Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 17 aprile 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Progressi relativi al patto globale dell'ONU per una migrazione sicura, ordinata e regolare e al patto globale dell'ONU sui rifugiati (discussione)
MPphoto
 

  Alessandra Mussolini (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io ricordo il presidente Juncker dichiarare, all'inizio di questa legislatura, quando l'Italia subiva una fortissima pressione migratoria, che "il fenomeno migratorio e queste vicende drammatiche non possono essere un problema italiano, ma è un problema europeo". Qui si va oltre: diventa un problema da affrontare a livello internazionale; ecco perché noi dobbiamo sostenere questi patti.

Certo è che, va detto, gli Stati Uniti si sono defilati e va detto che in questo momento noi stiamo assistendo a un aumento della pressione migratoria da parte di minori, di bambini, di donne, che subiscono violenze inenarrabili, che non sono scolarizzati nei loro paesi di origine e non lo sono neanche quando vengono in Europa.

Allora, quello che manca all'interno di queste risoluzioni è implementare la politica estera dell'Unione europea, implementare la politica della difesa europea, anche perché c'è stato un aumento della conflittualità – il bombardamento in Siria – e l'Unione europea l'ha saputo dopo, come se fosse stata una trasmissione in differita e questo è molto grave. Deve andare di pari passo.

 
Ultimo aggiornamento: 30 luglio 2018Avviso legale