Procedura : 2019/2574(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-0131/2019

Testi presentati :

B8-0131/2019

Discussioni :

PV 13/02/2019 - 20
CRE 13/02/2019 - 20

Votazioni :

PV 14/02/2019 - 10.16

Testi approvati :


PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 141kWORD 52k
12.2.2019
PE635.356v01-00
 
B8-0131/2019

presentata a seguito di una dichiarazione del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sul futuro del trattato INF e le ripercussioni per l'Unione europea (2019/2574(RSP))


Helmut Scholz, Merja Kyllönen, Takis Hadjigeorgiou, Tania González Peñas, Rina Ronja Kari, Marisa Matias, Kateřina Konečná, Paloma López Bermejo, Eleonora Forenza, Dimitrios Papadimoulis, Stelios Kouloglou, Sabine Lösing, Luke Ming Flanagan a nome del gruppo GUE/NGL

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro del trattato INF e le ripercussioni per l'Unione europea (2019/2574(RSP))  
B8-0131/2019

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua risoluzione del 27 ottobre 2016 sulla sicurezza nucleare e la non proliferazione(1),

–  visto l'articolo VI del trattato di non proliferazione nucleare (TNP) che obbliga gli Stati in possesso di armi nucleari a perseguire in buona fede negoziati relativi al disarmo nucleare,

–  vista l'agenda delle Nazioni Unite per il disarmo,

–  visto l'obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite n. 16 che punta alla promozione di società pacifiche e inclusive per lo sviluppo sostenibile,

–  visto il trattato sulle forze nucleari a medio raggio (in appresso il "trattato INF"), dell'8 dicembre 1987, tra gli Stati Uniti d'America e l'Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS),

–  vista la dichiarazione del 2 febbraio 2019 del Segretario di Stato statunitense sull'intenzione degli Stati Uniti di recedere dal trattato INF(2),

–  viste le relative dichiarazioni delle organizzazioni della società civile, in particolare quella del 1º febbraio 2019 della campagna internazionale per l'abolizione delle armi nucleari (ICAN), vincitrice del premio Nobel per la pace nel 2017, dal titolo "US withdrawal from INF Treaty puts Europe (and the world) at risk" (L'uscita degli Stati Uniti dal trattato INF mette a rischio l'Europa (e il mondo))(3),

–  visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che il trattato INF è fondamentale per la sicurezza europea; che esso ha imposto a entrambe le parti di distruggere le loro scorte di missili balistici e da crociera nucleari e convenzionali lanciati da terra con una gittata compresa tra 500 e 5 500 km, vietando loro di possedere, produrre e collaudare missili del genere; che esso ha permesso la distruzione di quasi 2 700 missili a corto e medio raggio;

B.  considerando che il trattato INF ha contribuito alla costruzione e al rafforzamento della stabilità nell'era della guerra fredda, riducendo notevolmente il numero di missili in Europa e rendendo l'Europa il principale beneficiario del successo del trattato INF;

C.  considerando che sia gli Stati Uniti che la Russia hanno asserito che l'altra parte ha violato il trattato INF; che entrambe le parti non hanno fatto ricorso al dialogo diplomatico per risolvere le loro reciproche preoccupazioni; che la commissione speciale di verifica istituita ai sensi del trattato per affrontare, tra l'altro, le questioni di conformità non è stata convocata; che la Russia ha recentemente invitato esperti statunitensi a esaminare e a discutere le eventuali violazioni;

D.  considerando che gli Stati Uniti si sono ritirati dal trattato sui missili anti-balistici nel giugno 2002; che nuovi sistemi di difesa che comportano missili balistici sono stati dispiegati nell'Europa orientale;

E.  considerando che il 20 ottobre 2018 il Presidente Trump ha annunciato che gli Stati Uniti si sarebbero ritirati dal trattato in seguito all'inosservanza della Russia e alla mancata partecipazione della Cina; che la Russia, pur affermando il proprio interesse a preservare il trattato, ha anche annunciato l'intenzione di sospendere la sua partecipazione;

F.  considerando che l'annuncio dell'intenzione degli Stati Uniti di recedere dal trattato INF rimette altresì in discussione la possibilità di una possibile cooperazione tra gli Stati Uniti e la Russia nel rinnovo del nuovo trattato per la riduzione delle armi strategiche (in appresso il "nuovo trattato START") in vista della sua scadenza nel 2021; che il mancato rinnovo del nuovo trattato START arrecherebbe grave pregiudizio al regime di controllo internazionale degli armamenti che ha permesso decenni di stabilità nel settore delle armi nucleari;

G.  considerando che il trattato INF è uno dei pilastri per il mantenimento della stabilità strategica globale, per la pace nel mondo e per la sicurezza regionale; che il mantenimento del trattato contribuirebbe agli sforzi volti a preservare altri accordi esistenti in materia di controllo degli armamenti e disarmo, compreso il nuovo trattato START, nonché a creare condizioni più favorevoli per i negoziati in materia di limitazioni degli armamenti, disarmo e non proliferazione;

H.  considerando che l'Europa e il mondo sono dinanzi a un bivio con la possibilità di scegliere tra il mantenimento del sistema di controllo e disarmo degli armamenti nucleari o far fronte a una nuova corsa agli armamenti;

1.  esprime profonda preoccupazione per l'intenzione degli Stati Uniti di recedere dal trattato INF e di sospendere gli obblighi a norma del medesimo; ricorda che ciò comporterà un rischio grave per la sicurezza e la pace in Europa e nel mondo, farà crescere la competizione militare e porterà a un deterioramento delle relazioni tra gli Stati detentori di armi nucleari;

2.  invita gli Stati Uniti e la Russia a rinnovare gli sforzi per risolvere i problemi di conformità utilizzando il meccanismo di verifica previsto dal trattato e attraverso negoziati; chiede con urgenza a entrambe le parti di preservare e rafforzare il trattato INF attraverso una piena e rigorosa osservanza;

3.  invita la Russia e gli Stati Uniti a riprendere il dialogo costruttivo con l'obiettivo di ridurre le tensioni e rafforzare la sicurezza e la stabilità internazionali nonché i progressi nella riduzione delle armi nucleari; invita entrambe le parti a sviluppare ulteriori misure di cooperazione per aumentare la fiducia reciproca e ridurre la possibilità di interpretazioni erronee o incomprensioni;

4.  sottolinea che il futuro incerto del trattato INF non dovrebbe mettere a repentaglio altri accordi in materia di controllo degli armamenti; esorta, in particolare, gli Stati Uniti e la Russia a rinnovare il nuovo trattato START prima della sua scadenza nel 2021;

5.  esprime profonda preoccupazione per il fatto che con l'abbandono del trattato INF l'Europa diventerebbe un potenziale teatro dello scontro nucleare tra la Russia e gli Stati Uniti; respinge fermamente qualsiasi concetto strategico che segua la logica della deterrenza, concetto che nel secolo scorso ha portato il mondo sull'orlo del conflitto nucleare;

6.  invita l'UE e i suoi Stati membri a svolgere un ruolo di mediazione e facilitare un dialogo orientato ai risultati sulla stabilità regionale e globale, il disarmo nucleare e la non proliferazione; invita l'UE ad avviare negoziati al fine di costruire un ordine europeo di pace che assicuri la sicurezza di tutti, compresi gli Stati del vicinato comune dell'UE e della Russia, la ricerca del disarmo, il rafforzamento della democrazia e dello Stato di diritto, la garanzia di tutti i diritti umani, l'agevolazione dei contatti a livello di società civile e la promozione del commercio e della cooperazione economica; ritiene che l'OSCE possa costituire la sede appropriata per avviare tale discussione;

7.  esprime profonda preoccupazione per il rischio di una ripresa della corsa al riarmo nucleare in Europa; respinge con fermezza qualsiasi piano per il dispiegamento di nuove armi nucleari in Europa e chiede l'immediato ritiro delle armi nucleari statunitensi presenti in Germania, Italia, Belgio e Paesi Bassi; si oppone fermamente all'attuale rafforzamento militare in Europa e chiede che si ponga fine a questa nuova corsa agli armamenti;

8.  invita l'UE e i suoi Stati membri a fare del disarmo nucleare una priorità a livello di politica estera e di sicurezza; esorta gli Stati membri a firmare e ratificare il trattato delle Nazioni Unite sull'interdizione delle armi nucleari,

9.  deplora che gli Stati in possesso di armi nucleari continuino ad ammodernare i loro arsenali, rinviino le azioni per ridurli o eliminarli e aderiscano a una dottrina militare di deterrenza nucleare; invita gli Stati in possesso di armi nucleari a cessare immediatamente il miglioramento qualitativo, lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio di testate nucleari e i relativi vettori ed esprime preoccupazione per il fatto che tale sviluppo mette a repentaglio il TNP;

10.  invita urgentemente tutti gli Stati in possesso di armi nucleari ad avviare negoziati bilaterali e multilaterali sul disarmo nucleare;

11.  ricorda che la costruzione di un mondo senza armi di distruzione di massa è l'unico modo sicuro per evitare il più grande potenziale disastro provocato dall'uomo; ribadisce il suo pieno impegno al mantenimento di regimi internazionali efficaci di controllo degli armamenti, disarmo e non proliferazione intesi come pilastro della sicurezza euroatlantica e globale; sottolinea il suo pieno sostegno ai processi delle Nazioni Unite, ai lavori dell'UNODA e all'agenda per il disarmo avviata dal Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres; ricorda il suo impegno a perseguire politiche volte a portare avanti la riduzione e l'eliminazione di tutti gli arsenali nucleari e a realizzare un mondo senza armi nucleari;

12.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al Servizio europeo per l'azione esterna, agli Stati membri e alle Nazioni Unite.

 

(1)

GU C 215 del 19.6.2018, pag. 202.

(2)

https://www.state.gov/secretary/remarks/2019/02/288722.htm

(3)

http://www.icanw.org/campaign-news/us-withdrawal-inf-treaty-threatens-europe/

Ultimo aggiornamento: 13 febbraio 2019Avviso legale