Procedura : 2014/2842(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-0126/2014

Testi presentati :

B8-0126/2014

Discussioni :

Votazioni :

PV 18/09/2014 - 10.5
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2014)0026

PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 129kWORD 60k
Vedasi anche la proposta di risoluzione comune RC-B8-0107/2014
16.9.2014
PE537.028v01-00
 
B8-0126/2014

presentata a seguito di dichiarazioni del Consiglio e della Commissione

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sulla risposta dell'UE all'epidemia del virus Ebola (2014/2842(RSP))


Davor Ivo Stier, Peter Liese, Giovanni La Via, Bogdan Brunon Wenta, Gabrielius Landsbergis, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Françoise Grossetête, Annie Schreijer-Pierik, Philippe Juvin, Cristian Dan Preda, Mariya Gabriel, Francesc Gambús a nome del gruppo PPE

Risoluzione del Parlamento europeo sulla risposta dell'UE all'epidemia del virus Ebola (2014/2842(RSP))  
B8‑0126/2014

Il Parlamento europeo,

–       vista la dichiarazione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dell'8 agosto 2014, nella quale l'epidemia di Ebola in corso nell'Africa occidentale è definita un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale,

–       vista la dichiarazione del commissario UE Borg dell'8 agosto 2014 sull'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale,

–       vista la riunione di coordinamento a livello del sistema delle Nazioni Unite convocata il 13 agosto 2014 dal Segretario generale Ban Ki-moon in risposta all'attuale epidemia di Ebola nell'Africa occidentale, con la zona a rischio di trasmissione della malattia situata all'intersezione delle frontiere di Guinea, Liberia e Sierra Leone,

–       viste le conclusioni del Consiglio europeo "Affari esteri" del 15 agosto 2014 sulla crisi dell'Ebola nell'Africa occidentale,

–       vista la tabella di marcia di risposta all'Ebola pubblicata dall'OMS il 28 agosto 2014,

–       visto il briefing speciale delle Nazioni Unite sull'Ebola tenuto il 2 settembre 2014 dalla dottoressa Joanne Liu, presidente internazionale di Médecins Sans Frontières,

–       vista la richiesta di soccorso internazionale lanciata dal Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon il 5 settembre 2014 con l'obiettivo di mobilitare le Nazioni Unite in ogni modo possibile per rispondere all'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale,

–       visto l'annuncio dell'OMS del 5 settembre 2014, secondo cui gli esperti che hanno partecipato a un dibattito di due giorni su possibili cure e vaccini contro l'Ebola hanno identificato diversi interventi terapeutici e vaccinazioni sui quali, in questo momento, dovrebbero concentrarsi in via prioritaria le valutazioni cliniche, tra cui due vaccini promettenti contro il virus Ebola,

–       vista la conferma data dal presidente Barack Obama il 7 settembre 2014 che gli Stati Uniti aiuteranno a coordinare gli sforzi internazionali per contenere l'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale prima di mobilitare l'esercito statunitense, anche realizzando unità di isolamento, fornendo equipaggiamenti e garantendo la sicurezza di una forza internazionale di operatori sanitari pubblici,

–       vista la richiesta di Médecins Sans Frontières del 10 settembre 2014 di una mobilitazione militare internazionale, dal momento che l'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale costituisce ormai una minaccia per la sicurezza nazionale e mondiale e che l'intera regione si trova a far fronte non soltanto a una crisi sanitaria, ma anche a una crisi umanitaria e della sicurezza,

–       visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.     considerando che l'attuale epidemia di Ebola che interessa la regione dell'Africa occidentale (Liberia, Sierra Leone, Guinea, Nigeria e più recentemente il Senegal), è iniziata nel dicembre 2013 ed è la peggiore epidemia finora registrata del virus;

B.     considerando che, stando ai dati forniti dall'OMS, dal 6 settembre 2014 l'epidemia del virus Ebola attualmente in corso in Guinea, Liberia e Sierra Leone ha fatto registrare 4 269 casi e 2 288 decessi; che in Nigeria si sono registrati 21 casi e 8 decessi e un caso è stato confermato in Senegal;

C.     considerando che il 9 settembre 2014 il rappresentante speciale del Segretario generale dell'ONU Karin Landgren ha informato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in merito alla diffusione dell'Ebola in Liberia, sottolineando che la velocità e l'entità della perdita di vite umane, come pure le ripercussioni economiche, sociali, politiche e di sicurezza stanno colpendo duramente la Liberia, dove si registrano almeno 2 070 casi documentati, tra cui almeno 160 operatori sanitari;

D.     considerando che la maggior parte degli operatori sanitari svolgono i loro compiti senza disporre di equipaggiamenti di protezione, di una formazione o di una retribuzione adeguati; che le cerimonie funebri locali, che prevedono di toccare e lavare i morti, come pure la tradizione di prendersi cura di parenti e amici malati, contribuiscono alla diffusione del virus;

E.     considerando che, secondo l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, misure standard quali la diagnosi precoce e l'isolamento dei pazienti, il tracciamento e il monitoraggio dei contatti, nonché rigorose procedure di controllo delle infezioni hanno bloccato la diffusione di precedenti epidemie di Ebola, comprese quelle in Uganda, nella Repubblica democratica del Congo e nel Gabon, e potrebbero nuovamente rivelarsi efficaci;

F.     considerando che l'immane compito di far fronte all'epidemia di Ebola ha messo in luce carenze istituzionali gravi e persistenti, anche nel settore della sicurezza, e contribuisce all'incertezza economica;

G.     considerando che un gruppo di dodici esperti di etica convocato dall'OMS nell'agosto 2014 ha dichiarato etico il ricorso a farmaci sperimentali per il trattamento dei pazienti affetti da Ebola, allo scopo di contrastare l'epidemia del virus Ebola più estesa, più grave e più complessa di tutti i tempi;

H.     considerando che all'inizio di agosto gli operatori sanitari Nancy Writebol e Kent Brantly sono stati trasportati in aereo negli Stati Uniti dopo aver contratto il virus e che entrambi sono stati dimessi dall'ospedale dopo essere stati curati con il siero sperimentale ZMapp;

I.      considerando che l'8 agosto 2014 l'Unione africana ha istituito l'ASEOWA, una missione di lotta contro l'Ebola per un periodo iniziale di sei mesi, con sede in Liberia e dotata di un personale di almeno 100 unità, con l'obiettivo di coordinare le operazioni nazionali e internazionali, tenere i rapporti con gli attori umanitari, fornire assistenza medica e aiutare le autorità locali a rafforzare il controllo dell'epidemia; che l'UE ha annunciato che fornirà alla missione dell'Unione africana istituita l'8 agosto 2014 un sostegno finanziario di 5 milioni di EUR;

J.      considerando che il 10 settembre 2014 è stato ufficialmente approvato un contributo di circa 4 milioni di dollari USA per il Servizio aereo umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS) a sostegno delle operazioni nell'Africa occidentale; che i fondi aiuteranno il Programma alimentare mondiale, gestito dall'UNHAS, a trasportare personale umanitario, forniture e dispositivi medici e altri carichi umanitari essenziali in maniera rapida ed efficace in località remote in Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone;

K.     considerando che i partner umanitari hanno finora ricevuto 7,6 milioni di dollari USA dal Fondo centrale d'intervento per le emergenze (CERF) a sostegno della loro risposta iniziale all'epidemia di Ebola in quattro paesi, compresi i servizi sanitari d'emergenza e l'assistenza alimentare: Guinea (2,7 milioni di dollari USA), Liberia (1,9 milioni di dollari USA), Nigeria (1,5 milioni di dollari USA) e Sierra Leone (1,5 milioni di dollari USA);

L.     considerando che da marzo 2014 la Commissione europea ha intensificato la sua risposta all'epidemia; che il 5 settembre la Commissione ha annunciato un pacchetto aggiuntivo di 140 milioni di EUR di finanziamenti per i paesi attualmente colpiti dal virus Ebola nell'Africa occidentale: Guinea, Sierra Leone, Liberia e Nigeria;

M.    considerando che l'Unione europea ha inviato esperti umanitari nella regione, che controllano la situazione e fungono da ponte con le organizzazioni partner e le autorità locali; che diverse squadre di specialisti europei del progetto Laboratorio mobile europeo per le malattie infettive pericolose sono state inviate in Guinea, Nigeria e Liberia, munite di laboratori mobili per aiutare a diagnosticare la febbre emorragica virale, ad analizzare rapidamente i campioni e a confermare i casi di infezione;

N.     considerando che il Segretario generale Ban Ki-moon convocherà i leader riuniti a New York per il prossimo segmento ad alto livello dell'Assemblea generale annuale delle Nazioni Unite per evidenziare le esigenze urgenti e la necessità di una risposta all'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale;

1.      è fortemente preoccupato per l'epidemia del virus Ebola che interessa diversi paesi nell'Africa occidentale e, in particolare, per il persistente aggravarsi della malattia e in alcuni casi la sua ricomparsa, anche in luoghi nei quali era stata posta sotto controllo; sottolinea che l'UE deve continuare a sostenere i partner africani e a cooperare con loro strettamente nella lotta contro tale malattia letale;

2.      sottolinea che si tratta dell'epidemia più grave mai registrata e che si contano già oltre duemila vittime;

3.      esprime sincero cordoglio ai governi e ai popoli africani colpiti dall'epidemia; prende atto della recente decisione dell'OMS di dichiarare l'epidemia di Ebola un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale e chiede che l'UE manifesti la propria solidarietà e il proprio sostegno ai paesi colpiti, nonché agli operatori sanitari e alle organizzazioni internazionali impegnati nella lotta contro la malattia;

4.      avverte che la crisi dell'Ebola è diventata complessa, con implicazioni di natura politica, di sicurezza, economica e sociale che continueranno a ripercuotersi sulla regione ben oltre l'attuale emergenza sanitaria;

5.      sottolinea che l'epidemia di Ebola rappresenta una sfida per la sicurezza globale e non è un problema circoscritto all'Africa occidentale, bensì un problema di dimensioni planetarie;

6.      invita la comunità internazionale ad adoperarsi al massimo per accelerare e sviluppare terapie efficaci e sicure contro l'Ebola; concorda tuttavia con l'OMS che la ricerca di tali terapie non deve distogliere l'attenzione dalla prestazione di un'assistenza clinica efficace, una prevenzione e un controllo rigorosi delle infezioni, un attento tracciamento e monitoraggio dei contatti, una comunicazione efficace dei rischi e la mobilitazione sociale, che sono tutti elementi essenziali per fermare l'epidemia;

7.      sottolinea che una risposta efficace all'Ebola richiede una governance solida, dal momento che la mancanza di fiducia che si è manifestata, ad esempio, di fronte all'incapacità del governo liberiano di gestire la crisi ha indotto la diaspora a chiedere una transizione organizzata per la sostituzione dell'attuale governo; chiede il sostegno internazionale per garantire che la Liberia continui il suo percorso verso la pace e la prosperità a lungo termine, nonché per assicurare il rispetto dello Stato di diritto e la protezione dei civili, come pure una comunicazione pubblica efficace e nuove misure di consolidamento della fiducia;

8.      si compiace al riguardo delle discussioni sul modo in cui gli sforzi delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace possano continuare a sostenere la lotta contro l'Ebola in Liberia; sottolinea che tali sforzi dovrebbero includere la garanzia della sicurezza per gli operatori e le strutture sanitarie, nonché il supporto logistico alle strutture e alle forniture sanitare;

9.      invita la Commissione a intensificare gli sforzi e a coordinare gli interventi con gli Stati Uniti e altri partner internazionali per contrastare l'epidemia del virus Ebola;

10.    si compiace del sostegno finanziario dell'UE alla missione ASEOWA di lotta contro l'Ebola istituita dall'Unione africana e sottolinea che l'UE deve appoggiare le autorità africane dei paesi colpiti nell'attuazione del meccanismo di emergenza;

11.    valuta positivamente l'impegno di un totale di 140 milioni di EUR attraverso diversi programmi UE e gli aiuti supplementari da parte degli Stati membri nel quadro del contributo dell'Unione a una risposta internazionale forte e coordinata;

12.    incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri, al ai governi e ai parlamenti dell'Unione africana e all'Organizzazione mondiale della sanità.

 

Avviso legale