Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 1 dicembre 2016 - Bruxelles Edizione rivista

Accordo di partenariato economico interinale CE-Ghana (A8-0328/2016 - Christofer Fjellner)
MPphoto
 
 

  Renata Briano (S&D), per iscritto. ‒ Il Ghana ha effettuato la ratifica dell'accordo di partenariato economico interinale con l'Unione europea, che assicura un accesso esente da dazi al mercato dell'UE fino alla realizzazione di un'APE globale concluso a livello regionale. Ghana e UE sono partner in diversi ambiti, compresa la promozione dell'integrazione economica regionale e degli investimenti.

L'UE è diventata una meta privilegiata delle esportazioni del Ghana, dimostrando una crescente diversificazione e creazione di valore aggiunto nel paese. Da un lato si cerca di attuare l'APE regionale globale, dall'altro l'APE interinale Ghana-UE rimane una soluzione temporanea conforme alle norme dell'OMC. Non appena l'APE regionale globale entrerà in vigore, sostituirà l'APE interinale.

Anche se tale accordo, risalente al 2007, non rispecchia pienamente la realtà del 2016; garantisce al Ghana, un paese a reddito medio-basso, un'offerta di accesso totale al mercato basata su un rapporto contrattuale a lungo termine, che garantirà la stabilità necessaria per i nuovi investimenti e per la creazione di occupazione. La necessità di dare nuovo slancio all'APEI è derivata dal rallentamento delle fasi finali dell'APE regionale. L'APEI consentirà agli esportatori ghanesi di preservare le preferenze di esenzione dai dazi sul mercato europeo.

 
Avviso legale