Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 25 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Quadro giuridico dell'Unione relativo alle infrazioni e alle sanzioni doganali (A8-0239/2016 - Kaja Kallas)
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. – Le misure contenute nella proposta mirano ad armonizzare le regole sulle infrazioni e le sanzioni dogali. Attualmente le norme sono applicate in egual modo in tutta l'UE, ma non sono ancora state previste delle norme volte a regolamentare le infrazioni e le sanzioni, generando uno stato di incertezza per le imprese. Si ritiene, pertanto, necessaria la convergenza tra i sistemi sanzionatori, per consentire all'UE di rispettare gli obblighi esterni ad essa incombenti in virtù dell'accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT). In quest'ottica si inserisce la proposta della Commissione la quale mira a generare un approccio comune in questa direzione. Durante il negoziato interno al Parlamento abbiamo assistito a diversi dibattiti sulla formulazione di questa proposta, ma sostengo il testo finale posto al voto. Ritengo, infatti, che al fine di garantire che le sanzioni siano efficaci, proporzionate e dissuasive, sia importante lasciare alle autorità doganali un margine sufficiente per valutare le circostanze del caso.

 
Avviso legale