Procedura : 2015/2652(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-0451/2015

Testi presentati :

B8-0451/2015

Discussioni :

Votazioni :

PV 20/05/2015 - 10.12
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2015)0209

PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 116kWORD 53k
Vedasi anche la proposta di risoluzione comune RC-B8-0451/2015
13.5.2015
PE555.229v01-00
 
B8-0451/2015

presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B8‑0117/2015

a norma dell'articolo 128, paragrafo 5, del regolamento


sull'epidemia di Xylella fastidiosa che colpisce gli ulivi (2015/2652(RSP))


Bas Belder, James Nicholson a nome del gruppo ECR

Risoluzione del Parlamento europeo sull'epidemia di Xylella fastidiosa che colpisce gli ulivi (2015/2652(RSP))  
B8‑0451/2015

Il Parlamento europeo,

–       vista la direttiva 2000/29/CE del Consiglio, dell'8 maggio 2000, concernente le misure di protezione contro l'introduzione nella Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e contro la loro diffusione nella Comunità(1),

–       vista la decisione di esecuzione della Commissione del 2015 relativa alle misure per impedire l'introduzione e la diffusione nell'Unione della Xylella fastidiosa (Wells et al.),

–       vista la decisione di esecuzione 2014/910/UE della Commissione, del 12 dicembre 2014, concernente un contributo finanziario dell'Unione per il 2014 destinato a coprire le spese sostenute da Germania, Spagna, Francia, Italia, Paesi Bassi e Austria ai fini della lotta contro gli organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali(2),

–       vista la decisione di esecuzione 2014/497/UE della Commissione, del 23 luglio 2014, relativa alle misure per impedire l'introduzione e la diffusione nell'Unione della Xylella fastidiosa (Well e Raju)(3),

–       vista la decisione di esecuzione 2014/87/UE della Commissione, del 13 febbraio 2014, relativa alle misure per impedire la diffusione nell'Unione della Xylella fastidiosa (Well e Raju)(4),

–       vista la consulenza scientifica fornita dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) il 17 aprile, il 20 marzo e il 6 gennaio 2015 e il 22 novembre 2013,

–       viste le relazioni dell'Ufficio alimentare e veterinario sui controlli effettuati nel novembre 2014 e nel febbraio 2014,

–       vista l'interrogazione alla Commissione sull'epidemia di Xylella fastidiosa che colpisce gli ulivi (O-000038/2015 – B8-0117/2015),

–       visti l'articolo 128, paragrafo 5, e l'articolo 123, paragrafo 2, del proprio regolamento,

A.     considerando che il batterio Xylella fastidiosa sta infettando gli ulivi nella regione Puglia, in Italia; che gli ulivi e i loro prodotti hanno un alto valore economico, sociale e culturale per la regione Puglia;

B.     considerando che la presenza dell'organismo specificato è stata notificata per la prima volta dalle autorità italiane alla Commissione e agli altri Stati membri il 21 ottobre 2013;

C.     considerando che l'Ufficio alimentare e veterinario ha riferito di una rapida diffusione della malattia e di una limitata applicazione di misure di eradicazione nel 2014; che la diffusione della malattia ha fatto sì che dalle da decine di migliaia di alberi infetti in Italia nel 2013 si sia passati a oltre un milione di alberi infetti, sempre in Italia, nel 2015;

D.     considerando che l'EFSA dichiara nel suo parere scientifico che l'attuale distribuzione della Xylella fastidiosa nell'UE è limitata a un unico ceppo;

E.     considerando che il ceppo di Xylella fastidiosa che infetta gli ulivi in Puglia è diverso da quello che causa una malattia della vite o degli agrumi in altre parti del mondo;

F.     considerando che le decisioni di esecuzione della Commissione comprendono rigorosi controlli mirati su talune importazioni di piante, il che è in accordo con l'approccio basato sul rischio del quadro legislativo dell'Unione;

1.      invita la Commissione a fermare la diffusione della Xylella fastidiosa negli ulivi in Puglia attraverso l'efficace attuazione di misure mirate, al fine di evitare ulteriori danni; sottolinea la necessità di continuare la ricerca, in particolare sull'epidemiologia della Xylella fastidiosa e su ulteriori misure per il controllo della malattia;

2.      sottolinea che il 28 aprile 2015 gli esperti degli Stati membri che siedono nel comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi hanno approvato le misure rinnovate proposte dalla Commissione per impedire l'ingresso e la diffusione del batterio Xylella fastidiosa nell'Unione;

3.      sollecita la Commissione a garantire che le zone delimitate siano definite e le misure di eradicazione e contenimento applicate senza ulteriore indugio, in linea con le sue decisioni di esecuzione;

4.      sottolinea che il quadro legislativo dell'Unione prevede già controlli mirati supplementari sui vegetali importati in caso di rischio aumentato, e chiede alla Commissione di continuare a garantire, per quanto riguarda le importazioni, un approccio basato sul rischio che rispetti il quadro legislativo dell'Unione;

5.      chiede alla Commissione di agire immediatamente in caso di mancato rispetto delle misure volte a impedire l'ingresso e la diffusione della Xylella fastidiosa nell'Unione;

6.      incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione nonché ai governi e ai parlamenti degli Stati membri.

 

(1)

GU L 169 del 10.7.2000, pag. 1.

(2)

GU L 359 del 16.12.2014, pag. 164.

(3)

GU L 219 del 25.7.2014, pag. 56.

(4)

GU L 45 del 15.2.2014, pag. 29.

Avviso legale