Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 18 aprile 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Prevenzione dell'uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo (discussione)
MPphoto
 

  Elly Schlein, relatrice per parere della commissione per lo sviluppo. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, la modifica della direttiva antiriciclaggio presenta passi molto significativi per combattere meglio il riciclaggio di denaro. Questo Parlamento si è speso molto, con discreto successo, per approvare una revisione che ottenga più trasparenza finanziaria e sia efficace nella lotta contro l'evasione e l'elusione fiscale.

Ora, i registri pubblici riveleranno i veri proprietari delle società di comodo e permetteranno a giornalisti e cittadini di scoprire più facilmente casi di elusione, corruzione e altri traffici. Purtroppo, rimane ancora una pericolosa scappatoia: non siamo riusciti, nel negoziato con il Consiglio, a ottenere un accesso pubblico incondizionato alle informazioni sui beneficiari finali di trust e simili istituti.

I Panama Paper e i Paradise Paper hanno rivelato chiaramente come le strutture create per assomigliare ai trust di famiglia siano state utilizzate per nascondere identità e ingenti somme di denaro. Ecco, sarebbe importante poter ricevere informazioni non solo su richiesta scritta e sulla base di un interesse legittimo: ci serve più trasparenza.

Un passo avanti, quindi, ma non abbastanza ambizioso. Solamente una piena divulgazione pubblica consentirebbe ai cittadini e ai governi, anche di paesi terzi e in via di sviluppo, di portare la battaglia a livello europeo e globale, dove possiamo davvero vincerla.

 
Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2018Avviso legale