Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 5 luglio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

Presentazione del programma di attività della Presidenza estone (discussione)
MPphoto
 

  Matteo Salvini, a nome del gruppo ENF. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, buon lavoro. Al di là del voto elettronico, io penso che le emergenze in Europa siano due: lavoro e sicurezza, caro Presidente.

Tema disoccupazione: ci sono venti milioni di cittadini europei disoccupati, di cui quattro milioni di giovani. Quindi io prego la Commissione e la Presidenza di smetterla di fare regali alle multinazionali; di non sottoscrivere più accordi suicidi come quelli con il Canada del CETA, contro cui stanno manifestando in questo momento gli agricoltori italiani: 300 000 aziende agricole che producono grano a rischio; di smetterla di approvare direttive folli come quella sulle banche e come la direttiva Bolkestein; di smetterla di regalare a dazio zero lo sbarco di migliaia di tonnellate di olio tunisino, pomodori marocchini, riso cambogiano o thailandese sulle nostre tavole, con la salute dei nostri figli che ne paga le conseguenze; di rimuovere le sanzioni contro la Russia, che deve essere un partner commerciale e non un nemico, e che non si appresta a invadere niente e nessuno; e di difendere i confini.

Io capisco che l'Estonia non abbia questo gran problema perché ospita al massimo 150 immigrati. L'Italia sta diventando un enorme campo profughi. In questo palazzo, qualcuno disse: "Viva Macron, viva la Francia!", e adesso Macron chiude i porti alle navi straniere. Qualcuno disse: "Viva l'Austria che ha fermato i populisti!", e l'Austria mette l'esercito e i blindati ai confini con l'Italia. La smettiamo di farci invadere? Cinquecento milioni di cittadini europei vi pagano per dare loro lavoro e sicurezza, non per fare regali agli scafisti e ai banchieri. Buon lavoro.

 
Avviso legale