Procedura : 2016/3001(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-1310/2016

Testi presentati :

B8-1310/2016

Discussioni :

PV 01/12/2016 - 3
CRE 01/12/2016 - 3

Votazioni :

PV 01/12/2016 - 6.24
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0479

PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 267kWORD 53k
Vedasi anche la proposta di risoluzione comune RC-B8-1310/2016
28.11.2016
PE593.747v01-00
 
B8-1310/2016

presentata a seguito di una dichiarazione del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sulla situazione nella Repubblica democratica del Congo (2016/3001(RSP))


Michèle Rivasi, Maria Heubuch, Barbara Lochbihler, Bart Staes, Igor Šoltes, Josep-Maria Terricabras, Judith Sargentini a nome del gruppo Verts/ALE

Risoluzione del Parlamento europeo sulla situazione nella Repubblica democratica del Congo (2016/3001(RSP))  
B8-1310/2016

Il Parlamento europeo,

–  viste le sue precedenti risoluzioni sulla Repubblica democratica del Congo (RDC),

–  vista la risoluzione dell'Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE, del 15 giugno 2016, sulla situazione pre-elettorale e di sicurezza nella RDC,

–  visto il comunicato stampa congiunto delle Nazioni Unite, dell'Unione africana, dell'Unione europea e dell'Organizzazione internazionale della Francofonia, del 16 febbraio 2016,

–  viste le dichiarazioni del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e del suo portavoce in merito alla situazione nella Repubblica democratica del Congo,

–  viste le dichiarazioni rilasciate dalla delegazione dell'UE nella Repubblica democratica del Congo sulla situazione dei diritti umani nel paese, sul processo elettorale e sul cosiddetto dialogo nazionale,

–  viste le conclusioni del Consiglio del 17 ottobre 2016 e del 23 maggio 2016 sulla Repubblica democratica del Congo,

–  vista la dichiarazione del gruppo di inviati e rappresentanti internazionali per la regione dei Grandi Laghi in Africa, del 2 settembre 2015, sulle elezioni nella Repubblica democratica del Congo,

–  viste le dichiarazioni rilasciate il 2 novembre 2016 e il 15 agosto 2016 dagli inviati internazionali per la regione dei Grandi Laghi sulla situazione nella regione e nella RDC orientale,

–  visto il comunicato stampa congiunto del 12 febbraio 2015 diramato dal relatore speciale dell'Unione africana sui difensori dei diritti umani e dal relatore speciale dell'Unione africana sulle prigioni e le condizioni di detenzione in Africa, concernente la situazione dei diritti umani a seguito degli eventi verificatisi nel contesto della modifica della legge elettorale nella RDC,

–  vista la relazione di indagine preliminare a cura dell'Ufficio congiunto delle Nazioni Unite per i diritti umani (MONUSCO-OHCHR) sulle violazioni dei diritti umani e le violenze perpetrate durante le manifestazioni a Kinshasa tra il 19 e il 21 settembre 2016,

–  vista la dichiarazione alla stampa rilasciata il 16 febbraio 2016 dal presidente della sottocommissione per i diritti dell'uomo del Parlamento europeo in merito all'arresto di giovani attivisti nella Repubblica democratica del Congo,

–  vista la relazione dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, del 27 luglio 2015, sulla situazione dei diritti umani e le attività dell'Ufficio congiunto delle Nazioni Unite per i diritti umani nella Repubblica democratica del Congo,

–  vista la relazione del Gruppo di esperti delle Nazioni Unite sulla RDC, del 12 gennaio 2015,

–  visto l'accordo quadro per la pace, la sicurezza e la cooperazione della RDC e della regione, firmato ad Addis Abeba nel febbraio 2013,

–  viste le relazioni del Segretario generale delle Nazioni Unite del 9 marzo 2016 sulla Missione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione della RDC e sull'attuazione dell'accordo quadro per la pace, la sicurezza e la cooperazione della RDC e della regione,

–  visto l'accordo di partenariato di Cotonou, firmato il 23 giugno 2000 e rivisto il 25 giugno 2005 e il 22 giugno 2010,

–  vista la Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli del giugno 1981,

–  viste le dichiarazioni di Nairobi del dicembre 2013,

–  visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che la Costituzione della Repubblica democratica del Congo prevede lo svolgimento di elezioni nel 2016;

B.  considerando che la Costituzione stabilisce che il presidente non può restare in carica per più di due mandati; che, di conseguenza, l'attuale presidente Joseph Kabila non potrà restare in carica per un terzo mandato;

C.  considerando che il presidente Kabila ha fatto tutto il possibile per posticipare le elezioni e deve tuttora dichiarare pubblicamente l'intenzione di ritirarsi a un certo momento;

D.  considerando che il presidente Kabila ha affermato che il percorso in vista delle elezioni dovrebbe essere caratterizzato da un dialogo nazionale inclusivo; che una parte rilevante della società civile e dell'opposizione politica si è opposta a tale dialogo in quanto tattica dilatoria;

E.  considerando che il governo congolese ha riferito che le elezioni presidenziali previste nel novembre 2016 saranno posticipate fino a un massimo di quattro anni, sostenendo che il paese non è pronto per andare a votare;

F.  considerando che, secondo quanto affermato dall'Organizzazione internazionale della Francofonia, sarebbe invece possibile aggiornare le liste elettorali entro tre mesi;

G.  considerando che nella risoluzione 2277 (2016) il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha invitato la commissione elettorale nazionale della RDC, nota con l'acronimo francese CENI, a pubblicare un calendario completo rivisto per l'intero ciclo elettorale e ha chiesto al governo congolese di predisporre rapidamente un bilancio e un codice di condotta per le elezioni e di aggiornare le liste elettorali al fine di consentire lo svolgimento delle elezioni in questione nei tempi stabiliti dalla Costituzione;

H.  considerando che i partecipanti al cosiddetto dialogo nazionale hanno deciso di posticipare le elezioni almeno fino al mese di aprile 2018; che i partiti dell'opposizione e le organizzazioni della società civile si sono opposti a tale decisione, ribadendo che sarebbe possibile registrare gli elettori entro i primi mesi del 2017 e organizzare le elezioni nello stesso anno;

I.  considerando che l'Unione europea ha accettato il rinvio delle elezioni fino al 2017 a condizione che tale decisione venga presa nel quadro di un dialogo politico trasparente, imparziale e inclusivo tra le parti interessate della Repubblica democratica del Congo prima della scadenza del mandato del presidente Kabila, nel dicembre 2016;

J.  considerando che una serie di proteste nel mese di settembre contro il mantenimento del potere da parte del presidente Kabila è sfociata in una brutale repressione dei manifestanti e delle forze di opposizione; che, in base a quanto riferito dalle Nazioni Unite, a Kinshasa vi sono state 422 vittime di violazioni dei diritti umani perpetrate da agenti statali, tra cui 48 persone uccise e 143 ferite, otto giornalisti e altre 288 persone arrestati e detenuti illegalmente, e che una serie di locali appartenenti a partiti politici sono stati distrutti;

K.  considerando che già nel 2015 si è tentato di modificare la legge elettorale vincolando l'organizzazione delle elezioni allo svolgimento di un censimento nazionale, circostanza che avrebbe potuto posticipare le elezioni, ma che tale tentativo è fallito a seguito dello scoppio di proteste nella capitale Kinshasa e in altre città;

L.  considerando che, secondo le autorità congolesi, durante le proteste di gennaio 2015 sono morte 27 persone, tra cui due agenti di polizia, e che 350 persone sono state arrestate in seguito a scontri tra manifestanti, forze di polizia e soldati della guardia repubblicana;

M.  considerando che il 26 gennaio 2016 due canali televisivi nella provincia dell'Alto Katanga, Nyota Radio Télévision e Télévision Mapendo, sono stati chiusi per il presunto mancato pagamento delle imposte; che entrambi i canali sono di proprietà dell'ex governatore del Katanga, Moïse Katumbi, che sosteneva il presidente Kabila ma si è dimesso dal partito al governo nel settembre 2015 ed è ora contrario a un terzo mandato del presidente;

N.  considerando che una serie di ritardi nell'organizzazione delle elezioni ha portato a uno sciopero nazionale ("ville morte") il 16 febbraio 2016;

O.  considerando che nelle prime ore del 16 febbraio, la giornata della "ville morte", il segnale di Radio France Internationale, una delle stazioni radio più ascoltate della RDC, è stato interrotto in un evidente tentativo di fermare lo sciopero; che numerosi attivisti dell'opposizione sono stati arrestati e detenuti arbitrariamente in vista dello sciopero, tra cui un parlamentare, il quale è stato presumibilmente picchiato durante il periodo di detenzione;

P.  considerando che negli ultimi due anni la situazione dei diritti umani nella RDC è peggiorata notevolmente; che i leader e gli attivisti dell'opposizione subiscono continue vessazioni da parte delle forze di sicurezza congolesi, tra cui detenzioni arbitrarie e in isolamento, percosse, disturbo delle riunioni e processi di matrice politica;

Q.  considerando che la libertà di espressione e di riunione nel paese è stata fortemente ridotta, anche mediante l'uso eccessivo della forza nei confronti di manifestanti pacifici, giornalisti, leader politici e altri soggetti che si oppongono ai tentativi di permettere al presidente Kabila di mantenere il potere al di là del limite di due mandati previsto dalla Costituzione;

R.  considerando che la stazione radio sostenuta dall'ONU, Radio Okapi, e la radiotelevisione belga della comunità francese (RTBF) sono state temporaneamente oscurate; che Radio France Internationale (RFI) a Kinshasa è stata chiusa;

S.  considerando che, a seguito delle proteste nel mese di settembre, sono vietate tutte le manifestazioni politiche a Kinshasa, Kalemie e Lubumbashi;

T.  considerando che le Nazioni Unite e diverse organizzazioni per la difesa dei diritti umani hanno affermato che è stato commesso un gran numero di violazioni dei diritti umani da parte di funzionari di Stato e che sono stati registrati scarsi progressi nell'assicurare i responsabili alla giustizia;

1.  deplora fortemente i ritardi nell'organizzazione delle prossime elezioni presidenziali e legislative nella RDC, circostanza che rappresenta una grave violazione della Costituzione congolese;

2.  reputa che il presidente Kabila e il governo congolese siano interamente responsabili della situazione, in considerazione dei loro tentativi di ritardare le elezioni; ritiene che l'operato del presidente Kabila e del suo governo costituisca una grave minaccia per la pace e la sicurezza nella RDC;

3.  esorta il governo congolese ad affrontare senza indugio le questioni aperte concernenti la programmazione del calendario elettorale, il relativo bilancio e l'aggiornamento del registro elettorale al fine di consentire lo svolgimento di elezioni libere, eque e trasparenti entro i prossimi mesi;

4.  ricorda che la commissione elettorale nazionale indipendente dovrebbe essere un'istituzione imparziale e inclusiva, dotata di risorse sufficienti a consentire un processo completo e trasparente;

5.  invita le autorità congolesi a ratificare quanto prima la Carta africana sulla democrazia, le elezioni e il buon governo;

6.  si rammarica per il fatto che negli ultimi due anni la situazione nella RDC sia peggiorata dal punto di vista della libertà di espressione, della libertà dei media e del diritto di associazione; reputa che tale tendenza sia chiaramente collegata ai tentativi, da parte del governo, di ritardare le elezioni e prorogare il mandato del presidente;

7.  ricorda l'impegno assunto dall'RDC nel quadro dell'accordo di Cotonou per rispettare la democrazia, lo Stato di diritto e i principi in materia di diritti umani, tra cui la libertà di espressione, la libertà dei media, il buon governo e la trasparenza nelle cariche politiche; sollecita il governo congolese a rispettare tali disposizioni a norma degli articoli 11 ter, 96 e 97 dell'accordo di Cotonou;

8.  esorta le autorità congolesi a ristabilire un contesto favorevole all'esercizio libero e pacifico della libertà di espressione, di associazione e di riunione e della libertà di stampa;

9.  ritiene che si tratti di un passo estremamente importante per garantire che, nel caso in cui abbiano definitivamente luogo, le elezioni programmate siano libere ed eque;

10.  esorta le autorità congolesi a revocare il divieto, imposto nel settembre 2016, di organizzare manifestazioni pacifiche a Kinshasa, Kalemie e Lubumbashi;

11.  chiede di riaprire immediatamente Radio France Internationale (RFI) a Kinshasa e di cessare di oscurare i segnali radio dei media indipendenti;

12.  invita il governo congolese a revocare immediatamente l'ordinanza ministeriale n. No 010 CAB/M-CM/LMO/010/2016, del 12 novembre 2016, sulla regolamentazione dell'esercizio di attività di trasmissioni radiotelevisive da parte di entità estere, dal momento che impone restrizioni indebite sul diritto all'informazione previsto all'articolo 24 della Costituzione della Repubblica democratica del Congo;

13.  invita le autorità congolesi a garantire l'indipendenza e la responsabilità dei servizi di sicurezza congolesi, ivi comprese l'agenzia nazionale di intelligence e la polizia; chiede all'UE, in tale contesto, di utilizzare tutti i suoi programmi nel campo della giustizia e della sicurezza in corso nella RDC per promuovere un dialogo con le autorità congolesi sull'attuale repressione da parte delle forze di sicurezza, nonché di valutare la possibilità di sospendere tali programmi qualora non venga compiuto alcun progresso;

14.  invita le autorità congolesi a indagare, perseguire e sanzionare adeguatamente gli operatori delle forze di sicurezza e di intelligence e le altre persone responsabili della violenta e illecita repressione nei confronti di attivisti, leader dell'opposizione e altri soggetti che si sono opposti al tentativo del presidente Kabila di restare più a lungo al potere;

15.  chiede la liberazione immediata e incondizionata di tutte le persone incarcerate per motivi politici, in particolare Jean-Claude Muyambo, Norbert Luyeye, Nsiala Bukaka, Paul Yoka, Nathan Lusela, Totoro Mukenge, Yannick Kibinga, Franck Mwashila, Sefu Idi, Gédeon Butandu, Fiston Malanga, Aaron Ngwashi, Augustin Kabamba, Bruno Vumbi, Ndol Tshamundj, Gabriel Tambwe, Philippe Namputu, Lwembe Munika, Mukonde Kapenda, Moïse Moni Della, Bruno Tshibala, Huit Mulongo, Ngongo Kasongo, Glody Ntambwe, Faustin Dunia e Jacques Muhindo, e chiede che tutte le accuse a loro carico siano ritirate;

16.  si rammarica vivamente per la condanna di Rebecca Kavugho, Serge Sivya, Justin Kambale, John Anipenda, Ghislain Muhiwa e Melka Kamundu, i quali non hanno fatto altro che esercitare pacificamente il diritto di espressione loro garantito;

17.  deplora l'approccio alquanto indulgente nei confronti della crisi nella RDC adottato dall'UE, dal Segretario generale dell'ONU e dall'Unione africana, i quali hanno espresso sostegno al cosiddetto dialogo nazionale, uno strumento finalizzato unicamente a posticipare le elezioni previste dalla Costituzione; si rammarica parimenti del fatto che, nonostante l'ampia opera di repressione nei confronti di leader e attivisti dell'opposizione così come dei media indipendenti, l'Unione non abbia ancora avviato le consultazioni di cui all'articolo 96 dell'accordo di Cotonou;

18.  chiede all'UE di comunicare in maniera chiara e inequivocabile che l'eventualità che il presidente Kabila resti al potere oltre il 2016 sarà considerata una grave violazione della Costituzione congolese nonché una minaccia per le relazioni tra l'UE e la RDC;

19.  invita l'UE a imporre senza indugio sanzioni mirate nei confronti dei responsabili della repressione, tra cui il divieto di viaggiare e il congelamento dei beni, al fine di evitare ulteriori violenze; rammenta che gli Stati Uniti hanno già fatto ricorso a simili misure;

20.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, al Servizio europeo per l'azione esterna, all'Unione africana, al Consiglio dei ministri ACP-UE, all'Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE, al Segretario generale delle Nazioni Unite e al governo e al parlamento della Repubblica democratica del Congo.

Avviso legale