Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 11 febbraio 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Adesione del Gabon alla convenzione dell'Aia del 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori (A8-0007/2015 - Heidi Hautala)
MPphoto
 
 

  Salvatore Domenico Pogliese (PPE), per iscritto. — La Convenzione dell'Aia del 1980 è uno strumento di massima importanza perché permette che gli Stati contraenti cooperino al fine di trovare una soluzione nei casi di sottrazione internazionale di minori. L'Unione europea ha competenza esterna esclusiva in quest'ambito, ciò vuol dire che gli Stati membri non possono agire per proprio conto. Però la Convenzione non stabilisce l'azione autonoma di organizzazioni internazionali ed è per questa ragione che gli Stati membri dell'Unione devono accettare, ciascuno per il proprio territorio, che paesi terzi, in questo caso il Gabon, aderiscano alla Convenzione, affinché ci possa essere la piena vigenza della Convenzione nei casi fra l'UE e un paese terzo. Mi felicito pertanto che il Gabon entri a far parte della Convenzione perché, grazie a quest'adesione, i minori del popolo gabonese potranno trovare una maggiore protezione contro le sottrazioni di cui possono essere vittime.

 
Avviso legale