Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 16 aprile 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Emballages et déchets d'emballages - Véhicules hors d'usage, déchets de piles et d'accumulateurs et déchets d'équipements électriques et électroniques - Déchets - Mise en décharge des déchets - Règles de procédure en matière de rapports sur l'environnement (débat)
MPphoto
 

  Giovanni La Via (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio la relatrice per l'impegnativo lavoro svolto e i risultati ottenuti. Un negoziato sicuramente lungo e tecnico, che con il voto di mercoledì ci consentirà di dimostrare la nostra volontà di trasformare l'economia europea, attraverso l'individuazione di strumenti capaci di creare un nuovo modello di sviluppo e un sistema industriale e produttivo sicuramente più sostenibile.

L'accordo prevede obiettivi vincolanti in materia di riduzione dei rifiuti e di riciclo, per rifiuti urbani collocati in discarica, e rafforzerà la nostra gerarchia dei rifiuti collocando la prevenzione, il riutilizzo e il riciclaggio al di sopra dei conferimenti in discarica e dell'incenerimento. Tutte disposizioni importanti che dovranno essere recepite dagli Stati membri, per garantire una vera e propria trasformazione alla nostra economia, da modello usa-e-getta a un paradigma circolare.

Un riferimento va infine al food waste, perché abbiamo insistito fortemente per una riduzione del 50 % degli sprechi alimentari: una battaglia in cui ho creduto sin dall'inizio perché non possiamo e non dobbiamo dimenticare i più deboli e i più bisognosi.

 
Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2018Avviso legale