Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 25 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Quadro giuridico dell'Unione relativo alle infrazioni e alle sanzioni doganali (A8-0239/2016 - Kaja Kallas)
MPphoto
 

  Michela Giuffrida (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io ho votato a favore di questa relazione perché l'Unione doganale è un grande vantaggio per l'Unione europea ed è uno strumento necessario per il mercato unico. È un ulteriore passo avanti, ma molto deve essere ancora fatto. Le dogane sono le porte della nostra Unione. Purtroppo, l'impressione è che, però, non siano abbastanza controllate. La politica commerciale europea è molto controversa. I regimi dazi agevolati o addirittura a dazio zero concessi ad alcune merci di paesi terzi rischiano di provocare gravi danni al mercato europeo se alle dogane non verranno controllati con rigore e fatti rispettare i limiti già molto permissivi. È una mia battaglia di qualche mese fa a far conoscere i dati precisi dei quantitativi, ad esempio, di pomodori marocchini entrati in Europa dalla Spagna. È stata una guerra dei numeri tra la Commissione, le associazioni sindacali, i governi, i produttori, eppure le dogane dovrebbero registrare tutto. È giusto cercare di unificare le sanzioni in caso di infrazioni, ma prima di questo bisogna intensificare i controlli e produrre dei dati certi.

 
Avviso legale