PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 134kWORD 59k
7.7.2015
PE565.734v01-00
 
B8-0776/2015

presentata a norma dell'articolo 133 del regolamento


sull'insolvibilità del debito greco


Sophie MONTEL, Dominique BILDE, Florian PHILIPPOT

Proposta di risoluzione del Parlamento europeo sull'insolvibilità del debito greco  
B8‑0776/2015

Il Parlamento europeo,

–       visto l'articolo 133 del suo regolamento,

A.     considerando che l'economia greca versa in una situazione di "peonaggio del debito";

B.     considerando che la Commissione europea, la BCE e alcuni leader nazionali si ostinano a ritenere che la Grecia sia solvibile mentre, come ha dimostrato il Fondo monetario internazionale in una pubblicazione del 2 luglio 2015, il debito del paese è insostenibile;

C.     considerando che i creditori, come è loro consuetudine, cercano di guadagnare tempo lasciando che la situazione in Grecia peggiori;

D.     considerando che le proposte formulate dai creditori prima del 30 giugno avrebbero comportato una nuova compressione della domanda interna, un deterioramento della solvibilità delle finanze pubbliche greche e un'ulteriore flessione della crescita potenziale del paese;

E.     considerando che, secondo uno studio di Natixis, l'insolvenza allenterebbe il vincolo dell'equilibrio esterno e consentirebbe un aumento della domanda interna pari al 5%; che, anche in caso di uscita dall'euro, il guadagno netto in termini di PIL sarebbe di 3 punti percentuali;

1.      chiede alla Commissione di essere fautrice di un'insolvenza sovrana della Grecia e di permetterle di reintrodurre la sua valuta nazionale, assistendola nel contempo tramite una mobilitazione dei Fondi strutturali europei.

Avviso legale