Procedura : 2015/2979(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-1362/2015

Testi presentati :

B8-1362/2015

Discussioni :

Votazioni :

PV 17/12/2015 - 9.10
CRE 17/12/2015 - 9.10
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2015)0471

PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 249kWORD 59k
Vedasi anche la proposta di risoluzione comune RC-B8-1362/2015
9.12.2015
PE573.407v01-00
 
B8-1362/2015

presentata a seguito di una dichiarazione del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sul 20° anniversario dell'accordo di pace di Dayton (2015/2979(RSP))


Charles Tannock, Ryszard Antoni Legutko, Anna Elżbieta Fotyga, Ryszard Czarnecki, Mark Demesmaeker, Ruža Tomašić, Angel Dzhambazki, Zdzisław Krasnodębski, Raffaele Fitto, Tomasz Piotr Poręba, Geoffrey Van Orden a nome del gruppo ECR

Risoluzione del Parlamento europeo sul 20° anniversario dell'accordo di pace di Dayton (2015/2979(RSP))  
B8-1362/2015

Il Parlamento europeo,

–  visto l'accordo di pace di Dayton, il relativo quadro generale e i dodici allegati,

–  viste le sue risoluzioni del 7 luglio 2005(1), del 15 gennaio 2009(2) e del 9 luglio 2015(3) su Srebrenica,

–  visto il parere della Commissione di Venezia dell'11 marzo 2005 sulla situazione costituzionale in Bosnia-Erzegovina e le competenze dell'alto rappresentante,

–  visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che l'accordo di pace di Dayton è stato firmato a Parigi il 14 dicembre 1995 e ha posto fine al più sanguinoso conflitto in Europa dopo la Seconda guerra mondiale;

B.  considerando che, pur mettendo fine alla guerra, l'accordo non è stato in grado di creare uno Stato funzionante e autosufficiente;

1.  rammenta l'importanza della firma dell'accordo di pace di Dayton, ricorda la tragedia delle vittime della guerra in Bosnia-Erzegovina ed esprime il suo sincero cordoglio alle famiglie di coloro che hanno perso la vita;

2.  constata con rammarico che, vent'anni dopo la fine del conflitto e la definizione di un accordo quadro generale contenente la descrizione dei principali aspetti della soluzione di pace e della futura configurazione del paese, i governi che si sono succeduti non sono riusciti a portare avanti in modo adeguato il programma di riforme e a costruire uno Stato pienamente funzionante e autosufficiente;

3.  invita le autorità a sfruttare il 20° anniversario dell'accordo di pace di Dayton quale incentivo per compiere le riforme necessarie, soprattutto in considerazione della pendente domanda di adesione all'UE della Bosnia-Erzegovina, che porteranno nella direzione di garantire la vera uguaglianza fra le tre nazioni costitutive;

4.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai governi degli Stati membri, al governo e al parlamento della Bosnia-Erzegovina e alle sue entità, nonché ai governi e ai parlamenti dei paesi dei Balcani occidentali.

 

(1)

GU C 157 E del 6.7.2006, pag. 468.

(2)

GU C 46 E del 24.2.2010, pag. 111.

(3)

Testi approvati, P8_TA(2015)0276.

Avviso legale