Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 16 gennaio 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell'intermediazione, dell'assistenza tecnica e del transito di prodotti a duplice uso (discussione)
MPphoto
 

  Nicola Caputo (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, negli ultimi anni stiamo registrando una sempre maggiore fragilità dell'ordine internazionale. I valori che accomunano gli Stati membri dell'Unione europea – democrazia, libertà e Stato di diritto – sono a rischio in molti paesi con cui siamo interconnessi, economicamente e politicamente, e i mutamenti tecnologici influiscono non solo sul modo di vivere dei cittadini ma anche sulle minacce a cui è esposta la nostra società.

In tale contesto l'Unione europea, in quanto blocco commerciale più potente al mondo, non può tirarsi indietro dallo svolgere un ruolo guida a livello globale in difesa dei nostri valori. Questo Parlamento più di una volta ha chiesto l'adozione di misure che vietino l'esportazione di tecnologia di sorveglianza in paesi con regimi autoritari e che violano i diritti umani.

La proposta in discussione sui prodotti a duplice uso ha il merito di dotare l'Unione europea non solo di uno strumento supplementare per tutelare i diritti umani a livello globale ma anche di un meccanismo efficace per il controllo delle esportazioni per difendere il commercio libero ed equo.

 
Ultimo aggiornamento: 15 maggio 2019Avviso legale