Procedura : 2014/2842(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-0119/2014

Testi presentati :

B8-0119/2014

Discussioni :

Votazioni :

PV 18/09/2014 - 10.5
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2014)0026

PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 230kWORD 59k
Vedasi anche la proposta di risoluzione comune RC-B8-0107/2014
16.9.2014
PE537.021v01-00
 
B8-0119/2014

presentata a seguito di dichiarazioni del Consiglio e della Commissione

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sulla risposta dell'UE allo scoppio dell'Ebola (2014/2842(RSP))


Charles Goerens, Gérard Deprez, Maite Pagazaurtundúa Ruiz, Louis Michel, Marietje Schaake, Javier Nart, Dita Charanzová, Catherine Bearder, Robert Rochefort, Frédérique Ries, Marielle de Sarnez, José Inácio Faria, Nathalie Griesbeck, Ramon Tremosa i Balcells, Juan Carlos Girauta Vidal, Martina Dlabajová, Petr Ježek, Fredrick Federley, Andrus Ansip, Gerben-Jan Gerbrandy, Ivan Jakovčić, Johannes Cornelis van Baalen a nome del gruppo ALDE

Risoluzione del Parlamento europeo sulla risposta dell'UE allo scoppio dell'Ebola (2014/2842(RSP))  
B8‑0119/2014

Il Parlamento europeo,

–       vista la dichiarazione sulla risposta dell'UE allo scoppio dell'Ebola, rilasciata dal commissario allo sviluppo, Andris Piebalgs, e dal commissario per gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi, Kristalina Georgieva, in data 5 settembre 2014,

–       vista la missione dell'Unione africana (UA) "Sostegno UA per far fronte allo scoppio dell'Ebola nell'Africa occidentale" (ASEOWA), istituita il 21 agosto 2014;

–       visto il briefing speciale delle Nazioni Unite sull'Ebola, tenuto dalla dott.ssa Joanne Liu, presidente internazionale di Médecins Sans Frontières, in data 2 settembre 2014,

–       visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.     considerando che lo scoppio dell'Ebola nell'Africa occidentale è finora il più letale a livello globale e che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) lo ha dichiarato un'emergenza sanitaria di rilevanza internazionale; che oltre 2 100 persone sono morte quest'anno per il virus in Guinea, Liberia, Sierra Leone e Nigeria e la situazione sta continuando a deteriorarsi rapidamente, il che richiede una risposta internazionale coordinata; che l'OMS prevede altresì il potenziale raggiungimento di un picco di 20 000 decessi;

B.     considerando che l'ONG Médecins Sans Frontières (MSF) ha denunciato "l'inazione dei grandi paesi";

C.     considerando che il Consiglio di sicurezza dell'ONU organizzerà una riunione urgente giovedì, 18 settembre 2014;

D.     considerando che la Commissione è seriamente preoccupata per la costante diffusione della malattia, che non è ancora sotto controllo, e ha costantemente rafforzato la sua risposta dal marzo 2014;

E.     considerando che tutte le organizzazioni in loco hanno sottolineato che, al fine di isolare e trattare i pazienti, vi è l'urgente necessità non solo di finanziamenti, ma anche di capacità operativa, fra cui risorse umane qualificate e materiale logistico;

F.     considerando che il ministro liberiano della difesa ha dichiarato la scorsa settimana al Consiglio di sicurezza dell'ONU che è in gioco l'esistenza stessa del proprio paese;

G.     considerando che la Commissione sta monitorando la situazione attraverso il proprio Centro di coordinamento della risposta alle emergenze che dovrebbe fungere da piattaforma per il coordinamento dell'assistenza UE;

H.     considerando che il commissario Borg, nel corso di una riunione con la commissione per la protezione dell'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare del Parlamento in data 3 settembre 2014, ha dichiarato che l'UE "ha l'obbligo morale di aiutare i paesi colpiti dal virus Ebola perché da soli non possono affrontare questo problema";

I.      considerando che il commissario Borg ha annunciato che la Commissione auspica un incremento dei finanziamenti attraverso il trasferimento di parte dei fondi disponibili a titolo dello sviluppo verso l'assistenza umanitaria; che l'UE ha destinato 11,9 milioni di EUR in aiuti umanitari all'epidemia a partire da marzo 2014; che, alla fine di agosto, l'OMS ha annunciato un piano per un importo di 77 milioni di EUR;

J.      considerando che il presidente Barak Obama prevede di incrementare drammaticamente lo sforzo USA per alleviare l'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale, fra cui una maggiore partecipazione delle forze militari USA attraverso l'invio di altri ospedali mobili, medici ed esperti in assistenza sanitaria, predisponendo forniture mediche e assicurando la formazione degli operatori sanitari in Liberia e altri paesi;

K.     considerando che l'OMS ha avvertito che altre migliaia di casi potrebbero registrarsi in Liberia che è stato il paese maggiormente colpito dall'epidemia in Africa occidentale;

L.     considerando che l'Ebola si diffonde nell'uomo tramite contatto diretto attraverso sangue infetto, fluidi corporei od organi, o per via indiretta, attraverso contatti con gli ambienti contaminati;

M.    considerando che gli operatori sanitari sono esposti al massimo rischio a causa delle vie di trasmissione del virus Ebola e del fatto che stanno operando senza attrezzatura protettiva e formazione idonee;

N.     considerando che i metodi convenzionali per controllare l'epidemia non hanno avuto un impatto sufficiente;

O.     considerando che lo scoppio dell'epidemia ha rivelato l'inadeguatezza dei sistemi sanitari dei paesi interessati e l'urgente esigenza di sostegno per rafforzarli;

P.     considerando che l'Unione africana sta sollecitando i propri stati membri a revocare i divieti di circolazione messi in atto per contenere il virus, affermando che potrebbero danneggiare l'economia della regione;

Q.     considerando che l'attuale epidemia registra un tasso di mortalità pari a circa il 55%;

R.     considerando che la sieroterapia, che comporta la trasfusione di plasma dei sopravvissuti al virus dell'Ebola, può aver svolto un ruolo nella remissione e nella guarigione di due medici americani infettati dall'Ebola; che, nel contempo, è importante non sottovalutare le complicazioni legate all'applicazione della sieroterapia in loco, alla luce delle precarie condizioni di ricovero e di problemi logistici come la manutenzione della catena del freddo;

S.     considerando che la crisi ha evidenziato la debolezza dei sistemi sanitari nei paesi interessati;

T.     considerando che l'avvio di sperimentazioni cliniche dei vaccini è imminente, ma l'ampia disponibilità di cure e vaccini sperimentali non si attende prima della fine dell'anno;

U.     considerando che vi sono 4,5 milioni di bambini di meno di cinque anni che vivono nelle zone interessate dal virus dell'Ebola e che le donne (colpite nel 75% dei casi) sono state sproporzionalmente colpite dal virus in virtù del loro ruolo di assistenza;

V.     considerando che casi di malattia associati ai viaggi sono già comparsi in altri paesi e rischiano di creare nuove sfide epidemiologiche;

1.      sottolinea che l'epidemia di Ebola sta mietendo un pesante tributo nei cinque paesi ormai colpiti, vale a dire Guinea, Liberia, Nigeria, Sierra Leone e (la parte settentrionale) della Repubblica democratica del Congo; sottolinea che, secondo l'OMS, si tratta del maggior scoppio dell'epidemia mai registrato in termini di casi, decessi e copertura geografica e sta continuando ad accelerare;

2.      ritiene che la comunità internazionale debba svolgere un maggior ruolo mentre i paesi africani devono altresì assumersi la loro parte di responsabilità; chiede ai paesi che dispongono di risorse per rispondere ai disastri di inviare urgentemente in Africa occidentale ulteriori capacità mediche, militari e civili al fine di un loro rapido impiego;

3.      ritiene che, in un mondo globalizzato, l'UE e l'ONU debbano concordare il tipo di intervento che fornisca una risposta a un'emergenza sanitaria su scala mondiale;

4.      sollecita l'organizzazione di una riunione ministeriale del Consiglio dell'Unione europea al fine di stabilire un piano di emergenza, da attuare immediatamente, mobilitare una risposta medica, decidere e fornire aiuti umanitari da parte degli Stati membri, sotto il coordinamento della Commissione;

5.      invita la Commissione a elaborare valutazioni delle esigenze e piani specifici per paese, onde determinare la domanda di personale sanitario, laboratori mobili, attrezzature di laboratorio, abbigliamento protettivo e la definizione di reparti di isolamento;

6.      sottolinea che questa crisi evidenzia come la comunità internazionale, prima di affrontare "l'Agenda post 2015", debba affrontare i "residui" dell'''Agenda 2015" e trattare in primo luogo questioni sanitarie (e l'istruzione) nei paesi in via di sviluppo;

7.      sottolinea che la lotta contro l'Ebola non deve comportare la stigmatizzazione dei pazienti sopravvissuti nelle comunità o nei paesi;

8.      evidenzia le sfide per il personale medico ed accoglie con favore il grande apporto e aiuto delle organizzazioni internazionali nel controllare tale epidemia; sottolinea che sono necessari più medici, infermieri, epidemiologi, nonché specialisti in risorse idriche e impianti sanitari – che al momento scarseggiano;

9.      sottolinea che sono necessari ulteriori sforzi internazionali per finanziare e coordinare gli attuali programmi di ricerca e sviluppo che operano per sviluppare cure e vaccini per l'Ebola, nonché per altre malattie che non sono di immediato interesse commerciale, ma potrebbero provocare in futuro analoghe epidemie; invita la Commissione ad esaminare con urgenza se gli attuali programmi di ricerca e sviluppo dell'UE possano essere in grado di assistere ulteriormente questi sforzi, soprattutto facendo avanzare le necessarie sperimentazioni cliniche per le potenziali cure esistenti;

10.    sottolinea l'esigenza di investire rapidamente, attraverso la DG ECHO, sulla preparazione dei paesi confinanti al fine di prevenire e/o limitare la diffusione del virus in altri paesi fragili dell'Africa occidentale;

11.    incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri, ai presidenti, ai governi e ai parlamenti dell'Unione africana nonché all'Organizzazione mondiale della sanità.

Avviso legale