Indiċi 
 Preċedenti 
 Li jmiss 
 Test sħiħ 
Proċedura : 2016/0383(NLE)
Ċiklu ta' ħajja waqt sessjoni
Ċiklu relatat mad-dokument : A8-0257/2017

Testi mressqa :

A8-0257/2017

Dibattiti :

PV 13/09/2017 - 22
CRE 13/09/2017 - 22

Votazzjonijiet :

PV 14/09/2017 - 8.6
Spjegazzjoni tal-votazzjoni

Testi adottati :

P8_TA(2017)0352

Dibattiti
Il-Ħamis, 14 ta' Settembru 2017 - Strasburgu Edizzjoni riveduta

9.2. Ftehim UE-Ċilì dwar il-kummerċ ta' prodotti organiċi (A8-0257/2017 - Inmaculada Rodríguez-Piñero Fernández)
Vidjow tat-taħditiet
 

Explicații orale privind votul

 
  
MPphoto
 

  Tiziana Beghin (EFDD). – Signor Presidente, chi accusa il Movimento 5 Stelle di dire sempre di no o è sordo o è in malafede. Quando si rispettano le regole e i cittadini, il Movimento 5 Stelle c'è sempre, e lo abbiamo dimostrato con il nostro "sì" al trattato per il commercio di prodotti biologici con il Cile. Al contrario di CETA e TTIP, è un accordo onesto, che permette ai nostri prodotti di qualità di entrare in un nuovo mercato in crescita e ai nostri cittadini di contare su prodotti sicuri e certificati.

L'Italia è leader nel settore del biologico con 1,3 milioni di ettari di superficie coltivata, 55 000 operatori e un fatturato di oltre quattro miliardi di euro. Vogliamo far crescere ancora questo settore e suggerire di ampliare questo tipo di accordi ad altri paesi. Questa è la visione del commercio secondo il Movimento 5 Stelle e a questo tipo di accordi noi diciamo un forte "sì".

 
Avviż legali