e crescita dovrebbe sostenere la costituzione di margine di bilancio nei periodi di congiuntura economica favorevole, che potrebbe quindi essere utilizzato a fini di stabilizzazione nei periodi di congiuntura economica sfavorevole. L'attuazione delle raccomandazioni specifiche per paese e il rispetto della procedura per gli squilibri macroeconomici sono importanti nell'ottica di rafforzare la crescita, evitare e correggere gli squilibri e assicurare la resilienza degli Stati membri e della zona euro nel suo complesso.

Ciò detto, ritengo che il quadro di bilancio europeo possa essere migliorato in termini sia di concezione che di attuazione. In ultima analisi le modifiche dovrebbero mirare a rafforzare la titolarità nazionale nonché la prevedibilità del quadro nel tempo e nei diversi paesi.

In passato si è registrata una tendenza ad attuare politiche di bilancio procicliche nella zona euro nei periodi di congiuntura sia favorevole che sfavorevole. Una riforma delle norme di bilancio dovrebbe pertanto mirare a rafforzare gli incentivi a costituire riserve di bilancio nei periodi di congiuntura favorevole in modo che nei periodi di recessione sia disponibile il margine di bilancio necessario per la stabilizzazione macroeconomica.  Il quadro rivisto dovrebbe essere sufficientemente semplice onde garantire che sia trasparente, credibile e applicabile. A tale riguardo, una possibile via di riforma consisterebbe nel privilegiare norme basate sulla spesa legate a un ancoraggio del debito. Perseguire finanze pubbliche sane ed evitare politiche di bilancio procicliche nei periodi di congiuntura favorevole può creare un margine di bilancio che consenta di proteggere gli investimenti pubblici nei periodi di congiuntura sfavorevole. Il futuro riesame del "two pack" e del "six pack" sarà un'opportunità per valutare l'efficacia dell'attuale quadro di bilancio e discutere le possibilità di riforma.

Tuttavia il miglioramento del quadro di bilancio non è di per sé sufficiente per garantire il corretto funzionamento dell'UEM. Una capacità di bilancio centrale per la stabilizzazione macroeconomica nella zona euro rappresenta un elemento importante del programma di riforma dell'UEM. Tale strumento dovrebbe essere in grado di fornire un sostegno tempestivo e adeguato in caso di shock economico; dal punto di vista della banca centrale si tratta di un aspetto di grande importanza in caso di profonde recessioni estese all'intera area. Insieme a un coordinamento più efficace delle politiche di bilancio nazionali, tale capacità di bilancio centrale potrebbe contribuire a indirizzare l'orientamento aggregato di bilancio della zona euro e a garantire una combinazione di politiche macroeconomiche più adeguata.

Per quanto concerne le riforme strutturali, nonostante alcune misure volte a rafforzare il quadro, esso resta lo strumento più adeguato per favorire l'attuazione di importanti misure strategiche a livello nazionale. Riforme economiche volte a rafforzare la competitività e a sostenere gli investimenti, ad esempio attraverso la promozione della digitalizzazione e dell'imprenditorialità, sono fondamentali per accrescere le potenzialità di crescita. Nel sostenere tali riforme, il futuro strumento di bilancio per la convergenza e la competitività della zona euro può essere considerato un passo nella giusta direzione.

 

32. Ritiene che nella zona euro sia necessaria un'attività sicura europea al fine di contribuire non solo a stabilizzare i mercati finanziari e a ridurre l'esposizione delle banche al debito pubblico, ma anche ad agevolare la corretta trasmissione della politica monetaria? In che modo si potrebbe conseguire tale risultato?

Le attività che presentano un livello di rischio molto ridotto, spesso dette "attività sicure", sono fondamentali per il funzionamento del sistema finanziario e l'efficienza dell'intermediazione bancaria.

Se opportunamente concepita, una comune attività sovrana sicura sarebbe vantaggiosa in quanto potrebbe contribuire alla stabilità finanziaria e all'integrazione finanziaria. Un'attività sicura che non sia sensibile al rischio sovrano idiosincratico e il cui valore aumenti in tempo di crisi potrebbe contribuire a ridurre il circolo vizioso tra banche e Stati come pure le fughe verso la sicurezza osservati durante l'ultima crisi. Una comune attività sovrana sicura di volume sufficiente agevolerebbe inoltre l'allocazione efficiente del capitale nell'Unione monetaria e faciliterebbe l'integrazione finanziaria.

Una comune attività sovrana sicura potrebbe altresì contribuire a un'attuazione più efficace della politica monetaria. Essa eviterebbe le frammentazioni favorendo così la corretta trasmissione della politica monetaria unica. Inoltre una comune attività sovrana sicura contribuirebbe indirettamente a rafforzare il ruolo internazionale dell'euro.

Tuttavia, nonostante tutti i possibili vantaggi, occorre tenere conto del fatto che, in virtù delle sue implicazioni in termini di rischio sovrano e incentivi di bilancio, la questione di una comune attività sicura è politicamente sensibile. Inoltre essa non è strettamente necessaria per realizzare importanti progressi nell'approfondimento dell'UEM.

 

33. Qual è il Suo parere circa il dibattito in corso sul persistere di elevati livelli di debito pubblico e privato nella zona euro? Che cosa pensa della possibilità ventilata dalla Commissione europea di istituire un Tesoro della zona euro che accederebbe ai mercati finanziari a nome dei suoi membri per finanziare parte delle loro periodiche esigenze di rifinanziamento?

Negli ultimi anni nella zona euro si è registrata una significativa diminuzione dell'indebitamento pubblico e privato a livello aggregato. Tale situazione è frutto di condizioni economiche e di finanziamento favorevoli, ma in alcuni casi anche di una politica di bilancio prudente e di progressi nelle riforme, che hanno aumentato le potenzialità di crescita. Permangono tuttavia importanti vulnerabilità e differenze tra i vari paesi.

Guardando ai dati, il rapporto tra debito pubblico e PIL nella zona euro è diminuito da un picco del 94,4 % nel 2014 a circa l'87 % nel 2018. Sebbene si tratti di un livello relativamente ridotto rispetto agli Stati Uniti o al Giappone, il dato aggregato cela significative differenze tra i vari paesi, in quanto lo scorso anno diversi Stati membri hanno registrato un rapporto debito/PIL pari o superiore al 100 %. In linea con il quadro di bilancio europeo, la riduzione di questi elevati rapporti debito/PIL dovrebbe essere una priorità strategica non solo perché un debito elevato pregiudica la crescita a lungo termine e rappresenta un onere per le generazioni future, ma anche perché lascia un margine di bilancio ridotto per arginare un'eventuale recessione.

Per quanto concerne il debito privato, le proporzioni e la natura della riduzione dell'indebitamento sono state eterogenee tra i vari paesi. Se il rapporto debito privato/PIL della zona euro è diminuito da un picco del 147 % nel 2015 a circa il 137 % nel primo trimestre del 2019, in alcuni paesi (ad esempio Lussemburgo, Cipro e Irlanda) si registrano ancora livelli di debito molto elevati. In alcuni paesi le strutture economiche e i meccanismi istituzionali sembrano non essere ancora abbastanza efficienti per affrontare l'eccessivo indebitamento residuo, il che pregiudica le potenzialità di crescita e la resilienza economica. Ciò evidenzia l'importanza di politiche in grado di favorire la riduzione ordinata dell'indebitamento del settore privato, in particolare affrontando i restanti ostacoli del quadro giuridico e i limiti di capacità dei tribunali e incentivando le banche a provvedere con decisione alla ristrutturazione delle attività deteriorate.

La creazione di un Tesoro della zona euro rappresenta senza dubbio un elemento importante del programma di riforma più a lungo termine dell'UEM. Nel dibattito relativo a questa riforma sono stati considerati vari compiti che potrebbero essere attribuiti a un siffatto Tesoro, quali la vigilanza economica e di bilancio, la gestione delle crisi e la responsabilità di una capacità di bilancio centrale per la stabilizzazione macroeconomica, che nella zona euro manca tuttora.

Sebbene si tratti di questioni prettamente politiche, a mio avviso l'architettura istituzionale della zona euro dovrebbe evolvere nella direzione di un processo decisionale maggiormente congiunto e di un migliore coordinamento delle politiche economiche e di bilancio. In tale contesto un Tesoro della zona euro andrebbe ovviamente a integrare e non a sostituire l'elaborazione delle politiche a livello nazionale.

 

34. Qual è la Sua opinione sulle critiche mosse al quadro della BCE relativo alle garanzie, secondo cui esso non sarebbe abbastanza graduale e si baserebbe troppo su agenzie esterne di rating del credito?

L'Eurosistema ha l'obbligo giuridico di condurre le proprie operazioni di credito solo a fronte di garanzie adeguate. Sulla base di tale obbligo l'Eurosistema ha istituito un quadro integrato per la gestione dei rischi, che comprende il quadro relativo alle garanzie e il quadro per la valutazione della qualità creditizia. Nell'ambito del quadro relativo alle garanzie, l'Eurosistema accetta in garanzia una vasta gamma di attività per attenuare i rischi finanziari cui è esposto. Quale ulteriore misura per il controllo dei rischi, gli scarti di garanzia distinguono tra diversi aspetti, quali tipi di attività, qualità del credito, maturità, negoziabilità e struttura cedolare. Vi sono inoltre scarti di garanzia aggiuntivi per rischi più specifici. Di conseguenza il quadro relativo alle garanzie è già sufficientemente granulare.

A quanto mi risulta l'Eurosistema non si basa esclusivamente su agenzie di rating del credito, ma anche sui sistemi interni di valutazione del credito delle banche centrali nazionali e su sistemi basati sui rating interni delle controparti. Di recente esso ha altresì deciso di eliminare gradualmente il ricorso agli strumenti di rating, riducendo in tal mondo il numero delle fonti esterne di rating accettate. Più in generale la BCE ha ribadito in diverse occasioni la propria adesione al principio sostenuto dal Consiglio per la stabilità finanziaria secondo cui le banche centrali dovrebbero ridurre il ricorso meccanico ai rating esterni, utilizzando strumenti quali un processo di verifica dei risultati su base annuale e valutazioni di due diligence continue per le agenzie di rating del credito accettate. L'Eurosistema ha inoltre introdotto obblighi di informativa rafforzati per alcuni rating onde consentire agli utilizzatori dei rating di comprenderli meglio e di definire la propria opinione al riguardo.

 

35. Come valuta il recente andamento del tasso di cambio USD/EUR? Dovrebbe la BCE preoccuparsi del rischio di una potenziale "guerra valutaria" con gli Stati Uniti? Dovrebbe la BCE valutare l'adozione di una politica di comunicazione più esplicita per quanto concerne la politica del tasso di cambio dell'euro? Quali sono le sue opinioni sulla posizione recentemente espressa dal Presidente Trump sulla politica monetaria della BCE e sui suoi effetti sul commercio UE-USA? In che misura le considerazioni commerciali dovrebbero svolgere un ruolo nella conduzione della politica monetaria?

Il tasso di cambio non è un obiettivo politico per la BCE e sarebbe pertanto inopportuno per me come candidata alla carica di presidente della BCE esprimermi sul livello del tasso di cambio dell'euro o sui recenti sviluppi correlati.

In generale, dal punto di vista della politica monetaria, è naturalmente importante seguire l'evoluzione dei tassi di cambio per quanto riguarda le possibili implicazioni per le prospettive di inflazione. Analogamente, gli sviluppi del commercio mondiale sono importanti per una banca centrale in quanto determinano la domanda estera di beni e servizi della zona euro, incidendo in tal modo sulle prospettive economiche della zona euro e, in ultima analisi, sulle prospettive di inflazione.

Per quanto riguarda i rischi di "guerre valutarie", concordo con il forte consenso della comunità internazionale ad astenersi dalle svalutazioni competitive e a non assumere come obiettivo i tassi di cambio a fini concorrenziali. Tale consenso è stato ribadito dai ministri e dai governatori del G7 e del G20. Le misure di politica monetaria della BCE sono e dovrebbero rimanere finalizzate esclusivamente a garantire la convergenza costante e duratura dell'inflazione a livelli inferiori, ma prossimi, al 2 % nel medio termine.

 

36. Come valuta i risultati del G20? Qual è il Suo parere sull'attuale livello di coordinamento tra le principali banche centrali?

Il G20 è stato fondamentale, all'indomani della crisi finanziaria globale, per stabilizzare i mercati finanziari mondiali e fornire risposte coordinate in materia di politica fiscale e monetaria. In tal senso, il G20 è riuscito ad evitare una depressione economica globale. Ho partecipato a molte discussioni al G20 in qualità di ministro delle finanze francese. Quando la Francia ha assunto la presidenza del G20 per l'anno 2011, sono stata presidente della riunione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G20 e ho avviato un'ampia agenda di lavoro sulla riforma del sistema monetario internazionale. Anche il formato che riunisce i leader del G20, a cui ho avuto il privilegio di partecipare nella mia precedente veste di direttore generale dell'FMI, si è dimostrato efficace nel coordinare le risposte globali in tempi di incertezza economica e geopolitica.

Detto questo, le sfide odierne richiedono ancora un G20 forte e mirato: non abbiamo ancora completato il nostro programma di riforma del settore finanziario, il ciclo economico globale sta maturando e molte banche centrali praticano un tasso zero, mentre le finanze pubbliche di molti paesi sono in condizioni peggiori rispetto a 10 anni fa. Emergono inoltre nuove sfide, come le cripto-attività/tecnofinanza e le implicazioni della digitalizzazione, per citarne solo due. Resta importante trovare soluzioni globali a queste sfide e il G20 è attualmente il miglior formato internazionale per discutere di cooperazione e coordinamento economico a prescindere dalla presenza o meno di crisi.

Le banche centrali interagiscono in seno al G20 e partecipano a diversi gruppi di lavoro del G20 e collaborano anche al G7. Inoltre, nel contesto della Banca dei regolamenti internazionali (BRI) vi sono altre sedi, altrettanto importanti e con un numero di membri che si estende oltre i paesi del G7 e del G20. Poiché la maggior parte delle principali banche centrali sono indipendenti e seguono i rispettivi mandati, il coordinamento tra di esse è un evento piuttosto raro, ma il livello continuo di interazione è un prerequisito per un'azione coordinata se ritenuto utile in circostanze specifiche.

 

37. Dovrebbe la BCE intraprendere azioni concrete per dare impulso all'euro come valuta internazionale? Se sì, quali? Quanto considera realistica l'ipotesi che lo yen giapponese o il renminbi cinese minaccino la posizione dell'euro come seconda principale valuta internazionale? Quali sarebbero le conseguenze se così fosse?

Gli studi in materia suggeriscono che, mentre la rilevanza internazionale delle valute è determinata in primo luogo dagli sviluppi storici e dipende in gran misura dal percorso d'evoluzione, svolgono un ruolo importante anche diversi altri fattori, come le dimensioni e la stabilità dell'economia interna, il suo ruolo nel commercio internazionale e nella finanza, nonché considerazioni geopolitiche. È quindi importante lavorare su questi fronti per garantire che l'euro continui a migliorare la sua posizione internazionale.

A tale riguardo, la zona euro dispone di una serie di attività sulle quali è possibile basarsi. Come documentato nell'ultima relazione della BCE, l'anno scorso la quota occupata dall'euro nelle riserve valutarie mondiali è aumentata dell'1,2 %, raggiungendo il 20,7 %.  Un aumento positivo si è registrato anche se si considera la quota delle emissioni di debito internazionale e dei depositi internazionali, nonché la quota dei prestiti internazionali in essere.

Accolgo con favore l'iniziativa della Commissione lanciata l'anno scorso mirata a rafforzare il ruolo internazionale dell'euro. Ritengo che la BCE, esercitando il suo mandato in materia di stabilità dei prezzi, abbia un ruolo da svolgere nel sostenere la stabilità economica e finanziaria. Ciò a sua volta va a vantaggio dell'uso dell'euro come riserva di valore al di là dei confini della zona euro. Più in generale, rivestono importanza delle politiche economiche sane onde aumentare a livello globale l'attrattiva delle valute.

Il ruolo internazionale dell'euro potrebbe essere ulteriormente sostenuto da un'UEM approfondita e più completa. Il completamento dell'unione bancaria e l'avanzamento dell'Unione dei mercati dei capitali possono contribuire a rafforzare i mercati finanziari della zona euro e quindi ad accrescere l'attrattiva dell'euro presso gli investitori internazionali. A tale riguardo, le iniziative della BCE relative alle infrastrutture di mercato e ai pagamenti, che concorrono ad accrescere l'efficacia e l'integrazione dei mercati finanziari nella zona euro, possono contribuire a rafforzare l'attrattiva internazionale dell'euro.

 

38. Quali sono secondo Lei le principali sfide e opportunità per la comunicazione della banca centrale nel prossimo futuro? Ritiene che la BCE dovrebbe fare di più per confutare le argomentazioni avverse all'euro?

La comunicazione è diventata uno strumento fondamentale della politica della banca centrale: è essenziale affinché la politica monetaria orienti efficacemente le aspettative; contribuisce anche a costruire la credibilità e a garantire l'assunzione di responsabilità. È inoltre fondamentale per preservare la fiducia del pubblico nelle banche centrali e il sostegno alla loro indipendenza e legittimità.

È incoraggiante constatare che le banche centrali di tutto il mondo – compresa la BCE – hanno compiuto grandi progressi nel diventare più aperte e trasparenti e nel comunicare anche al di là del loro tradizionale pubblico di esperti. È proprio qui che vedo la nuova frontiera nelle comunicazioni delle banche centrali: il grande pubblico. Le banche centrali devono essere comprese dalle persone per le quali in ultima istanza esse lavorano. Questa è la chiave per ricostruire la fiducia.

Credo che la BCE possa migliorare ulteriormente la sua comunicazione, in modo da farsi capire meglio e spiegare perché le sue azioni sono importanti per le persone e per la loro vita. Sarebbe inoltre utile compiere maggiori sforzi per raggiungere gruppi della società che non erano tradizionalmente al centro delle comunicazioni della BCE, come i giovani o le organizzazioni della società civile, e per ascoltare con maggiore attenzione le loro preoccupazioni. Esiste un grande potenziale nel collegare la BCE ai temi che sono fonte di inquietudine per le persone, come le disuguaglianze, le valute digitali o i cambiamenti climatici, e nel fornire spiegazioni più chiare su come essi influiscano sulla BCE e su come quest'ultima possa, nei limiti del suo mandato apportare un contributo.

Allo stesso modo, la BCE potrebbe assumere un ruolo più proattivo nel mostrare come l'euro, la moneta comune a 340 milioni di cittadini, e le attività della BCE stessa abbiano contribuito al benessere degli europei e alla prosperità, alla sicurezza e alla coesione all'interno dell'UE. I livelli record di sostegno dell'opinione pubblica all'euro – il 76% degli europei negli ultimi sondaggi – sono rassicuranti. Tuttavia, la lentezza della ripresa dei livelli di fiducia nella BCE è di per sé sufficiente a giustificare pienamente il potenziamento e la costanza delle azioni di comunicazione.

 

39. Secondo Lei, dovrebbe la BCE acquistare un numero più elevato di obbligazioni della BEI per contribuire a finanziare gli investimenti europei, in linea con gli obiettivi primari e secondari della BCE?

Le obbligazioni sovranazionali dell'UE, comprese, ma non solo, le obbligazioni della BEI, sono importanti per contribuire a finanziare gli investimenti europei. Nell'ambito del programma di acquisto di attività, l'Eurosistema ha acquistato ingenti quantità di obbligazioni sovranazionali dell'UE, detenendone attualmente per un valore pari a circa 230 miliardi di euro.

Tuttavia, l'importo in essere delle obbligazioni sovranazionali dell'UE è troppo esiguo per fare di queste ultime l'obiettivo primario per gli acquisti dell'Eurosistema, e quindi possono costituire solo una parte degli acquisti complessivi necessari per raggiungere l'obiettivo di politica monetaria del programma.

Come altri titoli del settore pubblico, le obbligazioni emesse dalla BEI sono soggette a restrizioni d'acquisto. In particolare, l'articolo 123 del trattato vieta all'Eurosistema di acquistare obbligazioni della BEI sul mercato primario, esse sono soggette ai criteri di idoneità applicabili e le partecipazioni consolidate devono rispettare i limiti relativi alle emissioni e agli emittenti, che nel 2016 per le obbligazioni sovranazionali dell'UE sono aumentati dal 33 % al 50 %.

 

40. Ritiene che gli Stati membri non appartenenti alla zona euro, prima di aderire a quest'ultima e di conseguenza all'Unione bancaria, dovrebbero soddisfare condizioni supplementari, come controllare in modo efficace i rischi di riciclaggio di denaro, dare prova di mercati immobiliari relativamente stabili e controllare efficacemente la corruzione?

Una buona governance e istituzioni efficaci risultano di vitale importanza non solo per la produttività e gli investimenti, ma anche per garantire una crescita sostenibile. A questo proposito ritengo importante che la BCE e la Commissione, nelle loro valutazioni periodiche dei progressi compiuti da ciascuno Stato membro non appartenente alla zona euro nel percorso verso l'UEM conformemente ai criteri di Maastricht, prestino particolare attenzione alla qualità e alla governance delle istituzioni e alla sorveglianza degli squilibri macroeconomici.

In seguito all'istituzione dell'unione bancaria, qualsiasi paese che adotti l'euro entra contestualmente a far parte dell'unione bancaria. Per questo motivo gli Stati membri pronti ad aderire alla zona euro dovrebbero ovviamente essere pronti a partecipare anche al meccanismo di vigilanza unico (SSM) e al meccanismo di risoluzione unico (SRM). A questo proposito ritengo che l'approccio introdotto per la Bulgaria nel 2018 e confermato per la Croazia nel 2019 sia molto pragmatico e ragionevole, ossia: nel momento stesso in cui aderiscono all'ERM II, i paesi instaurano con la BCE una stretta cooperazione in materia di vigilanza ai sensi del regolamento SSM. Ciò comporta anche una valutazione globale del settore bancario dei due paesi, simile a quella condotta dalla BCE per gli Stati membri della zona euro. Accolgo inoltre con favore il fatto che si preveda di seguire un approccio analogo per gli Stati membri che desiderano aderire in futuro all'ERM II, in linea con il principio della parità di trattamento, come indicato nelle dichiarazioni dell'Eurogruppo per il percorso della Bulgaria e della Croazia verso la partecipazione all'ERM II.

Mi compiaccio inoltre del fatto che le autorità bulgare e croate si siano impegnate ad attuare una serie di misure specifiche per paese prima di entrare a far parte dell'ERM II. Tali impegni riguardano non solo la vigilanza bancaria, ma anche le politiche macroprudenziali e strutturali, come nel caso dei quadri antiriciclaggio. Come previsto dalle parti dell'ERM II, ciò dovrebbe inoltre garantire che le politiche nazionali dei paesi aderenti consentano una regolare partecipazione all'ERM II prima dell'adozione dell'euro.

 

41. In quale misura ritiene che le ricadute della politica monetaria, in particolare quella statunitense, incidano sulla conduzione della politica monetaria nella zona euro?

Le ricadute sono un corollario della globalizzazione e la politica monetaria statunitense sembra effettivamente incidere in particolare sui mercati finanziari della zona euro, e quindi potenzialmente anche sugli elementi fondamentali del mandato della BCE. La BCE dovrebbe seguire da vicino gli sviluppi della politica monetaria globale nella misura in cui questi possono influire sulle prospettive di crescita e sul suo mandato in materia di stabilità dei prezzi. Tuttavia, anche in un'economia globale fortemente interconnessa la BCE è in grado di proteggere le condizioni di finanziamento interno da tali ricadute in una certa misura attraverso misure politiche, quali gli orientamenti prospettici sui tassi. La sua politica monetaria rimane quindi efficace nell'eseguire il suo mandato di mantenimento della stabilità dei prezzi interni, anche in presenza di ricadute.

 

42. Quale ruolo prevede in futuro per le operazioni in contanti rispetto alle transazioni digitali?

Il contante è il metodo di pagamento più frequentemente utilizzato nei punti vendita nella zona euro sia per numero di transazioni che per valore. Si può prevedere che rimarrà un importante mezzo di pagamento presso i punti vendita nella maggior parte dei paesi della zona euro nel prossimo futuro. Tuttavia, il rapido aumento dell'uso delle carte senza contatto e dei pagamenti mobili, l'aumento degli acquisti online e lo sviluppo dei pagamenti istantanei (sulla base dei quali potrebbero emergere nuove soluzioni di pagamento al dettaglio) dovrebbero avere un impatto notevole sull'uso del contante ai fini delle transazioni. Sebbene sia difficile prevedere la velocità di un conseguente calo nell'uso del contante per le transazioni, sembra ovvio che ciò avverrà.

Tuttavia, l'uso del contante a fini di transazione è solo uno dei fattori che determinano la domanda di banconote. Circa il 75 % delle banconote in euro in circolazione sono utilizzate come riserva di valore nella zona euro o detenute all'estero. La domanda di banconote è inoltre influenzata da vari fattori aggiuntivi, quali crisi finanziaria e del debito sovrano, incertezze geopolitiche, evoluzione dei tassi di cambio e decisioni politiche. Negli ultimi anni la circolazione delle banconote in euro ha continuato a registrare una crescita media robusta superiore alla crescita del PIL.

 

43. Il Parlamento europeo ha recentemente invitato la BCE a elaborare un calendario per l'eliminazione graduale della possibilità di utilizzare banconote da 500 euro. Come vede la limitazione di alcune banconote di grosso taglio? Sono necessarie ulteriori azioni?

Nella primavera di quest'anno tutte le banche centrali nazionali della zona euro hanno interrotto l'emissione di banconote da 500 euro. In considerazione del ruolo internazionale dell'euro e della fiducia diffusa nelle sue banconote, che sono utilizzate in larga misura come riserva di valore e all'estero, la BCE ha chiarito che, come tutti gli altri tagli della prima serie di banconote in euro, quella da 500 euro continuerà ad avere corso legale. Su questa base, si potrà avere una diminuzione graduale e organizzata delle banconote da 500 euro in circolazione. Ciò è in linea con la prassi consolidata di altre banche centrali, in particolare la Federal Reserve, che consente anche alle banconote in dollari USA di mantenere il corso legale. La revoca dello status di moneta a corso legale dei 500 euro potrebbe avere un impatto negativo sulla fiducia nell'euro e nelle sue banconote e dovrebbe quindi essere evitata.

 

C. Stabilità e vigilanza nel settore finanziario

44. Come possiamo far fronte agli elevati livelli di stock di crediti deteriorati nonché ai rischi nel flusso di tali crediti? Come valuta il problema dei crediti deteriorati nei bilanci degli istituti di credito di piccole e medie dimensioni? Quali misure dovrebbe adottare la BCE/meccanismo di vigilanza unico (SSM) per garantire che tutte le banche della zona euro e non solo quelle più grandi provvedano in modo adeguato all'accantonamento dei crediti inesigibili?

Ponderando la redditività delle banche e impedendo l'uso del capitale per prestiti nuovi e più produttivi, i crediti deteriorati hanno un impatto negativo sui prestiti bancari, frenano l'attività economica e, a livelli elevati, possono persino mettere in pericolo la stabilità finanziaria. Per far fronte agli elevati livelli di crediti deteriorati e per evitare che si accumulino in futuro, varie istituzioni europee hanno adottato numerose iniziative nell'ambito del quadro elaborato dal legislatore dell'Unione.

In qualità di autorità di vigilanza bancaria della zona euro, lo SSM ha adottato, sin dalla sua istituzione nel 2014, un approccio rigoroso nei confronti dei crediti deteriorati, a partire da un'ampia revisione della qualità degli attivi che, tra l'altro, valuta il livello di copertura delle maggiori banche della zona euro rispetto alle esposizioni in sofferenza. Da allora lo SSM dà seguito a tali attività mediante orientamenti alle banche, delineando per queste ultime misure, processi e migliori pratiche per affrontare la questione dei crediti deteriorati, e formula aspettative nei confronti delle banche con elevati livelli di crediti deteriorati affinché queste sviluppino strategie proprie per affrontare gli stock di crediti deteriorati e attuino misure più concrete sotto forma di aspettative di vigilanza per l'accantonamento prudenziale per i nuovi crediti deteriorati e, successivamente, per l'accantonamento dello stock di esposizioni in sofferenza.

Questi sforzi hanno dato i loro frutti. Secondo recenti dati della BCE, nel primo trimestre del 2019 il rapporto lordo di crediti deteriorati per le banche sotto la supervisione diretta della BCE ha raggiunto il 3,67 % nel primo trimestre del 2019, rispetto al 7,96 % nel quarto trimestre 2014. In numeri assoluti, i crediti deteriorati lordi sono scesi a 587 miliardi di euro nel primo trimestre 2019, contro i 958 miliardi di euro del quarto trimestre 2014.

Inoltre, la legislazione europea è stata recentemente modificata per includervi norme sulla copertura minima delle perdite per i crediti deteriorati. Tali regole richiedono che tutte le banche, dalle meno alle più importanti, dispongano di una copertura delle perdite sufficiente per le esposizioni in sofferenza derivanti da nuovi prestiti erogati.

Comprendo e accolgo con favore il fatto che, con l'adozione del nuovo regolamento, la BCE stia apportando alcuni adeguamenti alle proprie aspettative di vigilanza sulla copertura dei crediti deteriorati per migliorare la coerenza e la semplicità dell'approccio complessivo.

Inoltre, gli orientamenti dell'Autorità bancaria europea (ABE) sulla gestione delle esposizioni in sofferenza e a termine, al cui sviluppo la BCE ha contribuito, sono rivolti a tutti gli enti creditizi (compresi quelli di medie e piccole dimensioni) e mirano a garantire che essi dispongano di strumenti prudenziali e quadri normativi adeguati per gestire efficacemente le loro esposizioni in sofferenza e conseguire una riduzione sostenibile nei loro bilanci. Gli orientamenti tengono conto degli aspetti di proporzionalità nella loro attuazione, fornendo esempi concreti.

 

45. Come valuta l'elevata quantità di attività di livello 2 e 3 nei bilanci di molte banche? L'attuale quadro di vigilanza tiene debitamente conto di queste attività?

I quadri normativi e contabili tengono conto del rischio di valutazione in vari modi. In base ai principi contabili, le banche sono tenute a detenere una riserva a fronte di utili da valutazione modellati in determinate situazioni in cui tali utili non sono evidenziati da dati di mercato osservabili. In base al quadro normativo, sono necessarie ulteriori rettifiche di valutazione per determinare valori prudenziali che garantiscano un adeguato grado di certezza.

In effetti, le pratiche di valutazione delle banche sono state al centro dell'attenzione della vigilanza bancaria della BCE fin dalla sua istituzione. Inoltre, mi risulta che il rischio di negoziazione e le valutazioni delle attività siano state identificate come priorità della vigilanza nel 2019. Ciò comprende anche una serie di missioni in loco incentrate sugli aspetti di rischio transazionale e di mercato.

 

46. Qual è il Suo parere in merito alla regolamentazione degli enti del sistema bancario ombra? Ravvisa lacune normative e di vigilanza che i legislatori dovrebbero affrontare a breve termine? Il meccanismo di vigilanza unico dovrebbe essere incaricato di sorvegliare il sistema bancario ombra? Quale dovrebbe essere il ruolo del meccanismo di vigilanza unico nel settore della tecnologia finanziaria?

Il programma di riforma post-crisi ha contribuito a ridurre i rischi per il sistema finanziario da tutte le angolazioni, anche da parte di soggetti non bancari. Sono stati rafforzati i requisiti normativi, la comunicazione dei dati e la vigilanza a livello UE e mondiale. Ad esempio, le riforme hanno reso più sicuri i fondi del mercato monetario e le attività di cartolarizzazione e hanno creato maggiore trasparenza nei mercati dei derivati e del finanziamento dei titoli.

Detto questo, dobbiamo rimanere vigili. Dobbiamo intensificare gli sforzi per comprendere e monitorare meglio i rischi derivanti dalla rapida crescita del settore della gestione patrimoniale, come è stato sottolineato dall'FMI nella sua valutazione della stabilità finanziaria mondiale. Nell'Unione europea queste attività sono regolamentate e controllate, ma possono ancora amplificare gli shock attraverso la prociclicità, gli squilibri di liquidità, la leva finanziaria o l'interconnessione. Questi rischi devono essere attentamente monitorati e dovremmo riesaminare se l'attuale quadro normativo affronta in misura sufficiente tali preoccupazioni da un punto di vista macroprudenziale e sistemico. Più in generale, non disponiamo di uno strumentario macroprudenziale per la finanza non bancaria. Si tratta di una lacuna che deve essere colmata.

 

Per quanto riguarda i mandati di vigilanza, ritengo che prima di tutto sia necessario raggiungere un accordo sulla necessità di un solido quadro di vigilanza per il settore finanziario non bancario a livello europeo. Una vigilanza più integrata a livello europeo contribuirebbe a prevenire possibili ricadute transfrontaliere e sosterrebbe sia la parità di condizioni di concorrenza sia il progetto relativo all'Unione dei mercati dei capitali. Una volta raggiunto un accordo su questo primo passo, gli Stati membri possono accordarsi su chi deve vigilare.

In generale, penso che dovremmo essere coerenti: se qualcosa somiglia a una banca e presenta rischi come una banca, dovrebbe essere controllato come una banca. Ciò vale sia per le imprese di investimento che per le società di tecnologia finanziaria: stesse regole per gli stessi rischi.

Le società di tecnologia finanziaria possono apportare molti vantaggi al settore finanziario, tra cui l'efficienza in termini di costi, prodotti e servizi migliori e, in ultima analisi, una migliore esperienza del cliente. In mezzo a queste innovazioni, la vigilanza bancaria della BCE deve tenere il passo e dovrebbe assicurarsi che anche le banche stesse comprendano e attenuino i rischi derivanti dall'applicazione di nuove tecnologie e soluzioni.

Accolgo inoltre con favore il fatto che la BCE sia impegnata in sedi internazionali per garantire che vi siano un'intesa e un approccio comuni alle questioni relative alle tecnologie finanziarie.

 

47. Qual è il Suo parere sulle misure da adottare per il completamento dell'Unione bancaria con l'istituzione di un sistema europeo di garanzia dei depositi e un sostegno di bilancio, inclusa la necessaria attuazione della vigente legislazione sull'Unione bancaria?

L'istituzione dell'unione bancaria è stato un passo importante per l'integrazione europea. Ha reso il sistema bancario più sicuro e più solido e l'UEM nel complesso più resiliente. Ma l'unione bancaria rimane incompleta e quindi vulnerabile agli shock.

In primo luogo, l'introduzione di un sostegno comune al Fondo di risoluzione unico è essenziale per sostenere il buon funzionamento e la credibilità del secondo pilastro dell'unione bancaria. Mettendo a disposizione una capacità aggiuntiva per affrontare le crisi bancarie fornendo aiuto sia in termini di capitale che di liquidità, il sostegno comune servirà a garantire che le banche possano essere oggetto di risoluzione senza ricadute sistemiche e senza oneri per i contribuenti, uno dei principali obiettivi delle riforme post-crisi. Pur compiacendomi dei progressi compiuti in occasione del vertice euro di giugno, è di fondamentale importanza che si raggiunga presto un accordo sull'operatività dello sportello. Oltre al sostegno comune, dovrebbero anche essere adottate adeguate disposizioni per l'apporto di liquidità nella risoluzione.

In secondo luogo, un sistema europeo di assicurazione dei depositi è il pilastro mancante nell'architettura dell'unione bancaria. Ciò contribuirebbe ad allineare la fiducia dei depositanti in tutta l'unione monetaria, il che aumenterebbe la stabilità finanziaria e faciliterebbe l'integrazione finanziaria. Inoltre, l'area della moneta unica si basa sull'idea che la moneta – e i depositi sono la più importante fonte di denaro per i comuni cittadini – beneficia di un elevato livello comune di fiducia, indipendentemente dal luogo in cui tale denaro è detenuto nell'area della moneta unica.

 

48. Quali sono, secondo Lei, i rischi connessi ai prestiti con leva finanziaria per la stabilità finanziaria e come dovrebbero essere affrontati?

I prestiti con leva finanziaria – generalmente definiti come l'estensione di prestiti/crediti a mutuatari altamente indebitati – sono stati oggetto di considerevole attenzione da parte delle autorità statunitensi, dell'UE e internazionali.

I mercati dei prestiti con leva finanziaria hanno registrato una crescita notevole nell'ultimo decennio. Ciò si è verificato parallelamente a un deterioramento della qualità del credito sottostante a causa del crescente indebitamento delle imprese e della diminuzione senza precedenti dei criteri per la concessione di crediti. Ad esempio, sulla base dei dati pubblici della BCE, nel 2017 sono stati emessi nell'UE circa 300 miliardi di euro di prestiti con leva finanziaria. E arrivati al quarto trimestre del 2018, 18 banche da sole avevano aumentato la loro esposizione totale al settore dei prestiti con leva finanziaria fino a 321 miliardi di euro.

Nel complesso, lo spostamento strutturale del settore delle imprese non finanziarie verso un debito di qualità inferiore suscita preoccupazioni prudenziali. In primo luogo, le imprese con maggiore leva finanziaria operano con spread di credito più elevati e mostrano una maggiore volatilità del debito e dei prezzi azionari. Ciò può determinare un aumento della volatilità del mercato durante le fasi discendenti, che può diffondersi o amplificare la volatilità su altri mercati. In secondo luogo, è probabile che durante i periodi di recessione un maggior numero di imprese con un elevato tasso di indebitamento diminuiranno i propri investimenti più di quelle meno indebitate, amplificando potenzialmente tali periodi di recessione. In terzo luogo, se alcune grandi entità bancarie e non bancarie possono essere eccessivamente esposte a prestiti con leva finanziaria, lo stress a livello di entità può trasmettersi più diffusamente. L'aumento della leva finanziaria delle imprese, il calo dei criteri per la concessione di crediti e la scarsa protezione dei creditori possono aumentare la probabilità di insolvenza e ridurre i tassi di recupero dei prestiti con leva finanziaria.

Vi sono molte altre importanti incognite, tra cui chi sono gli investitori ultimi non bancari sia per i prestiti con leva finanziaria che per le collateralised loan obligations. L'andamento dei prestiti con leva finanziaria in condizioni di stress, soprattutto considerando lo spostamento generalizzato del mercato verso una minore protezione degli investitori nella documentazione dei prestiti, porterà probabilmente a recuperi inferiori rispetto a quelli registrati storicamente.

Sono stati già profusi intensi sforzi a livello sia nazionale che internazionale. Il Consiglio per la stabilità finanziaria, ad esempio, sta monitorando attentamente questi mercati e i membri esamineranno ulteriormente le informazioni sull'andamento delle esposizioni a tali attività nei prossimi mesi per approfondire l'analisi delle potenziali vulnerabilità. Data la natura globale dei mercati dei prestiti con effetto leva e dei suoi partecipanti, è giustificato un forte coordinamento tra le autorità di regolamentazione e di vigilanza. Tale coordinamento dovrebbe riguardare sia le banche che i soggetti non bancari nell'intento di promuovere norme ottimali nella concessione di crediti.

Inoltre, le autorità di vigilanza hanno lavorato molto per garantire che i quadri di gestione del rischio delle banche affrontino e gestiscano con prudenza tali rischi. Rilevo che nel maggio 2017 la supervisione bancaria della BCE ha pubblicato delle linee guida sulle operazioni con leva finanziaria per affrontare la questione delle carenze individuate nei sistemi di gestione del rischio e di monitoraggio delle banche.

 

49. Quali sono secondo Lei le sfide a cui la BCE si troverebbe dinanzi se il meccanismo europeo di stabilità (MES) venisse trasformato in un Fondo monetario europeo (FME)?

Accolgo con favore l'ampio accordo raggiunto al vertice euro del giugno 2019 sugli elementi chiave della riforma del meccanismo europeo di stabilità (MES). È importante che una decisione finale sia presa nel dicembre 2019, in quanto questa riforma può rafforzare l'architettura della zona euro e la capacità della zona euro di affrontare le crisi economiche e finanziarie in futuro.

Il trattato rivisto del MES prevede che, nello svolgimento delle sue operazioni, il MES riformato rispetti i poteri conferiti dal diritto dell'UE alle istituzioni e agli organi dell'Unione. Ciò significa che i nuovi ruoli assegnati al MES non incidono sulle competenze della BCE e del Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), neanche nei settori della politica monetaria, della vigilanza microprudenziale e della vigilanza macroprudenziale.

Per quanto riguarda il suggerimento specifico di rinominare il MES, concordo con le opinioni già espresse dalla BCE secondo cui la denominazione "Fondo monetario europeo" sarebbe fuorviante. Né gli obiettivi e i compiti né il finanziamento del MES sono di natura "monetaria". Ricordo che l'FMI è stato così denominato perché è stato istituito per mantenere modalità di scambio ordinate tra i membri – compito che inizialmente consisteva nel monitorare l'adesione dei membri al sistema di tassi di cambio "Bretton Woods" – e continua a promuovere la cooperazione monetaria internazionale e la stabilità dei cambi nell'ambito del suo mandato.

Infine, sarebbe importante integrare il MES nell'ordinamento giuridico dell'UE, rendendolo responsabile dinanzi al Parlamento.

 

50. In che modo valuta il coinvolgimento della BCE nel quadro dei programmi di assistenza finanziaria? Intende avviare una valutazione del ruolo e delle attività della BCE nei programmi di assistenza finanziaria? Quale futura evoluzione prevede per il potenziale coinvolgimento della BCE nei programmi di assistenza finanziaria e nella sorveglianza post-programma?

La BCE ha partecipato a programmi di aggiustamento su richiesta degli Stati membri, a complemento delle competenze della Commissione e dell'FMI. Nell'ambito dei programmi di assistenza finanziaria, gli Stati membri hanno intrapreso importanti riforme che hanno preparato il terreno per il ritorno a una crescita sostenuta.

Concordo con la recente decisione del Consiglio direttivo di concentrare la partecipazione della BCE su ambiti strettamente pertinenti dal punto di vista della politica monetaria e della stabilità finanziaria. Pur se l'elaborazione delle politiche in settori quali le riforme del mercato del lavoro e dei prodotti o la privatizzazione rimane molto importante, dal mio punto di vista può essere trattata in modo migliore dagli altri partner.

Per quanto riguarda la questione della valutazione, sono sostenitrice della cultura del feedback e sostengo pienamente le valutazioni ex post. Per migliorare i risultati futuri è fondamentale trarre insegnamenti dalle esperienze passate. Mentre ero direttrice operativa del Fondo monetario internazionale, il personale ivi in forza ha lavorato sulle valutazioni ex post dei programmi per l'Irlanda (2015) e il Portogallo (2016) nonché per il primo (2013) e il secondo (2017) programma greco. Tutte le relazioni sono state rese pubbliche nel rispetto dell'obbligo di rendere conto.

 

51. Qual è il Suo punto di vista sulla necessità di garantire una rigorosa separazione tra politica monetaria e vigilanza bancaria e quali sono, a Suo avviso, le riforme in grado di rafforzare e favorire tale separazione?

Con l'istituzione dell'SSM sono state introdotte salvaguardie che garantiscono che i compiti di vigilanza e di politica monetaria siano svolti separatamente l'uno dall'altro per escludere qualsiasi conflitto di interessi percepito o effettivo tra le due funzioni.  Ad esempio, le decisioni di vigilanza sono discusse e preparate dal Consiglio di vigilanza della BCE e il Consiglio direttivo è coinvolto solo attraverso una procedura di non obiezione.

A mio parere, il legislatore ha trovato un buon equilibrio con il regolamento SSM. Da un lato, i compiti di politica monetaria e di vigilanza sono svolti dalla BCE in stretta separazione. Dall'altro lato, le sinergie amministrative tra le due funzioni possono ancora essere utilizzate, ad esempio disponendo di sistemi informatici comuni e di un dipartimento statistico comune. Inoltre, nel rispetto di norme rigorose, le informazioni possono essere scambiate tra le diverse aree operative per garantire che, ad esempio in una situazione di crisi, siano prese in considerazione tutte le informazioni pertinenti. In questo contesto, sono favorevole a un'attuazione completa del principio di separazione che, a mio avviso, funziona bene. Imporre ulteriori restrizioni potrebbe portare a una minore efficienza dei costi o creare ulteriori ostacoli alla condivisione delle informazioni che potrebbero impedire di prendere le decisioni giuste, ad esempio in situazioni di crisi.

 

52. Quali sono le Sue opinioni sul possibile compromesso tra stabilità finanziaria e concorrenza? Come possono essere riconciliate?

Un buon livello di concorrenza dovrebbe in generale portare a risultati migliori per i clienti e per l'economia in generale. In particolare, un mercato con un numero troppo esiguo di prestatori di servizi finanziari è subottimale sia perché, da un lato, i clienti possono trovarsi dinanzi a tassi di credito troppo elevati, riducendo il benessere dei consumatori e conducendo, in ultima analisi, a una riduzione degli investimenti e della crescita, sia perché, dall'altro, è più probabile che il numero ridotto di prestatori di servizi finanziari sia costituito da grandi operatori di importanza sistemica, con conseguenti esternalità "troppo grandi per fallire".

Inoltre, una sana concorrenza dovrebbe consentire di evitare l'eccesso di capacità nel settore dei servizi finanziari, che potrebbe determinare una riduzione dei margini di prestito e un'eccessiva assunzione di rischi, con ripercussioni negative per la stabilità finanziaria. In sintesi, un sano grado di concorrenza dovrebbe fornire all'economia la giusta quantità di servizi finanziari a prezzi che coprano tutti i costi e i rischi intrinseci, proteggendo al tempo stesso dai monopoli locali e dai problemi legati alle entità troppo grandi per fallire. A questo proposito il quadro normativo europeo sta contribuendo al rafforzamento degli strumenti disponibili per trattare con le banche troppo grandi per fallire sia nei periodi di congiuntura favorevole che in quelli di risoluzione.

 

53. In che modo l'SSM e il Comitato di risoluzione unico (SRB) potrebbero rafforzare la loro cooperazione?

Da quanto ho capito esiste già una collaborazione attiva a tutti i livelli tra i due, anche tra i loro consigli e a livello tecnico. Le due autorità hanno concluso un memorandum d'intesa bilaterale, che copre diversi settori di cooperazione e lo scambio di informazioni su basi regolari e ad hoc sia per le attività correnti che per le situazioni di gestione delle crisi. Tale memorandum d'intesa dovrebbe rimanere soggetto a continue revisioni e sono convinto che la cooperazione si rafforzerà ulteriormente, anche tenendo conto degli ultimi sviluppi legislativi come l'attuazione della capacità totale di assorbimento delle perdite (TLAC).

 

54. Il pacchetto di riduzione del rischio offre alla BCE la possibilità di non tenere conto delle esposizioni intra-UE nel calcolo del punteggio dei G-SII di una banca che rientra nella sua competenza. Il Consiglio ritiene che ciò sia giustificato in considerazione dell'istituzione del meccanismo di risoluzione unico. Ritiene giustificata una tale riduzione dei severi requisiti di capitale per le maggiori banche europee?

Grazie all'istituzione dell'SSM e dell'SRM con l'SRF, l'attività intergiurisdizionale di una banca in dissesto o in difficoltà sarebbe molto meno difficile da gestire all'interno dell'unione bancaria rispetto al quadro pre-crisi. Le esposizioni transfrontaliere all'interno dell'unione bancaria non sono quindi più una buona misura sostitutiva della complessità della risoluzione delle crisi.

Ciò è riconosciuto dalla revisione del metodo di calcolo degli istituti finanziari di rilevanza sistemica globale, che consente alle autorità di tenerne conto. Ciò a sua volta impedisce qualsiasi impatto inutile sulle attività transfrontaliere, sull'integrazione finanziaria transfrontaliera o sulla diversificazione all'interno dell'unione bancaria.

Naturalmente le banche devono mantenere livelli di capitale adeguati e commisurati ai rischi connessi.

 

55. Come valuta l'attuazione del meccanismo di risoluzione delle crisi bancarie nell'UE? Ritiene che potrebbero essere giustificati nuovi strumenti? In caso affermativo, quali?

La creazione del secondo pilastro dell'unione bancaria, con il regolamento SRM e l'adozione della direttiva sul risanamento e la risoluzione degli enti creditizi, ha notevolmente rafforzato il quadro europeo di gestione delle crisi negli ultimi anni. In particolare sono stati introdotti strumenti di risoluzione, segnatamente lo strumento del bail-in, che consentirà alle autorità di procedere alla risoluzione di una banca in modo ordinato e senza utilizzare il denaro dei contribuenti. Il quadro di risoluzione delle crisi è stato testato per la prima volta con la risoluzione del Banco Popular nel 2017, quando il Comitato di risoluzione unico (SRB) ha deciso di applicare misure di risoluzione, dimostrandone l'efficacia.

 

Più in generale, l'attuazione del quadro europeo di risoluzione delle crisi è ancora in una fase di transizione, in quanto sono ancora in corso importanti elementi, come lo sviluppo della capacità di assorbimento delle banche europee. Tuttavia, vi sono elementi che possono essere ulteriormente migliorati e armonizzati. Ciò comprende il rafforzamento del quadro di intervento precoce, eliminando la sovrapposizione tra misure di vigilanza e di intervento precoce, creando un quadro per l'erogazione di liquidità alle banche che escono dalla risoluzione, adottando un approccio comune in materia di insolvenza bancaria – istituendo uno strumento di liquidazione armonizzato a livello amministrativo –, ricercando soluzioni per le questioni relative al paese e l'introduzione di una preferenza generale dei depositanti. Infine, anche nel quadro della risoluzione delle crisi bancarie, è necessario garantire un approccio equilibrato agli interessi del paese d'origine e ospitante, in modo da contribuire a un'ulteriore integrazione dell'unione bancaria.

 

56. Cosa ne pensa dell'attuale assetto istituzionale del CERS nel quadro della BCE per quanto riguarda i risultati concreti conseguiti nella vigilanza macroprudenziale? Ravvisa conflitti tra la politica monetaria, la politica macroprudenziale e il ruolo della BCE nella vigilanza?

La creazione del CERS è stata una risposta a una delle lezioni chiave della crisi finanziaria per quanto riguarda la necessità di una vigilanza macroprudenziale rafforzata del sistema finanziario come nuova funzione politica. Sin dalla sua istituzione nel 2010, il CERS è stato attivo nella definizione della politica macroprudenziale nell'UE emettendo numerose raccomandazioni, segnalazioni, pareri e altre pubblicazioni su varie questioni di stabilità finanziaria, relative sia al settore bancario che a quello non bancario nell'UE.

Vi sono sinergie positive nel collocare il CERS sotto il tetto della BCE, date le esistenti competenze e responsabilità della BCE e delle autorità nazionali in materia di vigilanza macro e microprudenziale. È importante che le strutture siano al tempo stesso indipendenti nel processo decisionale. Mi risulta che il Consiglio generale del CERS e il Consiglio direttivo della BCE prendano le loro decisioni in modo indipendente l'uno dall'altro, grazie a processi e organi decisionali separati quali previsti dal diritto dell'UE.

 

57. Adesso che la direttiva sul risanamento e la risoluzione degli enti creditizi (BRRD) e il regolamento sul meccanismo di risoluzione unico (SRMR) sono stati modificati per integrare la capacità di assorbire completamente le perdite (TLAC), qual è il Suo parere per quanto riguarda gli istituti "troppo grandi o interconnessi per fallire", le casse di risparmio, e la questione generale della redditività del settore bancario nell'UE, e quale pensa dovrebbe essere la via da seguire /o la sua architettura al fine di rispondere alle esigenze dell'economia reale e di finanziamento a lungo termine?

Garantire che nessuna banca, a prescindere dalle sue dimensioni o dalle sue interconnessioni, sia troppo grande per fallire è stato un obiettivo centrale delle riforme post-crisi e sforzi considerevoli sono stati profusi in misure politiche volte ad affrontare tale questione. È fondamentale che la risoluzione bancaria sia fattibile e credibile, evitando effetti sistemici di ricaduta e oneri per i contribuenti. Le misure includono la TLAC, pur non limitandosi ad essa – risoluzione, vigilanza e capitale sono tutti elementi che svolgono un ruolo in tale ambito.

Il requisito TLAC contribuisce a tale obiettivo creando sufficienti capacità di assorbimento delle perdite e di ricapitalizzazione, tali da consentire una risoluzione ordinata, rendendo quindi possibile la risoluzione delle banche. Le banche a rilevanza sistemica globale (G-SIB) rispettano sia i requisiti TLAC transitori basati sul rischio sia quelli a effetto leva e si stanno avvicinando ad una conformità con i requisiti "a pieno carico". La TLAC ha già contribuito ad un notevole aumento della capacità di assorbimento delle perdite delle G-SIB, e la sua attuazione in Europa attraverso il requisito minimo di fondi propri e passività ammissibili (MREL) rafforzerà ulteriormente tale capacità, anche per le banche che non sono G-SIB.

La TLAC e, più in generale, le riforme del concetto "troppo grandi per fallire", sono in grado di ridurre qualsiasi sovvenzione implicita alle banche, il che è un effetto auspicato. Più in generale, occorre valutare i costi derivanti da tali regolamenti rispetto all'importanza di porre fine al concetto di "troppo grande per fallire", il che significa una maggiore stabilità finanziaria e una minore probabilità di crisi e un minore impatto di queste ultime. Un sistema bancario più sicuro e più stabile andrà a beneficio di aiuti di Stato regolari e dell'economia reale.

All'inizio dell'anno il Consiglio per la stabilità finanziaria ha avviato una valutazione approfondita delle riforme post-crisi, allo scopo di affrontare il problema degli istituti "troppo grandi per fallire". L'obiettivo è di valutare se le riforme attuate producono gli effetti voluti, riducendo il rischio morale e il rischio sistemico associato alle banche a rilevanza sistemica. La valutazione esaminerà altresì gli effetti più ampi sul sistema finanziario.

 

58. In che modo riciclaggio di denaro, evasione fiscale e finanziamento del terrorismo possono essere affrontati in modo più efficace nell'Unione bancaria? Quale ruolo dovrebbe svolgere la BCE/SSM a tale proposito? Quale sarebbe la divisione dei compiti più efficiente tra BCE e ABE e le autorità di controllo nazionali degli Stati membri in materia di supervisione e attuazione del quadro per la lotta al riciclaggio di denaro (AML)?

I rischi di riciclaggio di denaro, evasione fiscale e finanziamento del terrorismo vanno affrontati, tra l'altro, mediante la cooperazione tra le diverse autorità nell'esercizio dei rispettivi mandati. Ciò è risultato evidente in seguito ai recenti casi di riciclaggio di denaro nel settore bancario europeo ed alla relazione "post mortem" pubblicata di recente dalla Commissione.  A tal fine, le modifiche legislative apportate di recente alla direttiva sui requisiti patrimoniali, alla quinta direttiva antiriciclaggio e al regolamento ABE per rafforzare la cooperazione tra le varie autorità sono più che benvenuti.

L'SSM è un'autorità di vigilanza microprudenziale; non è responsabile in materia di antiriciclaggio/contrasto del finanziamento del terrorismo (AML/CFT). Tale responsabilità compete alle autorità di vigilanza nazionali. La BCE dovrebbe, tuttavia, tenere conto dei rischi in materia di riciclaggio di denaro/finanziamento del terrorismo, per esempio nel processo di revisione e valutazione prudenziale o nel valutare l'idoneità dei membri del Consiglio di vigilanza, dato che le questioni di antiriciclaggio/contrasto del finanziamento del terrorismo possono avere conseguenze significative in ambito prudenziale.

All'ABE è stato assegnato di recente un ruolo rafforzato per assistere nel coordinamento e nell'armonizzazione degli approcci di vigilanza in relazione alle questioni di antiriciclaggio/contrasto del finanziamento del terrorismo, cosa che rappresenta uno sviluppo positivo per garantire coerenza della vigilanza in materia di antiriciclaggio/contrasto del finanziamento del terrorismo in tutta l'UE. Benché la BCE, le autorità nazionali di vigilanza prudenziale e le autorità di AML/CFT detengano tutte mandati diversi, è importante che la vigilanza messa in atto da tutte le autorità competenti funzioni in modo efficace per mitigare i rischi di riciclaggio di denaro e prevenire i danni che esso piò causare alla solidità di una banca, al sistema finanziario e all'economia nel suo complesso.

59. In un recente caso riguardante la Pilatus Bank di Malta, la BCE ha dovuto affrontare ostacoli giuridici per revocare la licenza del mutuante dopo l'arresto del suo presidente a marzo negli Stati Uniti per presunti casi di riciclaggio di denaro e frode bancaria. Il ritardo sarebbe stato causato da regole poco chiare e da eccessivi poteri discrezionali delle autorità di vigilanza nazionali. Come valuta la capacità giuridica ma anche tecnica della BCE di prevenire il riciclaggio di denaro e di intervenire in modo efficace in situazioni analoghe in futuro, sulla base dei suoi attuali poteri prudenziali?

Nell'ambito dell'SSM, enti meno significativi, come la Pilatus Bank, sono soggetti alla vigilanza prudenziale diretta dell'autorità nazionale competente. Tuttavia la BCE è responsabile per il rilascio e la revoca di autorizzazioni e per la valutazione dell'acquisizione di partecipazioni qualificate per tutti gli enti creditizi nell'ambito dell'SSM, soprattutto sulla base di proposte da parte delle autorità nazionali competenti. Mentre la competenza per quanto riguarda il controllo del rispetto da parte delle banche degli obblighi in materia di AML/CFT spetta alle autorità nazionali competenti e le indagini sui reati di riciclaggio di denaro rientrano nella responsabilità delle autorità di contrasto nazionali, la BCE tiene conto delle pertinenti informazioni e valutazioni in materia di AML ottenute dalle autorità nazionali competenti nelle sue valutazioni prudenziali, inclusa la revoca di licenze, in linea con il quadro giuridico applicabile. A tale proposito, la BCE fa affidamento e coopera strettamente con le autorità nazionali pertinenti in materia di AML/CFT.

In risposta ai recenti casi di riciclaggio di denaro, vi sono state diverse iniziative giuridiche e operative nell'UE per rafforzare il ruolo delle autorità di vigilanza prudenziale, inclusa la BCE, per tenere conto delle preoccupazioni legate al riciclaggio di denaro nell'esercizio della vigilanza prudenziale e per rafforzare la cooperazione tra le autorità di vigilanza prudenziale e le autorità di vigilanza in materia di AML/CFT. Tali iniziative includono misure intese a migliorare lo scambio di informazioni tra le autorità così come il coordinamento e la coerenza della vigilanza prudenziale in materia di questioni di antiriciclaggio/contrasto del finanziamento del terrorismo.

 

60. A seguito dei recenti scandali nell'UE, a Suo avviso, come saranno presi in considerazione i rischi di riciclaggio di denaro quando la BCE valuta la stabilità finanziaria delle banche? Vi è, a Suo parere, la necessità di centralizzare in un'unica agenzia la vigilanza in materia di antiriciclaggio nell'UE, consentendo nel frattempo alle autorità competenti di utilizzare i dati fiscali a fini di antiriciclaggio?

Recenti segnalazioni di presunti casi di riciclaggio di denaro nel settore bancario europeo hanno messo in luce la necessità di ulteriori miglioramenti del quadro per la lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (AML/CFT). Per proteggere il mercato unico, potrebbe essere necessario considerare l'adozione di un approccio maggiormente paneuropeo, dato che l'efficacia del quadro attuale è limitata a quella dell'attuazione più debole a livello nazionale. Per quanto riguarda la centralizzazione della vigilanza in materia di AML/CFT, ho notato che la comunicazione della Commissione europea per una migliore attuazione del quadro AML/CFT dell'UE presenta un certo numero di opzioni che andrebbero prese in considerazione, tra cui: i) trasformare la direttiva antiriciclaggio in un regolamento UE per armonizzare ulteriormente il codice AML/CFT, ii) conferire compiti specifici di vigilanza antiriciclaggio ad un organismo dell'Unione onde garantire una vigilanza antiriciclaggio coerente e di alta qualità del settore finanziario, e iii) un meccanismo di coordinamento più forte per sostenere la cooperazione transfrontaliera delle unità di informazione finanziaria.

Infine, mentre il monitoraggio del rispetto da parte delle banche degli obblighi in materia di AML/CFT è per il momento attuato a livello di Stati membri da parte delle autorità nazionali di AML/CFT, la BCE dovrebbe cionondimeno prendere in seria considerazione i rischi legati al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo nel contesto e nell'ambito del suo mandato di vigilanza. A tale proposito, lo scambio di informazioni con le autorità di vigilanza prudenziale e le autorità di vigilanza in materia di AML/CFT può essere fondamentale nell'aiutare la BCE a tenere conto dei rischi di riciclaggio di denaro nelle sue valutazioni di vigilanza prudenziale.

 

61. Rispetto alla zona euro, gli Stati Uniti hanno un settore finanziario più integrato, fondamentale per attenuare gli effetti degli shock negativi (resilienza). Ciononostante, la crisi finanziaria globale ha dimostrato che le reti finanziarie, pur resilienti, sono anche fragili: quelle stesse caratteristiche che rendono il sistema più resiliente a determinate condizioni possono rappresentare fonti significative di rischio sistemico e di instabilità in altre circostanze. Una maggiore integrazione finanziaria è sempre coerente con l'obiettivo della stabilità finanziaria? Quali dovrebbero essere gli obiettivi dell'unione dei mercati dei capitali (CMU)?

La crisi finanziaria globale ha messo in luce un evidente compromesso tra integrazione finanziaria e stabilità finanziaria. Da un lato, l'integrazione dei mercati finanziari riduce i rischi specifici che derivano da vulnerabilità specifiche per paese e per settore, rafforzando la diversificazione delle fonti di finanziamento per l'economia reale e la condivisione del rischio tra i paesi. Dall'altro, un'interconnessione più profonda può anche accrescere il rischio di contagio da stress localizzati, con shock di portata limitata che potrebbero perturbare il normale funzionamento dei mercati finanziari. La crisi dimostra la necessità di una regolamentazione e una vigilanza per equilibrare tale compromesso.

Oltre alle riforme normative, di vigilanza e di gestione della crisi attuate dall'inizio della crisi, tra cui in particolare la creazione dell'unione bancaria e lo sviluppo del quadro macroprudenziale dell'UE, l'unione dei mercati dei capitali consente in prospettiva di ampliare i vantaggi dell'integrazione senza compromettere la stabilità finanziaria. L'agenda dell'unione dei mercati dei capitali può altresì svolgere un ruolo vitale nel ridisegnare il panorama finanziario dell'UE e la sua architettura di vigilanza alla luce delle sfide sollevate dalla Brexit. Tra i suoi obiettivi principali figurano una maggiore diversificazione delle fonti di finanziamento delle società non finanziarie europee e il rafforzamento della dimensione transfrontaliera degli investimenti in seno all'UE. Ciò aumenterebbe la resilienza del sistema finanziario ai rischi specifici per paese e per settore, creerebbe potenziali benefici sul piano sociale grazie alla condivisione transnazionale dei rischi, rafforzando così il corretto funzionamento dei meccanismi di trasmissione della politica monetaria. L'unione dei mercati dei capitali mira altresì a rafforzare i finanziamenti transfrontalieri con capitale di rischio e la proprietà incrociata di attivi nell'ambito della zona euro/UE, rafforzando in tal modo i meccanismi di condivisione del rischio privato nei vari paesi e agevolando la crescita del consumo. Infine, l'unione dei mercati dei capitali consente forme resilienti di integrazione transfrontaliera attraverso investimenti esteri diretti, capitali stranieri ed emissioni di debiti a più lunga scadenza.

Accolgo con favore i progressi finora conseguiti verso il miglioramento dei mercati dei capitali europei. Tuttavia, c'è ancora molto da fare. Ulteriori progressi verso mercati dei capitali più integrati nell'UE dovrebbero includere una regolamentazione adeguata e un approccio macroprudenziale per il settore finanziario non bancario, al fine di garantire la stabilità finanziaria. Infine, un'unione dei mercati dei capitali realmente integrata dovrebbe essere accompagnata anche da un quadro di vigilanza unico.

 

62. Come valuta la relazione 2012 dell'FMI "The Chicago Plan Revisited" di J. Benes e M. Kumhof e le idee che vi sono alla base? Crede che le riforme bancarie che vi sono proposte contribuirebbero alla riduzione delle vulnerabilità sistemiche?

Il documento di lavoro dell'FMI a cui fa riferimento si ispira al cosiddetto "Chicago Plan", che era stato proposto in origine dal Professor Henry Simons dell'Università di Chicago dopo la Grande depressione. Tale modello, noto anche come "narrow banking" (banca ad operatività limitata), si articola intorno a due elementi principali:  in primo luogo, le banche dovrebbero essere tenute a garantire la totalità dei propri depositi con titoli di Stato; in secondo luogo, le banche dovrebbero finanziare nuovi prestiti solo sulla base dei loro benefici o contraendo prestiti direttamente dagli Stati.

I fautori del "narrow banking" sostengono che questo sistema eliminerebbe il rischio di "corse agli sportelli", garantirebbe un controllo governativo sul ciclo del credito, impedendo alle banche private di controllare la fornitura di moneta "in senso ampio" e ridurrebbe il debito pubblico e privato. Personalmente dubito che tale piano sia auspicabile o necessario. Non sono convinta che eliminare il ruolo delle banche private nella fornitura di moneta in senso ampio sia una buona idea, dato che non vi sono garanzie che i governi farebbero meglio, nel complesso, in materia di finanziamento dell'economia reale. Inoltre, se le banche sono confrontate a restrizioni così severe alla loro capacità di erogare prestiti, è probabile che il credito privato migrerebbe presto verso parti non regolamentate del sistema finanziario, con conseguenze non prevedibili.

Un decennio dopo la crisi finanziaria, le banche sono nel complesso molto più sicure che in passato. Oggi, le banche sono tenute a disporre di un capitale maggiore e di migliore qualità rispetto a prima della crisi. Dovrebbero inoltre disporre di riserve sostanziali di attività liquide di elevata qualità, in modo da essere in grado di coprire le proprie passività anche quando i mercati non funzionano. Ci siamo adoperati alacremente per porre fine al problema degli "istituti troppo grandi per fallire", in particolare imponendo alle banche di emettere titoli di debito in grado di assorbire le perdite ed essere convertiti in titoli azionari in caso di un loro fallimento, riducendo in tal modo i rischi per i contribuenti. Inoltre, ricorrendo agli strumenti macroprudenziali possiamo rafforzare ulteriormente la resilienza del sistema finanziario, adeguando i requisiti alle variazioni cicliche delle condizioni finanziarie e affrontando i rischi sistemici strutturali di zone geografiche o mercati particolari.

Nella congiuntura attuale, si dovrebbe porre l'attenzione su un'attuazione piena, tempestiva e coerente delle riforme finanziarie post crisi. E prima di intraprendere ulteriori cambiamenti ambiziosi, è opportuno eseguire valutazioni rigorose di tali riforme, per assicurarsi che funzionino nel modo voluto.

 

63. Diversi titoli di rilievo del settore pubblico e privato in Europa sono caratterizzati da rendimenti negativi. Ritiene che tale situazione abbia ripercussioni sulla stabilità finanziaria e, in tal caso, come andrebbe affrontata?

In effetti, una quota molto ampia di titoli di Stato con elevato merito di credito così come una parte notevole di obbligazioni di società non finanziarie sono negoziate con tassi di rendimento negativi. Ciò vale anche per le obbligazioni con scadenze molto lunghe. Se un allentamento delle condizioni di finanziamento può contribuire a sostenere il contesto macroeconomico e favorire la stabilità finanziaria, esso comporta anche alcuni rischi per la stabilità finanziaria che occorre monitorare da vicino.

In primo luogo, dato che rendimenti negativi delle obbligazioni sono sinonimo di facilità di condizioni di finanziamento per l'emittente di tali obbligazioni, tali emittenti potrebbero essere incoraggiati ad assumere ulteriori rischi o aumentare il proprio livello di indebitamento in misura tale, in condizioni diverse, da essere considerata eccessiva.  Nella misura in cui i rendimenti dei titoli di Stato fungono anche da parametro di riferimento per il credito bancario, tali rischi possono applicarsi ad una più ampia gamma di mutuatari, che andrebbe al di là dei mercati delle obbligazioni societarie e sovrane.

Un secondo effetto di tale fenomeno è una rivalutazione dei valori patrimoniali, come i prezzi degli immobili residenziali e commerciali, che potrebbe essere associata a rendimenti negativi delle obbligazioni, in seguito all'adeguamento dei portafogli degli investitori in risposta a detto fenomeno. In un contesto caratterizzato da tassi di interesse più elevati, la capacità di rimborso dei mutuatari e il valore delle garanzie apportate da questi ultimi possono entrambi essere inferiori. Ciò potrebbe aumentare il rischio di credito nei portafogli dei creditori, incluse le banche.

Infine, un contesto caratterizzato da rendimenti negativi si ripercuote sugli investitori obbligazionari. Il persistere di redditi da investimento deboli rappresenta una sfida per il settore assicurativo e per i fondi pensione, che sono investiti in gran parte in obbligazioni a basso rendimento e altre attività a reddito fisso. Il rendimento medio dei loro portafogli si è ridotto in modo considerevole negli ultimi anni ed è probabilmente destinato a ridursi ancora di più, dato che le obbligazioni con un rendimento più elevato giungono progressivamente a scadenza e sono sostituite da nuove obbligazioni con un rendimento inferiore. Per mantenere un certo livello di redditività, alcuni di tali investitori hanno aumentato il rischio di credito e il rischio di durata nel loro portafogli.

Tali rischi dovrebbero essere affrontati mediante una combinazione appropriata di misure di vigilanza, tra cui dispositivi microprudenziali e macroprudenziali adeguati ai diversi rischi, anche nelle diverse parti del sistema finanziario.

 

64. Come valuta la prevenzione dei conflitti di interesse in seno alla BCE? Sono necessari cambiamenti per garantire l'indipendenza del settore finanziario dalla BCE?

Alla BCE sono stati affidati compiti di interesse generale. I membri dei suoi organi decisionali e il personale della BCE dovrebbero pertanto essere tenuti a osservare le più elevate norme etiche, non solo per evitare eventuali conflitti di interesse ma anche per garantire indipendenza, integrità, responsabilità e trasparenza.

Ho l'impressone che la BCE abbia istituito solide garanzie di integrità, tenendo conto delle raccomandazioni e dei suggerimenti del Parlamento europeo, nonché della Mediatrice europea e di organizzazioni non governative quali Transparency International.  Il codice di condotta unico pubblicato di recente si applica non solo ai funzionari di alto livello assunti dalla BCE, ma anche ai membri designati dagli Stati membri secondo le norme nazionali. Esso prevede norme specifiche per gestire ed evitare conflitti di interesse in relazione ad attività successive al rapporto di lavoro, transazioni finanziarie private e relazioni con gruppi di interesse, nonché misure per perseguire casi di inosservanza e l'obbligo di pubblicare le dichiarazioni di interessi. Inoltre, il quadro etico della BCE per il personale si concentra sulla gestione dei conflitti di interesse.

La BCE dispone inoltre di quadri e prassi specifici per garantire la propria indipendenza dal settore finanziario, sia per le proprie riunioni regolari e strutturate sia per gli incontri bilaterali. Per le riunioni regolari e strutturate con il settore finanziario (e non finanziario) nel contesto di dialoghi di alto livello o gruppi di contatto del mercato, sono previste disposizioni in materia di trasparenza e buona governance, comportamento etico e integrità. Noto che le informazioni sulla costituzione di gruppi, i criteri di selezione dei membri e le riunioni sono pubblicate sul sito web della BCE. Analogamente, la BCE dispone altresì di una gamma specifica di norme per garantire l'integrità, la trasparenza e la responsabilità per gli incontri bilaterali tra i funzionari di alto livello della BCE e i rappresentanti dei mercati finanziari, e le informazioni su tali riunioni sono incluse, di norma, nei calendari pubblicati delle riunioni dei funzionari.

Naturalmente è importante non abbassare la guardia e cercare di fare in modo che tali quadri rispecchino sempre in modo adeguato gli ultimi sviluppi e le migliori prassi.

 

D. Funzionamento della BCE, responsabilità democratica e trasparenza

65. Quale sarà il Suo approccio personale al dialogo sociale nella BCE? Qual è la Sua posizione riguardo al fatto che né lo statuto dei funzionari dell'UE e le condizioni di assunzione delle istituzioni dell'UE, né il diritto del lavoro tedesco si applicano al personale della BCE a causa del suo statuto unico in materia di indipendenza?

La BCE dispone di un'ampia rete di consultazione e informazione con i rappresentanti del personale (il Comitato del personale eletto e il sindacato riconosciuto, IPSO). Sono previste riunioni regolari tra il Presidente o i suoi rappresentanti e i rappresentanti del personale. Inoltre, il Responsabile generale dei servizi, che riferisce al Comitato esecutivo attraverso il Presidente, svolge un ruolo chiave nel dialogo sociale in seno alla BCE, nonché nel dipartimento Risorse umane della BCE. Personalmente, sono impaziente di incontrare tutti i membri del personale della BCE e i loro rappresentanti eletti e, in tale occasione, di ascoltare più nel dettaglio le loro preoccupazioni.

Anche se il personale della BCE non è soggetto a regolamentazioni esterne in materia di occupazione e lavoro, la BCE definisce le condizioni di occupazione del suo personale sulla base del diritto primario dell'Unione. La BCE è tenuta ad applicare i principi generali del diritto comuni agli Stati membri, i principi generali del diritto dell'Unione europea nonché le disposizioni dei regolamenti e delle direttive dell'UE relativi alla politica sociale che sono rivolti agli Stati membri. Inoltre, la Carta dei diritti fondamentali è rivolta a tutte le istituzioni europee.

Infine, le condizioni di occupazione della BCE, così come la loro attuazione nei singoli casi, sono soggette al controllo giurisdizionale della Corte di giustizia dell'Unione europea.

 

66. A Suo parere, occorre prevedere un meccanismo per monitorare e riesaminare la condotta e la correttezza dei membri del Consiglio direttivo della BCE a livello UE?

In qualità di banca centrale e autorità di vigilanza bancaria della zona euro, la BCE dovrebbe ambire ai più elevati standard di buona condotta e buona governance per proteggere la propria reputazione e indipendenza.

Mi risulta che il codice di condotta unico adottato di recente per i funzionari di alto livello della BCE mira a stabilire norme rigorose in materia di buona condotta e buona governance. Ha introdotto l'obbligo per tutti i membri del Consiglio direttivo, del Comitato esecutivo e del Consiglio di vigilanza di pubblicare dichiarazioni di interessi annuali, rispondendo in tal modo alle richieste del Parlamento europeo e delle organizzazioni non governative e alle raccomandazioni della Mediatrice europea.

 

Le dichiarazioni di interessi offrono piena trasparenza sugli interessi personali, professionali e finanziari. Non esiste una soglia al di sotto della quale è possibile rinunciare alla dichiarazione di interessi e la BCE ha sottolineato che applica le norme di monitoraggio più severe tra tutte le istituzioni UE in materia di partecipazioni finanziarie e operazioni finanziarie. La trasparenza sugli interessi dei funzionari di alto livello è accompagnata dalla pubblicazione dei loro calendari di riunione mensili.

Mi sembra che l'insieme di tali norme offra solide garanzie volte ad assicurare una buona condotta.

 

67. Il Parlamento europeo svolge un ruolo importante in relazione alla responsabilità della BCE. Quali conclusioni trae dal confronto con altre giurisdizioni (per esempio Congresso degli Stati Uniti/Riserva federale – Parlamento europeo/BCE – Parlamento britannico/Banca d'Inghilterra)?

Il principio di indipendenza della banca centrale ha ampiamente beneficiato alle banche centrali di tutto il mondo – e alla BCE, come dimostrato dalla forte correlazione, ben fondata da un punto di vista empirico, tra indipendenza e mantenimento della stabilità dei prezzi. Tuttavia, una forte indipendenza della banca centrale è solo un lato della medaglia; l'altro lato è la forte responsabilità della banca centrale, che accresce la credibilità della banca centrale rafforzando il sostegno alle sue politiche e la fiducia nell'istituzione.

Pertanto, garantire un forte rapporto di responsabilità è una sfida costante per le banche centrali e i rispettivi parlamenti. Nel corso degli ultimi anni, la BCE e il Parlamento europeo hanno affrontato tale sfida sviluppando meccanismi di responsabilità molto simili a quelli delle principali banche centrali nelle economie avanzate. Per esempio, il presidente del consiglio dei governatori della Riserva federale compare quattro volte dinanzi al Congresso (due dinanzi al Senato e due dinanzi alla Camera); il Presidente della BCE compare cinque volte all'anno dinanzi al Parlamento europeo (quattro volte dinanzi alla commissione ECON e una dinanzi alla plenaria del Parlamento europeo).

Tuttavia, piuttosto che rispecchiare le prassi di altre giurisdizioni, ritengo sia più opportuno che i meccanismi di responsabilità della BCE restino commisurati ai suoi compiti e alle sue responsabilità e, ove necessario, continuino a evolversi, basandosi sul quadro dei trattati e nel pieno rispetto del principio di indipendenza delle banche centrali, con l'istituzione e con la richiesta di responsabilità da parte dei cittadini. Sulla base del rapporto esistente, sarebbe importante, e andrebbe nell'interesse della stessa BCE, garantire il proseguimento del dialogo proficuo tra le due istituzioni, dando alla BCE la possibilità di spiegare le sue decisioni e al Parlamento l'occasione di monitorare le politiche della BCE. Tale dialogo efficace migliora ulteriormente la comprensione generale delle politiche della BCE e porta a migliori risultati economici: da una ricerca dell'FMI è risultato che le economie sono resilienti quando le politiche monetarie godono di maggiore fiducia e quando le banche centrali indipendenti comunicano chiaramente.

 

68. Come valuta il dialogo monetario tra il Parlamento europeo e il Presidente della BCE? Quali misure e riforme future rafforzerebbero, a Suo avviso, la responsabilità democratica della BCE nei confronti del Parlamento europeo?

Poiché credo nel dialogo e nello scambio, accolgo con favore il fatto che, nel corso degli anni, la BCE e il Parlamento europeo abbiano sviluppato delle prassi in materia di responsabilità che non solo riflettono gli obblighi dei trattati, ma vanno al di là e rispettano appieno il principio dell'indipendenza della banca centrale, anch'esso sancito dai trattati.

Per esempio, sulla base degli obblighi stabiliti dai trattati in merito alla pubblicazione della relazione annuale della BCE, il Parlamento europeo ora approva una risoluzione annuale al riguardo e, l'anno successivo, la BCE pubblica il proprio feedback sulla risoluzione, promuovendo così un dialogo autentico tra le due istituzioni. La risoluzione del Parlamento europeo rappresenta un contributo importante per il lavoro della BCE, poiché contiene le opinioni dei rappresentanti dei cittadini europei sulle azioni e le politiche della BCE.

Inoltre, le audizioni del Presidente della BCE dinanzi al Parlamento europeo si sono rivelate un forum fondamentale di discussione sulle prestazioni della BCE, dando ai cittadini la possibilità di formarsi una propria opinione sulla volontà e capacità della banca centrale di conseguire i suoi obiettivi. Inoltre, le audizioni ad hoc con i membri del comitato esecutivo della BCE richieste dal Parlamento hanno offerto la possibilità di incentrare le discussioni su questioni essenziali. Oltre a tali scambi, le interrogazioni scritte presentate dai deputati al Parlamento europeo e le relative risposte del Presidente della BCE hanno ampliato il dialogo tra le due istituzioni oltre i limiti degli incontri fisici, puntando l'attenzione su questioni particolarmente importanti per alcune circoscrizioni elettorali o su questioni di natura molto tecnica.

Infine, il conferimento di nuovi compiti di vigilanza alla BCE nel 2014 è stato accompagnato da disposizioni specifiche in materia di responsabilità per questi nuovi compiti. In linea con il trattato e con il regolamento sul meccanismo di vigilanza unico, l'accordo interistituzionale tra il Parlamento europeo e la BCE stabilisce canali di responsabilità molto specifici per garantire ai deputati di poter esaminare la funzione di vigilanza della BCE, canali cui è stato fatto ampio ricorso negli ultimi cinque anni.

Alla luce del successo di tale esperienza, è possibile rafforzare ulteriormente il dialogo tra la BCE e il Parlamento europeo, nel pieno rispetto dell'indipendenza della BCE e del ruolo del Parlamento europeo. In qualità di Direttore operativo dell'FMI ho rafforzato le prassi dell'istituzione in materia di trasparenza e la disponibilità di quest'ultima a rivolgersi al più ampio pubblico possibile. In futuro, il Parlamento europeo, e in particolare la commissione ECON, possono essere un forum chiave per garantire la trasparenza della BCE e avviare un dialogo aperto e proficuo con una più ampia gamma di soggetti interessati, decisori politici e cittadini europei.

 

69. Cosa potrebbe fare concretamente la BCE per avere donne candidate alle sue posizioni di vertice in futuro e per rafforzare in generale la diversità di genere al suo interno? Quale contributo personale intende apportare al miglioramento dell'equilibrio di genere in seno alla BCE? Quando prevede di ottenere i primi risultati delle Sue azioni a tale riguardo?

Il dibattito sulla questione dell'equilibrio di genere ha assunto un'importanza crescente nell'agenda delle banche centrali negli ultimi anni ed è stato in cima all'agenda strategica sia dell'FMI sia della BCE. È importante cogliere questo slancio per utilizzare le iniziative esistenti e far avanzare tale agenda.

La sfida della parità di genere è complessa e non esiste un approccio universale per colmare il divario di genere. Sappiamo tuttavia che esistono diversi strumenti che si sono dimostrati efficaci, tra cui misure mirate e monitoraggio dei progressi lungo il ciclo di gestione dei talenti – dall'assunzione e nel corso delle procedure di promozione – per ridurre le distorsioni e creare condizioni di parità; l'utilizzo strategico dei dati, incluse le analisi comparative esterne; un ampio rinnovamento di immagine del settore dei servizi finanziari al fine di renderlo più attraente per le donne; nonché coinvolgere gli uomini sostenitori della leadership femminile.

Per conseguire risultati in materia di diversità e inclusione, il cambiamento culturale e comportamentale deve venire da tutti i livelli: da tutto il personale, dalla dirigenza e dalla leadership dell'organizzazione, come ho sperimentato in seno all'FMI, che ha affrontato sfide simili a quelle della BCE in tale ambito. Sono certa che la BCE può ancora conseguire altri progressi significativi in materia di parità di genere, nonché per quanto riguarda la diversità del suo personale e molti altri criteri.

 

70. Ritiene sia possibile migliorare la responsabilità della BCE nei confronti della Corte dei conti europea in termini di efficienza operativa? Dove termina, a Suo avviso, il mandato della Corte dei conti europea? Ritiene che il mandato della Corte dei conti europea vada inteso nel più ampio senso possibile, includendo l'accesso a tutti i documenti rilevanti?

La Corte dei conti europea è un elemento importante dell'assetto istituzionale dell'Unione e il suo parere esterno è spesso utile per ripensare i processi stabiliti e restare innovativi. Sostengo pertanto pienamente il suo lavoro, che richiede l'accesso a tutti i documenti rilevanti nell'ambito del mandato della Corte dei conti europea.

Per quanto riguarda la BCE, alla Corte dei conti europea è stato assegnato, nel quadro del diritto primario, un mandato specifico di revisione contabile, incentrato sull'efficienza operativa della gestione della BCE. La BCE beneficia della valutazione della Corte dei conti europea sul migliore rapporto tra risorse utilizzate e conseguimento degli obiettivi. D'altra parte, giudicare il contenuto e l'adeguatezza di decisioni sostanziali sarebbe al di fuori del mandato specifico della Corte dei conti europea, che funge da protezione dell'indipendenza della BCE.

 

71. Ritiene che la BCE dovrebbe applicare le disposizioni della nuova direttiva riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione a livello internazionale? Quando prevede che la BCE stabilirà procedure specifiche per la protezione degli informatori?

Mentre mi risulta che presso la BCE esistono canali interni ed esterni per gli informatori,

credo anche che vi sia un margine di miglioramento.

Mi è stato comunicato che il Comitato esecutivo della BCE ha individuato il rafforzamento del quadro per gli informatori come una delle sue priorità strategiche per gli anni dal 2018 al 2020. Ciò darà alla BCE l'opportunità di valutare con cura le norme stabilite dagli atti giuridici pertinenti quali la nuova direttiva del Parlamento sugli informatori dell'aprile 2019, che propone norme minime comuni per la protezione degli informatori, nonché altre migliori prassi, politiche e processi delle pertinenti istituzioni di riferimento e raccomandazioni del Garante europeo della protezione dei dati e del Parlamento europeo.

Credo sia essenziale che ogni istituzione disponga di un quadro solido, che offra adeguati canali di informazione e una protezione adeguata degli informatori. È nell'interesse della BCE disporre di un tale quadro e di tali processi – non solo da una semplice prospettiva di gestione del rischio, ma anche per incentivare e diffondere una cultura e un ambiente di lavoro in cui sia chiaro in modo inequivocabile che le persone non sono solo incoraggiate a parlare, ma ci si aspetta che lo facciano, a beneficio ultimo e per la salute dell'istituzione e del suo personale.

 

72. Cosa ne pensa del fatto che in passato il Consiglio già una volta ha ignorato il parere del Parlamento europeo in merito alla nomina di un membro del Comitato esecutivo della BCE?

Apprezzo molto il ruolo del Parlamento europeo in qualità di rappresentante diretto dei cittadini dell'UE, incluso il fatto di valutare i candidati per le posizioni di membri del Comitato esecutivo della BCE nel quadro del parere che esso fornisce, come previsto dal diritto primario dell'UE. Detto ciò, non spetta a me commentare questioni interistituzionali tra il Consiglio e il Parlamento europeo.

 

73. Accetterà la Sua nomina a Presidente della BCE in caso di voto contrario del Parlamento europeo?

Sono onorata che i membri del Consiglio europeo mi considerino una candidata adeguata alla carica di Presidente della BCE e che il Consiglio "Economia e finanza" abbia adottato una raccomandazione sulla mia nomina. Personalmente considero il parere del Parlamento europeo una fase chiave nella procedura di nomina del Presidente della BCE, che pone le basi per un rapporto di responsabilità e fiducia tra la BCE e il Parlamento europeo. Spero quindi sinceramente che il Parlamento europeo esprima un parere favorevole in merito alla raccomandazione del Consiglio.

 

74. In relazione al suo ruolo di rappresentante della zona euro negli organismi internazionali, quali misure potrebbe adottare la BCE per migliorare la sua responsabilità nei confronti del Parlamento europeo? Com'è possibile conciliare la comparabilità e norme globali comuni con la necessità di riconoscere le specificità dei modelli di finanziamento nei diversi blocchi e le loro esigenze specifiche di finanziamento?

Il livello di interconnessione economica sul piano globale richiede una forte cooperazione. Nonostante l'arco di paesi, culture e sistemi molto diversi a livello globale, la crisi finanziaria globale ha dimostrato che la cooperazione politica internazionale è di natura tale da preservare la stabilità finanziaria e una crescita economica sostenibile. Per conseguire tale cooperazione sono necessarie istituzioni e forum in cui i paesi possano costruire un clima di fiducia e rispetto reciproco attraverso un dialogo non conflittuale. Ho avuto l'onore di guidare l'FMI, che ha svolto un ruolo attivo nel promuovere il dialogo e la cooperazione globali, sostenendo in tal modo la crescita economica e scoraggiando politiche che nuocerebbero alla prosperità.

La BCE è un'istituzione importante e rispettata nel settore dell'economia internazionale e degli affari finanziari. Il suo impegno con le istituzioni internazionali e nei forum internazionali contribuisce a promuovere la cooperazione e un processo decisionale più solido a livello globale. Personalmente, ho sempre apprezzato il valore aggiunto apportato dalla BCE al lavoro dell'FMI grazie al suo status di osservatore.

La partecipazione della BCE alle istituzioni e ai forum internazionali si svolge in linea con le condizioni stabilite nello statuto del Sistema europeo di banche centrali (SEBC) e della Banca centrale europea. Tutte queste attività sono pertanto soggette a canali di responsabilità regolari. Inoltre, plaudo al fatto che la BCE abbia reso pubblico l'elenco dei forum internazionali cui partecipa e abbia espresso la sua disponibilità a informare il Parlamento europeo e la commissione ECON in merito alle sue posizioni nei forum internazionali.

 

75. In passato, la BCE ha lanciato iniziative quali AnaCredit e European Distribution of Debt Initiative (EDDI). Come vede il ruolo della BCE in tali iniziative e dove segnerebbe il confine per quanto riguarda le prerogative del legislatore?

Come qualsiasi unione monetaria, la zona euro necessita di un'infrastruttura dei mercati finanziari efficiente. Per questo motivo la BCE e l'Eurosistema hanno ricevuto un chiaro mandato nel trattato ed è stato istituito lo statuto del SEBC per quanto riguarda le infrastrutture dei mercati finanziari. Inoltre, la BCE ha un chiaro interesse nell'ottenere tutti i dati necessari a sostenere i suoi compiti quali definiti nel trattato. Analogamente, lo statuto impone alla BCE, con l'assistenza delle banche centrali nazionali, di raccogliere le informazioni statistiche necessarie a intraprendere tali compiti. Il mandato della BCE prevede quindi la possibilità che essa intraprenda iniziative normative in settori specifici, ad esempio nei settori delle statistiche e dei sistemi di pagamento.

Qualora la BCE intraprenda iniziative di questo tipo, è necessario garantire che essa rispetti appieno le prerogative del legislatore ed operi in stretta cooperazione con quest'ultimo. Nel settore delle statistiche, il trattato sul funzionamento dell'Unione europea prevede che la BCE, il Parlamento europeo e il Consiglio condividano la competenza per adottare misure per la produzione di statistiche. È in vigore un memorandum d'intesa che definisce chiaramente le responsabilità della BCE e di Eurostat per quanto riguarda la produzione di statistiche economiche e finanziarie a livello dell'UE. In altri casi, un'iniziativa dell'Eurosistema è stata la base necessaria per il legislatore europeo al fine di introdurre requisiti giuridici pertinenti nel passato, quali il regolamento sull'area unica dei pagamenti in euro o il regolamento sui depositari centrali.

È importante che la BCE continui la sua prassi di sviluppare tali iniziative apertamente e in piena trasparenza, ascoltando i soggetti interessati prima nel quadro di consultazioni pubbliche e agendo solo su tale base. Ciò consente ai cittadini dell'UE, ai partecipanti del mercato e ad altri soggetti interessati di esprimere la loro visione sui nuovi regolamenti elaborati dalla BCE. Ciò non solo garantisce la trasparenza, ma assicura altresì che la BCE tragga beneficio dalle conoscenze e dalla visione delle parti interessate, contribuendo così ad un migliore processo decisionale.

 

76. Ritiene che sarebbe opportuno che Lei o altri dirigenti della BCE partecipino al "Gruppo dei Trenta" di esponenti delle banche centrali e leader dell'industria finanziaria o a gruppi e associazioni simili?

Per affrontare ed esercitare i compiti con uno spirito aperto, tenendo conto di diverse prospettive e imparando da esse, lo scambio con un'ampia gamma di soggetti è indispensabile. Il Gruppo dei Trenta è un gruppo di personalità provenienti da diversi contesti e scuole di pensiero, e posso capire che gli scambi con tali personalità siano stimolanti intellettualmente e benefici per la BCE.

A mio avviso, è importante che il personale della BCE sia pienamente trasparente in merito alle sue transazioni e sia guidato da un quadro di governance solido che disponga di garanzie adeguate.

Sostengo appieno la prassi della BCE di fornire informazioni sulla partecipazione a eventi organizzati da tali gruppi o associazioni sia prima sia dopo l'evento e di incoraggiare gli organizzatori degli eventi a fornire un alto livello di trasparenza sui partecipanti e i temi di discussione.

Mi risulta che la BCE abbia stabilito garanzie rigorose per le interazioni con i gruppi di interessi e, in particolare, i partecipanti del mercato finanziario. Tali garanzie fanno parte del codice di condotta unico adottato di recente per i funzionari di alto livello della BCE, applicabile in quanto tale a tutti membri del Consiglio direttivo, del Comitato esecutivo e del Consiglio di vigilanza.

 

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Nomina del presidente della Banca centrale europea

Riferimenti

N9-0023/2019 – C9-0048/2019 – 2019/0810(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

16.7.2019

 

 

 

Commissione competente per il merito

 Annuncio in Aula

ECON

18.7.2019

 

 

 

Relatori

 Nomina

Roberto Gualtieri

18.7.2019

 

 

 

Esame in commissione

4.9.2019

 

 

 

Approvazione

4.9.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

37

11

4

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Gunnar Beck, Stefan Berger, Gilles Boyer, Cristian-Silviu Buşoi, Derk Jan Eppink, Engin Eroglu, Markus Ferber, Jonás Fernández, Frances Fitzgerald, José Manuel García-Margallo y Marfil, Luis Garicano, Sven Giegold, Neena Gill, Valentino Grant, José Gusmão, Enikő Győri, Eero Heinäluoma, Danuta Maria Hübner, Stasys Jakeliūnas, Herve Juvin, Othmar Karas, Billy Kelleher, Ondřej Kovařík, Georgios Kyrtsos, Aušra Maldeikienė, Costas Mavrides, Csaba Molnár, Luděk Niedermayer, Piernicola Pedicini, Dragoş Pîslaru, Luisa Porritt, Jake Pugh, Evelyn Regner, Antonio Maria Rinaldi, Alfred Sant, Joachim Schuster, Pedro Silva Pereira, Ernest Urtasun, Inese Vaidere, Johan Van Overtveldt, Stéphanie Yon-Courtin, Marco Zanni

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Gerolf Annemans, Manon Aubry, Carmen Avram, Niels Fuglsang, Eugen Jurzyca, Margarida Marques, Siegfried Mureşan, Ville Niinistö, Irene Tinagli

Supplenti (art. 200, par. 2) presenti al momento della votazione finale

Alice Kuhnke

Deposito

9.9.2019

 

 

[1] GU C 235 del 12.7.2019, pag. 1.

Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2019Avviso legale