PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 156kWORD 47k
12.1.2018
PE614.365v01-00
 
B8-0063/2018

presentata a norma dell'articolo 133 del regolamento


sulla "diplomazia del panda" e il controllo dei prestiti di panda tra la Cina e i giardini zoologici dell'Unione europea


Dominique Bilde

Proposta di risoluzione del Parlamento europeo sulla "diplomazia del panda" e il controllo dei prestiti di panda tra la Cina e i giardini zoologici dell'Unione europea  
B8-0063/2018

Il Parlamento europeo,

–   visto l'articolo 13 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio, del 9 dicembre 1996, relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio(1),

–  visto l'articolo 133 del suo regolamento,

A.  considerando che i prestiti di panda per importi di circa 700 000 EUR sono generalmente deficitari, ad esempio per un importo di 33 milioni di dollari in più giardini zoologici degli Stati Uniti (2000-2003), e che l'obbligo di destinare il 70 % dei fondi alla ricerca non sarebbe stato rispettato dalla Cina, con probabili casi di appropriazione indebita, stando al Financial Times del 3 novembre 2017;

B.  considerando che questi prestiti implicano la restituzione dei panda, mentre le condizioni dei "centri di ricerca" cinesi sono criticate (cfr. Henry Nicholls, Kati Loeffler) e un video del 12 luglio 2017 rivela maltrattamenti;

C.  considerando che alcuni scienziati denunciano la conservazione di più di 510 panda in tali centri, il censimento della popolazione selvatica (1 864 esemplari nel 2015) e le pressioni esercitate dalla Cina contro la riqualificazione del panda come specie vulnerabile (2016);

1.  incoraggia la Commissione e gli Stati membri a:

a) rafforzare il controllo di detti prestiti, in particolare per quanto riguarda la trasparenza e l'equilibrio finanziario;

b) promuovere i programmi di conservazione equilibrati per reintegrare gli animali nel loro ambiente naturale.

(1)

GU L 61 del 3.3.1997, pag. 1.

Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2018Avviso legale