Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 17 maggio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

Accordo tra l'Unione europea, l'Islanda, il Principato del Liechtenstein e il Regno di Norvegia su un meccanismo finanziario del SEE per il 2014-2021 - Aumento dei dazi norvegesi sui prodotti agricoli / recenti negoziati sul protocollo relativo al commercio ittico
MPphoto
 

  David Borrelli, relatore. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, penso che la posizione del Parlamento questa sera sia uscita piuttosto chiara. Se dazi non sono previsti, dazi non ci devono essere, non si può lavorare sulle compensazioni, devono sparire i dazi, quindi mi auguro che le promesse che abbiamo sentito qui dal Commissario diventino presto fatti.

Da parte mia aggiungo più che altro una speranza, ovvero che la vicinanza geografica, le affinità di valori e principi e la già buona cooperazione economica con i paesi dell'EFTA sono già una realtà e una solida base, sicuramente, per futuri sviluppi. Futuri ambiti di riflessione tra noi e i paesi dell'EFTA non mancano e spaziano dalla politica artica all'impatto della Brexit, dal futuro dell'area Schengen ai futuri accordi in materia agricola e ittica, quindi sono sicuro che un'attitudine positiva da entrambe le parti possa portare benefici comuni a tutti i nostri cittadini.

 
Avviso legale