Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 16 maggio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

Far funzionare la procedura di ricollocazione (discussione)
MPphoto
 

  Salvatore Domenico Pogliese (PPE). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, sul tema dell'immigrazione il Parlamento, la Commissione e il Consiglio, e l'Europa nel suo complesso, si giocano una grande fetta di credibilità.

Il Parlamento aveva auspicato, in attesa della modifica di Dublino 3 che finalmente da qui a breve si concretizzerà, che si applicasse un principio solidaristico fra tutti gli Stati membri, non lasciando sole l'Italia e la Grecia nell'affrontare un flusso migratorio che non ha precedenti nella storia del nostro continente. Avevamo accolto con grande entusiasmo il piano dei ricollocamenti, ma oggi è davvero imbarazzante commentare questi dati: 18 000 ricollocamenti effettuati, l'11 per cento del progetto che era stato avanzato dalla Commissione, dal Consiglio e dal Parlamento.

È stato chiesto all'Italia di fare uno sforzo aggiuntivo sul tema delle identificazioni, e ciò è stato puntualmente fatto. È stato chiesto all'Italia di creare nuovi hotspot, e questo è stato puntualmente fatto, ma commentare oggi i 5 413 ricollocamenti dall'Italia credo che sia un dato davvero imbarazzante.

Tutto ciò non può essere consentito, gli Stati membri devono rispettare gli impegni assunti e, se ciò non dovesse accadere, bisogna avviare le procedure di infrazione e bisogna trovare, Commissario, anche misure estensive per arrivare ai 160 000 ricollocamenti entro il 26 settembre 2017.

 
Avviso legale