Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 6 luglio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Progetto di bilancio rettificativo n. 2/16: eccedenza dell'esercizio 2015 (A8-0212/2016 - José Manuel Fernandes)
MPphoto
 
 

  Renato Soru (NI), per iscritto. ‒ Il progetto di bilancio rettificativo approvato oggi in plenaria prevede l'introduzione nel bilancio 2016 dell'Unione del saldo positivo derivante dall'attuazione dell'esercizio finanziario 2015. Si tratta di un importo di 1,3 miliardi di euro che dovrebbe essere restituito agli Stati membri sotto forma di riduzione dei contributi nazionali al bilancio UE. Il testo chiede agli Stati membri di utilizzare queste risorse per rispettare gli impegni assunti nel quadro della crisi migratoria, contribuendo ai due fondi fiduciari istituiti per affrontare l'emergenza rifugiati. Ad oggi, infatti, solo € 82 milioni sono stati versati dagli Stati al Fondo fiduciario Africa e € 69 milioni al fondo fiduciario sulla crisi siriana, mentre i contributi dell'Unione sono pari a rispettivamente € 1,8 miliardi di euro e più di € 500 milioni. Poiché l'impegno assunto dai singoli Stati membri era quello di uguagliare il contributo dell'UE, siamo ancora lontani da quanto promesso per fornire risorse finanziarie alla gestione dei progetti previsti dai due fondi. Per tali ragioni, ho espresso il mio voto favorevole.

 
Avviso legale