Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 16 dicembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Rinnovo del mandato del presidente dell'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) (A8-0346/2015 - Roberto Gualtieri)
MPphoto
 
 

  Ignazio Corrao (EFDD), per iscritto. ‒ Alla fine del 2010 è stato creato un sistema di vigilanza microprudenziale a livello europeo, composto dall'Autorità bancaria europea (EBA, con sede a Londra), dall'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA, con sede a Parigi) e dall'Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA, con sede a Francoforte).

Nel 2011 sono stati nominati i presidenti delle tre Authority, per un mandato di 5 anni rinnovabile una sola volta. I rispettivi consigli delle autorità di vigilanza hanno proposto di rinnovare il mandato sia ad Andrea Enria (EBA), che a Gabriel Bernardino (EIOPA) ed anche a Steven Maijoor (ESMA).

La commissione ECON del Parlamento europeo ha solamente svolto un'audizione dei candidati, e successivamente ha votato la scorsa settimana il rinnovo del mandato per tutti e tre ad ampissima maggioranza. Noi abbiamo votato contro, in primo luogo per un metodo di rinnovo quasi automatico e privo di vere motivazioni; inoltre il ruolo e il valore di queste Autorità si è dimostrato sino ad oggi piuttosto marginale, e quindi proseguire nel solco di 5 anni poco soddisfacenti non appare sicuramente la decisione migliore che si potesse prendere.

Quindi anche oggi il mio voto è negativo.

 
Avviso legale