Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 15 marzo 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Ubicazione della sede dell'Agenzia europea per i medicinali (A8-0063/2018 - Giovanni La Via) (votazione)
MPphoto
 

  Giovanni La Via, relatore. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, il Parlamento europeo non può essere chiamato ad apporre timbri su decisioni altrui, tra l'altro prese informalmente a margine di incontri ministeriali senza una base giuridica legalmente vincolante, e per di più attraverso un sorteggio.

Per questi motivi, insieme ai colleghi di tutti i gruppi politici, che ringrazio per la collaborazione, abbiamo deciso di ricordare le prerogative di colegislatore del Parlamento europeo e insistere sul pieno rispetto della procedura legislativa ordinaria in relazione all'ubicazione degli organismi e delle agenzie europee.

Infatti, in quanto unica istituzione direttamente eletta che rappresenta i cittadini dell'Unione, il Parlamento è il primo garante del rispetto del principio democratico, e intendiamo far nostro questo principio con il voto di oggi, in cui diciamo sì alla sede individuata, ma un sì condizionato al rispetto delle regole e dei tempi necessari a garantire la piena operatività dell'agenzia.

Questa, però, per quanto ci riguarda, sarà l'ultima volta. Aspettiamo un confronto in sede negoziale per ribadire il ruolo che il Parlamento europeo merita e che si vede riconosciuto dai trattati.

 
Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2018Avviso legale