Procedura : 2019/0132(NLE)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A9-0024/2019

Testi presentati :

A9-0024/2019

Discussioni :

PV 25/11/2019 - 16
CRE 25/11/2019 - 15
CRE 25/11/2019 - 16

Votazioni :

PV 26/11/2019 - 8.1

Testi approvati :

P9_TA(2019)0059

<Date>{18/11/2019}18.11.2019</Date>
<NoDocSe>A9‑0024/2019</NoDocSe>
PDF 182kWORD 60k

<TitreType>RACCOMANDAZIONE</TitreType>     <RefProcLect>***</RefProcLect>

<Titre>relativa al progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra</Titre>

<DocRef>(10720/2019 – C9-0105/2019 – 2019/0132(NLE))</DocRef>


<Commission>{INTA}Commissione per il commercio internazionale</Commission>

Relatrice: <Depute>Enikő Győri</Depute>

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PARERE DELLA commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO
 VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra

(10720/2019 – C9-0105/2019 – 2019/0132(NLE))

(Approvazione)

Il Parlamento europeo,

 visto il progetto di decisione del Consiglio (10720/2019),

 visto il progetto di accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra[1],

 vista la richiesta di approvazione presentata dal Consiglio a norma dell'articolo 207, paragrafo 4, primo comma, e dell'articolo 218, paragrafo 6, secondo comma, lettera a), punto v), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (C9-0105/2019),

 visti l'articolo 105, paragrafi 1 e 4, e l'articolo 114, paragrafo 7, del suo regolamento,

 visto il parere della commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale,

 vista la raccomandazione della commissione per il commercio internazionale (A9‑0024/2019),

1. dà la sua approvazione alla conclusione dell'accordo;

2. incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri e dell'Ucraina.


 

MOTIVAZIONE

Contesto

Nel quadro di una zona di libero scambio globale e approfondito (DCFTA), che fa parte dell'accordo di associazione tra l'UE e l'Ucraina firmato nel 2014, la maggior parte delle linee tariffarie sono liberalizzate o soggette a contingenti tariffari specifici. Le carni di pollame e i prodotti a base di carni di pollame sono considerati elementi sensibili. Essi sono, pertanto, soggetti a un contingente tariffario (CT) a dazio zero nell'ambito della DCFTA.

 

Tuttavia, le importazioni ucraine di pollame di "altri" pezzi freschi o congelati nel quadro delle linee tariffarie NC 0207 13 70 e NC 0207 14 70 sono liberalizzate, senza alcuna restrizione quantitativa. Dal 2016 l'UE registra un aumento esponenziale delle quantità di pezzi di pollame proprio nell'ambito di queste due linee tariffarie non protette, con importazioni che sono passate dalle 3 700 tonnellate del 2016 alle oltre 55 000 tonnellate del 2018. Questo nuovo tipo di pezzo di pollame è costituito da un petto non disossato tradizionale con gli omeri delle ali attaccati. Dopo una piccola trasformazione nell'UE, sono stati venduti sul mercato dell'UE come petto di pollame, un prodotto considerato come altamente sensibile e soggetto al CT. Questo taglio di pollame innovativo è stato concepito al solo scopo di essere classificato come linea tariffaria in esenzione da dazio nel quadro della DCFTA.

 

Nel 2016 e nel 2017, le importazioni nell'UE relative alle due linee tariffarie NC 0207 13 70 e 0207 14 70 hanno raggiunto un valore all'importazione combinato di 43,9 milioni di EUR, il che rappresenta l'1,1 % delle importazioni totali nell'UE di carni di pollame da tutti i paesi terzi nei due anni civili in questione.

 

Il 20 dicembre 2018, il Consiglio ha autorizzato la Commissione ad avviare negoziati con l'Ucraina al fine di eliminare il rischio di distorsioni del mercato dell'UE attraverso le importazioni illimitate in esenzione dai dazi provenienti dall'Ucraina e di trovare una soluzione modificando le preferenze commerciali per le carni di pollame e i preparati a base di carni di pollame.

 

I negoziati sono stati condotti dal 29 gennaio al 22 febbraio 2019 e si sono conclusi il 19 marzo 2019. L'accordo consiste in una modifica dell'accorso di associazione che integra le due linee tariffarie NC 0207 13 70 e 0207 14 70 nell'attuale contingente tariffario (CT) di 18 400 tonnellate, che diventerà di 20 000 tonnellate nel 2021 (numero d'ordine 09.4273), e nell'aumentare di 50 000 tonnellate il volume del CT. Ove le importazioni relative alle linee tariffarie NC 0207 13 70 e 0207 14 70 superino il CT, diventerebbero soggette all'aliquota del dazio della nazione più favorita pari a EUR 100,8/100 kg di peso netto.

 

Sebbene a questo fascicolo si applichi la normale procedura di approvazione, è da sottolineare il fatto che i negoziati si siano conclusi in tre settimane. Il progetto di accordo comprendeva una disposizione secondo la quale l'accordo sarebbe stato applicato in via provvisoria al momento della ratifica da parte del parlamento ucraino (dal primo giorno del mese successivo alla data di ricevimento della notifica del completamento della ratifica). La commissione INTA ha ricevuto la notifica in data 15 marzo 2019, quando erano previste solo due plenarie del Parlamento prima della pausa elettorale. Di conseguenza, in caso di procedure rapide in Ucraina, l'accordo avrebbe potuto essere applicato in via provvisoria prima dell'approvazione del Parlamento europeo.

 

La commissione INTA ha organizzato uno scambio di opinioni sul fascicolo e, di conseguenza, il presidente della commissione INTA ha inviato una lettera ai commissari Cecilia Malmström e Phil Hogan prendendo atto della proposta della Commissione di applicare l'accordo a titolo provvisorio, ricordando nel contempo la regola generale della non applicazione provvisoria di eventuali accordi o delle loro modifiche prima dell'approvazione del Parlamento.

 

Il 30 luglio 2019, l'UE e l'Ucraina hanno sottoscritto l'accordo. Il 26 agosto 2019, il Consiglio ha presentato al Parlamento l'accordo firmato con la richiesta di approvazione.

 

 

Messaggi chiave

 

L'Ucraina è un importante partner geopolitico e geostrategico dell'Unione europea. L'UE lo ha dimostrato in ogni occasione, tra l'altro concedendo assistenza macrofinanziaria per aiutare l'Ucraina nel suo cammino di transizione politica ed economica. Ciò dimostra l'impegno dell'UE a conseguire gli obiettivi della politica europea di vicinato, in particolare la stabilità politica ed economica.

 

L'UE è il principale partner commerciale dell'Ucraina, con oltre il 40 % dei suoi scambi nel 2016. L'Ucraina rappresenta lo 0,9 % del totale degli scambi commerciali dell'UE, con un fatturato di 29.6 miliardi di euro nel 2016.

Nel 2018, gli scambi di merci tra l'UE e l'Ucraina sono ammontati a 40 miliardi di euro, 18 dei quali per le importazioni dall'Ucraina e 22,1 per le esportazioni verso l'Ucraina, con un surplus commerciale per l'UE pari a 4 miliardi di euro. Va osservato che, a causa della crisi e delle turbolenze politiche ed economiche in Ucraina, l'attuale volume di scambi commerciali è pari al livello del 2008. Il Parlamento ha accolto con favore la progressiva intensificazione dei legami commerciali e la diversificazione delle esportazioni ucraine verso l'UE come conseguenza positiva della DCFTA. Occorre tuttavia sottolineare l'importanza di una corretta attuazione della DCFTA. Il sezionamento atipico del pollame, pur essendo legale, utilizza senza dubbio una lacuna dell'accordo. Tale approccio è chiaramente in contrasto con lo spirito di leale collaborazione. È fuori discussione che tutte le disposizioni dell'accordo debbano essere pienamente rispettate e attuate.

 

Al fine di eliminare il rischio di importazioni potenzialmente illimitate di carni di pollame, altamente sensibili per l'UE, la Commissione ha condotto negoziati che si sono conclusi con la modifica degli scambi di carni di pollame e preparazioni a base di carni di pollame previsti dall'accordo di associazione. Il testo modificato elimina la lacuna, e il commercio di carni di pollame può tornare ad essere regolamentato.

 

 

Raccomandazioni

 

Il relatore raccomanda l'approvazione di tale accordo in quanto esso fornisce una soluzione alla situazione attuale causata dall'eccesso di importazioni di carni di pollame ucraine, in particolare:

- integrare le due linee tariffarie NC 0207 13 70 e 0207 14 70 nell'attuale CT,

- aumentare il TRQ di 50 000 tonnellate e

- sottoporre a dazio NPF tutte le importazioni in eccesso delle suddette linee tariffarie nonché di altre linee tariffarie.

L'accordo modificato mira a tutelare gli interessi dei produttori dell'UE e proteggerà contro l'importazione potenzialmente illimitata della carne di pollame. Inoltre, il relatore chiede un'attuazione rigorosa, leale e fedele dell'intera DCFTA, in conformità degli impegni assunti dall'Ucraina. Ricorda, inoltre, l'importanza della piena partecipazione del partner ucraino alle condizioni sanitarie e fitosanitarie, che non sono negoziabili. Tutti i prodotti alimentari agricoli importati devono rispettare le rigorose norme dell'UE in materia di sicurezza e alta qualità degli alimenti. Le norme dell'UE in materia di salute e sicurezza alimentare si applicano a tutti i prodotti venduti e consumati nell'UE, indipendentemente dal fatto che siano prodotti sul suo territorio o vengano importati.

Inoltre, la Commissione dovrebbe monitorare attentamente e sistematicamente l'attuazione e il rispetto del presente accordo. Il Parlamento seguirà il monitoraggio e solleverà questioni qualora lo ritenga necessario.

Il commercio di carni di pollame è solo una parte di un'ampia prospettiva commerciale tra l'UE e l'Ucraina. L'Ucraina rimane un partner commerciale molto importante per l'UE, per cui il rispetto della DCFTA e la piena attuazione sono di vitale importanza per una buona cooperazione. L'Ucraina dovrebbe condurre gli scambi nell'ambito delle norme DCFTA in modo affidabile e degno di fiducia.

La Commissione deve considerare la DCFTA in una prospettiva più ampia e individuare, se possibile, le lacune ancora esistenti e che potrebbero mettere i produttori dell'UE in una posizione di svantaggio. La Commissione dovrebbe pertanto ricorrere immediatamente a tutti gli strumenti commerciali per superare qualsiasi problema.

 

Il relatore raccomanda una rapida attuazione dell'accordo concluso sotto forma di scambio di lettere, modificando le preferenze commerciali per le carni di pollame e i preparati a base di carni di pollame, in quanto ciò crea un ambiente commerciale stabile e prevedibile, colmando le lacune esistenti in base alle attuali disposizioni.


 

PARERE DELLA commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (6.11.2019)

<CommissionInt>destinato alla commissione per il commercio internazionale</CommissionInt>


<Titre>sul progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra</Titre>

<DocRef>(10720/2019 – C9-0105/2019 – 2019/0132(NLE))</DocRef>

Relatore per parere: <Depute>Zbigniew Kuźmiuk</Depute>

 

 

BREVE MOTIVAZIONE

Il relatore sostiene l'entrata in vigore quanto prima dell'accordo con l'Ucraina in forma di scambio di lettere che modifica le preferenze commerciali per la carne di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e l'Ucraina. Ciò è necessario per limitare la possibilità di un ulteriore aumento delle importazioni provenienti dall'Ucraina di pezzi di pollo che hanno subito un taglio speciale.

A partire dalla metà del 2016 un nuovo tipo di pezzo di pollame ha iniziato a essere importato dall'Ucraina nell'Unione in quantità crescenti. Questo nuovo pezzo è costituito da un petto non disossato tradizionale con gli omeri delle ali attaccati; questi ultimi rappresentano una parte molto ridotta del peso totale del pezzo. Dopo una trasformazione minima, questo pezzo può essere commercializzato nell'Unione come petto di pollame. L'aumento esponenziale delle importazioni esenti da dazi – da circa 3 700 tonnellate nel 2016 a oltre 55 000 tonnellate nel 2018 – di questo particolare pezzo di pollame, che non esisteva né era prevedibile durante i negoziati dell'accordo di associazione, ha suscitato grande preoccupazione, in quanto compromette la protezione prevista per il petto di pollame in virtù dell'accordo di associazione e potrebbe perturbare il delicato equilibrio del mercato dell'UE di carni di pollame.

Se l'accordo entra in vigore, il relatore propone di suddividere i contingenti tariffari assegnati all'Ucraina in singole linee tariffarie e in periodi mensili.

La Commissione europea dovrebbe valutare la possibilità di proporre all'Ucraina una modifica dell'accordo di libero scambio (ALS) globale e approfondito volta a introdurre misure di salvaguardia bilaterali per il commercio di prodotti agricoli, consentendo così la sospensione o la riduzione temporanea delle preferenze tariffarie in caso di perturbazioni nei settori sensibili del mercato agricolo causate da prodotti importati a condizioni preferenziali.

Il relatore invita la Commissione a garantire la piena attuazione degli impegni assunti dai nostri partner. Nel caso dell'Ucraina ciò si applica, tra l'altro, alle questioni sanitarie e fitosanitarie, per le quali l'Ucraina si è impegnata nell'ambito dell'ALS globale e approfondito ad allineare la sua legislazione a quella dell'Unione e a rispettare i requisiti in materia di benessere degli animali.

La soluzione negoziata consiste nell'aumentare l'attuale contingente per carni di pollame e prodotti derivati di altre 50 000 tonnellate, includendo le linee tariffarie relative agli "altri pezzi" (codici NC 0207 1370 e 0207 1470) nell'ambito del contingente tariffario vigente, e nel ripristinare il dazio della nazione più favorita pari a 100,8 EUR/100 kg/netto per le importazioni nell'ambito delle due linee tariffarie "altri pezzi" in questione che superano il volume del contingente tariffario.

Il relatore propone che la commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale raccomandi l'approvazione di tale accordo, in quanto esso mira a tutelare i portatori di interesse dell'Unione e a bloccare le importazioni potenzialmente illimitate di pollame esente da dazi, che potrebbero compromettere le condizioni alle quali i tagli di petto tradizionali possono essere importati nell'Unione nel quadro dell'ALS globale e approfondito, in particolare le restrizioni quantitative sotto forma di contingente tariffario.

******

La commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale invita la commissione per il commercio internazionale, competente per il merito, a raccomandare l'approvazione del progetto di decisione del Consiglio relativa alla conclusione, a nome dell'Unione, dell'accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra.


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

Titolo

Conclusione dell'accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra

Riferimenti

10720/2019 – C9-0105/2019 – 2019/0132(NLE)

Commissione competente per il merito

 

INTA

 

 

 

 

Parere espresso da

 Annuncio in Aula

AGRI

16.9.2019

Relatore per parere

 Nomina

Zbigniew Kuźmiuk

4.9.2019

Approvazione

5.11.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

34

9

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Mazaly Aguilar, Clara Aguilera, Álvaro Amaro, Attila Ara-Kovács, Carmen Avram, Adrian-dragoş Benea, Benoît Biteau, Daniel Buda, Isabel Carvalhais, Asger Christensen, Dacian Cioloş, Ivan David, Paolo De Castro, Jérémy Decerle, Herbert Dorfmann, Luke Ming Flanagan, Dino Giarrusso, Francisco Guerreiro, Martin Häusling, Martin Hlaváček, Krzysztof Jurgiel, Jarosław Kalinowski, Elsi Katainen, Gilles Lebreton, Norbert Lins, Mairead McGuinness, Marlene Mortler, Maria Noichl, Juozas Olekas, Pina Picierno, Sheila Ritchie, Bronis Ropė, Anne Sander, Annie Schreijer-Pierik, Veronika Vrecionová, Sarah Wiener, Juan Ignacio Zoido Álvarez

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Atidzhe Alieva-Veli, Franc Bogovič, Anja Hazekamp, Ivo Hristov, Peter Jahr, Petros Kokkalis, Zbigniew Kuźmiuk, Michal Wiezik

 


 

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE
IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER PARERE

34

+

ECR

Mazaly Aguilar, Krzysztof Jurgiel, Zbigniew Kuźmiuk, Veronika Vrecionová

NI

Dino Giarrusso

PPE

Álvaro Amaro, Franc Bogovič, Daniel Buda, Herbert Dorfmann, Peter Jahr, Jarosław Kalinowski, Norbert Lins, Mairead McGuinness, Marlene Mortler, Anne Sander, Annie Schreijer‑Pierik, Michal Wiezik, Juan Ignacio Zoido Álvarez

Renew

Atidzhe Alieva‑Veli, Asger Christensen, Dacian Cioloş, Jérémy Decerle, Martin Hlaváček, Elsi Katainen, Sheila Ritchie

S&D

Clara Aguilera, Attila Ara‑Kovács, Carmen Avram, Adrian‑dragoş Benea, Isabel Carvalhais, Paolo De Castro, Ivo Hristov, Juozas Olekas, Pina Picierno

 

9

-

GUE/NGL

Luke Ming Flanagan, Anja Hazekamp, Petros Kokkalis

ID

Ivan David, Gilles Lebreton

Verts/ALE

Benoît Biteau, Francisco Guerreiro, Martin Häusling, Sarah Wiener

 

2

0

S&D

Maria Noichl

Verts/ALE

Bronis Ropė

 

Significato dei simboli utilizzati:

+ : favorevoli

- : contrari

0 : astenuti

 

 


 

 

PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Conclusione dell'accordo in forma di scambio di lettere tra l'Unione europea e l'Ucraina che modifica le preferenze commerciali per le carni di pollame e le preparazioni derivate previste dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra

Riferimenti

10720/2019 – C9-0105/2019 – 2019/0132(NLE)

Consultazione / Richiesta di approvazione

26.8.2019

 

 

 

Commissione competente per il merito

 Annuncio in Aula

INTA

16.9.2019

 

 

 

Commissioni competenti per parere

 Annuncio in Aula

AGRI

16.9.2019

 

 

 

Relatori

 Nomina

Enikő Győri

23.9.2019

 

 

 

Esame in commissione

2.10.2019

6.11.2019

 

 

Approvazione

7.11.2019

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

25

3

7

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Anna-Michelle Asimakopoulou, Geert Bourgeois, Jordi Cañas, Anna Cavazzini, Arnaud Danjean, Barbara Ann Gibson, Enikő Győri, Roman Haider, Christophe Hansen, Heidi Hautala, Danuta Maria Hübner, Karin Karlsbro, Bernd Lange, Emmanuel Maurel, Samira Rafaela, Luisa Regimenti, Inma Rodríguez-Piñero, Massimiliano Salini, Helmut Scholz, Sven Simon, Kathleen Van Brempt, Marie-Pierre Vedrenne, Jörgen Warborn, Iuliu Winkler, Jan Zahradil

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Mazaly Aguilar, Saskia Bricmont, Markus Buchheit, Marco Campomenosi, Nicola Danti, Jérémy Decerle, Laura Huhtasaari, Agnes Jongerius, Mihai Tudose, Angelika Winzig

Supplenti (art. 209, par. 7) presenti al momento della votazione finale

Ivo Hristov

Deposito

18.11.2019

 


 

VOTAZIONE FINALE PER APPELLO NOMINALE IN SEDE DI COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

25

+

ECR

Mazaly Aguilar, Geert Bourgeois, Jan Zahradil

PPE

Anna-Michelle Asimakopoulou, Arnaud Danjean, Enikő Győri, Christophe Hansen, Danuta Maria Hübner, Massimiliano Salini, Sven Simon, Jörgen Warborn, Angelika Winzig

RENEW

Jordi Cañas, Jérémy Decerle, Barbara Ann Gibson, Karin Karlsbro, Samira Rafaela, Marie-Pierre Vedrenne

S&D

Nicola Danti, Ivo Hristov, Agnes Jongerius, Bernd Lange, Inma Rodríguez-Piñero, Mihai Tudose, Kathleen Van Brempt

 

3

-

ID

Markus Buchheit, Marco Campomenosi, Luisa Regimenti

 

7

0

GUE/NGL

Emmanuel Maurel, Helmut Scholz

ID

Roman Haider, Laura Huhtasaari

VERTS/ALE

Saskia Bricmont, Anna Cavazzini, Heidi Hautala

 

Significato dei simboli utilizzati:

+ : favorevoli

- : contrari

0 : astenuti

 

 

[1] GU L 206 del 6.8.2019, pagg. 3-8.

Ultimo aggiornamento: 20 novembre 2019Avviso legale